Photo©:Sjany

La primavera è in arrivo! E questa è la piazzetta del mese di marzo 2011. Benvenuti, dunque, tutti i nuovi (e ovviamente i vecchi) amici della community AB.it.

Da questo link si accede agli ultimi interventi del mese di febbraio. Questa infatti è la piazzetta virtuale dove la nostra community si incontra e si ritrova ogni giorno e che viene aggiornata mese per mese.

Se sei un nuovo arrivato comincia da qui. Entra e guardati intorno. E se l’ambiente ti piace, presentati e sarai il benevenuto tra noi.

1.271 Commenti

  1. Aleph dice:

    Eccola!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Benvenuta alla nuova piazzeta!!!!!!

    Sono il primo, che onore!

    Ragazze, vi aspetto tutte qui, pronte per un nuovo mese, cariche di voglia di stare bene, ok???

  2. Polla dice:

    ..io secondaaaaaa.. sono sul podioooo! yes!

  3. Maria Letizia dice:

    Ho evitato il collegio docenti di questo pomeriggio perchè odio quello sguardo misto tra pietà e invidia delle colleghe che intuiscono o sanno (bo?)del mio disturbo, ho riempito la dispensa di dolci,ma non riesco a mangiarli,ho solo voglia di nascondermi:ancora una volta i miei sforzi per essere una buona insegnante se ne vanno all’aria per colpa della mia malattia…

  4. Girasole dice:

    un attimo rubato al lavoro…………

    nuova piazzetta…un altro mese volato…mi sembra impossibile!!!

    vi abbraccio!

  5. Aleph dice:

    E il podio è stato completato!!!

    Ciao Girasole!

    Maria Letizia, non buttarti giù, non pensare di non essere una buona insegnante…ti sono vicino

    Polla!!!Ciaoooooo

  6. Ilaria dice:

    Se potessi morire in questo preciso momento non la vedrei come una disgrazia, ma come una liberazione…

  7. Aleph dice:

    Ilaria……cosa succede?
    Respira, butta via i pensieri brutti, prendi una boccata d’aria, fai due passi, ascolta un pò di musica, scrivici, corri, urla, fai qualsiasi cosa ti possa rilassare o far sfogare…
    E’ solo un momento, passerà…
    Non farti prendere dallo sconforto…
    Sono qui.

  8. Polla dice:

    ..Ilaria.. non fare così.. è proprio in qsti momenti che dovresti cercare di ricordare quelle belle sensazioni che provi quanto stai bene,quando riesci a stare bene.. non te ne dimenticare ora! è solo un momento.. un momento nero.. ma passa.. cerca di portare pazienza e di non volerti così male. non crogiolarti nel dolore.. prova a buttarlo fuori come stai facendo scrivendoci.. cerca la forza dentro di te. sei a casa da sola? a che ora arriva la tua dolce metà???? dai!!!!!

  9. Maria Letizia dice:

    Ilaria…non so cosa ti porti ad avere q.sti pensieri,ma nn sono così diversi dai miei:credevo che il mio sogno di diventare una brava insegnante fosse ormai una realtà…ma nn faccio che raccogliere fallimenti

  10. Ilaria dice:

    Maria Letizia, tu hai un sogno e ti ci devi aggrappare con tutte le tue forze. Io quando mi abbuffo annullo qualsiasi cosa di buono possa avere. Non ho nemmeno più il coraggio di dire al mio fidanzato che sto male, lui non ce la fa più, reagisce facendosi del male fisicamente perché vede che nemmeno la sua presenza mi salva più…

  11. silvia dice:

    Ilaria mi dispiace tantissimo, ma nn puoi andare da qlc? nn avevi detto ke ti seguiva qlc specialista. Putroppo nn dipende dai cari ke hai intorno. Hai degli sogli nel tuo vissuto ke riemergono e ti fanno male, ci sn delle cose irrisolte ke fino a ke nn avrai dissipato nn t’abbandoneranno…stare male così è solo una tua reazione. Io credo ke dovresti riflettere…da quello ke hai scritto in passato hai avuto grandi difficoltà, in parte le hai superate cn la fuga, ma fuggire nn è ke una soluzione provvisoria…ora 6 lì e x molti versi 6 isolata, sperduta e senza stimoli, xkè ti sembra di nn avere le basi x esser qualcosa, qualcuno, x essere te…anke se il + delle volte nn si sa neanke ki si sia o si voglia essere…
    spero di nn avere divagato troppo, ma quello ke volevo dirti è ke tu ora 6! ke stai vivendo, sopravvivndo tuo malgrado, ma nn devi desiderare la morte, ma una vita vera…devi xrò metterti in cammino x raggiungerla..so ke sn parole semplici da dire e molto meno da mettere in patica, io ne sn la dimostrazione vivente ma 6 qui a kiedere aiuto e noi siamo qui a dirti “ci siamo anke noi su quella strada, nn perdere le speranze, hai il diritto di star male e leccarti un pò le tue ferite, ma meriti anke la felicità…”

    Polla grazie x il tuo incoraggiamento su “febbraio”…hai ragione qnd dici ke tanto neanke molte di noi l’avrebbero festeggiato il carnevale fuori…credo ke l’esperienza in quella comunità ti faccia proprio bene.

    Chiara cerca di star tranquilla, nn pensi ke trovarvi in questa prova , tu e li, nn servirebbe x farvi capire qlc in + sul vostro rapporto?nn voglio essere critica, ma nn mi sento di dissentire tanto dai commenti ke rivolge LunaBlu a Francesco.
    A proposito LunaBlu…ovviamente voglio i dettagli di questa bella cenetta…sguardi col massaggiatore compresi…ahah

    Miele cm va?cm stai? passata la colite? Io stasera sn molto molto indecisa se cenare o no. anke domani se mangiare o no…qnd ci provo mi sento male, ma qnd nn ci provo mi sembra di rincorrere il mio dolore…

    Laura la giornata di oggi cm è stata? 6 riuscita a kiamare?
    Buon inizio Marzo a tutte!

  12. silvia dice:

    MariaLetizia scusami, volevo rivolgerti qlc parola…io credo ke tu abbia paura di quel sogno…essere insegnante x te è esere realizzata, è star bene…è essere adulta…e questo ti spaventa da morire…forse mi sbaglio…cmq cerca di fregartene di + degli sguardi e del giudizio della gente…quella nn capisce nulla lo stesso.

  13. luna blu dice:

    Ciao…son quasi pronta…vestitino bianco corto…cinturone nero..scarpe nuove tacco 12 a spillo bianche e nere… ;-) ….Silvia…non me ne frega niente del massaggiatore…che dire è passata…credo un po’ mi irriti pure il fatto che ci sia… ;-)

    Ilariaaaaaaaaaa!!! Coraggio!!! Cmq sai che hai una belllissima voce? Abbiamo una cantante tra noi!!!! :-)
    Tra poco vado…prenderei la bici…

  14. Maria Letizia dice:

    Ilaria, Silvia…grazie

  15. silvia dice:

    Ok LunaBlu allora buona serata!!!!!!!!!!!!!!!!

  16. Azimut dice:

    Ilaria anch’io ho lo stesso pensiero stasera sta andando tutto a rotoli insieme ai miei frammenti

  17. Aleph dice:

    Azimut…..io ho una grande, grandissima pazienza…quindi che ne dici se ci mettiamo lì e con calma, con grandissima calma, quei frammenti li raccogliamo insieme?
    Uno dopo l’altro…non importa se sarà un lavoro duro.
    Un frammento qui, un’altro là…pezzi di un puzzle esistenziale, schegge d’un vetro infranto in sottili parti taglienti che fanno quasi paura a prenderli in mano, ma non ti preoccupare, per ogni ferita, per ogni graffio, c’è sempre un cerotto da mettere.
    E alla fine, ogni singolo atomo di quel vetro ritroverà il suo posto, andando a formare qualcosa di unico, inimitabile, bello. E le cicatrici lasciate dalle schegge resteranno a testimonianza del duro lavoro, del duro percorso, forti della loro esperienza, per rendere ancora migliore il risultato finale…ricordi di momenti che non vanno e non possono essere dimenticati, da portare con orgoglio e gioia, trofei di battaglie perse in una guerra, finalmente, vinta.

    Quel vetro, Azimut, lo ricomponiamo.
    Tu tornerai a essere intera.

  18. Marianna dice:

    Buonasera a tutte, belle ragazze, ciao principe Aleph!
    Eccoci quì nella nuova piazzetta, anche marzo è arrivato…

    Ragazze, sono un pò tesa, domani mattina ho il primo incontro con lo psicologo e la cosa un pò mi agita. Mi ritornano in mente vecchi trascorsi, brutti ricordi e ho paura che possano ripetersi anche se so che stavolta è diverso. I miei non sanno nulla dello psicologo, li ho volutamente estromessi perchè so che, quanto meno mia madre, mi tartasserebbe di domande e cercherebbe di mettersi in contatto con chi mi segue per avere maggiori informazioni e questo non mi va. Forse sbaglio, non lo so, per adesso sento che è la decisione migliore.
    Ho coinvolto il mio ragazzo, lui mi appoggia pienamente e mi ha detto di contare su di lui per qualsiasi necessità. E’ un ragazzo straordinario, non si arrabbia mai con me, non so dove trovi tutta questa forza.

    Veniamo a voi! :-)

    Silvia, sono davvero fiera di te!Provaci anche stasera, più ci provi più verrà naturale proseguire su questa strada. Pensa a quanti passi in avanti stai facendo, non ti arrendere, abbandona i brutti pensieri e lo sconforto, hai una grande forza dentro di te, si percepisce.

    Laura, mi dispiace tanto sentirti così giù. Credo anch’io che dovresti chiamare la psicologa, se ti ha dato il suo numero di telefono è proprio perchè è lì ad aiutarti in questi momenti. Hai fatto bene a parlare con tua madre e soprattutto fai benissimo a prendere le distanze da quella persona, non so come tu abbia avuto la forza di mettere piede in quella casa dopo ciò che è successo. Ti abbraccio, facci sapere come stai!

    Chiara, perchè non metti le scarpette e vai a farti una bella corsetta?Devi cercare di scaricare la tensione in qualche modo, di solito correre ti dona un pò di serenità…cmq stai tranquilla, andrà tutto bene…ti siamo tutte vicine!

    Polla, bella polpastrella!!!!!!!!!!
    Che belli i tuoi post, mi fanno sempre riflettere su molte cose che spesso do per scontate…cmq sei una forza della natura!!!

    Azimut, dai, raccontami, che libro c’è sul tuo comodino? Ti stringo forte forte, non ti lascio andare via…

    Ilaria, cosa è successo?Cosa ti ha spinta all’abbuffata?Ti avevo sentita un pò più serena ultimamente, eri così felice dopo lo shopping di sabato…c’è stato qualche evento che ha scatenato questa tua reazione?

    Claudia, riprenditi in fretta dall’influenza!!Ti aspettiamo!!

    Miele, Maria letizia, un saluto speciale per voi!Come va?

    Girasole!!!Aspetta che vengo lì e ti abbraccio forte forte!! Dai, ti offro anche una pizza, che dici? :-)

    Luna, divertiti e domani facci sapere!Quì vogliamo il gossip!! Wow, tacco 12!Io sembrerei una papera su un tacco così alto, non so portarli! :-)

    Vaniglia, sono tanto preoccupata…ti prego, se passi di quì lascia un messaggio, non farci stare in pensiero.

  19. Marianna dice:

    Che belle parole Aleph, sei davvero un ragazzo speciale!

  20. Aleph dice:

    Marianna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  21. Aleph dice:

    Ehm sì, voleva essere un saluto quella serie di punti esclamativi!

  22. Maria Letizia dice:

    Poche parole ‘sta sera, ma tantA amarezza e delusione…davvero, mi chiedo, ancora tanti pregiudizi verso chi ha distubi di carattere psicologico al punto da rischiare il posto di lavoro? Io in questa scuola sono precaria e c.que a giugno me ne andrò, ma se fossi di ruolo…scusate se sta sera sono così pessimista e poco altruista, ma la superficialità della gente mi delude tanto.. UN ABBACCIO

  23. Chiara* dice:

    vorrei dirvi qualcosa, vorrei trovare delle parole per voi…
    vorrei poter consolare MariaLetizia e rassicurarla perché lei è e sarà un’ insegnante straordinaria!
    vorrei poter abbracciare forte forte Azimut e mettermi li seduta a terra con lei, con una coperta sulle spalle e aiutarla a rimettere insieme quei pezzi…
    vorrei rassicurare Marianna sulla sua seduta di domani e dirle di pensare che non c’è nessun atto d’ amore più grande verso sè stessa se non quello di decidere di chiedere aiuto.
    vorrei prendere per mano Silvia e accompagnarla passo dopo passo in questo lungo cammino, pieno di imprevisti e di cadute e aiutarla a non mollare quando sente che tutto le sta crollando addosso…
    vorrei poter aiutare Laura a superare questo momento così difficile e pieno di rabbia, di tristezza, di abbandono…
    vorrei potermi sedere ad un tavolino in un caffè insieme ad Ilaria e bere una tisana calda chiacchierando del + e del – per poterla distrarre da tutto questo dolore…
    vorrei poter gioire insieme a Polla dei suoi successi.
    vorrei entrare a far colazione con un cornetto di quelli che brucia Girasole e mangiarlo insieme a lei.
    vorrei poter stringere tutte/i voi in un caldo abbraccio…
    vorrei vorrei vorrei… ma non posso.

    notte angeli.

  24. miele dice:

    Ciao angeli,

    Ho letto i post di oggi…sofferenza, rabbia, delusione, ferite e frammenti…percepisco un forte disorientamento in alcune di voi…un dolore profondo e lacerante che non trova il giusto sfogo, e rimane dentro a strappare le fila dei giorni.

    Per questa sera vi lascio soltanto il mio saluto ed un pensiero intenso, che spero vi raggiunga e vi tenga compagnia. Non me la sento di commentare, consigliare, spronare, incoraggiare, coccolare. Credo che risulterei troppo dura e determinata nell’esprimere le mie posizioni e mi rendo conto che in alcuni momenti questo può non essere d’aiuto, anzi.
    Per me smettere di remarmi contro ha significato ingaggiare una lotta quotidiana, ora dopo ora, minuto dopo minuto. Volevo solo dirvi che quel che ad un certo momento sembra disastroso, un momento dopo po’ risultare fattibile. E viceversa. E quindi che quando stiamo bene non dobbiamo far finta di non essere mai state male, e quando siamo in un momento nero non dobbiamo scordare l’entusiasmo di quando abbiamo intravisto la luce.

    Spero di ritrovarvi un po’ più serene domani.
    Vi voglio bene, anche se non vi conosco di persona.

    Stasera ho il viso che scoppia di caldo, e i piedi congelati. Di sicuro vuol dire qualcosa, e voglio cercare di ascoltare i miei contrasti.

    Vi auguro una notte dolce, a domani.

  25. silvia dice:

    C’ho provato e ho fallito…ora n riesco a smettere di far di tutto x svuotarmi.
    Cm si fa? Miele…Polla…Girasole…Yris …Luna…cm si fa? sto ricadendo giù.

  26. Marianna dice:

    Silvia, vieni quì e parla un pò con me.
    Non fa niente che ci sei ricaduta oggi, domani andrò meglio, ma non smettere mai di lottare. MAI!Tu sei più forte di tutto e di tutti

  27. miele dice:

    Silvia, si può fare così: si beve una buona camomilla, ci si piazza davanti ad un bel film e si disattiva il cervello. E ci si perdona, anche se si ha mangiato.

  28. Chiara* dice:

    Silvia ci hai provato. STOP.
    Non soffermarti sul fallimento. L’ intenzione c’ era e credo che questo sia molto molto importante.

    Miele ti voglio bene.

  29. miele dice:

    Silvia: questa domenica mi sentivo un pallone, immensa, inadatta, stupida, incapace, bloccata, incriccata, appallottolata in me stessa. E a colazione ho dovuto mangiare. A pranzo ho dovuto mangiare. E mi aspettava una cena fuori la sera. Per tutto il pomeriggio mi sono dibattuta in casa come un pesce in secca, ero a disagio, non riuscivo a star ferma, continuavo a pensare “stasera ho il diritto di mangiare o no?”. E poi ad un certo punto mi sono schiaffeggiata davanti allo specchio, imponendomi di tornare sulla terra: perchè non avrei dovuto mangiare, quel giorno? Quel mattino? Quel pomeriggio? La sera? Perchè? Non ho trovato una risposta. Non c’è una risposta, capisci? C’è solo quella che ci siamo costruite noi attraverso i giorni del nostr inferno: “Perchè non me lo merito”. Domenica la realtà si è imposta sulla mia volontà: avrei voluto in qualche modo ripulirmi del cibo, ma il modo non c’era. Lo sentivo dentro di me, nella mia pancia. E alla fine mi sono semplicemente messa a fare altro. Convincendomi che il mio disagio era il disagio di quel giorno, non l’eterna condanna della mia vita. E’ arrivata la sera, la cena in compagnia è andata bene, ho mangiato, ho dormito, e lunedì mi sono “svuotata” naturalmente…secondo i ritmi del mio corpo. E mi sono sentita ridicola per l’affanno del giorno prima. Bastava stare tranquille, aspettare, favorire il tempo della vita quotidiana.
    Puoi provarci?

  30. Azimut dice:

    Aleph…grazie…con tutto il cuore grazie…

    Ta il vomito e il pianto credo di essermi disidratata. Ho scritto una mail alla mia psicologa, avevo un immenso bisogno di lei e col telefono proprio non riesco a contattare nessuno. Mi ha risposto subito. Non vedo l’ora di avere l’incontro per raccontarle quello che è successo. Ma intanto so che mi è vicina e che non sono sola a tentare di capire…perché io non saprei da che parte cominciare a cercare spiegazioni, ho talmente tanta confusione dentro che il caos mi trascina su pendii troppo ripidi. Io non potrei mai comprendere come certi vissuti di bambina possano a tal punto impedirmi la vita di adulta e come dentro di me sia in realtà quella bambina a soffrire. Stasera non doveva accadere tutto questo

    Marianna stasera non sarò in grado di leggere. Sulla testata del letto c’è un libro di Carol Gilligan e Lyn Mikel Brown “L’incontro e la svolta – La psicologia femminile e lo sviluppo delle adolescenti”. Proprio ieri ho terminato di rileggere Sette storie gotiche di Karen Blixen.

    Silvia, Chiara*, Miele un abbraccio

    Ilaria e Claudina vi sono vicina

    Luna Blu e Polla…buonanotte polpastrelle

    Uhmhm, Girasole, Vaniglia, Laura e Maria Letizia stringo anche voi

    tutte le altre che non ho nominato, che hanno scritto e scriveranno

    un abbraccio particolare a yris…che possano giungerti le parole che vorrei dirti…

  31. silvia dice:

    Ok, sn qui…sn andata già 2 volte in bagno, ma ora devo fermarmi ok, nn devo provarci di nuovo. Miele cerkerò di far cm dici, anzi, lo farò e basta! Grazie, grazie davvero…speravo proprio ke mi rispondessi, ho bisogno di voi, La psicot ke mi segue, è brava, ma nn so se derivi dal fatto ke nn so qnt esperienza abbia cn i dca, ma nn ci si sofferma mai troppo su questo aspetto pratico, riguarda tutto il mio percorso dall’infanzia, i miei comportamenti, le mie reazioni, le sofferenze e mi indica + o meno cosa mangiare, m’ha detto di intrdurre poco, cereali e cose sane e biologike, ma io nn sn così…io nn ero così, ero tipo da 3 p…pane pasta pizza…vado in crisi xkè ho cenato, qnd so ke sarebbe + ke lecito x il mio precario stato fisico. sto sui 43 x 1.70 …ok, ora mi fermo e smetto di pensarci.
    Miele farò cm dici, una camomilla.

    Grazie Chiara, grazie Marianna. Mi sento spenta e inutile, fallita x averci provato, fallita x avere ceduto…Ora STOP

  32. Azimut dice:

    Silvia si va avanti, sono ancora qui nonostante tutto e oggi la voglia di mollare era davvero tanta. Ce la farai anche tu. Ce la faremo tutte

  33. miele dice:

    Silvia.
    Lascia stare quello che eri o quello che sarai. Oggi è oggi. Ora. Adesso. Adesso scrostati dal computer e vai a leggere, o meglio ancora guardati un film assolutamente superficiale…meglio se un po’ ironico…e coccolati una tazza di camomilla bollente.
    Silvia della tua situazione magari ne riparleremo..quando vuoi, come vuoi. Hai anche la mia mail. Vorrei dirti alcune cose ma come dicevo sopra, non riesco a trovare i toni giusti stasera.
    Ti penserò prima di addormentarmi!
    Respira sempre a fondo, questo aiuta senza dubbio a ritrovare un po’ di realtà.

  34. silvia dice:

    grazie.
    vi voglio bene
    vado

  35. Polla dice:

    ..ok,ho delle riflessioni mie da fare, riflessioni che ho maturato durante qsto percorso di malattia/guarigione/presa di coscienza/chiamatelo come volete.
    riguardano un po’ tutte,credo.
    Facendo riferimento a Silvia stasera.. volevo dire che la consolazione che ti devi dare è che non hai fatto nulla di male,che ti stai torturando per una cosa giusta. è come se io stessi male perchè mi sono lavata i capelli,beh,lo dovrò fare per tutta la vita se vorrò avere dei capelli.. certo,posso anche scegliere di non lavarmeli mai + o lavarli una volta al mese o profumarmeli con aromi,quello che voglio,ma poi???? che senso avrebbe??? a cosa mi porterebbe??? a chiudermi in casa perchè me ne vergognerei? e quando esco essere a disagio e pretendere che il resto del mondo non si accorga che non mi lavo i capelli da un mese??? bah.. difficile.. certo,il resto del mondo può pensare quello che vuole,chiaro,che mi importa??? però io dentro di me mi sento profondamente a disagio e so che i capelli prima o poi me li dovrò lavare .. per il resto della mia vita.. e sperimenterò su di me i prodotti che + me li faranno piacere e essere come io li voglio.e quando mi piaceranno,piaceranno anche agli altri o se non piacciono,cmq io non ci troverò nulla di strano,perchè piacciono a me e perchè comprendo che anche a me a volte non piacciono i capelli di altre persone.. ok ok.. tutto qsto per dire che bisogna iniziare a mangiare e che la tua consolazione di stasera Silvia non può e non deve essere quella di dire”domani rimedio non mangiando,mangiando meno o qualsiasi altra cosa,tipo correre come una pazza,ecc..” No.. la tua consolazione è “domani lo farò di nuovo e di nuovo ancora per il resto dei miei giorni” all’inizio della cura il cibo è come una medicina,va visto come tale.. siamo malate e ci serve la medicina e la nostra medicina è il cibo.. niente altro(a livello pratico ovvio.. poi l’amore,ecc.. ma diamolo per scontato ora..)dunque il cibo come cura. mangerai tutti i giorni della tua vita.. ebbene si è così. dura realtà? bah.. non direi. non quando si supera lo scoglio.. il pensiero fobico non passa dopo un pasto e nemmeno dopo due e nemmeno dopo tre,ecc.. il pensiero fobico passa facendo un percorso e investendo in qsto percorso tutte le energie che sono state messe per ammalarsi e anche di +.. non credere che per Miele sia facile mangiare un pasto.. non lo è.. anzi la vive peggio ancora.ma è così.si arriva ad un punto che quella paura la si vuole provare e ce la si tiene lì,finchè mangiare diventerà così normale da non pensarci +. quindi.. il primo passo è mangiare sempre e prendere peso,costanza. questo deve essere l’obiettivo. pensare che si mangerà per sempre se non si vuole schiattare o campare chiusi in casa e sopravvivere.. poi si passa al pensiero fobico. assicuro che mangiare e stare bene è difficile,molto difficile.. è la cosa + dura.. ma bisogna farlo. il cibo come cura e poi il cibo tornerà ad essere un alimento.. una cosa che si fa come tante altre e anzi,sarà un piacere.. se ne sentirà la necessità,ma prima bisogna imparare a farlo. e non passa neanche dopo una pizza,ce ne vogliono di pizze e di cene di natale,ma non bisogna mollare.. il cibo resta il pensierpo fisso anche quando si riprende una normale alimentazione(anche se in forme diverse e alleggerito cmq),per qsto è così difficile..ma si fa.se si vuole.
    agire. qui e ora,farlo subito. partire da adesso non da domani. è dura,ma quanto è dura continuare così???? bah.. mettete qsta cosa sulla bilancia e valutate voi. io credo che siamo tutte d’accordo.. non ne ho dubbi.

  36. Maria Letizia dice:

    Buongiorno a tutti…più che un auurio è una speranza…UN ABBRACCIO

  37. Vaniglia dice:

    Buongiorno a tutte …anche a te Aleph!
    Sto un pochino meglio ma ancora sto facendo l’antivirale e l’antibiotico. L’occhio si è quasi sgonfiato, ho ancora il viso gonfio e le fottutissime bole. E poi, mi sento debole…d’altronde questa cosa lascia tanta debolezza. Ancora poi ho forti dolori in testa….

    Stamane mio padre ha ricominciato a rompermi i coglioni e stavolta gli ho risposto bene bene! Gli ho detto proprio che mi ha stancata, dice sempre le stesse cose….gli ho detto che io sto mangiando, che non sto vomitando ( è così, anche xké sarei scema visto lo stato in cui sono, gli antibiotici…) anche poco ma mangio e che io a differenza sua non dipendo da nessuno, mi faccio le cose da sola, e faccio pure x loro e che lui quando ha avuto l’herpes sembrava un relitto…rompeva le palle a tutti, si lamentava, non faceva nulla….( e anche adosso!). Ma la cosa che più gli ho detto e urlato con soddisfazione e quelo che ho sempre pensato è che LUI NON MI ACCETTA E NON MI HA MAI ACCETTATA! Ke soddisfazione….magra direte voi, ma è quello che sento più di tutto!

    Ieri mattina pure pensavo a questa cosa e mi era venuto l’impulso di abbuffarmi, vomitare tutto…poi, ho pensato anche alle parole del mio datore di lavoro, di quanto mi apprezza e alle persone che mi vogliono bene anche se sono così e mi son detta che NON potevo massacrarmi x una persona superficiale, falsa e opportunista senza argomenti come è LUI! E non l’ho fatto…Stamane poi, così….

    Ragazze, non lo so’ ma forse ho trovato da me il nodo della questione senza consulenti psicologi ai quali ho dato soldi su soldi inutilmente! magari ci sarà dell’altro, di sicuro…verrà fuori. Oggi, dopo questo diverbio mi verrebbe da restringere il cibo…ma che senso ha togliermi qlcs di cui ora ho bisogno?? x chi?no, x un bastardo razzista di padre incapace di dare amore non solo a me ma anche a mia mamma non vale la pena!

    Scusate lo sfogo…ora vado a farmi una spremuta.

  38. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Inizia un’ altra lunga giornata, piena di impegni che non so se riuscirò a portare a termine.
    Non ne ho la forza, nè la voglia, nè la determinazione.
    Vorrei solamente potermi lasciar andare del tutto.

    Vaniglia se questo sfogo ti può esser stato d’ aiuto ben venga. Forse per la prima volta sei riuscita ad aprirti senza timore e a tirare fuori tutto quello che avevi dentro.
    Hai detto bene: non ha senso privarti di qualcosa di cui hai bisogno. Perché faresti del male solo a te stessa e non lo meriti.

    MariaLetizia coraggio. Oggi è il famoso mercoledì. Affronta questa ennesima prova nella convinzione che ce la potrai fare e se così non dovesse essere… pazienza. Ci riproverai ancora. Sei una persona bellissima e chi ti sta intorno e ti vuole bene lo sa. Vede MariaLetizia, non la malattia.

    Silvia, Azimut, Miele, Marianna, Laura, Uhmhm, Ilaria, Claudia, Girasole, LunaBlu, Aleph e tutti i miei angeli… vi voglio bene.

    Un abbraccio

  39. Luna blu dice:

    Gran…Gran…Gran…bella serata ;-)

  40. Aleph dice:

    Buongiorno a tutte!!!

    Luna!Non te la cavi con così poco!Noi vogliamo sapere tutto!Ehehehehehehe….scherzo, sono contento tu abbia passato una bella serata!

    Vaniglia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Son contentissimo che ci hai scritto!
    E sono davvero felice tu sia riuscita ad “aprirti” e sfogarti con tuo padre, anche se litigarci non è sempre la soluzione migliore. Vediamo cmq come reagirà lui, magari capirà qualcosa, no?
    Intanto tu cerca di stare bene, per te stessa. STOP.
    Ti penso tantooooooooooooooooooooooooo

    Chiara!!!Sì che ce l’hai la forza, ne sono sicuro!Non buttarti giù pensando il contrario, non partire in negativo dicendo che non ce la farai. Non fasciarti la testa prima di sbatterla, come si suol dire…vivi la giornata, e i conti li fai alla sera, non al mattino quando ancora devi cominciare. Anche per te: STOP.

    Polla!!!!!Ho letto con interesse quello che hai scritto e spero davvero possa essere d’aiuto per tutte voi. Buona giornata!

    Silvia….allora cosa mangi oggi?

    Azimut….spero oggi riuscirai a scriverci un pò….ti penso

    Marianna!

    Un saluto anche a Uhmuhm, Ilaria, Claudina, Laura, Girasole, Miele, MariaLetizia e anche a chi non ci scrive da un pò…

    Yris!!!Ma dove sei??????

    Buona mattinata

    Aleph

  41. Luna blu dice:

    E’ stata una bella serata…son uscita di casa in bici…tacco 12 e gonna corta…5-6 km…ihihiiiihhhh…ormai la bici è la mia protesi…
    Arrivata al circolo prima son andata negli spogliatoi dove c’erano le mie compagne di remo che si cambiavano… ihhhihhhh…e poi siam salite tutte insieme nel salone…e i ragazzi ci han fatto gran festa…
    Il mio tacco 12 ha rscosso parecchio successo…;-)…la cena tutto sommato nn era niente di chè…ma la compagnia!!! Se penso che solo un paio di anni fa sarei almeno andata al bagno a vomitare tre volte e avrei pensato solo a riempirmi di tutto quel cibo…più che potessi…tanto era offerto…e bere acqua gasata…e non vino…e nn godere di quella compagnia stupenda….
    Ad unc erto punto un nsotro amico si è pure buttatoa terra con la macchian fotografica per fotografarmi..ahahhh…che bello quando mi fan sentire così…che bel gruppo che siamo!!!!

  42. claudina dice:

    Buongiorno ragazze,passo un momento a dirvi che vi penso sempre,siete sempre nel mio cuore,un abbraccio grande a tutte voi e ad Aleph.

  43. Ilaria dice:

    Passo anch’io velocemente a salutarvi. Oggi ho bisogno di stare un po’ da sola con i miei pensieri, devo raccogliere le idee. Sarete sempre con me, comunque.

  44. laura dice:

    marianna in bocca al lupo per l’incontro.

    silvia va meglio, oggi come stai affrontando la giornata.. forza hai bisogno di mangiare alle volte diciamo tanto di vaniglia che ha un peso al limite, maa per la tua altezza direi che anche il tuo peso è al limite.
    lo so che ci provi, che combatti, e che alle volte ci sembra impossibile, che poi i pensieri non fanno che rendere tutto ancora più opaco, ma io ti sostengo, e spero con tutto tutto il cuore che magari fra un anno scriveremo quì e parleremo dei nostri successi, di come stiamo guarendo.

    vaniglia, hai fatto bene ad esprimere a tuo papà quello che pensi, tira fuori i tuoi vissuti, è difficile, ma è lìunica strada, sò come può essere difficile ora gestire le emozioni, provaci, prova a coccolarti e non farti mancare niente.

    io non sono ancora riuscita a chiamare la psicologa, ormai poi è mercoledì, mi sembra che sia già passato tanto tempo, poi cìè mia mamma a casa, non sò…
    ci provo ragazze, ieri no vomito, oggi no vomito, nonostante tante tensioni sul lavoro e nel privato, ma devo imparare a prndere le cose con più semplicità e quel che sarà sarà, io l’impegno l’ho messo, devo imparare a far scorrere e vedere senza rompermi con tremila paranoie e pessimismo. certo più facile a dirsi che a farsi.

  45. laura dice:

    ilaria certo che saremo sempre con te, però se vuoi le tue idee vieni ad esporle quì, a condividerle con noi, se hai bisogno sono sicura che qualcuna di noi ti darà appoggio.

  46. silvia dice:

    Buon giornto a tutte…* Aleph.
    Polla grazie x le tue considerazioni…il discorso dei capelli ha colto nel segno…è vero lo condivido, xciò sn qui…xciò ieri ho lottato xciò nn penso proprio ke x te o Miele sia semplice la sfida di ogni giorno, xciò lo stesso motivo mi rivolgo a voi.
    cmq GRAZIE

    Laura hai ragione, so ke nn è una situazione x nulla sana la mia.
    Nn pensare ke sia passato troppo tempo, qnd sarai davanti alla psicologa devi far riemergere tutto…x questo ti suggerisco di scrivere, di prendere nota di quei tuoi stati d’animo, in questo modo potresti recupararli qnd vai da lei, senza far sì ke ti siano passati addosso lasciando solo male…devi collegare gli eventi al concreto e analizzarli cn lei…è difficilissimo, almeno x me è così, ma è l’unica strada.

    Chiara io dico ke ce la puoi fare! coraggio!

    Marianna ieri volevo dirti tante cose, un primo appuntamento è fondamentale e spero ke tu ti trova bene. Sai ke anke io ci vado x conto mia, all’insaputa degli altri…sento ke dev’essere così, sento ke dev’essere una cosa ke faccio solo io x me stessa. Ti farà sentire anke + matura e forse meno dipendente dagli stati tensionali familiari…fammi sapere!

    LunaBlu ke dire….ke in un paio d’anni tu possa fare questo confronto e stare così bene mette tanta luce e tanta voglia di vivere.

    Azimut , Yris, Girasole dove siete?

    Ilaria noi siamo qui x te e x le tue idee…

  47. Azimut dice:

    Silvia sono qui, sono senza parole oggi. E’ un periodo molto difficile. Sono senza forze per reagire

  48. laura dice:

    azimut, ci sono, non ho le parole per starti vicina, però ci sono, purtroppo le forze per reagire le dovrai trovare in te, ma io sono sicura che da qualche parte un bricciolo di forza la troverai, poi non sei sola, cerca qualcuno che ti possa essere di conforto, anche solo con una parola un’abbraccio.

  49. Azimut dice:

    Laura ti ringrazio, sì ora vorrei tanto un abbraccio
    Tu come stai?

  50. silvia dice:

    Azimut sn qui anke io…nn lasciati andare…c’è tanto attorno a te…sforzati di vederlo…coraggio…nn 6 sola.

  51. Chiara* dice:

    La forza per reagire si trova dentro di noi, è vero.
    Ma purtroppo spesso, molto spesso, è difficile riuscire a farla emergere e usarla nel modo giusto.
    Anche per me oggi è uno di quei giorni, di quei tanti giorni, in cui questa forza proprio non la trovo.
    Ho solo bisogno di farmi ancora più male per anestetizzarmi.

    Vi porto nel cuore.
    Un abbraccio

  52. silvia dice:

    Chiara nn ho nessuna parole ke possa dar un minimo di conforto a te o Azimut…ma vi penso, vi stringo, vi comprendo e tengo molto a voi.

  53. Polla&Miele dice:

    ciao donzelle…!

    indovinate un po’….oggi Polla e Miele sono insieme a casa di Pollaaaaaaa!!!!!

    Eh sì, ci siamo volute incontrare e ci siamo gustate un bel piatto di pasta al pomodoro… ora siamo qui con il caffè e la sigaretta, e volevamo lasciarvi il nostro saluto e un sorriso.

  54. silvia dice:

    Wow….è la prima volta ke vi incontrate?

  55. Marianna dice:

    Ciao a tutte,ciao Aleph,
    oh, che bello questo incontro!!Raccontateci tutto!! :-)

    Stamattina primo incontro. Grazie a tutte per il sostegno, il vostro calore mi arriva in pieno!
    Ero un pò spaesata, balbettavo per la tensione però il dottore è stato davvero comprensivo e ha cercato di mettermi a mio agio in tutti i modi. Ho avuto un’ottima impressione, sono contenta di questo.
    Mi ha consigliato di intraprendere un cammino parallelo con una nutrizionista, devo metter su peso e voglio farlo. Ho detto di si, ne sono convinta, voglio riuscirci.

    Ora mi dedico un pò allo studio, stamattina non sono riuscita a far nulla dopo l’incontro.

    Vi abbraccio tutte, spero che la vostra giornata trascorra nel modo più sereno possibile.

    Laura, Silvia, Azimut, Vaniglia, Chiara, vi stringo forte a me. Vi voglio bene, amiche mie.

  56. Luna Blu dice:

    Ebbrave Polla&Miele…però la sigaretta noooooooooooo!!!!!
    Son stata a remare…bello!!!!
    un abbraccio grande!!!!

  57. Aleph dice:

    E a noi non ci invitate???????Eheheheheh, scherzo, avete fatto bene!Basta che non spettegolate su di noi però!

    Marianna!!Son contento di come ti è andato l’incontro, sono contento delle tue parole, delle tue decisioni, delle tue sensazioni…sono proprio felice!!!!!Continua così….ti starò accanto tutto il tempo!E non è una minaccia…

    Azimut……………………………………………………………………….ti sono vicino

    Silvia…..lotta

  58. Vaniglia dice:

    Ciao a tutte…e a te naturalmente Aleph!

    Dopo la sfuriata di questa mattina, ho creduto bene di vedere come si sarebbe comportato mio padre. Bene, al contrario di come fa spesso, stamane è uscito di casa e mi ha salutata. A pranzo, parlava, parlava….insomma, comportamento normale, non sull’incazzato, non il suo solito modo di reagire…stavolta, ha dovuto indossare la tutina da verme e mi sa pure che se la tiene! ;)
    sono proprio soddisfatta!
    A parte questo ho di nuovo dolori molto forti in testa, l’orecchi pure mi fa male…sto un po’ a pezzi…

    POLLA e MIELE ma voi siete di Roma?? non mi piace questo tete à tete….xké se siete di Roma mi piaceva esser lì con voi….non mi piace la pasta al pomodoro!

    Un abbraccio a tutti…quà piove piove…

  59. Aleph dice:

    Vaniglia!!!!!
    Non vorrei sbagliarmi, ma Miele e Polla sono di Torino, o da quelle parti…giusto?
    Per il resto, spero che i dolori alla testa ti passino…sei riuscita a mangiare qualcosa oggi?
    Qui non piove, però c’è un cielo grigio grigio che minaccia di nevicare da un momento all’altro…
    Cerca di vedere come si comporta tuo padre nei prossimi giorni, e fammi sapere…
    Ti sono vicino…

  60. miele dice:

    (adesso frego Polla sul tempo, lei starà tornando a casa dopo avermi riaccompagnata a prendere il treno)

    Noi non siamo di Roma, ma nemmeno del Piemonte…comunque stiamo al Nord e infatti oggi abbiam preso la neve :)
    Abbiamo semplicemente voluto conoscerci e metterci un po’ alla prova. Abbiamo cucinato insieme e mangiato chiacchierando.

    Vaniglia non capisco bene cosa c’entri che a te non piace la pasta al pomodoro…

    Vabbè, il resto lo lascio raccontare a Polla, che è più chiacchierona di me :) ))

    Marianna son contenta che tu abbia deciso di intraprendere un percorso. Se e quando volessi confrontarti, sai che ci sono.

    Aleph come stai? Buona giornata, e anche a tutte le altre…

  61. Maria Letizia dice:

    A casa…finalmente, ho solo bisogno di dormire…a dopo

  62. Azimut dice:

    Marianna sono contenta che l’incontro sia andato bene e che ti senta determinata ad andare avanti. Vedrai che già il fatto di avere dei punti di riferimento ti sarà di grande aiuto.

    Polla aspettiamo il tuo racconto, si è già capito che Miele non vuol darci soddisfazione…

    Silvia…ti sento…

  63. Luna Blu dice:

    Posso dirlo io dove sta Polla?…ve los crive poi lei…se no passo epr la solita impicciona…
    Io adoro la pasta al pomodoro…con tanto basilico e parmigiano….
    Miele credo Vaniglia abbia scritto che nn le piace la pasta al pomodoro perchè oggi voi avete mangiato quella…quindi ha espresso il suo gusto….che strano…la pasta al pomodoro piace a tutti ;-) …Vaniglia ma tu ne mangi di pasta?
    ;-)

  64. Polla&Miele dice:

    ..bene bene.. eccomi qui pupattole,allora??? cosa combinate oggi??? qui tempaccio da lupi.. ho appena accompagnato Miele in stazione e poi sono andata in posta a pagare una bolletta,ma avendo sbagliato biglietto e essendomene accorta dopo 20 min.,ne ho dovuto fare un altro e attendere di nuovo il mio turno.. ma quanto sono sveglia??? va beh.. ora sono tornata nella mia dimora..
    Che dire? Miele è Miele.. e mi è piaciuta davvero un sacco e avrei voluto passare con lei molto + tempo,ma credo proprio che ci ritaglieremo altre occasioni. è stata già molto carina a farsi qsto sbattimento.. alla fine la città in cui sto io,dista dalla sua di quasi 200 km,quindi..non proprio comoda come cosa,ma VOLERE è POTERE!!! giusto? ye.
    cmq è andata molto bene.. ci siamo fatte il pranzo e mi sembravamo entrambe tranquille e in accordo di gusti.. e quindi è stato facile! tra una cosa e l’altra non abbiamo mai smesso di parlare,di tutto,ma soprattutto della nostra situazione attuale e di certe prese di coscienza,ma anche di tanti scheletri nell’armadio che cmq vanno gestiti. io sono una chiaccherona è verissssssssimo.. e infatti avrei voluto ascoltarla molto di + perchè le sue parole non sono le parole di una persona qualunque,sono davvero sentite,mi sono d’aiuto e sono vere.. in realtà nei nostri programmi c’era l’intenzione di andare a fare una passeggiata,ma qui stamattina ha iniziato a nevicare,quindi siamo rimaste rintanate al calduccio.. a propositi Miele,le scarpe erano asciutte??? non te l’ho nemmeno chiesto.. speriamo.. com’è la situazione sul treno? dai,porta pazienza che tra qualche oretta sei nella tua casina,al verde come piace a te!!! olè.
    Marianna.. sono contenta di sentirti propositiva.. vedrai che iniziare la terapia ti stimolerà ancora di +,ma non ti abbattere quando avrai dei momenti difficili,fanno parte del percorso..
    MariaLetizia.. com’è andata oggi? come mai così stanca??
    Vaniglia.. no,non siamo di Roma.. siamo un po’ + su,ma se hai voglia di pigliare un mezzo,io ti aspetto! ma niente pasta al pomodoro quindi? come piace a te la pasta? così te la preparo..
    Azimut.. sono tornate un po’ le parole?
    e le altre dove sonooooooo????

  65. Polla&Miele dice:

    ..gli spaghetti al pomodoro con un sacco di basiluscus sono il mio piatto preferito!!!! seguiti dagli spaghetti alle vongole.. e infatti il prossimo incontro con Miele ce li spariamo,almeno che non si opti per un pic nic.. eheheh.. ah,Miele,forse non ti ho detto che li so cucinare stra bene.dettaglio da non sottovalutare direi. almeno sai che non ti avvelenooooo.. nuuuuuu..

  66. Luna Blu dice:

    Ma Polla!!! Ma che vuoi che ci voglia a cuicinare due spaghetti con le vongole?
    Ahahhhahhh..io nn saprei da che parte cominciare ;-)

  67. Polla dice:

    .. va beh.. effettivamente sono mega facili da cucinare e anche veloci.. però.. sono cmq la mia specialità! tiè.

  68. miele dice:

    LunaBlu, certo che avevo capito il riferimento esplicito di Vaniglia…è che non ne avevo capito molto la pertinenza…ma è naturale che se lei (o qualunque altra) fosse stata con noi, avremmo cucinato qualcosa che andasse bene a tutte…
    Vaniglia…secondo me, dopo aver assaggiato il sugo di pomodoro preparato da me medesima con le verdure dell’estate scorsa, potresti cambiare idea…:)

    Polla…la prossima volta allora cucini tu, non c’è storia!

    Allora vi dico io un paio di cosine…la casetta di Polla mi è piaciuta un sacchissimo, siamo state al calduccio non solo nel senso della temperatura, ma anche perchè ci siamo avvolte nelle parole l’una dell’altra. Lei è la la vivacità fatta persona, è molto combattiva e questo le sarà sempre di grande aiuto.
    Polla, le scarpe sono asciutte, anche se il treno non è riscaldato! Prenderò la polmonite?!? Mah, speriamo bene…!

    Ragazze, io e Polla ci incontreremo ancora…ha detto che verrà a fare la spesa nel mio orto, in estate…:) e naturalmente se qualcuna ne ha voglia, possiamo incontrarci anche in più persone…in fondo, trenitalia dovrà pur servire a qualcosa no?

    A più tardi, ora ho il cambio di treno. Baci baci

  69. Luna Blu dice:

    Miele…che bello ;-)

  70. Ilaria dice:

    Quarto giorno consecutivo di abbuffate… non riesco a vederne la fine se non, appunto, LA FINE, quella definitiva…

  71. Polla dice:

    ..Ilaria.. non dire così.. dai. evidentemente in qsti giorni sei un po’ + fragile e non è così facile uscire dal ciclo quando si inizia.. è un po’ una circolo vizioso.. vorrei darti un consiglio illuminante,ma credo che quello che dovresti fare ora è cercare di stare tranquilla e di distrarti.. non hai un bel film da vedere??? e magari anche da consigliarmi visto che stasera sarò a casina al calduccio? si accettano dritte..

  72. Girasole dice:

    Cia a tutte …ciao Aleph!

    Prima di tutto….
    Miele, Polla…siete la prova vivente che questo è un posto speciale davvero!
    Che bello immaginarvi a cucinare insieme e a fare due chiacchiere….

    Io, poco tempo…voglia di leggervi e di scrivervi….
    Sono un disastro… dopo solo 2 gg di hotel e serv civile mi sento a pezzi con il ginocchio a pezzi!
    e…e la paura di aver fatto una grande stupidaggine a dare le dimissioni per fare il sevizio civile…
    tutti che mi dicono che ho fatto bene…io che ogni tanto mi dimentico il perhcè l’ho fatto! L’ho fatto perché gli orari sono impossibili…troppe ore troppi straordinari, per una paga assurda…6 gg su 7, sempre i weekend… ma…ma il lavoro mi piace….se non fosse che sono sempre sola…se non fosse che solo sporadicamente c’è un collega con cui confrontarmi, che il collega più presente è il mio capo….
    Che per lo più sono autodidatta….
    Ma il lavoro mi piace…. È nel turismo… ciò per cui ho tanto studiato!
    Ma tutti i weekend…troppi pomeriggi se il collega non c’è…
    A volte straordinari fino a tardi….
    E mia mamma che mi dice…rimettiti in sesto, vedrai che poi potrai fare qualsiasi cosa….. non voglio dare la colpa alla malattia, non voglio che abbia tutta quest importanza!!!
    Avrò molto più tempo libero…non sarò nel turismo….staro molto di più in mezzo alla gente…avrò colleghi…ma cosa potrò imparare? Mmmm non lo so…potrò organizzare progetti, con le scole, con il centro giovanile…culturali e no….detto così…wowow fantastico…ma ho paura! E le dimissioni? Non posso più tornare indietro… ma ho detto a l capo che vorrei collaborare ancora…mmmm le mie porte aperte…sempre!
    E se avessi fatto una stupidaggine? Potro perdonarmelo che a 27 anni non riesco a fermarmi e a trovare il mio posto? Non riesco a fare sacrifici? Non riesco a tener duro e nelle difficoltà mi perdo?
    Eppure tutti fanno gavetta!!! E io la voglio fare…ma alle mie condizioni….è possibile? Ha senso? Se mi guardo, mi vedo come una bambina stupida…una rottola senza meta!
    Se solo riuscissi a fermarmi!

  73. Girasole dice:

    Leggo di voi tutte….vorrei scrivere scrivere scrivere a ognuna di voi….papiri su papiri, ma non ho tempo…e ho esagerato con me stessa!!!!scusate!
    Però…chiara come stai oggi? Tieni duro, coraggio! I croissant… per te cerco di cuocerlo a puntino
    Ilaria, silvia, forza, dai dai dai!!!!! Tanetevi su, tenete duro….uscite, fate qualcosa! Ci siamo noi, siamo le vostre spalle!
    Marianna, sono contenta per il tuo incontro! Dai, che stai ricominciando da te! Per la pizza….volentieri!:-)
    Uhmuhm?

    Bacio grande a tutte

  74. Luna Blu dice:

    Polla…sembri proprio un pollo…casina…calduccio..ihihihhhh…
    Girasole..nonr icordo che cosa facevi prima…cmq credo siano normali el tue paure conq uesto cambio drastico di vita…ma hai fatto ciò che sentivi e secondo me è quello che dovevi fare!!!! Non devi avere paura di chiudere le porte…o di taglaire il cordone ombelicale… ;-)
    Ilaria cosa è successo che ti ha fatto reagire così? urla…sfogati…qui ti ascoltiamo…fai finta di scrivee qui tutto l’odio e le paure…e la rabbia che senti dentro…vorrei leggere un post bello pieno di te incazzata….prova a farlo!…non riversalo su te stessa…forse ti serve…son qua che attendo di le ggere :-*

  75. silvia dice:

    Miele, Polla…fate venire una gran voglia d’incontrarvi anke a me! sarebbe bello!
    oggi ho vinto, oggi ce l’ho fatta, ho mangiato xkè avevo fame, nn me ne sn privata nonostante ieri, e ho lavorato senza pensarci…o meglio pensandoci ma scacciando il pensiero…
    Azimut cm va? cm stai?
    Chiara tu ke dici?
    Girasole troppi dubbi…hai fatto una scelta …basta, nn esistono decisioni giuste in assoluto…si vive di percorsi e di strade ke sn unici x ognuno di noi…

    LunaBlu ke fai stasera, niente uscite?
    qui è scoppiata una pioggia improvvisa!

  76. Luna Blu dice:

    Silvia son in ufficio..spero di restarci alemno finoa lle 20:00 …come sapete voglia di tornare a casa 0! ;-)

  77. Marianna dice:

    Silvia, mi sa tanto che io e te siamo davvero molto vicine! :-)
    Io ho fatto appena in tempo a ritirare le cose che avevo messo ad asciugare fuori, complice il sole che ci ha accompagnate oggi, che è venuto a piovere!
    Cmq, brava, brava ,bravaaaaaaaaaaaa!!!Ce la farai, ne sono sicura!Oggi gioisco insieme a te!!Evvivaaaaa!!

    Girasole, concordo con quanto ti ha detto Silvia. Non ci sono scelte giuste al 100%…hai scelto ciò che ti è sembrato più stimolante, secondo me hai fatto benissimo. Poi è ovvio che ci sia un pò di paura, i cambiamenti sono come i salti nel vuoto, ma dobbiamo credere in quello che facciamo, sempre! L’inizio poi, è sempre la parte più difficile, ma noi siamo con te! Ti mando un abbraccio stritolante! :-)

    Miele e Polla, vi immagino insieme a preparare la pasta, con Polla che parla parla parla e Miele che ride! Mi sembra un bel quadretto, mi fa tanto piacere!
    Mi sa che in questo mio percorso di terapia vi tartasserò di domande! :-)

    Maria Letizia, come è andata questa giornata?Hai riposato un poco?Ti penso…

    Azimut, sono lì con te…come stai?

    Vaniglia, hai fatto bene a sfogarti, ad aprirti e soprattutto a non punirti per colpe che non sono tue. Resto dell’idea che dovresti andar via da lì e circondarti di gente che ti rispetti e cerchi di aiutarti. Dimmi un pò, qual è il tuo piatto preferito?Mi organizzo, vengo a Roma e ce lo prepariamo insieme…che dici?

    Aleph, ci sei?Che fai? :-)

    Yris….mi manchi!!!

    Chiara…

    A più tardi belle ragazze!!

  78. Azimut dice:

    Davvero Girasole hai fatto una scelta, ma da una parte ci sono le cose note per quanto faticose esse siano, ci sono strade già percorse…dall’altra quello che ancora non è conosciuto e che proprio per questo fa tanta paura. Se hai deciso di dare le dimissioni vuol dire che in quel momento il tuo filo da seguire era quello e anche se all’inizio dovesse rivelarsi una via che non ti convince pienamente quel filo ti condurrà su nuovi sentieri che a loro volta si apriranno sul divenire

    Silvia che bello, sono immensamente felice

    Chiara* ti abbraccio forte

    yris…qui si parla di treni italia…forse noi dovremmo parlare di ryanair…

  79. Chiara* dice:

    Miele, Polla sono felice per il vostro incontro.
    Chissà, magari un giorno, visto che anch’ io sono “di queste parti”, riusciremo a trovarci e a fumarci quella sigaretta insieme.

    Marianna il primo scoglio l’ hai superato. Ed è molto importante che questa persona ti abbia fatto da subito una bella impressione.
    Sono davvero orgogliosa per la scelta che hai preso di farti seguire dal nutrizionista. Brava!

    Silvia mi sono venute le lacrime agli occhi… sembri un’ altra persona. Fino a qualche giorno fa dalle tue parole traspariva solo arresa, frustrazione, dolore e ora invece ti sento così combattiva, così desiderosa di cambiare rotta… mi riempie il cuore tutto questo!

    Ilaria vorrei poter trovare delle parole per te ma non ci riesco.
    Perché so been cosa provi. Oggi il mostro ha preso anche me e so che niente riuscirebbe a farmi sentire meglio.
    Sappi solo che ti sono vicina e che prima o poi tutto questo sarà solo un brutto ricordo.

    Girasole basta con i dubbi! hai preso la tua decisione e se ci sei arrivata è solo perché l’ hai voluto e desiderato.
    Non pentirti di quello che hai fatto ma va avanti a testa alta! Se hai seguito il tuo cuore non avrai commesso alcun errore!

    Vaniglia sai che nemmeno a me piace la pasta al pomodoro? Non mi sa di niente! E poi sarà che da piccola ne ho mangiata talmente tanta (mia mamma la faceva tutti i santi giorni) che crescendo mi è andata in odio!
    Forza Vaniglia. Forza.

    Azimut questi tuoi silenzi mi fanno davvero star male.
    Vorrei sapere come stai, cosa ti passa per la testa, cosa stai facendo.
    Ti prego, cerca di non rinchiuderti in te stessa. Io sono qui. Usami.

    MariaLetizia come è andata questa giornata? Spero che tu stasera ci dica qualcosa di positivo…

    Laura ti sento assente. Cosa c’è? Come stai?

    Yris è da molto che non scrivi…

    Bene. Ora scusate ma devo andare in bagno a terminare il mio lavoro.
    Che bello… non vedevo proprio l’ ora! Aspettavo questo momento da non so quanto.
    Sono una perdente. E basta.

  80. Luna Blu dice:

    Chiara* …nn ho capito che lavoro devi terminare…

  81. Chiara* dice:

    Velocissima.
    Un lampo.
    Ormai conosco perfettamente a memoria ogni accorgimento per far presto, così da non farmi scoprire né sentire. Lascio per fino la porta del bagno aperta.
    Sono un automa.
    Conosco il fondo del cesso meglio di qualunque altro luogo.
    Ora sto meglio. Sì sto decisamente molto molto meglio.
    Nonostante le mani dilaniate, la gola che brucia, gli occhi rossi, gonfi e umidi.
    E quel vuoto. Quel vuoto che mi obbligo a riempire e svuotare come se fosse l’ unica cosa che abbia un senso.
    Quel vuoto che fa parte di me e che ogni tanto devo colmare per poi poter assecondare il bisogno di sentirlo ancora più vuoto.
    Lo cerco. Ne sento la necessità.
    Poi quando tutto finisce, per qualche istante, mi sento bene. Come adesso.
    Mi sento finalmente pulita. E’ come se tutto quello sporco venisse raschiato via.
    E poi… poi ecco calare la tristezza. La pietà. L’ immensa pena e autocommiserazione.
    Mi guardo allo specchio e vedo un viso irriconoscibile. Vedo una persona che non è niente.
    Il vuoto si fa sempre più forte, sempre più “pieno”. Ma non ho più voglia di riempirlo.
    Voglio che resti lì dov’è così com’ è. Voglio sentirlo avvolgermi e voglio lasciarmi trascinare via.
    Vado a farmi una doccia. Mi sento addosso l’ odore acre del vomito.
    Quell’ odore maledetto che non se ne va via dalle mani nemmeno lavandole 10, 100, 1000 volte.
    E poi mi infilo sotto le coperte. Laciandomi travolgere da quelle assurde sensazioni… euforia mista a rabbia, soddisfazione mista a disgusto.

    Buona notte angeli.

  82. laura dice:

    miele e polla wow..

    silvia complimentoni

    chiara, che dire, perchè ti stai punendo,… oppure stai godendo di questa sofferenza?

  83. Azimut dice:

    solo dolore
    non c’è altro spazio
    il vuoto di visioni distorte
    raggrinzirsi di pieghe
    alternarsi di destini

  84. uhmhm dice:

    E’ una lotta stenuante. Pronunciare parole che poi diventano realtà. Ho paura. Paura che il prossimo passo sia qualcosa di più simile a bulimia o binge. ancora più difficile da accettare.
    Non penso ad altro. Nulla è normale.

  85. Chiara* dice:

    Ne godo Laura.
    In questo momento è ciò che cerco. Sofferenza per lenire altra sofferenza.
    Chiodo scaccia chiodo si dice, no?
    Il perché non lo so nemmeno io. Ne ho solamente bisogno.

    Uhmhm se questa è la tua paura allora fermati. Fai qualcosa adesso subito prima che sia troppo tardi.
    Il passo è breve, brevissimo. Non sempre è una strada segnata ma facilmente ci si ritrova percorrendola.
    Se ne sei consapevole, se senti che ci sei vicina fermati. Fermati e inverti rotta definitivamente.
    Non sei sola.

    Azimut tra quel dolore, quelle pieghe, quelle visioni… cerca di trovarvi qualcosa che abbia un senso. Cerca di non lasciarti andare.
    Ti prego.

    Vado a letto. Come se non bastasse ho fatto una gran cazzata. Un bel mix di lassativi, ansiolitici e sonnifero.
    Scusate. Sono una scema.
    La vita è preziosa. Cazzo non va buttata via così.

  86. silvia dice:

    Infatti no Chiara, nn va buttata via così. Noi siamo qui, ma devi esserci anke tu, in tutta la tua coscenza..cn la tua presenza e nn in uno stato di sofferenza vana… ti stringo!

    Marianna sn felice ke sia andata bene l’appuntamento…si anke io ho fatto esattamente la stessa cosa, corsa fuori a prendere i panni stesi…e ora nn piove manco +…siam vicine sì!!

    Azimut ke fai…cm va?

    Fermati Uhmhm…kiedi aiuto.

    LunaBlu è tornato il tuo “ex”?

    cmq ragazze stasera c’ho provato di nuovo e sn qui a trattenere tutto…

  87. uhmhm dice:

    Forza Silvia, vedrai che ce la fai :)

    Chiara. Si, hai fatto proprio una cazzata. Sono dure le mie parole. Continui a punirti e poi a dirti che sei una perdente. Poi lo rifai.
    Faccio parte del club. Sono stufa di essere clemente verso di noi. No. Non ci sono scuse. Nessuna.
    Punto primo, se la soluzione che vorremmo fosse farla finita per sempre, i mezzi ci sono. Ma se siamo qui, e continuiamo a dirci di voler lottare, o comunque già solo il fatto di essere qui, vuol dire che in fin dei conti non siamo pronte ad arrenderci.
    Dunque, vomitare, scomparire, piccola sempre più piccola. Che palle. Questa gara la vinci con te stessa. L’hai vinta mille volte. Non ha iniziato ad annoiarti?
    Il punto sta nel gareggiare (sempre con noi, prima di tutto) con altri obiettivi. Detto a parole, è semplice. I fatti un po’ meno. Qui non sei sola. Qui, non credo di essere l’unica a pensarlo, basta autocommiserarsi. Tenta di reagire.
    Che non vuol dire saranno sempre vittorie, ma magari ogni tanto ne otterrai qualcuna in più.
    Scusa. Se dico questo è perchè mi interessa di te. Perchè le tue parole mi fanno male.
    Forza.

    Azimut, ti penso molto.

    Girasole, anch’io avevo studiato nel turismo alle superiori. In realtà gli sbocchi potrebbero essere milioni, non per forza stare in isolamento dietro a un bancone. Pensa che per ora ti concentrerai su altro poi potresti fare il patentino per guida turistica, trovare un altro posto più simile a quello dov’eri ora. Il bello del lavorare nel turismo è l’avere la possibilità di incontrare gente nuova, confrontarsi, imparare dall’esperienza. Se lì ottenevi ben poco di tutto ciò, forse hai fatto comunque bene a cambiare.

    Laura, le mani del video. Ossessioni.

    Marianna, sono felice per l’impressione che hai avuto ieri.

    Polla, Miele, vi immagino, meravigliosamente insieme. Che bell’immagine :)

    Io sono qui.
    Vorrei andare a vedere il mare d’inverno.

  88. Aleph dice:

    Uhmuhm, wow!Quanta forza nelle tue parole per Chiara…credo tu abbia fatto bene a scriverle, in qualche modo ci vuole anche quello qui…ed è bello sentirti così determinata, razionale, lucida, consapevole, arrabbiata e tutto il resto nei confronti della malattia. Brava.

    Chiara………ti mando un pensiero grande grande grande. Non devi punirti, semplicemente perchè non c’è motivo di farlo. STOP. Nient’altro. Ti sono vicino.

    Silviaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!Lotta…ti penso…

    Azimut, se mi stai leggendo, buonanotte.

    Vaniglia, dormi tranquilla.

    Ora scappo a letto pure io

    A domani

    Aleph

  89. Vaniglia dice:

    Buongiorno a tutti…
    spero questa sia una buona giornata, io oggi mi sento un po’ giù per via dei segni e del rossore che ancora ho sul viso, le bolle sono quasi andate via….sembro una varicellosa!

    LUNA BLU, la pasta la mangio ma non quella di grano, solo quella di mais! l’altra la vomito….
    peccato che Polla e Miele siano di Torino…

    ….ieri ho avuto un mezzo diverbio con mia sorella…mi sono scocciata!

    LUNA BLU ma perché non vuoi tornare a casa? insomma, sei o no nella nuova casa da sola?

    …mio padre si è alzato ora…keppalle! è troppo presto, ma si è presentato a fare colazione! che fastidio, non lo sopporto! disolito si alza più tardi…
    Che sia una giornata ricca di eventi positivi x tutti…

  90. Maria Letizia dice:

    Buongiorno a tutte. Ieri sera sono crollata, il mercoledì mi uccide, i ragazzi mi succhiano tutte le mie energie, poi ieri sera, per stare un po’ insieme, Ale mi ha fatto una sorpresa e mi ha portato a cena fuori. Lo sa che fuori e in più in un buon ristorante mangio di più, io lo so che lo fa per il mio bene, ma queta mattina…un altro chilo in più, comincio a sentirmi grassa e goffa ora ho superatoi 43, lo so che in questa settimana son sempre un po’ gonfia, ma la mia testa malata non lo accetta e ricomincio con il regime restrittivo. Sono così confusa e stanca…quando finirà tutto questo?

  91. miele dice:

    Maria Letizia, tutto questo finirà quando il tuo corpo avrà spontaneamente raggiunto il tuo peso forma (che decide LUI, non tu) e si assesterà a quel livello. A quel punto, potrai mangiare tranquillamente, potrà capitare di non mangiare sempre adeguatamente ecc., ma più o meno il tuo peso resterà quello. E tu potrai finalmente cominciare ad affrontare la tua vera vita.

    silvia, mi fa un immenso piacere sentirti decisa…lo sai, te l’ho anche scritto per email.

    uhmhm, puoi spiegarmi un po’ meglio la paura di cadere nella bulimia? mi sembra di capire che tu dovresti mangiare di più ma hai paura che facendolo non saprai fermarti…è giusto così? E’ una paura che condivido con te, alcune volte…ma io credo che qui debba entrare in gioco un po’ di semplice ragionamento: l’alternativa è tra il rischiare questa caduta, e il rimanere per sempre vittima del sottopeso e delle insalatine scondite…

    Chiara*, concordo con silvia che ti scrive “noi siamo qui, ma devi esserci anche tu”…dove sei, Chiara*?
    Quando scrivi, sembra che a scrivere sia solo la tua mano. sembra che tu ti osservi distaccatamente e cinicamente dall’esterno.
    Perchè continui a stordirti con cose che non ti permettono di affrontare il tuo malessere? Perchè continui a rimandare la lotta vera, quella che potrebbe trascinarti fuori dalla melma?
    E sono d’accordo con le parole che uhmhm ti ha rivolto. Auto-flagellarsi, nei fatti e con le parole, è comprensibile…ma qui non hai bisogno di farlo…qui noi tutte/i comprendiamo questo tipo di sofferenza.
    Te l’ho detto tante volte…non credo che aspettare chissà quale svolta mentale sia la via migliore…
    Puoi anche continuare a sostenere che il tuo problema principale non è col cibo…ma di fatto tu fai esercizio fisico spinto, mangi solo certe cose, vomiti e ti riempi di lassativi…tutto questo compone abbastanza bene il profilo di un disturbo alimentare. Vogliamo affrontare la cosa?

    Vaniglia…forse hai letto solo il post di Aleph…io è Polla non siamo di Torino…

    Azimut, che mi racconti, frammenti a parte?

  92. yris dice:

    ragazze, è un’altra di quelle settimana da 18 ore giornaliere di lavoro.
    ma vi leggo, vi ascolto, ci sono dietro le quinte, pronta a darvi una mano, pronta a tenere la vostra..
    ed è un meraviglia ritrovarvi a sera..

    brava silvia, brava.. come sono contenta che ci stai provando!

    chiara, tira fuori tutto oggi con la tua psicologa. e poi facci sapere. non fasciarti la testa prima del tempo.. noi siamo qui.

    miele, polla, è dolce pensarvi assieme. cominciate a programmare un lungo viaggio in treno.. e tu azimut invece pensa all’aereo.. :-)

    maria letizia, finirà quando il tuo organismo non dovrà più procurarsi il cibo con gli espedienti, ma glielo darai con tranquillità., con generosità.
    e lui, paradassalmente te ne chiederà di meno, perchè sa di non doover temere più la carestia..
    finirà quando non avrai più paura di esporti, di confrontarti, di crescere, di di prendere, di perdere, di vivere insomma..
    e ci si arriva, ve lo assicuro..

    un bacio come la luce di questo giorno

  93. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Vi lascio un saluto veloce perché devo scappare.
    Oggi ho il corso di formazione. L’ angoscia sale e questa notte non ho chiuso occhio.

    Vi ringrazio per le vostre parole. Davvero.
    E Miele… hai ragione dici che sono distaccata e cinica verso me stessa. Non riesco a compiere quel passo.
    Ma ci provo. Giorno dopo giorno.
    Io sono consapevole di avere un problema con il cibo non l’ ho mai negato.
    Ed è proprio per questo che ho iniziato a venire qui e che ho deciso di intraprendere un percorso di cura. Perché ormai la cosa mi stava e mi sta tutt’ ora sfuggendo dalle mani.

    Vi stringo forte.
    A stasera.

  94. Luna blu dice:

    Buongiorno ragazze e Aleph…
    Per Vaniglia…non sonoa ncora a casa mia…la camera da eltto arriverà l’11 e la montano il 20…manca poco però…visto che qui posso dire tutto…nn mi scoccia tornare a casa…se sapessi che son sola (è tornato domenica sera…è stato via solo il w.end) …quello che mi sfinisce è questa sua continua voglia di sesso…anche se poi gli dico di no…è scocciante dire di no per un’intera sera e per un mucchio di volte…e quindi a volte cedo…ma solo perchè così almeno mi lascia in pace…gli voglio bene..ma è stressante!!!!
    Cmq…cambiamo argomento…Domenica Gara!!!!! Mi faccio accompagnare da un mio amico…
    :-)
    Polpine buona giornata e un abbraccio grande…

  95. Luna blu dice:

    Silvia…ti ho mandato una mail con le foto di casa mia e un’altra con le foto del servizio fotografico ;-)

  96. laura dice:

    silvia, brava brava brava, poi raccontaci se ce l’hai fatta, ma l’impoetante è che ci stai provando, che stai veramente tenacemente lottando, l’importante è l’atteggiamento, brava. sono mucho orgogliosa.

    luna, scusa, ma secondo me se lui continua ancore così a romperti per avere momenti d’intimità è perchè non sei stata del tutto chiara con lui, insomma gli hai comunicato chiaramente o no che non state più insieme, che non vuoi stare più con lui. so che è difficile da dire, è complicata la situazione perchè vivete assieme, però fidati è più il pensarci, vedrai che affrontare la questione è più facile di quanto sembra, dopo ti sentirai meglio, e per quanto lui possa soffrire è anche la cosa più corretta nei suoi confronti.

    chiara non fare mai più di mischiare i farmaci così, veramente, è da stupidi, è una leggerezza che non ti puoi permettere.

  97. Marianna dice:

    Ragazze, passo velocemente anch’io per salutarvi.
    Stanotte ho dormito malissimo, avevo paura di affrontare la giornata di oggi, il cuore mi rimbalzava nel petto, troppi pensieri tra terapia, esame da affrontare, mia mamma che non sta troppo bene…
    Poi mi sono alzata, ho affrontato la colazione e mi sono sentita meglio, sono andata all’università, ho affrontato il mio penultimo esame ed è andato bene, ho telefonato alla mia mamma e mi ha detto che sta meglio…ora mi preparo ad affrontare il pranzo, ma ho un sorriso che va da un orecchio all’altro e volevo dedicarvelo tutto, anzi, vorrei condividerlo con voi!

    Trascorrete una bella giornata, torno non appena mi libero un pò!

    Un baciotto!

  98. laura dice:

    ragazze sono un po spavebtata, è da due giorni che ho prurito alle braccia e stanotte mi è venuto un formicolio alle labbra intenso.

  99. silvia dice:

    Buongiorno ragazze, si ho trattenuto tutto, ma nn posso dire ke il mio umore stia bene…lo so, nn devo pensareci…tra un pò ne devo affronatre un altra…quindi…
    complimenti a Marianna…
    LunaBlu ancora nn apro le mail…nn vedo l’ora…
    Miele…grazie!
    Azimut dove 6?

    Chiara…coraggio.
    Yris in realtà ho ancora moltissimo da imparare e ho bisogno di aiuto.
    Devo andare e vorrei scrivervi di +, ma vi penso moltissimo.

  100. silvia dice:

    Laura nn so cosa possa essere…ma cerca di star calma.

  101. Luna Blu dice:

    Laura…sei tanto sottopeso?

    Cmq…non è questione di essere chiari o meno…gli dico quel che penso…gleilo faccio anche capire…il vostro ragazzo lo farebeb con voi se state piangendo?
    ..e dopo un paio di giorni è come se non gli avessi detto nulla…credo pensi che io sia bugiarda…che dico le cose tanto per dire…per questo credo che approfitti della situazione…
    Voi sapete che son andata a posare per un fotografo domenica…lui è convinto che l’abbia fatto con il fotografo…io posso dire quel che voglio…ma tanto decide lui a che cosa credere…e sinceramente son stanca di difendermi da una persona che nn mi crede…
    Siccome secondo em non c’è niente di male gli ho anche fatto vedere le foto…e gli ho detto che mi piace posare…mi paice come vengo in foto…e che vorrei tanto finire epr una volta su una rivista…sarà ambizioso…è vero…lui mi sminuisce molto…e mi ha quasi riso in faccia…come se fossi l’ultima schifezza di questa terra…ma allora se dici che le altre son meglio di em…vattene con le altre!!!! Invece di torturare me!!!!

  102. Azimut dice:

    Continuo ad osservare la pioggia, il cielo uniformemente grigio.
    Visione estranea al sentire, mi sfugge

  103. laura dice:

    luna no non sono per niente in sottopeso, sono normopeso, sono alta 1,62 e peso 53 kg.

    comunque luna non mi hai risp al fatto se l’hai lasciato o no.. perchè non riesco a capire cosa ancora aspetti a me sembra chiaro che tu non voglia più stare con lui, poi non dare caso a quello che ti dice, gli uomini quando si sentono feriti attaccano e sminuiscono appunto, questo è indice delle sue insicurezze, non delle tue.

  104. Luna Blu dice:

    Si…siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii…l’ho lasciato…ma come si fa se si vive insieme? E se la situazione gli fa comodo?

  105. laura dice:

    non so luna, capisco che deve essere difficile per te, però non cedere, a lui fa comodo, che a te dà fastidio, perciò quando insiste non farti sentire in torto ma sii schietta e ribadiscigli che non state insieme e che non vuoi fare sesso con lui, che lui non ha alcun diritto di chiedertelo.

  106. Ilaria dice:

    Salve ragazze, ciao Aleph.
    Oggi mi sento estranea da me, come se mi stessi guardando dal di fuori. Forse è un modo per non sentire troppo dolore, non so… non ho più parole. Mi sento sconfitta e perdente, vedo che ad esempio Silvia sta lottando con tutte le sue forze e ce la sta facendo, e invece io mi sono completamente lasciata andare. Non c’è più nemmeno un motivo scatenante, può essere una notizia sentita al telegiornale, può essere una telefonata dei miei, la pioggia, o semplicemente il fatto che mi alzo la mattina, non lo so più… non so come difendermi da tutto questo.
    Vorrei commentare ciascuna di voi ma ora non ce la faccio. Mi dispiace tanto, ma sappiate che comunque non me ne sto fregando di voi.

  107. silvia dice:

    LunaBlu fin’ora pensavo ke fosse una persona importante e sensibile, ke ti è stato vicino nel tuo percorso di guarigione…etc etc…ma ora no, nn può kiederti di farlo se stai piangendo, nn può sminuirti, nn può avvilirti x il fatto ke finalmente dopo tanto aver sofferto ti senti bene cn te stessa, col tuo corpo, no…devi andare via di lì il + presto possibile…fa male a te…nonostante sappia tutto ciò ke hai passato si comporta così? ti dice queste cose? no, nn va bene x niente. Anke xkè tu ora magari sopporti anke xkè forse un pò incolpa ti ci senti, o ti ci 6 sentita x la storia col massaggiatore, ma ti devo dire “se l’è meritata!”! Tieni duro e mandalo a cagare al prox approccio…altrimenti diglielo kiaro, meglio in hotel ke cn lui, o meglio nella tua casa, cn un materasso a terra ke sul suo divano! Nn devi x forza vivere nel compromesso.

    Ilaria mi dispiace leggerti così, e nn so cosa dire x scuoterti. Io ti sento molto sola…anke qnd stai meglio i tuoi racconti ruotano attorno solo al tuo fidanzato…tu hai bisogno di realizzarti…cm kiunque altro, ma x te stessa e nn in funzione di qlc altro. io lo so bene. E’ vero ieri ho lottato, ma oggi mi sento giù e so esattamente xkè…l’insoddisfazione ce la cresciamo dentro.

    Azimut anke qui il cielo è grigio, ma tu puoi fare la differenza.

    Laura cm ti senti ora?

  108. Luna blu dice:

    Adesso vi dico cosa sto mangiando…a molte di voi verrà lo schifo…ma a volte mi succede di fissarmi con dei cibi..sto mangiando un panino con dentro carne cruda di vitello…ma neanche quella del carpaccio…quella normale da fettine…ultimamente la mangerei semrpe…così cruda…solo con un po di sale…il limone nn lo avevo…
    Lo sapete con che cosa ho iniziato ad abbuffarmi quando incominciai ad essere bulimica? Avevo 13 anni…carne cruda con maionese…ora la maionese nn l’aggiungerei però ;-)
    ora leggo quel che mi avete scritto e rispondo

  109. Luna blu dice:

    Vi assicuro ragazze che non sto male…non perderò la voglia di vivere e volare per nessuno al mondo…la situazione con il mio sfidanzato mi provoca sfinimento…io cerco sempre di essere stanca troppo per lui e di tornare a casa tardi…nn mi interessa cosa pensa…penserà che ho un amante…
    Le cose son degenerate da quando i suoi fratelli mi han fatto da muratori e piastrellisti a casa mia e io che l’ho fatto per aiutarli…stronzi!! Cmq ora i suoi fratelli ce l’hanno a morte con me…e io con loro…la sua situazione di cuscinetto è delicata è difficile lo so…ma poi ci penso e dico..nn è colpa mia se ha due fratelli così…anzi è più colpa sua che mia…
    Quando vuoi bene ad una persona…perchè dopo 3,5 anni succede allora nn vuoi vederla triste…o che sta male…
    Vi avevo scritto cosa è successo l’ultimo giorno dell’anno…è il post 633 della paizzetta di dicembre…ve lo riporto:

    633.Luna blu dice:

    Ho una gran voglia di piangere…ma i miei occhi sono secchi…in gola ho un groppo…lui è appena uscito…e io son qui con la mia disperazione…
    Scusatemi ma ho bisogno di scrivere quello che mi succede…non so perchè mi sento così male…
    Eraavamo sul divano e ci abbracciavamo…a dire il vero è lui che abbracciava me…mi sento male a dirlo ma il suo contatto mi da fastidio…poi mi ha tolto i pantaloni e si è tolti i suoi…eppure gli voglio così bene…e su questa frase finalmente riesco a piangere…lui era sopra di me…dentro di me…mi ha chiesto se mi paiceva e io ho risposto di no…non voglio più fingere…mi ha chiesto come mi sentivo con il suo …. dentro e io l’ho guardato con indifferenza e gli ho detto “mi sento usata”…si è allontanato…si è rivestito…e prima di andarsene quasi non mi ha salutata…perchè son così…ora sta male per colpa mia…che volevo che sia…potevo fingere ancora una volta…non lo so perchè mi sento così…ho voglia di andare via..da tutti…e anche da me stessa!…sono meschina e cattiva..e lo so che mi scriverete che nn lo sono…che nn è colpa mia…ma perchè io mi sento così?
    31 dicembre 2010 alle 20:21
    Il punto è che io nn voglio vederlo star male…durerà ancora poco…
    Il punto che lui nn sapeva della mia malattia quando ci siam conosciuti…e quando gliene parlai mi disse che se lo avesse saputo mi avrebbe lascuiata perdere subito…che son malattie da viziate e gli faceva anche schifo…
    da quel momento ho cpaito che none ro più innamorata di lui…soffrivo ma nn era la persona sensibile che credevo…
    Lui mi ha aiutata a prendere coscenza del fatto che avevo bisogno di aiuto…ma nn sapeva che cosa avessi….

  110. nuvola dice:

    salve ragazze penso siano mesi che non scrivo. il mio problema con il cibo era sparito ma ora pian piano sto risorgendo. avev raggiunto un mio equilbrio ma poi improvvisamente ho cominciato a vedermi enorme e così ho ristretto la dieta e contrariamente alla normalità ho inziato ad ingrassare così è ricomparsa quella depressione che mi accompagna da anni. sono molto giù e non trovo il modo di risalire la china. mi sento sola. gli amici rimasti sono pochi e spesso poco sinceri, il mio ragazzo è sempre più assente. Ci limitiamo a vederci massimo due ore a settimana ma per diversi motivi penso diminuiranno. sono davvero disperata anche se cerco di mantenere una falsa stabilità. ultimamente mi trascuro, non ho voglia di curarmi e non sembro più io. come fare per riemergere da questo buio, vorrei solo sparire per sempre.

  111. Polla dice:

    ..Ciao Nuvola,
    io mi ricordo di te..tu? :) . Ricordo abbastanza bene le tue difficoltà,anche perchè scrivevi spesso.. io credo che il fatto della cronicizzazione di un dca sia stra possibile, se non estirpato del tutto.. anche a me è successa la stessa cosa.. ma tu fai delle cure? sei seguita da qualcuno? e come mai ti vedi così poco con il tuo ragazzo? e lui lo sa del tuo problema? glielo hai detto che non stai bene in qsto periodo? ti faccio tutte qste domande,ma se non te la senti di rispondere,non ti preoccupare..
    Mi spiace che sei così giù di morale.. so che non è affatto facile affrontare qsto malessere e il tuo non curarti è ovviamente collegato al tuo stato d’animo,ma non lasciare che le brutte sensazioni si impossessino di te, non del tutto almeno,cerca di crearti delle occasioni che possano esserti d’aiuto..

  112. uhmhm dice:

    Ragazze! ma che freddo fa?! Rischio l’assideramentoooo.. BRRRR :)

    Come state?

    Io sono appena tornata da lavoro, (wow, non mi dispiace l’effetto di dirlo) e ora mi sto bevendo una bella tisanina calda.
    Stamattina ultimo appuntamento per ora con il dentista, volendo potrei tornare a sorridere.. Certo in attesa dell’impianto ecc ma vabbè.

    Marianna, sei stata bravissima, ti invidio proprio un sacco nel tuo riuscire a far confluire le tue energie nello studio e nel portare a casa risultati così soddisfacenti. Credo aiuterebbe anche me dover studiare, ma la tesi, con tutti i suoi punti di domanda, mi manda solo in confusione, ma ce la farò. Non so quando ma ce la farò.

    Silvietta, mangiato? Guarda che sono davvero felice che riesci a far entrare qualcosa dentro il tuo corpicino.
    Posso capire che la tua psicologa non focalizzi l’attenzione sul prblema con il cibo, quella è solo una conseguenza di un non stare bene che va oltre. Però, ripeti questa cosa, scrivitela sulla scrivania accanto ai libri. Se tu non stai bene non è per forza necessario che debbba trasparire anche dal tuo corpo.
    E’ una frase che aveva scritto qualcuna di voi, che mi aveva colpito molto, che mi ripeto quando mi trovo faccia a faccia con il cibo e vorrei proprio fare a meno di mangiarlo. Ripeterselo e ri-ripeterselo. Quando riusciremo a farla nostra un enorme passo in avanti sarà fatto. Forza!

    Azimut, sembra che questo grigiore invernale non voglia andarseene. Ora fa male, ma passerà, e a suo modo mancherà.

    Laura, come stai?

    Luna blu, forza, mnca sempre meno e uscirai da quella casa. La grinta per ricominciare continui a dimostrare di avercela. Vorrei vedere le tue foto di cui vai così fiera, chissà che meraviglia!

    Ilaria, mi spiace molto sentirti così giù. Tieni duro, anche se ti sembra tutto ti stia scivolando addosso non smettere di credere che ritornerà una giornata come quella di sabato. Chi te lo dice che non sia proprio domani? Dai, forza forza.

    Oggi ho mangiato 3/4 di pizza. Sono stata brava, vero? non mi devo sentire in colpa, vero?
    Non è semplicissimo ma credo di essere comunque abbastanza tranquilla.
    Quello che penso sul passare da super restrizioni a abbuffate costanti non se n’è andato del tutto. Mi spaventa.
    Mi capita di trovarmi faccia a faccia con il cibo, inizialmente vorrei rifiutarlo, poi me la racconto un po’ su (devi mangiare, è come lavarsi i capelli e i capelli te li lavi tutti i giorni.. Polla docet), e mangio. Poi, raggiungo la sazietà, ma sento che non riesco più a fermarmi. Mangerei, continuerei a farlo. E mi spaventa. Molto.
    Miele, hai detto che una sensazione simile l’hai sentita anche tu… come l’hai affrontata?

    Vi abbraccio forte, tutte quante.
    Recupero calore, forse non morirò assiderata ;)
    Penso che prima o poi riuscirò a riallungare la mano e a riprendere la mia vita. Andrà così, a momenti mi pare sia impossibile. Ma andrà così, ne sono sicura. Per tutte noi. Vero? Si è così, me lo sento.

  113. silvia dice:

    Si uhmhm ci sn riuscita, sai ke vivo anke io il terrore di iniziare a mangiare e nn sapermi fermare…nn so se sia solo una fissazione…ma fa paura.
    sn felice x te, ti sento + serena.

    LunaBlu tieni duro allora…hai sempre saputo ki fosse, tu ti 6 tirata fuori dall’inferno cn le tue sole mani…lui può far 2 conti in famiglia e decidere ki vuol essere, a te nn deve tangere la cosa…pensa solo a te…a proposito ho visto le foto: complimenti…cm fa a sminuirti nn apisco proprio, credo ke lo dica solo x fottutissima paura di perderti…potresti davvero prendere un volo altissimo!!!

  114. Maria Letizia dice:

    Scusate ragazze per la brevità del mio post, ma oggi ho lottato contro me stessa in un modo incredibile: il Mostro mi ha presa, ho portato a casa un mucchio di dolci, ma dopo nemmeno cinque secondi, quella sensazione di estasi che mi dà il sapore del cibo è sparita e ho solo provato lo schifo per quello che stavo facendo .Ho vomitato tutto e ho pianto tanto, ora vado a nanna e domania faràò felice qualche bambino della parocchia con i miei dolci. P.S. Luna…ti sono vicina. UN ABBRACCIO!

  115. Chiara* dice:

    Mi scuso anch’ io se sono di poche parole ma purtroppo non riesco a trovarne.
    Né per voi né per me.
    Vi voglio bene angeli.
    Buona serata.

  116. miele dice:

    ciao a tutte/i

    solo ora sono riuscita a connettermi, dopo aver lavato i piatti, sistemato un po’ la cucina, preparato il pranzo al mio ragazzo per domani e fatto il bucato. Sono cotta :)

    uhmhm, mi hai chiesto di quella sensazione…dunque, io quando mi sono ammalata di anoressia, nel primo periodo avevo tantissima fame, per cui ai digiuni alternavo delle abbuffate abbastanza pesanti (senza vomito)…fino a che mi sono spaventata da sola…e da lì ho iniziato a digiunare e controllare e misurare e basta. da quando ho ripreso a mangiare, una parte di me ricorda le sere passate tra biscotti, cioccolato ed insalata di riso…e ha i brividi di terrore… Ma so bene che mangiare a sufficienza non significa abbuffarmi e non porta per forza a quello. E adesso quella paura la calmo pensando che, anche se ho finito un pasto, durante la giornate, e il giorno dopo, e il giorno dopo ancora…ci saranno altri pasti, e potrò assaggiare altre cose, togliermi qualche voglia, distribuire il cibo insomma.

    Silvia tieni duro eh! Ti sono a fianco.

    MariaLetizia perchè proprio andare a letto? Alle 8 di sera puoi fare ancora tante cosine, che non siano un’abbuffata…leggere, guardare un film, cercare cose in internet, scrivere…no? Non è che dopo ilcibo debba esserci per forza il black out…

    Chiara* mi piace quando scrivi, quandi ti racconti. Cercale, quelle parole.

    Non so se ripasserò più tardi, in caso vi auguro una notte serena e stellata.

  117. silvia dice:

    Nuova serata e nuova lotta. Anke stasera tengo duro.
    ragazze è da tantissimo tempo ke nn ricordavo di cenare…nn so dirvi cm mi sento…male e in colpa x aver mangiato, goffa, gonfia e inutile, ma poi so ke nn è così, ke è la mia mente ke proietta queste immagini e sapete cosa faccio? mi concentro sulle parole di Miele, di cm affronta la sua lotta, di Polla, di Girasole e piano piano ritorno a d una dimensione reale…ci provo, nn è detto ke ci riesca, ma ci sto provando cn tutta me stessa.

    Vi auguro un abuona serata

    Azimut…un pensiero x te

  118. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!!!

    Vi ho letto oggi, ma non vi ho scritto, tra una cosa e l’altra…

    Benvenuta/bentornata Nuvola…piacere di ritrovarti qui!Scrivici un pò…

    Silvia, sono davvero felice di leggere i tuoi post in questi giorni. Lotta ancora…

    Vaniglia…..ti penso tantissimo

    Azimut………….

    Chiara, Marianna, Miele, Laura, Uhmuhm, MariaLetizia, Polla, Girasole, Ilaria, Claudina,vi penso tanto.

    Buonanotte, scusate, domani vi scriverò di più…

    Aleph

  119. Maria Letizia dice:

    Buongiorno! Ho dormito davvero tanto, questo vuol dire che sono tanto stanca, ma oggi mi aspettano 6 ore a scuola più andata e ritorno in pullman e poi ancora ripetizioni a una ragazzina delle medie…lo so che andare a dormire alle 8 è assurdo, ma è stato l’unico modo per non cedere nelle grinfie del Mostro…Voi come state? Miele , Polla, Girasole, Silvia, Laura , Marianna e tutte le altre …un’altra giornta un’altra lotta, ma voglio vincerla io…DEVO, con altre abbuffate il mio peso continuerebbe salire e io non voglio prendere chili per colpa delle abbuffate!
    Tornerò qui in serata…UN ABBRACCIO

  120. Vaniglia dice:

    Buongiorno a tutti…e a te Aleph…
    Ieri è stata una giornata tranquilla, non ho avuto neanche quegli attacchi di ansia, a volte immotivati. L’unica cosa è che ancora non mi sento bene, infatti ho dei forti mal di testa, i brividini di freddo e poi, spero passino presto i segni delle bollicine che l’herpes mi ha lasciata sul viso, sulla fronte: uno schifo!

    Ieri sera poi mi sono preparata una zuppa di miso, incantata da una tipa che spesso la fa…vi giuro che come ho sentito poi l’odore e dopo averla assaggiata mi veniva da vomitare! l’ho frullata nel lavandino e son rimasta con l’amaro in bocca…e ho mangiato poco poco! quella e poco altro era la mia cena! che poi, aspettavo tanto il momento, ero entusiasta di mangiare qlcs di nuovo! un sapore pungente, acre, molto forte….chi di voi l’ha rovata??

    ora mi è rimasto del miso bianco che, x come mi sono documentata dovrebbe avere un sapore più dolce, non pungente, più neutro…ah, io adoro sapori puliti, neutri, delicati…non amo troppo le salse, le cose piccanti…mi piace il sapore del pane così com’é…pure senza sale… ch dite?? sono indecisa se riportare al negozio la zuppetta di miso bianco e quindi NON provare ad assaggiarlo che magari questo è buono oppure, giocarmi pure ‘sta carta tanto ormai ce l’ho a casa e magari chiudere proprio con la cucina macrobiotica!

    Vi lasci con questo dilemma….

    ….UHMHM…anche io so’ che devo mangiare, che sono terribilmente sottopeso ma conto tutto quello che mangio ed in parte è dovuto pure alla paura di mangiare troppo e poi vomitare…e poi si, anche io ho paura che se mi lascio andare cado nel circolo vizioso dell’abbuffata! il contare quello che mangio mi fa stare tranquilla….

    Buona giornata a tutte.

  121. miele dice:

    Ciao Vaniglia, ben svegliata.
    Ma come mai segui la cucina macrobiotica? Ti basi solo su quella, oppure è una cosa che conosci e provi ogni tanto? Io ne ho un’opinione molto negativa, non solo per motivi nutrizionali ma anche per l’impostazione “sociologica” che ci sta dietro.

    silvia com’è andata poi ieri sera?

    Chiara*, ti auguro di svegliarti raggiante oggi.

    Azimut non ti nascondere, sai?!?! Dai, ti aspettiamo qui.

    Bentornata a Nuvola.

    Ilariaaaaaa…mi mancano i tuoi interventi.

    Claudina spero tu sti aun po’ meglio.

    Ciao Alephino :)

    Yris, LunaBlu, Marianna, Girasole, Laura, Polla…buon risveglio anche a voi.

  122. Chiara* dice:

    Buongiorno.
    Oggi lavoro solo la mattina e mi sono presa il pomeriggio libero. Stasera alle 18 ho l’ appuntamento con la psichiatra.
    Quella donna è davvero straordinaria. Ha fatto i salti mortali per riuscire a vedermi oggi altrimenti saremmo andate a 18 marzo.
    Il punto è… ho voglia di incontrarla? Ho voglia di parlare? Non lo so. Non so da dove cominciare. Non so se voglio raccontarle tutto quello che sto provando e passando.
    Ho la testa affollata da mille pensieri di cui uno in particolare che mi sta struggendo l’ anima.
    Oggi ho paura. Mi sento debole e fragile. Sento che il Mostro è qui dietro la porta e vuole prendermi.
    Era da tanto che non succedeva in modo così forte.
    Ho già escogitato il modo per saltare il pranzo oggi e mi sto scervellando per fare lo stesso con la cena.
    So che è sbagliato ma non riesco ad essere lucida.
    Provo un grande senso di impotenza, di inadeguatezza, di inutilità.
    Non riesco a sentirmi, è come se questa persona non fossi io.
    E poi mi soffermo sui ricordi… i ricordi di quando stavo bene, di quando non avevo problemi, di quando sorridevo sempre ed ero felice.
    Ora non so nemmeno più cosa vuol dire sorridere e provare emozioni positive.
    Penso a quanto la vita di chi ho vicino sia condizionata dal mio modo di essere, a quanto dev’ essere dura sopportare tutto questo.
    Ma al tempo stesso non ho voglia di lasciare questa strada. Perché ho paura.
    Paura di non saper affrontare il cambiamento, paura di lasciare le mie sicurezze, paura di apparire fragile e paura di essere come gli altri vorrebbero.
    Se ripenso a ieri sera, all’ ennesima serata trascorsa in bagno a vomitare… non provo niente. Mi sembra assolutamente normale.
    Non ce la faccio. Sto sprecando tempo dietro a qualcosa che non cambierà mai. Mi manca la volontà per cambiare.
    Leggo di Silvia, di Girasole, di Miele, di Polla e delle loro vittorie, del loro enorme impegno e provo tanta invidia.
    Invidia sana, beninteso.
    E io invece sono ferma sempre allo stesso punto. Sempre ancorata alle mie convinzioni, ai miei schemi, al mio bisogno di controllo.
    Sono così stanca… stanca e arrabbiata. E delusa. E affranta.
    E mi sento sola. Come un cane. Perché mi rendo conto che questa brutta bestia crea terra bruciata attorno a sé. Voglio stare sola ma soffro per questo.
    Lo so, dovrei cercare di fare qualcosa, direte voi. Ma è difficile.
    La mia mente è malata. Io sono malata. Ma credevo che l’ ammetterlo e prenderne la consapevolezza mi avrebbe aiutata a cercare di fare qualcosa. Invece no. Niente. Il vuoto. Quello che faccio non serve, non basta.

    Silvia sono tanto felice per te. Continua così, non mollare!
    Ti stai comportando benissimo in questi giorni. Non fermarti troppo a pensare. Segui quello che il tuo istinto ti dice di fare e soprattutto ascolta il tuo corpo.

    MariaLetizia il peso deve salire e lo sai anche tu. Ma hai detto bene: non deve accadere per colpa delle abbuffate. Deve avvenire in modo naturale e perché così sia devi cercare di mangiare normalmente, dandoti tempo e senza pretendere troppo. Coraggio.

    Vaniglia io non butterei quel miso bianco. Perché dovresti? Prova a cucinarlo come più ti aggrada, assaggialo e poi decidi se davvero ti piace o no.
    Non farti condizionare da quello che credi essere il tuo gusto.

    Vi mando un grosso abbraccio.

    PS: Azimut…

  123. Azimut dice:

    Miele non mi sto nascondendo, ogni mia parola in questo momento risulterebbe troppo densa. Sto cercando tocchi schiumosi e fuggevoli, ma so che in questo momento non posso trovarne. Non quando la vita colpisce tanto duramente. E penso a tutti gli istanti di questo nostro esistere in cui altri corpi e altre esistenze sono lacerate e so che il solo spazio disponibile è per il dolore

  124. Luna Blu dice:

    Buongiorno ragazze…e aleph…ieri ho chiacchierato un po con Pina…a volte chiacchieriamo e parliamo di voi..ihihiiihhh…
    Oggi qui nevicava…ora piove…con la bici è sempre un caos…ma presto vivrò più vicina…
    Ieri son uscita in barca…uscita fantastica!!!!
    Il fotografo…ossia il dentista voleva che andassi a casa sua dopo l’uscita in barca per le foto…ma ero così stanca e l’avevo preventivato…infatti gli ho detto che non sarei andata…a volte ci penso e dico…è proprio carino…non pensate male…come persona…è una persona veramente carina e attenta…non dice le parolacce come la maggior parte degli uomini…e mi fa ridere che l’ultima volta gli è scappato un “cazzo” e si è scusato per un po’…
    la sua vita è quella di uno che se la gode…gioca a golf come la maggior parte dei ricconi…tifa il calcio…blear…e tante altre cose che a me non piacciono…qui nn si puo’ dire che siam simili…ahhhahhhahhh..chjissà perchè scrivo questo…un abbraccio e buona giornata…
    Solo 1 cosa per Vaniglia…quindi la tua cena di ieri è stata assaggiare una zuppetta…
    Non ti pare di farti un po troppi problemi per una zuppetta di miso bianco? Quanto costa? Così tanto? … io credo che il gioco sia questo: se non ti piace nemmeno quella bianca sarebbe un’ottima scusa per mangiare di nuovo pochissimo..
    sono emccanismi malati…prova a cercare di vincerli..lo so è difficile ma provaci! ;-) …non sottovalutare gli schemi del tuo cervello…
    io se fossi in te la riporterei indietro…e mangerei qualcosa che son sicura che mi piace…così non rischi di riamanere di nuovo quasi a digiuno…non trovi?
    Miele son curiosa di sapere la tua idea sulal cucina macrobiotica..io nn sapevo neppure che esistesse…
    Silvia…le hai viste le foto? ;-)

  125. miele dice:

    Azimut…il mio tono era scherzoso in realtà…
    In ogni caso: mi sembra che qui le discussioni siano abbastanza dense già di norma, quindi non credo che ci spaventeremmo delle tue parole…
    E poi, se posso dire ciò che penso…a volte le cose sono semplicemente quello che sono, e non serve pensare più di tanto a con quali pennellate dipingerne il quadro.
    La vita ha colpito duramente te o qualcun altro? se ti va di raccontarci, noi ti ascolteremo.

  126. miele dice:

    Ciao Luna…ma quanti traffici di pretendenti hai?!?
    Sulla cucina macrobiotica lascio la parola a Vaniglia, se vuol dirci qualcosa…poi magari esprimerò il mio punto di vista…adesso infatti devo scappare a fare alcune commissioni!
    A dopo
    bacio

  127. Aleph dice:

    Buongiorno buongiorno buongiorno!!!

    Azimut…condivido quanto scritto da Miele…non ci sono parole troppo brutte, troppo dense, troppo dolorose per essere scritte. Non ci sono cose talmente indicibili da non poter essere dette. C’è sempre qualcuno disposto, pronto ad ascoltarle. Non c’è nulla di troppo brutto per scriverlo qui.

    Vaniglia….credo che Luna abbia ragione, se pensi che non riuscirai a mangiarla, nonostante sia solo un tuo schema, riportala indietro e preparati qualcosa che sei sicura di mangiare e di trattenere…poi ho una domanda da farti. Quando scrivi, principalmente, o parli delle liti in famiglia, o di quello che mangi/vomiti…perchè per una volta non provi a parlare anche di altro?chi sei tu?cosa ti piace fare nella vita?perchè stai male?
    Non prenderla come un’intrusione, non è per farmi i fatti tuoi, e se non ti va di rispondere, non preoccuparti. E’ solo che, secondo me, quando scrivi trasuda un’aria di normalità. Come se ci stessi facendo un resoconto, non un racconto in prima persona con i tuoi sentimenti, le tue paure,i tuoi dubbi. Perchè non provi per una volta, che ne so, a raccontarci i tuoi sogni?
    Il mio vuole semplicemente essere un tentativo di stimolare un discorso, una riflessione che magari può aiutarti a uscire per un attimo dagli schemi…cosa ne pensi?

    Miele….buona giornata!

    Chiara…sono davvero felice tu abbia trovato questa persona disposta a seguirti e che lei sia così affidabile, presente, gentile, disponibile. Sfrutta questa possibilità nel miglior modo possibile. Non sai cosa dirle stasera?Non importa, non lo devi sapere adesso e, soprattutto, non credo (poi ditemi voi se mi sbaglio) che tu debba preventivare tutto a tavolino quello che le dirai. Vai tranquilla e vedi come va. Non ci pensare ora. Ti penso.

    Scrivendo queste cose a Chiara, mi è venuta una domanda da fare a chi mi vorrà rispondere…è una domanda un pò personale e intima forse, ma boh prendetela come una piccola curiosità…mi chiedevo: come funziona a grandi linee una seduta con lo psicologo?Che ne so, lui/lei inizia a parlare, a fare domande personali o boh…non lo so, è proprio una curiosità, data anche dal fatto che mi sarebbe piaciuto molto studiare anche psicologia,e magari in futuro lo farò…non voglio sapere cose personali, solo più o meno come si svolge la seduta…dato che alla mia amica non posso chiedere niente, le cose che mi dice me le dice di sua spontanea volontà ma sono sempre frasi o immagini accennate, senza mai approfoondire, e io non vorrei sembrare invadente…
    qualcuna si sente di rispondermi???Eddai, toglietemi questa curiosità!Non dovete scrivermi quello che voi in particolare avete detto/dite nelle vostre sedute, solo come è impostata…

    Bene, dopo questo momento di curiosità, direi che per il momento è tutto…

    buona mattinata

    Aleph

  128. Azimut dice:

    Aleph la mia seduta si svolge più o meno così. Mi siedo sul divano, la psicologa si mette davanti a me sulla sedia e aspetta che inizi a parlare. E’ buona di restare in silenzio anche parecchio tempo senza togliermi gli occhi di dosso. Quando sono in preda al silenzio però in genere sono anche parecchio agitata, per cui o mi arrotolo e mi srotolo nel plaid che tiene sul divano, mi massacro le mani, il maglione. Allora lei mi chiede cosa c’è e se proprio non rispondo ancora butta là qualche considerazione generale del tipo “mi sta trasmettendo tanta agitazione, mi piacerebbe sapere cosa sta pensando; … mi piacerebbe condividere quello che la sta turbando e pensare insieme come mai”… Raramente inizia a parlare per prima, a volte lo fa quando nei giorni precedenti le ho mandato una mail che ritiene di dover approfondire e allora magari mi chiede cosa volevo dire con quel messaggio, come mi sono sentita quando l’ho scritto, cosa ne penso in quel momento. A volte invece entro e inizio subito a parlare, lei non cambia mai e poi mai il discorso che apro io. Mi ascolta attentamente, cerca di farmi dire cosa ne penso, se mi vengono in mente altre immagini, associazioni e via così. Altre volte ancora le parlo dei sogni, per prima cosa prova a farli interpretare a me e poi mi dice cosa sente dentro lei. Ecco, diciamo che quando parla emerge bene il fatto che mi sta riportando quello che le mie parole provocano dentro di lei, come dire è sempre molto soggettiva. Non so se sono riuscita a renderti un minimo l’idea di come si svolge una seduta, fammi pure domande più specifiche se credi. Un abbraccio

  129. Aleph dice:

    Grazie Azimut!
    No no mi hai risposto benissimo invece!Era proprio quello che intendevo…mi chiedevo proprio se fosse lei/lui a indirizzare il discorso, cercando di tirar fuori un argomento piuttosto che un altro, oppure il contrario…
    Hai reso l’idea…grazie!

  130. Azimut dice:

    L’amore ha un trionfo e la morte ne ha uno,
    il tempo e il tempo che segue.
    Noi non ne abbiamo.
    Solo tramontare intorno a noi di stelle. Riflesso e silenzio.
    Ma il canto sulla polvere dopo,
    alto si levera’ su di noi.

    (INGEBORG BACHMANN)

  131. miele dice:

    Aleph, io ho avuto tre psicologi finora. Il primo (ero giovane, all’inizio del disturbo alimentare) era un uomo…mi metteva molto a mio agio e stava sempre in silenzio, mi lasciava tempo e spazio per ritrovarmi. Non ho sfruttato a pieno quelle sedute perchè ero totalmente scollegata dalla realtà, in quel periodo, e ora me ne dispiaccio. Poi ho iniziato nel centro dove sono adesso…con una psicologa donna, molto giovane e piacevole…lei iniziava sempre con “allora, miele, come stai oggi?” e poi mi lasciava parlare. ogni tanto riassumeva quello che avevo detto, per sincerarsi di aver capito bene. alla fine tiravamo le somme insieme. Spesso svolgevamo l’incontro sedute per terra, fra cuscini e tappeti colorati, senza le scarpe. Era molto empatica, non riusciva a volte a trattenere le lacrime. Lei ora per un periodo non può lavorare, così è arrivata una nuova psicologa. con lei stiamo sedute sulle sedie. Ha una personalità totalmente diversa ed un impostazione molto più cognitivista, non sembra coinvolta dai miei discorsi, scrive tutto tutto e non mi guard ain faccia, durante la seduta facciamo anche 4-5 cose diverse, lei ha un apsecie di scaletta delle cose di cui vuole parlare, non solo dirige il discorso ma mi dice anche come stare seduta, mi fa domande volte ad arrivare alla risposta a cui vuole arrivare…insomma, al di là del trovarmi bene o male, ti volevo illustrare le diverse possibilità che ho sperimentato. Io trovo comunque sempre molto strano andara ad una “seduta”..nel senso, entrare nello spazio terapeutico, che è in ogni caso ben impostato secondo criteri che il terapeuta ha chiari (anche i colori della stanza, la disposizione degli oggetti…)…mi fa strano, mi sembra di entrare in una specie di bolla…e poi non riesco mai a “sfogarmi” nel vero senso della parola…anche perchè non credo sia quell olo scopo per cui vado. A volte in realtà mi chiedo perchè ci vado. Non che non mi serva, anzi, ma mi sembra che le mie sedute non scavino mai abbastanza…poche volte mi lasciano tracce emotive…non so, forse è un problema mio. Magari il dott. Piccini può o vuol dire qualcosa in proposito.

  132. miele dice:

    Azimut, parli della morte di qualcuno o della tua morte-in-vita?

  133. Aleph dice:

    Grazie Miele, grazie davvero anche a te!

  134. Azimut dice:

    Miele… mi riferivo a entrambe le cose…
    Lo spazio dove si svolge la seduta lo sento invece molto “mio”, è un po’ la mia casa, la mia vera casa. Perché io là dentro sono me stessa, è il posto dove dare parola alle mie emozioni, al mio sentire, ai miei silenzi. Quando esco da lì mi sembra di entrare in un mondo altro, ma soprattutto mi porto dietro una carica emotiva enorme. E’ talmente forte che dopo il primo mese durante il quale facevo una sola seduta la settimana abbiamo deciso di farne due perché io restavo schiacciata dal peso di tutte le emozioni che mi portavo dietro. Ogni seduta è una sorta di rivelazione, un frammento che va a ricollocarsi al suo posto

  135. silvia dice:

    Buongiorno a tutte, LunaBlu si le ho viste le foto e te l’ho anke scritto sul blog…complimenti…secondo me lui è solo geloso di perderti e cerca di tagliarti le ali…ma tanto t’ha già persa!

    Miele e tutte le altre ke me l’hanno kiesto ieri ce l’ho fatta, ho trattenuto , ma nn mi sento di accogliere i vostri complimenti xkè in realtà mi sento male. Nn sn felice d’aver mangiato, vivo dei sentimenti molto contrastanti, faccio violenza a me stessa. Cm alcune sanno il mi skema nn è “certi tipi di alimenti”, il mio skema è il vuoto, il nulla…e cn il nulla nn posso andare avanti, quindi ora x me il pasto è un imposizione ke mi do x sopravvivere ed è difficile x me. Nn sto bene cn me stessa, ma devo andare avanti.
    Ho una domanda, normalmente nn percepisco nulla del mio corpo…qnd mangio me lo sento ingombrante e impedita…voi ke mi dite a riguardo?

    Chiara coraggio, nn è concldere un problema l’averlo tirato fuori, è solo aver avuto il coraggio di ammetterlo e se stessa e agli altri. Io ho un suggerimento x te, x affrontare questa seduta: stampa il post ke hai scritto e portalo cn te, leggilo a lei xkè io ci vedo espressi moltissimi punti ke hai bisogno di comuniarle.

    Aleph cn me la dott inizia kiedendomi cm è andata e cm sto…e poi io inizio a parlare…lei mi interrompe ogni tanto e mi spiega alcuni meccanismi…mi suggerisce cose da fare, ma l’argomento partre da me. Avvolte ho la stessa sensazione di Miele, ke nn valga la pena, ke sia una cosa inutile ke nn mi scava o cambia + di tanto, ma altre volte invece è l’opposto…insomma x me nn è facile affronatre l’analisi, ma credo x nessun altro e cmq le cose ke sn dette lì dentro nn avrei il coraggio di ripeterle altrove.

    Azimut…

  136. claudina dice:

    Buongiorno a tutte e buongiorno a te Aleph…primo giorno senza febbre,mamma mia che batosta sta inluenza,sono uno straccio…anche perche’ nonostante stessi male,ho ristretto piu’ che ho potuto tutta la settimana,non ho fatto fatica perche’ la febbre mi teneva una strana nausea e quindi pochissima fame…sono andata avanti a mele ed arance,solo ieri sera ho mangiato pollo e un po’ di pane…la frutta inizia a farmi male pero’…mi fa venire mal di pancia e di stomaco..mi chiedo come faro’ visto che vado avanti con quella:(stamattina ho ricominciato a fare quaalkosa in casa,ma le gambe nn mi reggono..mi sento cosi’ inutile…

  137. pina dice:

    buongiorno ragazze, aleph, tutto bene? domanda sciocca!

    chiara* il mostro è dieto la porta sempre e nonfa altro che aspettare un tuo vacillo, oggi a pranzo cerca di prendere qualcosa, è inutile saltare un pasto, è il mostro che vince….sii forte e cerca di mangiare qualcosina, noi siamo con te non temere.

    miele spero per te che la tua terapista orni presto, se quella di ora non i aiuta a liberarti come vorresti forse il vosro approccio è sbagliato, cosa ne pensi di parlarne con lei? perchè non provi a dirgli le stesse cose che hai scritto?

    luna io ti stacco la testa se non la pianti co sti tipi….per quanto riguarda quell’essere schifoso la prossima volta che ti tocca prova a dirgli ch elo denunci se continua a violentarti.

    vaniglia io ci sono sempre, sto aspettando un tuo miglioramento, mangia ciò che ti piace senza esagerare, il mal di testa scomparirà quando farai pasti regolari tutti i giorni

    maria letizia, andare a riposare alle 20.00 non è sbagliato se sei esausta, l’importante è ceh dopo tante ore di sonno tu non ti svegli con il mal di testa.

    uhmhm, 3/4 di pizza!!! eccezzionale, no, non devi sentirti in colpa ma ogogliosa di te

    nuvola, il tuo ragazzo è latitante? non credi che, se tu tenessi un pochino di più alla tua persona sarebe più presente? quello che abbiamo, se ci teniamo, bisogna che ce lo coltiviamo non dimenticarlo.

    scusate se non vi commento tutte, io non sono molto presente nel blog ma vi assivcuro che vi penso tutti i giorni

    vi mando un bacio e un caloroso abbraccio, cercherò di venire più spesso a salutarvi

  138. Aleph dice:

    Pinaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!Che bella sorpresa trovare un tuo post!!!!!!!!!!!!!!

    Grazie di essere passata!!!!!Spero tu stia bene, quando riesci passa e raccontaci anche di te!!!!!!!

  139. miele dice:

    silvia ti rispondo al volo: anch’io non sentivo nulla del mio corpo…anzi, sentivo di essere una specie di contenitore vuoto e pulito…mangiando la sensazione cambia…io quando ho ricominciato, pensavo che dopo pranzo avrei potuto rotolare, tanto mi sentivo gonfia. Ma sai, davvero è solo una sensazione. Non lasciarti spaventare più del necessario. E soprattutto cerca di stare rilassata nella zona addominare, altrimenti ostacoli tu stessa la digestione.
    Proprio oggi sono andata in erboristeria e mi sono fatta miscelare gli ingredienti per un infuso che dovrebbe avere proprietà digestive e lenitive, ed aiutarmi a non sentire quel sonno tremendo, quella testa piena e intontita che di solito mi prende dopo pranzo…perchè la cosa mi causa brividi, mal di testa, tantissimo disagio e ne ho le p… piene. Lo sto bevendo adesso, se funziona poi vi dico!

    pina nella psicoterapia va tenuta in conto l apersonalità del terapeuta, che non può non influenzare la seduta. la mia psicologa di adesso è un apersona molto rigida, si vede subito ed è il suo carattere…si vede che con altre ragazze va bene così…in ogni caso, ci sono anche aspetti positivi e cerco di concentrarmi su quelli. se vedo che il mio disagio aumenta, proverò a parlargliene.

    Vado al lavoro..oggi per fortuna qui c’è il sole!

    A stasera

  140. miele dice:

    ho scritto addominaRe, intendevo addominaLe. sorry :)

  141. Ilaria dice:

    Altro giorno, ennesimo fallimento… non so più che fare, non so a chi chiedere aiuto!

  142. Chiara* dice:

    La mia psichiatra è una donna molto molto dolce.
    Il suo aspetto in primis mi infonde tranquillità e fiducia. E’ giovane (avrà si e no 40 anni al massimo), con un cespuglio di capelli ricci e rossi, le lentiggini e dei vestiti sempre coloratissimi e strani. E il suo sorriso… è così bello!
    Non c’è un luogo preciso dove svolgiamo le sedute, perché lei essendo la co-direttrice di un ospedale psichiatrico oltre che lavorare per la ulss, mi fissa gli appuntamenti a seconda di dove si trova quel giorno.
    Stasera ad esempio saremo nello studiolo dell’ ospedale dove lei è di guardia.
    Gli ambienti dove ci incontriamo sono molto impersonali e tipicamente ospedalieri.
    C’è una scrivania, ci sono le sedie, una libreria con miriadi di libri e altri oggetti insignificanti.
    Di solito quando entro dalla porta mi viene incontro, mi da la mano, mi fa accomodare e inizia con un “Salve Chiara, allora come stiamo oggi? Come va?” e da li io inizio a parlare.
    Stiamo sedute una di fronte all’ altra e lei mi guarda sempre fissa negli occhi.
    Lei ogni tanto mi ferma per fare delle considerazioni, delle domande e mi porta a ragionare e razionalizzare quanto detto poco prima.
    Del disturbo alimentare non si parla mai tantissimo.
    A meno che non sia lei a cercare di fare dei collegamenti con quello che le racconto.
    Diciamo che faccio ancora fatica ad affrontare l’ argomento con serenità anche perché so che lei ogni volta che ci si arriva, insiste sul fatto che dovrei iniziare ad essere seguita anche dal nutrizionista. Cosa per la quale io al momento ancora non sono pronta.

    Pina sono contentissima che tu sia passata a trovarci. Vieni più spesso, ok?

    Silvia i nostri complimenti te li meriti pienamente perché stai dimostrando un coraggio e una voglia di reagire davvero incredibili.
    So che tu non stai bene, perché questo comportamento per te è inusuale e ti fa paura. Ma non pensarci.

    Azimut non so che parole trovare per aiutarti. Traspare così tanto dolore da ciò che scrivi… vorrei poterti stare vicina e abbracciarti forte.
    Non lasciare che questi pensieri tormentino la tua anima. Cerca di reagire.

    Claudia mi fa piacere che pian piano tu ti stia rimettendo in forze.
    Cerca di mangiare, ti prego… sei delibitata e debole. Non puoi permetterti di restare a digiuno o di tirare avanti a briciole. Ti prego.

    Miele… grazie.

    Vi abbraccio

  143. Chiara* dice:

    Ilaria devi fare qualcosa. Subito. Non puoi continuare in questo modo.
    Ti stai struggendo con le tue stesse mani. Hai bisogno d’ aiuto, sì. E’ ora di chiederlo davvero.
    Non dicevi di esser seguita da un terapista? Prendi in mano il telefono e chiama! E non vergognarti di farti aiutare da chi ti sta vicino. Chi ti ama è disposto a starti accanto, a raccoglierti quando cadi ma devi dargliene la possibilità.
    Non lasciarti andare così…

  144. silvia dice:

    Grazie x le vostre risposte, Miele infatti mi sembra di rotolare…ma nn devo pensarci, no, devo assecndare la mia fame e basta.

    Chiara ma lo sai ke la tua descrizione della psic. coincide cn la mia? l’aspetto fisico intendo, x il resto la mia è molto sabile nel suo studio tutto pieno di calma, quiete, compresa la fontanella dell’acqua ke scroscia…

    Ilaria kiedi aiuto a ki ti segue, nn temere, devi fare qlc!

    Pina…il tuo posto qui ci sarà sempre…

  145. uhmhm dice:

    Chiara, stanotte ti ho sognata. Mi sento in colpa per quello che ti ho detto laltra sera.

    Grazie Pina, che piacere risentirti.

    Silvia, ascolta i consigli di Miele. Persevera, continua a farlo.

    Oggi mi sento la più grande perdente dell’universo:
    !. continuo a rendere peso attraverso le abbuffate.
    2. metto questa sconfitta con il cibo sempre al primo posto.
    3. ieri sera mi ha scritto su skype il professore della tesi ma non ho saputo rispondere.
    4. Io, la tesi, non sto riuscendo a farla.
    5. Allontano tutte le persone che tentano di starmi vicine. Povera mamma compresa.
    6. mia mamma è spaventata perchè le hanno trovato dalla mammografia un nodulo al seno. Come l’anno scorso. Ma nonostante questo non riesco a starle vicino, dice io la continuo a punire. Lei, soprattutto dopo che lo ho parlato di nuovo lunedì è così carina gentile e dolce con me. Io non ci riesco. Sono solo un’egoista.
    7. Settimana prossima devo andare a Verona. Ci sono le lauree dei miei compagni di corso. Ma non la mia. Quella non ci sarà mai.

    Mi sento male, vorrei impegnare in modo produttivo le mie giornate ma non ci riesco.
    Piango, che è meglio.

  146. Chiara* dice:

    Uhmhm innanzitutto non dire stronzate!
    In colpa per che cosa??? Non mi hai detto assolutamente niente di male, anzi! Quindi togliti dalla testa questo pensiero per favore. Ok? Se no mi arrabbio!
    Come devi toglierti dalla testa il sentirti una perdente.
    Non lo sei. Stai cercando di combattere, ci stai mettendo tutta te stessa. Purtroppo inciampare, cadere, farsi male… è normale. Non lasciarti schiacciare da questi pensieri.
    Inizia con il fare qualcosa di concreto per te stessa e smetti di vedere sempre tutto nero.
    Ora stai così, sei affranta, avvilita, spaventata. Ma datti tempo e poi inizia a ragionare lucidamente. Vedrai che troverai un sacco di cose in te e nella tua vita x cui sentirti soddisfatta, per cui gioire.
    La tua mamma ora ha bisogno di te. Stalle accanto, donale un sorriso. Metti da parte il rancore e la rabbia. Starai sicuramente meglio.
    E soprattutto non aver paura. Vedrai che quel nodulo non sarà niente di irreparabile.
    E settimana prossima, quando sei a Verona… fammelo sapere x tempo. Che magari passo fino in università a fare un giro.
    Mi hai sognata? E cosa hai sognato? Com’ ero? Cosa facevo?

    Silvia non stai rotolando. Il tuo corpo non è cambiato e non sta esplodendo.
    Semplicemente deve riabituarsi al cibo e per questo credo ci voglia molto tempo e molta pazienza.
    Ma tu non hai fretta, giusto? In queste cose ci vuole tutto tranne che la fretta.
    Io credo in te.

    Vi abbraccio.
    Non credo ci sentiremo prima di stasera.

  147. Vaniglia dice:

    Ciao a tutte….
    MIELE, non seguo la cucina macrobiotica ma, questa zuppa di miso mi destava curiosità e ho voluto provarla…cmq, anche il pesce mi piace…

    LUNA BLU; ti ringrazio sempre per il tuo modo di vedere le cose…non saprei proprio come fare senza di te a scovare quelli che tu definisci meccanism malatiche, magari a volte ci sono pure…ma non è mica sempre così! GRAZIE 1000 –

    PINA, mi piacerebbe tanto che tu conoscessi la mia situazione! ti aggiorno subito: i pasti regolari li faccio da un bel po’ e non vomito più…il problema è che di mal di testa del trigemino si può stare molto male! e quando poi ti prende il fuoco di sant’antonio o herpes zoster al trigemino non è così facile non avere mal di testA! SPero tu mi legga, SOLO X capire che sto passando ben altro che il vomito! – cmq, forse sono io che non ho più voglia di vederti! grazie di tutto!

    Aleph….ti penso spesso!
    A presto ragazze…vado a mangiarmi una mela!

  148. Luna Blu dice:

    Pinaaaaaa te la spacco io la testa se non la smetti di ferire le persone qui….che son fragili e molto sensibili!!! ;-) … sei peggio di me!!!!! Ma io son un caso irrecuperabile!!!!!! Qui lo sanno che dico sempre quel che penso…cmq ho già detto una volta che nn avrei commentato più Vaniglia…perchè lei ci resta male…in futuro non lo farò più…
    L’ho fatto anche io il fuoco di sant’antonio…nn esiste qualcosa di più doloroso giuro!!!!!…mi han detto che si fa da giovani solo se l’organismo è particolarmente invecchiato e compromesso…ma ci son anche altri motivi…

  149. pina dice:

    luna, io non ferisco nessuno dico solo ciò che penso, ognuno nella vita fa le sue scelte, chi scrive quì sopra è soggetto a commenti, si mette in gioco.
    cmq a vaniglia voglio dire una cosa, so che non vuoi essere commentata come mi hai scritto per msn ma questo te lo devo, sai il motivo per il quale non ci siamo più viste, se non lo sai te lo ripeto, se non prendi peso io non me la sento di vederti, ho paura per te…sei troppo magra e ho il terrore che possa succederti qualcosa da un momento all’altro, se poi succde quando sei con me non saprei neanche come comportarmi, chi dovrei avvisare…..non mi sento in colpa per la scelta che ho fatto, a te serve tempo per capire e assimilare, son sicura che quello che hai scritto non lo pensi, sai dove puoi contattarmi quando ti sarai calmata.

  150. claudina dice:

    …il uoco di S.Antonio lo possono fare tutti,vecchi o giovani…bisogna aver passato la varicella pero’..in quel caso il virus che la provoca che e’ il medesimo dell’herpes zoster,rimane per sempre nel corpo,in uno o piu’ momenti della vita in cui le difese sono basse, esso ricompare provocando il dolorosissimo fuoco di S. Antonio…

  151. claudina dice:

    VANIGLIA: Non prendere a male cio’ che ti ha scritto Pina, anche io sai da quando non mangio ho spesso mal di testa… poi che adesso il tuo mal di testa dipenda dal trigemino ( e che gran male dev’essere) e’ un altro discorso…se non vomiti ,sono veramente contenta! Adesso hai anche l’herpes con cui combattere e il vomito non ci vuole proprio! Un abbraccio.
    CHIARA: Un bacione grande.

  152. Luna Blu dice:

    Infatti Claudina…in momenti della vita in cui le difese son basse….

  153. uhmhm dice:

    Grazie Chiara.
    Nel mio sogno, aevi dei bellissimi lineamenti ma eri magra, molto.
    Quello colpiva, ma soprattutto uno sguardo stanco, dolce, ma spento.
    Mi spiegavi una cosa con estrema calma ma eri comunque stanca.
    Avrei voluto aiutarti, ma il mio sguardo non era diverso dal tuo.
    Avevi una grossa valigia, ti ho chiesto dove stavi andando e dicevi a Firenze.
    Mah.

    Continuo a mangiare, non riesco a fermarmi, a volte ingurgico cibo con le lacrime agli occhi. Ma dopo, ricomincio.
    Arriva mia mamma tra poco, le preparo una merenda e sto un po’ con lei.

  154. Azimut dice:

    Continuo a tremare. Ora c’è una cappa di solitudine intorno a me

  155. silvia dice:

    Azimut nn 6 sola, io ci sn, noi ci siamo…

    Chiara grazie…in effetti nn ho fretta, anke se mi sembra di stare perdendo tutta la mia vita a nn far nulla, a nn cocnludere nulla…a te cm è andata la terapia? 6 riuscita ad aprirti?

    Uhmhm sapessi cm sn vicina a ciò ke provi, quello stato di insoddisfazione xkè ci sembra di nn far nulla, ke la vita degli altri prosegua e ke noi siamo ferme su noi stesse e sulle nostre cavolate…ma ke oi nn sn tali. E qnd dici ke nn vali ke nn arrivarà la tua alurea, è ciò ke dico anke io…ma tu 6 alla tesi..l’hai conclusa…ce la farai…ma qnd imparerai ad accettarti e nn a senirti sempre perennemente in colpa. E’ capitato anke a me di nn riuscire d essere vicina alle persone care qnd stavano male…nn so xkè ma al posto di avvicinarmi, di essere accondiscendente o affettuosa…bè tutto l’opposto o peggio, la ricerca del distacco…nn so xkè, nn so perkè provo questo,forse un meccanismo di difesa, xkè nn riesco mai a vivere in modo staccato le vicissitudini altrui…in passato è stato così, ma so ke nn siamo noi, ke nn sn insensibile o egoista, so ke ora nn riesco a provare niente, emozioni e sentimenti, ma so altrettanto bene ke nn sn io questa!!! solo questo pensiero mi rasserena un pò. Scusa la comlessità del discorso, nn so se sn riuscita a spiegarmi.

    LunaBlu condivido ciò ke hai scritto a Vaniglia, infatti io nn commento nn xkè nn mi interessi, ma x nn ferire nessuno.Cmq tu cm stai oggi?

  156. Ilaria dice:

    Tante cose, troppe e tutte insieme… genitori che non perdono occasione per farmi sentire una fallita… una casa che non riusciamo a comprare per mancanza di fondi… il ciclo è scomparso di nuovo ma ho i dolori da un mese… di figli non se ne parla proprio… mentre vedo che tantissime mie coetanee, ex compagne di scuole o vicine di casa, sono già mamme, e io mi sento sempre più inadeguata e vecchia ogni giorno che passa. Le terme… tanto sospirate… ma subito il pensiero mi è andato al costume da bagno… se prima avevo dubbi ora di sicuro non riuscirò più a indossarlo… 10 kg in meno di una settimana… la gonna nuova già dismessa, non ci entro più… scusate i troppi puntini di sospensione, è che non so proprio come legare tutti questi pensieri, dare loro un senso, ma soprattutto risolverli.
    Prendetevi cura di voi, mi raccomando.

  157. Azimut dice:

    Non voglio essere sepolta nella terra…voglio essere cremata…oggi non riesco ad avere altro pensiero…scusate…ho bisogno di dirlo a qualcuno… mi dispiace

  158. uhmhm dice:

    Silvia.. capisco ciò che dici.
    Io di solito sono sempre stata quella che ascoltava, che dava consigli se erano necessari. Non lo so, di solito alle persone faceva piacere parlare con me.
    Ora c’è un blocco.
    C’è un blocco in tutto, in tutta la mia vita.
    Ne abbiamo parlato con la psicologa lunedì, quella mezz’retta che mi ha concesso (è arrivata in ritardo e mi ha liquidata dopo poco), bè secondo lei è inutile che io faccia paragoni con quella Greta là, tanto non esiste. E’ una mia proiezione, che tutti ci eravamo fatti.
    La Greta brava che studia, che è gentile e disponibile, che ha mille interessi e li segue. Semplice, secondo lei quella persona non esiste.
    Dunque, chi accidenti sono io? Io non lo so.
    L’immobilità fatta person forse.
    Silvia, sapere che ti capita di sentirti così mi fa pensare che purtroppo non sono sola. O forse, che ci riusciremo, tutte insieme.
    Intanto qui continua questo strano rapporto con il cibo. Silvia tu hai mangiato anche stasera? ti prego, dimm di si.

    Azimut, terremo a mente la tua richiesta. Tra molti e molti anni però. Dai domani è sabato, sfrutta la possibilità di stare con le tue figlie. Cerca di combattere l’alone di solitudine attorno a te.

    Ilaria. Purtroppo ti capisco. Ho paura che stia succedendo nanche a me. Vorrei trovare qualcosa per aiutarti a smettere, non riesco a dire niente nemmeno a me stesssa. Non so come affrontare ciò che mi circonda e mangio. Non è giusto. Sensi di colpa opprimenti e l’ago della bilancia che sale.
    Che schifo.

    Chiara com’è andata?

    Buona serata ragazze.
    Vi abbraccio forte.

  159. miele dice:

    Azimut, va bene. Lo lascerai detto o scritto a qualcuno, per quando sarà il momento di gestire il tuo corpo senza vita. Ma ora? Oggi? Adesso? Cosa sei, adesso?

    Chiara* che positiva l’atmosfera delle tue sedute! Puoi provare a spiegarmi perchè non te la senti ancora di iniziare col nutrizionista?

    io stavolta, giuro, non ho nemmeno capito bene perchè Vaniglia se la sia presa…

    uhmhm, sei qui a scriverci: e già questo ti rende tutt’altro che perdente.

    Ilaria: STOP. Domani ti svegli e ricominci? Con un comportamento diverso. Chiudi la dispensa, e fatti una lista delle cose che puoi fare durante la giornata. Dà un senso al tuo tempo. Il cibo non risolve nulla. Sarai madre quando iltuo corpo sarà pronto. Anche il mio ciclo mi lancia segnali ma si fa desiderare…e come dargli torto…sono sempre in attività, sommersa da pensieri, parole e opere…e il corpo in qualche modo ci deve parlare…

    dolce silvia, tieni duro anche stasera dai!

    claudina solo frutta e verdura distruggono lo stomaco…ti riempiono l apancia dandoti l’illusione della sazietà, mentre intanto le forze ti abbandonano quatte quatte…

    polla…dove sei? che combini? non disertare, ci manchi.

    l’infuso che ho provato oggi, per ora non è stato d’aiuto…:( ma con le cose naturali bisogna aver pazienza…e non solo con quelle :)

    vi auguro una bella serata angeli

  160. Azimut dice:

    ma io mi sento già senza vita

  161. miele dice:

    ok di nuovo, azimut.
    la domanda è: ma ti va bene sentirti così oppure desidereresti sentirti viva davvero e non sai come fare?
    nel primo caso, io personalmente non ho più nulla da dirti. non voglio sembrare dura, è che qualunque parola cadrebbe nel vuoto, e io non ho parole o energie da sprecare.
    nel secondo caso, proviamo a pensare ad un minimo appiglio per riportarti in vita, che ne dici?

  162. Maria Letizia dice:

    Dalle 15 alle 19…solo pianto e vomito. Perchè? Delusione e solitudine…non riesco a spiegarlo in altro modo. Poi, ho avuto la pessima idea di pesarmi e i 45 kg sono così vicini, da adesso cominca il declino, lo so, è già successo. Per questo la mia dietologa non voleva aumenti di peso troppo rapidi e a causa delle abbuffate, perchè i kg che si prendono in questo modo, si perdono presto, non appena la paura di ingrassare troppo mi porterà alla restrizione totale, come so già che avverrà. Ecco, ho parlato senza maschere e senza ipocrisa, sono tanto triste e scoraggiata, ma sopratutto ho paura, io so chi sono, so vivere con 40 kg addosso, con un corpo che ricononosco, che sento mio, ma ora non so chi sono e non c’è nulla di peggio che smetettere di volersi bene. Ora, verso di me, provo solo odio. Scusate lo sfogo…

  163. Chiara* dice:

    eccomi qui.
    oggi è stata una giornata… diversa.
    mi sono presa il pomeriggio libero e per una volta ho assecondato i miei desideri.
    mi sono lasciata andare, ho messo da parte il senso di colpa e di responsabilità e mi sono dedicata allo shopping.
    non so da quanto tempo non mi compravo qualcosa per me… oggi ne avevo voglia.
    tra le tante cose ho acquistato anche un vestitino molto “frou-frou” e delicato ma cortino che credo sarà alquanto improbabile indosserò mai.
    Ma mi piaceva l’ idea di averlo nell’ armadio.
    Poi sono stata dalla psichiatra. Stasera c’era un’ aria diversa… più amichevole del solito.
    Ora non so descrivervi le mie sensazioni perché sono un groviglio così intricato che fatico io stessa a mettere insieme i pezzi del puzzle.
    Mi ci vogliono sempre un paio di giorni per riuscire a metabolizzare quello che emerge e trarne qualcosa di positivo.
    Sicuramente la seduta di oggi mi ha lasciato qualcosa di buono.

    Miele non mi sento ad affrontare il nutrizionista perché vorrebbe dire abbandonare i miei schemi, lasciarmi andare completamente nelle mani di qualcun’ altro. Cosa che al momento non mi trova pronta.
    So che è un passo che dovrò compiere prima o poi.

    Vaniglia se posso permettermi di esprimere il mio parere (e non è un giudizio, ci tengo a sottolinearlo) allora dico che in questo periodo ti sento davvero diversa.
    Sembra un’ altra persona quella che scrive. Non sei la Vaniglia che avevo conosciuto.
    Sei sempre sulla difensiva, schiva, distaccata. Come se ti volessi difendere a priori da qualcosa che potrebbe venirti detto e che non accetteresti.
    Questa è la mia impressione e credimi, mi fa male sentirti così.

    Azimut io non so davvero cosa dirti.
    Se non che leggere ciò che scrivi mi spacca il cuore a metà. Nessuno può comprendere il tuo dolore. Ognuno lo vive a modo suo e solo noi sappiamo cosa ci portiamo dentro e perché.
    Ma tu adesso ti stai struggendo continuamente con le tue mani, non ti dai un attimo di pace.
    Le tue sembrano grida d’ aiuto alle quali non c’è niente che possa servire.
    Devi cercare di fare qualcosa Azimut e te lo dico con tutta la sincerità possibile. Così non PUOI permetterti di andare avanti.
    Quello che t porti dentro ti sta lacerando. Ti stai lasciando andare ogni giorno che passa sempre di più e non puoi permettertelo.
    Perché hai tutta una vita davanti che ti aspetta e tante persone attorno che vogliono viverla insieme a te!

    Uhmhm capisco cosa provi. Mi sembra di sentirlo sulla mia pelle… quella costante e perenne insoddisfazione, quella estenuante corsa alla ricerca di te stessa e di qualcosa che ti possa far sentire viva.
    E il corpo, che diventa uno strumento sul quale proiettare il dolore, il capro espiatorio di tutto quanto.
    E del sogno che mi dici? Sai che a Firenze ci devo andare per davvero in aprile???
    Ehi, se la settimana prossima ti va di prendere un caffè… basta dirlo.

    Silvia non stai assolutamente perdendo la tua dietro al nulla. Ti stai impegnando a costruire qualcosa per te, ti stai impegnando per tornare ad essere quella che eri. Stai lottando contro i tuoi demoni e in questa battaglia sei sola contro tutto e tutti. Ma proprio per questo devi sentirti forte. Perché ce la stai mettendo tutta.

    Ilaria mi dispiace tantissimo sentirti così… vorrei poterti dire qualcosa ma non so proprio trovare parole che abbiano un senso.
    Devi cercare di trovare un nuovo punto di partenza, qualcosa da cui ricominciare.
    Il cibo è solo un mezzo per farti del male. So che è difficile, dio se lo so!
    Ma non è impossibile cambiare. Non accade tutto d’ un tratto. Ci vuole tempo, ci vuole impegno, ci vuole forza di volontà.
    Allora forza, tira fuori la grinta e inizia a lottare. Per i tuoi sogni, per quello in cui credi, per quello che vuoi.

    Claudia non puoi andare avanti così, te ne rendi conto? L’ esserti ammalata è diventata l’ ennesima scusa per non mangiare e ora? Pensi di poter continuare con questa storia all’ infinito? No.
    Cerca di ritrovare un po’ di lucidità. Cerca di trovare un po’ d’ amore per te stessa in qualche angolino del tuo cuore.
    Ti sono vicina.

    Pina sono felice di leggerti. Mi metti il buon umore! E le tue parole sono sempre così cariche di verità… grazie.

    Maria Letizia come è andata la tua giornata oggi?

    Laura dove sei? Come stai? Ci sono novità positive oggi? Ti penso tanto.

    Marianna, Girasole che fine avete fatto?

    Angeli vi auguro la buona notte. Aleph a te un abbraccio forte-
    Sono molto stanca e ho bisogno di dormire.

  164. Chiara* dice:

    Maria Letizia ho letto solo ora il tuo post… non posso che dirti che ti stringo forte e che purtroppo, ti capisco bene.
    E’ una strada difficile.

  165. silvia dice:

    Miele, Uhmhm no, stasera nn ho ancora cenato…ma ci sto riflettendo, mi ci sto convincendo e dopo andrò…tengo duro…mi sento male, ma devo andare avanti!

    Uhmhm no, nn 6 sola, capita anke a me di sentirmi così…ma portare tutto su un piano reale e pratico aiuta molto, credimi. nn pensare a ki eri…pensa a ki vuoi essere e percorri quella strada.

    Azimut nn va bene così…tu 6 viva! hai dato vita a 2 splendide figlie e puoi VIVERE di emozioni, ma devi farti forza!

    Girasole, Laura, Polla vi penso molto.

    MariaLetizia Ilaria…

  166. silvia dice:

    Chiara sn contenta ke sia andata bene cn la psicologa, ma 6 riuscit a tirare fuori tutto?
    Ragazze…Firenze…ke bello….vorrei andarci anke io!

  167. Chiara* dice:

    Silvia non andrò a dormire fino a quando non avrò letto che hai cenato.
    Quindi per piacere… fai in fretta che sto crollando dal sonno!
    Mamma mia, ti rendi conto di quanti passi avanti stai facendo?
    “mi ci sto convincendo e dopo andrò…tengo duro…mi sento male, ma devo andare avanti!” sembra impossibile che sia tu a parlare. E’ bellissimo tutto questo Silvia.
    Non mollare, ti prego. Anche se è dura, anche se hai paura, cerca di trovare dentro di te quella forza che sai provenire dall’ essere cosciente che quello che stai facendo è normale e indispensabile per stare bene.
    Firenze… è la città che amo di più in assoluto. Non vedo l’ ora di tornarci. La visitai da piccola e ora voglio rivivermela con la consapevolezza e la maturità adatte per coglierne ogni meraviglia al 100%.

    Con la dottoressa mi sono aperta QUASI del tutto. Certe cose ancora faccio fatica a dirle apertamente, ma so che lei capisce benissimo quello che intendo.
    Stasera mi ha fatto notare per l’ ennesima volta quanto io sia condizionata dal senso del dover essere e dover fare.
    Di quanto per me la figura “dell’ altro” sia invalidante da un punto di vista emozionale.
    Pian piano arriveremo ad aprire tutte le serrature. Quando troveremo le chiavi giuste.

    Dolce notte angeli.

  168. Azimut dice:

    Miele se mi andasse bene di sentirmi così qui sopra non ci sarei venuta, non lotterei per mangiare ogni boccone che riesco a buttare giù, non farei il duro lavoro che sto facendo su me stessa e questa sarebbe la mia vita…non ne avrei paura.

    Oggi ho visto seppellire un bambino, aveva sei anni. L’ho visto accasciarsi in sei mesi sotti i colpi implacabili della malattia. Era irriconoscibile. Ho dentro gli occhi di quel padre e di quella madre. Ho dentro quella minuscola bara. E la terra che la ricopriva. Non volevo parlarne. Ma sembrava che io passassi da qui a fare capricci, a crogiolarmi nel mio non-essere.

    Chiara* hai i miei contatti. Firenze per me è molto vicina, lo sai…

    Silvia sono fiera di te

    Un abbraccio forte a tutte e ad Aleph

  169. Marianna dice:

    Questa mattina sono la prima ad augurarvi un caloroso buongiorno!
    Sono già sveglia da circa un paio d’ore, i miei sono partiti stamattina all’alba e ho voluto salutarli, dato che non ci vedremo per una decina di giorni.
    Ho fatto colazione, sta diventanto una piacevole abitudine ed è il momento della giornata che più preferisco perchè non vado di corsa.
    Sto programmando la giornata; oggi vorrei andare a fare una passeggiata al mare, non è molto lontano dal posto in cui vivo e spero che il mio ragazzo accetti la mia proposta. Mi piace il mare d’inverno, molto molto di più rispetto all’estate, mi piacciono le spiagge deserte, il profumo di iodio, il vento che soffia tra i capelli, il rumore delle onde…

    Ho letto di voi, vorrei poter avervi tutte quì e abbracciarvi. Siete tutte speciali.

    Silvia, come è andata la cena?Sei riuscita a mangiare qualcosa?
    Devo dirtelo, sono molto molto fiera di te!Anche se la vedi come un’imposizione, ti stai sforzando, stai lottando come una piccola samurai e questo non può che farti onore. Anch’io vedo ancora il cibo come una medicina da prendere per star meglio, in modo particolare il pranzo, perchè è una cosa che ho sempre saltato. E’ difficile mettermi a tavola, la maggior parte delle volte mi ritrovo anche a dover pranzare da sola e poichè la cosa non mi piace invito sempre qualcuno a farmi compagnia. Oppure metto un cd, qualcosa che mi rilassi e non mi faccia fare pensieri strani…Quando sei abituata a non introdurre niente nel tuo corpo, anche una briciola ti da l’idea di gonfiore, ma è una sensazione che pian piano passa. Così come ho notato che più mangio serenamente più mi viene fame. Continua così, SIlvia, non demoralizzarti mai!

    Chiara, ti sento un pò più calma, sbaglio?
    Hai fatto benissimo a ritagliarti un pomeriggio tutto per te, a fare shopping, a coccolarti un pò. Questi giorni devono essere stati parecchio duri per te, meriti un pò di riposo e una vagonata di affetto e abbracci! Rilassati in questo fine settimana e indossa l’abito nuovo, sono sicura che ti sta divinamente!

    Azimut, vorrei trovare le parole giuste per donarti un pò di conforto, è una cosa straziante assistere a ciò a cui hai assistito tu. E comprendo anche il tuo stato d’animo, cavolo se lo comprendo, sei anni fa ho visto seppellire nel giro di pochi mesi uno dei miei più cari amici e il mio ex ragazzo. E’ stata una botta tremenda, ma non ti devi lasciare andare. Tu sei ancora quì, hai davanti a te pagine bianche della tua vita da riempire e vorrei tanto che tu le colorassi di tonalità allegre. Sei una persona straordinaria, ci credo davvero quando te lo dico!Ti stringo forte forte, vorrei tanto che tu oggi sorridessi…

    Ilaria, STOP!!E’ ora di rimboccarsi le maniche, coraggio!Tira fuori la grinta, ce l’hai, l’hai dimostrato, programma una bella giornata da trascorrere con il tuo compagno e riparti da zero!E, se posso darti un consiglio, sfogati, parla, non tenerti tutto dentro…ti auguro una splendida giornata!

    Polla, non latitare!Mi mancano i tuoi post!Corriiiiiiiiiiii!!!!!!!

    Girasole, immagino che le tue giornate siano molto frenetiche…ti penso sempre!Mi manchi tanto!!

    Miele, se trovi un rimedio che allevi la sonnolenza post pranzo ti faccio una statua! E’ una cosa che infastidisce moltissimo anche me, infatti volevo passare in farmacia a chiedere qualcosa come rimedio…tienici aggiornate!

    Vaniglia, mi fa piacere leggere che non stai vomitando. Vedrai, tra poco andranno via anche le bollicine fastidiose…come vanno le cose a casa tua?Riesci ad essere più serena?

    Luna Blu, Pina, Aleph, Etera Danzante, Uhmhm, Laura…vi penso sempre tanto e vi mando una abbraccio avvolgente! :-)

    Ok, è ora di mettermi in moto!

    A più tardi!!

  170. Marianna dice:

    Dimenticavo…
    Uhmhm, non scoraggiarti mai!Scrivere la tesi non è mai semplice, in modo particolare l’inizio è sempre il più destabilizzante ( come tante cose del resto), ma supererai egregiamente anche questo scoglio!Hai affrontato tutti gli esami con successo, vuoi arrenderti proprio ora che sei a 100 metri dal traguardo?
    Devi cercare di sgombrare la mente da tutti i pensieri negativi…anche per me non è semplice, anzi, ci sono giorni nei quali la mia energia è assorbita dai continui meccanismi del mio cervello…mangio?non mangio?quante calorie ho assunto fino ad ora?perchè mia madre mi tratta da schifo?e perchè più di tratta male e più io cerco di farmi voler bene?Arrivo alla sera così stanca che mi sembra di aver tenuto una zappa in mano e in realtà non ho fatto niente di quello che mi ero prefissa. E allora giù con le lacrime, con il senso di fallimento costante che mi porto dietro…ma bisogna reagire!
    Io faccio il tifo per te! :-)

  171. yris dice:

    maria letizia – e l’invito vale anche per le altre -
    BUTTA QUELLLA MALEDETTA BILANCIA!!!!!!!!!!!

    la mia è ancora in garage e ho deciso di non portarla su. anch’io ero terrorizzata dall’aumento di peso, e il il solo vedere l’ago della bilancia che andava sopra il 40 mi faceva star male, ma ho deciso che volevo guarire e che non doveva essere una misera bilancia ad impedirmelo.

    finchè non avrete raggiunto un maggiore equilibro, e forse anche dopo, consiglio vivamente di NON PESARSI, di non misurare ogni giorno ossessivamente i cambiamenti.
    e anche di NON INDOSSARE ABITI TROPPO STRETTI, di prendere quellle striminzite taglie 34 o 36 o 38, metterle in un cassone e regalarle ai BAMBINI figli dei tanti rifugiati che in questi giorni stanno fuggendo dall’inferno d’africa.

    non abbiate paura di perdere il controllo, NON PESATEVI E BASTA, salvo quando ve lo chiede il vostro psicoterapeuta o nutrizonista (e anche in quel caso, io non guardavo)
    lo so che vi costerà, ma qualche sacrificio bisogna pur farlo per guarire, no???

    azimut, io ci sono, ricordalo..
    un abbraccio a tutte

    PS- aleph!!!!! ho sognato di nuovo un uomo che mi baciava… :-) ma questa volta non era giovane come te.. attento chè il mio inconscio ti tradisce.. ehehhe

  172. miele dice:

    Anch’io porto il mio buongiorno, anch’io ho appena fatto colazione guardando il sole dalla finestra.
    Invidio chi abita vicino al mare, perchè anche a me piace da matti il mare d’inverso…l’odore bruciante dello iodio lungo la riva e il vento sporco di sabbia e il cielo senza fine, che in fondo all’orizzonte cade nell’acqua…dio, solo al pensiero mi viene da piangere…malinconia positiva..!
    E adoro anche Firenze!
    Visto che non sono l’unica ad amarla…beh, magari potrebbe diventare la meta di un nostro futuro meeting…non so…butto lì…

    Volevo ripsondere ad Azimut.
    Io non avevo l’impressione che tu stessi facendo “i capricci” qui. Piuttosto, mi sembrava che cercassi conferma all’ineluttabilità del tuo dolore.
    Ci hai parlato di un avvenimento la cui tragicità non è nemmeno lontanamente descrivibile. Tutte noi, o quasi, purtroppo forse possiamo portare esperienze del genere. L’anno scorso un ragazzo molto giovane, che ho praticamente cresciuto come un fratello, si è schiantato in macchina ed è morto sul colpo. Porto dentro questo taglio, questa emozione contorta e strngente, questo senso di marmorea impotenza…
    …ma, come cercavo di dirti ieri, ancora non afferro il collegamento tra l’assenza fisica di qualcun altro, e la TUA assenza-in-vita. Ovvio che quanto ti ho scritto era provocatorio, spero fosse chiaro…io so che se sei qui, c’è un motivo, in cui credi…però di fatto non lo spieghi mai. Non lo ricordi mai a te stessa. Non ti ho forse mai sentita parlare di qualcosa che non fosse dolore, perdita di sè o morte. E non ci credo, non ci credo che la tua vita è solo questo. Liberissima di non andare nei dettagli quando ne parli, ma a volte (quando succede) dovremmo essere in grado anche di ammettere che qualcosa “va bene”…è riconoscenza nei confronti della vita stessa…no?

  173. Chiara* dice:

    Ecco anche il mio di buongiorno.
    Stanotte non sono riuscita a dormire. Alle 4 avevo gli occhi sbarrati e alle 6.30 in preda all’ ansia mi sono alzata, cambiata, messo le scarpe e sono uscita a correre.
    Non c’è niente che mi dia più serenità. Ne parlavo anche ieri con la dottoressa. Correre per me è liberatorio. Riesco a spegnere il cervello, a mettere i pensieri in stendby e STOP.
    Da poco ho fatto colazione e ora… ora devo pensare a come organizzare la giornata.
    Il terrore del vuoto si sta facendo sentire.

    Azimut non so davvero cosa dire.
    In queste circostanze credo non ci siano parole adatte.
    Quella vita spezzata ancor prima di sbocciare deve aiutarti a riflettere su quanto importante sia ciò che hai e che sei.
    Credo che Miele abbia perfettamente delineato la situazione e io sono d’ accordo con lei nel dire che non ci credo che la tua esistenza sia solo dolore.
    Forse ne sei talmente accecata, talmente assuefatta e abituata che non riesci più a sentirti te stessa senza.
    Ma guardati intorno e soprattutto scavati dentro Azimut. Non sei solo un groviglio di linee spezzate, di angoscia, di vuoto.
    Sei una vita meravigliosa.

    Marianna ti sento un po’ più positiva e desiderosa di trovare il modo per stare bene. Questo mi fa davvero piacere.
    Ci stai mettendo tanta grinta e tanto impegno. Coraggio, non mollare!
    Verrei anch’ io a passeggiare sul mare… amo il mare d’ inverno.
    Il fatto che i tuoi se ne vadano per un po’ come lo vivi? Io al contrario di te bramo la solitudine durante i pasti infatti che i miei siano casa lo vivo male anche per questo.

    Miele che programmi per questo week end? Cosa farai di bello?
    Firenze… sarebbe bellissimo…

    Vaniglia come stai? Come si è conclusa la giornata ieri?

    Yris grazie per la tua disponibilità e i tuoi consigli.
    Ultimamente sei così assente… torna + spesso.

    Vi abbraccio angeli

  174. Vaniglia dice:

    Ciao a tutti…
    CHIARA, mi spiace x la nottataccia, spero che questa giornata sia cmq positiva. Io stamane sto andando ai matti x il mal di testa, ma quel che mi preoccupa è l’occhio che sta ricominciando a gonfiarsi…come la sett scorsa. Devo sentire l’oculista. Stasera, vorrei andare al cinema, ma devo fare att.ne a non prender freddo…vedremo. Tu che farai?

    MARIANNA, a casa mia le cose vanno meglio…c’é un bel clima ma non voglio parlare, ogni volta poi succede il ’48! ;)
    Spero vadano via presto…le bolle! poi la gente è ignorante, ti guarda quando vai in giro come fossi un’appestata! Beata te che sei vicina al mare! inteoria anche io potrei andare….devo prendere la macchina e fare un po’ di strada!

    ora vado a portare fuori il cane e a fare la spesa…buona giornata a tutte e Aleph!

    …ah! ma sono così curiosa di vedere una tua foto!! si puòòòòòòò??? la mia mail è: [email protected] – se tiva mandamela.

  175. Maria Letizia dice:

    Dopo una notte piena di incubi, mi sono svegliata anche io, anche se non avrei voluto…avrei preferito una notte eterna. Ho provato a mangiare q,sa per colazione, ma il rifiuto per il cibo è già entrato in azione, non sento la fame , non ho appetito e so che questo durerà per tutto il giorno; tra un’ora arriva una ragazzina per ripetizioni, ma io non riesco a restare snza fare nulla e vado a correre sperando di sfogare un po’ tutta la tristezza che ho dentro…yris, posso anche buttare la bilancia, ma i mei occhi non li posso ingannare, dovrei accettare il mio normopeso, ma questo vuol dire lavorare sulla mia mente e lì che c’è tanta confusione, amarezza e paura.
    Grazie per tutte quelle che hanno avuto una parola per me…

  176. Aleph dice:

    Buongiorno a tutte!!!!!!

    Oggi mi sono fatto proprio una bella dormita, ne avevo bisogno. In teoria avevo puntato la sveglia prestissimo, però poi mi sono riaddormentato!

    Vaniglia!!!!!!!Hai un cane???Che cane è????Io li adoro, ma non posso prenderli causa allergie mia e di mio padre…uffff…la foto..beh, ci penso, magari te la mando tra qualche giorno ok?Spero che il tuo mal di testa passi, perchè posso immaginare quanto sia difficile averlo sempre e costantemente…buona passeggiata col cane!Ti penso…

    Chiara…mi spiace per la nottata. Cosa farai oggi?Programmi?Perchè non leggi un bel libro, comodamente seduta in poltrona?O qualcos’altro di tranquillo, un bel film divertente….ti penso

    Miele!Buona giornata!

    Yris!Sono molto, profondamente, estremamente offeso!Cioè, mi tradisci così!?!?!?!?!?!?Ufffffffffffffff, che sia la prima ed ultima volta ok???

    Marianna!!!!!!!!Brava per la colazione!Ottima cosa, ottime parole, ottima positività!Spero tu riesca ad andare al mare oggi!Io non ci sono mai stato d’inverno, però credo piacerebbe anche a me…mi piacciono i posti vuoti, quando sei da solo, l’infinito del mare davanti a te…sì, credo proprio mi piacerebbe.

    Azimut………………non mi sento di scriverti nulla, voglio solo farti sapere che ci sono, ti tengo stretta e non ti lascio andare. Spero tu mi senta.

    Un saluto grande a tutte le altre, e cercate di passare un bel weekend!!!

    Aleph

  177. Polla dice:

    ..Buongiorno donzellette,
    come è iniziato il week end??? io mi sono riposata per bene,ho quasi finito di colazionare, e sono un po’ rimbambita dalle ore di sonno.. sapete.. anche qsta per me è stata una conquista,nel senso che prima non mi concedevo di dormire fino a tardi,mi svegliavo e mi agitavo,ora invece mi dico che non succede nulla se dormo un po’ di + e che non può che farmi bene.. riposare,permette di avere una mente un po’ + lucida e di staccare per + tempo da quei meccanismi che mi prendono e contro i quali devo agire!
    Ho dei buoni propositi per il week end e spero di farcela..settimana prossima,altra settimana di feste (tra lauree e compleanni) e sono già agitata ora..lo scrivo e cerco di dirmi che non ci devo pensare perchè l’ansia non è positiva e non è funzionale ai miei propositi.. eheheh.
    Leggo di voi e delle vostre lotte e sono contenta.. contenta che ci stiate provando..bisogna perseverare,perchè anche a me capita di farcela e poi di ricadere come una pera in abbuffate di verdura e frutta che poi non fanno altro che farmi sentire peggio.. ma non mi butto a terra,continuo con l’idea che ci riprovo! e ci riprovo.. e ci riprovo ancora.. tengo duro!
    Per uhmhm.. è ben difficile avere un dca e riuscire a fare altro.. nel senso che la nostra esistenza ruota intorno al cibo,alla compensazione,ecc.. quindi tutto ciò che non riguarda qsto genere di cose,per noi è difficilissimo da gestire perchè pare quasi inutile.. ed è uno dei motivi che mi porta a lottare sempre di +,che mi fa venire voglia di sfankulare sti meccanismi per iniziare a fare altro.. anche per me è stato molto difficile gestire esami e anche la tesi della triennale è stata un incubo e infatti ora che dovrò fare quella della specialistica sono super spaventata.. per qsto credo sia fondamentale prendere in mano la situazione e chiedere aiuto. nel senso che iniziare una terapia specifica per dca aiuta davvero tanto a spostare il pensiero,ad avere voglia di prendere in mano la propria vita.. che è davvero quella la cosa che conta e non sono solo parole,altrimenti non soffriremmo così tanto della nostra situazione.
    scusate,ma sono ancora un po’ mezza addormentata.. ahahah.. ora mi faccio un bel caffè e poi vedo di alzare le chiappe da qsta sedia,che non è nemmeno troppo comoda..

  178. Polla dice:

    ..ah,anche io adoro Firenze.. potrei dire che è una delle mie città preferite e ci ho lasciato un po’ il cuore visto che il mio moroso ha vissuto lì per qualche anno e io andavo spessissimo a trovarlo.. da qui ci metto un’oretta o poco +.. quindi.. se volete,io vi raggiungooooooo..
    ..mi avete fatto venire super voglia di andare al mare.. qualcuno sta vicino alla riviera romagnola per caso???.. eheheh.

  179. Chiara* dice:

    Maria Letizia vorrei poterti dire qualcosa per aiutarti a tirarti un po’ su ma so bene che in questo momento niente sarebbe utile.
    Non posso nemmeno dirti che tutto questo è normale, che l’ aumento di peso devi viverlo come una conquista e non come una condanna.
    Perché sappiamo bene che se non si è pronte psicologicamente ad affrontarlo e ad accettarlo non sarà che qualcosa di terribile e inaccettabile.
    Devi lavorare molto sulla tua mente, è vero. Lo stai facendo e non puoi pretendere che arrivi “tutto e subito”.
    Ci vuole tempo. Intanto cerca solo di essere il + serena possibile, anche se è dura.

    Vaniglia per oggi nessun programma.
    Devo ancora sentire Francesco ma preferisco lasciare che si organizzi per fare qualcosa con gli amici.
    Non voglio che si senta sempre in obbligo di stare con me nel week end, anche perché mi rendo conto che per lui è difficile sopportare la mia situazione, e per quanto si impegni e cerchi di fare di tutto per alleggerire le mie tensioni io la vivo male perché non voglio che si sacrifichi per me.
    Credo che andrò a sparare. Non lo so. Vediamo.
    Il tuo cagnolino come si chiama? E l’ occhio come va?

    Aleph io comodamente seduta in poltrona??? Impossibile. Non ci riuscirei.
    Ci provo spesso a cercare di rilassarmi, a prendermi del tempo per “non fare niente” ma non ne sono capace.
    Come mi ha detto la dottoressa ieri “il giorno in cui mi dedicherò all’ ozio completo faremo tutti festa!”. Tu invece che farai di bello?

    Polla i tuoi buoni propositi andranno a finire bene, vedrai. Ce la metti sempre tutta e sono sicura che anche questa volta sarà così.
    Anch’ io non riesco mai a stare a letto la mattina. Per me dormire è una perdita di tempo. Chissà quando riuscirò a cambiare idea…

    Un abbraccio

  180. Polla dice:

    ..Chiara*, dici che ce la farò??? bah.. in un’ora ho già cambiato idea ottanta volte.. ma l’unica soluzione è non pensare e agire,fare quello che si è stabilito a mente lucida, a priori.. qsto lo so. ma non sono così fiduciosa.. avrei voglia di qualcuno sempre qui con me disposto a gioire delle mie conquiste e aiutarmi ad andare avanti.. invece so che qsto lavoro lo devo fare da me. scegliere di non farlo è solo il consolidarsi sempre + di vecchi meccanismi che prescindono dal cibo,ma che si rifanno su di esso..
    Cmq resto dell’idea che sarebbe bello davvero incontrarsi..

  181. Chiara* dice:

    Polla certo che ce la farai.
    E se per qualunque malaugurato motivo non dovesse essere così… pazienza!
    Non può sempre andare tutto come vorremmo. Dobbiamo imparare ad accettare anche una possibile sconfitta.
    Ma sono fiduciosa. Sei una persona estremamente convinta e consapevole di ciò che è, di quelli che sono i tuoi limiti.

    Ilaria come stai oggi? Coraggio.

    Silvia dove sei?

    Claudia hai mangiato qualcosina?

    Ciao ciao

  182. claudina dice:

    Buon pomeriggio a tutti… ho letto un po’ di post,non tutti,sono troppo stanca a anche per leggere..ho una dissenteria tremenda…non tengo nemmeno un bicchiere d’acqua,niente…ieri sera ho mangiato un po’ di bresaola,un po’ di pane,ma subitto dopo in bagno…stanotte avevo sete,ho bevuto e di nuovo in bagno..idem stamattina…faccio fatica persino a parlare…inutile dirvi che sono tutti preoccupati qui..ma io nn so che farci…a malapena riesco a fare 2 cose in casa…e poi mi devo stendere…non riesco a capire se sta cosa sia uno strascico dell’influenza o se ho distrutto l’intestino mangiando solo frutta per troppo tempo…ma come sempre la cosa non mi tocca piu’ di tanto..scivola,come sempre.

  183. claudina dice:

    Oggi e’ il mio compleanno…sono 41..ma chi ha voglia di festeggiare..il mio piccolino mi ha fatto un disegno bellissimo…ha disegnato una bella casa ,vicino c’e’ un bimbo con in mano un palloncino colorato a forma di cuore..in alto la scritta: BUON COMPLEANNO MAMMA!

  184. Chiara* dice:

    Claudia allora TANTISSIMI AUGURIIII!!!
    Forza forza forza! Tirati su da quel letto e festeggia! E’ il TUO giorno, non un giorno qualunque e hai tutto il diritto di trascorrerlo nel migliore dei modi!
    Devi essere tu a volerlo però. Deve partire da te il desiderio di fare qualcosa per cambiare, per far si che almeno questa giornata prenda una piega diversa!
    Fatti un regalo, compi un atto d’ amore verso te stessa. VIVI!

    Oggi noto che il blog è +ttosto silenzioso. Bene, spero significhi che siete tutte impegnate in qualcosa che vi tenga la mente lontana dalle cose brutte.

    Vi abbraccio forte

  185. Aleph dice:

    Claudina!!!!!!Auguroni!!!!!!!!!!!!!!Buon compleanno buon compleanno buon compleanno!!!!
    Sì sì sono d’accordo con Chiara, festeggia festeggia festeggia festeggia!!!!

    Chiara, i miei programmi sono di studiare oggi pomeriggio e poi stasera ho una festa di laurea di un’amica…anche se poi in realtà sono a casa da solo oggi quindi sto più che altro perdendo tempo tra pc e tv…era tanto che non lo facevo, ormai la tv non la guardo mai…

    Spero anche io come te che il silenzio di oggi sia perchè sono tutte impegnate…

    Io sono qui, cmq, se vuoi!

  186. silvia dice:

    ho letto solo ora tuuti i post. Ieri ho cenato, si, è stata , dura, ma sn qui…e ora ho pranzato ma sto davvero male…nn so ke fare fare a trattenere o a liberarmi…scusate…troppi cambiamenti di colpo.
    Passate un buon week end!

  187. Aleph dice:

    Silvia!!!!Dai dai resta qui!!!Non preoccuparti, non pensarci, non è successo nulla!
    STOP.

    Lotta!

    Sono qui…

  188. Polla dice:

    ..Silvia???.. ti va di parlare un pochino? ..

  189. silvia dice:

    hey, sn qui, mi dispiace ma sn andata, ma nn ho buttato via tutto. Nn mi sento bene cn me stessa. Mi sento enorme

  190. Polla dice:

    ..Silvia, non sei enorme.. è solo una sensazione.. lo so che è la cosa che + pesa,ma bisogna pensare che è solo quella,fine a sè stessa.. solo una percezione, totalmente surreale,ma percepita da noi come vera.. ma non lo è. nutrirsi è normale.. è giusto.. non c’è altra via d’uscita.
    Ad ogni modo ci hai provato.. ed è cmq una cosa buonisssssima. ora non ti senti bene,prima non ti sentivi bene.. è il solito discorso dell’insoddisfazione che è sempre presente.. l’unica cosa però è che se mangi,anche se ti senti insoddisfatta,devi pensare che hai fatto una cosa giusta.che hai scelto l’unica alternativa possibile.. e quindi STOP.
    Ma posso chiederti che cosa hai mangiato? ora cerca di non torturarti +.. potresti sempre riprovare con una merendina,piccola piccola,ma pur sempre nutrienti che il tuo corpo riceve..e la tua testa ne sarebbe grata. attendere fino a stasera continuando a rimuginare,credo sarebbe una tortura,no? oggi ?? studi?

  191. Maria Letizia dice:

    Finalente sta arrivando Ale, cosi penserò meno al cibo..intato vado avanti con uno yogurt per pranzo, q.sa di più l’avrei vomitato…VI PENSO..scusate se mi sto dedicato poco a voi, ma vi leggo…

  192. silvia dice:

    Ho fatto un pasto completo Polla. Io nn ne faccio mai, ma ultimamente mi sto sforzando e siccome qnd inizio a mangiare poi mi viene realmente fame, nn riesco sempre a controllarmi…è il solito discorso…
    Il mio skema era il vuoto, il digiuno, quindi fare i pasti x me è un cambiamento immane…la merenda nn riuscirei mai a concedermela, e nn so se riuscirei cn la cena stasera, ma h tempo x arrivarci. Devo dire stop e smettere di pensare. E’ l’unica soluzione.In realtà poi nn è solo una percezione fisica xkè il mio fisico abituato al nulla reagire davvero riempendosi subito…cmq devo stoppppparmi.
    Grazie della presenza, siete importanti.
    Devo andare a lavoro. mi aiuterà a nn fermarmi.
    grazie

  193. Aleph dice:

    Buon lavoro Silvia!
    E stasera, quando sarà ora di cena, e ti verranno dubbi, paure, pensieri di saltare: STOP.
    E poi mangia. E’ una lotta continua, e ti sono accanto.

    MariaLetizia, buon pomeriggio!

  194. Chiara* dice:

    Silvia non sei enorme.
    Il tuo corpo semplicemente non è più abituato al cibo. Poco importano le porzioni. Ci vuole del tempo perché i meccanismi fisiologici tornino a lavorare normalmente.
    Il problema sta tutto dentro alla tua testolina. E lo sai.
    Mangiare è la cosa più naturale di questo mondo. Non digiunare né abbuffarsi. Ma nutrirsi.
    E’ questo che dobbiamo imparare a fare. Dobbiamo rieducarci ad alimentarci nel modo giusto.
    Stai facendo dei grandissimi passi avanti. Non importa se non sei riuscita a resistere.
    Ci stai provando e già l’ intenzione è un’ importantissimo traguardo.
    Non pretendere troppo da te stessa. Non chiederti più di quanto riusciresti a sopportare.
    Piano piano, un passetto dopo l’ altro.

    Maria Letizia spero con tutto il cuore che la tua giornata possa terminare serenamente.
    Cerca di tenere la mente occupata ma al tempo stesso non fare come se il problema non ci fosse.
    Devi cercare di focalizzarti sull’ indispensabilità di tutto questo. Anche se nn riesci ad accettarlo, sai che è la cosa giusta.

    Aleph buono studio e buon divertimento per questa sera!

    Io in programma ho una cena fuori a 2.
    Non ne ho molta voglia a dire il vero… so già che potrei incappare nel Mostro e questo mi spaventa.
    Sto premeditando di ubriacarmi per non dover pensare ma so che sarebbe sbagliato.
    E sono nervosa. Molto molto nervosa.
    Il ciclo mi sarebbe dovuto arrivare lunedì e invece… eccolo già qui. Potrebbe non essere un buon segno purtroppo.
    Si potrebbe trattare di una finta mestruazione indotta dal carico di ormoni dato dalla pillola del giorno dopo, come del mio ciclo anticipato sempre a causa dello sbalzo ormonale, come invece potrebbe trattarsi di un’ emorragia da gravidanza.
    Devo aspettare il giorno 14 per fare un test ed essere certa della situazione.
    Non vi nego che questa cosa mi sta uccidendo.

    Vi auguro una buona serata

  195. luna blu dice:

    Buonasera ragazze e Aleph…
    Claudina Auguriiiiiiiiiiii!!!!!!
    Son stanchissima..ma molto soddisfatta… ;-) …un abbraccio grande a tutti.

  196. luna blu dice:

    Chiara…quando prendevo la pillola ogni tanto mi succede di aver delle perdite..non pensare subito in negativo ;-) … lo so è difficile…ma provaci…

  197. silvia dice:

    Grazie a tutti del sostegno.

    Chiara cerca di star serena…io dico solo ke ti sn venute prima! punto, ora è questo ke devi pensare. Stasera cerca di star serena, nn ubriacarti…oserei dire “da ke oulpito viene la predica…”anke io spesso cado su questo tasto, quindi ti capisco, so ke servirebbe x scacciare i pensieri in quel momento, ed è inutile dire ke nn è così, in quei momenti ci si sente bene, ma poi? ciò ke viene dopo è disastroso e io l’ho provato mlte volte. pensa ke anke se poco romantico in questa “cena a 2″ ci siamo tutte noi accanto a te…cm un folto numero di amike pettegole ke rovinano la serata al tuo Francesco…x la gioia e la soddisfazione di qlc di noi a cui il suo comportamento nn è piaciuto affatto.

    LunaBlu stanca di sabato sera? 6 uscita sul fiume? cm è andata?

    Claudia auguri…cerca di goderti il bel regalo di tuo figlio. sii soddsifatta di qnt hai realizzato fin’ora…xkè c’è tanto ke hai fatto, nn scoraggiarti.

  198. luna blu dice:

    Ciao Silvia…niente uscita oggi…domani gara…oggi son andata a pulire casa mia ;-)

  199. silvia dice:

    Ah…altro ke fiume allora!! vabbè dai ti rifarai domani. quindi stasera resti a casa? cn lui?

  200. Maria Letizia dice:

    Graze ragazze e aleph, pomeriggio tranquillo, prima spesa per la settimana, poi in giro per librerie (io e ale siamo malati di libri…)Ma ora di nuovo zero fame, ho mangiato due mandarini e un arancia…altro lo vomiterei. Questa sera ci vediamo con i nostri amici alle 23…ne approfitto per fare un pisolino…BUONA SERATA A TUTTI!

  201. Maria Letizia dice:

    Per Chiara: la pillola del giorno dopo altera la reolarità del ciclo, se ti sono già venute direi che sei a posto. per stare più tranquilla puoi fare un test di quelli presi in farmacia, ma vedrai che nn c’è alcun pericolo.
    Grazie per pensiei che hai per me…TI ABBRACCIO FORTE!

  202. miele dice:

    ciao!

    claudina auguri!
    mi spiace sempre essere quella che rompe le uova nel paniere, ma vorrei chiederti se in fondo questa dissenteria non ti faccia un po’ piacere…deperire spontaneamente, senza digiuno forzato…con il corpo che ci contrae ed espelle ogni cosa estranea…

    LunaBlu hai lavorato alla tua casetta nuova?

    Chiara* trovo sempre molto belle le parole che hai per tutte noi. Quando proverai a rivolgerle a te stessa?
    Per il fine settimana programmi tranquilli…forse cinema domani, poi pizza as usual…non so se avrò qui la famiglia a bere il caffè. Io andrei a passeggiare al mare, ma lui è distrutto dal lavoro e non credo vorrà muoversi molto.

    Polla…polla mia! Sai che ti sono accanto…e che sei forte, forte forte forte! Più della malattia… soprattutto, più della solitudine.

    Silvia è proprio sull’abitudine che bisogna agire. Ogni giorno, ad ogni pasto. Dopo un po’, lo sforzo diminuisce…ma non dobbiamo vedere ogni pasto come un ostacolo, altrimenti si va fuori di testa. Io mi sento enorme anche in questo momento…la coulotte mi stringe in vita, mi sembra di occupare tutta la cucina…ma mi rendo conto che forse sono gonfia per altri motivi, anche per questioni mentali…voglio dire, non sempre lo si è (o ci si sente così) per il cibo…prova a fermarti e pensarci. Ah, per favorire la digestione, piccoli trucchetti: fare alcuni respiri profondi prima di iniziare il pasto, e masticare moooolto lentamente.

    MariaLetizia…

    Azimut?

    Ciao Aleph!

  203. miele dice:

    Maria Letizia, certo che se parti dicendo “di certo lo vomiterei…”…cominciamo bene….l’esito non può che essere il digiuno…

  204. Ilaria dice:

    Ciao a tutte, un abbraccio ad Aleph.
    Che dire… periodo buio come non mai. Oggi è morta una mia zia, e oltre a tutto il resto si è aggiunto anche questo senso di impotenza, il non poter essere lì in questo momento… per quanto sgangherata, una famiglia è sempre una famiglia, e io mi sento sradicata.
    Sono passata giusto per fare gli auguri a Claudina. Tanti ma tanti auguri davvero, non importa quanti anni compi, ma quanti te ne senti e quanta voglia di fare e di stare bene hai.
    Perdonatemi ma ancora non riesco a commentare ciascuna di voi, mi mancano le parole. Continuo sempre a leggervi però.

  205. luna blu dice:

    Buongiorno “donzellette” …come dice Polla…io tra poco vado alla gara…un bacione grande a tutti…

  206. Chiara* dice:

    sono distrutta.
    il Mostro mi ha presa come non era mai successo.
    non so cosa è scattato e non so perché.
    so solo che vorrei poter continuare a dormire e non rendermi conto di questo schifo che mi porto addosso. dentro. che non sono riuscita a buttar fuori.
    mi sento morire. lo so non dovrei dire certe cose. ma è questo che provo.
    tante belle parole rivolte a tutte voi. tanti consigli. tante pacche sulla spalla.
    e poi? poi non saper fare NIENTE quando tocca a me.
    mi sento totalmente impotente.
    mi sento una merda.
    scusate.

  207. Maria Letizia dice:

    Buona domenica amiche mie, qui c’ un sole stupendo, le mie gambe già scalpitano, ho tanta voglia di correre e di fare una bella passeggiata con Ale, magari in collina, appena si sveglia…mentre pulivo il balcone, ho notato alcuni teneri fiorellini su un piccolo alberello…è come se mi fossi guardata allo specchio: rami deboli come i miei arti, radici poco profonde come le mie, ma la voglia interiore di crescere, fiorire ed essere belle come me…insomma va un po’’ meglio questa mattina (sarà , anche se so di sbagliare nel pensarla così, che oggi la bilancia segnava 1 kg in meno, forse è rotta…), ma q.ndo c’è Ale va tutto meglio. Ieri abbiamo parlato della convivenza, manca solo un contratto indeterminato per lui e poi potremmo provare questa nuova avventura…ce gioia mi ha regalato. IN questi giorni vi ho trascurato con le mie paure, ora vi dedico qualche riga:
    Chiara* mi è piaciuta l atua idea di prenderti un pomeriggio tutto per te, devo imparare a farlo anche io. Riguardo al tuo incontro con la psichiatra, capisco la tua difficoltà nel descrivere le tue emozioni, ma è molto positivo che ti abbia lasciato q.sa di buon (con la mia sto facendo grandi progressi!). Riguardo al nutrizionista, sai quanto ti capisco…altri schemi, altri controlli, il mio neurologo non me l’ha affiancata apposta mi ha detto che era inutile spendessi altri soldi, io so come e cosa devo mangiare e nn serve il controllo di u medico per farmelo fare
    Azimut mi associo anche io quello che ha scritto Chiara “Quello che t porti dentro ti sta lacerando”
    Uhmhm, da quello che scrivi vedo che le nostre difficoltà sono molto simili…CORAGGIO!
    Silvia…CREDI DI Più IN TE STESSA! (da che pulpito viene la predica )
    Claudia …AUGURI!!!!!Anche se in ritardo
    Marianna …che invidia…il mare…per me sole e mare sono i migliori antidepressivi!
    Girasole che farai di bello oggi?
    Vaniglia, mi fa piacere leggere che non stai vomitando.
    miele …anche io adoro Firenze, forse io e Ale riusciamo ad andarci a Pasqua! No…anche tu al mare….che invidia!
    Polla …mi mancava il tuo buon umore!!!Quali sono i tuoi progetti per il we? Sta andando tutto bene?
    dice:
    Aleph …grazie del pensiero….
    luna blu dice: ….in bocca al lupo per la gara!
    Un pensiero anche per tutte le altre…a questa sera. UN ABBRACCIO

  208. miele dice:

    buongiorno!
    sono sveglia già da un po’, ma sono rimasta come un’ebete a guardare il sole che fa l’amore con i prati…il caffè in mano si è raffreddato e ho dovuto rifarlo :)
    a casa mia c’è il silenzio completo e sconcertante della domenica mattina…a volte mi piace, ne ho bisogno…
    scrivo e mi leggo le mie cose, sistemo fogli, carte, documenti, annuso i miei libri, disposti come soldati sugli scaffali…osservo la cucina immobile, i giochi di luce sulle superfici calde, la serenità della frutta che giace, in fremente attesa, sul ripiano della dispensa…il piccolo campo di battaglia della colazione, con i suoi umili resti, testimone del susseguirsi testardo dei giorni.
    avere una giornata davanti, a volte, mi emoziona…anche se non ho nulla di speciale da fare.

    Ilaria, passa una domenica serena, ti sono vicina.

    Silvia che ne diresti, oggi, di provare con la colazione?

    LunaBlu buona garaaaaa

    Ci sentiamo più tardi

  209. laura dice:

    buon dì, ieri grandi pulizie alla casetta, poi psicologa, poi lavori alla casetta, poi aperitivo, poi cena, dunque non sono riuscita a passare.

    silvia ho letto che stai combattendo molto, che ti senti enorme, e ti capisco, capisco che il tuo cervello si fissi solo su quello che hai mangiato, che ti sembra troppo, lo sò, però come dice polla è la cosa giusta, pensa che stai facendo la cosa giusta per te, che ti stai facendo del bene, che stai costruendo le basi per un rapporto con te stessa basato sull’amore.

    maria letiza, cerca di non ricadere nel digiuno, provaci, provaci, quei 45 kg non vederli solo come il nemico, ma anche come una conquista, che è costata fatica, e che vale la pena difenderla.

    ora vi saluto

  210. miele dice:

    Chiara* prova a mettere giù qui quello che è successo. prima, durante, dopo la “visita” del mostro. dove? come? quando? cosa?
    Mettitelo davanti.

    MariaLetizia…vedi, oggi sei più serena…ma poi, di colpo, in certi giorni ti dimentichi questo stato d’animo…dove va a finire?

  211. Chiara* dice:

    Ce l’ ho davanti Miele. Ce l’ ho impresso nella mente come una fotografia.
    Non ero io. Non avevo il controllo sulle mie azioni.
    La mia testa mi diceva “no! no! no!” ma l’ istinto aveva la meglio.
    Sapevo a cosa sarei andata incontro e non lo volevo. Ma non riuscivo a fermarmi.
    Pensieri contrastanti si affollavano nella mente “ma si cosa vuoi che sia?” “cazzo Chiara così rovini tutto fermati” “chi se ne frega, non mi interessa.” “no non farlo. non ce n’è bisogno” “devo farlo perché me lo merito. mi merito di star male dopo” e via così.
    Una volta a casa non ho potuto fare a meno di scoppiare a piangere.
    Non potevo vomitare, mi sentivo uno schifo, avevo dei dolori allucinanti allo stomaco… e oggi? Cosa farò oggi? Cosa ne sarà di me?
    Non ce la faccio + in questo modo.
    Fingere fingere fingere.

  212. miele dice:

    Ma che cosa ha scatenato l’abbuffata? e con che cosa ti sei abbuffata (se ti va di dirlo…)?

  213. Polla dice:

    ..buondì bellezze,
    come va oggi? leggo che Chiara ha avuto delle difficoltà,che Ilaria sta lottando duramente e vorrei che non mollaste,vorrei che dopotutto un barlume di speranza rimanesse sempre acceso dentro di voi.. perchè io lo sento,traspare anche quando c’è tanta sofferenza..
    Mi sono svegliata e finalmente dopo tanti gg grigi,anche qui è arrivato il soleeeeee.. sono iper contenta e c’è la mia cagnolona che freme.. io come al solito temporeggio e faccio con calma,ma quando lei fiuta il bel tempo,continua a camminare per la casa e mi appoggia il muso sulle gambe come per chiedermi di uscire.. oggi sarà davvero un piacere camminare e anche se spesso penso che cmq fare le passeggiate con lei è un po’ funzionale al mio bisogno di stare in moto,lei mi aiuta a capire che cmq ci sono anche delle cose normali,che ci sono delle priorità e che esiste il piacere di una passeggiata al sole senza tanti ricami intorno.. il prendermi cura di lei mi aiuta moltissimo a capire che in fondo sono in grado di farlo,mi da forza.. lei dipende totalmente da me e mi fa sentire indispensabile .. è una bella sensazione.
    Spesso penso che avrei voglia di innamorarmi,di condividere la mia vita con qualcuno,ma in qsto periodo mi rendo conto che sono un po’ accecata,che non mi creo occasioni per mettermi in discussione e che quindi anche le relazioni non cadono dagli alberi.. non mi sento sola,diciamo che la solitudine non mi spaventa perchè ho delle basi solide di amicizie che mi accettano così,con i miei alti e bassi,giusto o sbagliato che sia.. qsta malattia mi ha fatto capire quanto sia importante accettare l’altro,non cercare di impregnarlo delle nostre nozioni e verità e ammirarlo nel suo insieme.. siamo belli così! certo.. se ci sono delle difficoltà bisogna affrontarle e anche grazie al sostegno delle persone vicine.. e io in qsto momento sto cercando di farlo.. sono in difficoltà. affronto i miei problemi ogni giorno e ci provo.. nonostante quasi nessuno intorno a me sappia del mio disturbo specificamente, tutte le persone che mi vogliono bene,sono cmq a conoscenza del fatto che sto facendo delle cure a livello psicologico che mi impegnano molto e nelle quali investo molto.. quindi posso parlare dei miei stati d’animo,senza però fare specifico riferimento al cibo.. poi va beh,la mia famiglia sa tutto invece e qsto mi aiuta moltissimo.le mie lotte insieme a loro sono delle continue vittorie.. sempre e dovrei “sfruttarli” di +,dovrei tornare a casa + spesso.. so che qsto sarebbe utile per mettere peso,ma ho scelto di vivere la mia vita temporaneamente in un’altra città e ora lavoro tutta la settimana,quindi voglio farcela con le mie gambe.. perchè è così che sarà anche in futuro..
    Spero che oggi sia una giornata positiva per tutte..

  214. uhmhm dice:

    Chiara, come stai?

    Leggo delle tua lotta, non del tutto sconfitta, di ieri sera.
    Vorrei solo farti notare una cosa: sei sicura che sia stata davverouna visita del Mostro? Ti spiego, tu dicevi “massì cosa vuoi che sia”.. eri nel mentre di una cenetta con Francesco no? magari hai solamente mangiato ciò che avevi nel piatto e che il cameriere ti aveva portato. Solo, è la tua visione che ti porta a vederla come un’abbuffata. Non sto qui a dirti che è sbagliato e bla bla, perchè spesso capita anche a me. Vorrei tanto scoprire con mettere a tacere in quei momenti la parte malata che è in noi..
    Ti abbraccio forte.

  215. Polla dice:

    ..che silenzio oggi..
    è un buon segno??? vi state godendo qsta domenica di sole ???
    spero stiate bene.. lo spero davvero.. un abbraccio a tutte/tutti.

  216. Girasole dice:

    Ragazziiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!! mamma mia che fatica leggervi e non riuscire a scrivervi, ma davvero in questi gg non ce l’ho fata…ma ho cercato di tenermi aggiornata il più possibile!

    oggi sono completamente sola in hotel…8 ore senza vedere nessuno…un solo ospite in arrivo…gliarti 3 sono già in stanza…e io che per non tagliarmi le vene leggo un po’, leggo voi e vi scrivo…
    in realtà un po’ di lavoro da fare ce l’avre3i, ma faccio dopo!

    oggi qui è davvero una giornata splendida…calda…piena di sole, e allora mi sono messa fuori sulla panchile della corte interna con i pantaloni su, a prendere un po’ di sole=vitamina D per le mie ginocchia che fanno male….male male…
    e mi preoccupano immensamente….non riesco a piegarmi, faccio fatica con le scale… e qui in hotel le faccio mille volte al giorno…
    vorrei tanto andare a correre, o fare le mie lunghe passeggiate che mi mancano tanto…
    stamattina sono uscita ho camminato mezzora, poi tappa in chiesa (non ci vado mai…ma oggi pur senza niente dadire mi sono fermata) e poi un altro qualrto d’ora fino a casa..ma che fatica! e pensare che una volta nello stesso tempo facevo un terzo in più di strada!

    Silvia, leggo del tuo sentirti enorme e ti capisco…
    dimagrendo non ho provato la voglia di dimagrire per mettere una taglia in meno o perchè mi vedevo grassa allo specchio…perchè non è per essere più magra che ho iniziato a vomitare è ho smesso di mangiare. Ora però, ora che so che per la prima volta in 2 anni e mezzo sto ingrassando che avrò messo su un chiletto o due… mi guardo e mi vedo enorme, la faccia tonda, il fondoschiena tondo… e pensare che il mio peso normale è sempre stato di 8 kg in più e una volta, tornata dall’erasmus ne pesavo 14 o 15 in più di ora!
    dall’altra parte però non vedo l’ora sia martedì, la visita nutrizionalem, non vedo l’ora che mi pesino, per sapere se tutti questi sforzi sono serviti a qualcosa… nonostante tutto…continuo a mangiare, tengo duro…ma faccio fatica!
    oggi la mia mamma ha fatto le lasagne…
    il ragu preparato ieri con troppo olio per i miei gusti..e io che ieri sera alle 11.30 toglievo quello che è venuto a galla con il cucchiaio…
    e stamattina preparava la teglia e sono dovuta uscire per non mettere becco e litigare, perchè l’odore mi faceva venire la nausea…
    ma poi, sono tornata e l’ho mangiata…non potevo rifiutarmi…era buona, perfetta!
    e poi i pasticcini…mezzo chantilly,…
    ma stasera, pollo scondito e verdure e due fette di pane! però allo yogurt con il calcio…non posso rinunciare…è per il mio bene!
    che confusione! scusate…la mia testa è confusa come le parole che scrivo!
    so che devo stare bene, lo voglio…ma a volte faccio fatica… non voglio…sto perdendo il controllo…sta tornando l’istinto?
    così con il cibo come con la mia vita?

    il servizio civile è iniziato…le mie giornate tra l’infogiovani e l’hotel non mi danno respiro…almeno fino a mercoledì…e poi, poi avro tempo per me, per gli amici, e ancora per me!
    sì ho fatto la cosa giusta…e vi ringrazio per l’appoggio e per le bacchettate sulla mia indecisione! dovevo solo rielaborare il tutt…e ora so che è la cosa migliore!

    leggo di polla che potrebbe anche innamorarsi…la primavera gioca brutti scherzi sul nostro bisogno di amore…e lo condivido…
    sì…l’amicizia, la famiglia…ma l’amore…
    è tutta un’altra cosa, non si può sostituire come non si può sostituire l’amicizia…

    polla tu sei forte e si legge, si respira attraverso le tue parole… e si sente l’appoggio delle persone che ami anche se sono distanti, ma comprendo la necessità di avere qualcuno intorno, quel qualcuno magari…
    io mi sono sempre dettac he in questo casino mi ci sono messa da sola, e da sola mi ci tiro fuori…ma so benissimo che non è così, che non può essere così!

    Marianna, grazie dei tuoi pensieri…grazie per ciò che scrivi… dai tuoi post esce il sole, sai? davvero!!! allora? la tua colazione di questa mattina? :)
    come stai?

    Uhmuhm….cerchiamo di scoprire insieme come mettere a tacere quella parte malata di noi?
    Chiara…sottoscrivo il pensiero di uhmuhm….in pieno!

    Miele….che bella la tua immagine di questa domenica…spero tu te la stia godendo proprio come nelle tue premesse:-)

    Maria Letizia… chissà…magari è rotta…magari dovresti romperla tu…quella bilancia:-)
    e la tua domenica?

    Claudina…tanti auguri anche da parte mia….
    come sta il tuo intestino sofferente? e la tua influenza?
    cmq…mi unisco alla domanda non so più di chi… non ti starai crogiolando in questa brutta influenza che non ti fa mangiare e, anzi, ti fa correre in bagno in continuazione? cerca di stare meglio, perchè quando sarà passata DOVRAI RECUPERARE TUTTO E ANCORA DI PIù…CHIARO???????????? :-)

    ok…
    sicuramente mi manca qualcuno…ma voglio abbracciare tutte tutte e anche Aleph…e augurarvi una domenica super!!!
    ora mi metto a lavorare!
    magari torno più tardi!|

  217. miele dice:

    Girasole, silvia…forza. coraggio. CORAGGIO!
    Certo che gli schemi e il controllo tendono a tornare, da me tornano con testardaggine ad ogni risultato…torna la tendenza a restare magra magra per poter sempre pensare “devo mangiare!”, per sentirmi in diritto di farlo. perchè una volta raggiunto il peso forma, quello sano, se mangerò di più sarà completamente una mia scelta, un mio “rischio” diciamo…e ho paura di come mi sentirò.
    il mio sedere si è arrotondato un bel po’, rispetto a mesi fa, il viso è pieno e salutare, il seno è aumentato id una taglia e tornato quasi alla mia norma…il mio ragazzo ferma le mani su di me e sorride, estasiato…
    il corpo cambia, con il cibo: come sarebbe possibile il contrario? ma cambia in meglio e anche nelle piccole cose…la pelle è più bella, i capelli più forti e luminosi, gli occhi cambiano espressione, abbiamo più energia, un po’ meno freddo (e non mi pare poco!) e via dicendo…anzi, vi sfido a scoprire pian piano queste piccole cose in voi…e a valorizzarle come meritano.

    sì girasole, la domenica è proseguita bene com’era iniziata. tra poco mi aspetta la pizza quindi credo che si concluderà in modo positivo!
    a te auguro buon lavoro!

    anch’io spero che tutte le altre siano in giro e stiano bene.

    vi abbraccio

  218. silvia dice:

    Buona domenica, in realtà manca poco alla fine della giornata ma io ancora adesso mi sto riprendendo, purtroppo devo associare la mia giornata a quella di Chiara, x la stessa caduta, x la stessa perdita di controllo…ma oggi ho pranzato di nuovo, nn potendo liberarmi in nessun modo.
    Grazie Miele x le tue parole xkè mi riempiono di forza, mi dai coraggio.
    Girasole grazie anke a te, anke io ho iniziato senza nessuna mira estetica, senza la necessità di dover perdere…ma ne ho perso parekkio…

    vi penso

  219. Maria Letizia dice:

    Buona sera a tutte…giornata rilassante, ma anche faticosa per il pensiero continuo del cibo, ma ero con Ale, abbiamo passeggiato e parlato tutto il pomeriggio…come mi sento serena con lui. A cena mi è successa però una cosa spiacevole. Avevo la mia bella insalata pronta, non ricchissima…l’essenziale, Ale mangiava il vitello tonnato, ne ho asseggiato un po’ e il mio stomaco l’ha rifiutato, senza provocare il vomito, ho rifiutto tutto. Perchè? A me sembra più una questione psicologica…domani ne parlerò con la dott,ssa.
    Voi come state?
    laura è bello saperti indaffarata in attività che ti gratificano!Grazie per il tuo pensiero, non digiuno, se no non starei in piedi, ma mangio super controllato…era inevitabile, non riesco a vedere i 45 kg come una conquista,nn ancora…
    miele hai ragione i miei sbalzi di umore sono pazzeschi, non so da cosa dipenda, non penso solo a realtà materiali che mi circondando…altro quesito da sottoporre alla dott.ssa. Grazie per la tua osservazione
    Chiara* …cosa è successo?Come ti capisco: “Non ero io. Non avevo il controllo sulle mie azioni.La mia testa mi diceva “no! no! no!” ma l’ istinto aveva la meglio.Sapevo a cosa sarei andata incontro e non lo volevo. Ma non riuscivo a fermarmi.”Non sei sola tesoro…questo è il mostro contro tutte noi combattiamo…come è poi andata la giornata?
    Polla è bello leggere la tua VOGLIA DI VIVERE!Condivido in pieno la tua frase: ” qsta malattia mi ha fatto capire quanto sia importante accettare l’altro,non cercare di impregnarlo delle nostre nozioni e verità e ammirarlo nel suo insieme.. siamo belli così”, ma è difficile trovare persone così…
    Girasole …come stai?Non è la bilancia che dovrei rompere…ma la mia testa!!!
    Silvia…ti capisco bene nella tua sensazione di vederti enorme…
    silvia…come stai ora?
    Ora torno da Ale…BUONA SERATA

  220. luna blu dice:

    Ho già sonno!!! Che bella giornata ;-)

  221. uhmhm dice:

    Ho cucinato. Mi andava di farlo. E ho mangiato. Troppo. E bevuto, per non pensare all’aver mangiato. Troppo.
    Troppo ho fatto e di troppo mi sento.
    E’ bastata una risatina mentre ero fuori dalla stanza e me ne sono corsa altrove.
    Mi sento in colpa, ma ancora di più arrabbiata.
    Ritorno alle mie canzoni, cari e adorati Afterhour stasera.
    Lontano da quel disordine che non tollero, dalle abbuffate materne, che non tollero.

    Da me che non mi tollero.
    Domani primo incontro con la psichiatra. Volevo leggere il mio amato Foucault, il potere psichiatrico, ma meglio evitare.Già, meglio.
    Vorrei qualcuno a cui vomitare addosso parole (nient’altro, non si fa, non lo faccio, anche se sarebbe più semplice).
    Basta che bevo pochino e tutto diventa più nitido, senza le protezioni che mi ostino a crearmi. Svelato. E storco il naso. Disgustata. Da me, e dai livelli raggiunti.

    E domani? sono spaventata.
    E dopo?
    Oggi era Carnevale, avrei voluto aer l’occasione di vestirmi: da Punto di Domanda. Nessun travestimento sarebbe stato più appropriato. Già.

  222. Chiara* dice:

    Vorrei dirvi qualcosa. Ma non ci riesco.
    Oggi è stato peggio di ieri. Il pensiero subdolo “ma si, tanto ormai il danno è stato fatto” si è impossessato di me e ora posso finalmente andare a letto, chiudere gli occhi e non pensare.
    Non mi sento io. Non SONO IO.
    Il terrore, il chiodo fisso di essere incinta, il mio stato d’ animo perennemente angoscioso, il bisogno di avere avere avere…
    Sono al limite. Mi sento sul ciglio del precipizio.
    Pensieri assurdi mi attanagliano. Avrei voluto…
    Sono arrivata pregare quel dio in cui non credo di farmi di farmi venire qualche brutto male…
    Mi sento persa. Vuota. Inutile. Schifosa.

    Buona notte angeli.

  223. uhmhm dice:

    Chiara, ti ho pensata tutto il giorno. Ero preoccupata per te. E ti capisco.
    Appena sarà il 14esimo giorno farai quel test, ne farai anche mille se è il caso. Ma vedrai saranno negativi.
    Allontana quel pensiero, allontana gli altri. Vorrei anch’io.
    Ho cercato ovunque quelle gocce che qualche settimana fa mi hanno fatto dormire, praticamente tutto il giorno. Ma niente, qui solo dell’inutile quanto cara melatonina. Riempiamoci di quella.
    Non gestisco i miei pensieri. Ho paura, prima di tutto di me.

    Spero voi stiate meglio, stiate passando una bella serata non da sole, non così.
    Qui non sta andando. Che delusione, non so da dove ricominciare, la mia mente malata vorrebbe scendere ancora più in basso.
    Domani che dirò a quella donna?
    “La prego, mi dia qualcosa. Io e le mie ossessioni andiamo sempre più a fondo. Mi dia qualcosa per mettermi in stand by?”
    Non mi sopporto, per cambiare.
    Buonanotte..

  224. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!!!!!
    Scusate la mia assenza di oggi, ma c’era qui Lei tutto il giorno quindi non potevo aprire il blog!E domani credo altrettanto!
    E’ stata una bellissima giornata trascorsa insieme, ma, tanto per raffreddare subito possibili pettegolezzi, non c’è altro da raccontare!

    Ho letto i vostri post qua e là, soo davvero tantissimi, se pensate che in 6 giorni abbiamo già scritto più di 200 post!!!Questa piazzetta è vivissima!

    Data la mole di informazioni, non potrò mai commentare e rispondere a tutte quante, quindi lascio un pensiero particolare a (non me ne vogliano le altre):
    Vaniglia!come sempre!, Chiara, Silvia, Azimut, Marianna, Miele…
    A loro e a tutte dico: lottate, lottate, lottate. Ogni giorno. Ogni momento. Io sono lì con voi.

    Spero di riuscire a passare domani mattina prima di uscire, dovrei farcela a fare almeno un salto per augurarvi la buona giornata!!!!

    Ora dormite e fate sonni tranquilli, domani è un altro giorno, e speriamo sia migliore del precedente e peggiore del successivo!

    Aleph

  225. Maria Letizia dice:

    Buongiorno! Passo veloce per augurarvi una giornata serena e piena di soddisfazioni e di vittorie…UN ABBRACCIO!

  226. laura dice:

    good morning

    ummm “la prego mi dia qualcosa per mettermi in stand by” .. lo sai che non funziona così vero? che anche se ti desse qualcosa, i problemi resterebbero, saresti solo anestetizzata, una volta uscita dal torpore, tutto uguale, la soluzione la devi trovare in te perchè sia definitiva. detto questo comprendo bene il tuo bisogno, comprendo la voglia di stordirti in qualcosa che non ti faccia sentire, tutta la vita ho reagito con questo schema, ora sto cercando di non farlo, alle volte anche io penso che vorrei qualcosa che attutisca lo sconforto. però deve rimanere un pensiero.
    cambiando discorso adoro gli afterhours, davvero, ad esempio oceano di gomma la trova perfetta per gli stati in cui ci si culla nel proprio dolore,ed in effetti la nostra sofferenza “…è come il mare, sembra che ti culli ma poi ti vuole ingoiare…”.
    mi togli una curiosità, te lo avevo gia chiesto ma non ricordo, in che facoltà ti laurei?

  227. Marianna dice:

    Buongiorno a tutte, buondì Aleph!
    Dopo un fine settimana all’insegna della pioggia finslmente si intravede il sole nel cielo. Però l’ari è sncora frizzante, non vedo l’ora che arrivi la primavera!

    Questo fine settimana è trascorso in modo abbastanza piacevole, i miei non ci sono e la cosa non mi dispiace affatto. Sono stata in compagnia di amici e ragazzo durante i pasti, in modo tale da evitare di farmi venire strane idee in testa. Però non sono soddisfatta di questo comportamento, vorrei riuscire a mangiare senza troppe paranoie anche quando sono sola…vabè, un passo per volta.
    Ho notato una cosa e volevo condividerla con voi: da quando ho iniziato a mettere ordine nella mia alimentazione mi è scattata una molla, direi maniacale, nei riguardi dell’ordine e della pulizia. Sono sempre stata molto ordinata e precisa, però ho iniziato a mettere ogni libro di narrativa in ordine alfabetico, i miei libri di università in ordine di anno e ancora in ordine alfabetico, i pochi oggetti che ho sulle mensole devono essere disposti secondo un preciso ordine ma più di ogni altra cosa il pavimento deve essere lucido.
    Sabato sera pioveva e quando i miei amici sono arrivati a casa mia le loro scarpe erano inevitabilmente bagnate, nonostante le avessero pulite all’ingresso. Ebbene, sono stata tutta la serata a pensare che il pavimento non era perfettamente asciutto, che avrei voluto pulirlo subito…insomma, mi sono scoperta insopportabile!Mercoledì ne parlerò con il dottore…

    SIlvia, il primo pensiero è per te. Non riesco ad esprimere quanto piacere mi faccia sentirti dire che cerchi di pranzare e cenare!Stai facendo enormi progressi e poco importa se qualche volta si scivola, tu cmq ti rialzi sempre più combattiva!Ottimo anzi, eccellente!!

    Girasoleeeeeeeee!!!Oh, ma che bello quando scrivi!!!
    Ah, le lasagne!!!Io le ho affrontate la scorsa settimana, mi pareva di dover fare un salto nel vuoto senza paracadute, però poi sono riuscita a mangiarne un pochino…dai, dai che ce la facciamo a rompere gli schemi, dobbiamo provarci, giusto?Facci sapere come va il tuo nuovo lavoro…ti abbraccio forte forte!

    Chiara, vorrei poter prendere il tuo fardello per alleggerirti da questo problema schiacciante. Vedrai che andrà tutto bene, l’ansia è il nosto peggior nemico. Ti stringo forte.

    Azimut, come hai trascorso il fine settimana?Come stai?Mi manchi!

    Alpeh, tra i sogni di Yris e le giornate trascorse con la tua amica emerge il tuo animo da don giovanni! :-) Scherzo, buona giornata!!!Ti penso sempre!

    Vaniglia, cara, dove sei?Mi preoccupo sempre quando non ti leggo. Se ci sei batti un colpo!

    Miele, Ilaria, Claudina, Yris, Luna Blu, Uhmhm e tutte voi che ho dimenticato di nominare, vi auguro una serena e calda giornata!

    A più tardi

  228. claudina dice:

    Buongiorno a tutte e buongiorno aleph…la dissenteria sembra essere passata..ma nn sto bene,e’ da ieri che ho una cosa strana che nn ho mai avuto…uno strano dolore in fondo alla schiena,proprio in fondo…mi sceende lungo le gambe e cammino in modo strano…a letto mi faceva molto piu’ male..ieri sono stata con la famiglia al carnevale,nn ne avevo nessuna voglia ma nn posso esimermi sempre da ogni impegno e quindi sono andata,ma ho fatto una grande fatica…sono tornata distrutta e siamo stati via nemmeno 2 ore…avevo sto dolore che nn mi dava pace…poi mi hanno convinta a fare merenda con loro..the’ e biscotti…subito dopo mi sono stesa e subito ho preso sonno..mi capita spesso ultimamente di addormentarmi molto facilmente…all’ora di cena ho mangiato un panino..ma nn avevo fame,l’ho mangiato per forza,infatti mi son venuti 2 conati di vomito finch’ lo mangiavo…ho lo stomaco tanto gonfio..mio marito dice che ho mangiato troppa frutta negli ultimi tempi…nn so se sia quello…oggi inutile dirvi che mi sento enorme…e che ricomincero’ a non mangiare..nemmeno la frutta adesso visto che mi fa male…domattina ho gli esami del sangue e domani pomeriggio la seduta al centro…non ricordo chi mi ha scritto se sotto sotto non ero contenta di avere la dissenteria: ovvio che si…come sono contenta di non aver fame…perche’ nascondere la verita’? e’ cosi’…Graazie di cuore a chi mi ha fatto gli auguri per il mio compleanno..nn ho festeggiato,ma nn e’ una novita’,io nn lo festeggio piu’ da anni ormai…anche perche’ sono un bel po’ gli anni che compio,nn c’e’ niente da festeggiare,chiedo scusa se c’ e’ qualkuna della mia eta’ che nn la pensa cosi’…io si… un abbraccio.

  229. silvia dice:

    buon giorno ragazze, buon inizio settimana.
    Ke dirvi? io nn sto bene, nel senso ke nn vivo bene questo mio aumento di peso…si, già sn aumentata, anke se nn mi sn pesata ma lo sento. Vabbè nn voglio fissarmi troppo in questo discorso frutt della mia mente malata…

    Marianna siam proprio vicine, sabato pioveva di brutto anke qui…complimenti x la tua svolta!

    Chiara cm va oggi?

    LunaBlu la tua gara?

    Uhmhm vai e lasciati guidare dall’esperienza della tua psicologa, vedrai ke andrà bene. siano cn te

  230. Luna Blu dice:

    Buongiorno polpine…ho eltto…Claudina…coraggio…è che ancora sei influenzata… ;-) …neache io lo festeggio il compleanno…ma perchè nn mi interessa…però mi fa piacere se qualcuno se lo ricorda… :-) …di certo mia sorella gemella se lo ricorda sempre :-)

    Silvia..la gara…quarte su quattro…ihihhihhh!!!! Noi siamo master..ci han messo a gareggiare con le senior..insomma avversarie troppo forti per noi…però abbiam fatto un ottimo tempo…e il lago era bellissimo ;-)

    Per chi ha facebook…ho messo le foto di ieri…

    Silvia Tu nn ci pensare all’aumento di peso..ok? ;-)

  231. nuvola dice:

    ciao polla certo che mi ricordo di te. vedo che alcune non ci sono più e sono contenta forse significa che stanno meglio. sai anche io sono stata bene per un breve periodo ma poi ci ricado. non parlo del vomito ma di una fissazione continua che non mi abbandona mai. purtroppo ho capito che il mio vero problema è caratteriale. Io voglio da me stessa la perfezione in tutto ed è impos da ottenere, così cerco di controllare il mio peso per raggiungere in ogni modo i miei canoni, ma alla fine perdo il controllo. Il mio ragazzo non mi aiuta, la situazione è difficile da spiegare o forse lui non è come io vorrei e così mi dispero, mi sento orrenda e stupida. il lavoro nonostante il mio impegno costante non migliora, la situazione è difficile ed io reggo a fatica uno stress non legato al lavoro in se ma al non poter mai raggiungere gli obiettivi per colpe che non dipendono da me. cmq penso siano problemi generici che tutti hanno solo che io sto veramente male per questi. Vedo tutto nero, mi guardo allo specchio e mi faccio schifo pensando che magari se fossi diversa gli altri mi accetterebbero o magari il mio ragazzo avrebbe maggiore interesse per me. Purtroppo penso di essere un bersaglio troppo facile, ogni cattiveria mi colpisce a morte. Polla non mi curo perchè io non accetto quello che sono, alcune volte penso che magari sparendo per sempre potrei rinascere un giorno come io desidero essere veramente, ma lo so che sono assurdità. …a presto, spero tu stia bene

  232. silvia dice:

    LunaBlu nn ci penso, ma me lo sento, lo vedo nel mio viso, sulle braccia, le gambe…
    E pensare ke mi impegnavo x loro…ma dopo questa nn me ne importa +…xkè dovrei farlo x loro?? se è a causa loro ke sto così, ke sn piombata in questo skifo! tanta rabbia, tanto sconforto, tanta tristezza e delusione.

  233. Luna Blu dice:

    Silvia…spiegami meglio…per loro chi?

  234. miele dice:

    silvia…l’alternativa sarebbe rimanere scheletriche per sempre… ma questo significa sostanzialmente digiunare per sempre…
    ti sembra una prospettiva accettabile? a me no. e ti assicuro che oggi mi sento a dir poco ingombrante. e sai perchè? semplicemente perchè non sono andata di corpo…e la mia mente tenderebbe a lasciare che tutta la giornata facesse schifo per questo…che te ne sembra?!
    forza silvia, pensa solo alla libertà che deriverebbe dal tornare a mangiare in modo normale…

  235. silvia dice:

    LunaBlu x loro…dinamike famigliari ke nn sopporto +, ma cui nn so sottrarmi

  236. silvia dice:

    -miele nn è accettabile, ma io l’unica libertà ke vedo è proprio l’opposto, libertà di nn mangiare, anke se so ke nn è esser libera da me stessa, ma almeno è l’unica cosa ke controllo.
    E’ un brutto discorso, lo so, e nn è x ninete logico, me ne rendo conto, forse nn dovrei scriverlo, nn dovrei riversare qui tutta questa negatività, ma x qnt lotti nn sto bene cn me, nn sto bene cn gli altri, nn cambia il mio modo di pormi, nè le risposte ke ho…xkè m’illudo cm sempre ke da loro si possa aver qlc di diverso, nn ho accettazione…dovrei fregarmene e andare x la mia strada, ma il bello sai qual’è?…ke la mia strada l’ho annullata! e indovina un pò x ki?…x loro

  237. Luna Blu dice:

    Qual’era la tua strada che hai annullato? Sto cercando di capirci qualcosa…
    tu vivi con i tuoi giusto?

  238. silvia dice:

    si. LunaBlu ho annullato tutto di me…nn so neanke se mai sn stata io…ho fatto in modo da nn avere nessun bisogno, mi sn privata di tutto, fino a mentire così tanto bene a me stessa da autoconvincermi di nn sentire l’esigenza di det cose, di tutto ciò ke nn potevo permettermi o ke sapevo già ke nn avrebbe incontrato la loro approvazione, nn sn stata in grado di seguire una strada ke fosse mia, in tutto…e ora mi trovo doppiamente senza nulla, senza sogni, senza + la spinta x andare avanti x ki, x cosa? cn la pura di intraprendere qls cosa, cn la paura di ciò ke nn conosco…praticamente tutto. Cl sentirmi ancora + stupida ed inutile xkè alla fine nn sn stata neanke buona in questo, xkè sn piombata in questa malattia cm ultimo sfogo x nn affrontare e stravolgere tutto di me. Xkè forse davvero me ne dovrei andare…ma è cm se nn avessi mai camminato. Scusa la confusione, ma oggi è questo ke sento dentro.

  239. Luna Blu dice:

    Confusione tantissima…non riesco a capire bene in che modo ti seia nnullata…fammi un esempio concreto di quello che avresti voluto e che nn hai fatto per loro…

  240. silvia dice:

    I + semplici? io nn avevo bisogno di un vestito carino…nn avevo bisogno di andare alle feste…nn avevo bisogno di quei futili divertimenti leggeri dei miei coetanei…e queste sn le cose quasi atavike…ovviamente poi crescendo sn divetanti altri “nn bisogni”…finkè alla fine nn è restato nulla.

  241. Aleph dice:

    Buongiorno!Anzi, oramai, buonasera!

    Eccomi qui, sono tornato da poco….

    Silvia, sono “contento” dei tuoi ultimi post, stai parlando di te in una maniera un pò diversa dal solito, e mi fa davvero piacere…lotta

    Marianna!!Ehehehehe, grazie del complimento e del pensiero…sì, fai bene a parlare di questa “fissa” che ti è venuta per l’ordine e la pulizia, magari il dottore ti saprà dire di più…

    Vaniglia, dove sei oggi????Come stai???Ti penso…

    Claudina!!!!!!!Son felice tu ci abbia scritto!!!Spero con tutto il cuore che il dolore stia sparendo pian piano. Spero anche che la visita di domani vada bene e ti faccia sentire meglio!

    Luna!!!!Ciaooooooooooooo

    Laura, come stai?Ti penso…

    Azimut…………….

    A dopo

    Aleph

  242. claudina dice:

    buonasera a tutti…pomeriggio da dimenticare…male un bel po’..nn mi sento piu’ il fondo della schiena,mi fa male seduta,in piedi,distesa…giornata passata tra 1 sola mela,e tanti caffe’…tante sigarette…stasera non ho per niente fame,ma mi sono imposta di mangiare almeno un po’ di latte con dei cereali…l’lternativa che scelgo piu’ spesso anche se secondo i miei canoni e’ troppo calorica,ma nn so che altro mangiare…ho stirato tanta di quella roba che ho perso il contoma avendo passato tutta la scorsa settimana a letto le cose si sono accumulate…ora vado a preparare la cena per la famiglia…loro mangiano pasta gratinata…mio marito mi ha chiesto se io non la mangio,l’ho guardato come per chiedergli se e’ impazzito..ma che razza di domande mi fa anche lui? se mangiassi la pasta gratinata al forno senza problemi sarei guarita penso…nn vedo l’ora di avere l’incontro con la nutrizionista,perch’ mi dara’ UNO SCHEMA e magari allora si visto che vivo di schemi,forse riuscira’ a seguirla sempre che mi prometta che non ingrassero’ piu’ di tanto…vi auguro una buona serata e vi abbraccio tutte.

  243. CANNELLA dice:

    ciao a tutti,mi sono imbattuta per caso..o forse per destino in questo sito,cercando un luogo d’incontro nel quale poter anch’io condividere con qualcuno quel grande male che mi sono cucita addosso e che mi domina da ormai qualche anno,e che mi inchioda ad una vita che io non voglio,che mi costringe ogni giorno a contare e ricontare le calorie,per arrivare ad essere come vorrei e come forse non so nemmeno io!mi piacerebbe poter partecipare e condividere con altre persone questo profnodo malessere che mi fa stare male e che non mipernette a 26 anni di poter avere una vita ingrado di definirsi tale

  244. Aleph dice:

    Benvenuta Cannella!!!
    Hai fatto bene ad iniziare a scrivere qui…allora, dicci tutto…cosa fai tu nella vita?studi?lavori?
    Raccontaci pure quello che ti va…da dove arriva quel profondo malessere di cui parli?cosa ti fa stare così male?
    Sentiti libera di scrivere ciò che vuoi, in ogni momento…vedrai che qui tutte ti accoglieranno alla grande!
    E presto, prima che te ne possa accorgere, avrai conquistato un nuovo set di amiche/i…
    Ciao!

  245. uhmhm dice:

    Ciao a tutte..

    Vorrei dire una parola a tutte voi ma sono abbastanza a pezzettini e con poche parole.
    Ho dormito malisssimo, crampi alla pancia allucinanti.
    Incontro dalla psichiatra, per la prima volta.
    Mi ha prescritto dei farmaci, sono antidepressivi, dovrei inziaarli domani. Per inerzia me li sono fatti prescrivere, per inerzia li ho comprati, per inerzia domani li prenderò.
    Mi sento veramente vuota, stanca e abbattuta.
    Che fine hanno fatto le piccole gioie dei giorni scorsi? oggi non ho trovato posto per loro. Stasera devo cenare poi letto, sono davvero sfinita.
    In compenso, questa dottoressa mi ha fatto una carta, codice di esenzione 005. Ok, ora è ufficiale. Mi fa sempre più paura: quelli che io vedevo come dei problemini con il cibo ora hanno un nome. Ogni volta che vado da qualcuno per cercare di risolverli prendono sempre più forma. Ecco, esattamente questo intendo con il potere performativo del linguaggio.
    Dovrei leggere Foucault, per ridimensionare l’influenza che tutte queste persone hanno su di me? Oppure dovrei accettare tutto ciò attendendo tempi migliori? Io non lo so.

    Laura, oggi Oceano di Gomma risuoana nella mia testa. Io sono iscritta (studiare, laurearsi sono termini che poco mi si addicono) a Scienze della comunicazione: editoria e giornalismo. Nulla di troppo impegnativo ma l’ho sempre preso con il massimo impegno.. fino ad ora.
    Volevo qualcosa che mi aiutasse a dormire, a rilassarmi, invece degli antidepressivi. Ho paura. Lei mi ha detto di vederli come le pantofole: fanno sentire di meno il freddo del pavimento di marmo. Tu come stai?

    Silvia, mi ritrovo in tante cose che dici. Sono contenta di vedere che stai riuscendo ad aprirti. Credo tu non sia assolutamente immobile: ci provi, cadi, ti sfoghi, torni indietro, ma continui ad essere in movimento. Prima a poi tutto ciò porterà da qulche parte no?

    Marianna, sono felice per i tuoi giorni tranquilli.. Dove sono andati i tuoi?
    e come ti capisco riguardo al rigore domestico. Sono quasi ossessionata dalle pulizie in casa, e ho un cane gigante che ogni volta mia mamma fa entrare e ogni volta sporca. E io lavo, lavo e rilavo i pavimenti. Parlane con la tua psicologa..

    Vi abbraccio forte forte…

  246. Marianna dice:

    Sera a tutte, ciao Aleph!

    Benvenuta Cannella, che bel nick che hai scelto!Parlaci un pò di te, noi siamo tutte qui ad ascoltarti e a tenderti una mano. Coraggio!

    Silvia, io ti capisco, ah,non sai quanto ti capisco!
    La mia situazione familiare è una delle cause scatenanti della mia malattia e nonostante mi imponga ogni giorno di fregarmene dei loro atteggiamenti, delle loro parole, non riesco a liberarmi di questo peso.
    Posso tranquillamente affermare di essere cresciuta da sola, nessuno mi ha mai seguita, nella scuola, nella vita, nessuno mi ha mai gratificata in nessun modo ed io non ho fatto altro che cercare di primeggiare per sentirmi dire almeno una volta nella vita brava.
    Quando mi sono laureata 2 anni fa io non ho avuto niente e non perchè non potessimo permettercelo ma perchè secondo loro non era una cosa così importante. Non ho festeggiato con nessuno, non ho potuto scegliere un abito da indossare, non sono andata dal parrucchiere per farmi i capelli…
    Però, il pensiero che sto maturando adesso è questo: va bene, i miei sono fatti così, magari non lo fanno apposta, non credo vogliano farmi soffrire, però io ho tutta una vita davanti da costruirmi, magari lontana da loro, perchè così sto meglio, ma posso ancora gustarmi tutta la serenità che mi è mancata negli anni. Dipende da noi, Silvia, dobbiamo farlo per noi. Perchè dobbiamo punirci?Perchè vogliamo renderci invisibili?Cosa cambierebbe?Usiamo la forza che mettiamo nel riuscire a stare giorni interi senza mangiare, nelle nostre punizioni, per cambiare sta cacchio di vita che ci rende così insofferenti. Si può fare, tu che dici?
    Scusa se il concetto è un pò contorto, mi è ancora molto difficile esprimere quello che sento dentro, mi porto dietro un baule pieno di sofferenza e se ci penso mi viene rabbia, delusione, tristezza…immagino sia lo stesso anche per te.

    Chiara, Azimut, Ilaria, il vostro silenzio mi preoccupa…dove siete, come state?Vi penso tanto…

  247. Marianna dice:

    Uhmhm, ti sento quasi rassegnata…vorrei poterti aiutare in qualche modo.
    Cerca di lasciare da parte l’inerzia e tira fuori la grinta, sono sicura che ce l’hai!Non ti abbattere, anche a me capita di essere felice un giorno per una piccola vittoria e poi tristissima per una settimana. Anch’io ho paura che il dottore possa prescrivermi gli antidepressivi, ma se la dottoressa te li ha consigliati è perchè non possono far altro che aiutarti.
    Hai provato a prendere qualche tisana per rilassarti prima di andare a dormire?A me ogni tanto aiuta…quella e qualche film scemo che mi strappi un sorriso! :-)
    I miei sono partiti sabato mattina, hanno deciso di vedere il carnevale a Fano, quindi questo fine settimana è trascorso più serenamente per me.
    Un abbraccio!

  248. laura dice:

    silvia cos’è successo a casa?, cosa ti ha scosso così? qualunque sia il motivo non mollare il colpo, non reagire con i soliti meccanismi.

    marianna sono contenta che hai trascorso un bel fine settimana, hai ragione marianna possiamo ancora gustarci tuttal la serenità che ci è mancata, possiamo, spero accada presto, anche se al momento lo edo così lontano come traguardo.

    ummm tu volevi qualcosa per rilassarti e dormire, ti ha dato degli antidepressivi, non sei costretta a prenderli, e sopratutto non prenderli per inerzia, pensaci, datti il tempo per capire se è la cosa giusta per te, se decidi di prenderli fallo perchè credi sia giusto farlo, non perchè ti ci sei trovata in mezzo.

    ho un desiderio enorme di potermi abbufare ma non posso, inoltre mi sento e vedo enorme, sicuramente sono ingrassata, io di mio sono stitica, molto, ma adesso ho raggiunto un livello mai prima d’ora, questa è la terza settimana che non vado di corpo e la cosa mi fa sentire ancora più enorme e grassa, che voglia di mangiare………….. basta . io mi sento che sto così tornando indietro, vomito sempre più spesso, inoltre ste fitte al petto, l’altro giorno mi sembrava che mi stava esplodendo il cuore.

  249. Maria Letizia dice:

    Buna sera a tutti! Sono davvero stanca ed è solo lunedì…l’incontro con la dott.ssa è stato molto costruttivo, vorrei tanto portare nella mia vita quella calma e quel calore che mi trasmette…infondo gli incontri servono anche a questo. Poi ho concluso la giornata con un’oretta in palestra, ma quanto mi manca Ale quando sono lì!
    Voi come state?
    Marianna sono contenta che tu abbia passato un fine settimana piacevole, anche io cerco di mangiare con amici e ragazzo tutte le volte che posso, ma anche con i miei, datti tempo, le paranoie ci accompagneranno ancora per un bel po’, ma credo che riconoscerle sia già importante! Parli di ordine e pulizia? Sfondi un porta aperta con me: ordine e schemi nel mangiare…idem in tutto ciò che riguarda la mia giornata, quasi avessi bisogno di seguire un percorso segato per non andare fuori strada, ma potermi così ritrovare sempre..rischio zero!
    Silvia, mi unisco a Marianna: complimenti per i tuoi progressi!
    Chiara, come sei stata oggi?
    Azimut, come stai?
    claudina sono contenta di sapere che stai un po’ meglio, ma non so cosa sia quel dolore di cui parli…capisco quando dici che sei contente della dissenteria e di non avere fame, senza paura di giudizi, perché tanto, chi più chi meno, siamo tutte sulla stessa barca…
    silvia…come ti capisco, io non sono più aumentata di peso, ma 43 kg mi sembrano così tanti…
    Luna Blu quarte su quattro…ma sì, l’importante è la grande voglia di vivere che chiaramente metti in tutto quello che fai, vorrei avere anche solo la metà del tuo entusiasmo, grazie per volerlo regalare a noi!
    nuvola non ricordo di averti già incontrata, quindi…piacere di conoscerti!
    Leggo che abbiamo molto in comune: “Io voglio da me stessa la perfezione in tutto, così cerco di controllare il mio peso per raggiungere in ogni modo i miei canoni, ma alla fine perdo il controllo”.”mi sento orrenda e stupida”. “il lavoro nonostante il mio impegno costante non migliora, la situazione è difficile ed io reggo a fatica uno stress non legato al lavoro in se ma al non poter mai raggiungere gli obiettivi per colpe che non dipendono da me”. Hai ragione sono problemi generici che tutte abbiamo, coraggio…forze stando con noi impareremo tutte ad amarci di più!
    CANNELLA benvenuta! Da quello che leggo anche tu combatti contro questo inferno, hai fatto bene scrivere: ti sentirai meno sola!
    uhmhm che succede?Capisco quando scrivi: “quelli che io vedevo come dei problemini con il cibo ora hanno un nome. Ogni volta che vado da qualcuno per cercare di risolverli prendono sempre più forma”MA forse questo è necessario per affrontarli, anche se fa male da morire!.
    Tante non scrivono più..state bene?
    Domani giornata noiosa: consiglio di classe…odio la burocrazie!
    Preparo la borsa e mi avvio a letto…UN ABBRACCIO!

  250. Chiara* dice:

    Vorrei dirvi qualcosa di sensato ma non ci riesco.
    Scusatemi.
    Vi sono vicina, conosco e capisco il vostro dolore, le vostre paure, i vostri dubbi.
    Vorrei poter fare qualcosa per ciascuna di voi, di noi.
    Vorrei che questo fosse solo un brutto bruttissimo sogno dal quale domani mattina finalmente ci sveglieremo.
    Ma non è così.

    Buona notte angeli.
    Vi abbraccio.

  251. Ilaria dice:

    Buonasera a tutte, ciao Aleph!
    Passo di qui per farvi un saluto veloce veloce prima di andare a dormire. Non sono sparita, continuo a leggervi tutti i giorni e vi penso in continuazione. È solo che sto attraversando un periodo di standby emotivo, nulla sembra smuovermi, nemmeno i sentimenti negativi successivi alle abbuffate sono più così forti, quasi fossero attutiti da uno strato di ovatta… Spero di risvegliare la voglia di vivere che di solito ho, quando sto bene. Intanto ho deciso di chiedere alla mia dottoressa di famiglia di darmi un ansiolitico leggero, giusto per smussare un po’ di spigoli quando sento che la situazione potrebbe volgere al peggio. Che dite, faccio bene?

    Oltre a dare il benvenuto a Cannella, volevo solo dire due parole a Silvia: condivido al 100% quanto ti ha già detto Marianna. Anch’io provengo da una famiglia a cui ho dato tutto e da cui non ho ricevuto niente. Mi hanno tenuta rinchiusa fra quattro mura finché hanno potuto, e non certo per proteggere me da fantomatici pericoli, ma solo per proteggere se stessi dalle rogne… Come spesso dico, mi sono fatta da sola. Facendo errori a non finire, ma almeno posso incolpare solo me stessa. Però, nonostante tutto il rancore che provo per loro, non riesco a staccarmi del tutto, è come se il fatto di diventare finalmente una persona diversa da loro fosse una specie di tradimento nei loro confronti… ma più vado avanti e più mi convinco che tutto ciò che faccio lo devo a me stessa e non a loro. Soprattutto, è per me stessa che devo guarire. Sono io che convivo con il mio corpo, non loro. Sono io che ho dei desideri che mi riguardano, non loro. Silvia, non è troppo tardi perché tu possa realizzarti. Certo, non potrai pretendere e ottenere ora da loro quel calore e quella protezione che spetta di diritto ad ogni essere umano, però puoi fare molto per prenderti cura di te e lo sai. Convinciti di meritarlo, ok?

    Baci e abbracci a tutte.

  252. Girasole dice:

    RAGAZZEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11 Sì, tappatevi le orecchie perchè sto urlando!!!!!

    ma che capita…perchè perchè perchè sento quest’aria grigia da queste parti???

    perchè? un paio di settimane fa si respirava quasi la primavera e ora? coraggio! dai fanciulle! domani è la nostra festa e dobbiamo rimboccarci le maniche per festeggiarci al meglio….festeggiare NOI! cosa che dovremmo fare tutti tutti tutti i giorni, perchè siamo delle super donne, con dei super poteri da fare invidia a Wonder Woman…perchè ne abbiamo passate e ne stiamo passando di tutti i colori, abbiamo visto e vediamo tuttora il cesso dal punto di vista sbagliato… usiamo la bilancia nel modo sbagliato…abbiamo mille schemi…giochiamo al ribasso con cibo, calorie e con noi stesse… ci priviamo delle cose più belle della vita…e lo facciamo…
    già, per cosa lo facciamo? cosa si merita tanto? boh? nulla dico io…nulla!!!!
    giorni persi…occasioni perse, sorrisi persi…colori persi! eppure…siamo qui, siamo qui a scrivere scrivere scrivere, a mettere nero su azzurro i nostri pensieri, a aprirci con chi non conosciamo, di cui non sappiamo il nome, qlcn che si cela dietro un finto nome…il mio? Monica! e ve lo dico perchè è quello che sono! Sono Monica, sono Wonder Woman, perchè con tanta immensa fatica ce la sto mettendo tutta per rialzarmi, così come sta facendo Chiara, come fa Polla, come fa Silvia, e Ilaria, e claudina, e vaniglia, Marianna e Maria letizia, laura e luna Blu e tutte tutte le altre…
    e non venitemi a raccontare frottole, che magari non è vero ciò che scrivo, non raccontatemi che simo nullita, inutili, che non valiamo nulla, che ci facciamo piccole piccole perchè nessuno ci possa vedere…
    no, non state a raccontarmelo, perchè questa scusa non vale più! perchè volevo sparire…essere invisibile, ma a cosa sarebbe servito? e poi, se era così vero…perchè mi sono tirata su le maniche, perchè mi sono persino tolta la maglia per poter star bene)…perchè sto facendo tutta questa fatica per tornare a un peso decente, per far venire il ciclo, combattendo con il mio sentirmi enorme, con la mia faccia che torna tonda, per le mie braccia senza i buchi…per il mio petto senza le ombre delle costole…perchè?
    semplice, perchè sono wonder woman…perchè sono più di lei…
    perchè sono stata tanto forte da farmi del male, ma sono ancora più forte per il mio desiderio di curarmi…ed è lo stesso che voi tutte siete…forti forti, incredibilmente forti, nonostante le cadute, nonostante la rabbia, nonostante il vomito e le restrizioni, nonostante gli schemi….
    STOP! STOP! STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!STOP!
    STOP!

    STOP!

    STOP!

    ecco…STOP!

    Ragazze, le palle ce le abbiamo tutte…e siamo forti e siamo delle grandi…

    scrivo tutto questo per voi, e per me, per non dimenticarmelo, per condividerlo, perchè credo in voi…e non vogliio leggere nessuno che pensi che questo non è vero, perchè non ci credo, non posso e non voglio credere che non sia così!

    vi voglio bene sapete?
    e lo dico davvero!

    non so se domani capiteròda queste parti…
    quindi, buona festa della donna a tutte!!!

    Aleph… a te un bacio!

    cannella…benvenuta!

    Scusate se non ho scritto a nessuna in particolare…ma vi abbraccio tutte…una per una!

  253. silvia dice:

    Grazie Ilaria, grazie Marianna, grazie Uhmhm…le vostre parole, le vostre considerazioni mi fanno venire le lacrime gli okki…ma sento così forti questi legami ke nn riesco ad allontanarmi.

    Laura cerca di star + calma e sopratutto l’unica cosa ke posso dirti è di far riferimento alla tua psicologa.

    Scusate se oggi nn ho tantissime parole…vi penso.

  254. silvia dice:

    Girasole…Monica grazie x le tue parole

  255. Marianna dice:

    Un passo per volta Silvia, stai facendo progressi e se continui a crederci sono certa che ne farai tantissimi altri!

    Laura, anch’io sono parecchio stitica anche se 3 settimane sono tante! Hai provato qualche rimedio naturale?Tipo kiwi, mele cotte, aiutano un pò a regolarizzare il transito intestinale. Coraggio, mantieni la calma e placa l’abbuffata…dai che ce la fai!Ti abbraccio!

    Chiara, Maria Letizia, dolce notte ad entrambe…siete sempre nel mio cuore.

    Girasole, sei più grintosa di un pezzo rock!!Vai così, dammi un bel cinque virtuale!! :-)
    Se abbiamo avuto una determinazione così forte nel farci male, possiamo averne altrettanta per costruirci uno splendido futuro!Tutto è nelle nostre mani, Wonder woman può allacciarci le scarpette! :-D :-D
    Passa più spesso, c’è bisogno del tuo colore e calore!!Un mega abbraccio!

    Vaniglia, dove sei?Ti penso…

    Azimut…

    Buonanotte a tutte, amiche mie, notte Aleph.
    A domani!

    Vi voglio bene!!

  256. Marianna dice:

    Pollaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa?????????Dove sei finita?Su su, vieni quì a raccontarci come hai trascorso il fine settimana! :-)

    Vado a dormire sul serio. Notte a tutte/i

  257. Aleph dice:

    GIRASOLEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ok, credo che queste tre righe esprimano già da sè cosa penso del tuo post!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Sei mitica!!!!!!

    Marianna, buonanotte!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Vaniglia……ti penso

    Silvia, non preoccuparti se non hai scritto molto…basta sapere che ci sei!Lotta…

    Notte anche a tutte le altre!

    Aleph

  258. miele dice:

    Buondì a tutto il blog

    Monica-Girasole, hai scritto un bel post, ti sento positiva. Io la festa della donna non la considero minimamente, anzi la considero un’enorme cavolata…però di certo so che valiamo in quanto “persone”, e che non coincidiamo con la nostra malattia.

    silvia trovo molto positivo che tu ti sia aperta un po’ a raccontare cosa ti sta logorando. come puoi vedere, qui molte persone hanno alle spalle un vissuto familiare problematico…che non è l’unica possibile causa di un dca, ma che comunque può contribuirvi.
    una persona molto saggia che conosco, e che lavora al cento dove mi seguono, ci ripete sempre che il grande passo da far,e per tutti nella vita, è cercare le nostre “vere” parentele…la nostra vera famiglia, che non sempre coincide con quella che ci ha generate fisicamente. E’ naturale che questo processo porti con sè il senso di colpa e del tradimento, ma a volte è l’unica via per il nostro stesso bene. I genitori sono esseri imperfetti, come lo siamo anche noi…non vanno scusati, certo, ma mentre restiamo perse nella nostra malattia non facciamo neanche nulla per svincolarci da questo ambiente…la malattia è una protesta incorporata, ma la guarigione è il passo avanti che ci può portare fuori dalle orbite che sono dannose per noi.

    Azimut, come mai non scrivi più?

    A tutte le altre, un buon inizio di giornata. A più tardi

  259. claudina dice:

    Buongiorno a tutte ciao Aleph…sono appena tornata dal prelievo del sangue,un siringone enorme…oggi pomeriggio ho la seduta al centro ed in un certo senso non vedo l’ora di andare; ieri sera ho mangiato latte e cereali,non mi sento molto in colpa quando mangio cosi’..forse perche’ so che nn ci sono poi tante calorie in una tazza di latte…mi sento tanto stanca,a malapeena riesco a fare un po’ di pulizie…ho le gambe pesantissime…doloranti..la schiena anche,la testa mezza vuota…volevo fare colazione dopo il prelievo,mi ero ripromessa di fala,ma alla fine ho preso solo un caffe’ macchiato…inizia un’altra giornata senza senso…chissa’ quanto sara’ lunga…sono davvero stanca…pensare a quanto tempo dovro’ andare avanti cosi’ mi butta giu’…spero tanto che la seduta di oggi dallo psicologo mi sia di aiuto…ma sono davvero stanca..tanto stanca…vi auguro una buona giornata.Un abbraccio.

  260. miele dice:

    ciao claudina….dopo il prelievo del sangue (lo faccio ogni 6 mesi per il controllo generale dei valori) mi piace sempre sedermi nell’atrio dell’ospedale, con un bel caffè bollente e un dolcetto da mangiare…l’ospedale di mattina presto è un posto stranissimo…non so, sari curiosa di lavorarci, ogni tanto. a parte ciò…mi spiace per la tua stanchezza…soprattutto perchè è dovuta al digiuno (oltre che, ovviamente, all’influenza che hai avuto, ma da quella dopo un po’ ci si riprende)…e ti auguro con il cuore che la seduta, oggi, ti offra qualche spiraglio di luce. se non te la danno loro, ti consiglio di farlo tu il passo…chiedi una dieta da seguire, ora come ora è l’unico modo. credimi, non ti faranno diventare una mongolfiera, non è nel loro interesse.

  261. Maria Letizia dice:

    Sono in super ritardo, volevo solo augurare a tutti una FELICE GIORNATA!!!

  262. Aleph dice:

    Buongiorno a tutte!!!!!

    Miele, che bello quello che hai scritto sull’ospedale, lo condivido anche io, e in effetti non mi dispiacerebbe lavorarci giusto per vedere dall’interno tutto…
    Per il resto, ti auguro una buona giornata!!!

    Claudina, non farti aspettative sulla visita di oggi. Vacci e basta, quello che succederà, lo saprai solo in quel momento. Non costruirti immagini, pensieri in testa su come andrà, perchè tanto di sicuro le cose non andranno esattamente come le hai pensate tu. Rilassati un pò fino a quell’ora, stai un pò sul divano, vista la stanchezza…ti penso

    Azimut………………ti tengo stretta

    Chiara……………..

    Vaniglia, passi a salutare?Spero tu riesca….ti penso!

    Marianna, Silvia……………

    A tutte le altre, un augurio per una buonissima giornata!

    Aleph

  263. pina dice:

    buongiorno a tutte/i, son passata per un saluto fugace, per farvi sapere che lotto insieme a ciascuna di voi, che oggi è un’altra giornata di dure lotte ma son convinta che sarete tutte vincenti.

    miele, azimut in questo momento è troppo debole per essere quì ma vi porta nel cuore sempre.

    vi mando un bacio

  264. claudina dice:

    MIELE: Devo vedere la nutrizionista il 14 di questo mese e sinceramente non vedo l’ora…non vedo l’ora che mi metta quella dieta davanti…ne ho fortemente bisogno…perche’ ho bisogno di “essere controllata” io nn riesco a mangiare da sola…sono convinta che la dieta diventera’ per me un ulteriore schema,ma sara’ senz’altro piu’ sano degli schemi che faccio io…
    ALEPH: Non ho grandi aspettative dalla seduta di oggi te lo assicuro,vorrei solo capire ,perlomeno cercare con l’aiuto di una persona esperta,cosa mi ha portato a questo e se mai un giorno riusciro’ a chiudere questo capito lo orrendo della mia vita…non sono agitata,non ho paura,non ho aspettative…non sento nulla…vivo tutto come se nn mi riguardasse,mi limito a sopravvivere e a guardare tutto come se fosse un film…

  265. CANNELLA dice:

    GRAZIE a tutti per il vostro benvenuto,ma soprattutto per la disponibilità ad ascoltare un’altra storia,un’altra vita,è difficile e così raro trovare chi ti ascolta e ti incoraggia a parlare,soprattutto quando in realtà tutto ciò che hai dentro ti fa provare vergogna per te stessa,ma che allo stesso tempo ti spinge afidarti così poco degli altri.sono iscirtta all’università anche se ormasi da qualche anno,anzi esattamente 2anni nn ho più fatto nulla,mi sono lasciata andare chiudendomi dentro me stessa per cercare di parare i colpi della vita,ho cercato di costruire una persona che pensavo potesse avere una vita felice,ma mi sono persa dentro di me,angosciandomi su quanto io nn sia perfetta e su come desiderassi ardentemente esserlo nell’illusione di trovare quella felicità che mi sembra una chimera!ho usato il mio corpo come filtro per la realtà,una realtà che però nn esiste se nn nella mia testa, ho cercato aiuto presso un centro per disturbi alimentari e vedere scritto su quel foglio che era vero io avevo un problema reale col cibo mi ha reso ancora più cocciuta perchè nn mi sentivo nemmeno pienamente di meritarla nn mi sentivo tanto magra da dover aver bisogno di qualcuno che mi desse una mano,ma poi piano piano ho cominciato ad intravedere che la realtà che io avevo raccontato a me stessa nn era poi quel modello vincente che io ritenevo essere.oggi ancora nn misento bene con me stessa perchè è difficile superare la percezione di qualcosa che è nella testa, che ti prende tutto.anche se oggi ho maggiore consapevolezza di molte cose,nn riesco ancora a vedere il mio corpo se nn nel modo che io ho deciso essere quello accettabile.per cui ogni giorno ci sta una sfida da intraprendere, tra la parte sana di me che ha preso contatto con la realtà ,e quella che invece vuole vedere la realtà solo come qualcosa che è stato programmato nella testa secondo misure precise!tutto ciò mi lascia atterrita e stanca,perchè è una competizione che mi dilania dentro.ci sono periodi migliori,e momenti di totale sconforto,nei quali sono così arrabbiata con me stessa da voler scomparire.parlare di tutte queste emozioni per me è importante,ma ancor di più lo è sentire che ci sono cose che io posso esprimere che hanno dignità di essere ascoltate . come capisco CLAUDINA quando dice di nn aver aspettative,perchè anche io spesso ho la sensazione di essere una spettatrice di una vita che nn mi appartiene.
    auguro atutti una splendida giornata.

  266. claudina dice:

    ciao Cannella e benvenuta…anche io sai quando devo andare al centro per i dca,penso sempre che forse non e’ li il mio posto,che non sono abbastanza magra per essere li…ma magra o grassa nn importa,dal momento che ci torturiamo la mente ed il corpo con queste ossessioni,chi per un motivo,chi per un altro,il problema sussiste…poco importa quanto pesiamo,quanto mangiamo,cosa mangiamo..il problema c’e’ eccome…il mio e’ quello di cercare una sorta di perfezione corporea,che trovo solamente vedendomi sempre piu’ magra…non ho piu’ nulla di bello a sentire le persone che mi circondano…gli okki sono spenti,il viso e’ triste e scavato,i capelli che ua volta erano cosi’ lunghi e belli sembrano una scopa ormai..le unghie si sfaldano,le ossa fanno male…eppure anche io persevero in questa sorta di autodistruzione per cercare di raggiungere chissa’ quale perfezione…e’ solo un lento suicidio ecco che cos’e'…ma o non voglio morire..non voglio assolutamente…non posso…non ho aspettative…ma in fondo a me stessa,voglio vivere…devo solo trovare la forza,quella spinta per farlo.

  267. laura dice:

    silvia non mi hai risposto, cosìè successo a casa?

    buona giornataa tutte

    benvenuta cannella, io tra l’altro adoro la cannella

  268. CANNELLA dice:

    Sono perfettamente d’accordo con te Claudina perchè in fondo abbiamo nascosto la nostra bellezza dietro le nostre paure, e ti capisco perfettamente quando dici di nn avevre più nulla di bello secondo le persone che ti circondano,perchè qualcosa di spento nn emana nè calore nè luce,ma noi abbiamo dentro tantissime cose che nn sono spente,perchè nonstante la nostra luce si sia scurita nn si è spento l’impulso più grande che è quello della vita.la spinta nn è qualcosa che nn ci appartiene,ma che forse dobbiamo solo riconoscere in noi stesse,perchè magari ora si è nascosta tra le mille pieghe delle nostre conivnzioni.e lo dimostra il fatto che abbiamo avuto la forza di voler cercare un aiuto.la nostra prospettiva è deformata dalla nostra testa che nn ci fa ascoltare il nostro corpo,ma dentro di noi ci deve essere qualcosa che ci dia un’ancora di salvezza,anche semplicemente per iniziare ad uscir fuori dal fossato che ci siamo costruite attorno. la nostra più grande forza forse è proprio la nostra sensibilità..perchè guadare il mondo con una lente di ingrandimento ci fa soffrire ma ci dà anche la percezione vera,e questa è una cosa bellissima,io ci credo che la sensibilità e la nostra delicatezza d’animo saranno le nostre ancore di salvezza.un animo gentile non può essere deturpato e forse dobbiamo solo trovar in noi la forza di guardarci dentro e riconoscerci in questo.
    un saluto atutte le donne che sono speciali nella loro normalità.

  269. Marianna dice:

    Buonasera a tutte/i,
    ragazze, sono un pò preoccupata per voi…sento troppo silenzio quì e questa cosa mi fa pensare male.
    Che succede?Chiara, Silvia, Azimut, Ilaria…come state?

    Pina, tu che hai contatti con Azimut, puoi dirci se almeno sta bene?Mandale un bacio grande grande da parte mia e dille che mi manca tantissimo!

    Ilaria, ci leggi?Ti ho letta troppo rassegnata, cosa è successo?

    Silvia, ti penso tanto…come va?

    Cannella, sono felice che ti sia aperta con noi…quanti anni hai?

    Torno più tardi, devo scappare

    Un saluto a laura, luna blu, claudina, uhmhm, maria letizia, aleph e tutte!

  270. Polla dice:

    ..Buonasera ragazze,
    cosa combinate? io oggi giornatina impegnativa al lavoro.. ma davvero interessante e sono mooooolto contenta perchè è stata proprio utile. Inoltre ho avuto la possibilità di sperimentare il mio approccio al cibo in una situazione del tutto fuori dai miei programmi.. come è andata? un po’ fa ridere. nel senso che era la merenda del mattino..e c’erano patatine,brioches,cioccolatini,salatini,biscotti e poi boh.. altre cose da bere.. e bla bla bla.. ovviamente io mi sono agitata quando ho visto tutto ciò e la mia tendenza ad abbuffarmi si è accesa,ma così,come per ricordarmelo e poi l’ho gestita o almeno ci ho provato.. sono partita con una mela che mi ero portata da casa(e già fa ridere che una ragazza con tutto sto “ben di dio” si metta a mangiare una mela..ma va beh..) e poi ho deciso che era il caso di provare.. che anche se mi fossi abbuffata,almeno ci avevo provato(il fatto che io non vada poi a vomitare fa un po’ da deterrente nella mia mente bacata,ma qsto è un altro discorso..)..quindi? quindi mi sono lanciata in modo del tutto normale(spero..ahaha) sulle brioches.. e viaaaa.. è andata bene.. nel senso che ho mangiato due cornetti al cioccolato,qualche patatina al formaggio e bevuto coca cola.. quindi.. tuuuuutto regolare.. nel senso che benchè nella mia testa due brioches fossero già abbuffata,mi sono sentita bene.. cioè,mi sento di aver scelto io..non ho fagocitato tutto quello che avevo davanti e cmq mi sono pure mangiata la mela che tanto mi fa sentire al sicuro..ho scelto di non rinunciare alla mia sicurezza e allo stesso tempo di provare a fare altro..e sono contenta anche se nella mia mente bacata era tutto evitabile,non è così.e me lo sto continuamente ripetendo..è stata una delle tante prove che mi si pongono nle corso della giornata.. ed è andata così. bene o male? non so,ma così è andata.ci ho pensato un po’ a quello che avevo mangiato,ma poi mi sono accorta che piano piano il pensiero mi abbandonava e che mi risultava del tutto normale..che nulla era cambiato..ed erano le 11.30 del mattino! così dovrebbe essere sempre.. non so se ho fatto confusione,ma avevo bisogno di scrivere qsta cosa .. un po’ per condividerla con voi e un po’ per realizzarla io. non credo che qsto abbia cambiato le cose,ma credo che mettersi alla prova sia molto utile.. utile per acquistare fiducia in sè stessi, utile perchè si impara con l’esperienza e l’esperienza acquisita aiuta ad avere meno paura poichè quando si ripresentano le stesse dinamiche,si è appreso come muoversi.. quindi si rafforza la parte sana.. quella che spesso sembra così lontana..

    benvenuta CANNELLAAAA benvenuta!
    torno da voi.non sperate di esservi liberate così di me.. eheheh.

  271. laura dice:

    brava polla, secondo me è andata bene, ma per dirti se è andata bene ti chiedo: poi hai pranzato? perchè io ad es dopo due brioche non ce l’avrei fatta a pranzare, mi sarei riempita di fisse sul fatto che avevo mangiato troppe calorie e che ora non potrei pranzare, e la cosa mi avrebbe rovinato l’intera giornata, perchè io voglio pranzare e perciò avrei dovuto cercare qualcosa di molto leggero da mangiare, insomma sto già impazzendo al solo pensiero.

    un bacio a tutti devo scappare.

  272. silvia dice:

    Ciao A tutte, passo solo ora, nn ho avuto tempo. Grazie alle tante aprole ke mi avete rivolto. l’ho apprezzato moltissimo.

    Miele quelle considerazioni ke fa quella persona saggia di cui hai scritto…bè + o – ciò ke mi ripete la mia psic. ke devo andare alla ricerca di ki “vibra” al mio stesso modo, ma x me certi legami sn difficili da sciogliere e mi lascio trapassare e condizionare, mi impedisco di vivere x questo.

    Laura scusa se nn ho risp, in realtà nn mi va di entrare nei dettagli, nn è successo nulla di grave, nulla di particolare, cm può esser un semplice diverbio, ma io mi butto molto giù, xkè nonostante tutto ciò ke ho fatto x anadr bebe, poi bene nn vado..e ora nn riesco a tollerare + nulla , ma nenake riesco a staccarmene. è complicato.

    Polla 6 grande! lasciatelo dire…il coraggio ke hai avuto nel metterti così alla prova…credo ke a ciò si giunga proprio qnd si combatte x se stesse.

    Cannella benvenuta, qui puoi parlare liberamente e volevo dirti ke molte di noi si trovano in stasi cm te, qnd sembra ke l’immobilità ci domina e la vita scorre da tutt’altra parte mentre noi osserviamo, ma ci sn anke dei bellissimi esempi di lotta cm polla. Girasole e Miele…e di vittoria, cm LunaBlu, Yris…
    Chiara oggi cm va?
    Marianna…Alpeh un saluto anke x voi

  273. miele dice:

    Polla polla! Ciao! Che bello leggerti qui. Bella la vicenda di ieri..nel senso di “stimolante”…anch’io però ti faccio la domanda di laura: poi, hai pranzato in modo diciamo “normale” o quella bella merenda è stata una specie di pranzo anticipato, e poi via…leggera fino a sera? Io ammetto che avrei ragionato in questo secondo modo…ma sai che io ho le mie fisse sugli orari ecc. per cui forse è anche per quello.

    silvia secondo me non è che tu debba staccarti dalla tua famiglia, quanto crearti un mondo un po’ più tuo…dove anche altre persone occupino il tuo cuore e il tuo tempo. ma per far questo bisogna cercare qualcosa che non è solitudine…

    Pina, grazie di averci detto di Azimut: io, però, francamente mi sto preoccupando un po’, se puoi dacci maggiori notizie.

    Cannella benvenuta anche da parte mia. Scrivi molto, e cose molto belle…ma per me un po’ poco “concrete”…nel senso che non ho ancora ben capito quale sia il tuo disagio, la tua storia…raccontaci, ma naturalmente se e quando ti va di farlo.

    Per me giornatina ricca di pensieri contrastanti…i vestiti vanno un po’ stretti e io vado un po’ in paranoia…ma solo a tratti…stasera invece c’era un tramonto stratosferico e mi ci sono immersa fumandomi una sigaretta. Piccolo piacere, anzi grande piacere.

  274. silvia dice:

    Miele nn mi stacco dai legami sofferenti, dai doveri e dagli obblighi ke nn riesco + ad assolvere, dai sensi di colpa x questo, x voler nn provare tutto questo. X nn sapere reagire diversamente alle difficoltà e x nn riucire a stare bene cn me.
    Oddiò ke confusione. anke oggi sto imparanoiata. Ma tu nn avevi il controllo? mi sbaglio?

  275. miele dice:

    silvia, scusa non ho capito la tua domanda “ma tu non avevi il controllo?”…
    controllo nel senso di schema o controllo nel senso di visita dal nutrizionista?

  276. silvia dice:

    nel senso di visita dal nutrizionista, scusami.

  277. miele dice:

    beh, non l’avevo scritto qui, però la visita ce l’ho proprio domani…poi ti dirò com’è andata.

  278. silvia dice:

    Davvero?..avrò fatto confusione.scusami!!!

  279. Maria Letizia dice:

    Passo veloce, non riesco a leggere della vostra giornata …è tutta la sera cHe ho un gran mal di stomaco, sarà la tensione per tutte le riunioni di questa settimana…BUONA NOTTE…

  280. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!!!!!!!

    Avete scritto poco oggi….festeggiato il carnevale qualcuna di voi???Io no, non è che mi faccia impazzire come festa in realtà…solo quando ero bambino…

    Devo darvi una “brutta” notizia…i prossimi 3 giorni sarò un pò assente perchè vado in montagna…da solo eh, tanto per evitare pettegolezzi!Eheheheheh…avrò cmq internet, ma a pagamento, quindi cercherò di passare a salutare ma non potrò di certo commentare tutto…

    Cannella, continua a scriverci, ok???Non ti preoccupare di giudizi o altri….un pensiero per te!

    Claudina….com’è andata???Spero bene e tu stia dormendo rilassata ora…

    Vaniglia, ti penso tanto!

    Chiara…….come va?

    Silvia,Miele,Azimut,Marianna,Ilaria,MariaLetizia,Polla,Uhmuhm,Luna,Pina,Laura,Girasole,Yris…e se ho dimenticato qualcuno, scusatemi…mando un pensiero grande a tutte voi!

    Spero di leggervi domani prima di partire…

    Buonanotte!

    Aleph

  281. Maria Letizia dice:

    I dolori allo stomaco sono passati e sono riuscita a dormire bene. Devo cercare di non caricarmi di tutta la tensione del lavoro, come dice la mia dott.ssa: “Non devo portare il lavoro a casa”. Oggi è l’interminabile mercoledì, devo cercare di non arrabbiarmi come ieri, devo accetare che non posso controllare tutto e pretendere che riesca a fare ogni cosa alla perfezione…un abbraccio, a più tardi e…BUONA GIORNATA!

  282. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Scusate per il silenzio di ieri ma è stata una giornata particolarmente difficile.
    Stanno emergendo dentro di me delle prese di coscienza e delle verità molto dure da accettare.
    Mi ritrovo completamente spiazzata, abbandonata a me stessa, confusa.

    Vi penso.
    Un abbraccio

    PS: Azimut dove sei? Il tuo silenzio mi fa paura…
    Vaniglia anche tu… scrivi.

  283. miele dice:

    Anch’io vi lascio il mio buongiorno…ultimamente la sera sono piuttosto stanca e ieri non ho più riaperto il blog.

    Che fate oggi? Come state?
    Ieri qui c’è stato poco movimento…si sente che mancano alcune persone: Azimut, Pina, Amira…ma anche Yris (dove sei cara?), LunaBlu…Marianna e Girasole scrivono poco…Vaniglia è scomparsa…
    Noi vi pensiamo sempre, spero sarete presto qui.

    Vado a sistemare un paio di cose e poi alla visita dal nutrizionista. Ho lo stomaco sottosopra per l’agitazione :)

    A più tardi!

  284. Polla dice:

    ..Buondì blogghettare,
    eccomi anche io di prima mattina.. sto facendo colazione a poi devo andare dalla psicologa,ma non quella della terapia per i dca..l’altra.. voglia? mica tanta.. più che altro non è che mi manchi la voglia di base.. è che spesso quando esco da lì sono stanca e essere stanca la mattina,non è proprio producente,ma si fa!
    per continuare il mio racconto di ieri cmq.. poi Si,ho pranzato.. ho pranzato con le ragazze:pasta al pesto,cotoletta e contorno di verdure con un pochino di pane. Il pomeriggio poi ho cmq fatto merenda con un frutto e la sera ho cenato con zuppa,insalata,un pane,mela e yogurt e spuntino prima di dormire(mela). io direi che è stata una giornata positiva.. se non fosse che sono rimasta appesantita per un po’ e che la frutta mi fa esplodere.. ma lo so e faccio fatica a non mangiarla!

    miele.. in bocca al lupo per il controllo. ti va di dirci perchè ti senti agitata??? che pensi??? vai tranquilla dai che sarai cmq contenta delle tue fatiche.. :-) .

  285. Ilaria dice:

    Ragazze, buongiorno.
    Ieri è stata la catastrofe… sono andata dal medico con i risultati di alcune analisi (tutte con il temibile asterisco). Morale della favola: potrei avere un tumore alla tiroide. Voglio poter usare il condizionale fino all’ultimo, ma nella mia testa mi sono già autocondannata… e una volta tornata a casa l’inevitabile (o no?) epilogo… dopo una settimana orribile e 3 giorni tranquilli in cui mi stavo appena appena riprendendo. Per prendere l’ansiolitico devo aspettare stasera, me lo prende il mio fidanzato visto che io non ho la tessera sanitaria e in farmacia non vogliono darmi niente :-(
    Tornerò per aggiornarvi nei prossimi giorni, per ora mi metto in silenzio stampa :-(

  286. claudina dice:

    Buongiorno! ieri sono andata alla seduta…ho dovuto aspettare un po,ero con mio marito che continuava a guardarmi mentre aspettavamo..finche’ gli ho detto: ma si puo’ sapere chehai da guardarmi?? lui mi fa..sei proprio piccolina piccolina…una briciola…poi finalmente lo psico e’ venuto a chiamarmi…inizia la seduta,mi chiede come va e io gli dico che va come sempre…inizio a parlare..lui mi ascolta con attenzione,mi guarda fissa negli occhi mentre parlo,nn si perde nemmeno un mio movimento…ascolta,ascolta….poi mi dice: da quello che lei mi racconta,emerge che lei ha completemente cancellato una parte piuttosto lunga della sua vita…sembra quasi che lei stia ripartendo da quando aveva 20 anni…abbia cancellato tutto fino ad arrivare a 2 anni fa quando e’ ritornata a pesare all’incirca come quando era giovanissima…e’ vero…e’ verissimo gli dico io,quasi contenta che lui lo abbia capito…gli ho raccontato di come ero appresnsiva una volta,di come me la prendevo per tutto del terrore che avevo per le malattia e di come tutto sia magicamente scomparso adesso..e lui mi dice: via i kili in piu’ e via le paure e le apprensioni…raggiunto l’obiettivo prefissato: via i kili di troppo…e adesso? nessun’altro desiderio? nessun altro obiettivo? no dico io..niente…mi ha detto che non ho tantissimi kg da prendere…il problema e’ la dieta dissennata che non riesco a smettere….vedra’ mi ha detto che con la dieta sana ed equilibrata che le fara’ la nutrizionista stara’ bene..il nostro obiettivo e’ farla mangiare in modo sano e nutriente e non farla diventare di nuovo grassa…questo no….poi ha voluto sapere un po’ di cose riguardo ai miei figli,a mio marito…conclusione sua? io sento mio marito come un padre…nn come un marito,l’ho messo al posto del papa’ che nn ho piu’…mi ha stupito il fatto di come abbia capito tante cose di me solo sentendomi parlare…sono uscita rilassata,come se mi fosse stato tolto un peso….direi che e’ stato un colloquio positivo…ieri sera poi pero’ mi sono abbuffata…ho mangiato bistecca e d insalata,ma dopo verso tardi ho preso del the’ con i biscotti e nn mi riuscivo a fermare…tanti tanti biscotti al cioccolato…me li sono gustati pero’…quanto erano buoni…poi tanto senso di colpa finche’ ho preso sonno…
    CANNELLA: che bel post che mi hai scritto,che bellle parole…ti ringrazio,mi saranno di aiuto le tue parole…sei una persona molto sensibile e ti poni in maniera cosi’ dolce…grazie ancora…ti lascio la mia mail a te e a chi mi vorra’ scrivere…[email protected] abbraccio.

  287. Polla dice:

    ..Ciao Ilaria,
    leggo un po’ di rabbia ne tuo post + che di preoccupazione o sbaglio? credo che non sia una cosa negativa se cerchi di sfruttarla in qualcosa che ti porti a rielaborare e agire in modo diverso da come spesso ci si impone! Ma senti.. qsta cosa della tiroide.. il medico cosa ti ha detto? come mai parli di tumore? quando saprai qualcosa? non credo che autocondannarsi ti aiuti a gestire meglio qsta cosa e non credo sia l’unica soluzione possibile. hai degli altri esami da fare? e usare il condizionale è giustissimo,poichè sarebbe inutile fasciarsi la testa prima di averla sbattuta da qualche parte.. per quanto ti sia possibile,cerca di stare tranquilla.. vorrei avere delle parole + concrete da offrirti, vorrei poterti aiutare a stare meglio..
    Cosa intendi per settimana orribile? e per tre gg tranquilli? vedrai che riuscirai a stare meglio,cerca aiuto da chi può starti vicino. intanto ti abbraccio e mi scuso se ho ho detto delle banalità,ma avevo voglia di farti capire che ci sono.in qualche modo.. a presto!

  288. claudina dice:

    ILARIA: nn ti autocondannare…hai i valori della tiroide sballati? dubito che da questo si possa pensare subito ad un tumore…anche io ieri nel prelievo che ho fatto c’era un controllo della tiroide ed il medico mi ha gia’ detto che probabilmente saranno sballati perche’ la tiroide risente molto dell’alimentazione sballata…quindi aspetta a autocondannarti,ci vorranno senz’altro esami piu’ approfonditi per arrivare a certe diagnosi.ti abbraccio.

  289. Aleph dice:

    Buongiorno!!!

    Eccomi qui, sono di passaggio che tra poco parto, come ho scritto ieri sera…

    Ilaria………mi spiace…cmq condivido quello che ti hanno scritto le altre, autocondannarsi non serve a nulla. Noi ti siamo vicini…

    Claudina….buona giornata!!!Mi è sembrata molto positiva la tua visita di ieri, e ne sono davvero felice!Oggi cerca di stare tranquilla…quando hai l’incontro per la dieta con la nutrizionista?

    Chiara………..mi preoccupa il tuo silenzio, la tua mancanza di parole…voglio farti sapere che ti sono vicino e ti penso. Cerca di volerti un pò bene, per favore….

    Vaniglia……..dove sei???Come stai???Ti penso…

    Azimut………

    Miele, buona giornata e buon controllo!Stai tranquilla e non agitarti!Hai ragione, in questi giorni il blog è un pò spento, ma vedrai che riprenderà a vivere più che mai!Io farò il possibile per scrivervi anche dalla montagna….

    Polla!!!!!!!!!Pensaci tu a tenere alto il morale delle truppe, ok????Ehehehehehe…buona giornata!E buona visita anche a te!

    Silvia, ti penso.

    Marianna!

    Un pensiero anche per tutte le altre, e in particolare per l’ultima arrivata Cannella!

    Buona giornata, spero di riuscire a scrivervi il prima possibile!

    Aleph

  290. claudina dice:

    ciao Aleph,la visita dalla nutrizionista ce l’ho lunedi prossimo…ti auguro di passare dei bei giorni in montagna:) un bacione!

  291. Luna Blu dice:

    Ilaria…non ti fasciar la testa prima die ssertela rotta…
    Quei valori sballati potrebebro essere mille altre cose… ;-)
    Oggi è una giornata stupenda…vi bacio!

  292. Viola dice:

    Di tanto in tanto torno a leggervi e una cosa che mi ha ripetutamente colpito, è il fatto che spesso si parla del Mostro riferendosi solo all’abbuffata e al massimo al conseguente vomito se presente, ma mai al digiuno, all’esagerata attività fisica, al controllo ossessivo e agli altri sintomi…nonostante anch’essi partecipino all’invischiamento nella malattia.
    Lo so che tutto ciò che riguarda il controllo e porta a dimagrire è difficile vederlo come un Mostro, ma sarebbe importante iniziare ad entrare nell’idea che il Mostro non è solo l’abbuffata.

    Riguardo a questa, leggendo, mi sono posta la domanda: “Si tratta di abbuffata oggettiva o soggettiva?”
    Per esempio Claudina (e intanto ti faccio i complimenti per i primi risultati positivi della seduta) scrivi che hai perso il controllo sui biscotti, ma l’entità di questa abbuffata era oggettivamente rilevante?
    Per definizione, un’abbuffata oggettiva, va dalle 1200 calorie fino ad arrivare a 11000 calorie, mentre quella soggettiva è ritenuta eccessiva solo dal soggetto (che ha sforato il suo schema), ma in realtà non lo è.
    In entrambi i casi è presente la sensazione di perdita di controllo (addirittura stati d’alterazione della coscienza, che ho provato ed è tremendo nel momento in cui si torna lucidi), ma dall’una all’altra cambia molto la situazione.

    @Polla sei una lottatrice e da quello che leggo, oltre ad essere un esempio positivo, hai un’invidiabile capacità di analisi, che a mio avviso ti porterà presto a chiudere la porta. Mi piace leggere le tue considerazioni, sono sempre pertinenti e mi fanno riflettere.

    @Vaniglia come va l’herpes?

    @Ilaria spero tu abbia al più presto la notizia che smonti le tue preoccupazioni.

  293. pina dice:

    ragazze il detto “la vita è uno specchio, se le sorridi anche lei ti sorride” lo avete dimenticato? su cucciolotte, siamo una grande famiglia, una fa il tifo per l’altra, lottiamoooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  294. claudina dice:

    VIOLA: io nn lo so di quante calorie era composta la mia abbuffata..essendo una che molto spesso restringe fino al digiuno totale,sforare dai miei schemi,significa abuffarmi…di biscotti ne ho mangiati quasi un intero sacchetto…hanno circa 40 kcal quindi suppongo di aver sforato di un bel po’..40kcal a biscotto ovviamente… se poi faccio il conto di quante calorie mangio in una settimana,oggettivamente parlando,nn era un introito esagerato di calorie,ma credo che il problema sia stare cosi’ male dopo aver compiuto un gesto cosi’ naturale come il mangiare…il gustarsi un po’ di cioccolato dopo tanto digiuno o quasi…oggi ovviamente non ho mangiato che mezza mela…stamattina mi vedo grassa e mi sento ingombrante come un elefante…e’ questo che nn va…e’ il mio continuo contare e ricontare anche prima di mangiare una caramella…e’ l’ossessione continua…sono gli schemi,le manie,l’avere sempre la testa che pensa le stesse stupide cose…ancora peggio e’ rendersene conto e non riuscire a smetterla…

  295. Polla dice:

    ..claudina, l’unico modo per bloccare o comunque limitare le abbuffate è quello di iniziare ad alimentarsi..qsto riguarda sia l’abbuffata percepita,sia quella effettiva.. sapevi già che oggi non avresti mangiato e qsto spinge a continuare a mangiare e a sentirsi in errore.. ma ora hai iniziato una terapia e vedrai che ti forniranno gli strumenti per imparare a gestirti..vedrai.. l’aumento di peso è inevitabile poichè durante i digiuni il corpo attiva una sorta di risparmio energetico e qsto rallenta la tiroide.. ma a parte qsto,l’aumento di peso è inevitabile incrementando l’alimentazione e qsto è un dato di fatto al quale tutte ci si deve rassegnare.l’alternativa??? digiunare finchè non si schiatta,abbuffarsi,stare a dieta a vita o l’alternarsi di qsti aspetti,con tutto ciò che essi comportano.. lo so che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare,ma con il supporto degli esperti è davvero un’altra cosa,ci si sente capiti,ma anche spronati ad avere davvero voglia di cambiare e si capisce che così non ha senso continuare.. è un percorso lungo e faticoso,faticosissimo..ma credo che qsta possibilità ce la si debba concedere,diamocela qsta possibilità di cambiare! e lo sto dicendo anche a me..io che faccio una fatica assurda,che continuo a rimandare la svolta,ma che la percepisco così vicina da farmi ancora è paura.. credo stia per finire il tempo di coccolarmi in qsto corpicino senza sostanza,credo sia piuttosto il caso di ricoprirmi di carne,del frutto delle mie fatiche e delle mie conquiste, che mi piaccia o no.ma credo che se il percorso di vivrà come un’ascesa,si potrà gioire davvero di quello che si è conquistato e non sentirsi a disagio per un peso normale ..che valenza può avere quanto peso? che importanza ha nel mondo il mio peso? se qsto comporta il mio isolamento dal mondo e un costante senso di inadeguatezza ? mi sento a disagio ma almeno sono magra??? bah.. qst è importante solo per noi,per nessun altro.è come una persona che si sente a proprio agio solo se esce di casa con le scarpe di Gucci.. ma chissenefrega in realtà??? se uscisse con altre scarpe??? camminerebbe in modo diverso? no.solo che probabilmente lei si sentirebbe a disagio,ma dentro sè stessa..solo imparando ad usare altre scarpe e capendo che non cambia nulla,anzi sono pure + comode,inizierà a viversi meglio la situazione. potrà andare in negozi diversi e avrà + possibilità di scelta.. si,potrà scegliere.. non sarà schiava di un’imposizione che è solo nella sua testa e che non ha nessun contatto con la realtà delle cose..
    come sempre sono partita in 4.. scheggio. torno da voi + tardi. forzaaaaaa!!!

  296. laura dice:

    ilaria, ti sono vicina, cerca di stare tranquilla per quanto tu possa, fatti dare supporto dalle persone a te care, ti stringo forte.

  297. Viola dice:

    @Claudia
    certo che il problema sta in entrambi i casi e non volevo farti mettere a contare, mi sono spiegata male :) … volevo soltando dire che c’è differenza tra un’abbuffata oggettiva e una soggettiva, ma non una differenza in merito alla sofferenza che può portare, piuttosto, nel caso di quella soggettiva, il rendersi conto che non si è esagerato, cambia le prospettive.
    Mangiare più di quanto ci si è prefissati perchè il corpo lo richiede in quel momento, è nutrirsi (altro discorso è accettarlo e iniziare a farlo senza quella brutta sensazione di non saper gestire il cibo…), esagerare fino a scoppiare, è farsi del male come quando ci si priva completamente del cibo.

    @Polla
    Esattamente…un’alimentazione regolare può essere la medicina per ridurre o eliminare le abbuffate; così funziona nell’anoressia e nella bulimia, ma non nel Bed, dove le compensazioni sono assenti e l’abbuffata non è fisiologica.

  298. claudina dice:

    POLLA: Trovo che tutto quello che hai scritto sia giustissimo..e’ logica: se io mangio adeguatamente,da stare bene,non arrivero’ alla sera affamata,e non avro’ bisogno di abbuffarmi…io mi ripropongo ogni giorno di farlo,perche’ mi dico che se mangio anche 1000 cal al giorno non ingrassero’ al limtite mettero’ un po’ di carne addosso..ma poi ogni giorno prendo in mano lo yougurt alla mattina e lo rimetto giu’…e a pranzo faccio finta di nulla..come se pranzare nn mi riguardasse…a cena qualkosa mando giu’…ma molto poco…e nonostante la propspettiva di una vita cosi’ mi fa passare la voglia di vivere,continuo…anche ieri ho detto allo psicologo che quando ero grassa non mi piacevo fisicamente,ma di certo ero piu’ felice di adesso…mi ricordo quando io e mia figlia andavamo a letto nel lettone ci guardavamo un film e ci facevamo delle scorpacciate di pop corn…quanto ridevamo,quanto ero felice…adesso si ,fisicamente mi vado bene,ma vivo in questa specie di mondo mio,che sebra fatto di cristallo,dove ho paura ogni momento di caompiere un passo falso e di rompere le meravigliose pareti di cristallo che mi sono costruita…il tutto e’ cosi’ freddo…nn mi da calore,non mi da nulla…solo la magrezza…tanto ambita …tanto desiderata..ora ce l’ho..ma ho perso tutto il resto.
    VIOLA: Non preoccuparti viola,non mi hai fatto contare…e ho capito perfettamente quello che vuoi dirmi…forse sono io che mi sono espressa male…a me piace molto leggere quello che scrivi sai..davvero…ma il bed che cos’e’ esattamente?

  299. Luna Blu dice:

    Claudina tu scrivi :
    “io mi ripropongo ogni giorno di farlo,perche’ mi dico che se mangio anche 1000 cal al giorno non ingrassero’ al limtite mettero’ un po’ di carne addosso..”
    non so quanto tu sia alta…ma io che son alta circa 1.55 solo per il metabolismo basale ne faccio andare 1250 al giorno…per metabolismo basale si intende l’organismo a riposo…quindi tu non metteresti proprio niente con solo 1000 kcal al giorno…anzi succede che dimagrisci semrpe di più…per emttere su epso devi amngiare di più del tuo metabolismo basale..e tu nn mangi neppure le calorie del metabolismo basale…costringi ilt uo corpo a sopravvivere…e ad abbassare sempre di più il suo bisogno di energie…così una volta che riprenderai a mangiare normalmente andrai in contro a gravi problemi di compensazione…insomma…stai consumendo gli organi…le risorse del tuo corpo…

  300. claudina dice:

    LUNA BLU: io sono alta 1,65, io nn conosco il mio metabolismo basale,nel senso che nn so quante calorie a riposo consuma il mio corpo…so che ad ingrassare ci mettevo un attimo…non sono di quelle che ti viene a dire che mangiavo pochissimo e lo stesso ingrassavo..ne’ che avevo la tiroide che funzionava poco e quindi con niente ingrassavo..io mangiavo…mangiavo …sono arrivata ad un punto della mia vita in cui a colazione ,che fortunatamente nn facevo quasi mai,si mangiava una tazza di latte con 2/3 plum cake, e capace che alle 10 di mattina si mangiava un panino con la mortadella…a mezzogiorno il mio etto e passa di pasta ben condita nn me la toglieva nessuno,piu’ quella che avanzavano gli altri…seguivano salumi e porcherie varie..il pomeriggio se lavoravo ok se ero a casa era tutta una serie di spuntini fino a sera…la sera primo o secondo e chi piu’ ne ha piu’ ne metta…dopo cena seguivano patatine e schifezze varie fino a quando andavo a dormire…io adesso penso che i miei problemi alimentari sono arrivati quando mangiavo ed ingrassavo a dismisura,mangiavo e nn avevo limiti,nn ero mai piena,mai…quando sono arrivata a pesare 93 kg qualkosa e’ scattato…quei jeans tg 56..le mani gonfie il mio viso che nn sembrava piu’ il mio viso ma un ammasso informe di grasso,nn riesco a dimenticare…si ogni tanto provavo a mettermi un po’ a dieta,ma durava 2 giorni…poi qualkosa e’scattato…ho deciso fermamente di dimagrire,mi veniva una gran disperazione,mi guardavo quelle braccia enormi e mi dicevo che nn ce l’avrei mai fatta ,erano troppi kili…ho iniziato a togliere la pasta,il pane,le merendine,le patatine…sono arrivata a non mangiare piu’ nulla…e i kili andavano via..eccome! poi arrivata a 60 kg mio marito mi disse di smettere,che ormai avevo il giusto peso che stavo benissimo…ma nn ci sono riuscita..arrivata a 60 volevo essere 50…arrivata a 50 volevo essere 40..tutt’ora a momenti vorrei essere 30…ma sono riuscita a darmi lo stop…nn voglio prendere peso ma non voglio nemmeno andare sotto i 40…io mi spacco la testa…non so cosa diavolo mi sia scattato dentro..so che i primi tempi della dieta ero al settimo cielo,gliamici che mi dicevano che stavo bene che nn sembravo piu’ io…avevo energia da vendere..mi sentivo onnipotente..poi un giorno mio marito mi fece incontrare una sua amica malata di anoressia da anni…lei mi guardo’ con i suoi occhi spenti e mi disse: tesoro,ci sei dentro fino al collo…ti senti forte vero? ti sembra di controllare il mondo…in realta’ ti stai solo uccidendo..non passera’ molto tempo e tutta l’energia che hai in corpo che altro nn e’ che iperattivita’,svanira’,e tu ti sentirai uno straccio…arrivera’ quel momento..aveva ragione..sono uno straccio ora…uno schifo e mi odio perche’ non riesco a gestire piu’ quest cosa che odio,ma che cerco ogni giorno.

  301. claudina dice:

    LUNA BLU: ma quando scrivi che quando ricomincero’ a mangiare normalmente,andro’ incontro a gravi problemi di compensazione,cosa intendi? puoi spiegarmi meglio la cosa?

  302. Luna Blu dice:

    Claudina..tu non sei diversa dalle altre…se mangi troppo ingrassi…se mangi poco dimagrisci…il tutto sta nel mangiare il giusto…
    Il cibo non è che un mezzo per vivere…il cibo…non è il CIBO … oltre un certo limite non perdi più il grasso..perchè non ne hai più da perdere…prima perdi le cose che l’organismo puo’ considerare ancora superflue…i muscoli…poi si intacca l’energia (sempre più fatica a fare cose anche semplici…il metabolismo si adatta a livelli bassissimi…e si è sempre stanchi…) … il nostro corpo è una macchina…dopo el cose non essenziali per la sopravvivenza (perchè nn è più vivere…è sopravvivere) si passa alle cose che a cui l’organismo non puo’ fare a meno…ma del resto come si fa a far funzionare una macchina senza benzina? le ossa si indeboliscono…osteoporosi…e diventano più leggere…più fragili…le unghie e i capellli diventano uno schifo…gli organi non hanno abbastanza nutrimento per funzionare…e si indeboliscono e fan il loro lavoro sempre con più difficoltà…ad esempio il cuore ha bisogno dei sali minerali…e chi vomita ne ha pochissimi … ora è anche vero che dopo i 40 il nostro organismo reagisce in maniera diversa …
    Con gravi problemi di compensazione intendo quei danni che ormai non son più sanabili…ulcera permanente…digestione difficilissima…intestino che fa quel che vuole…insomma…organismo di una eprsona vecchia e malata…e quando darai di nuovo la benzina alla tua macchina…lei non sapra come gestirla…

  303. Luna Blu dice:

    Il grasso che si perde è nella pelle…la rende fresca e giovane…nel collagene…è nelle cellule le aiuta a smaltire i radicali liberi…e le schifezze…poi tu fumi!!!! Chi ha problemi di dca invecchia prima…spesso sembra molto più vecchia di com’è in realtà…anche se è come se si volesse tornare bambine..se non si voelsse crescere…los tress sull’organismo dopo un tot di tempo si vede…

  304. Luna Blu dice:

    Occorre non banalizzare il rporpio stato…non far finta di non vedere…non epnsare di essere immortali…qui si gioca e si scherza con la vita…e con la morte …

  305. claudina dice:

    grazie luna blu,sei stata molto esaustiva…ma cosa devo fare’ tu ci sei passata e sai quanto e’ difficile…ieri lo psico parlando di mia figlia,mi ha chiesto se adesso che sono magra mi sento piu’ giovane,se mi sento la mamma di mia figlia o la sorellina…mi sono sentita cosi’ ridicola tutto di colpo…ma lui ha ragione,mi ha sbattuto in faccia la realta’…credo di essere diventata che cosa? una ragazzina?no…nn si ridiventa ragazzine dimagrendo in maniera malata…hai ragione prima avevo un faccione gonfio e mi sembrava di essere piu’ vecchia,adesso il viso e’ scavato ma con una quantita’ di pelle raggrinzita sotto il mento che mi fa sembrare piu’ vecchia dei miei 41 anni…quando il sabato e la domenica mangio di piu’ e quindi introduco anche piu’ liquidi,mio marito mi dice sempre che ho il viso piu’ luminoso,un po’ piu’ pieno e che sembro ringiovanire di colpo…ma a me spiace,perche’ avere il viso piu’ pieno vuol dire essere grassa di nuovo…vorrei mangiare…ho tanta di quella fame che nn lo so nemmeno discrivere…ma e’ cosi’ difficile..ho tata paura …detesto con tutte le mie forze tutto quel grasso che avevo…

  306. Luna Blu dice:

    Claudina il tutto sta nel capire che non sei più grassa…che hai fatto bene a dimagrire..perchè anche quando si è troppo grassi si sta male…e non è una questione solo estetica…è difficile…scatta qualcosa dentro…e spero epr tute voi che scatti presto…prima che l’organismo sia compromesso per sempre …m,olte qui son già al punto di non ritorno..eppure continuano enlla loro mania…banalizzando il loro stato e spostando il epnsiero sempre su altro…chessò…sugli altri…
    Non hai notato quanti sani e buonic onsigli ci sonos empre tra le parole di tutte qua…eppure non una fa suo quei consigli che dispensa…

  307. Luna Blu dice:

    Allora capisco..leggendo le parole di ognuna di voi..a che punto siete della malattia…perchè io l’ho vissuta…dai 13 ai 30 anni…capisco che molte non vogliono guarire…che altre amano questa malattia…perchè è coem una dipendenza…eppure se provaste solo un attimo a vivere un giorno da persoen sane…vi guardereste indietro e capireste quanto tempo gettato al vento…e allora si scatterebbe quella molla dentro di voi…non è così difficile il passo…ma è motlo più facile perseverare nella malattia…

  308. claudina dice:

    LUNA BLU: E’ vero…si sente che capisci a che punto siamo della malattia…tu descrivi alla perfezione quello che sento e questo mi fa venire un gran magone credimi…come e’ vero che dentro le parole di ognuna ci sono consigli per le altre che pero’ nn vengono messi in atto su se stesse..lo pensavo anche io leggendo i vari post..come e’ vero che e’ molto piu’ facile crogiolarsi dentro la malattia che sforzarsi per uscirne…

  309. Luna Blu dice:

    Caludina è più facile solo perchè si sa già cosa si deve fare…che schemi seguire…è una strada battuta e certa…ma se si ha il coraggio di fare quel passo…si capisce che è motlo più difficile sopravvivere in quegli schemi…che vivere è diverso ed è molto meglio di sopravvivere…è ilc ambaimento che spaventa…

  310. CANNELLA dice:

    buonasera!grazie ancora per tutte le parole di accoglienza!forse sarò affrettata però mi hanno fatto sentire davvero meno sola,perchè in molti dei vosrti racconti ho rivisto me,in molte parole,in tanti punti sspensivi,e in tutti quegli interrogativi che ogni giorno la nostra testa ci mette dinnanzi!io sono una ragazza di 26 anni che da circa due anni soffre di anoressia nervosa,o meglio alla quale da 2 anni è stat diagnosticata questa malattia,anche se in realtà la mia lenta discesa verso l’inferno è cominciata già circa 4anni fa!io ero una ragazza grassa sono arrivata apesare 76 kg a 20 anni,avevo come tutue le persone in sovrappeso sicuramente poca sicurezza nell’essere bella,ma in realtà nn mi interessava allora e nn mi èmai interessato essere bella,soprattutto perchè avevo un ragazzo al quale piacevo,ero la figlia studiosa,una persona che nn dava problemi,nn avevo grilli per la testa!tutto questo però è scoppiato quando io ho cominciato a voler dimagrire, mi sono rivolta ad una nutrizionista e cominciato a stare a dieta,il mio peso forma stabilito era 56kg data la mia altezza1.68.beh io mi sono messa d’impegno e ho cominciato ma poi nn mi sono più fermata,perchènn mi bastava quel peso,era diventata un asfida e più dimagrivo e più mi sentivo forte,ma allo stesso tempo mi chiudevo in me stessa,sono arrivata a 50 però nn mi bastava potevo far meglio,kg dopo kg mi convincevo che potevo ancora perdere peso..45 e poi 43 si ero arrivata a 43 il peso che io stabilito essere il mio pesop ideale ai limiti della sopravvivenza,il peso nel quale potessi vedere finalmente le mie gambe nn più come enormi ma come accettabili!ma in ogni kg perso ho accumulato sofferenza,tristezza,dolore.e quel senso di vuoto che ho dentro.ma ancor più di tutto l’orrore di vedermi ancora come quella ragazza grassa,che ho voluto con tutte le mie forza far scomparire uccidere, perchè in realtà si raccontava di una vita tranquilla,ma che poi soffriva per tabte delusioni ricevute dalla vita.anche so e riconosco che il mio punto di rottura è arrivato in seguito ad una delusione d’amore, perchè è stato in quell’istante che dentro di me ho deciso che mai e poi mai mi sarei sentita inferiore a qualcun altro vergognandomi di come ero,è stato un tradimento scoperto che mi ha fatto vergognare di come ero,mi sono vista allo specchio e ho addossato al mio corpo e a quelle forma sgraziate la causa di tuttto, da allora ho giurato a me stessa che mai e poi mai avrei patito la stessa sofferenza.E’ comiciato così il mio cammino verso l’anoressia,all’inizio ero felice perchè se prima passavo inosservata e tendevo a nascondermi anche se incosciamente,da quando avevo preso a dimagrire notavo nello sguardo altrui qualcosa che mi rendeva fiera..tutto ciò però in fin dei conti è durato poco,perchè poi ho perso la bussola,e se inizialmente vedevo nei commentoi positivi un punto di forza,in seguito invece gli altri erano per me solo un ostacolo,un impedimento alla mia felicità,come se nessuno al mondo potesse capire,ed anzi io mi dovevo difendere dalle loro aggressioni,perchè nn capendo mi avrebbero distolto dai miei obbiettivi!oggi molte di questi pensieri sono ancora nella mia mente,perchè è difficile abbandonare un’idea quando ad essa si lega tutta la vita ela propria felicità,anche se nei momenti di lucidità mi rendo conto che la felicità in fondo nn lìho avuta anzi il contrario,dato che oggi mi sentio così spenta e opaca!ho ripreso qualche kg con fatica, impegno ma la paura,anzi il terrore di ingrassare è sempre presente, e mi incita a voler di nuovo raggiungere il peso che per me è come se fosse il numero magico della felicità!oggi so che così poi nn è perchè è la mia testa che deve cambiare rotta,e nn il mio corpo,so bene che nn sarà un kg in più o in meno ad essere fonte della mia felicità, ma ancora nn riesco a gestire paura e voglia di riuscire davvero a liberarmi da tutti questi pensieri.ci sono momento buoni e momenti tristi.ma oggi ho anche qualcosa che prima nn avevo,coscienza di essere malata,per me questo passo è costato molto perchè sino a pochi mesi fa nn ritenevo di aver davvero un problema anzi spesso quando andavo al centro dei DCAmi ripetavo che ero ingiusta, perchè stavo occupando un posto che io nn meritavo,o meglio usurpavo un posto a qualcuno davvero malato.ma oggi so bene che invece nn è così,io sono apieno titolo in questo problema,e inqualche modo devo guadagnarmi un posto nn lì ma nella vita e nel mondo,tra le persone che stanno bene!

  311. claudina dice:

    ciao Cannella,mamma mia abbiamo un bel po’ di cose in comune io e te..anche io ho cominciato tutto con una dieta…solo che io l’ho fatta da sola,errore madornale,e poi nn mi sono piu’ fermata…dai che ce la facciamo,io spero proprio di si,non mi posso permettere una vita del genere…lo devo a me stessa a mio marito e ai miei figli…io stasera qualkosa ho mangiato e si,il senso di colpa ce l’ho,inutile che io ti dica che ho mangiato e ne sono felice e fiera,no..nn lo sono,pero’ almeno qualkosa che non sia una mela,l ho mangiato. ti abbraccio!

  312. miele dice:

    ciao ragazze

    LunaBlu mi è piaciuto moltissimo il tuo post n. 306.
    Ti chiedo un ulteriore sprint di sincerità, se ti va di farlo: mi diresti, secondo te, come percepisci il mio atteggiamento verso tutta questa schifosa malattia? In altre parole, ” a che punto sono”? Perchè io non me ne rendo più conto, al momento. Se non credi sia il caso di scriverlo qui, basta che mi mandi un pvt su FB. Ci tengo al tuo punto di vista e non lo percepirei come un giudizio, un rimprovero o altro.

    Viola io soffro di anoressia, e concordo pienamente con te: anche per me lei è Il Mostro. Non solo le abbuffate sono mostri, anche le ossessioni anoressiche hanno la stessa forza trapanante per cui direi che il nome si addice bene.

  313. silvia dice:

    Ciao tutte, mi affaccio solo ora, ma ho letto tutto…
    Ilaria anke x me nn devo preocc troppo prima di nn sapere cn certezza quali sn le cause…

    LunaBlu anke x me è scattate la stessa cusriosità di Miele, e ti kiedo un tuo parere, se nn ti va qui fallo alla mail, x me fa lo stesso, ma ci terrei davvero tanto.

    Claudia spero ke la terapia continui a fprtificarti, cn me lo fa, riesco a calmarmi, qnt meno a comprendere meglio me stessa.
    Cambiar è molto + difficile ke far dar consigli agli altri…spero di mettere in pratica i buoni propositi.
    Vado, vi penso molto e siete importanti

  314. Maria Letizia dice:

    Scusate la mia assenza, domani a quest’ora sarà tutto finito, ma fin’ora lo stress di queste riunioni (piene di giudizi soddintesi) mi distruggono…altro pomeriggio tra lacrime e vomito…quando finirà quest’inferno? Mai come ora ho bisogno di un vostro abbraccio

  315. silvia dice:

    Maria Letizia coraggio! ki sn loro x influenzare tanto il tuo star bene o male!!! le persone ke contano le hai accanto! hai il tuo Ale ke tanto ti fa star bene, hai i tuoi…il piccolo coniglietto…hai noi…nn cadere + giù…cerca sempre di nn fissarti troppo…è ciò ke faccio anke io…sforzati di vedere ciò ke di buono c’è attorno a te! Io lo vedo anke qui, tra noi, c’è un legame ke ci spinge a lottare.

  316. Maria Letizia dice:

    Buongiorno a tutte, ho avuto una nottataccia piena di incubi e pensieri; silvia, quello che scrivi è vero, ma io non ce la faccio a lavorare bene in un ambiente ipocrita e menefreghista, dovrei diventare superficiale come gli altri e fregarmene , ma non ci riesco. Spero solo che la riunione non comporti ulteriori problemi…in questo momento non li reggerei…Vi abbraccio ..

  317. laura dice:

    luna anche a me piacerebbe un tuo riscontro, anche magari uno stimolo da cui partire, anche perchè mangiare mangio normalmente e questo mi fa un po impazzire, perchè non so bene cosa cambiare di pratico, ogni tanto sento quel bisogno di abbuffarmi e cedo, non sò come fare alle volte cerco di contrastarlo altre non ce la faccio.

  318. Luna blu dice:

    Ciao polpine…;-)…come state?
    Miele, Silvia, Laura…vi scriverò cosa penso nel mio prossimo post…è un mio parere ricordatelo…è curioso che la vostra reazione ai miei post è stata molto diversa da una reazione come quella di Claudina (preoccupata sopratutto degli effetti collaterali della malattia…perchè per ora, secondo me non ha nessuna intenzione di liberarsene…ci prova più per gli altri che epr se stessa)… Maria Letizia non so se ha letto ma nn mi pare stia molto bene ultimamente…
    Cmq…tra poco mi trasferisco…che sensazione di libertà…ieri ho visto il massaggiatore..usciva in canoa…io rientravo con la barca…ma come cavolo facevo!!!! Va bene quel che c’è dentro…ma il fuori ha la sua importanza no?
    Ora sto pensando a una sola cosa…non mi date della malata…ma ho visto un paio di scarpe rosse…le voglio!!!! Ahahahhh…

  319. miele dice:

    comprale Luna! anch’io per questa primavera voglio cercare scarpe colorate :)
    sono contenta del tuo imminente trasloco, ti farà stare bene!

    ciao a tutte le altre, io parto per l’università…qui il tempo oggi è pietoso…voglio il soleeeee

  320. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Spero che questa giornata possa portarvi sensazioni positive e nuove vittorie.
    Cerchiamo di tenere lontani i brutti pensieri e di essere forti.
    Il Mostro (in qualunque forma si presenti) è solo una nostra idea. Non permettiamogli di prendersi la nostra vita.

    Vi abbraccio

  321. Luna blu dice:

    Non posso comprarle..ne ho appena comprate un paio nuove…bellissime…
    Cmq Silvia…
    Tu vivi a stretto contatto con i tuoi vero? Leggo la paura e lo sconforto del tornare a mangiare…e secondo me lo fai solo per gli altri…e non per te stessa…ma se puo’ servire cmq ben venga…
    La vita è tua…solamente tua…non puoi vivere in funzione di quello che gli altri vogliono che sia della tua vita…forse se riuscissi a staccarti riusciresti veramente a sentire quello slancio dentro verso la vita…la “TUA” vita!!!
    Quando si sente dentro quello…allora non ci son più paranoie verso una doppia brioches…nessuna qua è grassa da dire…che trerribile danno farà una brioches doppia…mi ricollego a Polla…Polla non ha banalizzato la sua malattia…Polla secondo me ha sentito quella spinta dentro verso la guarigione…
    Chiara* dice il Mostro è solo una nostra idea!!! Sei sicura Chiara che sia solo quello? Perchè io ho i miei seri dubbi che sia così insignificante questo mostro…
    Cmq prima la coscienza di essere malate…ma poi la coscienza che è una malattia…non una cosa insignificante di poca importanza…forse si da poca importanza perchè riguarda solo se stesse…e se non si è importanti per se stesse allora come si fa a dare il giusto peso allo star male????
    Credo di averti risposto silvia…
    Laura e Miele al prossimo post…
    Vi ricordo che è solo quello che penso io…ok?

  322. claudina dice:

    Buongiorno a tutte! sono appena tornata a casa,ho portato il piccolo a scuola:) oggi ho tutta la giornata programmata,quindi e’ ok..stamattina pulizie,devo lavare tutti i vetri(toh!novita’) poi pulizie generali,stasera forse andro’ a fare la spesa,e’ una cosa che mi piace molto fare,ma mi son ripromessa di non comprare il solito casino di schifezze che poi tanto nn mangio…stanotte ho dormito bene,niente incubi..nel pomeriggio se riesco andro’ a prendere i risultati degli esami del sangue,speriamo bene.
    LUNA BLU: Ci azzecchi in pieno quando scrivi che piu’ che per me cerco di uscirne per gli altri,almeno per ora e’ cosi’,sbagli quando dici che ho paura degli effetti collaterali della malattia,non e’ cosi’,magari lo fosse,se avessi paura smetterei…ti ho chiesto delucidazioni perche’ mi interessa sapere,informarmi,ma ti assicuro che non ne sono preoccupata,anche se dovrei…forse e’ perche’ sono effetti che non si vedono subito..un po’ come i danni del fumo no? si vedono a lungo andare…la stanchezza che ho infatti e’ arrivata dopo un paio d’anni dall’inizio della malattia…pero’ forse prendendo coscienza sempre di piu’ di quello che sto facendo,iniziero’ a preoccuparmi seriamente…per adesso il mio STUPIDISSIMOpensiero e’ che se ingrasso tutti i sacrifici fatti fino adesso,saranno stati vani.Non vedo l’ora di vedere la nutrizionista…forse sapere che qualkuno MI CONTROLLA fara’in modo che io smetta di ipercontrollare ogni caloria che mangio….COMPRALE LE SCARPE ROSSE LUNA!! che belle! a me piacciono molto le scarpe col tacco,anche se nn riesco molto a camminarci…pero’ quanto son belle…prima non me le mettevo mai perche’ sbocciava fuori la ciccia,e il piede era orribile,a desso qualke volta me le concedo,mi stanno bene anche se le ultime che ho preso lo scorso anno,hanno un tacco esagerato e rischio di cadere ogni minuto:) vi auguro una buona giornata!

  323. CANNELLA dice:

    buongiorno a tutti!!!oggi finalmente dopo giorni di pioggia uno sprazzo di sole!!mi sono alzata con lo stomaco sottosopra,stanotte i pensier si affastellavano la mia testa intasandola,tant’è che ad un certo punto mi son detta:”spegni il tuo cervello e dormi!!!” oggi il mio umore mi suggerisce qualcosa di positivo..almeno queste sono le intenzioni,perciò nn consentirò a nessuno delle persone che ogni giorno mi martellano di farlo oggi!perchè non voglio sciupare questo sole,e soprattutto non voglio accartocciare un’altra giornata!!
    CLAUDIA siamo davvero molto simili,abbiamo due esperienze molto coincidenti e pensieri che conosciamo bene,anche io a volte inconsciamente lego la mia volontà di voler uscire da questo incubo,per far contente in qualche modo i miei genitori,ma poi mi rendo anche conto che in fondo lloro vorrebbero solo una persona felice che non si fa più male.tu che sei una mamma puoi comprendere credo alla perfezione l’amore di una mamma ,io lo capisco lo accetto anche se avolte mi soffoca perchè è troppo,mi impedisce di spiccare il volo,e non perchgè sia legato a cose concrete,anzi io vivo da sola da 19 anni ovvero da quando mi sono trasferita a roma per studiare,perciò sono io che gestisco la mia vita tutti i giorni,ma la sua presenza in me è comunque forte e popprimente anche attraverso la cornetta del telefono,è come se io volessi liberarmene in qualche modo,ma poi sono io a ricercare unn rapporto che è per funzionale ad avere quelle sicurezze esterne che io invece non possiedo! anche io oggi mi sono promessa di aver euna giornata diversa dal solito non fatta di tempo vuoto da riempire,ma di ore preziose da non sprecare,perchè investite in qualcosa che io voglio fare! A volte per me è così difficile perfino capire cose mi va o meno di fare ,perchè è ciome se l’apatia di starmene chiusa a casa avesse la meglio,li sento protetta nel mio angolo,senza aver paura.ma allo stesso tempo ,il mio angolo si tramuta in un cono d’ombra troopo esiguo,per cui oggi uscirò allo scoperto,anche solo per fare una passeggiata,guardare qualche vetrina e distrarmi da tutti i pensieri che ho.
    LUNA comprale assolutamente le scarpe,ti daranno un istante di felicità,perchè ti sara concessa un piccolo piacere,e poi la primavera è alle porte un pò di colore aiuterà a sentirci meno opache!!!

  324. Azimut dice:

    Chiedo scusa per tutti questi giorni di silenzio. Non riuscivo a leggere. Non riuscivo a scrivere. Soprattutto sentivo di non poter mettere un filtro protettivo ai miei pensieri e alle mie emozioni. Mi avete spesso detto che mi sentivate indulgere al dolore, perdermi in uno smarrimento non costruttivo, smarrirmi in un vuoto intreccio di percezioni che faceva arrancare ancora di più la mia anima. Parole dette per aiutarmi che però hanno trovato spazio tra le maglie delle mia fragilità, inoltrandosi in spazi troppo bui e nascosti per poter trovare il loro giusto respiro. Non avevo la forza per poter non essere pienamente me stessa e ho preferito restare chiusa nel mio intreccio di sensazioni. Non avevo forza neppure per accettare parole che non risuonassero solo come accoglimento e comprensione. Chiedo scusa per tutto questo. Dare un volto alle paure, ascoltare nel profondo l’eco di immagini perdute che tornano con tutto il loro carico di emozione, cercare il punto dove il cuore riesce ad allargarsi e a catturare bagliori di luce che non feriscano gli occhi. Prendere un bicchiere di latte e sentire il piacere di berlo, nello stesso tempo non assumere altro cibo e sentire che le forze si smarriscono; chissà se questo è pur sempre un punto di partenza, uno scostamento da quello schema che ci vuole sempre perdenti nel momento in cui permettiamo al nutrimento di raggiungerci. Richiami, echi che devo inseguire. Qualcosa che mi dice che il cibo verrà dopo, quando la mia mente si sarà saziata di un accoglimento che devo imparare a dare io a me stessa. Per potermi abbracciare in ogni istante, per poter coccolare tutte le mie parti disgregate e tenerle insieme, per potermi nutrire di attimi sottratti al vuoto e al rimbombante silenzio. Vi abbraccio

  325. Chiara* dice:

    Luna forse mi sono espressa male questa mattina.
    No, il Mostro non è assolutamente qualcosa di così insignificante. E’ una malattia vera e propria e come tale va presa e curata.
    Ma è una malattia che si insinua nella nostra mente prima ancora che nel corpo. E’ come un’ idea, appunto.
    Qualcosa che non riusciamo a sradicare dal nostro cervello, qualcosa che abbiamo dentro e che ci fa compiere gesti e comportamenti spesso non controllati dalla nostra volontà.

    Azimut vorrei dirti qualcosa di sensato, vorrei non essere banale, vorrei guardarti dritta negli occhi. Ma non posso far nulla di tutto ciò.
    Ti sono vicina e comprendo in pieno ciò che scrivi.
    Altro non mi sento di dirti perché un dolore così grande non può essere lenito con nessuna parola.
    Ti sono vicina.

    Cannella leggere ciò che scrivi per me è una coltellata. Perché rivedo nelle tue parole quello che provo anch’ io e non riesco a capacitarmi del fatto che ci possano essere tante persone che come me devono sopportare tutto questo.

    Clauda tu sei pienamente consapevole di quello che ti sta accadendo.
    Mi fa quasi “paura” la lucidità con cui descrivi le tue sensazioni perché io non ho mai avuto il coraggio di ammettere nemmeno a me stessa l’ evidenza delle cose come tu sei in grado di fare.
    Questo dovrebbe essere un punto di partenza da cui iniziare il tuo cammino.

    Vi abbraccio angeli.
    Scusate se sono di poche parole ma in questo momento ho la testa troppo affollata di pensieri e di paure.
    Un abbraccio

  326. nuvola dice:

    salave ragazze comen va? purtroppo io non sto bene e gli altri mi fanno stare peggio. stamattina mi ero alzat “positiva” pensando che anche con qualche chiletto in più potevo andare bene, magari con il tempo piano piano posso perderli. Alle 12 mi ferma un’amica e mi dice: sei perfetta, però queste culotte de cheval andrebbero riprese, non le hai mai avute, come mai ora sono comparse. E’ vero che ci sono ma sono mesi che ci combatto e non riesco ad eliminarle perchè dovrei fare la lipo ma non ho soldi e tempo. Ma io dico perchè sono così stupide da pensare a queste cose!!!!!!!!!!!!!!!!Aiuto eppure nella mia vita sono abbastanz intellig ma quando si tratta di cibo e corpo perdo al testa

  327. miele dice:

    ciao ragazze, passo per un saluto.

    Claudina, condivido l’impressione di LunaBlu sul fatto che per ora non sembri ancora aver deciso di star meglio…sei affezionata alle sicurezze che la magrezza ti dà. Ma come ti hanno detto al centro, nessuno vuol farti diventare una balena. E se vedrai che hai tendenza ad ingrassare, puoi sempre fare un po’ di sport…anche se non credo sia necessario…mi sembri già piuttosto iper-attiva in casa, è già molto il movimento che fai e basterà a tenerti decisamente in forma, semmai questa rimanesse la tua paura.

    Azimut…probabilmente ti riferivi a me nello scrivere: “Non avevo forza neppure per accettare parole che non risuonassero solo come accoglimento e comprensione. ” Le mie certo non sono state parole accoglienti, negli ultimi tempi. Vorrei scusarmene, ma una parte di me sa di non poter essere accogliente con taluni atteggiamenti che si manifestano davanti ad esperienze intrise di dolore. Perchè il punto non è il venire qui ad esprimerlo, questo dolore: il problema, per quanto mi riguarda, è nell’agire che accompagna il dolore. E’ su quello che fatico ad essere tollerante e dolce. E non credo che la compassione, o la giustificazione, ti possano essere di alcun aiuto. Non so come altro spiegarmi, se mi vengono le parole giuste ci riproverò.

    Nuvola ma tu come ti senti, fisicamente, al di là delle annotazioni fatte da altre persone?

  328. Azimut dice:

    Miele capisco ciò che vuoi dire e comunque quella sensazione non me l’hanno trasmessa soltanto le tue parole. Solo che in quel momento non sono riuscita ad accoglierle. Non so come spiegarmi. Mi viene in mente questa immagine: una bambina che cade desidera soltanto un abbraccio, che le sue lacrime vangano asciugate. Poi magari è caduta perché si è messa a sfrecciare con la sua bici senza freni e a nulla è valso dirle che prima o poi si sarebbe fatta molto male. Io avevo desiderio di quell’abbraccio e voi eravate in diritto di non darmelo, tutto qui.

  329. miele dice:

    Beh Azimut, vorrà dire che in futuro cercherò di starci più attenta, e magari di esprimermi in altro modo, anche se continuerò a dirti il mio pensiero, se me lo permetti. Grazie mille di esserti spiegata, mi hai mostrato qualcosa di me che deov imparare a gestire. Perchè io di solito riesco ad “abbracciare” le persone…ma non quelle che mi richiamano l’unica persona che mi devasta l’anima con inl suo star male.

  330. Luna blu dice:

    Miele…ti scrivo quello che ho capito di te…correggimi se sbaglio..perchè molti post magari non li ho letti…
    Tu parli poco di te stessa e tanto delle esperienze raccontate dalle altre qui…il mio psicoanalista spesso mi diceva…parli di te? Di chi parli?…perchè spesso ognuna di noi parla di se stesso…e interpreta e si rispecchia in quello che consiglia e dice agli e degli altri …
    Dallo psicoanalista son andata dopo aver capito che volevo guarire…ho sentito dentro che ce l’avrei fatta…non ci provavo per gli altri…ci provavo perchè ero convinta che questa volta ce l’avrei fatta… e lentamente…seduta dopo seduta…capivo che il cibo non mi terrorizzava più…non era più il mio sedativo..la mia stampella per il dolore…siamo in grado di affrontare la vita senza quello…non ci serve quello perchè siamo in realtà molto forti…questo leggo di te … credo tu sia sulal buona strada per capire che nn serve un sedativo epr la vita…ci saranno sempre dolore e sofferenza…ma ci saranno anche gioia e speranza…

    Chiara* non credo tu volessi banalizzare il mostro…ma in quei termini io l’ho letto come se lo avessi fatto … non sai bene che cosa sia questo mostro…come trattarlo…perchè è con te…e questo ti fa arrabbiare e sentire demotivata e demoralizzata dal tuo stato…tanto che minimizzarlo (ok…non l’hai minimizzato…ma è l’impressione che ho avuto io…quindi lo scrivo…) ti fa sentire meglio…ti fa sentire che ce la puoi fare…ma non esistono scorciatoie…non esistono e ci ho provato per anni…credo che capirai quello che voglio dirti…

    Son sempre pensieri miei ovviamente….
    Laura prossimo post …

  331. claudina dice:

    MIELE: io non ho mai detto che sono fermamente decisa ad uscire da questa cosa,forse avro’ detto che vorrei uscirne,ma che da sola sentivo di non poterlo fare perche’ non e’ gestibile da me…ho anche scritto che nn vedo ‘lora di affidarmi alla nutrizionista per cercare di riequilibrare un attimo la mia alimentazione,non e’ detto che questo basti, non ho detto che seguiro’ alla lettere il suo schema alimentare; so benissimo che la svolta deve partire da me..e adesso non ho l’imput per farlo…pero’ l’aiuto l’ho cercato,che lo abbia fatto per me o per la mia famiglia,l’ho fatto…nn pensare che io fraintenda quello che mi scrivi,lo apprezzo invece,lo prendo come un modo per spronarmi,non accetterei mai ne’ la compassione ne’ il compatimento,preferisco le cose schiette e dirette,a me il tuo modo di esprimerti,che nn trovo per nulla inadeguato,piace e voglio che tu mi scriva ogni cosa che ti senti di dirmi,perche’ so che mi puo’ servire ed aiutare.

  332. CANNELLA dice:

    buon pomeriggio a tutte,leggo i vostri post con emozione,perchè ognuno racchiude una sofferenza che si espime in modi simili o diversi mna che comunque ci conduce nella stessa dimensione di vita,fatta di pensieri tristi.
    CHIARA hai fatto una riflessione lucida e brillante su come in realtà i nostri comportamenti che per le persone che ci circondano sono spesso assurdi risiedono non nel nostro corpo ma nella nostra testa ed è lì che andrebbero sradicati!oggi sarei dovuta andare alla seduta con la picologa del centro dei dca,speravo eattendevo questo momento perchè per me è come se fosse l’unica valvola di sfogo alle frustrazioni che ho dentro,è l’unico ritaglio della mia vita nel quale mi sembra che io sia più me stessa.sono uscita con ottime intenzioni,ero fiduciosa e speranzosa di arrivare a sentire la mia voce anche questa settimana..e poi invece mi sono fatta due ore su una navetta sostitutiva della metro qui aroma e si è fatto tardi,ho chiamato la dottoressa con tanta tristezza per dirle che oggi non cel’avrei fatta ad arrivare ,ma purtroppo non era possibile spostare in un altro orario,e così altre due ore per tornare a casa,avvilita da no n aver potuto avere quel mio spazio:..ma pensandoci e riflettendo sulla delusione rispetto al mancato appuntamento mi sono anche detta che in fondo il mio spazio per sentire la mia voce è qualcosa che prescinde da un appuntamento,e allora sonotornata a casa e per una volta nn ho ignorato me stessa,mi sono soffermata a pensare sulle cose accadute questa settimana ,e sul fatto che io sola posso prendere decisioni ed effettuare sceltee rispetto alla mia vita..non so forse l’aver pensato un pò a me come una persona indipendente dall’affetto degli altri mi ha intimorito ma anche rassicurato;è questo il problema pèrincipale,che io non riesco agestire le mie sensazioni,ho sempre paura di sbagliare e cerco un indirizzo che mi dia un aiuto,ma spesso la protezione delle persone che mi vogliono bene si trasforma in qualcosa di doveroso da seguire,mentre invece oggi pomeriggio mi sono sperimentata apensare che sbagliare da sola forse può darsi non sia così grave come immagino..per ora però aancora nn riesco ad affacciarmi avedere cosa accade!!MIELE su questo punto hai scritto qualcosa che condivido in pieno:a volte ci sia “affeziona” alle sicurezze per quanto esse siano sbagliate. etutto ciò per paura di scoprire cosa ci accade oltre quel campo recintato che noi ci siamo autocostruite..come la torre d’avorio che i filosofi descrivevano per allontanarsi dalle passioni,così io mi sono rinchiusa in essa ma la paura nn può paralizzare la vita!

  333. Ilaria dice:

    Non so più che fare… ennesima caduta.
    Ormai sono giunta alla conclusione che è inutile perfino essere ottimista, pensare “è l’ultima volta”, “posso resistere” o “sto guarendo”, perché non è vero. Mangiare mi piace troppo e non riesco a fermarmi, è come se avessi paura che un domani non ci sarà più disponibilità di cibo e quindi lo ingurgitassi tutto subito perché chissà se ce ne sarà mai più…
    Be’, non credo di aver bisogno del parere di Luna, anche se sinceramente sarei curiosa anch’io come tutte, è ovvio… ma so già che risposta mi darebbe: sono in altissimo mare.

  334. Luna blu dice:

    Ilaria però sappiam nuotare da quando siam nella pancia della mamma…sta a te trovare al forza di arrivare alla spiaggia…
    Laura scriverò anche quel che penso di te…ti ho lasciata per ultima perchè sei quella che conosco meno…e quella che mi ha stupito di più in passato …

  335. Chiara* dice:

    Luna credo che tu abbia ragione.
    A volte pensare al Mostro in altri termini o comunque aggirare la questione da l’ idea di poter avere il controllo della Cosa, ma in realtà non è così.
    Io sono spaventata e voglio con tutta me stessa venire fuori da questo incubo. Ma al tempo medesimo mi sento come “protetta” da queste (finte) sicurezze, nel mio mondo fatto di controllo, di schemi, di regole da rispettare.
    Io non so lasciarmi andare. Alle emozioni, alle pulsioni, ai desideri. E’ come se non mi sentissi in diritto di provare piacere.
    Nella mia vita tutto deve essere sotto controllo. Il dovere è la cosa più importante. E il cibo insieme al corpo mi danno l’ illusione di riuscire a gestire quello che voglio quando voglio.

    Cannella mi dispiace tanto per la seduta saltata.
    Capisco come ti possa sentire… anch’ io quando devo andare dalla psichiatra mi sento addosso uno strano benessere e se per qualche motivo dovessi non riuscire a vederla starei malissimo.
    Il sapere di potermi mettere a nudo, di poter essere la vera Chiara in quei 60 minuti mi fa stare bene.

    Claudia… vorrei poterti dire qualcosa di sensato per cercare di spronarti, per farti vedere davvero dove stai andando ma sarebbe inutile.
    Fino a quando tu non sarai convinta e non vorrai fermamente uscire da questa malattia io credo che ogni sforzo sarà vano.
    Scusami, forse le mie parole non ti piaceranno ma è quello che penso.

    Ilaria non parlare così. Ora sei stravolta. Hai paura. I pensieri ti si aggrovigliano nella mente e non riesci a ragionare lucidamente.
    Il cibo è solamente un mezzo attraverso il quale stai cercando di lenire il tuo dolore.
    Devi farti aiutare davvero Ilaria. Non puoi andare avanti così.
    Il terapeuta che ti seguiva dov’è? Quando avrai la prossima seduta?

  336. silvia dice:

    Ciao a tutte, passo solo ora, ma ho letto tutto…
    LunaBlu ke dire: grazie! profondamente grazie! Le tue parole mi hanno colpito tantissimo xkè hai davvero colto nel segno e xkè proprio in questo periodo mi serviva leggerle…mi serve una spinta ke mi butti verso la “MIA” vita…quella ke ancora nn so cm voglio ke sia, ma quella stessa ke sogno di poter realizzare compiendo le mie esperienze e i miei errori.. cioè tutto ciò ke ho sempre evitato, xkè cm dice Chiara “Io non so lasciarmi andare. Alle emozioni, alle pulsioni, ai desideri. E’ come se non mi sentissi in diritto di provare piacere.
    Nella mia vita tutto deve essere sotto controllo. Il dovere è la cosa più importante”…spero di riuscire a raggiungere quella strada, fatta di percorsi tortuosi, ma cavolo!! percorsi ke voglio pur iniziare a fare! Grazie ancora!

    Cannella prensi un foglio, una penna e metti nero su bianco i tuoi pensieri e le tue riflessioni, così da fermarli e poterli condividere al prossimo appuntamento.

    Azimu sn felice ke hai deciso di tornare…mancavi molto!
    Chiara, Miele cm va?

    Laura mi dispiace sentire ke nn migliorano le cose, ma nn smettere di crederci è la sola cosa ke possiamo fare…me lo ripeto spesso, anke ora ke nn è un bel momento, si arriverà ad un punto, anke se in noi scatta qlc poi credo ke ci voglia tempo x raggiungere quell’obiettivo.

    Vi abbraccio

  337. Ilaria dice:

    Chiara, vado ogni lunedì dalla psicologa, ma c’è da dire che non è specializzata nei dca, e quando dice che abbuffarmi non è che un comportamente egosintonico, cioè in parole povere faccio quello che ritengo più giusto in quei momenti, un po’ dubito dell’efficacia di questa terapia…

  338. Chiara* dice:

    Secondo me Ilaria il fatto che la tua terapista non sia specializzata in dca può avere come no la sua importanza.
    Io credo che queste problematiche al di là del rapporto malato con il cibo (che sia esso di abuso oppure di rifiuto) siano profondamente legate alla nostra interiorità.
    E’ la nostra testa che in risposta a qualcosa ci ha portate ad intraprendere questa strada.
    Ed è proprio dalla testa che bisogna partire.
    Non pensare che la tua terapia sia inefficacie perché sicuramente non è così.
    Adesso vedi tutto nero, non stai bene, non trovi una via d’ uscita da questo inferno e pensi che qualunque cosa tu possa fare sia inutile.
    E’ normale che ti senta avvilita e sfiduciata. Ma devi darti tempo e soprattutto impegnarti affinché gli sforzi che stai facendo possano portare a qualcosa di concreto.
    Non lasciarti andare Ilaria.

    Silvia come stai oggi?

  339. Maria Letizia dice:

    Vi chiedo scusa, ma sono a pezzi, sia fisicamente che moralmente…delusa, amareggiata…ho bisogno di riposo, domani sera riuscirò ad essere più presente…VI ABBRACCIO…BUONA SERATA!

  340. silvia dice:

    Chiara diciamo ke va meglio, nel senso ke provo ad allontanare tutti i pensieri negativi, ma x il resto nn faccio progressi. L’atteggiamento mentale conta tantissimo, ma nn è tutto, sn consapevole del fatto ke devo agire anke sul “pratico” cm spesso dice e fa Miele.
    tu ke dici? cm è andata la giornata?

  341. yris dice:

    ilaria, i dca nel complesso sono una malattia “egosintonica”.
    per questo è così difficile sconfiggerli.
    perchè sia pur in modo paradossale ci fanno “stare bene”, costituiscono una fuga, o un alibi, o una protezione, o un vantaggio.
    per questo l’unica strada per uscirne è “trovare un altro vantaggio”, sostituire il comportamento malato ma pur “opportuno” con un altro comportamento, che porti maggiori vantaggi rispetto allo stesso dca.
    il discorso sembra tortuoso, ma in realtà è un serpente che si morde la coda.
    solo quando troveremo altri obiettivi, altre forze, altre visioni del mondo sapremo sostituirle agli schemi che ci imprigionano l’anima, eppur la proteggono.
    trovare il coraggio di osare, di esporsi, di guardarsi e farsi guardare, di accettarsi nella propria “imperfetta umanità” non è cosa da poco.
    però possibile.

    un bacio grande..
    sono sommersa dal lavoro ma sono sempre in agguato..
    :-) ;-) :-P

  342. Chiara* dice:

    Silvia la giornata è andata.
    Ho lasciato che facesse il suo corso. Mi sono lasciata vivere, come sempre.
    Oggi sono stata dal medico e mi ha prescritto dei fiori di bach contro l’ ansia e gli attacchi di panico.
    Visto che non voglio prendere medicinali ha voluto farmi provare questo rimedio naturale.
    Ma lui stesso ci crede poco nell’ efficacia che può avere. Figurati io.
    Mi sembra di vagare costantemente nel vuoto.
    Mi sento alla continua ed estenuante ricerca di risposte a domande che non so nemmeno io quali siano.
    E ora devo cercare di trattenermi dall’ andare in bagno e vomitare.
    E’ un bisogno impellente, più forte di me.
    E’ la paura che mi spinge a volerlo fare.
    Devo resistere. Aiuto.

  343. Azimut dice:

    Miele questa cosa è servita anche a me, a capire che il mio strato di pelle ancora non c’è. Altrimenti non mi sarei lasciata ferire così.
    Certo che devi continuare a dirmi il tuo pensiero…insieme a qualche abbraccio però… ;-)

    yris….sei tornata anche tu…. Questa volta ti mando il sorriso vero :-)

    Marianna… mi fai tornare e tu non ci sei….

    Vi abbraccio tutte e abbraccio Aleph, domani spero di avere più forze e di restare più a lungo

  344. yris dice:

    e io me lo prendo tutto azimut.
    anche il “soldato yris” ogni tanto vacilla, e ha bisogno di sorrisi e abbracci :-)

  345. silvia dice:

    Yris , Azimut…ke bello riavervi qui…

    Chiara anke la mia dott. mi da di continuo fiori di bach…in combinazioni differenti, io nn ci credo, ma lei tantissimo…ma dice ke mi prendo troppo poco cura di me, ke mi occupo troppo poco di me stessa x riuscire a sentirne l’effetto…spero cn te vada meglio. Ti sn vicina, dai cerca di riempire questo spazio e tempo vuoto cn qlc di cotruttivo…inventati qlc…

  346. luna blu dice:

    Fiori di bach….mah…io son molto…molto scettica…anzi scetticissima…cmq funzionano epr effetto placebo…quindi se nn ci credi Chaira…lascia stare…
    Chiara tu scrivi:
    Claudia… vorrei poterti dire qualcosa di sensato per cercare di spronarti, per farti vedere davvero dove stai andando ma sarebbe inutile.
    Fino a quando tu non sarai convinta e non vorrai fermamente uscire da questa malattia io credo che ogni sforzo sarà vano.
    Non so…è come se parlassi con te stessa…
    Stasera qui sento ottimismo…o sbaglio?
    Laura…adesso son troppo stanca per scrivere che cosa penso di te…domani…promesso…
    Azimut…Yris…son contenta di leggervi…
    Yris perchè mi mette di buon umore…Azimut perchè scrive così bene…che è vermanete piacevole leggere…
    Silvia ho detto quello che pensavo ;-)
    Vi abbraccio forte…sopratutto Azimut e Ilaria che ne hanno tanto bisogno ;-)

  347. silvia dice:

    LunaBlu sn scettica anke io a riguardo dei fiori di bach e cose del genre, ma la mia dott. ne è fermamente convinta…nn so, io li prendo, male fin’ora nn mi fanno…bene…ke dire!!!
    Sai xkè ti ringrazio ancora di +? xkè qnd ti sento parlare della tua vita e della tua conquista, delle tue passioni e della scoperta di una certa libertà…mi fai venire voglia di raggiungerla, mi fai sentire cm se fosse possibile, a qlc passo da me…cmq hai proprio colpito il segno, lo dicevo anke a Pina.
    Buona notte amike mie…un pensiero x tutte

  348. Maria Letizia dice:

    Buongiorno…finalmene è venerdì. la scuola, ma s.tutto tutti gli affari burocratici che ci sono mi stanno stancando in un modo incredibile, anche perchè devo occuparmene io , ma nessuno mi da una mano. Oggi portiamo i ragazzi a vedere delle gare di scherma, quindi niente scuola …poi me ne andrò finalmente dai miei…sono così stanca…VI ABBRACCIO

  349. laura dice:

    è venerdì e son contenta, ieri pessime news dal lavoro mi aspettera un mese molto molto intenso, per quanto riguarda i fiori di bach a me sembrava qualcosa facessero, certo che ci vuole anche un po di positività e comunque non sono antidepressivi, non sono bombe tropiche, dunque… vabè.
    forza forza che ce la si fa.
    sabato prossimo entriamo nella nuova casetta, speriam bene.

    silvia luna chiara azimut claudina, marianna, ilaria maria letizia aleph, ummm, ed a tutti auguro un bel venerdì, spero che sia una giornata solare.

  350. miele dice:

    Ciao a tutte dolci fanciulle

    Azimut, probabilmente la pelle devo farmela anch’io, in particolare di fronte a certe sensazioni e immagini che le parole, per quanto altrui e lontane, mi suscitano.

    LunaBlu, grazie del tuo commento! Dunque, hai ragione sul fatto che devo smettere di sentire tutto in termini di paura e sofferenza, e che il cibo è solo uno specchietto per le allodole…ci sto lavorando :)
    Mentre invece non mi sembra di parlare poco di me…anzi…ho spesso specificato che quel che scrivo parte soltanto dalle MIE esperienze (e di piccole esperienze, passate e presenti, ne ho raccontate parecchie..), che quando commento le altre è proprio perchè riflettono i miei stessi comportamenti, e che quando parlo a loro sto parlando anche a me.
    In ogni caso è interessante…tu hai percepito il fatto che parlo poco di me…io a volte mi domando se non dovrei parlarne meno, e lasciare più spazio agli altri…anche questo dice qualcosa, no?

    Piccola Yris, che succede? Ti senti giù?

    silvia, come stai?

    Ilaria, posso chiederti una cosa? Tu lavori? Stai studiando? Insomma: che cosa stai facendo in questo periodo? La Sardegna ti offre delle possibilità di realizzarti? Perchè tempo fa hai scritto: “mi sento sradicata”…e questo mi è rimasto molto impresso…ti va di parlarne?

  351. yris dice:

    bambine.. stamattina voglio sorridere con voi.. :-)

    è stata una settimana di tensione, ma anche di stupori infiniti.
    tanti fili sparsi di vita vecchia e nuova si sono intrecciati,
    e ne ho fatto ghirlande con cui cingermi il capo..

    in questo momento mi sento felice.
    degli incontri che mi hanno segnato la via,
    degli scambi di rinnovate emozioni,
    delle parole come ruscelli d’anima,
    delle possibilità che la vita mi riserva.
    infinite..

    un sorriso che vi riscaldi il giorno
    :-)

  352. miele dice:

    ah…i fiori di bach…beh, io non li uso di solito…però io sono contraria ai farmaci, anche per l’influenza…sono convinta che non si possa parlare banalmente di effetto placebo, anche se con la medicina naturale l’atteggiamento della persona contribuisce molto…certo che, in generale, se un corpo è inibito dall’uso abituale dei farmaci, i rimedi cosiddetti “naturali” le prime volte non potranno avere effetto..mentre chi non usa farmaci di sintesi è molto più ricettivo, anche solo verso una semplice tisana…

  353. Azimut dice:

    Ciao Luna Blu, grazie per le tue parole e per il tuo abbraccio. Come va il conto alla rovescia?

    Silvia mi è mancato moltissimo questo posto, ma non potevo tornare. Avrei continuato a rovesciare sentimenti che era meglio portare da un’altra parte. Come stai?

    Chiara* ti aspetto…

    Marianna dove sei?

    yris… ruscelli d’anima…immagine bellissima e affascinante…

    un abbraccio a tutte

    Cercare un punto di partenza senza cancellare il cumulo di detriti che è alle spalle. In mezzo a quel mucchio di ghiaia potrebbe trovarsi un piccolo sasso luminoso, come quei vetrini colorati che si trovano lungo la spiaggia e che il mare porta a riva nascondendoli come tesori fra i piccoli sassi. La tentazione di spalare tutto è forte, mi dicono che non servirebbe e che comunque anche questo pensiero è pur sempre un punto di partenza. Quel movimento ritmico dell’onda sapeva rapirmi in un gioco infinito di rimandi. Le pietre più grandi dovevano essere salvate dalla risacca, il destino decideva quale di esse poteva continuare a vivere. Io le raccoglievo, le osservavo a lungo e poi le lanciavo più lontano che potevo perché potessero trovare vita nella morte

  354. Polla dice:

    ..Buongiorno ragasse,
    come va??io mi sono appena ustionata facendo colazione,ma per il resto tuuuuutto ok.. eheheh.. diciamo che in qsto periodo sto riflettendo e forse anche un po’ troppo,perchè + penso e + mi consiglio di non farlo,poichè i pensieri rimuginanti.le alternative,le scorciatoie,le ho già pensate tutte e .. che dire? inutili. quindi resta solo l’atto.. e il cambiamento.. non mi resta che qsto,ma non da vivere come una sorta di rassegnazione(magari può essere la sensazione iniziale dovuta ad una sensazione di “non poterne proprio +” di quello che si sta facendo,ma poi credo sia diverso..),ma come una novità tutta da costruire e da sperimentare,volta allo star bene..
    LunaBlu.. quella cosa della scorciatoia mi ha davvero fatto pensare..grazie! Non ci sono scorciatoie.. le condizioni sono due:perseverare in sta situazione o prenderla in mano.. anche se devo dire che tu parli di avere avuto disturbi alimentari dai 13 ai 30 anni.. insomma sono un sacco di anni.. parli di persone che qui dici sembrare rassegnate,si,un po’ è vero,ma.. se a te avessero fatto qsto discorso a 20 anni???intendo nel pieno della malattia..magari anche tu in quel momento una via d’uscita nn la vedevi.. boh.. credo che il percorso di ognuna di noi sia troppo soggettivo.. dico qsto non per giustificare chi si crogiola nel dolore,ma per aprire un barlume di speranza ulteriore, poichè credo che ognuna ne uscirà se lo vorrà.. se ci crederà,se lo riterrà davvero la soluzione,l’unica soluzione possibile! anche se.. è importante capire che per + tempo si porta avanti e + sarà difficile uscirne,poichè i meccanismi si rafforzano e poi dover togliere tutti i coperchi che sono stati messi sopra ciò che c’è di sano in noi saranno davvero tanti.. quindi come sempre sprono per prima me stessa a farlo da subito e a continuare a crederci e a provarci,nonostante sbagli quotidianamente,io ci credo! ma lo dico davvero..

  355. Chiara* dice:

    non so.
    io a volte non mi ritrovo in molto di quello che dite.
    forse perché sono in una fase di immobilità, forse perché davvero mi sento impotente e non vedo una via d’ uscita da questa condizione.
    a sentir parlare voi sembra sia così facile guarire… basta la forza di volontà, basta esserne convinte, basta impegnarsi a voler cambiare…
    è vero, siamo noi che dobbiamo darci la spinta, che dobbiamo lavorare sodo e metterci impegno, ma non è così semplice.
    almeno per me.

    Vi abbraccio angeli

  356. miele dice:

    ma no Chiara*…chi dice che è facile guarire?!? Purtroppo non lo è.

    Piuttosto, credo che il messaggio che si cerca di lanciare qui è che guarire sia POSSIBILE.

    E che di fatto, alla fin fine, la guarigione parte da una decisione. Questo sì. Nel senso che conta moltissimo l’atteggiamento, anche se tradurlo in azioni non è automatico e possono volerci anni di “ri-educazione”. C’è chi ha la fortuna di vivere una svolta rapida, decisiva, anche improvvisa; e c’è chi invece arranca lungo un percorso. In entrambi i casi, si decide quotidianamente come agire, si decide di guardare molto avanti e di avere pazienza con sè stessi.
    A volte, magari, parole come quelle di Polla, o anche le mie, possono sembrare forzatamente ottimistiche…ma sai, forse si ha anche bisogno di darsi un incoraggiamento…a me nessuno ha mai detto “forza, anche se mangi non succede nulla…!”, ma io ne avevo un grande bisogno, così ho iniziato a dirmelo da sola…come anche altre cose…e adesso che queste cose le ho sperimentate concretamente, quando sono in difficoltà cerco di ripetermele…

  357. Polla dice:

    ..Chiara* No.. Non è facile uscirne.. anzi.. io credo che la forza di volontà sia solo una delle tante cose che influiscono nella voglia di guarire.. Sono la prima che è gialla perchè mangia una quantità di zucca da far girare la testa e mi sembra che senza zucca non campo.fisse. ma non mi fermo e ci credo.. credo che siano solo convinzioni momentanee e mi faccio forza.. e qsto è un esempio.. un esempio per farti capire che anche io faccio davvero fatica,una fatica assurda,assurda perchè rimango attaccata a qsta malattia con un uncino.. ma mi voglio staccare. ma vedi??? non basta.. ma qsto non mi fa smettere di crederci.. non è la prima battaglia della mia vita enon sarà nemmeno l’ultima.. come ne ho “vinte” altre,vincerò e supererò anche qsta. punto. e così sarà anche per tutte voi! la fatica vera è quella che viene dopo.. quella che si prova mangiando a pranzo e cena quello che dnetro di te non vorresti mangiare.. così,tutti i giorni.. e pensare che sarà sempre così.. perchè non è non mangiando fritti o dolci o non usando l’olio d’oliva che si risolverà qualcosa.. qsto non serve a risolvere alcun problema.. semplicemente non ha senso.. ha senso per noi.. per noi che avere un certo peso ci da una certa sicurezza,ma sicurezza di cosa??? qsto io mi chiedo.. sono magra,ma sono chiusa in casa.. sono magra ma ho mal di pancia quasi tutti i giorni.. sono magra e faccio fatica a stare al mondo.. ma poi non sono magra.. sono semplicemente il risultato del mio disturbo e quindi non si può parlare di magrezza.. si parla di malessere. io non vorrei essere magra,normale,o quello che è.. io vorrei essere sana. stare bene. e non interessarmi di altro,solo di stare bene.. ma se dal cibo devo partire,poichè è in qsto ambito che il mio malessere si è riversato,da lì partirò.. è molto + difficile guarire che andare avanti così. ma non ci sono alternative e allora è il caso di iniziare a viversela al meglio !

  358. Azimut dice:

    Chiara* ci troviamo in momenti e fasi diverse dei nostri percorsi. Ciascuna sta compiendo un proprio cammino e probabilmente lei stessa non ha ben chiaro in quale tratto si trova. Anche l’immobilità fa parte di questo andare. Ci si ferma, spesso non c’è neppure la forza di guardarci dentro. E allora i giorni sembrano succedersi gli uni agli altri in un vuoto accumularsi che non lascia spazio ad azioni o intendimenti. In fondo in fondo penso che non sia così, credo che quell’accumularsi non sia privo di contenuti. Qualcosa si deposita in qualche parte oscura della coscienza e quel materiale tornerà utile quando i nostri passi cominceranno di nuovo a portarci su altri sentieri. Anch’io sento di non star facendo molto per guarire. Ho ancora bisogno di questo controllo. Mi permette di lavorare su un altro piano…non meno importante…
    Ti abbraccio

  359. Girasole dice:

    Ciao Splendide!!!!
    passo solo per farvi un saluto….non posso fermarmi….ho una voglia matta di prendermi un momento per noi!
    ma in questi gg di fuoco non riesco a fermarmi abbastanza per leggere e scrivere…
    oggi è l’ultimo giorno senza riposo (dei 12 famosi)…poi 3 giorni di vacanza…non ci credo! così magari domani riesco a fermarmi unattimo per leggervi come si deve!
    mi sento una trottola…in bilico…mille cose…un cambiamento enorme e non so dove andrò…ma…mi diverto un sacco a pensare che ora è di nuovo tutto da costruire! ho un po’ di cose da raccontarvi…domani:-)
    vi abbraccio forte!

    forza ragazze!!!!

    Monica;-)

  360. miele dice:

    “sono magra,ma sono chiusa in casa.. sono magra ma ho mal di pancia quasi tutti i giorni.. sono magra e faccio fatica a stare al mondo.. ma poi non sono magra.. sono semplicemente il risultato del mio disturbo e quindi non si può parlare di magrezza..”

    +

    sono magra ma mi sento sempre a disagio, con qualsiasi cosa addosso e in qualunque posto. sono magra ma sorrido troppo poco. sono magra ma continuo a soffrire per quello che mi accade. sono magra ma sono ossessionata…

    …magari potrei farmici una specie di rosario, con queste parole, e recitarle sgranandolo ogni sera…

    grazie polla, per la lucidità del tuo punto di vista.

  361. Chiara* dice:

    grazie per le vostre testimonianze e delucidazioni.
    chissà…
    credo che come dice Azimut, anche io abbia ancora bisogno bisogno di questo controllo. non sono pronta a lasciarlo andare.
    e dunque mi assumo ogni responsabilità.

    Un abbraccio

  362. claudina dice:

    Buongiorno a tutte,ho appena ritirato gli esami del sangue e sono perfetti..potassio,sodio,calcio,sparita anche l’anemia e la tiroide e’ ok…sono contenta…
    CHIARA: Ho letto quello che mi hai scritto…e mi sta anche bene…ma vedi,io quello che dico lo dico sinceramente,nel senso che non vengo qui a dire che sono pronta ad uscirne,che voglio fermamente uscirne ,che quello che faccio lo faccio per me stessa etc. sarebbe inutile,sarebbero una montagna di balle messe li tanto per scrivere qualkcosa..a cosa servirebbe? a prendere in giro chi legge? riguardo alla mia malattia,io non ho mai preso in giro nessuno,tranne me stessa forse,non butto via il cibo di nascosto,non vado a vomitare di nasosto,potrei mentire spudoratamente ogni giorno a mio marito dicendogli che ho mangiato,tanto lui a pranzo non c’e'…ma sarebbe onesto nei suoi confronti? e lo stesso lo faccio qui…dico la verita’…non dico che nn posso uscirne,non dico che nn se ne esce,perche’ io penso che se ne puo’ uscire,dico solo che adesso nn ho tutta quella forza di volonta’ che mi serve…non basta dirlo a parole che se ne puo’ uscire e che ci impegneremo a farlo..le parole lasciano il tempo che trovano,i buoni propositi non mantenuti anche…lo hai scritto tu stessa che scrivo con una lucidita’ che fa paura quello che provo…e’ vero,la mia lucidita’ riguardo a questa cosa a volte spaventa anche me…proprio perche’ a volte ne parlo come se niente fosse,come non fossi io che mi sto rovinando con le mie mani…mi e’ stato ripetuto piu’ volte qui e nella vita di tutti i giorni che non voglio uscirne…perche’? solo perche’ dico sinceramente quello che penso?chi e’ cosi’ decisa ad uscirne qui?e cosa si sta facendo di realmente concreto per farlo?

  363. claudina dice:

    …con questo non voglio dire che nessuno stia facendo qualkosa per guarire,anzi, ma a cosa serve dirmi che nn ne voglio uscire,se sono io stessa che lo scrivo?se scrivessi che VOGLIO CON TUTTE LE MIE FORZE USCIRNE e nn facessi nulla per farlo avrebbe un senso,cosi non ne ha…scusami,non voglio che tu prenda a male le mie parole,ma credo che un po’ di chiarezza vada fatta.

  364. silvia dice:

    Buon giorno a tutte/i
    credevo di nn potervi legger prima di sera e invece eccomi qui…nel bel mezzo di un dibattito acceso…la mia opinione Claudia è ke nessuno qui giudica, ma ke tutti parlino in strettissima relazione alle proprie esperienze, negative o positive ke siano…anke tu.
    Monica nn vedo l’ora di sapere delle tue novità…kissà xkè ma ho il sospetto ke c’entri il tuo ex…

    Laura il lavoro forse può darti uno stimolo x sentirti + realizzata, io credo ke finkè ci si impegna in qlc è tutto positivo. Cmq cm va? cn tua madre?

    Azimut l’importante è ke ora 6 tornata e ke nn smetti di “camminare” ke continui il tuo percorso…
    Chiara ti stringo forte, capisco qnd dici ke avvolte è ancora troppo difficile staccarsi da questa “falsa sicurezza” ma il fondamento è proprio questo: cambiare…fa paura, ma credo ke ci si debba buttare un pò alll’avventura!
    Polla hai una capacità di analisi ke m’incata e mi sprona…

    Leggervi mi fa bene, sto un pò meglio ultimamente e nn voglio lasciarmi abbattere.

    LunaBlu…Miele…Ilaria….Yris(torna + spesso!)…un grosso saluto a tutti voi

  365. Chiara* dice:

    Claudia non hai fatto altro che sottoscrivere il mio pensiero, che però, attenzione! non voleva essere un’ accusa.
    Io infatti ammiro tantissimo la tua sincerità e la lucidità e consapevolezza con le quali parli delle tue sensazioni e di ciò che provi.
    Io stessa spesso non riesco ad essere davvero sincera fino in fondo nemmeno con me stessa.
    Mi spiace tu l’ abbia presa così perché la mia era solo una considerazione.

  366. claudina dice:

    ma certo, ognuna porta le proprie esperienze,io non dico il contrario…e non dico che chiara mi abbia giudicata,ho solo chiarito che sono io la prima ad ammettere certe cose.Una volta che si inizia a scrivere le proprie esperienze su un blog e’ ovvio che ugnuna esprima il proprio parere…ma avevo bisogno di chiarire un punto,tutto qui…nessun dibattito acceso quindi,solo un chiarimento.

  367. Chiara* dice:

    Infatti Claudia è ciò che avevo scritto io ieri.
    Che sei tu la prima ad ammettere di non essere pronta per uscirne.
    Ma ripeto ancora una volta che non non ti ho né giudicata né accusata e anzi, sottolineo il fatto che ammiro la tua sincerità.

  368. claudina dice:

    Ma no chiara,non pensare che io me la sia presa,non e’ cosi’…non mi sono sentita giudicata da te,figurati,ripeto,ho solo voluto chiarire chiara…il mio affetto la mia stima per te non cambiano per un post…io penso tu sia una persona molto sensibile…spesso ti sento affranta,triste, sembra quasi che tu non riesca a trovare un solo stimolo per sorridere,per aggrapparti alla vita…lo stesso che faccio io,e credimi mi sento in colpa da morire,perche’ avrei tutto per essere un po’ felice,e invece no…sono soddisfatta di me in base al numero di ossa che riesco a contare sotto la pelle…una felicita’ effimera…uno schifo…non ho un desiderio,non ho un obiettivo che mi spinga ad uscire da tutto questo…sopravvivo…e mi detesto per questo..il fatto che io ammetta la mia debolezza,che ammetta di non lavorare per me stessa,non cambia nulla…la mia lucidita’ non porta a nulla..il mio ammettere le cose non porta a nulla…se devo uscirne devo volerlo,e adesso non so nemmeno io cosa voglio.

  369. claudina dice:

    se ti sembra che io abbia frainteso le tue parole,ti chiedo scusa per come mi sono espressa.

  370. Chiara* dice:

    Claudia? STOP! Ok?
    Non successo assolutissimamente niente! Ci siamo scambiate dei pensieri, tutto qui! Come si fa tra amiche! Quindi non ti devi scusare per nessun motivo al mondo!
    Anzi, sono io che mi scuso se con le mie parole posso aver urtato la tua sensibilità. Non era nelle mie intenzioni.
    Cara Claudia credimi, leggere ciò che scrivi mi fa male perché vorrei davvero poter fare qualcosa per farti cambiare strada, perché nella tua mente si possa smuovere qualcosa.
    Ma solo tu puoi farlo e quando arriverà il momento te ne renderai conto da sola.
    Ribadisco che la tua lucidità e la consapevolezza con la quale ti descrivi sono davvero da ammirare.
    Sei sincera Claudia. Ammetti di avere un problema e ammetti di non volerne uscire. Ed è una cosa molto difficile… che credo poche di noi abbiano il coraggio di fare.
    Forse io stessa.

  371. claudina dice:

    Chiara,un giorno riusciremo a dire STOP! Al male che ci stiamo facendo vedrai,ne sono sicura…una via d’uscita c’e’ sempre, vedrai che la troveremo.

  372. Chiara* dice:

    Claudia un passetto per volta. Prima o poi la troveremo quella strada. In un modo o nell’ altro. Non importa come, quando e perché.
    L’ importante è crederci e volerci provare.

  373. claudina dice:

    Condivido in pieno,un passetto alla volta…

  374. Ilaria dice:

    Passo velocemente per salutare tutte voi e per rispondere a Miele.
    Ho finito da molto tempo di studiare, mi sono laureata nel 2003. Non ho voluto continuare perché pur essendo sempre stata bravissima negli studi ho sempre fatto una fatica bestiale, nel senso che non ho memoria, nemmeno visiva, per cui per imparare una qualsiasi cosa ci metto molto tempo. Sarebbe a dire che mi sarei condannata ad altri anni di reclusione, magari ancora a casa con i miei… no grazie.
    Ho lavorato per un paio d’anni come segretaria di studio legale, in pratica ero una schiava dei capricci della peggior categoria di persone, gli avvocati. Non mi piaceva e me ne sono andata volentieri quando poi mi sono sposata, per motivi soprattutto di spostamenti (col matrimonio mi ero trasferita e, non avendo ancora la patente, dovevo farmi portare in stazione per poi prendere il treno, e così mi alzavo alle 5.30 per iniziare alle 8.30 e tornare alle 20.30 finendo il lavoro alle 19… insomma, tanto tempo sprecato e poca realizzazione personale, tanto nervoso, pochi soldi, straordinari all’ordine del giorno non retribuiti ecc.). Nel frattempo sono diventata correttrice di bozze del mio relatore, ma il tutto ovviamente dipendeva da quando c’era qualche cosa da correggere, sennò niente… compenso: 600 euro netti a lavoro completato, e un lavoro mi poteva prendere anche dei mesi. Insomma, lo facevo per la gloria, ma mi è sempre piaciuto. Ora aspetto che il mio prof scriva qualche altro libro, per fortuna lui ha sempre avuto molta stima di me e ha continuato ad affidarmi lavori anche dopo che mi sono trasferita qui.
    In Sardegna la situazione è tragica: mi sono messa a disposizione anche per lavoretti stupidissimi come il volantinaggio, oltre ad aver provato alternative più serie come ad es. sportellista all’ASL, cassiera di supermercato.. ma mi sono sempre sentita rispondere che bisogna conoscere bene la lingua (certo, i vecchietti mica ti parlano in italiano…), che ai “continentali” il lavoro non lo danno di principio, perché già i sardi ne hanno bisogno, e che noi di fuori veniamo a rubarlo, il lavoro, neanche fossimo ai tempi del colonialismo… Dopo questo ho rinunciato, sinceramente. Do lezioni di giapponese una volta a settimana a una ragazza che vorrebbe studiarlo all’università, ma ho dovuto applicare una tariffa ridicola per potermi garantire almeno la sua presenza. Mi piacerebbe tantissimo avere altre persone da seguire, ma la verità è che la gente non ha soldi da spendere in cose così futili… Perfino le scuole private che mi hanno contattata per istituire dei corsi di giapponese hanno rinunciato per mancanza di iscrizioni (come siano poi riuscite ad avviare i corsi di turco rimarrà sempre un mistero per me…).
    Ecco, in pratica non faccio nulla. Non c’è niente in cui sia particolarmente capace e che possa sfruttare come attività. Non so disegnare, non so cucinare, non so ricamare, canticchio ma è come se non lo facessi, e in più il tempo passa e non so più cosa inventarmi. Non ci so fare con i bambini, la lombosciatalgia cronica mi impedisce di fare bene le pulizie, per non parlare delle allergie alimentari che mi impediscono anche solo di preparare una spremuta o un cocktail, o di servirli semplicemente… Una frana a tutti gli effetti, ecco come mi sento. E in più sradicata, perché come non conoscevo e frequentavo nessuno prima, così anche adesso, con in più le difficoltà che ho già descritto, soprattutto la lingua mi crea disagio.

    Vabbè, basta così, ho parlato anche troppo di me.

    Chiara… mancano pochissimi giorni, non serve che specifichi altro… devi riuscire a resistere, ok? Anche se sono sicura che esistano ormai dei test accurati anche senza dover aspettare così tanto, hai provato a chiedere in farmacia? Ma vedrai che andrà tutto bene, me lo sento!

    Silvia, tu stai ancora lottando e vincendo? Certo, con tutti i dubbi e i pensieri che ti metteranno i bastoni fra le ruote, ma ce la farai.

    Monica! Sei sempre così positiva, sapessi come ti invidio…

    Claudia… non vorrei che aver visto le analisi così perfette diventasse per te una sorta di alibi per continuare così come hai fatto finora. Come a dire “carta canta, i valori sono a posto, quindi va bene così”… dimmi sinceramente che non l’hai pensato…

    Maria Letizia, approfitta del weekend per riposarti, ti sento così sfinita…

    Laura, resisti resisti resisti!

  375. claudina dice:

    SILVIA: Sinceramente ti dico il pensiero che ho fatto quando ho visto gli esami: ” ..e chi mi ammazza a me? l’erba cattiva nn muore mai”questo e’ stato il primo pensiero,lo dico in tutta sincerita’ rischiando di sembrare un idiota ,immatura e mezza delirante…il secondo pensiero e’ stato: ” non sono malata di anoressia,non posso avere tutto a posto mangiando praticamente il nulla..”pero’ poi ho pensato anche che forse il potassio e’ a posto perche’ non vomito,il calcio e’ a posto perche’ ho il ciclo e quindi e’ piu’ difficile che mi venga l’osteoporosi,e che il ferro e’ normale perche’ ho preso un bel po’ di ferro in pastiglie,e la tiroide e’ a posto forse perche’ sono semplicemente fortunata…eche forse quegli esami nn dimostrano poi granche’…insomma tanti pensieri,inutili,futili…visto che sono quasi completamente senza energie…questi i miei pensieri.

  376. claudina dice:

    …per quanto riguarda il lavoro silvia,ti comprendo in pieno…io finora ho trovato solo pulizie,purtroppo non ho un diploma perche’ finite le medie sono stata cosi stupida da interrompere gli studi…ho fatto tante domande nei supermercati,la risposta? lei e’ troppo vecchia,se vuole mandarci sua figlia la prendiamo subito…nelle pizzerie: si figuri,non viene nessuno a mangiare fuori ormai,son tutti sena soldi..nei bar: se nn ha esperienza non se ne fa nulla..ma dove me la faccio l’esperienza se nn mi prendete?? in fabbrica: no,perche’ se sei giovane potresti rimanere incinta…se hai gia’ dei figli no perche’ poi si ammalano e ti tocca stare a casa ad accudirli…l’ultimo lavoro che ho fatto,l’ho finito il 31 dicembre,pulizie in una caserma di militari,pesantissimo,gia’ nn stavo granche’ bene,ho finito il contratto e ora sono a casa…ho appena portato ilcurriculumin un’altra fabbrica..mi hanno detto che mi faranno sapere…ma nn ci spero nemmeno…per fino per un call center mi hanno chiesto il diploma,o addirittura c’e'chi vuole la laurea…

  377. Ilaria dice:

    Ehm, forse ti riferivi a me Claudia, non a Silvia… sembro destinata a non essere mai chiamata col mio nome qui ahahah :-D

  378. laura dice:

    silvia magari il lavoro mi dia uno stimolo per sentirmi realizzata, al momento mi richiede, richiede richiede molte energie tempo ed esaaurimenti senza ridarmi niente, spero che verrò ripagata di questo, ma al momento non sò niente sulle scelte che faranno. tu come stai?

    chiara ti capisco perchè anche io mi ritrovo a chiedermi se ne uscirò, non vedo risultati positivi col vomito, ieri e l’latro ieri ero convinta che non avrei vomitato, che non sentivo minimamente il bisogno di abbuffarmi, ed invece quasi solo per smentirmi l’ho fatto, anche adesso non sò se addentare il cioccolato o lasciar perdere. non capisco come funziona sta guarigione, se devo maledettamente impegnarmi e non assecondare le mie abbuffate o se semplicemente è ancora presto, ho ancora bisogno di questo sfogo. non capisco non sò come fare.

  379. claudina dice:

    Ilariaaaa!!! scusami! si mi riferivo a te:) son proprio mezza rimbambita! scusami ancora!

  380. CANNELLA dice:

    è vero un passo alla volta,ma a volte io non riesco nemmeno a pensare che sia possibile per me un’altra modalità di vita,ora mi sento così intrappolata in un corpo che non mi piace e che vorrei solo cambiare,perchè è come se esistesse un’equazione maldetta tra quello che sono e quanto peso:perchè ogni volta che succede qualcosa io vorrei scomparire,dò colpa al fatto che non riesco a gestire nemmeno il mio corpo figuriamoci il resto,quando invece sono più restrittiva +è come se sentissi dia vere maggiore consapevolezzaq..anche se poi in fondo le persone agiscono secondo ciò che credono siaa meglio per loro,però io mi ritrovo a dover fare i conti col fato che ne vengo delusa,mi scelgo sempre le persone sbagliate che mi fanno soffrire,e l’unica soluzione che mi fa sentire meglio è il fatto che magari se mi allontano da tutto sentirò un dolore più rarefatto,invece il dolore persiste e la solitudine aumenta!eppure le persone mi circondano mi dicono che sono io che voglio stare sola!..come dar loro torto,è vero,in questo momento nn mi va di far nulla,nè di vedere persone,nè di uscire,vorrei solo chiudermi nel mio angolino ed aspettare non so nenache io cosa!ma nn misento di uscire perchè io vedo in me cose che nn mipiacciono,che mi fanno percepire un costant edisagio con me stessa ,e nn riesco a pensar edi rendermi visibile agli altri in questo modo!è come se dentro di me aspettassi il momento migliore e mi dicessi che uscirò quando saò pronta,più sicura,ma poi giorno dopo giorno le mie ansie rispetto agli altri non diminuiscono,e la mia svogliatezza aumenta,non provo interesse per nulla..è una sensazione di apatia leggera ma persistente!che fare??! per ora mi rendo solo consapevole del fatto che ciò in me genera solo l’immobilità più assoluta.
    Eì la mia difesa contro il mondo??non lo so ma so che anche questo modo di difendermi nn mi fa stare bene.

  381. silvia dice:

    Laura nn lo so neanke io cm sto. Pensavo di nn cadere in brutti pensieri, invece ora ci sn dentro di brutto…ma so il xkè…so ke mi lascio prendere dagli eventi e dalle situazioni esterni e mi rinkiudo solo tra cose tristi.
    Spero x te ke il tuo lavoro ti dia stimoli in futuro, se nn ricordo male è nel sociale…
    Claudia ti 6 confusa.
    Ilaria posso immaginare solamente qnt sia difficle e ostile l’ambiente in cui ti trovi, ma forse proprio x questo stai così male, xkè devi cercare di realizzarti.

  382. silvia dice:

    Cannella hai tutta la mia comprensione…l’apatia e il nn avere stimoli, sogni, speranze, aspettative…sentirsi immobile ed esserlo davvero, kiusi in quella stanza, in quelle mura, lasciarsi vivere e far passare il tempo…senso d’inutilità e fallimento ke pervade tutto…eppure proprio xkè conosco tutto qusto ti dico di lottare, ti dico di buttarti fuori in quella miskia e nn sfuggire al confronto cn gli altri, ke è quello ke ci mette in contatto cn la realtà…stare soli nn fa ke alimentare i pensieri della nostra mente. Ti siamo vicine.

  383. Chiara* dice:

    Laura ti capisco. Perfettamente.
    Per me è tutto un andare avanti e poi indietro.
    Ringrazio il cielo di non sapere cosa voglia dire abbuffarsi davvero, perché sono sempre riuscita a controllare quella pulsione.
    Ma nella mia testa sgarrare dagli schemi o mangiare qualcosa in più del previsto equivale ad abbuffarmi.
    E poi ecco che arriva il vomito, i giorni di digiuno, tornano gli schemi ossessivi.
    Non vedo una via d’ uscita.
    Sì, forse non sono pronta a lasciare tutto questo. E non so perché.

    Ilaria mi spiace davvero tanto leggerti così affranta.
    Ma secondo me dovresti cercare di impegnare le tue energie e la tua mente in qualcosa che ti dia soddisfazione.
    Al di là del lavoro e al di là dei doveri.
    Devi cercare con tutte le tue forze di trovare una sola piccolissima cosa che ti faccia star bene e perseverare nel coltivarla.
    Andando avanti così ti spegnerai sempre di più e ti perderai tutto quello che la vita può donarti di bello.
    Hai fatto delle scelte radicali ed importanti e sicuramente non è stato facile, ma sono sicura che accanto a te ci sono moltissime persone che ti amano e stimano per quella che sei.
    Non lasciarti travolgere così. Ritorna pian piano a vivere!

    Cannella mi rispecchio molto nel tuo modo di vivere questa condizione.
    L’ immobilità, la passività, la non forza di reagire, il lasciarsi andare giorno dopo giorno… fanno male. Ma in un certo senso creano nella nostra testa quella “copertina di Linus” dalla quale non riusciamo a staccarci. Nonostante lo vogliamo con tutte noi stesse.

    Silvia sono contenta di sapere che stai meglio e che ti senti più positiva.
    Mi raccomando, coltiva al meglio questo nuovo stato d’ animo e non lasciare che niente possa scalfirlo.

    Vaniglia…

  384. CANNELLA dice:

    SILVIA ti ringrazio davvero per le tue parole,per me valgono davvero tanto,come vale tantissimo l’aver avuto l’occasione di aver trovato in te come anche nelle altre un confronto,e una dimensione nella quale riesco in qualche modo ad esprimere i miei pensieri,poichè per me è gia molto difficile farlo,nn ci riesco tant e volte a capire cos aprovo,sono arrabb iata con me stessa e se mi soffermo a pensare al perchè nn riesco a rispondermi.oggi tante ho volte ho provato a scivere,ma poi i pensier si intrecciavano e confondevano,e nn avevo consapevolezza di metterli nero su bianco!

  385. claudina dice:

    …che brutta sensazione che ho…mi sembra di riempire tutti gli spazi della casa..non so nemmeno io come spiegarlo..non mi era mai capitato…di sentirmi ingombrante in questo modo…mi sento soffocare,come lo spazio nn fosse sufficiente a contenermi…come se i muri di casa mi dovessero schiacciare tra pochi secondi…nemmeno se esco fuori mi sento meglio…vado sul balcone e mi sembra di riempirlo tutto…tra poco la cena sara’ pronta ,come posso riuscire a mangiare con questa sensazione orribile addosso?…nn so davvero che fare…

  386. claudina dice:

    …potrebbe essere una sensazione che scatena la mia mente per spingermi a non mangiare? devo mangiare,cavolo,devo…mi sembra di svenire dalla fame…

  387. CANNELLA dice:

    un respiro profondo claudina!so cosa provi, l’ingombro dei tuoi pensieri nn deve superare te stessa ti abbraccio forte,perchè nn conta quanto nn ci conosciamo, io ti sono vicina e condivido con te il tuo disagio!

  388. Ilaria dice:

    Claudia, cerca di distrarti, di non essere sempre e solo concentrata su te stessa e il tuo disagio. Parla con i tuoi figli, chiedi loro cosa hanno fatto a scuola, cosa devono fare domani, chiacchiera con tuo marito… inventati qualcosa.

  389. miele dice:

    Ilaria, grazie di aver raccontato. A parte la questione lavorativa, credo che anche lo spostamento geografico sia una bella sfida…quindi immegino la tua difficoltà. Ma tu e il tuo ragazzo avete intenzione di restare a vivere lì?

    Chiara*, prova a chiediti perchè forse non vuoi uscirne. Chiediti cosa ne perderesti e cosa ne guadagneresti.

    silviaaaaa….ti leggo sempre con piacere.

    Laura…magari faccio una gaffe, ma…tu stai per sposarti, vai a convivere…insomma, parlavi di una casa quasi pronta..

  390. claudina dice:

    mio marito sta giocando col piccolo..ho paura solo che il bambino percepisca tutto questo anche se cerco di stare calma e nn far capire nulla…nessuno si e’ accorto di niente fino ad ora e nn devo far capire nulla..ora provo a fare quattro chiacchiere con mia figlia…grazie cannella,grazie ilaria..

  391. Ilaria dice:

    Miele, altra questione spinosa… il progetto iniziale sarebbe stato di rendere abitabile il seminterrato di 100 mq qui sotto, ma per le leggi comunali non è più possibile; la cosa sarebbe stata molto comoda in termini di risparmio di denaro e di tempi di realizzazione, ma a conti fatti e vista come si è evoluta la situazione in famiglia ultimamente, preferiamo mettere un bel po’ di km fra noi e sua madre…
    Ora stiamo cercando casa vicino a Cagliari, i prezzi lì salgono tantissimo e anche la distanza ci impedisce di fare sopralluoghi frequenti, quindi saremo costretti a rivolgerci a un’agenzia, cosa che volevamo evitare. In ogni caso la questione che mi brucia è una sola: sono i miei genitori che ci finanziano. Il mio ragazzo ha appena iniziato a mettere via qualcosa, la sua famiglia non vuole saperne, quindi l’unica alternativa è questa. Però il rovescio della medaglia è che resterò sempre e comunque legata a doppio filo a una famiglia che mi ha solo fatto soffrire… non ci dormo la notte, credimi.

  392. miele dice:

    Oh sì, ci credo eccome Ilaria. Il mio augurio è che vi trasferiate, in zona Cagliari, fosse anche in 45 mq, e che tu trovi un lavoretto che ti occupa un po’ il tempo e la mente…così da svincolarti sia dalla tua che dalla sua famiglia. Mettetecela tutta, perchè anche queste condizioni influenzano molto il malessere che a volte proviamo…e ci tolgono la voglia, la motivazione di fondo per star bene…

  393. silvia dice:

    E anke x questo ke secondo me dovresti cercare di mantenerti tu e lui da soli….via da lì se è il caso…credo ke ci siano posti in Italia in cui puoi ancora campare cn un lavoro semplice, magari umile, ma la soddisfazione ke ne deriva dal fatto di portare nella “tua” tana…magari povera…il “tuo” stipendio…io credo ke nn te la levi nessuno. Certo ke stai così male…è impensabile di poter sopposrtare dei sensi di colpa così forti…dover accettare il sostenatmento dalle unike persone dalle quali invece dovresti staccarti…invece nn si fa altro ke rinsaldare certi legami…sarò utopistica ma preferirei vivere di poco, ma di “mio”…Io nn credo ke tu sia una persona di poco coraggio Ilaria…hai già stravolto la tua vita…e credimi, x me una ke sa parlare il giapponese, in un mondo ke punta tutto sull’economia di quei territori nn è x nulla una ridotta capacità…anzi…tutt’altro…ma è inevitabile ke da lì te ne devi andare. ti devi realizzare. Parlo a te cm a kiunque altro e questo vale anke x me stessa…è cm se avessi messo tanti km ma poco distacco reale…così cm diceva cannella, ke vive da sola da 19 anni, ma sente quel lagame ke la “ingabbia”…
    Miele grazie, anke io ti leggo sempre cn tantissimo piacere, e cm vedi sn tornata a cercare i miei obiettivi, a confrontarmi cn i miei cambiamenti…difficile, ma ci si deve provare.

  394. Chiara* dice:

    ma io cosa ca**o parlo a fare se quello che dico a voi non sono capace di rivolgero nemmeno a me stessa?
    con che faccia vengo qui a dispensare consigli e belle parole quando so stare al mondo io per prima?
    scusate per questo sfogo apparentemente senza senso.
    è che niente ha un senso. niente.
    sono ingabbiata in questa maledetta cosa. non so come liberarmene.
    questa sera c’ era proprio bisogno di infilarsi 2 dita in gola? NO! non ce n’ era per niente il bisogno.
    eppure ho dovuto farlo.
    e adesso mi sento sconfitta. e sola. e terribilmente affranta.
    vi abbraccio

  395. claudina dice:

    chiara…cosa ci siamo dette oggi? un passetto alla volta…ricordi? non ti buttare giu’…ti capisco quando dici che adesso ti senti cosi’ affranta…io ho mangiato un po’ di pizza col mio bambino e mi sento in colpa come se avessi commesso il piu’ atroce dei delitti..che c’e’ di male nel mangiare qualcosa con il proprio bambino? nulla…eppure…guarda che le parola che tu scrivi qui non sono senza senso…non lo sono..tu pensi che lo siano perche’ non riesci a metterle in atto per te stessa…beh nemmeno io ci riesco,sono qui che dispenso consigli a te e io mi sento uno schifo per aver mangiato…forse recepiamo di piu’ il male che gli altri si fanno perche’ rifiutiamo di vedere il male che facciamo a noi stesse..beh io i tuoi consigli li voglio,voglio che continui a darmeli,perche’ a me servono,non sono inutili…TU NON SEI INUTILE… ti abbraccio forte.

  396. Chiara* dice:

    “forse recepiamo di piu’ il male che gli altri si fanno perche’ rifiutiamo di vedere il male che facciamo a noi stesse”

    Claudia grazie…
    Ti stringo forte anch’ io.
    Ho bisogno di voi. Siete i miei angeli.

  397. Maria Letizia dice:

    Finalmente venerdì sera…finalmente questa settimana interminabile è finita, ma quante lotte e quante sconfitte: con il Mostro (1 sola abbuffata questa settimana), a scuola (delusioni da parte dei ragazzi, dei genitori dei colleghi…troppe cose da fare e poca esperienza da parte mia), ma ora questi due giorni solo riposo, se no lunedì non ce la faccio davvero, anche perchè la prox settimana sarà altrettanto pesante!
    Voi come state?
    laura, leggo che anche tu avrai un mese intenso, riguardo ai fiori di bach concordo con te. IO ormai sono a livello di antidepressivi e sonniferi, per me sarebbe un sogno risolvere tutto con l’omeopatia, materia di cui so poco, ma che mi interessa molto
    miele non ho capito bene il tuo discorso riguardo il fatto che parli poco di te
    silvia, come stai?
    yris , che bella la tua frase: “tanti fili sparsi di vita vecchia e nuova si sono intrecciati,e ne ho fatto ghirlande con cui cingermi il capo..”sono contenta di saperti felice..
    Azimut…ben tornata! dice:
    Polla…che combini???Hai ragione:”+ penso e + mi consiglio di non farlo,poichè i pensieri rimuginanti.le alternative,le scorciatoie,le ho già pensate tutte e .. che dire? inutili. quindi resta solo l’atto.. e il cambiamento”, ma io ho ancora troppo bisogno dei miei SCHEMI!!!
    Chiara* posso dirti la verità, capisco quello che scrivi, tante volte io vedo solo una strada per me, ma nn quella giusta che mi porta avanti, ma solo quella che mi porta a regredire a tornare ai miei 38 kg…alla mia sensazione di trasparenza perchè così voglio essere trasparente perchè così mi sento…
    Girasole anche tu piena di impegni? Un abbraccio!
    claudina, sono contenta per i tuoi esami del sangue..io nn ho il coraggio di farli, ma so che DEVO
    Ilaria…seguirò di sicuro il tuo consiglio!
    CANNELLA..come ti capisco: “a volte io non riesco nemmeno a pensare che sia possibile per me un’altra modalità di vita”…”ogni volta che succede qualcosa io vorrei scomparire”
    Vi auguro una buona serata…a domani…VI ABBRACCIO!

  398. miele dice:

    Anche tu per noi sei un angelo, Chiara*!

    Però secondo me, da un certopunto di vista, è bene che tu ti renda conto delle tue contraddizioni (che sono poi quelle di tutti noi, le mie senz’altro), se questo può servire a farti arrabbiare con il tuo mostro.

    Molto spesso, dopo aver vomitato, vieni qui e scrivi che non era necessario farlo. E invece evidentemente era necessario, tu lo sentivi necessario…inevitabile…neanche da porsi il dubbio…lo sentivi come l’unica cosa in grado di mettere a posto la tua giornata, di farti sentire pulita e libera. No?
    Dopo averlo fatto, si è in grado di domandarsi se avesse senso. Prima, non si ha alcun dubbio che sia l’unica mossa da fare. E’ quello che capitava e capita a me con la restrizione, quindi ti capisco.
    Non si tratta dell’incongruenza tra quello che consigli agli altri e quello che fai a te stessa, bensì piuttosto tra quello che stai cercando per te e la via tramite cui credi sia possibile raggiungerlo.

  399. silvia dice:

    Chiara nn smettere di scrivere, anke io ho bisogno di te e delle tue parole…ke poi sn anke le mie…ciò ke ripeto a me e agli altri.
    nn 6 sola! mai!

  400. Azimut dice:

    Vorrei potervi dire cose sensate, invece sono di nuovo qui a farmi male. Ho mangiato, non tantissimo ma tre pasti. Mi sono massacrata con la bici…km e km ininterrottamente, parte già col buio e nel freddo. Stamani sette piani di corsa più volte, quando arrivo verso il quinto comincio a non vedere più gli scalini ma lo faccio ancora e ancora. Ora ho la febbre. Sono sfinita. Per cosa voglio punirmi fino a questo punto?

  401. claudina dice:

    Ragazze,vi do la buonanotte…e’ stata una giornata pesantee,intensa,piena di emozioni che ho condiviso qui con voi…spero che domani sia veramente un giorno migliore,per me e per tutte voi…
    CHIARA: piccolo dolce angelo… ti penso.. ti penso tanto…mi raccomando…un abbraccio fortissimo.

  402. Ilaria dice:

    Azimut, non conosco il motivo preciso per cui tu lo stia facendo, forse l’hai perso di vista perfino tu stessa, ma vorrei tanto non doverti sentire più così demotivata… perché nella vita c’è ben altro!!

    Chiara… qui più o meno tutte coloro che sono ancora nella malattia prima o dopo predicano bene e razzolano male… ma che significa? Forse significa solo che, per debolezza o poco coraggio, non abbiamo ancora la capacità di mettere a punto ciò che invece pensiamo nel nostro profondo. So solo che il fatto di non essere capace per il momento di fare del bene per prima cosa a me stessa non mi esime dal donare una parola di conforto a chi ne ha bisogno quanto e magari più di me. Come cerco di confortarti se stai male, così ho piacere nel leggere le tue parole di conforto quando sto male io. Poco importa in quei frangenti se tu stessa non sei capace di mettere in pratica quanto mi hai appena detto, e io di sicuro non ti verrei a dire “ma se non lo fai tu, perché dovrei farlo io?”. Capito cosa intendo dire?

    Ora vado a letto, buona nanna a tutte!

  403. silvia dice:

    Azimut nn c’è un motivo x cui lo fai…xkè tutti i motivi ke ti danno dolore nn devono prendere forma contro te stessa…il dolore già lo senti, ce l’hai in fondo al cuore, il problema è ke nn lo fai uscire x altre vie…nn esprimi le tue emozioni, è il tuo modo è questo.
    dico tuo ma so bene qnt sia una cosa comune a molte, me compresa…ma dobbiamo pur dircelo ke nn c’è nessuna relazione, nessun nesso logico tra star male ed esprimerlo così…la soluzione sarebbe imparare a veicolare le emozioni all’esterno, esprimere i sentimenti e affrontare il malessere cn cambiamenti…ma sn la prima a dirlo ke nn è semplice.
    Azimut nn smettere di scrivere, almeno qui, nn smettere di esprimerti…continuo a pensare al tuo libro, e a qnt potrebbe servire x permettere di dare voce alla tua anima.

    buona notte a tutte

  404. Azimut dice:

    Silvia è vero, quella è la mia sola strada. Finora sono fuggita via. Ma ho ben chiaro che la scrittura è il solo mezzo che ho per dare voce alla mia anima. Non fuggirò più. Altrimenti il dolore mi dilanierà. Da oggi non fuggirò più…

    Ilaria grazie…

  405. miele dice:

    Azimut…premesso che ti abbraccio :) , vorrei esprimere la mia idea, vediamo se mi riesce meglio stavolta.

    Secondo me la tua domanda è mal posta. Tu scrivi:
    “Mi sono massacrata con la bici…km e km ininterrottamente [...]. Stamani sette piani di corsa più volte, quando arrivo verso il quinto comincio a non vedere più gli scalini ma lo faccio ancora e ancora. Ora ho la febbre. Sono sfinita. Per cosa voglio punirmi fino a questo punto?”

    Quello che hai fatto ieri è esercizio fisico che hai messo in atto per compensare il cibo ingerito. Per consumare, smaltire, chiamalo come vuoi. Nè più nè meno. In certi comportamenti non credo vi sia molto spazio per questioni di altro livello, più ampie ed esistenziali. Hai mangiato, quindi devi compensare in qualche modo. Il desiderio di fondo, in tal caso, è quello di dimagrire…non so come tu ti senta all’idea di essere una persona che vuol “semplicemente” dimagrire…io all’inizio mi stupivo di me…mi sembrava una cosa futile, superficiale…ma tale non è, evidentemente, se dal dimagrire si passa al consumarsi…allora, come dicevo, forse la domanda va riformulata: perchè voglio essere e restare magra?

    Questa è la mia idea. Magari ho sbagliato in pieno, il mio è solo un tentativo.

    A tutte una buona mattinata. Qui minaccia pioggia: yeah.

  406. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Volevo innanzitutto ringraziarvi per le parole che avete avuto per me ieri sera e scusarmi per quelle che invece non sono stata in grado di regalarvi io.
    Ero davvero in preda allo sconforto ma ora con le mente libera e soprattutto dopo aver ragionato razionalmente sull’ accaduto posso finalmente dire di sentirmi meglio.
    Purtroppo non so quando e come riuscirò a trovare una via di fuga da tutto questo ma so che voglio non lasciarmi abbattere ogni volta che va male.
    Perché le sconfitte fanno parte della vita e bisogna essere in grado di incassare il colpo e ricominciare da dove ci si era fermati.

    Miele le tue parole mi hanno colpita.
    Sei riuscita ad analizzare perfettamente il mio stato d’ animo e il perché del mio agire in quel modo.
    Il “prima” non è gestibile. E’ solo nel “dopo” che ci si rende conto di quanto si è compiuto.
    Sto cercando di analizzare ogni mio comportamento in questo senso, come mi ha consigliato di fare la psichiatra.
    Devo sforzarmi di capire cosa realmente provo quando sento l’ impulso di vomitare (cosa che faccio indipendentemente dalla quantità o dalla qualità del cibo ingerito), cosa mi spinge a farlo.
    Piano piano sto riuscendo ad arrivarci. Per me è una sorta di punizione. E’ qualcosa che a volte ricerco volontariamente per farmi del male.

    Vi abbraccio forte

  407. laura dice:

    miele si sabato prossimo vado a convivere yuppy!!!

    ilaria la posizione in cui ti trovi è pericolosa, sei completamente sradicata dai luoghi in cui sei cresciuta e in cui vivono le persone che ami e conosci, avulsa da qualsiasi contesto relazionale ed amicale, tagliata fuori dal mondo del lavoro, così cìè il rischio che l’unico motivo della tua vita sia il tuo fidanzato, è questo è sbagliato, rischi di perdere te stessa e diventare sempre più dipendente da lui sia economicamente sia perchè è il tuo unico motivo che ti lega a quel posto.
    devi assolutamente crearti una rete intorno, purtroppo da come hai scritto non sò neanche io cosa consigliarti dato che quella terra è così ostile alla tua integrazione. forse a ragione Silvia, vale la pena restare lì? pensare di progettare la tua e la vostra vita in sardegna?

  408. laura dice:

    azimut ti abbraccio forte, e condivido quanto scritto da miele.
    sai cosa ho notato, che alle volte scrivi delle cose molto astratte o simboliche, come se trasferissi il tuo dolore in altre dimensioni, prova ad essere più concreta e parlare di cose reali, forse ti può aiutare ad analizzare meglio i pensieri che ti avvolgono.

    luna sto sempre aspettando un tuo parere.

    silvia spero oggi tu riesca a scacciare i pensieri. stanotte ho sognato il mare della tua bellissima puglia, come mi manca, come mi manca, cosa darei per potermi trasferire a lecce, se solo ci fosse lavoro a lecce, tutta un’aaltra vita.

  409. miele dice:

    laura che bello, la convivenza! io mi sto divertendo un sacco con il mio compagno…siamo come due bambini che “se la godono con poco” :)

  410. Azimut dice:

    Miele in parte condivido quello che dici, c’è un desiderio di essere magra. Non sono mai stata sovrappeso, il massimo che ho raggiunto (gravidanze a parte)sono stati i 62 kg per 1.75 e subito dopo i parti. Ho sempre avuto una fissa contro il mio seno, questo sì. Ho sempre desiderato averlo più piccolo. Mi nascondevo dietro camicioni, maglioni larghi, foulard giganteschi legati al collo con cinque nodi. Ora che ha raggiunto per me una dimensione umana mi sembra di toccare il cielo con un dito. So che me lo porterò sempre dietro, per quanto sia scheletrica lì c’è sempre un bel po’ di carne. Se mi tocchi la spina dorsale ti rendi conto che c’è davvero solo la pelle, ma il seno..seppure sensibilmente più piccolo…è ancora lì. Ho detto che condivido in parte perché ieri ho provato un desiderio intenso di sfinirmi, di farmi il più male possibile e questa è una tendenza che ho sempre avuto anche quando non ero dentro l’anoressia. Solo che prima avevo molta più forza e riuscivo a reggere, ora invece così come molte di noi decidono di vomitare io mi metto in mente di raggiungere lo svenimento e ci riesco sempre. Pensa che ieri al buio ho dovuto fermare la bici, scendere oltre la fossetta del viale alberato e sdraiarmi in terra perché stavo andando. Finché me ne accorgo… il problema è quando tonfo giù…Grazie per l’abbraccio…

    Laura sabato prossimo? Che bello…in bocca al lupo…
    Hai colto in pieno. Raramente riesco ad essere concreta, anche quando scrivo. Adesso per esempio mi sono imposta di dare una risposta a te e una a Miele e mi sto costringendo ad usare un linguaggio che non è il mio. Forse potrebbe farmi bene, ma nella concretezza mi sento snaturata e non riesco a dare sfogo a quello che ho dentro. Non so come dire, mi sento davvero in un’altra dimensione…

  411. miele dice:

    ma non è proprio questo il punto, Azimut? il rifiuto di esistere anche in una dimensione concreta? una donna è concreta. una madre è concreta. una moglie lo è. una persona pensante lo è. tutti i giorni. giorno per giorno. al di là del linguaggio, al di là delle spinte o degli aneliti. lo è anche e proprio nella sua intima spiritualità (intesa in senso ampio, non religioso). è questa la sfida…

  412. Polla dice:

    ..Buongiorno ragazupole,
    come va? sono un po’ assente in qsti dì perchè sono fuori casa quasi tutto il giorno per le lauree di amici e le rispettive feste..stasera pare però che ci sia l’ultima,solo che le ragazze avevano deciso di fare una festa insieme e poi invece per questioni varie si sono divise e io non so da che parte infilarmi stasera.. vedremo un po’ come riesco a muovermi.. in generale sto abbastanza bene.. sinceramente sono un po’ stanchina,ma so che è dovuto al fatto che il mio cervello è in costante attività e la cosa mi porta a stancarmi + facilmente! e sono un po’ stanca anche di essere stanca.. ve lo dico sinceramente.. poi mi rendo conto di quanto mi faccio condizionare da quello che mangio,per esempio ieri in facoltà mi sono presa una cioccolata e una fetta di crostata al cioccolato e subito dopo ero energica come una guerriera!!! vi giuro.. avevo energia per tutta la facoltà.. ahahah.. e il mio umore era davvero positivo,ma si potrà??? basta così “poco”??? eppure a me è costato tanto.. ve lo dico.. ma ho agito senza pensare,perchè se no la tortura si sarebbe impossessata di me e di conseguenza mi sarei estraniata dal mondo e dagli eventi e invece io volevo parteciparvi!!!! che robe..

  413. Azimut dice:

    Non so Miele, questo discorso per me è molto complicato. Perché da una parte sono molto concreta. Ho un lavoro, una casa, un compagno, sono madre. Per ora le mie figlie sono molto serene, abbiamo un ottimo rapporto. Io e il padre le abbiamo cresciute totalmente da soli e se da un lato è stato faticosissimo dall’altro questa cosa mi fa sentire per una volta fiera di me. Ecco tornassi indietro le mie figlie e il modo in cui le ho allevate sono la sola cosa nella mia vita per la quale ti dico che rifarei esattamente tutto allo stesso modo fin dall’inizio. Tutto ciò è concretezza. Ma è come se la me stessa concreta non fossi davvero io. Perché c’è un’altra Azimut…quella che si nutre di ombre e di sensazioni, quella che vive in un proprio mondo irraggiungibile…dove ogni immagine o pensiero corrisponde a una vibrazione diversa, dove la sfera cognitiva lascia spazio a quella emotiva fin quasi a cancellarsi… E allora tutto il dolore in cui mi trovo immersa è dato dalla scissione fra questi due mondi, dalla mia incapacità di poterli in qualche modo ricongiungere. Perché io nella concretezza mi sento soffocare, il non poter portare nel mondo il mio modo di pensare e di esprimermi mi schiaccia e mi disintegra. Dividere e scindere…dividere e scindere…ho fatto questo dalla nascita e non va bene perché in questo modo non ho imparato ad affrontare le sofferenze, ho cercato di far entrare nelle mie zone più interne solo le parti buone, quelle che non danneggiano, ma il resto è rimasto sepolto da qualche parte e quando torna alla superficie fa tanto male

  414. Maria Letizia dice:

    Buongiorno amiche…qui piove è l’umore non è dei migliori. Sono ancora dai miei (e questa è una nota piacevole, per una giornata metto da parte le mie preoccupazioni e q.ndo le riprenderò forse mi sembreranno meno insormontabili…)Ale è ad un corso di aggiornamento e io ne approfitto per dedicarmi a me: palestra, riposino, ricamo…dovrei correggere dei compiti , ma nn ho tutta sta voglia. Questa sera Ale vuole portarmi a cena fuori, da una parte sono contenta perchè è sempre un piacere, dall’altra…be…non c’è bisogno che aggiunga altro.
    Voi come state? Buon proseguimento e buona serata!

  415. Maria Letizia dice:

    ops, scusate gli errori di ortografia…

  416. Maria Letizia dice:

    Arriva all’improvviso e ti scatena l’inferno dentro…sto lottando , non voglio cedere al mostro…ma ho bisogno di voi…

  417. silvia dice:

    Buona sabato ragazze…ma Aleph dov’è?
    Oggi c’ è un bel cielo azzurro, ma questa aria primaverile ancora nn mi entra dentro, no…nn è un buon periodo, ma devo sforzarmi x nn lasciarmi andare.
    Azimut sentire ke tu hai finalmente deciso di darti finalmente ed in modo definitivo alla scrittura mi fa davvero tantissimo piacere…credimi…sn fiera di te!
    Laura credo ke la tua imminente convivenza ti aiuterà moltissimo, ti farà sentire meglio…realizzare i tuoi progetti e prendere le distanze da tua madre credo sia la cosa migliore.
    Chiara tu ke dici? cm va oggi?
    Polla buone feste!

    Ma LunaBlu????? dove 6? manki tanto!
    così cm Yris e le altre..

  418. silvia dice:

    MariaLetizia forza! noi ci siamo…cercad di far qlc, racconta cosa provi.

  419. silvia dice:

    Laura se ti piace il salento un bel viaggio ad Otranto…

  420. Maria Letizia dice:

    Grazie silvia, ho fatto una bella chiaccherata con mia mamma…che dire, cosa provo? Fame, ma non una fame sana, ma un un bisogno di abbuffarmi per…noia, preoccupazioni…e nemmeno so che dire, ma tutte lo sapete, quando arriva il mostro, indossa abiti diversi per cercare di farci cedere, ma è sempre lui, quasi il diavolo che cerca la conquista di nuove vittime. Come ho già detto, questa sera esco con Ale a cena, forse è quello che, infondo, mi fà paura, ma non posso andare avanti con tre frutti nello stomaco per pranzo fino alle 21, o meglio, non posso, ma lo vorrei…

  421. Polla dice:

    ..mariaLetizia.. 3 frutti non sono un pasto.. quindi qsta fame che hai FORSE non si chiama MoSTRo,ma semplicemente FAME.. che venga dalla testa o dal corpo..

  422. Maria Letizia dice:

    Tranquilla Polla, ho finito ora una bella merenda…

  423. Polla dice:

    ..mmmm.. MariaLetizia non è me che devi tranquillizzare.. eheheh. Cmq non so .. non vorrei risultarti invadente,ma.. Cosa intendi per “bella merenda?” .. te lo chiedo perchè mi risulta così difficile pensare che una persona che per pranzo mangia 3 frutti,possa aver fatto una “bella merenda”.. non so come dire.. forse spiegarlo ti aiuta un po’ a razionalizzare la questione.. a me spesso succede..
    Cmq anche io stasera dovrò mettermi alla prova e non poco.. nel senso che ho una cena a buffet per una laurea e poi altro buffet per altra laurea.. quindi affrontato il primo,tac..subito me ne aspetta un altro.. e non ho nessuna intenzione di raggirare la cosa,cioè.. ci vado ad entrambi e stop. se mi abbufferò,cercherò di farlo col sorriso.. se riuscirò a stare tranquilla e a non bramare ogni cosa,ancora meglio! voglio stare bene. punto.

  424. yris dice:

    ogni tanto cucino..
    cucino montagne di roba.
    come quando mi abbuffavo.
    crisi del “peso” di dieci chili l’una.
    almeno.
    ci mettevo una notte per vomitarle tutte.
    ora cucino e basta.
    assaggio, in piedi come una ladra.
    poi corro per casa.
    corro come se fossi inseguita.
    corro a lavarmi le mani, i denti, a sciacquarmi la bocca.
    poi torno in cucina.
    e rimesto.
    pentoloni come quelli di una strega.
    altri 30 centimetri, basterebbero per un reggimento.
    anni fa sognai di esserci io in uno di quegli otri.
    di galleggiare in un liquido denso come brodo.
    aspettando di essere mangiata.
    ogni tanto ritornano i miei mostri.
    hanno vesti diverse, livree di gala.
    ma li riconosco.
    e li combatto.
    come ora.

  425. Azimut dice:

    yris…vengo lì ad abbracciarti…oggi non devi stare sola

  426. yris dice:

    ci sei già.. :-)

  427. Ilaria dice:

    Yris, tu hai già vinto in partenza per me :-)

  428. silvia dice:

    Yris vorrei dire qlc ma tu già sai tutto, allora dico solo ke ci sn.
    Azimut cm va?
    Polla io dico ke ce la farai.

  429. Azimut dice:

    Silvia ciao, fisicamente non sto affatto bene ma ho cercato di reagire. Mi sono messa a fare talee di rose, vediamo se ce la faranno. Dove abito c’è un giardino condominiale che nessuno cura, solo i giardinieri che vengono ogni due mesi. Così io ci pianto quello che mi pare e nessuno brontola. Non so se hai seguito quello che mi dicono Miele e Laura, secondo loro sono troppo astratta, dovrei riuscire a portarmi su un piano di maggiore concretezza. Tu che ne pensi? Come stai oggi?

    yris…guarda che se ti butti nel pentolone ci voglio venire anch’io, lasciami un po’ di posto insieme a te…

  430. miele dice:

    Yris…anch’io sono qui. Nessuna di noi è Dio. E i mostri “a volte ritornano”, come scriveva il buon vecchio King.
    E tu non sei da sola, e ora sei tu ad aspettarli al varco.
    Raccontaci come li combatti. Per favore.

    Azimut…quello che descrivi è proprio quello che intendevo. Scissione lacerante, e una vita passata a cercare di intrecciare le parti con delle speranzose cuciture.

    Pollicina mia…dopo leggo la tua mail…mi raccomando, io stasera ti penso!

    MariaLetizia, anch’io vorrei chiederti perchè ti rendi vulnerabile all’abbuffata limitandori a 3 frutti per pranzo, e poi cosa hai preso per merenda. Non è mera curiosità, vorrei solo poterti far guardare in faccia i tuoi pasti. E poi questa palestra benedetta…ma vabbè, mi fermo qui altrimenti comincio il solito predicozzo di sempre :)

    Vi abbraccio tantissimo

  431. miele dice:

    Azimut io non ho detto che sei troppo astratta, ma soltanto che non puoi pensare di identificare il Valore solo con la dimensione spirituale. Anche nel concreto si realizzano le grandi cose, e alcuni dei più grandi pensatori elaboravano le loro idee mentre curavano un campo di terra.

  432. silvia dice:

    Azimut nn so cm sto, da un lato vorrei solo lasciarmi andare, dall’altro reagire.

  433. Azimut dice:

    Miele ma io non lo identifico con la dimensione spirituale. Non sai cosa darei a volte per essere un pochino più concreta. Solo che sono così, sento che la vera me stessa è su quel piano rarefatto che continua a intrecciare immagini e visioni, silenzi e battiti del cuore

  434. uhmhm dice:

    Avrei così tante cose da raccontarvi, vi penso sempre… Ma da dove comincio?
    Vi abbraccio fortissimissimo..

  435. Azimut dice:

    uhmhm comincia…la prima cosa che ti viene in mente…

  436. Marianna dice:

    Ragazze…io sono quì.
    Ho una grandissima confusione in testa, l’incontro di questa settimana ha fatto uscire fuori ricordi che speravo di aver rimosso…sono stanca, l’umore non è dei migliori ma non mollo.
    Vi penso sempre, ogni giorno che passa il mio pensiero e rivolto a voi e anche quando non scrivo vi auguro sempre una lieta giornata ed una dolce notte.

    Azimut…è bello rileggerti!Anche se non mi vedi, sono lì vicino a te e ti avvolgo in un caldo abbraccio.

    Chiara, Silvia, Laura, Maria Letizia, Uhmhm, Monica, Luna Blu, Vaniglia, Aleph, Miele, Claudina, Ilaria, Yris…vi stringo forte!

  437. yris dice:

    ragazze sono qui.
    i mostri sono ormai fuori della porta.
    è stata una lunga battaglia, ma necessaria anche quella.
    necessaria per cementare la guarigione.
    ogni prodotto ha bisogno di essere “testato”.
    anche il percorso che porta a me.

    miele, mi chiedi come ho fatto..
    difficile descriverlo a parole.
    so solo che mi ha salvata la molla della consapevolezza.
    “sapere” che ero in crisi.
    “riconoscere” dei comportamenti malati.
    “accettare” di essere debole.
    “aver terrore” di ricadere..
    era come guardare un film,
    mi vedevo lonatana anni-malattia.
    ricordavo scene incise nella memoria.
    e sentivo che non volevo riviverle ancora.

    non scherzavo quando parlavo del pentolone.
    diverse volte sono finita al pronto soccorso.
    sbattuta di notte con il furgoncino in psichiatria.
    perchè avevo la pancia di una donna incinta.
    e neanche le dita in gola mi facevano effetto.
    lì, per la prima volta ho visto in faccia la follia.
    uomini emaciati che mi venivano intorno.
    infermieri come aguzzini, medici stanchi.
    lì, per la prima volta, ho avuto paura.
    so che non voglio provarlo mai più.

    bacio, con il sorriso di sempre.

  438. Azimut dice:

    Marianna che piacere ritrovarti… Non possiamo rimuoverli, anche se pure io lo vorrei tanto. Dobbiamo elaborarli, altrimenti non ci lasceranno mai vivere.

    yris… non torneranno più…li hai sbattuti fuori e non li farai rientrare. Io sono lì con te ad abbracciarti

  439. Polla dice:

    ..eccomi.. ho appena varcato la soglia di casa e sono corsa qui a scrivervi .. sarò velocissima perchè ho sonnissimo..
    dunque.. com’è andata??? io direi gran bene.. cioè.. abbuffata non direi,ma cmq neanche contenuta.. ho mangiato di + delle ragazze che erano con me,ma avevo anche voglia di farlo.. nel senso che avevo voglia di mangiare,anche se a metà mi sentivo sazia.. lo sentivo.. ho mangiato 6 fette di torte salate varie, 3 piatti di patate al forno e mi sono sparata pure la maionese(ahahah)una bruschetta, due fettine di focaccia alle olive con due pezzettini di formaggio e un grissino alle olive. stop. bevuto? naaa..due o tre bicchierini di vino,uno di spumante e un sacco di aranciata per digerire,ma con scarsi risultati.. eheh.. alla fine c’era ancora cibo,ma io stavo bene,un po’ troppo piena,ma cmq gestibile.. avevo voglia di dolce o di caffè.. mi sono ricordata dei confetti di laurea e trac..ne ho mangiati due e solo due.. anche qsto è proprio un buon segno. io ragazze sono contenta.. certo sono anche le modalità che contano,ma.. ero stra presente alla festa.. sono stata si,tutto il tempo in cucina,ma anche altre ragazze insieme a me.. è andata bene! sono felice.. felice perchè mi sento davvero tranquilla.. ora però ho voglia di dormire e di mangiarmi una mela.. secondo voi è normale??? boh.. a me da l’impressione di farmi digerire..non so se è una scusa della mia testa,ma qsto è quello che sto pensando e quindi credo che la mangerò.beh.. sono quasi le 3 e abbiamo finito di mangiare almeno 3 ore fa.. quindi.. è uno spuntino notturno da una con turbe sul cibo. punto.
    chiedo scusa per qsto rimuginio in diretta e per il post un po’ poco gestito,ma avevo voglia di condividerlo con voi. attendo notizie.. che sonnooooo.. domani sono qui! notteeeeeeee

  440. Polla dice:

    ..Miele,domani ti rispondo alla mail.. te lo dico per farti capire che l’ho letta.. non mi sveglierò presto vista l’ora,ma appena colaziono.. taaaaaac.. baciiii e grazie del sostegno,davvero!

  441. miele dice:

    Azimut quella che tu chiami dimensione rarefatta” è quella che io chiamo, in senso iper-ampio, “spirituale”. Intendevo proprio dire che conciliarle in sè stessi è una dura lotta.
    Che per me è tutt’ora in corso.
    Alcuni anni fa vivevo all’estero e lì avevo conosciuto un ragazzo…di cui mi ero innamorata in un modo profondo che in vita mia non avevo mai conosciuto…ero già in via di recupero dalla malattia, e sentire (anche) attrazione fisica verso qualcuno era per me una grandiosa riscoperta..ci eravamo conosciuti a fondo…c’era una vera corrispondenza d’anime tra di noi. Eppure lui non si sbilanciava mai abbastanza. Io lasciavo passare il tempo, anche se ci stavo male e non capivo…poi un giorno, prima di salutarci sulla porta di casa mia, mi da’ in mano una lettera (la prima di tante, che mi scrive tutt’ora), in cui scrive quello che pensa di me…tante cose inaspettate, direi eccessivamente positive…ma una mi ha trafitto come una lama e mi è rimasta appesa addosso da quel giorno: ha scritto che io ho in me qualcosa di “santo” (non in senso religioso, lui è ateo), qualcosa che non appartiene a questo mondo.
    Se da un lato la cosa mi ha lusingato, dall’altro mi ha anche fatto arrabbiare: possibile, ho iniziato a chiedermi, che io non riesca ad esprimere altrettanto bene la mia dimensione terrena? Forse lì ho cominciato a capire che non l’avevo mai curata e cresciuta abbastanza…

    Marianna come mai l’umore è confuso? Ti va di parlarne?

    Yris, grazie. Hai reso l’idea, almeno per me. Certo che, per essere uscita da un vortice del genere, tu devi proprio essere una con le p….:)

    Chiara* che fai oggi?

    Polla grazie di condividere sempre le tue esperienze con noi.

    Ma…Amira, Vaniglia & Co.? Non scrivete più? Daiiiiiii

    Io ho passato una notte un po’ inquieta. Non riesco a capire…sia ieri che stamattina mi sono svegliata presto, con addosso l’ansia di “dover fare colazione”…come se non ci fosse tempo, come se qualcuno mi inseguisse, mi braccasse…non mi sento per nulla riposata, invece ne avrei un gran bisogno perchè anche ieri mi hanno chiesto “ma stai bene? hai due occhi…”
    …dentro di me ho questo maledetto demone che non si placa…

  442. Maria Letizia dice:

    Buongiorno…continua a piovere, il cielo è così cupo, Ale se n’è andato per il corso, ma alle 12 sarà qui. Sono triste o meglio…malinconica, sarà il tempo, ma sento che i pochi entusiasmi che avevo stanno svanendo. La scuola è solo piena di problemi e poche soddisfazioni, l’unico mio tesoro resta la mia famiglia e Ale.
    Vorrei rispondere a Polla e miele riguardo a ieri: lo so che tre frutti sono pochi, lo so che le abbuffate me le vado a cercare, lo so che in palestra non devo andare con questa ossessione, ma so anche una cosa…che sono ancora molto lontana dalla guarigione e questi episodi lo dimostrano, cerco ancora la magrezza per sparire, perchè esistere porta con sè problemi che mi sembra sempre di non poter risolvere e diventano così grandi da nascondere le gioie che il mondo mi offre. A parole sono tanto brava a consigliare gli altri, ma quando si tratta di me…mi nascondo, nego…ho paura di guarire…di tornare normale. La dott.ssa dice che c’è ancora tanta matassa da sbrogliare e con lei lavoro bene, ma poi c’è quella parte di me che non vuole collaborare, che vuole restare bambina…
    Ho un po’ di cosette da fare in casa, poi andrò a messa e preparo il pranzo per Ale. Grazie per l’aiuto che mi date…BUONA DOMENICA

  443. Maria Letizia dice:

    Conosco delle barche che restano nel porto per paura che le correnti le trascinino con troppa violenza.
    Conosco delle barche che arrugginiscono in porto per non aver mai rischiato una vela fuori.
    Conosco delle barche che si dimenticano di partire, hanno paura del mare e le onde non le hanno mai portate altrove ed il loro viagg…io è finito ancora prima di iniziare.
    Conosco delle barche talmente incatenate che hanno disimparato come liberarsi.
    Conosco delle barche che restano ad ondeggiare per essere veramente sicure di non capovolgersi.
    Conosco delle barche che vanno in gruppo ad affrontare il vento al di là della paura.
    Conosco delle barche che si graffiano un pò sulle rotte dell’oceano ove le porta il loro gioco.
    Conosco delle barche che non hanno mai smesso di uscire una volta ancora, ogni giorno della loro vita e che non hanno paura di lanciarsi fianco a fianco in avanti a rischio di affondare.
    Conosco delle barche che tornano in porto lacerate dappertutto, ma più coraggiose e più forti.
    Conosco delle barche straboccanti di sole perchè hanno condiviso anni meravigliosi.
    Conosco delle barche che tornano sempre quando hanno navigato. Fino al loro ultimo giorno, e sono pronte a spiegare le loro ali di giganti perchè hanno un cuore a misura di oceano.
    Jacques BrelMostra tutto

    Io mi sento tanto come la prima barca…voi?

  444. laura dice:

    buon giorno, sono stanca stanca non ho dormito niente, sono andata a letto tardi tardi e comunque mi sono svegliata alle 8 30, io non capisco perchè la mattina non riesco a dormire.

    silvietta ad otranto sono andata questa estate appena trascorsa, è che io vorrei proprio trasferirmi giù, ma la vedo dura. silvia scrivi che vorresti lasciarti andare dall’altro reagire, questa sensazione e dicotomia secondo me ti rende comunque immobile, fai, non pensare, agisci. raccontami un po cosa hai fatto ieri e cosa vuoi fare oggi.

    chiara come stai?

    polla sono contenta per te .

    maria letizia ti ho sentita molto abbattuta ed avvilita. forza, capisco quello che provi, ti dico solo forza.

  445. Aleph dice:

    Buongiornoooooooooooo!!!!

    Eccomi eccomi eccomi!Sono tornato!!!!!!
    Vi sono mancato eh???Scommetto di no!Eheheheh…

    Mannaggia, non sono proprio riuscito a connettermi dalla montagna…ho letto alcuni post, ma sono davvero troppi per leggerli tutti!

    Da oggi però dovrei tornare presente!

    Un pensiero grande per Vaniglia, Silvia, Miele, Chiara, Azimut, Laura, Marianna e tutte voi!

    Buona domenica!

    Aleph

  446. Maria Letizia dice:

    Grazie laura…

  447. Polla dice:

    ..eccomi qui.. svegliata da poco.. e appena finito di fare colazione! pf.
    Buongiornooooo.. qui c’è un cielo grigissimo e pioviggina,ma io mi sono svegliata abbastanza di buon umore e non credo che mi farò intaccare dal meteo,benchè non nego che mi sarebbe piaciuto molto aprire gli occhi e vedere un bel sole splendente!
    Dunque.. io continuo sulla linea di un piacevole senso di benessere e me lo tengo stretto e non ci voglio neanche pensare troppo perchè anche qsto funziona allo stesso modo delle altre sensazioni e pensieri.. e la paura di perderlo,mi spaventa da morire,ma perchè devo stare qui a pensare al dopo se ora mi sento bene? e come mai mi sento bene??? booooh.. un po’ sarà che sono contenta di me.. contenta perchè ieri avrei potuto in mille modi raggirare la situazione e non dover trovarmi a mangiare lì e invece il fatto di aver deciso di fare una cosa che mi andava di fare,mi da un sacco di forza e non mi ha fatto sentire nè diversa nè normale,semplicemente io,con le mie idee e le mie priorità.. ed è quel senso di libertà che respiro ogni tanto in qsti momenti che mi fa continuare a credere .. perchè è troppo bello,perchè non posso credere di aver voglia di di rinunciarci,la volta che lo provi,che lo senti così vicino e fa anche meno paura..ora come ora ho + paura di perderlo.. ma non si può avere sempre paura..
    capisco perfettamente quando parlate del fatto chela mattina vi svegliate presto.. anche qsta per me è stata una battaglia.. aprivo gli occhi come dice Miele con l’idea di dover fare colazione,come se qualcuno mi corresse dietro e l’ideale nella mia testa era farla presto,perchè poi c’è il pranzo e così è + logico,ma ora come ora.. ora che riesco a rimanere nel letto,a dormire,mi alzo e la colazione la faccio cmq.. e il pranzo pure.. e anche qsto mi fa sentire libera di scegliere..anche se spesso ancora mi crea confusione.. non so come sono riuscita a rompere qsto meccanismo della sveglia.. cioè di non svegliarmi se non è necessario per impegni vari.. credo sia stato il solito modo,ovvero provarci! credo di essermi legata nel letto col pensiero e di aver sentito che il mio corpo aveva bisogno di riposo,non di iniziare la giornata,che cmq inizia,volente o nolente.. solo un po’ + tardi .. non succede nulla.. qsto mi dico.. qsto è quello che spesso mi ripeto! STOP e provo a stare tranquilla..
    MariaLetizia.. credo + che altro della storia della palestra o di come racconti certe cose..dicendo tipo”mi prendo cura di me..” come per farle sembrare davvero un’attenzione nei tuoi confronti,invece una vera attenzione potrebbe essere stare tranquilli,fermi,per un giorno.. per un giorno non ascoltare il Mostro che ti spinge a stare in movimento,qsto sarebbe prenderti cura di te davvero..per la scuola invece io credo di capire la tua difficoltà,il fatto di sentirti costantemente messa alla prova e giudicata,ma proprio non riesci a sfruttare qsto per spronarti a cambiare le cose??? cioè.. se qsto giudizi che ti senti addosso ti pesano così tanto, non ti viene voglia di darti da fare ??? l’unico modo per riscattarsi + verso te stessa che verso gli altri(ma qsto poi di conseguenza)sarebbe davvero prendere in mano qsta situazione.. sembra quasi che tu sia + disposta a “perdere” il lavoro che a cambiare le cose.. e te la vivi come se gli altri fossero ingiusti,ma credo che anche inq sto caso,siamo noi che perseverando con qsti meccanismi,le cose le facciamo andare in un certo modo,è cmq una scelta..ma da parte nostra,non degli altri.. non so se mi spiego. Come sempre non voglio ferirti,sia chiaro.. se ti dico certe cose è perchè credo che una parte di te abbia voglia di farlo.. è dura,lo so,ma hai chi ti sta vicino e qsto conta moltissimo!!!
    Azimut.. forse un modo per conciliare la tua parte astratta con la realtà concreta potrebbe essere quella di coinvolgere la realtà nell’astratto.. ovvero.. comunicare a chi vive il tuo quotidiano,quello che senti davvero, in modo tale da dargli una forma.. renderlo reale..
    Aleph.. ma sei stato in montagna a studiare??? eremitaggio culturale??? eheheh. Bentornato cmq!
    Complimenti per ieri yris,mi spiace non essere stata presente,ma in qualche modo,ognuna di noi sostiene l’altra durante tutto il corso della giornata.. io lo sento!
    Oggi che fate ragazze??? io sono quiiiiii. :-)

  448. Aleph dice:

    Eh sì Polla, in teoria l’idea era quella dell’eremitaggio culturale…poi il sole, la neve, gli sci…insomma, in pratica una congiura!E lo studio è andato un pò a a farsi benedire…

  449. Chiara* dice:

    Angeli non ho parole per voi in questo giorno.
    Mi dispiace.
    Sono in un momento molto delicato e difficile.
    Mi sto pian piano rendendo conto che la persona che ho accanto non è più quella che avevo conosciuto. O forse non è quella che credevo di conoscere.
    Una persona che dice di amarmi… ma poi è capace di farmi sentire piccola e insignificante e inutile come il più viscido dei vermi.
    Una persona che dice di voler costruire il suo futuro insieme a me… e poi mi tratta come una pezza da piedi. Denigrandomi, insultandomi, ferendomi nell’ anima. Andando a colpire proprio dove sa che farebbe più male.
    Una persona che vuole starmi vicina… però rinfacciandomi tutto quello che fa per me. Facendomelo pesare come se fosse un dovere e non un qualcosa che sente di voler fare.
    Non me lo merito. Non merito tutta questa cattiveria.
    Nonostante gli sbagli commessi, gli errori riconosciuti… non è giusto.
    Mi sento svuotata. Sola. Colpevole. Inutile. Fallita.
    Ho fallito tutto nella mia vita. Tutto. Non sono in grado di tenermi stretta nemmeno le persone che amo.
    Vorrei trovare un po’ di forza dentro di me e dire basta. Ma quella forza non ce l’ ho.

    Vi abbraccio.

  450. Ilaria dice:

    Buona domenica ragazze, ciao Aleph.
    Voglio essere sincera con voi fino in fondo, anche se questo mi porterà a dire delle cose sgradevoli… però allo stesso tempo so che non mi giudicherete.
    Tempo fa dissi che provavo invidia verso chi, ex anoressica, sta facendo una “dieta ingrassante”… oggi, leggendo il resoconto di ieri di Polla, ho avuto la stessa sensazione. Cioè, avrei voluto essere al suo posto e sentirmi tranquilla con la coscienza. Se mangiassi adesso quello che ha mangiato lei per me sarebbe un’abbuffata in piena regola. Ovvio che ho altre esigenze rispetto a Polla, ovvio che non devo mettere su chili ma piuttosto perderne, e anche parecchi ormai… però l’invidia rimane, e mi dispiace per questo, mi sento un po’ un mostro.
    Seconda cosa. “Invidio”, e continuo a usare questo termine perché non me ne vengono altri, anoressiche e bulimiche perché almeno le loro patologie sono conosciute, sono state studiate in lungo e in largo e sono seguite meglio, trovano più spazi per essere accolte e guarite. Io ho dovuto perfino spiegare al mio medico di base cosa sia il binge, non ne aveva mai sentito parlare… Ciò non fa che accrescere il mio senso di sradicamento… diversa tra le diverse, e comunque sempre sola. Totalmente sperduta, in balia di me stessa, vado a tentativi.
    La dottoressa alla fine mi ha prescritto lo Xanax, e devo dire che speravo avesse un effetto diverso su di me… non so, mi aspettavo più stordimento, più estraniazione, ma soprattutto la sparizione della fame nervosa… e invece ho solo leggermente più sonno già dal pomeriggio.
    Ultima cosa. Domani farò il prelievo per i valori della tiroide, speriamo bene… anche se in verità non spero bene per niente, visto che ho un fattore di famigliarità molto forte… e vabbè.
    Ah, a chi mi diceva (non mi ricordo se Silvia, Laura o Marianna, perdonatemi) di prendere in considerazione l’idea di uscire dalla Sardegna, lo farei volentieri, ma la situazione è questa: il mio fidanzato, dopo mesi e mesi di contratti interinali della durata di un mese ciascuno, ha finalmente ottenuto un contratto di due anni presso la principale azienda sarda che ha a che fare con gli acquedotti. Se lavorasse all’Enel o alla Telecom potrebbe anche chiedere un trasferimento, ma questa azienda ovviamente è locale e c’è solo qui… ed è già tanto riuscire a entrarci senza raccomandazioni, ragion per cui non se la vuole far scappare. L’idea di ricominciare tutto da capo da un’altra parte, senza nessuna base, mi fa solo uscire di testa.

    Detto ciò, vi mando un grossissimo abbraccio collettivo.

  451. Ilaria dice:

    Per Chiara: se rileggi le tue parole puoi giungere a una sola conclusione… secondo il mio modesto parere amore e denigrazione, sofferenza, poco rispetto, menefreghismo, non possono convivere. E comunque a soli 25 anni non puoi già tirare delle somme così pesanti… non sai cosa potrà succedere nei rimanenti 75 anni, no? ;-)

  452. CANNELLA dice:

    Buona domenica a tuttti.CHIARA: come ti capisco anche io mi ritrovo nella tua stessa situazione,mi trovo a star ecin una persona che mi fa solo star male.,che nn ha un minimo di fiducia in me,ed io nn so come uscirne,perchè il mio sentimento è calpestato ogni volta che lui mi offende dicendomi cos epoco carine,cerdo che entrambe ci meriterremo come qualsiasi altra persona la mondo solo di aver affianco una persona che ci ama per come siamo,non credo che tu come me esiga di avere la lunaw,ma io invece vorrei solo una carezza ,un abbraccio,e la presenza di qualcuno che ti fa sentire protetta,che crede in te,e che ti fa sentire di essere ne posto più sicuro del mondo.ora invece mi sento solo di dovermi difendere da lui,perchè mi fa star male,ma nonostante questa sensazione continuo a permettergli di farmi male e di farmi star male!ome capisco la tua frustrazione rispetto al fattoche nonstante qualcosa ci faccia soffrire non si riesce a dire basta!
    PER MARIALETIZIA:sai anche io ora vorrei solo cercare di scomparire,perchè la mia presenza è troppo ingombrante e allo stesso tempo insufficiente e inadeguata a risolvere la mia vita,spesso penso che è come se dicessi a me stessa:!”scusate io vado,e tolgo il disturbo”.per me questo è un periodo nel quale nn vedo nulla di positivo,e mi sento così mortificata e avvilita,ma allo stesso tempo arrabbiata con me stessa per nn avere nemmeno il coraggio di smuovermi e far qualcosa, è come se trascinassi il mio tempo,accartocciando giornate in un inutile stare al mondo.l’unico modo che mi consentirebbe di star meglio è quello di liberarmi di questo kg in più che oggi ho,e che mi prima non avevo.come se arrivando a quel numero magico scelto tutte le sofferenze potessero svanire in un attimo!ma mi sento così ingombrante!!

  453. silvia dice:

    Buona domenca a tutte + Aleph.
    Yris il tuo racconto è davvero toccante…xkè c’è un vissuto intenso. Nn so cm hai fatto, ma 6 uscita fuori dall’inferno, t’ammiro tanto, ma sai cosa mi lascia un pò sconvolta, il fatto ke nonostante tutto la lotta sia una cosa estenuante e continua x te anke ora, anke a distanza di tempo, anke dopo esserne uscita. Tutto questo ti fa un onore immenso.

    MariaLetizia le prime barke sn quelle ke riguardano anke me, ma sai cosa c’è? ke c’è tanta , tantissima voglia di lasciare quel porto…ke ormai sicuro nn lo è +. se mai lo è stato.

    Polla eravamo in 2 a rimuginare allora stanotte alle 3, tu x pensieri positivi, x una lotta ke hai affrontato e vinto, io no, io ero in balia di nn so neanke cosa, semplicemente x aver mangiato qlc, x essere uscita e x la sensazione di aver perso un pò un controllo.

    Laura si esattamente dicotomia, ma cm se ne esce? Ieri nulla di ke, sn uscita, quindi ho rotto il mio skema ke mi suggeriva di evitare il confronto cn gli altri, il controllo, e ho affrontato uno spuntino e una bevuta cn un amica…morale: sensazione di sconfitta e sconforto
    Oggi nn so, ma cm dicevo prima a MariaLetizia io voglio lasciare il porto, lasciare tutte queste false sicurezze e incamminnarmi xkè cm dici tu tutto questo da “immobilità”.
    Trasferirti qui sarebbe davvero “controtendenza”…le possibilità di lavoro sn sotto zero, la maggior parte dei ragazzi vanno via, al nord o all’estero, a meno ke nn s’inventano qlc o si rassegnano a prendere sotto sotto ma proprio sotto 1000 euro x fare un lavoro ke sicuramente ti verrà pagato a nero…E poi avvolte l’ambiente ti spinge + ke a migliorare queste bellissime terre a fuggire, xkè certe mentalità sn la rovina maggiore…poi sì…c’è il sole, il mare. i ritmi + lenti e vivibili…insomma anke qiesto è dicotomia???? ahah

    Miele sai ke il discorso sull’essere percepite cm qlc di “santo”…capita anke a me…una volta una amica mi disse ke intorno a me c’era cm un’aria di purezza…questo forse il motivo x cui certi discorsi cn me nn venivano mai fatti, nn ci si spingeva mai oltre certi limiti cn me…insomma ti capisco, quell’assenza di dimensioni pratike e concrete..

    Chiara nn hai fallito tu…ricorda cosa ti diceva LunaBlu su Francesco? ricorda…ricorda…certo, ora ci vorrebbe lei qui a spronarti, ma cerca di farti forza.

    LunaBlu dove 6???

    Azimut qnd inizi a scrivere?

  454. Vaniglia dice:

    Ciao a tutte e in special modo ad Aleph che, anche se è tanto che non scrivo ha sempre il pensiero rivolto a me….
    la situazione è molto peggiorata, le vescicole sono andate via, non ho segni, cicatrici, nulla…ma il problema è l’occhio, non riesco a tenerlo aperto, mi da fastidio la luce e poi, ho dei dolori in testa molto molto forti…mi parlano di nevralgia post herpetica ma io, per il dolore non posso neanche infilarmi un cappello in testa. Stamane poi, ho la parte sinistra del viso priva di sensibilità, mi dicono che è una cosa lunga, che devo avere pazienza ma io sono molto preoccupata. ho paura che abbiano sbagliato qualcosa, magari nella terapia, non so’…ieri sono uscita un po’ con mia mamma, sto tutto il giorno chiusa in casa in preda a forti dolori di testa, mi sento una larva…sono stanca e ho paura. Paura di non tornare a stare bene come prima, paura che i postumi di questa brutta malattia mi rimangano a vita, al momento, non posso passarmi il pettine sulla parte sinistra della testa, mi brucia la fronte, il naso…non mi posso sfiorare!

    …mi chiedo perché tutto questo…mia sorella poi non michiede neanche come sto, però viene a chiedermi come vestirsi per andare a teatro. La situazione è molto peggiorata dall’ultima volta e, non ho più scritto perché con difficoltà riesco a tenero l’occhio aperto.
    Mi merito tutto ciò?? cosa ho fatto di male?
    Spero di tornare a stare bene, così non voglio vivere e sono molto preoccupata.
    Buona domenica a tutti

  455. miele dice:

    Chiara*, qui mi sento di associarmi ad Ilaria…
    Io non so immaginarmi di fianco ad una persona che mi offende e mi denigra. Nemmeno un giorno. Nemmeno un’ora. La prima condizione è il rispetto reciproco. Al di là che questa persona possa capire o meno i tuoi problemi.
    Tu scrivi che ti senti fallita perchè non sei nemmeno capace di tenerti stretta questa persona…ma Chiara, stare vicino a te è una scelta che spetta a lui, non sei tu che hai la responsabilità di “tenerlo” stretto a te…tu sei tu, vivi la tua vita, fa’ il tuo percorso. Via tutto quello che “pesa”…e che non sono i kg del tuo corpo…

    Ilaria, la sincerità ti fa’ onore. Io credo che proverei le stesse cose se fossi in una situazione opposta alla mia, che richiede un recupero di peso.
    Sai, più ti leggo e più ti percepisco come una persona piuttosto saggia…lucida su sè stessa, onesta con noi, realista al punto giusto. Com’è che questa saggezza si disperde, o si confonde, davanti al cibo? Non riesco proprio ad immaginarti mentre ti abbuffi.

  456. yris dice:

    silvia non ti spaventi questa lotta. in fondo è la lotta della vita.
    i dca sono una specie di botola – aperta o chiusa. Puoi cascarci o camminarci sopra.
    quando ne esci ti resta la memoria della botola, sai che sotto di te c’è il vuoto, e qualche volta, come accade per strada quando cammini sulle grate di un sotterraneo, ti vengono pure le vertigini. ma eviti di infilarci il tacco dentro, alzi il passo e vai avanti.
    altre volte invece, in momenti di debolezza, o di tensione, o anche di forte emozione – di “squilibrio” insomma – ti può capitare di cadere, su quelle grate, di temere di passarci attraverso. e stai male.
    ma poi ti aggrappi alle sbarre di ferro, chiudi gli occhi per non vedere il vuoto, strisci lentamente su di un fianco, o ti muovi gatton gattoni come un bimbo che esplora il mondo, e ti allontani.
    i dca sono la nostra area di vulnerabilità, ma possono essere anche la nostra forza. una volta che ne esci niente ti fa più paura.
    una volta che ne esci recuperi la capacità di vivere l’istante. ed è bello.
    oggi, per esempio, sono FELICE! :-)
    vi abbraccio tutte + alephuccio

  457. Aleph dice:

    Vaniglia!!!!Sono contento tu sia passata a scriverci nonostante tutte le difficoltà che hai nel farlo!
    Cavoli, stai proprio male a quanto dici…mi spiace davvero molto, e vorrei poter fare qualcosa per aiutarti. Tu cerca di fidarti di quello che ti hanno detto i medici, non aumentare ancora la tua preoccupazione perchè non credo ti aiuti la cosa…
    Cerca di riposarti in questi giorni e non stressarti…il tuo corpo ha bisogno di riposo, tranquillità, forze ed energie.
    Se ogni tanto riesci e ti va, passa da qui a salutarci, ma la cosa in assoluto più importante è che tu cerchi di stare meglio. Sono sicuro tu possa farcela, ci credo davvero.
    Ti penso tanto e sempre.

  458. Aleph dice:

    Yris!!!!!!!!!!!!!!Grazie del saluto!!!!!!!!!
    Ciaooooooooooooooo, e che bello che sei felice!!!!

  459. Polla dice:

    ..mmm.. quindi quella di ieri è stata un’abbuffata secondo voi? boh.. io avevo promesso a me stessa che me la sarei vissuta bene e così è stato.. Cmq Ilaria io capisco perfettamente quello che vuoi dire perchè la stessa cosa è successa e succede ancora ora e me.. ma io non sono anoressica.. io sono sottopeso,ma anche il mio disturbo non è categorizzabile.. io mangio quasi sempre in una modalità da abbuffata e diciamo che le abbuffate sono il mio problema principale.. sono sottopeso nonostante non vomiti perchè mangio poco sostanzioso secondo me. ma cmq non mangio male.. e non ho problemi di valori o cose varie anche per qsto.. ma non basta perchè il malessere non è solo strettamente legato a quello che realmente si mangia,ma a cosa si sente.. per qsto spesso ti chiedo di fare la lista delle cose che hai mangiato quando parli di abbuffata.. perchè a volte non è così.
    abbuffarsi di carote è come abbuffarsi di cioccolato.. è la stessa cosa ,ma viene percepito in modo diverso..
    scusate ho risposto un po’ al volo! :-)

  460. yris dice:

    vaniglia, villa margherita, vicenza, pare che sia una struttura molto buona, diversa. conosco una persona che è ricoverata lì. da un po’ di tempo la gestisce una bravissima dottoressa. mettiti in contatto. non perdere tempo. so della tua sfiducia su questo fronte, ma qualcosa devi fare, da qualcuno devi farti aiutare. va’ alle radici del problema: la vulnerabilità del corpo, il suo essere esposto ad ogni attacco, erpetico e non. bacio.

  461. miele dice:

    io lì ci sono stata e confermo che è una buona struttura..in mezzo ai colli berici…bel paesaggio e buoni medici (quello che aveva curato me, purtroppo l’anno scorso è morto).

  462. silvia dice:

    Ilaria al di là delle difficoltà io credo ke ora cm ora t nn puoi sacrificarti in un ambiente ke nn ti da prospettive…e in ogni caso devi cercare di far qlc della tua vita, nel senso ke dimostri di avere tantissime capacità…e una persona ke sa il giapponese …insomma nn ci fai nulla lì…relegata lì…anke xkè vivi x un altra persona…e ancora una volta nn hai fatto una scelta x te.
    Questa è la mia opinio, posso anke sbagliarmi, ma credo ke più o meno x tutte sia questione di puntare un obiettivo ke sia proprio, e nn sempre in balia di emozioni ke ci vengono trasferite e ke nn siamo in grado di gestire nel modo migliore.
    Yris la stessa vita ke si percepisce qnd scrive LunaBlu…quella vita ke trasmettete e ke passo dopo passo voglio raggiungere.

  463. Ilaria dice:

    Silvia, hai ragione, cercherò di inventarmi qualcosa anche se man mano che passa il tempo diventa sempre più difficile!
    Vaniglia, mi dispiace moltissimo per gli strascichi dell’herpes! Come dici anche tu, non meriti di stare così male, nessuna qui lo merita, ma per stare bene dobbiamo mettercela tutta! Cerca di fidarti di quello che ti hanno detto i medici e speriamo che diventi tutto un brutto ricordo al più presto :-)
    Miele… sai quante volte me l’ha detto la psicologa? Sembra che tutto quello che dico e faccio sia il frutto di uno studio ponderato, come se pesassi ogni singola parola in modo da non sprecarne. Fin da piccola tendo a razionalizzare, analizzare, sviscerare ogni cosa… perché ogni mia più piccola azione aveva lo scopo di attirare l’attenzione (=guadagnare l’amore) dei miei genitori, anche se poi in realtà non bastava mai… Anche ora non ho perso il vizio, mi sento un po’ schizofrenica, molto sentimentale da un certo punto di vista (quando vedo certi film o sento certe notizie al tg piango come una fontana puntualmente), ma anche molto analitica. A volte mi chiedo come mai abbia studiato al classico prima e a Lingue poi… magari avrei dovuto scegliere matematica ahah! Come tutto ciò si concili con il fatto che mi abbuffo rimarrà per sempre un mistero… forse che sia la mia unica valvola di sfogo in una vita perennemente sotto controllo? Boh…
    Polla… scusa se ti ho dato l’impressione di aver criticato la tua serata. Non volevo assolutamente dire che ti sei abbuffata, dico solo che se avessi mangiato io quanto hai mangiato tu come minimo avrei passato la notte fra tachicardia e riflussi acidi, e se ci fosse stato il mio fidanzato vicino mi avrebbe strappato il cibo di bocca!

    Bacio a tutte coloro che non ho menzionato.

  464. Maria Letizia dice:

    Buonasera a tutte, oggi immersione nell’unico centro commerciale aperto di Torino…con sta pioggia che si poteva fare e so bene che a casa tutto il giorno Ale impazzisce…Grazie per chi ha avuto un’attenzione per me.
    Polla, le tue parole mi hanno fatto riflettere: “una vera attenzione potrebbe essere stare tranquilli,fermi,per un giorno.. per un giorno non ascoltare il Mostro che ti spinge a stare in movimento”, ma per me l’unico modo per evitare il Mostro, per ora, è riempirmi di cose da fare. Grazie per aver capito la situazione della scuola,ma il problema è diverso: io mi sento costantemente messa alla prova e giudicata,ma nex lo fa davvero, sono io che anche lì pretendo la perfezione…insomma non mi do mai tregua…hai ragione”l’unico modo per riscattarsi + verso te stessa che verso gli altri(ma qsto poi di conseguenza)sarebbe davvero prendere in mano qsta situazione..”eppure la paura di crescere, delle responsabilità e di chi sa cos’altro ancora è troppo grande…Non preoccuparti, non mi ferisci affatto, anzi…GRAZIE
    Chiara*…che succede?
    Ilaria…in bocca al lupo per domani, TI SONO VICINA!
    CANNELLA…come ti capisco: “cercare di scomparire,perchè la mia presenza è troppo ingombrante e allo stesso tempo insufficiente e inadeguata a risolvere la mia vita”, “l’unico modo che mi consentirebbe di star meglio è quello di liberarmi di questo kg in più che oggi ho,e che mi prima non avevo.come se arrivando a quel numero magico scelto tutte le sofferenze potessero svanire in un attimo!ma mi sento così ingombrante!!”..PROVIAMO A FARE INSIEME UN PASSO ALLA VOLTA?
    Silvia…io ho tanta paura di lasciare quel porto, ho una barca sgangherata e non so nuotare…
    Vaniglia, cerca di riprenderti…
    Aleph…come stai?
    Un pensiero a tutte coloro che non ho menzionato e BUONA SERATA!.

  465. silvia dice:

    MariaLetizia nn hai mai messo alla prova quella barca x sapere cm saprà navigare!
    Oggi vi racconto la mia sconfitta, la mia lotta e la mia caduta…il primo pasto nn l’ho tenuto, ma l’ho fatto…allora ho cercato di ascoltare la mia fame, e ho mangiato, ma ho perso il controllo, o meglio, così mi è sembrato…nn nelle quantità, xkè ridotte, ma nel modo di fare, nel mangiare confusamente, velocemente…poi mi sn fermata e ho cercato di trattenermi, ma nn ce l’ho fatta e sn già andata 2 volte in bagno.
    fin qui il resoconto, ora ci sn io, qui, kiedo a voi cm fare, io voglio andare avanti e mi metto alla prova continuamente.
    Ora sto facendo un altro tentativo, farò dei cambiamenti nella mia vita, anke molto radicali e mi ci butterò ancora di + contro tutto questo.

    Vi penso.grazie

  466. Chiara* dice:

    Oggi ho vinto IO!
    Sì, oggi la VERA CHIARA è riuscita a tornare qui, nella realtà.
    A reimpossessarsi della SUA vita.
    Ho voluto provarci ancora. E ho vinto.
    Stasera abbiamo preso la pizza qui a casa, con i miei. L’ ho proposto io.
    Non ci ho pensato troppo, ho cercato di non soffermarmi sulle sensazioni negative e sul “dopo”.
    Ho ordinato la pizza di cui avevo davvero voglia. Senza togliere questo e quell’ altro. Era una pizza vera. Non una pizza “senza mozzarella, senza pomodoro, meglio ancora senza la pizza”.
    L’ ho mangiata. Tutta. E dopo mi sono anche gustata un cioccolatino.
    E poi… poi STOP. Ho cercato di mettere a tacere quella maledetta vocina.
    La voglia di chiudermi in bagno e vomitare tutto era (ed è ancora) grande e forte ma ho cercato di scacciarla via.
    Ho mangiato una pizza. E allora? Quante altre milioni di persone oggi, nello stesso momento, hanno fatto la medesima cosa? E io cos’ ho di diverso da queste persone? Niente.
    Ho mangiato una pizza.
    E’ solo una pizza.
    Ho assecondato una mia voglia. Ho ascoltato quello che il mio corpo mi chiedeva. Mi sono “sentita”.
    STOP.
    Adesso? La tentazione di andare a infilarmi 2 dita in gola è grande. Ma non lo farò. E’ molto ma molto + grande la voglia di sentirmi normale.
    STOP.
    E a fanculo tutto il resto.

    Vi abbraccio

  467. Vaniglia dice:

    YRIS, ma che cazzo c’entra quel ke dici con quello che sto vivendo…non parlare a sproposito ti prego, ne ho già abbastanza! leggi bene prima di parlare…eviteresti di fare figure di merda! Scusa ma sono stata pure troppo gentile nel commentare il tuo intervento!

    Per il resto, grazie a tutti…spero davvero che questo fuoco di sant’antonio passi presto…e che torni a stare un po’ bene.

  468. Aleph dice:

    Vaniglia, per favore, non arrabbiarti così, non ti fa bene…yris non si riferiva in particolare solo al tuo problema attuale di questi giorni che ti sta facendo star male…il suo credo fosse un suggerimento più generale, di un posto dove secondo lei potresti trovare un aiuto concreto per te stessa…sai bene anche tu che, lasciando perdere i dolori di questi giorni, il tuo corpo ha cmq bisogno di riprendere un pò di forze e energie…voleva solo cercare di darti un consiglio, mi spiace tu l’abbia presa come un “attacco” contro di te…
    Non ti devi arrabbiare, e sono più che sicuro che Yris voleva solo esserti vicina e d’aiuto…
    Ti penso tanto…cerca di riprenderti

  469. uhmhm dice:

    Chiara, sono fiera di te.

  470. silvia dice:

    Chiara!!! sn felicissima x te! Coraggio!!! ce la si può fare davvero…ecco cosa serve provare, tentare, cadere ma saper rialzarsi…questo è parlare! anzi, mi correggo: questo è “fare”…6 stata bravissima! ora siamo tutti cn te a tenere duro!
    Alpeh nn devi cercar di “metter pezze” e cn grande rammarico ke ora ribadisco ke nn commento + Vaniglia il xkè credo sia sotto gli okki di tutti.
    Yris nn merita nessuna di quelle parole, in primo luogo ci dev’esser il rispetto e mi pare ke se ne sia fatto a meno. Punto, nn aggiungo altro.

    Uhmhm tu cm stai?

  471. Azimut dice:

    vaniglia ora stai davvero esagerando ma chi ti permette di offendere in questo modo le persone che si preoccupano per te? hai veramente un bel coraggio e sai una cosa? non è la disperazione della malattia no, perché qua sopra stiamo male tutte, non hai nemmeno l’idea della giornata che ho trascorso oggi… No tu sei così e basta, un gran maleducata. Mi ero ripromessa di non considerare più i tuoi interventi ma oggi mi hai veramente fatta uscire dai gangheri. E ora il Dr. Piccini mi cacci pure ma queste te le volevo dire

  472. Maria Letizia dice:

    Buoniorno e buona settimana!
    Mi sono sveglata all’alba…quanti sogni strani, anche voi siete spesso disturbate da sogni strani?Così oggi si ricomincia, sono così stanca…il we è volato e questa settimana, anche se giovedì sono a casa…si prospetta eterna e impegnativa. Conto alla rovescia per le vacanze di Pasqua…
    Hai ragione silvia, la mia barca non l’ho mai messa in mare, ma un capitano la conosce e la mia è ancora così fragile, il mare aperto mi attrae, ma poi penso ai suoi pericoli, oltre alle sue bellezze, e il mio coraggio svanisce
    Chiara…che bello leggere della tua vittoria, GRANDE!
    Vaniglia…la tua rabbia, perchè?
    Tra mezz’oretta mi riparo ben bene (quest’anno la primavera a Torino non è prevista)e incomincio la giornata…VI ABBRACCIO DI CUORE…a ‘sta sera!

  473. miele dice:

    ciao a tutte, ciao aleph

    Maria Letizia è bella la metafora della barca…io mi sento una barca che da sempre è senza ormeggi, che ama viaggiare in mare aperto e raccogliere il sole ma che sente la mancanza di un porto da chiamare “casa” e acui fare ritorno ogni tanto…

    silvia, sei fantastica ad aver condiviso con noi la tua lotta. scusami se arrivo in ritardo…se fossi stata qui ieri sera, ti avrei scritto quello che ormai immagini, e cioè: prima di andare a letto beviti qualcosa di caldo e mangiati una cosa semplice, ma che riesci mentalmente a tenere, fossero anche gallette di riso. L’importante è che a fine giornata il conteggio chiuda “in positivo”; cioè tenendo e non eliminando.

    Chiara*…evvai! Anch’io ieri sera ho mangiato la pizza, poi due palline di gelato molto gustoso.

    Ilaria, buona giornata

    Vaniglia, spero mi leggerai almeno stavolta: mi spieghi che cosa cerchi, quando scrivi qui? Se cerchi un confronto intelligente, allora sii disposta ad “ascoltare” nel vero senso della parola. Poi puoi mettere in pratica, o meno, ma chi ti parla lo fa sempre per buona intenzione.
    Qui, purtroppo, chi si è fatta una figura di m… (come hai scritto sopra), sei tu, non certo yris.

  474. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Oggi non sto troppo bene.
    L’ angoscia per aver mangiato la pizza ieri sera mi ha lasciato addosso tutti i suoi segni.
    Quando sono molto tesa, angosciata, emotivamente stremata, mi succede spesso di svegliarmi la mattina con dei forti dolori in ogni parte del corpo.
    Come se fossi stata presa a pugni durante la notte.
    Basta che mi sfiori in qualunque tratto di pelle che sento un male allucinante.
    E ovviamente la testa oggi è piena di pensieri negativi. Voglia di restringere, di digiunare, di punirmi.
    Per il resto… vi ringrazio per le parole che avete avuto per me.
    Purtroppo la situazione è delicata.
    Ma ieri mi sono resa conto per la prima volta, di quanto davvero io sia innamorata di Lui e proprio per questo ho deciso di dargli un ultimatum.
    Non se l’ aspettava. Ma ha accettato le mie condizioni.
    Ora vedremo come andrà.

    Scusatemi se non mi sono dedicata a voi ma egoisticamente mi sono concentrata solamente su di me.
    Oggi sono davvero a terra. Fatico a pensare di dover affrontare questa giornata. Vorrei fosse già sera per poter tornare a letto e dormire, dormire, dormire.
    Ma non posso.

    Vi abbraccio forte

  475. claudina dice:

    Buongiorno a tutte e buongiorno Aleph,alle 10 ho appuntamento con la nutrizionista del cntro dove vado anche a fare le sedute con lo psicologo,quindi tra poco parto…sono in piena crisi cavolo,ma non perche’ non ci voglia andare o perche’ mi senta agitata,prche’ tra sabato e domenica ho mangiato molto,oggettivamente molto…ieri a pranzo perfino un paittone di fettuccine,la nutella,ieri sera pizza..un casino di dolci…e stamattina mi ritrovo bella paciocca…avro’ preso un paio di kg sicuri sicuri…il mio dilemma e’: come faccio a presentarmi cosi’? mi pesera’ senz’altro…in settimana mi ero pesata infarmacia ed ero 47 kg vestita e con le scarpe..cavolo stamattina saro’ 50 kg sicuri ed ho paura che mi dica che ho del tempo da perdere,che non ho bisogno di nessuna dieta ingrassante…mi sembra di portar via il posto a chi e’ davvero fortemente sotto peso…sono nervosa da maorire,mi sono attaccata ad ogni scusa per non andare,ma poi tanto so gia’ quanto restringero’ tutta la settimana per compensare…e allora forse e’ meglio che ci vada…
    Ho visto che avete scritto tanto el fine settimana,ho una gran voglia di leggervi ma adesso mi tocca scappare,lo faro’ nel pomeriggio…vi abbraccio tutte.

  476. miele dice:

    Chiara*…era solo una pizza: davvero, solo una pizza.
    Ti abbraccio.

    Claudina…credi davvero che un nutrizionista specializzato in dca faccia la sua valutazione di cura solo in base al peso corporeo?
    In bocca al lupo, comunque. Un piccolo consiglio: se vai lì, e lui/lei ti da delle indicazioni, prova davvero a seguirle. Ioper tanto tempo pagavo i medici e dentro di me avevo già deciso se e quanto avrei mangiato…andavo in cura, dicev o “sì-sì” come una bambina ubbidiente, e poi mille scuse per fare cmq quello che volevo io. Ora capisco che non ha senso…davvero non ha senso. Poi facci sapere.

    Stamattina sarà una mattinata tutta al computer…i miei occhi già gridano pietà…yris, dopo riprovo ocn il caffè :) )

  477. Chiara* dice:

    Miele so che era SOLO una pizza. Ma dentro di me mi sento come se avessi commesso il più terribile dei peccati.
    Ora mi sento pesante, gonfia, ingombrante.
    E soprattutto debole. Perché non ho saputo dire no.
    Anche se da una parte sono comunque contenta di esser riuscita a non vomitare.
    Ero partita con l’ idea di mangiare quella pizza senza doverla poi rimettere ed è una grande conquista per me.
    Il problema è… quando riaccadrà ancora? Non lo so.

    Claudia cerca di stare tranquilla, ti prego.
    Come ha detto Miele un medico specializzato in queste problematiche non si sofferma certo sul tuo bmi e sul tuo peso.
    C’è bisogno di guarire la mente e non contano numeri e misure.
    Non stai portando via il posto a nessuno. Tu hai bisogno di questo sostegno tanto quanto chiunque altra si trovi in mezzo a questa miseria. E non importa il come o il perchè.
    Posso chiederti una cosa? Quando durante il week end rallenti la presa e ti lasci andare al piacere del cibo, dentro di te cosa provi?

  478. miele dice:

    Chiara*…è proprio questo eccesso di pensieri e di attenzioni

    (” dentro di me mi sento come se avessi commesso il più terribile dei peccati.
    Ora mi sento pesante, gonfia, ingombrante. E soprattutto debole. Perché non ho saputo dire no. Anche se da una parte sono comunque contenta di esser riuscita a non vomitare. Ero partita con l’ idea di mangiare quella pizza senza doverla poi rimettere ed è una grande conquista per me. Il problema è… quando riaccadrà ancora? Non lo so”)

    che rendono quella pizza una cose più grande e più problematica di una semplice pizza.
    Rileggiti e guarda quanto “pensiero” c’è verso un momento come quello di ieri sera. E’ troppo, troppo pesante per te.
    Tu adesso devi azzerare completamente.
    Chissenefrega di quando accadrà ancora.
    Io ti giuro che è possibile non pensarci così tanto…te lo giuro perchè ci sono passata, e mi ricordo di quando il lunedì mattina saltavo la colazione, e poi alleggerivo pranzo e cena per compensare la pizza. Ora non lo faccio più…troppa fatica, tutto questo rimuginare e ri-sistemare mi costa troppa fatica in rapporto ai benefici…e poi non mi portava a nulla…solo alla tristezza. Ieri sera mi son mangiata un gelato al cioccolato extra-fondente che era fantastico…e dopo la pizza e il gelato mi sentivo gonfia, certo, ma poi di notte si digerisce, pian piano, e stamattina già me ne ero scordata.
    Sfrutta questo momento per provare a non restringere dopo aver cenato normalmente. Prova a farlo una volta e capirai che è semplicemente possibile.

  479. laura dice:

    non volevo commentare il commento di vaniglia ad yris per non alimentare la cosa, però no bisogna prendere posizione quando si vedono delle cose che non ci vanno giù, dalla risposta di vaniglia capisco che l’argomento ricovero è un tabù per lei che le suscita delle reazioni forti, però comunque si può e rispondere in un altro modo, l’offesa gratuita non può e non deve essere accettata, non si può mandare a quel paese delle persone così, anche perchè vaniglia forse dovresti guardare in faccia la realtà e cioè che il fuoco di sant’antonio non è il tuo problema che dovresti prendere in mano la situazione, e non vedo perchè ti devi arrabbiare tanto se qualcuno cerca di consigliarti dei posti validi dove poterti curare, basta dire no non me la sento, ma forse non hai ancora preso coscienza di quanto ti stai rovinando la vita.

    claudina vai e vedrai che tutte ste paranoie che ti stai facendo non servono a niente, fidati vai e poi raccontaci, non bisogna mica arrivare ad essere degli scheletri perchè qualcuno si possa prender cura di noi.

    luna dove sei?…..

    chiara forza anche io ho mangiato molto week ed ora sono piena di paranoie però se vogliamo guarire dobbiamo lasciare andare via tutte queste fisse, io sono contenta ieri nonostante un pranzo molto abbondante ho cenato, e non mi sono abbuffata, certo la mia testa era piena di pensieri, però se non comincio a dare una svolta pratica col cibo mi sà che rimarro invischiata quì a lungo, e sinceramente mi sono rotta di pensare al cibo tutto il giorno.

  480. Ilaria dice:

    Buongiorno a tutte.
    Stamattina ho fatto il prelievo di sangue per i valori della tiroide ma prima di lunedì prossimo non avrò i risultati… sicuramente andrò alle terme con un pensiero in più, oltre a quello del costume che non mi starà e che ostinatamente non ho voluto cambiare (meglio nuda e perennemente immersa che cedere alla nuova taglia…).
    Ho visto e gioito per le vostre lotte (Chiara, Silvia), mi sono rattristata per altre cose che ho letto ma pazienza, siamo tante e tutte diverse, fermo restando che per me il rispetto reciproco è essenziale.
    Ora torno alle pulizie di casa, prima che rincasi mia suocera. Oggi ho anche la seduta dalla psicologa. Non so dirvi come mi sento, ho un po’ fame per via del digiuno di 14 ore che ho dovuto osservare ma ho già fatto colazione… speriamo bene.

  481. Luna Blu dice:

    Buongiorno polpine…vi sono mancata? Ke w.end ragazze…poi vi racconto…
    Ero rimasta a Laura….
    un po’ di tempo fa mi stupii non poco della tua capacità molto spiccata di leggere fra le righe…nelle parole di altri e sopratutto nelle mie le implicazioni psicologiche di quanto si afferma e si smentisce qui…insomma quello che penso di te è che hai capito molti meccanismi che ti fanno reagire e comportare così…credo anche che tu debba allontanarti da quello che ti fa star male…credo sia tua mamma…il rapporto che hai con lei…da lontano forse capirai…come ho capito io che i genitori non cambiano a meno che siano molto giovani e propensi al cambiamento…eppure noi li amiamo e ci fa star male il loro modo di amare che non è come vorremmo…io ho imparato ad amarli così come sono..imparando ad accettare alcune cose di loro…a capirli…a pensare che anche loro a volte son fragili come noi…ma hanno imparato come si fa a nasconderlo…
    Penso che il fatto che presto te ne andrai a vivere da un’altra parte ti aiuterà molto…a capire che certe dipendenze ormai si possono lasciare…forse non sei ancora pronta a reagire…probabilmente hai bisogno di staccarti dalle tue sofferenze…una ferita si rimargina e gaurisce…ma al ciccatrice resta sempre…e a volte torna a far male…
    Questo è sempre il mio parere ovviamente…io ti conosco epr quel che scrivi qui…e null’altro… ;-)

  482. Chiara* dice:

    Grazie Miele. Davvero.
    Hai ragione, è solo una pizza e concentrare e sprecare energie concentrandomi sulle sensazioni negative che VOGLIO provare non mi porterà da nessuna parte.
    MA ho paura… una paura grandissima di non farcela a tornare alla normalità.
    Ad essere come quando mangiavo non 1 pizza ogni 3 mesi, ma 2 alla settimana. E non mi facevo nessun problema.
    Ho paura Miele. Tanta paura.

    Ilaria vedrai che le analisi saranno positive. Cerca di essere fiduciosa. Fasciarsi la testa prima del tempo non serve che ad alimentare le sensazioni brutte e la tristezza.
    Coraggio. Non sei sola.

    Laura il cibo… sempre e solo cibo.
    Io non penso ad altro. A volte mi addormento la sera con le immagini di mille e mille pietanze proibite e cerco di gustarmele con la mente.
    Non ne posso più…
    Sei stata brava anche tu. Anzi bravissima.
    Così, pian piano. Non dobbiamo pretendere troppo da noi stesse Laura.

    Per quanto riguarda Vaniglia io mi ero ripromessa di non commentare l’ accaduto e sarò coerente con questo mio pensiero.
    Credo che episodi simili non debbano nemmeno essere tenuti in considerazione e non siano degni di attenzione.

    Vi abbraccio

  483. miele dice:

    Chiara*, lo so che hai paura tesoro…ma non temere, che alla normalità tu ritornerai pian piano, anche se quella che ci sarà a quel punto sarà una Chiara diversa dalla Chiara che c’era una volta. Sarà il risultato del percorso che sta facendo ora. La sua normalità sarà qualcosa di diverso dalla normalità della Chiara ragazzina, giovane e più spensierata di un tempo. Sarà una normalità matura, a volte problematica, ma anche arricchita e solida. Una normalità per la quale due pizze alla settimana o all’anno non fanno la differenza, perchè l’attenzione vera è spostata su altre questioni. E Chiara ne sarà forse stupita, spaesata, confusa…ma poi ci si ritroverà.

  484. Chiara* dice:

    Miele mi hai fatto piangere. Di commozione.
    Grazie…

  485. Ilaria dice:

    A proposito Chiara, il tuo test…?

  486. CANNELLA dice:

    buon lunedì a tutte! CHIARA capisco benissimo come ti senti oggi,la paura di non riuscirti afermare ad una pizza,ma di innescare un meccanismo per cui,se cominci a mangiare non ti fermi più!io ho il panico di iniziare a mangiar e nn riuscire a smettere più,di nn riuscire a fermarmi elievitare a dismisura.soprattutto in questo periodo nel quale da una parte devo confrontarmi con il mio nuovo peso,e con la mia volgia di mangiare, e d’altro canto però ci sta sempre in me l’angoscia che nn posso perchè non mi posso permettere di essere così,nn mi piaccio,nn mi sento bene.Tutti i pensieri anche per me sono concentrati sul cibo,a come fare per non mangiare.ma ciò nn porta a nulla di buono perchè tutte le mie energie non possono essere impiegate in ciò.Negli sprazzi di lucidità mi dico che il cibo non è il perno della mia vita,e che nn dovrei pensarci,ma poi la mia mente è sempre lì afar calcoli su calcoli di calorie da mangiar e eda bruciare,in un circuito che si inceppa di continuo.SONO STANCA,prprio stanca di questo,mi piacerebbe svegliarmi una mattina e guardarmi dentro e vedermi per come sono IO,invece la mattina la prima cosa è vedere quanto sono gonfia e piena,e già parte l’angoscia.mi sento proprio ad un punto morto :-(

  487. Luna Blu dice:

    Sdrammatizziamo…vi racconto il mio w.end …
    Ihihhhh…
    Sabato mattina mi contatta il massaggiatore che dice che non si sente molto bene perchè ha questa leggera sensazione di solitudine…bho…si lamenta sempre…ahahhahhh…non ha per niente un bel carattere…gli ho detto che dovevo andare a remare e che da soli si sta benissimo…
    Cmq son andata a remare ma con la pioggia son l’unica che è uscita sul fiume…al rientro c’era il massaggiatore…era venuto a farsi un giro…ci siam salutati ma nn mi son trattenuta molto…avevo da fare…
    Domenica a casa mia a far lavori e a pulire…ci siamo…:-)…Il mio sfidanzato mi aiuta molto…che bravo che è…
    …e pomeriggio a posare dal dentista…avrei voluto rimandare…una cosa…mi sento sempre inadeguata per l’abbigliamento che scelgo…
    E’ stato un bel pomeriggio…no…bello no…emozionante…ho cercato di stare il più distante possibile da lui…anche perchè se no Pina mi spacca la testa! Ahahhahhhh….
    Però lui si avvicinava molto e la cosa mi scombussolata parecchio…mi chiedo se son normali questi atteggiamenti…mi sentivo ed ero nuda in casa sua…ma mi piaccio ora come sono…questa è stata una lunga e dura conquista…voi di certo capite…la cosa che mi disturbava è che lui vedesse…è una cosa intima insomma…la mia nudità è una cosa mia…
    Ero così preoccupata che mi guardasse che quando mi chiedeva di cambiare posizione lo facevo voltare dall’altra parte…indagando che nn ci fossero specchi nei paraggi…ahahhhaahhh…e lui credo lo trovasse pure strano…ma non lo è vero?
    Ad un certo punto lui era seduto di fronte a me e mi guardava negli occhi…penso stesse pensando a delle foto…a pochi centimetri dalla mia faccia e nel discorso mi ha detto “mi piaci” …forse parlava di me come soggetto di foto…però il mio cervello ha isolato quelle parole come se non fossero parte del discorso…
    Poi ero sul suo tappeto improvvisato come sfondo delle foto…ero seduta…quasi nuda e lui si è seduto dietro di me e mi ha abbracciata…il suo abbraccio era avvolgente e appoggiava il suo mento sulla mia testa e parlava di inquadrature…luce…e nn avete idea di quanto mi creasse confusione quell’atteggiamento…interminabili momenti…nella penombra di casa sua…con la musica romantica di sottofondo…ma è normale? Un fotografo fa così con la sua modella…io non ho mai posato… Girasole…tu posavi vero?
    E le sue mani mentre mi sistemava i capelli per le foto…sembrava mi accarezzassero…
    Certo che se ha fatto tutto questo per provarci mi girano nn poco…vuol dire che nn valgo nulla come modella… :-( …voi che ne pensate?
    Cmq io son stata un perfetto cubetto di ghiaccio… :-) … son troppo confusa in questo momento…fisicamente son stata un cubetto di ghiaccio…ma dentro…lottavo per non far emergere quelle sensazioni…

  488. Luna Blu dice:

    Diemnticavo…mi associo a Ilaria…oggi è il 14 … Chaira* il test? Siam tutte qui con le dita incrociate….

  489. Luna Blu dice:

    Ancora una cosa…lui voleva fare delle foto con me che svuotavo la lavastoviglie…e ho pensato che belli i piatti quadrati…saranno dell’IKEA? …li giro…marca francese…di limoges…e io fra un po ne rompevo uno..ahahhhahhh…
    Cmq dice che son scatti di prova prima di protarmi nellos tudio fotografico…magari non sono male come modella…bho…

    Ho letto degli ultimi attriti qui sopra…ho letto gli ultimi interventi…ho letto che Azimut si metterà a scrivere!!! Che bello…scrivi così bene!!! Ho letto di Chiara…Maria Letizia…Miele…Yris…vi voglio bene sapete? A tutte anche quelle che ho dimenticato… :-) … io ci ho messo tanti anni ad uscirne…e quindi se a volte son impaziente di vedervi pensare a guarire e non vorrei leggere che state male …perdonatemi…ognuno ha i suoi tempi…e io stessa ce ne ho messo di tempo!!!!

  490. Girasole dice:

    Buongiorno!!!
    Rieccomi! caspita, ma da quand’è che non scrivo? una settimana???
    però eheheh…vi ho lette un po’!

    ho letto del sabato sera destreggiato tra i buffet di Polla…e…io non credo sia stata un’abbuffata…perchè sei consapevole di ciò che hai mandato giu…e mi sei sembrata serena nel raccontarlo… no, non credo fosse un’abbuffata…credo fosse un lasciarsi morbida nelle proprie scelte.

    Leggo di Chiara e della sua conquista di ieri sera…
    Capisco perfettamente i sensi di colpa, i pensieri, tutte le paranoie del giorno dopo, della sera stessa e di ogni boccone…ma…ho letto la tua conquista, e ho letto una forza che forse non ho mai letto in te…una forza immensa, una chiara dritta sulle sue gambe, che anche se hanno traballato, non l’hanno lasciata cadere! pensa a questo, alla tua immensa forza! pensa!

    Ilaria, dai, che queste analisi saranno perfette…dita incrociate!

    Mi ricollego a quello che scrivono Miele e Cannella, da due diversi punti di vista, ma riguardo alla stessa cosa….
    Sì, è stancante…è davvero stancante tutta questa vita, i calcoli, la compensazione, il pensiero fisso rivolto a quello che abbiamo mandato giu, a quello che manderemo giù, a quello che stiamo mandando giu, e al modo per copensare ogni nostro comportamento alimentare….e non!
    è stancante! e io mi sono stancata da un pezzo ormai…
    ogni tanto i miei calcoli li faccio ancora, anzi, abbastanza spesso in realtà…ma che palle!!!
    è questione di abitudine? forse sì, non lo so…
    ma come dice miele…dopo un po’ inizi a dimenticare quello che hai mangiato il giorno prima…per ora a me capita con le piccole cose…la pizza è ancora grande…ma bisogna pur iniziare no?
    un passo, poi un’altro, uno un po’ più lungo, poi si va un po’ più veloce…e piano piano si inizia a correre…
    Sì, mi sento enorme…non riesco più a smettere…mangio, e ne ho voglia, e non riesco più a rinunciare…e mangio…
    mi vedo tonda…sono andata alla visita nutrizionale martedì…ho preso poco, 2hg secondo loro, vestita…
    mi sono pesata a casa, nuda…almeno 6-8hg secondo me…poco…lo so…ma smbrano di più, me ne sento di più…
    vorrei smettere…ma poi penso al mio ciclo…è il mio obiettivo, il più importante…per avere un bimbo, per smettere di dipendere dalle pastiglie di calcio…per smettere di aver male ogni volta che faccio le scale o alzo un peso…che a 26 anni non si può!
    e allora, chiudo gli occhi e mangio…
    e ogni volta, ogni boccone, vi penso…
    sono alla mia 3 pizza in un mese (sempre metà……), e vi penso, chiedo a mia sorella la torta salata e vi penso…un quadretto di cioccolato, e voi siete lì…
    ci siete sempre, perchè con voi vorrei condividerlo, perchè per voi vorrei lo stesso!

    E vado un po’ giù…perchè ora ho davvero finito il lavoro in hotel, e ho ancora dubbi, ancora remore…io così saggia sempre…io che valuto e valuto…
    e ancora lo faccio…penso e ripenso, e mi convinco di aver fatto la scelta sbagliata…che avrei dovuto stringere i denti…poi qulcuno mi ricorda la solitudine, gli straodinari, tutti i weekend lvorati, l’assenza di pbiettivi e allora per un attimo mi ricordo quanto stavo invecchiando lì dentro…
    e poi di nuovo… mi sento una nullità, che non riesce a trovare stabilità, a tenermi un lavoro…e dire che so di essere brava in quello che faccio…che quando il capo mi ha salutato si vedeva che era sinceramente dispiacuto…
    eppure…ho sempre bisogno del cambiamento…
    e a 26 anni ancora non ho trovato la mia strada, ancora non ho capito cosa voglo fare nella mia vita e a 26 anni vado a fare il servizio civile…voglio diventare una donna e invece torno indietro???….
    e dall’altra, non vedo l’ora diiniziare la cooperazione con il centro giovanile che collabora con l’informagiovani…fare cose, vedere,unirmi a un gruppo, parlare parlare parlare…
    mmmm…….. che casino nella mia testa….che casino!!!
    la paura di non realizzarmi…tanta…. e allora, su le maniche ancora una volta e forza, a correre verso la mia realizzazione, giusto?

    Scusate…sono un po’ così…ma mi riprendo…promesso!!!

    vi abbraccio!

    ah luna blu, no, io non ho mai posato e …. non credo capiterà….eheheheh:-)
    ti ho letta e… mmmm avrei un sacco di domande…ma capisco la tua confusione e attendo :-P

  491. Luna Blu dice:

    Girasole…fai pure le tue domande…bello quando scrivi che mangi una cosa e ci pensi… :-) …ti fa ancora soffrire molto mangiare…si capisce dalle tue parole…ma vedrai che presto sarà diverso ;-)

  492. Ilaria dice:

    Luna, quando leggo delle tue vicissitudini da modella rimango sempre un po’ perplessa. Non perché tu non sia degna di fare da modella, anzi, l’ho detto subito che sei una stragnocca :-D , ma, per come descrivi i fatti, gli atteggiamenti di questo dentista mi sembrano un po’ ambigui… non so, se ne sentono talmente tante in giro, e tanto brutte… magari mi sbaglierò, magari è la persona più onesta e disinteressata al mondo, però tieni gli occhi aperti lo stesso, ok?

    Monica… perché pensi di essere tornata indietro? Pensa piuttosto di aver imboccato una strada laterale, che non sai dove ti porterà, ma almeno non è il solito vialone dritto, alberato, lungo, e alla fine anche un po’ noioso ;-)

    Cannella, ti capisco perfettamente, anch’io faccio calcoli su calcoli, manco fossi un elaboratore elettronico… però forse ho l’attenuante che se non mi contengo inevitabilmente ingrasso, e credimi, non ne ho proprio bisogno :-( , il mio metabolismo fa schifo… in teoria quello basale sarebbe di 1300 kcal circa, ma io non ne consumo nemmeno 1000… sono praticamente ferma, e anche facendo due sedute da un’ora di tapis roulant (camminata veloce, non corsa, per via della tachicardia che mi fa venire subito il fiatone) non aumento il dispendio energetico. Chiedo che a questo proposito mi venga in soccorso Luna, lei ne sa a pacchi in materia :-D

  493. Luna Blu dice:

    Cara Ilaria…le mie vicende da modella…far sorridere anche a me…ahahhhahhh…però mi diverto..questo è l’importante ;-) …e non son una stragnocca…mi piaccio punto…quando una si piace…cambia il suo atteggiamento e si fa piacere anche dagli altri…tutte voi ce la farete a piacervi… ;-) … e a superare tutto questo …io credo in voi…ora dovete crederci voi…
    Ilaria..quanto sei alta…te lo calcolo io il metabolismo basale… :-)
    Pensa che quando ero nella malattia ogni mattina prendevo un post script e scrivevo..coalzione…latte 200ml….calorie…ecc…ecc…lo facevo con tutto…passavo più tempo a far calcoli con la calcolatrice sulle calorie che a lavorare… :-) …ora nn ci penso più …
    Cmq con problemi di dca è normale che il emtabolismo si sia un po’ bloccato…ma ci son modi per sbloccarlo…delle piccole strategie…

  494. Chiara* dice:

    Che carine che siete… vi siete ricordate che avrei dovuto fare il test…
    beh, uno l’ ho fatto giovedì e l’ altro questa mattina. Non ho voluto dire niente un po’ per scaramanzia e un po’ perché non mi sembra corretto portare qui problemi personali così lontani da quello che è il resto.
    Entrambi negativi. :-)
    Ma non sono comunque ancora tranquilla al 100%.
    Credo che in settimana ne farò un altro e per sicurezza vorrei anche fare le analisi beta hcg del sangue, così da avere la certezza assoluta di non essere incinta.
    Purtroppo nella mia testa l’ episodio della precedente gravidanza e del conseguente aborto hanno lasciato un segno molto profondo.

    Cannella mi rispecchio esattamente in tutto quello che descrivi.
    Anch’ io sono stanca, tanto tanto stanca. Di fingere, di dover indossare una maschera per apparire quella che non sono.
    Il pensiero fisso è sempre lì. Il cibo, i calcoli, gli schemi, l’ organizzare le giornate in funzione di quello che mangerò, il programmare digiuni.
    Il mio lavoro poi non mi aiuta a stare meglio perché io, proprio io, che dovrei aiutare le persone ad amarsi e a migliorarsi fisicamente nel modo più sano possibile, non riesco ad amare me stessa. E questo mi uccide dentro.

    LunaBlu anch’ io ti voglio bene!
    Che dire di questo ometto? Mah. Per me che ci voglia provare è palese… non so perché, ma ho sempre avuto questa sensazione.
    E direi che gli atteggiamenti che ha avuto… beh, sarebbero inequivocabili anche per un cieco!
    E tu cosa ne pensi a riguardo? Perché ti darebbe fastidio?

    Monica le scelte si fanno in pochi attimi e ci condizionano per il tempo restante.
    Ma quegli attimi in cui prendiamo delle decisioni sono proprio quelli durante i quali ascoltiamo davvero ciò che vogliamo.
    Non hai sbagliato. Hai seguito il tuo cuore, il tuo istinto e non c’è niente di più giusto.
    Cos’ hai da perdere? Chieditelo.
    Hai 26 anni, appunto! Sei praticamente una bambina ancora. Hai mille possibilità e mille strade aperte davanti a te.
    Hai preso questa strada oggi. Come andrà? Dove ti porterà? Non abbiamo la sfera di cristallo. Possiamo solo lasciare che il tempo faccia il suo corso. STOP.
    Se andrà male pazienza. Ti porterai dentro di te un’ esperienza, un percorso di vita. E non rimpiangerai di non averci provato.
    Sarò una sognatrice, sarò infantile a pensarla così… ma io credo che si debba sempre e comunque rischiare. Andare dove desideriamo.

  495. Ilaria dice:

    Luna, sono 1,67… quando ho fatto il calcolo io però non mi è stata chiesta l’altezza… magari risulta che ho bisogno di meno calorie ancora hihihi!

  496. Luna Blu dice:

    Mi dispiace ma è molto di più…ed è calcolato anche in funzione di dimagrire un po’ figurati…1675 kcal al giorno…ma quanto pesi?

    Figurati che è il mio di 1300 Kcal…che poi nn aggiungo tutto lo sport che faccio…ma se considero il metabolismo totale arrivo a circa 2000 kcal al giorno…e vi garantisco che nn ingrasso di un etto ;-)

    Chiara* noi siamo qui apposta per ascoltare e condividere con te quello che ti fa star male e quello che ti fa star bene…quindi continua a farlo…noi siamo qui ;-)

  497. Luna Blu dice:

    Chiara* che dire di questo ometto..ahahhhahhh…per me non è così palese…
    non mi da fastidio…è molto educato con me…non farebbe mai qualcosa che per ferirmi..o mettermi a disagio…è questo quello che percepisco di lui …ma il problema non è lui…sono io che son confusa e ho bisogno di pensare solo a me … :-)
    Tieni conto che io son lì quasi nuda e non mi sento cmq a disagio…insomam mi fa sentire bene con me stessa…solo che a volte lotto con la mia testa e mi sento in imbarazzo…in imbarazzo per come è tutto naturale…
    Son confusa…nn so neppure se son riuscita a spiegarmi bene…

  498. Ilaria dice:

    Quanto peso? Ahiahiahi… ieri pesavo 57,6… troppi per i miei gusti, anche perché fino alla vita mi si vedono le costole quasi quasi, dalla vita in giù ho rotoli di ciccia, soprattutto la panciona e le “dune” sui fianchi, bleah :-(

  499. Ilaria dice:

    Luna, sei come una canzone di Carmen Consoli… confusa e felice! Be’, beata te, davvero!
    Ma dimmi dimmi come si fa a sbloccare il metabolismo, sono curiosissima!

  500. Luna Blu dice:

    Ilaria…innanzi tutto nn esistono scorciatoie…il emtabolismo si sbocca…ma non fa miracoli…non sei così sovrappeso…rapporto peso altezza nn sei epr niente sovrappeso…però dipende molto dalla costituzione…nel senso che se sei motlo muscolosa pesi ovviamente di più…io son circa 1.53 cm di altezza e peso 43-44 kili…ma nessuno direbeb mai che son ciccia… :-) …e ora nn lo dico neppure più io…

    a) praticare sport a livello intenso.
    b) Utilizzare gli spuntini (ovviamente mantenendo intatto il contributo calorico giornaliero).
    c) Utilizzare sostanze come caffè o tè verde.
    d) Evitare di dormire più del dovuto (ma il giusto sì: 8-9 ore), soprattutto in vacanza e nei week-end. Nessun pisolino pomeridiano.

    e poi altri consigli sulla scelta dei cibi…prossimo post

  501. Chiara* dice:

    LunaBlu credo che tu sia in un periodo molto particolare della tua vita.
    E’ per questo che dentro di te si scatena questo uragano di sensazioni contrastanti.
    Sei un momento di profondo cambiamento e questo deve renderti consapevole che il tuo “io” è molto più suscettibile e ricettivo nei confronti di quello che accade.
    L’ imbarazzo che provi può essere del tutto naturale. Ti stai mettendo a nudo in ogni senso di fronte ad una persona che non conosci bene e il farlo senza provare disagio ti crea automaticamente disagio.
    Non so se mi sono spiegata.
    Io credo che tu debba semplicemente viverti queste esperienze per quello che sono e lasciare che le cose facciano il loro corso.
    Abbandonati alle tue emozioni, di qualunque natura esse siano e non pensare al perché, al come, al se e al ma.
    Questo è ciò che penso.

    Dolci angeli, vi saluto.
    Devo tornare al lavoro in ambulatorio e stasera sono di turno in palestra fino alle 22 quindi temo che non riuscirò a tornare prima di domani.

    Vi abbraccio forte e vi voglio dire GRAZIE. Di cuore.
    Siete una grande famiglia per me. Siete parte della mia vita. E vi voglio bene.

    Rivolgo un pensiero speciale ad Azimut, a Silvia, a Uhmhm, a Maria Letizia, a Laura, a Marianna, a Yris, ad Aleph, a Vaniglia, a Polla e a tutti i miei angeli.

  502. Luna Blu dice:

    Ilaria…ma sei sicura di essere sovrappeso..o sei tu che ti vedi così? Le foto su facebook sono aggiornate? A me sembri magra anzi …

  503. Chiara* dice:

    E vi lascio questo pensiero, che per me è molto significativo. Soprattutto oggi.

    “Non si piange sulla propria storia. Si cambia rotta”.
    (B. Spinosa)

  504. Luna Blu dice:

    Chiara* credo che seguirò il consiglio di Pina a questo giro…se no poi mi spacca la testa..ahahhhahhh

  505. Chiara* dice:

    ???

  506. Ilaria dice:

    Eheheh… Luna, fa’ la brava sennò qui ti menano!!
    Comunque non sono magra, mai stata, a parte i famigerati 48 kg dell’estate scorsa… le foto non sono veritiere :-P . Non ho muscoli, non ho mai fatto sport, non solo per colpa del cuore ma anche di una fastidiosissima orticaria che mi affligge quando faccio sforzi che mi fanno sudare… bevo caffè dalla mattina alla sera, rispetto pasti e spuntini e dormo 8 ore, ma il mio metabolismo è una cacca lo stesso :-D

  507. Chiara* dice:

    Il segreto per far funzionare qualcosa nella vostra vita è, prima di tutto, il profondo desiderio di farlo funzionare, poi la fede e la certezza che possa funzionare, poi mantenere questa chiara e precisa visione nella vostra coscienza e vederla che si realizza.
    (Eileen Caddy)

  508. Ilaria dice:

    Bella questa massima, Chiara… probabilmente il mio problema, anzi, il nostro problema, è a monte: più che la fiducia, manca il profondo desiderio ancora…

  509. Girasole dice:

    Graziw Ilaria….grazie dell’immagine del viale alberato un po’ noioso…. e grzie Chiara..lo so ho tutta la vita davanti per chiudermi in un hotel….
    ma……..boh? nn so…sarà che mi sono fatta 4 gg a casa, nel weekend e non ero più abituata ;)
    avete ragione…lo so che ce l’avete, che se penso di tornare lì, mi viene male all’idea di passare 8 ore da sola…mi viene male a prendere in mano la busta paga…214 ore in un mese…per…AAAAAAAAAAAHHHHHHHHHH ok…va bene, nn ci pensiamo! ma è inevitabile dall’altra il pensiero di nn sapermi sacrificare, di nn saper rinunciare (sarà forse che l’ho fato per tutta la vita… e a sto giro mi sono stufata…ma è come se mi sentissi in colpa verso il mondo…tonta tonta tonta, lo so!)
    ok, dai, basta, la pianto….STOP!

    Ilaria…certo dipende dalla corporatura, da massa grassa e muscoli…ma…certo nn credo il tuo sia un grande peso! io sono 1.60, quando stavo bene oscillavo intorno ai 52 kg… ero morbida, non certo grassa….
    Per il metabolismo…pendo anvche io dalle parole di luna blu…in questo propeio nn ci capisco nulla…
    e ormai…nn so più quante calorie ingerisco e nn so più quale sia il mio fabbisogno, ne quanto davvero brucio… mentre prima anche solo una caloria in più o un minuto in meno a camminare sembrava mi potessero cambiare la vita…
    e sapete? forse è meglio che non lo sappia :P

    Luna blu, concordo anche io…ovvio che ci provava…ma tu scrivi…lottavo per non far emergere quelle sensazioni…
    e oltre a essere un cubetto di ghiaccio, cosa provavi davvero?
    cmq, un po’ ti invidio… il tuo metterti così a nudo, il tuo piacerti…
    a parte che io ora mi vedo enorme con la pancia perennemente gonfia…
    ma ricordo che l’ultima volta che mi sono spogliata davanti a qualcuno…i miei occhi erano chiusi, perchè mi facevo senso da sola con tutte le ossa che spuntavano, ma dall’altra parte “assaporavo” con piacere le sue mani proprio sulle ossa…e me ne compiacevo!
    E’ passato molto tempo dall’ultima volta…ora sono più sicura di me, di certo, ma non mi vedo bella…ma credo sia il periodo, con i cambiamenti che sto attraversando nn solo fisicamente!

    Chiara! bene, per il test…! e se ti rende più tranquilla fai bene a fare anche il test in ospedale…mann è sufficente quello delle urine, se fai questo si rende inutile anche quello che vorresti fare giovedì, e credo sia sicuro quanto gli esami del sangue. mi pare tu nn abbia neanche bisogno dell’impegnativa, se ricordo bene.

    ah, volevo raccontarvi una cosa bellissima che mi è successa…
    giovedi sera ho assistito a uno spettacolo di giocoleria, di un tipo simpaticissimo, mezzo irlandese, svizzero, americano, italiano, un casino insomma…
    eravamo in pochissimi e a un certo punto tra tutti ha chiamato me sul palco a fare una scenetta idiota! ringrazio i riflettori puntati in faccia che nn mi facevano vedere gli spettatori…perhcè è stata un’esperienza bellissima, mi sono sentita a mio agio, e nn mi importava nulla di come fossi, neanche di chi fossi…ero lì, al centro della scena, ma è stato come se fossi io e soltanto io e intorno il nulla…
    è stato bello, come prendere coscienza di me stessa:-)

    ieri sera ho visto Il Cigno Nero… guardate il trailer….è molto forte è pesante, ma io mi ci sono ritrovata in pieno… è bello, ma dvvero credo che per tutti, ma sopattutto per noi sia un pugno nello stomaco!

    vi abbraccio!

  510. Girasole dice:

    grazie chira per le tue massime…hai colpito nel segno!:-)

  511. yris dice:

    tranquille ragazze, non me la sono presa, non mi sento neanche offesa, anzi mi spiace della rabbia e della sofferenza di vaniglia.
    ciò che volevo dire e ho detto (e vale per tutte) è che quando il corpo è debilitato è particolarmente vulnerabile, ha le difese immunitarie basse e ogni cosa può divenire un problema.
    da ciò il mio invito ad una cura “globale”, che non tratti solo il sintomo ma anche le cause.
    in ogni modo non commento più sull’argomento e vi abbraccio, come sempre.

    miele, voglio un resoconto di quel caffè!
    lunablu… ma non ti ha detto niente la mamma?? :-P
    :-)

  512. uhmhm dice:

    Girasole, l’ho visto anch’io il film sabato. E’ davvero forte, ma a me è piaciuto. Però mi è venuta addosso una specie di ansia che ho fatto davvero fatica ad abbandonare.

    Ma cos’hai fatto sul palc giovedì?

  513. claudina dice:

    ciao a tutte,sono stata dalla nutrizionista…ho pianto fino a casa..e’ una persona splendida,di una dolcezza unica..giuro che nn mi sono mai sentita cosi’ capita dall’inizio della malattia…aveva gia’ la mia schedaa che le ha passato lo psicologo,insieme abbiamo guardato una lista di cibi con relative calorie e percentuale di grassi,mi ha chiesto si evidenziare i cibi che io ritengo “sicuri” che non mi mettono l’ansia di ingrassare…poi in base a quello che io ho scelto mi hamesso giu’ una dieta iniziale,iperproteica per cercare di ripristinare un po’ la massa muscolare che ha detto e’ ipotrofica…mi ha pesata e misurata l’altezza…mi ha detto che lei non vuole farmi ingrassare,ne’ farmi ridiventare obesa vuole solo che io mi nutra in maniera adeguata alle necessita’ che il mio corpo ha…ha detto che probabilmente in seguito mi dara’ anche delle vitamine percche’ vede i miei capelli molto indeboliti…io cercavo continuamente di giustificare la mia continua conta calorica delgi alimenti,e lei mi ha detto: “tesoro lo so che conti le calorie ogni minuto,come so che restingerai col cibo per compensare quel po’ di alimenti in piu’ che hai mangiato nel fine settimana,ma credimi,se tu inizi a mangiare in modo sano,non arriverai piu’ affamata nel week end…devi avere fiducia e lasciarti un po’ andare,ti assicuro che ne puoi solo trarre giovamento” quando mi ha detto cosi’,mi e’ salito il magone alla gola…mi ha dato dei test da fare e mi ha chiesto di tenere un diario alimentare dove scrivere ogni cosa chemangio e bevo…le ho detto delle forti sudorazioni notturne che ho..mi ha detto che loro le chiamano “sindromi da digiuno” il corpo espelle i liquidi…mi ha dato pochissima frutta perche’ mi ha detto che in questo momento mi fa piu’ male che bene,perche’ l’intestino nn sta molto bene..le ho detto che quando mangio qualcosa in piu’ ho problemi di dissnteria e che mi tocca fare avanti e indietro dal bagno tutto il giorno e lei mi ha detto che quando si fa troppo digiuno o si restringe come faccio io,l’intestino non riconosce piu’ il cibo,lo vede piu’ che altro come un nemico da espellere…parlare con lei mi ha fatto molto bene e ho intenzione di seguire la dieta che mi ha dato.
    CHIARA: quando mangio ,provo esattamente quello che provi tu,un incredibile senso di colpa,come avessi commesso qualkosa di atroce,con l’unica differenza che non mi induco il vomito…

  514. Luna Blu dice:

    Ok Ilaria..se pensi veramente di aver bisogno di dimagrire…ti chiedo se hai un’analisi del sangue aggiornata…il livello di trigliceridi non mente sulla magrezza effettiva o viceversa…
    Cmq credo di aver capito il tuo problema…almeno guardando elt ue foto puo’ essere solo quello…e credo che l’unica soluzione sia fare sport per tonificare e far andar via i rotolini di ciccia…dimagrire ulteriormente con al dieta nn fa altro che peggiorare la tonicità…insomma aumentare la massa magra a favore di quella grassa…tieni conto che cominciando a fare questo potresti avere una uemnto di peso…è assolutamente normale…i muscoli epsano di più del grasso…ok?
    Girasole…che bella la tua esperienza…

    Per quanto riguarda il fotografo…che ci provasse non è così ovvio…devo dire che nessuno si è mai comportato così con me senza veli davanti…insomma…è stato perfetto…però i suoi gesti mi han fatta sentire cmq desiderata…nons o come spiegarlo…
    Ho lottato per non far emergere le mie sensazioni…pulsioni…chiamatele come volete…perchè io non sarei stata brava come lui…insomma…è carino…è uno che piace…e io nn sono di ferro…ma in questo stato di confusione so già che è meglio se non faccio nulla…nulla di cui poi potrei pentirmi…
    Insomma uno sbaglio l’ho appena fatto…mi son buttata fra le braccia del primo che è venuto…mi riferisco alla storia con il massaggiatore…e mi son fatta solo male…è stato bello epr carità…non rimpiango nulla…ma io nn riesco a non legarmi…a dire è solo sesso…quindi emglio se evito…no?

  515. Luna Blu dice:

    Claudina…vedrai che ora andrà meglio ;-) …son contenta di quello che scrivi della tua nutrizionista ;-)
    Yris per quanto riguarda il fuoco di sant’antonio…anche io l’ho fatto…è dolorosissimo…ma ti ho scritto in un post precedente…che il mio dottore mi ha proprio detto che mi è venuto perchè ero in un momento di particolare stress per il mio organismo…

  516. claudina dice:

    …dimenticavo,ovviamente ho gia’ pensato di mangiare meno rispetto a quello che mi ha dato,ma non lo faro’…so che non sara’ facile,anzi tutt’altro,ma voglio farlo.

  517. silvia dice:

    LunaBlu qnt 6 mancata!!!!!!!!!!!!!!!! e sopratutto…qnt da raccontare!!!! Nn so sinceramente a “pelle” nn mi sta molto simpatico questo dentista…sarei + propensa x il massaggiatore depresso…ahah…in ogni caso credo anke io ke x il momento tu vivi una situazione così complessa ke nn puoi buttarti in una nuova storia, avventura…o cm la vuoi kiamre…datti una pausa…ma sn davvero felice ke parli del tu star bene cn te stessa, sai è una cosa a cui vorrei giungere anke io.

    Girasole…o meglio Monica…nn devi rifletterci + di tanto, hai 26 anni e puoi iniziare sempre da capo, cambiare rotta, tornare indietro…io penso ke nella vita si deve aver il coraggio di cambiare qnd le cose nn vanno, ma anke x provare…x fare esperienza…

    Chiara belle le tue massime, ma sopratutto sn felice x te, devi tener duro e guardare a ieri cm ad una conquista…io so ke è così, ke ce la puoi fare e cm hai scritto a qlc qui ke nn ricordo, bisogna riskiare!

    Miele grazie del tuo consiglio…sai ke l’ho fatto…cm l’altra volta, cm m’hai consigliato tu, camomilla calda e a nanna…

    Azimu dove 6? cm stai?

    Laura cm va? questa era la settimana intensa?

    Ragazze siete speciali!!! tengo tantissimo a voi!

  518. claudina dice:

    si luna blu,anche io penso che ora andra’ meglio, lei mi paice molto…e poi ho visto che eravamo in 3 persone stamattina,ma ognuna aveva una sua nutrizionista,probabilmente dipendera’ dai problemi che ognuna ha, e questo,anche se io nn me ne intendo molto,mi sembra una cosa nuova..poi puo’ essere che mi sbagli eh,ma oggi sono ottimista,speriamo bene:)

  519. yris dice:

    bravisima claudina, sono felice per te. la “sintonia” che si crea con il proprio medico ha una grandissima parte nel processo di guarigione.
    affidati, e fidati!

  520. Luna Blu dice:

    Si Claudina ascolta la tua nutrizionista…e nn te stessa…non ridurre…io tengo le dita incrociate per te …
    E Silvia all’inizio mi dicevi che dovevo lasciar stare con il massaggiatore..ora che ti sta antipatico il dentista…ma io non ho intenzione di aprire nessuna storia ora…infatti son stata brava!!! anzi ho anche chiuso quella con il massaggiatore… :-)
    son bravissima e nn è facile visto quanto son monella ultimamente…

  521. claudina dice:

    Grazie Yris…condivido quello che dici,e seguiro’ il tuo consiglio, credo sia davvero giunto il momento di affidarmi a qualkuno di esperto che mi possa aiutare…

  522. claudina dice:

    Grazie luna blu,grazie davvero!

  523. Ilaria dice:

    Luna, le ultime analisi le ho fatte a settembre e non ero grave come adesso, pesavo anche molto meno, sui 50… i trigliceridi erano a 64. Ma questo discorso è perfettamente inutile ora che ho appena finito di abbuffarmi… aaaaaah, non ne posso più :-(

    P.S. Claudia, sono felice per te, trovarsi bene con il proprio medico è già un ottimo punto di partenza! E mi raccomando, non barare ;-)

  524. silvia dice:

    LunaBlu sarà ke io parteggio sempre cn i perdenti…ahaha….In realtà penso ke tu 6 su una dimensione troppo particolare in questo momento x esser realmente capita, compresa, x condivide cn un uomo tutte queste tue conquiste e il tuo ritorno alla vita. E poi siccome stai tornando in una stato di “singleraggio” ufficiale tu 6 molto esposta al fascino della libertà…o almeno al rikiamo di esso…cmq credo ke alla fine tante parole nn servano xkè solo tu saprai cm comportarti e qls scelta farai nn sarà una tragedia…6 una lottatrice abituata al peggio…ke sarà mai un “maskietto” …ahah
    Ma voi pensate ke sia così fondamentale andare da un nutrizionista? nn è pensabile di farcela col solo supporto psicoterapeutico?

  525. Luna Blu dice:

    Silvia ognuna di noi è un mondo a se stante…io non son andtaa dal nutrizionista…vi ho racconattao che nn volevo…e voi tutte sapete che è andata bene così ;-) …Quidni Silvia non ti preoccupare eccessivamente…
    Hai un po’ la tendenza a guardare sempre il lato negativo della medaglia…o sbaglio? Parteggi con i perdenti? Ahahhahhh…ma il massaggiatore non è un perdente…almeno non credo…è un po’ lamentone…tutto qui…
    Poi scrivi che tanto son una cmbattente e che non sarà una tragedia…come se inevitabilmente dovesse esserlo per forza…mi sorge un dubbio…non è la stessa visione che tu hai di quello che fai e della tua vita? Nons arai un po troppo pessimista? Se gaurdi in cielo…non ci sono solo le nuvole…c’è anhce il sole ;-)

  526. Luna Blu dice:

    Ilaria coraggio…alllora che ne dici di fare sport tonificanti?

  527. claudina dice:

    SILVIA: come dice luna blu,ognuna e’ un mondo a se stante…puo’ darsi che a me serva la nutrizionista e a te no…non e’ detto che perche’ siamo tutte affette da dca abbiamo tutte lo stesso problema,o meglio,magari lo stesso problema si,ma con sfacettature diverse…cmq dove vado io svolgono un lavoro d’equipe..psicoterapeuta,nutrizionista e medico internista..e cmq non sei obbligata ad andarci dal nutrizionista,se non vuoi niente..nessuno ti obbliga a farlo…a me lo psicologo,dato il mio problema ha consigliato di si e valutando un po’ i miei problemi,le mie manie ed ossessioni ho valutato che forse e’ meglio:)

  528. Ilaria dice:

    Luna, non sono per niente costante… inizio step e lo mollo perché sudo e mi vengono gli sfoghi di orticaria dappertutto… inizio balli latinoamericani, idem con patate… cyclette solo d’inverno perché se sudo appena un pochino si sa cosa succede… l’unica cosa che riesco a fare è camminare, ma mai quando c’è il sole a picco per il solito motivo. Il tapis ce l’ho in scantinato dove è perennemente buio e freddo. Ma non dovrebbe nemmeno essere questa la mia priorità adesso… vorrei tanto trovare il modo per smettere di abbuffarmi :-(
    A me un nutrizionista farebbe comodo invece… ma dove lo trovo? Grrrrr!!!!

  529. Azimut dice:

    Ragazze eccomi. Ho letto tutto con molta attenzione.

    Intanto vorrei davvero esprimere la mia gioia per la svolta di Claudina. Se si è o no in sintonia si percepisce subito e tu lo hai sentito. Fondamentale, più dello stesso partire…

    E la mia gioia anche per la svolta di Girasole. Anche per te un nuovo inizio. Un’origine da cui partono tanti raggi che ti auguro pieni di luce.

    Luna Blu riesci sempre a trasmettermi ventate di buon umore. Però anch’io tifo per lo “sfigato” come Silvia… A parte gli scherzi, credo che tu abbia bisogno di tanta libertà ora, di goderti queste sorsate di vita

    A te Chiara* vorrei dire di stare tranquilla. Se proprio non ti riesce fai l’esame delle urine e quello è stracerto. Ma ti assicuro che quando sono rimasta incinta ho fatto il test della farmacia addirittura tre giorni prima che fossi in ritardo ed era positivo, in entrambi i casi. La pizza, l’hai mangiata, l’hai tenuta e quando hai scritto qui ieri sera eri anche giustamente fiera di te… STOP

    Ilaria anch’io incrocio le dita per te. Tranquilla ok?

    Maria Letizia come stai oggi? Sono sicura che sei un’ottima insegnante. Pensa solo a questo e a quello che sai dare

    Silvietta eccomi, sono qui. Fisicamente uno straccio (dissenteria a mille) ma psicologicamente sto un po’ meglio di ieri. Accontentiamoci…

    Miele che fai…non mi abbracci più?

    yris…

    saluto uhmhm, Cannella, Polla e chi non scrive da tempo ma continuo a tenere nel cuore

    Abbraccio tutte e ovviamente Aleph

  530. Luna Blu dice:

    Che carina Azimut…ahahhh…povero massaggiatore…perdente…ora sfigato…anche tu azimut sei riuscita a farmi ridere…che bel gruppo che siamo!!!!! Ma tu Azimut…come stai? Non hai scritto nulla di te…di come va oggi…
    Ora esco dall’ufficio e faccio un salto al mio circolo di canottaggio…anche se so che a causa del fiume alto nn ci fanno sucire in barca :-(

    Ilaria…spiegami meglio questa cosa dell’orticaria…cmq per far esercizi di tonificazione non suderesti molto…è anhce vero he son molto noiosi..ma se ti metti la musica…è già diverso… ;-)

  531. claudina dice:

    ILARIA: Ma lo sai che anche a mio marito succedeva la stessa cosa che succede a te? quando faceva palestra,con lo sforzo fisico si riempiva di orticaria:( lui pero’ ha tante di quelle ellergie…

  532. silvia dice:

    LunaBlu forse hai davvero tremendamente ragione…è la mia visione della vita cm sempre strapiena di ostacoli e difficoltà ke mi fa ragionare così…ke mi fa partire baso…cn aspettative nn troppo rosee x nn restarne delusa…ma spero ke anke dalla mia esperienza possa imparare a ragionare diversamente…

    Azimut mi fa piacere saperti un pò meglio psicologicamente.

  533. Ilaria dice:

    Luna, è da quando ero adolescente che mi succede, e non solo per lo sforzo, anche per eccessive emozioni, per un brusco passaggio dal caldo al freddo, e ovviamente se mi avvicino a qualche cibo a cui sono allergica. Mi capita spessissimo di ritrovarmi i bubboni anche solo se mi appoggio ad esempio con l’avambraccio a uno scaffale… robe da matti! Nessun medico, allergologo o dermatologo, mi ha mai saputo dare una cura, ci sto solo convivendo e amen. Però è particolarmente fastidioso quando sudo. D’estate ho sempre braccia e gambe striate da queste maledette strisce rosse e in rilievo, che poi risaltano tantissimo sulla mia carnagione pallidissima :-(
    Comunque sono giunta alla conclusione che per il momento la tonificazione la posso anche mettere da parte, che me ne faccio se vanifico tutto mangiando 6 gelati, 2 Mars, 7 panini e 2 stecche di cioccolata con le nocciole come ho fatto oggi pomeriggio? :-(

  534. laura dice:

    luna grazie per il tuo commento, lo spero proprio che la casa nuova aiuti, anche se non sicura di aver capito bene i miei meccanismi.
    per quanto riguarda il fotografo io credo lui ci stia provando, e credo che per quanto tu abbia cercato di essere fredda lui abbia percepito la tua attrazione, perchè l’immobilità del corpo in certi momenti dice molto, fidati molto, se tu non l’avessi voluto ti saresti spostata, avresti avuto degli scatti secchi invece siete rimasti lì fermi a godervi quelle sensazioni, perciò credo che lui abbia percepito anche perchè certe cose si sentono, non ce nè, si sentono, ne sono convinta.
    ora visto che come dici tu non riesci a non legarti, ed io ti capisco benissimo perchè ho passato gran parte della mia vita così, ti consiglio di non concederti, perchè gli uomini purtroppo sono abbastanza simili su sta cosa se gle la dai subito od in certi contesti poi tu rimani quella lì e raramente costruiscono un rapporto, fidati dico per straesperienza. poi fai quello che ti senti, nel senso che comunque alcune esperienze meritano, però non vorrei che tu soffrissi.

    ilaria non sei assolutamente in sovrappeso, direi che 6 perfettamente normopeso, assolutamente normale una taglia 42 direi, che è anche la mia, ed oggi come oggi sembra grande, ma è sempre stata la taglia delle magre.

  535. Marianna dice:

    Ciao a tutte, ciao Aleph,
    ho letto tutto quello che avete scritto e sono orgogliosa di voi, ogni piccola conquista è un passo avanti, non smettiamo mai di crederci.

    Scusate per la mia latitanza, ultimamente vedo la mia razionalità vacillare, non riesco a ragionare in maniera lucida e questo credo sia provocato dal fatto che per tanti, tantissimi anni la mia vita è stata una conta di calorie, cibi proibiti, corse nel bagno, studi ossessivi del mio corpo davanti allo specchio mentre adesso, modificando questi comportamenti è come se modificassi una buona fetta di me stessa.
    Ci sono momenti nei quali non mi riconosco, non mi sento più sicura come prima e inizio ad aver timore del confronto con le altre persone.
    Anche il mio rapporto sentimentale che dura da 5 anni sta pagando per queste mie insicurezze. Fino a poco fa mi bastavano quei due giorni a settimana che condividevo con il mio ragazzo, adesso sento di aver bisogno di più attenzioni, di più sicurezza e al telefono è così difficile…mi sento molto infantile ma so che con voi posso essere totalmente sincera.
    Io voglio guarire, voglio essere una persona normale, come tante, voglio poter mangiare senza pensare alle conseguenze di ciò che ingerisco, voglio ridere con gli amici davanti a una pizza, a un piatto di pasta, ma, se da un lato mi sforzo di rompere gli schemi e ci riesco, dall’altro mi sento così infelice!
    Forse è solo questione di abitudine, non lo so…

    Claudia, sono davvero contenta che tu abbia intenzione di seguire ciò che ti ha detto la nutrizionista, è già un grande passo in avanti e questo non può che farti onore!Brava, brava, brava!!

    Chiara, sei riuscita a far tacere i sensi di colpa e a non restringere?Non importa quando avrai voglia di nuovo di mangiare la pizza, la cosa splendida è che ieri sei riuscita ad assecondare il tuo desiderio e a trattenere tutto. Spero tu sia un pò meno in ansia adesso… :-)

    Miele, sei riuscita poi ad inserire le patate nella tua alimentazione?
    Io nutro ancora un pò di terrore nei confronti della pasta, ma a poco a poco sto cercando di mangiarla.

    Laura, sei pronta per iniziare questa nuova avventura con il tuo ragazzo?Come ti senti? :-)

    Maria Letizia, come è andata la giornata?Stai restringendo per compensare o ti senti più tranquilla?E il piccolo Sam?

    Silvia, Girasole, vi penso sempre. Leggo positività nei vostri post e questo non può che farmi tanto tanto piacere!

    Azimut, come stai oggi?E la febbre?E’ passata?Un abbraccio

    Yris, vorrei dirti tante di quelle cose ma penso che io possa riassumerle in due parole: sei speciale.

    Luna Blu!Remi anche di sera?Sei davvero una forza della natura, trasmetti buonumore!!

    Aleph, che fai?Tira fuori il naso dai libri e vieni quì!

    Un abbraccio a tutte, a più tardi.

  536. Azimut dice:

    Marianna quello che provi tu col tuo ragazzo dopo 5 anni io lo sto provando dopo una vita insieme. Seppure sotto lo stesso tetto. Tu perché vi vedete poco, le mie insicurezze invece nascono da altro. Ora desidererei avere attenzioni che non arriveranno mai, almeno non quelle che dico io. Non è cambiato poi molto, era già così e mi stava bene. La persona diversa, alternativa al sistema, la persona con cui costruire una vita fondata su altri valori. Non mi basta più. Vorrei quelle attenzioni che non ho mai avuto. Perché? Perché io sono cambiata? Oggi sto un po’ meglio. Ho avuto una bella seduta con la psicologa. Dice che mi percepisce in una fase di grande mutamento. Del cibo non parliamo quasi mai. Avrei dovuto dirle degli ultimi due giorni di totale digiuno, lo so… Ti abbraccio

    Laura un saluto anche a te…

  537. Maria Letizia dice:

    Scusate ragazze, ma sono davvero distrutta…è dalle 5.30 che sono sveglia, ho dormito mezz’oretta, ma ho fatto anche tremila cose e non per volere mio, ma…obblighi burocratici. Domani ancora peggio: scuola, consiglio di classe e ancora in giro per uffici sempre per la scuola, ma spero di trovare un po’ di tempo per voi. Nota positiva: ottimi risultati dalla visita con la dott.ssa!
    Grazie a tutte per i vostri pensieri, grazie Azimut per il tuo incoraggiamento, grazie MArianna per il tuo interessamento: mangio, ma so che le dosi sono ancora poche…Sam sta bene…è così tenero…VI ABBRACCIO DI CUORE!

  538. Ilaria dice:

    Ciao Laura, come ti senti di fronte a questa nuova avventura? Sai, io non vedo l’ora di potermene andare di qui, perché è vero che già vivo sotto lo stesso tetto col mio fidanzato, ma non è una vera e propria convivenza, siamo più che altro come fratello e sorella, dormiamo in letti separati…
    Come dici tu, sarei normopeso, almeno secondo le tabelle, ma non ho la 42… o meglio, ce l’ho per le maglie, invece per i pantaloni ho la 46, colpa dei miei maledetti fianchi che mi impediscono di infilarmi capi che magari mi ballano in vita o mi stanno larghi sulle gambe… sono fatta male insomma :-(

    Marianna, è davvero questione di abitudine… come ci siamo abituate a “vivacchiare” (perché non lo definisco vivere questo) all’interno di schemi che ci siamo inventate e cucite addosso, così riprenderemo le nostre vecchie e più sane abitudini, vedrai.

    Azimut, Silvia, Maria Letizia, come state oggi?

  539. silvia dice:

    Ilaria io sto in fase di risalita, o meglio, in fase di sfida…sfido me stessa a mettermi difronte alle cose ke prima nn avevo il coraggio di fare, mi sfido a cambiare atteggiamento, a cambiare vita e abitudini, mi sfido a cercare il confronto cn gli altri e mi sfido a mangiare…e bene sì…anke se riporto + sconfitte ke altro, ma ci provo, ogni volta, e se anke cado stavolta nn voglio lasciarmi andare.
    Marianna capisco bene cm stai dopo aver mangiato, ma devi cercare di nn pensare, a me fanno molto bene i suggerimenti di Miele, di staccare il cervello, prendere una camomilla calda e cercare di distrarmi anke cn qlc di stupido o un film un programma ke nn vedrei mai x la mia testa troppo “impegnata e razionale”…
    Miele davvero ricordo cn una sensazione molto bella qnd mi dicesti cosa fare dopo quei miei primi tentativi…nn è ke sia andata avanti di molto, ke abbia fatto progressi, ma avere certi consigli e le parole di ki sa, xkè c’è passato o sta ancora in lotta è importante. Grazie!
    Azimut 6 cambiata…stop…ora hai bisogno di altre cose, di altri stimoli…stop…ben venga tutto questo, in fondo l’evoluzione sarà pur servita a qlc!!! Cambiare è la kiave di tutto…o meglio fare esperienza, e xkè sarebbe giudicato male fare anke l’esperienza di qlc di + futule, cm quel certo romanticismo di cui hai fatto a meno x gran parte della tua vita ma di cui ora senti il bisogno…c’è un mondo di gesti e situazioni ke comunicano molto + di mille parole e discorsi sensati e razionale…c’è tempo x esser “alternativi” x essere “particolari” e un tempo anke x volerci sentire un pò semplici cm tanta gente…
    Io credo ke se hai scelto quest’uomo hai sicuramente notato in lui certe qualità e allora xkè adesso lo sottovaluti? xkè nn gli comuniki tutto questo? i tuoi desideri, le tue aspettative, o magari i progetti ke avete x voi e kissà…nn è detto ke nn sia anke lui a provare lo stesso desiderio di rinnovamento ma teme nel tuo di giudizio…
    avvolte nn sappiamo cm possano reagire le altre persone, ad ogni caso è meglio reagire ad un rifiuto, ma nn restare col rimorso x nn aver mai proposto, x nn averci provato…lancia un ponte, nn sempre gli altri sn capaci di leggerci in mente cm noi stesse vogliamo, e te lo dico xkè è ciò ke faccio anke io.
    Laura tu nn 6 un meccanismo, pensa solo ke potrà esser un occasione x ricominciare da zero e finalmente ripartire da te…nella nuova casa nn portare il bagaglio di sofferenza e dolore del passato…spero proprio ci riesci al meglio!
    Scusate ho scritto un botto!!

  540. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!!!!!!!

    Oggi giornata non tanto buona, e quando sono giù di umore non mi va di scrivervi perchè non riuscirei a portarvi buonumore ed ottimismo!Scusatemi!

    Però sappiate che vi penso sempre tantissimo e vorrei potervi scrivere ogni momento!

    Marianna, Silvia, Miele, Laura, Azimut!Prometto che domani cerco di scrivervi e commentarvi per bene!

    Vaniglia, ti penso tanto.

    Un pensiero anche per tutte le altre…

    Aleph

  541. silvia dice:

    Cos’hai avuto Aleph…così nn va , il rapporto dev’esser paritario, o cm si dice, insomma noi veniamo qui e ci sfoghiamo di brutto…puoi farlo anke tu!!!
    L’amicizia è questo!!
    Spero ke ti sentirai libero di parlare e aprirti e nn assumerti alcun carico nei nostri riguardi…qui interessa anke cm stai tu, nn dimenticarlo!

    Notte compagnie di viaggio

  542. Azimut dice:

    Silvia hai detto esattamente quello che mi fa capire la psi senza dirlo…

    Aleph davvero, non ha senso che tu ti senta di venire qua sopra solo se stai bene. Se hai bisogno di restare per conto tuo è un altro discorso, ma se provi la necessità di parlare un po’ noi siamo qui e siamo tante. Soprattutto teniamo immensamente a te, non dimenticarlo… Un abbraccio

  543. miele dice:

    Ciao,

    Aleph, sentiti libero di condividere anche tu le tue esperienze più o meno positive/negative…sei parte del gruppo e non per forza dobbiamo parlare sempre di cibo, calorie e metabolismo :)
    Spero cmq che oggi vada meglio.

    Silvia son contenta che qualche semplice consiglio sia servito almeno un po’…tu continua a perseverare, passo dopo passo, e ci saranno dei bei risultati. Anche i tuoi post qui stanno cambiando…stai tirando fuori le tue opinioni sulle cose e sugli eventi…prima sembrava che non ne avessi di tue…
    Cmq rispondo alla tua domanda di ieri: non tutte le persone con dca hanno bisogno di un nutrizionista, ma secondo me ne hanno bisogno tutte le persone che scrivono su questo blog, da quello che si può percepire in base alle esperienze condivise qui. Eccettuate naturalmente LunaBlu e Yris, e vabbè, pure Aleph e Pina :)

    Claudina leggendo il tuo post ho avuto sensazioni un po’ diversificate…cioè, sono molto contenta che ci sia una buona empatia con la nutrizionista, ma poi ho percepito comunque un po’ di paura da parte tua…paura di affidarti…ma non devi averne, te l’ha detto anche lei che vuole solo farti mangiare in modo normale…e tu ne hai davvero bisogno…allora lasciati aiutare….

    Chiara*, bene per il test negativo. Che mi dici del resto? Come stai?

    Azimut, certo che ti abbraccio…a modo mio, ma ti abbraccio. Con te, lo ripeto, avolte mi trovo un po’ in difficoltà perchè mi verrebbe spontaneo “rimproverarti”, quando ad esempio digiuni o ti punisci…vorrei chiederti “Perchè lo fai?”, spronarti a “non farlo”, spiegarti perchè non vale la pena farlo…ma sei più grande di me e, anche se le nostre menti non hanno per forza l’età che ci assegna l’anagrafe, anche se a volte si ha bisogno di tornare a farsi piccole attraverso una malattia, io comunque mi sento a disagio a giocare il ruolo dell’”adulto” nei tuoi confronti…spero di essermi spiegata…altrimenti dimmelo, che riformulo questo mio abbraccio verbale…

    Pollicina, dove sei? come stai?

  544. claudina dice:

    Buongiorno a tutte,e buongiorno aleph! ieri sera ho mangiato tutto quello che mi ha scritto la nutrizionista,ci sono riuscita,a dire la verita’ obiettivamente, era un pasto piuttosto leggero,ma in confronto a quello che mangio di solito…stamattina mi sono svegliata dolorante ovunque e con un gran mal di testa,mani e occhi gonfi..pero’ domani deve arrivarmi il ciclo e voglio pensare che il gonfiore sia dovuto a quello.oltre al nervosismo che ho addosso.Oggi pomeriggio ho la seduta dallo psicologo,seguira’ una riunione con la direttrice del centro,pazienti e familiari,credo che vi partecipero’.Mia figlia mi ha chiesto di accompagnarmi oggi,d’impeto le ho detto di si,ma avro’ fatto bene? sarebbe meglio evitare? voi che ne dite? ora ho appuntamento con la colazione,yougurt e corn flackes…non nego che ho un po’ di agitazione,ma cmq ho deciso che seguiro’ la dieta della nutrizionista,quindi ora vado a mangiare.A dopo…

  545. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Avete scritto molto ieri.
    Avrei voluto essere qui anch’ io per condividere le vostre parole con altre parole ma non ho potuto.
    Per me questa è davvero una grande famiglia. E’ un porto sicuro dove attraccare quando sento di aver perduto la bussola e non so da che parte andare.
    Mi ritrovo sempre in ciò che raccontate. Nelle vostre emozioni, nelle vostre paure, nelle vostre gioie.

    Anch’ io come molte di voi mi trovo in una fase delicata per quanto riguarda i rapporti interpersonali.
    Mi rendo conto di aver bisogno di qualcosa in più, di attenzioni, di dimostrazioni d’ affetto più forti.
    Ma al tempo stesso capisco che non posso chiedere troppo a chi ho vicino. Perché starmi vicino è difficile. Non sempre chi è qui accanto a me capisce i miei bisogni e non perché sia egoista. Semplicemente perché sono io ad essere cambiata e ad avere esigenze diverse.
    Credo in questi casi sia di fondamentale importanza fare un lavoro congiunto. Non si può pretendere, non ci si può aspettare qualcosa senza chiederlo perché non tutte le persone sono uguali.
    Ci si deve aiutare a vicenda. Ci si deve andare incontro e avere il coraggio di esporre i propri bisogni senza aver paura di chiedere.
    Nessuno ha la sfera di cristallo e la sensibilità di ognuno è molto molto diversa. C’è chi comprende e capisce senza bisogno di parole e chi invece ha la necessità di essere aiutato.

    Vi auguro una serena giornata

  546. claudina dice:

    …e anche la colazione e’ andata,non e’ stato facile…qualcosa nella mia testa mi diceva che stavo rovinando tutto,che in fondo senza colazione nn muore nessuno…avevo le mani che tremavano e le lacrime agli okki,ma ho mandato a quel paese quei pensieri e ho mangiato…il senso di colpa c’e’ inutile dire di no…il difficile sara’ a pranzo,sono due anni che io non mangio piu’ a mezzogiorno…tranne qualke rara eccezione la domenica…oggi lo faro’…saro’ da sola..ma meglio cosi’.
    CHIARA: Nemmeno stare vicino a me e’ facile…se non mi chiede vorrei che mi chiedesse,se mi chiede ha gia’ parlato troppo,credo che alla fine tutto questo sia difficile per noi ,ma tanto difficile anche per chi ci sta accanto, e se ci rimane accanto in questo momento della nostra vita,cosi’ terribile,significa che a noi ci tiene. Ti abbraccio forte…

  547. Azimut dice:

    Miele…… mi dai della vecchietta e mi abbracci solo verbalmente….. chissà perché si pensa sempre che le persone adulte siano in grado di gestire le assenze, non abbiano bisogno di un certo tipo di affetto o di comprensione… Sai, hai toccato un mio punto dolente. Non a caso mi sono scelta una psicologa infantile… Vabbè mi abbraccerò con yris…che siamo entrambe “stagionate”…

  548. Chiara* dice:

    Sì Claudia, lo credo anch’ io.
    Purtroppo vivere accanto a chi non sta bene con sé stesso, a chi ha sempre e solo voglia di piangere e di star solo, a chi non riesce a trasmettere sensazioni positive dev’ essere molto difficile.
    Ma chi decide, in un modo o nell’ altro, commettendo anche molti errori, di rimanerci… lo fa perché ci ama davvero.
    Siamo noi, a mio parere, che dobbiamo fare un passo verso queste persone per aiutarle ad aiutarci.

    Complimenti per la tua vittoria Claudia! Ora non pensare al pranzo. Concentratu sull’ adesso!

    Ti abbraccio

  549. miele dice:

    Ragazze io penso che sia fondamentale parlare chiaramente a chi ci sta vicino: poi starà a loro agire con sensibilità, ma se noi non ci spieghiamo, non ci mettiamo veramente a nudo e a confronto, non possiamo pretendere di essere nè comprese, nè tantomeno aiutate.

    fino a poco tempo fa, ogni volta che avevo problemi a mangiare mi arrabbiavo con il mio compagno, cioè lo rimproveravo o me la prendevo con lui per ogni piccola, stupida cosa…e in realtà ero arrabbiata con me stessa…finchè una sera sono scoppiata e gli ho confessato tutte le mie difficoltà. Anche prima sapeva del mio problema, ma ora gli ho descritto le mie paure, e quando sento pensieri ossessivi che mi tappano il cervello, glieli racconto…e lui non può fare nulla concretamente, però almeno gli tolgo il dubbio che la mia rabbia o frustrazione siano causate da ciò che lui fa o dice…ciò che lui fa o dice è solo il pretesto che la mia mente aspetta per sfogarsi, ma la causa è in me…

    Più in generale, sicuramente col tempo si cambia e magari si capisce di voler avere accanto una persona diversa…ma anche qui, provare ad esprimerlo potrebbe servire…no?

    claudina capisco bene le tue sensazioni…cerca di non mollare, cerca di mangiare anche a pranzo. forse il primo giorno ti sentirai piena, ma già al secondo ti sentirai un po’ più libera.

  550. Luna Blu dice:

    Buongiorno Polpine!!!!
    Che dire…ho letto di Miele che dice che Pina nn ha bisogno della nutrizionista…ieri me l’ha confessato…ne ha bisogno…ihihhh…ora Pina non mi spaccar la testa!!!!
    Brava Claudina…brava…brava…brava!!!!
    Laura…anche secondo me i tuoi emccanismi li capisci perfettamente…son contenta che ti allontani dalla tua casa…vedrai che nn puo’ che farti bene…
    Laura per quanto riguarda il dentista…nont i preoccupare…non succederà nulla di quel genere per ora e per molto tempo…e cmq nn son ancora sicura che ci provi veramente…siamo tutti diversi…magari lui fa così eprchè è uno coccolone…no? Del resto bacia sulle guance tutte el sue pazienti…non so se le abbraccia come con me…però che bella sensazione…non avevo nessuna intenzione di spostarmi…
    Il fiume è chiuso mannaggia…livello alto…ma ieri son andata a correre con i ragazzi del circolo…bello…
    Maria Letizia magari organizziamo una volta e ci andiamo insieme…oddio…io non sono una amratoneta però ;-)
    Azimut hai mai provatoa chiedere a tuo marito quelle attenzioni che vuoi? Se aspetti che ci arrivino loro…son uomini…

    Aleph…che succede? Racconta…

  551. yris dice:

    azimut!!! “STAGIONATA” A ME???
    stagionata puoi dirlo solo al tuo formaggio.. :-) )
    e comunque, rispetto a me sei piccolina, per cui vieni qua che ti stritolo in un abbraccio.. :-)

    a proposito di formaggio, guardate ragazze che anch’io avrei bisogno di un nutrizionista. perchè pur essendo uscita dalla malattia, ancora mangio male. spesso in modo totolamente squilibrato. nel senso che mi dimentico di assumere tutti i nutrienti, di variare.. un po’ per mancanza di tempo o prigrizia, ma soprattutto per mancanza di.. abitudine.

    ho conosciuto una dottoressa bravissima tempo fa, nutrizionista e medico, una donna che trabocca di armonia e mi sono ripromessa che appena ho tempo mi faccio seguire (lei lavora a roma) .
    per cui non vi spaventi l’idea, in fondo uno non ci deve andare per una vita, ma per “imparare” a guidare quella meravigliosa macchina che è il nostro organismo, e poi un controllo ogni tanto .. :-)

    scappo chè è tardissimo e mi devo fare 150 km oggi per andare al lavoro.
    baciovolant! :-) e un sorriso, come sempre

  552. claudina dice:

    mamma mia,non parlatemi dell’eta’,con i miei 41 suonati e il corpicino dolorante che ho oggi,mi sento proprio vecchissima!!!!!

  553. Ilaria dice:

    Oggi sono proprio tanto contenta per Claudia… e tanto tanto infelice per me :-(

  554. claudina dice:

    ILARIA: Che succede ilaria? ti senti infelice per le cose che hai mangiato ieri? anche io faccio cosi’…sono infelice quando mangio…ma ho anche capito che non posso vivere digiunando per sempre…che razza di vita sarebbe? stamattina ho fatto colazione si,ma la mia pancia non ne vuole proprio sapere,mi fa un gran male…ma devo resistere,la nutrizionista ieri e’ stata chiarissima su questo punto,se digiuno o restringo troppo durante la settimana,l’abbuffata del sabato e della domenica sara’ inevitebile,perche’ saro’ affamata,sai stamattina quando ho fatto colazione,altro che yougurt e cereali,avrei mangiato anche il tavolo,pero’ sono riuscita a fermarmi li…ieri sera anche…dai ilaria,forza,so bene quanto e’ difficile,lo so bene…ma non impossibile,e penso che un nutrizionista a te servirebbe proprio,anche se so in quali difficolta’ ti trovi dove sei adesso a trovarne uno…ti abbraccio.

  555. Luna Blu dice:

    Claudina…adesso è difficile…ma vedrai che poi ti verrà semrpe più naturale…che bella cosa che hai trovato una nutrizionista così affine a te ;-) …così non la deluderai!
    Hai smesso un po’ con il fumo?
    Ilaria…che succede?
    Yris…son quasi morta dalle risate…per la tua battuta sul formaggio stagionato!!!!
    Oggi il dentista mi ha mandato una foto…sto cercando di guardarla da tutti i lati…ma io tutta sta bellezza in questa foto non la vedo..ahahhhh…ma gli ho scritto cmq che è bellissima…mi crescerà il naso…lo so…diventerò una pinocchia..ahahhhahhh….
    Torno a lavorare eprchè devo torvare un’idea per un piedistallo…devono emtterci su una testa…

  556. Ilaria dice:

    Non riesco a smettere di abbuffarmi… e in più mi è tornato il ciclo, dopo due mesi saltati e a 2 giorni dalla partenza per le terme… ma si può essere più sfigate???

  557. silvia dice:

    Buongiorno a tutte + Aleph
    qui è una giornata quasi primaverile e ieri ho visto il primo albero completamente ricoperto di quei bellissimi fiorellini bianki e rosa…spunta sole,spunta!!!
    Miele ke dire, credo ke ultimamente mi lasci andare di +, sto cercando anke di limare le mie mille insicurezze…insomma mi ci sto buttando molto ad ogni kiusi e nn voglio fermarmi. Ricordo di quella sera ke raccontasti in cui discutesti cn lui e tirasti fuori tutte le tue difficoltà…la ricordo bene xkè è stato un gesto molto forte da parte tua e dimostra anke l’assoluta fiducia ke vi lega.
    Chiara sn daccordo cn te, ke bisogna kiedere xkè se cambiamo nn è detto ke gli altri comprendano al volo la nostra svolta allora è necessario comunicare e in qnt tale, la comunicazione nn può ke creare un canale, x permettere alle nostre emozioni, sentimenti e stati d’animo di trasmettersi e quindi di fluire, di esprimersi e magari smettere di tormentare al nostro interno.
    Claudia 6 stata forte e brava, continua così e se hai qlc ripensamente concentrati su ciò ke t’ha detto la tua nutrizionista e cioè ke nn ha lo scopo di farti ingrassare, credo sia la tua paura peggiore.
    Ilaria una strada la devi trovare, si può fare qlc x cambiare. Nn abbattterti!
    LunaBlu buon lavoro…cmq anke secondo me ci prova il dentista…
    Yris buon viaggio…anke se ormai credo ke tu sia già giunta a destinazione.

    Azimut se condividi allora cosa farai oggi x ottenere ciò ke vuoi? le attenzioni e gli affetti ke ti manacano?

    Vi abbraccio

  558. Luna Blu dice:

    Cmq Silvia…in fondo se è vero che ci prova…mi fa solo piacere ;-) …è così…è duro ammetterlo ma mi fa piacere :-)
    Silvia oggi cerca di esercitartia vedere il alto positivo nelle cose…provaci… ;-)

  559. silvia dice:

    Oggi sarà perticolarmente dura LunaBlu, ma ci sto provando cn tutta me stessa…credici.
    Grazie

  560. claudina dice:

    LUNA BLU: Purtroppo non ho smesso con il fumo,mi porto ancora dietro una gran tosse che mi e’ venuta con l’influenza…cmq ho diminuito parecchio..quest’estate durante i lunghi digiuni che facevo,ero arrivata a fumare anche un pacchetto al giorno..ogni volta che mi veniva fame ne accendevo una:( ora un pacchetto mi dura 2/3 giorni…cerchero’ di diminuire ancora,ma penso che adesso non sia il momento.
    ILARIA: scusami,e’ una mia mancanza ,perche’ non riesco a leggere tutti i post,ma io non ho capito se tu sei in sovrappeso e se il tuo problema sono le abbuffate o se digiuni anche,ripeto,mi sono persa io per strada e non mi e non riesco a capire bene…

  561. Luna Blu dice:

    Per un fumatore non è mai il momento giusto…cmq se vuoi ti dico coem ho smesso io…è stato facile e non ne sento al mancanza…non sentire la amncanza della sigaretta è una grande cosa…

  562. Ilaria dice:

    No Claudia, non sono mai riuscita a digiunare, ho ristretto molto l’anno scorso e ho perso parecchi chili, ma poi non ce l’ho fatta più e ho iniziato ad abbuffarmi. Non sono capace di vomitare, nemmeno “naturalmente”, ho lo stomaco talmente dilatato che non mi viene nemmeno un piccolo conato… e ovviamente ora sono sovrappeso, perché non riesco più a recuperare un minimo di tranquillità, le crisi sono troppo ravvicinate, sempre di più… aiuto, aiutatemi vi prego… non so a chi chiedere aiuto, sono disperata…

  563. claudina dice:

    guarda,io fumavo quando avevo 20 anni..non molto ma fumavo,poi quando sono rimasta incinta di mia figlia a 22 anni,ho smesso subito il fumo mi dava la nausea e per anni mi ha dato perfino fastidio l’odore del fumo sugli altri…non ho piu’ fumato…ho ricominciato quando ho iniziato la dieta perche’ una “cara amica” mi ha detto che il fumo diminuisce il senso di fame…lo so che tutti i fumatori trovano mille scuse per nn smettere,io intendevo che ora sono impegnata in questa cosa e non credo sia il momento per smettere anche di fumare,pero’ dimmi pure come hai fatto tu,mi servira’ perche’ vorrei davvero smettere,visto che oltre ad essere un serio danno per la salute,con quello che costano e visto che al momento non lavoro,anche le sigarette pesano sull’economia famigliare.

  564. claudina dice:

    ILARIA: cerca di stare calma,so bene cosa significa avere lo stomaco dilatato.non sentirsi piena nemmeno dopo 2 piatti di pasta e tutto il resto,io prima ero obesa,veramente obesa,forse per questo la mia ossessione e’ quella di ingrassare di nuovo…non pensare nemmeno lontanamente di indurti il vomito ti prego,non e’ questa la soluzione,la soluzione e’ un’alimentazione corretta,per me,per te,per tutte…hai senz’altro bisogno di un sostegno,che sia psicologico o dato da un nutrizionista…ho cercato anche io tanto per trovare qualcuno credimi, so che sei in sardegna,non hai la possibilita’ nemmeno di spostarti in modo da raggiungere qualcuno,magari lo trovi anche in ospedale,cavoli..non so proprio come fare per aiutarti…siamo cosi’ lontane:(( ma nn disperare ilaria…agitarti non ti aiuta,non fa che peggiorare lasituazione e magari indurti ad abbuffarti…
    ora per me e’ ora di mangiare..mi sembra cosi’ strano farlo dopo tanto tempo che non pranzavo piu’…spero davvero di fasrcela…ho perfino mal di testa..:(

  565. Luna Blu dice:

    Anche buttarsi sotto un ponte toglie la sensazione della fame..ahahhhhaa…scusa l’umorismo…
    Facciamo di tutto epr sembrare giovani e belle e poi fumiamo…è una diependenza…
    io ho smesso leggendo: “è facile smettere di fumare se sai come farlo” di Allen Carr …smonta la trappola psicologica e gli alibi dei fumatori…
    Ha tutti fa schifo l’odore del fumo…perchè è nauseante, schifoso…ed è un veleno…

    Claudina hai toccato unt asto dolente per me…io odio il fumo…

  566. Luna Blu dice:

    Lo stomaco non è un muscolo…è un sacchetto…e non si dilata..ossia si dilata se lo riempi di cibo come qualsiasi sacchetto…ma non si deforma oltre la sua forma…insomma quella che los tomaco si dilata è una cavolata…infatti si ulcera se lo si riempie troppo…o si spacca….

  567. Aleph dice:

    Buongiorno a tutte!!!

    Grazie per quello che mi avete scritto, per i pensieri che mi avete rivolto!
    Non vi preoccupate, nulla di grave…ero solo un pò giù, solite cose, oggi va meglio….

    Ora passiamo a voi!

    Claudina, sono davvero felice per la nutrizionista. Sono certo che potrà esserti di grande aiuto, noi ti saremo accanto in ogni momento.

    Silvia, lotta, lotta, lotta, lotta, lotta, lotta, lotta!Ti penso e ti sono vicino…

    Miele e Chiara, voglio dirvi la mia opinione su quello che avete scritto. Anche io sono dell’idea che spesso dobbiate comunicare, parlare, dire i vostri pensieri, sentimenti, dubbi, paure, cambiamenti…non è facile capirli dall’esterno per chi “non è dentro” nella malattia. Già nella normalità non è facile capire quello che pensa una persona, figuriamoci in situazioni così diverse da quelle che si vivono quotidianamente. E’ ovvio poi che anche la persona accanto a voi deve imparare a sviluppare un certo tipo di sensibilità, imparare a capire certi meccanismi, certi automatismi. Io credo che la cosa più importante sia capire, da tutte e due le parti, che la cosa più importante è parlare, parlare, parlare di tutto, di ogni cosa. Perchè se a volte ci si ferisce a vicenda, potrebbe non essere colpa di nessuno, ma semplicemente frutto di un’incomprensione. Perchè se a volte ci si sente feriti è perchè in certe situazioni la visione delle cose è totalmente diversa nella malattia. Così, una frase anche banale detta però ad una persona anoressica/bulimica può far molto male, così come una frase detta da una persona anoressica/bulimica può ferire una persona “sana”. Le persone che vi sono accanto devono imparare a capire la malattia, ma mai a giustificarla. Però dovete anche essere voi a volerla fare capire. Nella malattia spesso vi costruite schemi, regole, elenchi di cose da rispettare e da evitare. Vi assicuro che in molte di queste cose siete bravissime a non farvi “beccare”, capirle da soli è molto difficile. Soprattutto, è molto difficile in certi momenti capire se certe cose che dite è la parte “sana” a dirle, la parte che vuole stare bene, o se, invece, è la parte “malata”, quella che vuole, desidera stare male. Forse sono un pò dure queste ultime parole, e se pensate che non sia così ditelo pure. Ovviamente io prendo spunto dalla mia situazione, non mi riferisco a quello che scrivete qua sul blog.
    Non so se mi sono spiegato come volevo, avrei altre cose da aggiungere ma ora devo andare. Se volete, ve le scriverò più tardi.

    Vaniglia, ti penso sempre.

    Ilaria……perchè non esci a fare due passi????

    Girasole, Marianna, Uhmuhm, Polla…vi penso tanto!

    Azimut……..beh, se non lo fa Miele, allora ti abbraccio io, ok???

    Yris!!!!!!!!Buon lavoro!!!

    Buona giornata a tutte!

    Aleph

  568. miele dice:

    Aleph, invece hai azzeccato in pieno ;)
    I dca hanno una specie di linguaggio criptato…un comportamento/parola/consiglio che di solito vuol dire una certa cosa, per una persona che soffre di dca può avere tutto un altro significato…quindi io credo che noi dobbiamo rivelare a chi amiamo il codice per decifrarlo… da un lato, queste persone smettono di sentirsi come se camminassero su un campo minato, dall’altro aiutiamo noi stesse perchè ci mettiamo nelle condizioni di farci “scoprire” quando vorremmo agire in modo malato…
    Grazie Aleph per il tuo punto di vista.

    Ilaria io ora vdo al lavoro…ma son qui che vorrei fare qualcosa per te…oggi cercherò di pensare a qualcosa…poi se mi viene in mente ti faccio sapere. Intanto cerca di calmarti.

    Claudina, con tutta la serenità del mondo ti dico: buon appetito.

    A stasera angeli

  569. Chiara* dice:

    Anch’ io ho letto il famoso libro di Carr.
    Per ben 3 volte. Eppure fumo tanto quanto prima.
    Come in tutte le cose bisogna solo metterci tanta forza di volontà e bisogna volerlo. STOP!

    Aleph condivido in pieno il tuo pensiero.
    E mi sto rendendo conto in prima persona di quanto parlare, aprirsi, comunicare, sia indispensabile.
    E non solo quando c’è di mezzo un problema. Sempre.
    I rapporti con l’ altro si basano prima di tutto sulla sincerità, sulla chiarezza.
    Se non si ha il coraggio di esporsi e di chiedere aiuto a chi si ha vicino come si può pretendere che l’ altro capisca?
    Ho inviato per tanto, troppo tempo segnali di fumo. Ho gridato per troppe volte in silenzio. Pretendendo che chi avevo accanto captasse le mie parole silenziose.
    Ma non è così che funziona.
    Certo, parlare può non sempre portare a qualcosa di positivo. Spesso si creano delle dinamiche difficili, incomprensioni, litigi.
    Ma è normale.
    Chi è “costretto” a starci accanto, per come la vedo io, deve essere aiutato ad aiutarci. Siamo noi che dobbiamo fornirgli gli strumenti per darci una mano.
    Non dobbiamo aver paura di chiedere, di dire no, di esprimere quello che proviamo.

    Vi abbraccio

  570. Chiara* dice:

    Ilaria mi si stringe il cuore…
    Vorrei poter fare qualcosa per te, aiutarti in qualche modo ma non posso.
    Nessuno può farlo. Solo tu hai la possibilità di aiutarti.
    L’ unico consiglio che ti posso dare è quello di cercare, per quanto possa essere difficile, di fermarti.
    Fermati. Prendi fiato. Cerca di sgomberare la mente. E trova qualcosa, qualunque piccola cosa che ti dia la forza per non farti prendere dal Mostro.
    Vai dal tuo medico e chiedigli di darti il recapito di un nutrizionista.
    Parla parla parla del tuo problema con lo psicologo.
    Parlane con chiunque hai accanto e chiedigli di starti vicino, senza però rendere plateale il tuo problema.
    Cerca di non stare mai da sola e trovati qualcosa da fare per impiegare il tuo tempo.
    Devi partire da qualche parte Ilaria. Forza!

  571. claudina dice:

    LUNA BLU:quel libro che hai letto tu,me lo ha consigliato anche un mio amico tempo fa,l’ho letto ma …fumo…io credo come chiara,che ci voglia solo forza di volonta’,e soprattutto smettere di colpo e non diminuire come invece sto facendo io,concordo che facciamo di tutto per essere belle e poi ci roviniamo la pelle e il colorito con la nicotina..che schifo!
    MIELE: SEI DOLCISSIMA:)
    VENIAMO A ME:ho mangiato,lentamente,ci ho messo quasi un ora,ma ho mangiato quello che mi ha dato la nutrizionista.Ora mi sembra di scoppiare,ma credo sia una mia sensazione,visto che quando mi rimpinzo di dolci e roba varia non mi sento mai scoppiare,vabbe’,la cosa che mi disturba di piu’ oggi e’ sto mal di testa lancinante e la quasi totale mancanza di energie,ma com’e’ visto che ho mangiato??… oggi ho anche l’incontro con lo psicologo e il solo pensireo di mettermi li a parlare per un ora e passa,mi fa star male,non ne ho proprio voglia oggi:( inoltre nn so perche’ ma andare al centro mi sfinisce,torno a casa distrutta,ma cavolo mica vado a lavorare…che schiappa che sono:((

  572. claudina dice:

    CHIARA: hai ragione,dobbiamo cercare di spiegarci,ma come si fa a spiegare ad una persona che nn ha mai avuto disturbi di questo tipo,cosa ci sentiamo dentro? non mangiare,vomitare,abbuffarsi,non e’ comprensibile per chi sta bene..non e’ naturale,siamo noi che andiamo contro natura,contro l’istinto di sopravvivenza…io penso che per tanto che le persone che abbiamo accanto ci amino,sia per loro impossibile capire,cercare di strci vicini si,ma capire non penso..io stessa prima,quando sentivo parlare di anoressia,non capivo come si poteva fare quello che poi io stesso ho fatto…

  573. Chiara* dice:

    Claudia il problema sta proprio lì.
    Noi non possiamo spiegare quello che proviamo.
    E non possiamo pretendere che chi abbiamo accanto sia in grado di capire.
    Ma possiamo fornigli gli strumenti per aiutarci ad affrontare le nostre paure e le nostre ossessioni.
    Aprendoci. Cercando di spiegargli cosa proviamo e come ci sentiamo.
    E chiedendo loro solo di darci tutto l’ appoggio e l’ amore possibile.
    Non potranno mai capire. Ma se noi gliene diamo la facoltà, potranno starci accanto e tenerci per mano.
    Sbaglieranno anche loro. Mille e mille volte. Diranno parole che non avremmo voluto sentire, faranno cose che non ci piaceranno, avranno atteggiamenti che ci feriranno.
    Ma non dobbiamo fargliene una colpa. Siamo noi che dobbiamo aiutarli.
    So che è diffcile, ma dal momento che da sole non possiamo farcela, dobbiamo dare la possibilità a chi ci ama di fare qualcosa per noi.

  574. Azimut dice:

    Oggi vomito…dissenteria…ininterrottamente. Dentro la lama che mi dilania.
    Vi abbraccio tutte

  575. Ilaria dice:

    Ragazze, vi stringo tutte… mi sento tanto sola. L’ho spiegato ieri alla psicologa in lungo e in largo, che quando mi sono finalmente decisa a dire al medico di base della mia malattia lei mi ha guardata con tanto d’occhi non capendo assolutamente nulla di ciò che stavo dicendo. Non mi ha saputo indirizzare a uno specialista perché non sapeva di cosa stavo parlando… mi ha prescritto i primi esami che le sono venuti in mente, quelli per la tiroide, convinta che mi abbuffi perché ho una predisposizione alle malattie appunto della tiroide. Sicuramente qualche valore sballato ce l’avrò, sono rassegnata a questo, ma se fosse come ha detto il medico avrei sempre fame ma dimagrirei allo stesso tempo, invece non è così!! Vorrei avere un centro specializzato vicino a casa dove persone competenti si prendano cura di me… ecco come mi sento, sola, incompresa, abbandonata a me stessa. Se ora chiamassi il mio fidanzato lui si precipiterebbe a casa andando come un pazzo per strada… è molto emotivo e si fa prendere dall’agitazione, sono terrorizzata al pensiero di fargli rischiare la vita solo per farmi compagnia! Non so a chi rivolgermi…

  576. Chiara* dice:

    Ilaria ti senti sola, ed è comprensibile. Ma non lo sei.
    Perché qui ci siamo noi.
    Li vicino a te ci sono molte altre persone che ti vogliono bene e che darebbero qualunque cosa pur di vederti felice.
    Ed è a loro che devi dare la possibilità di aiutarti. Rinchiuderti in te stessa non serve a niente, se non a peggiorare le cose.
    Purtroppo non hai la possibilità di essere seguita in modo consono al tuo problema ma questo non dev’ essere uno ostacolo secondo me.
    Anzi, dovrebbe essere un imput in più per te per cercare di lottare ancora e ancora e ancora.

    Azimut cosa succede? Ultimamente ti sento così poco presente, così lontana… è come se ti stessi chiudendo sempre di più nel tuo mondo.
    Io non ti lascio. Sono qui. E ti sono vicina.
    Cerca di riposare oggi.

    Vi abbraccio angeli

  577. silvia dice:

    Ilaria nn puoi uscire tu? nn puoi raggiungerlo? mettiti in treno o autobus, ma mettiti in movimento, esci da quella gabbia di solitudine ke ti circonda e và x strada…qlc luogo ci sarà e nn importa se nn capisci cm parlano, ma vedrai figure umane e nn i tuoi mostri perseguitarti.
    Io lo ripeto, tu hai un potenziale enorme, ma ke ci fai lì? tutta l’energia e le capacità ke hai le riversi negativamente su te stessa…nn va…devi reagire xkè ne hai la forza, lui nn può muoversi ma tu si, tu nn 6 lui e x qnt vi amiate devi prima star bene x poter essere felici in 2…ti devi far seguire e curare e devi realizzarti, lì nn puoi, 6 una donna libera, cerca un centro in Italia e trasferisciti…vedrai cm arrangiarti x farlo, ma devi farlo, x te stessa, xkè tu vali!

    Aleph continui a dire d’esser stato giù x le solite cose, ma quali sn queste tue solite cose? noi siamo qui anke x te…forza!

    Azimut io ci sn, nn 6 sola, pensa ai tuoi propositi, pensa si tuoi progetti…prova a scrivere, a distrarti, vorrei poter far qlc x te, ma solo tu puoi…

  578. silvia dice:

    Chiara le tue sono parole molto belle…spero ke facciano parte della tua strada e della tua esperienza personale.

  579. Chiara* dice:

    Silvia sono parole… purtroppo.

  580. Ilaria dice:

    Vi voglio bene!

  581. Azimut dice:

    Chiara* si sta aggrovigliando tutto dentro. Il cibo mi sta attaccando. Oggi non tengo nulla, nemmeno un tè. Sono troppo stanca

    Silvia quello che ho scritto oggi è incomprensibile anche per me

  582. silvia dice:

    Chiara è l’inizio, sn parole, ma sn anke l’espressione del tuo pensiero, fà ke siano la base della tua convinzione e della tua consapevolezza.
    Siamo tutte insieme, l’unione ci fortifica ma poi individualmente dobbiamo combattere…
    Azimut prova a spiegare cos’è successo, cosa provi, cosa stai facendo ora? 6 sola? c’è qlc ? puoi kiamre tuo marito, stabilire un qlc contatto ke ti riconduca ad una dimensione reale?

  583. Azimut dice:

    Silvia sono in ufficio, più che altro nel bagno dell’ufficio…dovrei lavorare ma sono altrove

  584. Chiara* dice:

    Grazie Silvia.
    Vorrei tanto concretizzare in qualche modo le parole che spendo per voi e per me ma è così difficile… è come se in fondo non ci credessi davvero nemmeno io.
    Combattere… ma in fondo per che cosa, mi chiedo? Alle volte mi fermo e cerco di riflettere su questa condizione in cui mi trovo.
    Ci sono finita perché in parte l’ ho voluta io. Sono io che ho cercato di raggiungere questo stato.
    Perché dovrei fare qualcosa per liberarmene?
    Ci sono momenti in cui voglio con tutta me stessa stare bene e diventare un’ altra persona.
    Altri momenti in cui invece mi va bene così.
    E questo mi spaventa.

    Azimut cerca di sciogliere quei grovigli di sensazioni. Lascia che si dissolvano.

  585. Azimut dice:

    Sono altrove. Sento la pioggia che batte contro i vetri, non posso distinguerla nell’uniforme grigio che copre le cose. Mi concentro sui battiti…li sento nella testa, si rincorrono in un percorso affannato. Se chiudo gli occhi immagino la luce del mattino che scende sull’acqua rimbalzando sulla superficie, il riflesso abbagliante sullo sfondo nero, minuscoli puntini che danzano vertiginosamente e che finiscono per colorarsi di rosa e di celeste. Il viottolo si snoda fra immense distese di erica, il vento accarezza gli arbusti e sparge tutto intorno intensi profumi. Una distesa di verde e di viola; non c’è nessuno, soltanto la natura coi suoi colori e un silenzio che entra dentro e scava nelle viscere. Là posso urlare… tirare fuori tutto il dolore…

  586. Chiara* dice:

    Voglio essere sincera. Fino in fondo.
    Come voi ma prima di tutto come me stessa.
    Sì, purtroppo la verità è che io non sono pronta per uscire da questa Cosa.
    Non sono pronta perché in fondo non è ciò che voglio veramente.
    Io ho bisogno di essere così. Per quanto mi odi e odi tutto questo.
    Amore e odio. Amore e odio. Amore e odio.
    Desiderio di cambiare, di tornare ad essere quella che ero, quella che conoscevo.
    Paura di abbandonare le sicurezze che mi sono creata, paura di cadere dalla mia torre e di essere mangiata dai coccodrilli, che mi aspettano là sotto… con le fauci spalancate.
    No. Non credo di volerlo.
    O non so nemmeno io cosa voglio? Qual è la risposta? C’è una risposta?
    Chi lo sa.
    Non riesco a capire nemmeno io quello che ho dentro.
    Un groviglio di sensazioni contrastanti. Un momento prima è tutto bianco e quello dopo diventa tutto nero. Un caos totale.
    Ci sono delle volte in cui il desiderio di liberarmi da questa prigione, da questo dolore, da questa ossessione è così forte che nemmeno mi sembra vero.
    E altre in cui… in cui mi dico che va bene così. Che sto bene così. Che mi piace essere così. Che io sono me stessa in questo modo.
    Mi sento forte. Forte del mio controllo, dei miei schemi, dei miei pensieri malati.
    Forte perché diversa dagli altri. Forte. E basta.
    Questa è la verità.
    Non sono pronta.

    Vi abbraccio forte angeli.

  587. Luna Blu dice:

    Io credo Chiara* che non sia tu quella forte…ma al malattia!!!!

  588. silvia dice:

    Azimut credo ke ora tu sia a casa, allora xkè nn provi a entrare in contatto cn la tua famiglia? una volta hai detto ke le tue figlie e il modo in cui le hai cresciute, le avete cresciute, è la sola cosa ke faresti identica nella tua vita, la sola cosa x cui ti senti abbastanza orgogliosa…allora parti da lì…da quel rapporto…e xkè nn cerki stasera di creare un ponte diverso cn lui?
    Chiara tu nn vuoi esser così, ricorrere a tutto questo è solo una fuga da una realtà ke nn riusciamo a sopportare, a vivere, a vedere, e allora c’è questo regredire a forme estreme, ma nn è questo vivere, camminare e crescere, nn è naturale e nn è ciò ke vogliamo o ci fa star bene…altrimenti nn staresti qui…no, nn puoi ora negare ciò ke è una consapevolezza essenziale dell’inizio del cambiamento e cioè ke lo stato attuale nn va bene.

  589. laura dice:

    che giornata piena, lavoro, lavoro, lavoro, a fine settimana mi potete raccogliere col cucchiaino, però h avuto anche una buona notizia sul fronte lavoro.

    silvia si sente che stai combattendo, si sente davvero, forza leonessa.

    ilaria mi spiace tanto e mi sento impotente perchè vorrei aiutarti ma non posso, davvero comprendo la tua frustrazione il tuo sentirti sola davanti a questa cosa..

    p.s sabato entro nella casetta, ma non abbiamo ancora fatto la richiesta per internet, non sò quando tornerò a scrivere, magari passa anche un mese o più, ricordatevi di me, io vi terro nel cuore e appena passo da mia mamma vi leggerò.

  590. Maria Letizia dice:

    Buonasera amiche mie…sono a pezzi, ma mi mancate.
    Consiglio di classe umiliante a livello personale e professionalE, della serie “tu che sei nuovo e giovane zitto e ubbidisci” (ma non solo rivolto a me!) Vana corsa dall’altra parte di Torino per ritiro modulistica gita sotto una pioggia gelida (vana perchè mi avevano dato docmenti sbagliati)…ma sapete che vi dico, io il mio dovere l’ho fatto, se sbaglio è in buona fede e chiedo scusa (e imparo), ma pretendo rispetto in quanto essere umano. Temevo che questa rabbia mi portasse a una abbuffata e invece è rimasta sana rabbia che domani, penso, avrò modo di sfogare…e che cavolo..brava sì, fessa no!
    Ma veniamo a voi
    Aleph, concordo con le altre, noi siamo qui anche per te, anche quando non sei al top
    Silvia…combattiamo tutte insieme!
    Claudina invidio il tuo buon rapporto con la nutrizionista, io ne ho il terrore…
    Chiara*, sono contenta per il risultato del test…tu come stai? E’ bello quello che scrivi:”Per me questa è davvero una grande famiglia. E’ un porto sicuro dove attraccare quando sento di aver perduto la bussola e non so da che parte andare.”"Ci si deve aiutare a vicenda. Ci si deve andare incontro e avere il coraggio di esporre i propri bisogni senza aver paura di chiedere.Nessuno ha la sfera di cristallo e la sensibilità di ognuno è molto molto diversa. C’è chi comprende e capisce senza bisogno di parole e chi invece ha la necessità di essere aiutato.”
    miele, hai ragione:”E’ fondamentale parlare chiaramente a chi ci sta vicino: poi starà a loro agire con sensibilità, ma se noi non ci spieghiamo, non ci mettiamo veramente a nudo e a confronto, non possiamo pretendere di essere nè comprese, nè tantomeno aiutate”.
    Luna Blu…ORGANIZZIAMO!!!
    Ilaria…CHE SUCCEDE?
    silvia…oggi diluviava, io avevo mille pensieri in testa, ma , tra i vetri del pullma appannato, ho visto i primi fiori sugli alberi…ringrazio il Cielo che nè il lavoro nè la mia salute precaria nè alre preoccupazioni mi impediscano di godere della bellezza che ci circonda…pioveva, ma avevo la primavera nel cuore!
    Azimut quali sono le attenzioni e gli affetti ke ti manacano?
    Aleph condivido in pieno il tuo pensiero.
    Azimut…come stai ora?
    Ilaria, Chiara ha ragione…non sei sola!Perché qui ci siamo noi.
    Chiara*…come ti capisco e condivido: “Sì, purtroppo la verità è che io non sono pronta per uscire da questa Cosa.Non sono pronta perché in fondo non è ciò che voglio veramente.Io ho bisogno di essere così. Per quanto mi odi e odi tutto questo.”"Mi sento forte. Forte del mio controllo, dei miei schemi, dei miei pensieri malati.Forte perché diversa dagli altri. Forte. E basta.”Ma se così non fosse…non avremmo i problemi che abbiamo…
    Sono distrutta, letto caldo e un bel libro…domani altra lotta!
    VI ABBRACCIO…BUONA SERATA!

  591. miele dice:

    pensieri sparsi….spero di ricordarmi tutti quelli che mi sono venuti mentre vi leggevo…

    silvia il legame che mi lega al mio ragazzo è qualcosa di così profondamente umano, così elementare e semplice da essere il mattone con cui – in ogni giorno della nostra vita a venire – costruiremo il nostro mondo. Siamo una squadra, e con la mia squadra ho deciso di condividere il bello e il difficile, e lui fa altrettanto con me.

    Aleph anch’io insisto un po’…magari non stavolta, ma in generale…raccontaci anche tu che cosa ti passa per la testa, che cosa ti succede, cosa ti fa arrabbiare o ridere…

    Chiara*, beata sincerità….questa forte ambivalenza verso la malattia traspare sempre dalle tue parole, ma leggero scritto qui mi fa pensare che forse qualcosa si sta muovendo, nella tua testa c’è sempre più consapevolezza. Forse dirtelo non servirà a niente, ma io ci provo: crogiolandoti nella malattia tu stai rinunciando a costruirti, scegli di “mantenere” (la forma del tuo corpo, ad esempio) per non cambiare (amici, ragazzo, relazioni, lavoro, modo di pensare). Molte volte hai parlato di una “maschera”…ecco, pensa alla tua vita futura con quella maschera che ti si cementa sul viso, perchè se scegli di preservarti così nel tempo, con questo corpo e questo stile di vita, la maschera sarà la tua unica amica. Un’amica diabolica, beffarda, subdola.

    Azimut, il cibo non attacca proprio nessuno. Sei tu che gli fai la guerra, anche quando ti sembra che sia lui a far violenza al tuo corpo.
    L’immagine che hai descritto…suggestiva…ho sentito profumo di lavanda…ho sentito stoffe svolazzare nell’aria fresca…un paesaggio quasi nordico…

    Ilariuzza, ho elaborato ;)
    Dunque, la mia impressione è che tu sia come in un periodo di attesa, di sospensione. Non sai cosa fare di te, cosa essere, cosa diventare. E riempi tutto questo con il cibo.
    Lasciami dire che dovresti coltivar eun po’ di sano egoismo. Senza nulla togliere al tuo fidanzato, che di certo ti vuole un bene immenso, io credo che tu dovresti prenderti un periodo di pausa dall’ambiente in cui ti trovi. Non hai un’amica, magari della tua città d’origine, che potrebbe ospitarti per qualche tempo, e magari qui in zona intanto consulti un nutrizionista e ti fai seguire per un po?
    Alternativa: torni in Italia solo per qualche giorno, magari vai a roma o in quelle zone, ti rivolgi a qualcuno che poi possa seguirti a distanza, anche tramite il computer (skype o simili), e vederti solo ogni tanto, ma che ti consigli e che tu possa chiamare quando stai come in questo periodo…
    Parlo seriamente: prendi in mano la situazione.

    Laura…se ti capita come è successo a noi…niente internet per quasi 3 mesi…stavo per fare un vodoo a Telecom…:)

    Polla, ti ordino immediatamente di tornare qui a scrivere!!!

  592. miele dice:

    Ah…claudina: anche se ormai pranzo normalmente da anni, non c’è giorno che io non mi senta debole dopo mangiato…brividi di freddo, testa pesante, le gambe che sembrano tradirmi da un momento all’altro…sensazioni curiosamente simili a quelle di un calo glicemico…ma in realtà è il mio corpo che è totalmente impegnato nella digestione…quindi tranquilla, tutto nella norma :)

  593. Chiara* dice:

    strana giornata oggi.
    pensieri che affollano la mia testa. pensieri che non sono in grado nemmeno io di collocare, pensieri che non hanno un perché.

    buona notte angeli.

  594. silvia dice:

    Laura nn ti dimentikeremo, ti auguro di buttarti in questa avventira cn uno spirito nuov…finalmente sentendoti libera di esser te stessa, di essere una donna ke può ricominciare…ti penso molto!

    Miele, LunaBlu, Azimut…notte amike mie…

  595. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!

    Viste le numerose richieste, cercherò di raccontarvi qualche cosa…

    Bah, diciamo che in questo periodo sono un pò preoccupato per l’università. Sto iniziando a studiare per la tesi e mi sono accorto che ne ho scelta una davvero molto molto difficile. Mi piace, ne sono convinto, però diciamo che certi giorni mi butto un pò giù se non capisco niente…eheheheh…
    Poi va beh, le solite situazioni un pò strane e difficili con la mia amica, che in giorni come ieri in cui non sono già al massimo, non sempre riesco a gestire…le situazioni strane sono le solite, anche se lei in questo periodo è davvero cambiata nel rapporto con me: molto più affettuosa, molto più sensibile anche nei miei confronti. Spesso mi chiama al mattino solo per augurarmi buona giornata. Quando siamo in giro mi prende la mano e camminiamo mano nella mano. Mi dice che le manco. In certi modi, espressioni, frasi, mi fa cmq capire che un qualcosa c’è tra noi. Però poi, ad esempio, mi dice che sta uscendo con uno, che però forse non le piace, che è fidanzato…e non me lo dice per farmi allontanare o che, me ne parla come se fosse la cosa più normale del mondo dirmi che esce con un ragazzo…però poi insiste perchè io vada a vivere da solo così possiamo passare più tempo insieme, perchè, a quanto dice lei, ci vediamo poco (il che vuol dire normalmente 2-3 giorni alla settimana)…ah, e tanto per farvi spettegolare un pò, oggi, dopo che è stata male tutto il giorno, dopo che mi ha detto che esce con questo ragazzo, dopo che abbiamo camminato mano nella mano sotto la pioggia, prima di salire in treno, le ho più o meno dato un bacio per salutarla. Un bacio veloce, a stampo, che però lei non ha evitato, non ha fuggito, e anzi ha quasi ricambiato…
    Bene, direi che vi ho dato abbastanza materiale per spettegolare no????Dai dai, lanciatevi pure in commenti, così non pensate per un pò a cose brutte ok????Mi offro come scusa per non parlare di cibo, malattia, vomito, peso, lacrime ed altro!
    Ah, visto che di sicuro Laura come al solito vorrà sentirmi parlare anche di altre ragazze, ti dico che ne ho conosciuta una, molto carina e molto intelligente, che a quanto pare è molto interessata a me…la sto sentendo un pò, giusto per conoscerla meglio, ma al momento finisce qui, per ora non voglio uscirci…ehehehe, così darò adito ad altro gossip!

    Ah, tanto per dirvi proprio tutto, ero anche un pò giù perchè mi sto allontanando un pò da una mia amica in questo periodo, e mi spiace molto, perchè per me lei è una persona importante, lo è stata in passato quando eravamo insieme, lo è ora come amica…ma tra università, tesi e vite personali mia e sua, ci si sente e vede poco, il che mi spiace…

    Bene, direi che vi ho detto più o meno tutto per quello che riguarda me!
    Sono pronto a rispondere ad ogni domanda ora!

    Ecco, ora che ho scritto di me, non ho più il tempo di dedicarmi a voi!Uffffffff, maledetto bisogno di dormire!Quanto odio doverlo fare!Eheheheh…

    Domani sarò in università, entrerò qui solo a sera credo…mi raccomando, voglio trovare molti commenti!Scatenate le pettegole che sono dentro di voi!!!Ahahahaah, dai scherzo, vi prendo solo un pò in giro per portare un pò di buonumore qui stasera…

    Un pensiero per tutte, in particolare a Silvia, Vaniglia, Azimut, Chiara, Miele, Marianna, Claudina, Ilaria…che le altre non mi maledicano però!

    Buonanotte

    Aleph

  596. Aleph dice:

    Ah, ho dimenticato, dovrei aggiungere anche qualche incomprensione con i miei genitori, in generale, e riguardo ai miei studi anche…nonostante vada molto d’accordo con loro, è un periodo in cui sento un gran bisogno di indipendenza, di staccarmi almeno in parte…

  597. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Sono di corsissima e in straritardo.
    Oggi sarò fuori tutto il giorno per il corso di formazione e stasera a cena fuori in famiglia per il compleanno di mia sorella.
    Non vi sto a spiegare come questo mi crei disagio.

    Spero che questo mercoledì possa trascorrere per voi nel migliore dei modi.
    Vi abbraccio

  598. Maria Letizia dice:

    Non ho alcuna influenza nè mal di gola nè raffreddore, ma dopo una notte insonne e attacchi di panico…quasta mattina non avrei retto 8 ore di scuola e il confronto con la vicepreside. Mi vergogno, mi sento una bambina che ha paura di ciò che non è in grado di affrontare, ma oggi non me la sono sentita di farmi violenza…ho deciso di provare ad amarmi. Che dite…sono una vigliacca?

  599. Luna Blu dice:

    Buongiorno!!!!
    Maria Letizia…organizziamo…al Valentino che ne pensi? Si puo’ fare domenica pomeriggio…ma devo ancora capire quando mi montano la camera da letto…mi han detto domenica ma non l’ora ;-)

    Oggi voglio parlare di Aleph…
    Da quello che ho percepito io…a te non paice quest’altra ragazza…ti piace lei…la tua amica…lei che ti tiene per mano sotto alla pioggia…lei che quasi ti bacia…lei che si comporta un po’ come facevo io…

    “Però poi, ad esempio, mi dice che sta uscendo con uno, che però forse non le piace, che è fidanzato…e non me lo dice per farmi allontanare o che, me ne parla come se fosse la cosa più normale del mondo dirmi che esce con un ragazzo…”

    Facevo anche io così…e ci uscivo poi…ma era sempre vero che non mi piaceva l’altro…a volte non ci rendiamo conto di ferire i sentimenti di chi ci sta vicino…o ci piacerebbe che l’altro ci impedisse di uscirci con l’altro….è come il cibo…così con gli uomini…va bene qualsiasi cosa basta che sia commestibile…e poi ci vien lo schifo e giù a vomitare…e non parlo di cibo…

    Aleph…se posso dirti al mia opinione dille quello che pensi…dille che ti fa star male…magari è proprio quello che aspetta…che tu le dici che cosa provi epr lei…

    Secondo me la sua è anche una sorta di punizione nei tuoi confronti…si fa così quando dell’altro nn ce ne frega niente ma ci fa piacere essere amate…e non mi sembra il tuo caso…visto che lei ti cerca…e ti vuole vedere…oppure si fa così perchè si è arrabbiati che l’altro non si scopre…si è arrabbiati eprchè l’altro non agisce…
    Aleph…mia opinione ovviamente…

    un abbraccio grande a tutte …

  600. Luna Blu dice:

    Diemnticavo…Maria Letizia…hai fatto bene ;-)

  601. miele dice:

    No Maria Letizia, non sei una vigliacca.
    Però io ti sento letteralmente spaventata dalla vita…non solo dagli avvenimenti a scuola, ma anche dalla vita di tutti i giorni…dalle giornate normali, dagli impegni di Ale, dai SUOI problemi di lavoro, dal brutto tempo…
    cosa hai paura che possa succederti? qual è, dov’è, cos’è questo spettro perenne?

  602. Azimut dice:

    Aleph…non so, magari lo hai già fatto…ma prenderla fra le braccia e darle un bacio vero?

    Miele sì, nella mia mente era uno scenario irlandese…

    Oggi diluvia. Spero di stare meglio di ieri. Anche la notte è stata un incubo continuo. Avevo solo la testa. Una donna mi prendeva e mi posava un po’ qui un po’ là. Alla fine mi ha messo la protesi di un corpo. Chissà chi era quella donna…

    yris tutto bene?

  603. Maria Letizia dice:

    Grazie Luna, mi sento più serena…domenica non posso, nel we è l’unico momento che posso stare con Ale.
    Miele, hai ragione..sono spaventata, ho riflettuto molto su cosa mi fà paura, la risposta alla fine è una sola, ho paura di crescere…di diventare donna, delle responsabilità, ci sto lavorando con la dott.ssa, ma a volte mi sebra di essere troppo debole per sostenere tutto il carico di problemi (a volte inventati da me o alimentati da me) e desidero solo una cosa…sparire, da qui, il desiderio di magrezza-trasparenza, per scivolare senza far rumore nel silenzio, senza dare fastidio a nex.Lo so, quando sono davvero giù, come oggi, penso che se anche me ne andassi da questo mondo, soffrirebbe la mia famiglia, Ale, ma poi? Chi mi vuole veramente bene? M s.tutto mi sento così incapace a vivere che davvero vorrei donare la mia vita a chi sta lottando per vincere la morte come un malato di tumore, a volte mi sento davvero incapace a stare al mondo.
    Ho scritto cose tremende, lo so…mi spiace, ma devo sfogarmi…

  604. miele dice:

    Maria Letizia, più che tremende, le cose che hai scritto sono forse un po’ retoriche. C’è chi combatte per un tumore, e chi combatte per altre cose, e quelle persone decideranno se provare a lottare o meno, ma è proprio la lotta che – se si supera la malattia – rende più forti e più presenti. Tu invece, prova a valorizzare la tua di vita: sembra che tutto ti accada, che tu non abbia nessuna parte attiva nelle cose, nei rapporti, nelle situazioni. Che davvero tu sia una bambina indifesa e impotente. Quando hai cominciato a sentirti così?
    Il mio comunque non vuol essere un giudizio, sia ben chiaro, ma solo un punto di vista.

    …mannaggia…Azimut, quand’è che mi insegni a diventare un po’ più abbracciosa e coccolosa?!?

    Aleph! Tu per moltissimi aspetti del tuo carattere e modo di pensare ed agire, assomigli al mio compagno. Noi siamo stati amici per circa due anni prima che la nostra storia iniziasse. Lui per me rappresentava una persona positiva, un buon punto di riferimento, ma in effetti non molto più di questo. Perchè non si scopriva, non si esponeva mai davvero: metteva al primo posto me e i miei desideri, i miei umori, le mie paturnie varie. Mi aveva fatto capire che gli piacevo, ma non faceva nulla per stuzzicarmi emotivamente: secondo lui, doveva bastare il suo modo di essere per farmi decidere. Mi aiutava in tutto, era sempre disponibile, presente. Mi raccontava le sue idee, i progetti, le avventure lavorative. Ma io in sostanza non lo vedevo. Era come uno sfondo a cui mi ero abituata. Fino a che lui stesso, per non farsi più del male, durante una vacanza di gruppo ha cominciato a non guardarmi più così tanto, a stare di più con gli altri, a scherzare e dedicarsi ad altre ragazze. Lo ha fatto senza premeditazione, ho saputo poi. Aveva bisogno lui stesso di aprire l’orizzonte ad altro, perchè io non dimostravo di voler rischiare nulla con lui. Questo suo atteggiamento l’ho avvertito subito, era una cosa strana allo stomaco…mi faceva arrabbiare quasi. Due settimane dopo, ci siamo baciati per la prima volta, e da allora non ci siamo più lasciati andare. Sono stata io a prendere l’iniziativa, io che in quella assenza ho percepito la sua presenza. E una sera, mentra camminavamo da soli, mi sono posta da sola davanti ad un bivio e ho voluto tentare, tentare qualcosa anche senza esserne del tutto sicura. E poi l’ho scoperto pian piano, e nel corso dei mesi mi sono innamorata di lui. E ogni giorno ringrazio il mio Essere Superiore perchè lui sceglie di condividere sè stesso con me.
    Ecco non so perchè ti ho raccontato questo…non è un modello da seguire o cose del genere, ma solo un esempio…a volte le persone vanno portate dolcemente a scegliere…a prendere posizione sulle cose…

  605. Luna Blu dice:

    Azimut…il tuo sogno è così chiaro…sempre un mio epnsiero ovviamente…

  606. Azimut dice:

    Miele ma lo sai che io in realtà sono un iceberg? Ne sa qualcosa Pina che continua a ripetermi che non ho fatto altro che camminare con le braccia incrociate davanti e secondo lei era segnale di chiusura…

    Luna Blu commentalo pure, mi fa piacere…

  607. Maria Letizia dice:

    Non preoccuparti miele, anzi…grazie. Quello che scrivi è così vero…”sembra che tutto ti accada, che tu non abbia nessuna parte attiva nelle cose, nei rapporti, nelle situazioni. Che davvero tu sia una bambina indifesa e impotente.” Il tutto è cominciato pian piano, un liceo che ha cancellato ogni autostima, un’università tutto studio e niente amici, prima di Ale ragazzi, bravi, ma non “giusti” per me, succhiavano solo le mie energie e mi hanno laciata a secco. Poi lo scontro con il mondo del lavoro: 2 anni bellissimi in una scuola che sembrava mi adorasse, il terzo anno, q.do i miei disturbi alimentari sono peggiorati, mi hanno “invitata”, con ua scusa a “togliere il disturbo”. Poi la scuola dell’anno scorso: 2 classi indiavolate, nex aiuto dai colleghi, solo critiche e a fine anno nex riconferma per l’anno sucessivo. Ora, pur amando il mio lavoro, ho paura di tutto, ogni critica mi abbatte e se anche cerco di pensare che non sempre hanno ragione gli altri, il mio corpo, la parte più emotiva di me,cede: ed ecco la depressioe e gli attacchi di panico…forse sono esperienze che tutti fanno quando iniziano a lavorare, ma io mi sento tanto deoralizzata, al punto che sto pensando seriamente di rimettermi a studiare e laurearmi in scienze della formazione…magari , per la mia sensibilità, la maestra d’asilo potrebbe essere più adatta…sono così confusa e spaventata..

  608. Polla dice:

    ..Eccomi qua.. non so cosa sto facendo in qsti giorni,ma ci sto mettendo un sacco di impegno..sto provando a spezzare degli schemi e lasciarmi un po’ a caso e all’imprevisto.. a volte traggo vantaggio da ciò e via di buon umore, a volte invece mi sale un nervoso incredibile! Sono successe delle cose in comunità.. cioè un operatore ha iniziato ad “indagare” riguardo alla mia magrezza e lo ha fatto davanti alle ragazze della comunità e la cosa mi ha smosso dentro.. su diversi fronti. non che avessi bisogno del suo giudizio,ma cmq è pur sempre un qualcuno che osserva,che mi vede dal fuori..nonostante non abbia nulla da dire riguardo ai miei atteggiamenti e nonostante il mio aspetto fisico(benchè magro) non sia così un chiaro segnale del mio disturbo, qualcosa si è notato. Ieri ho fatto merenda di nuovo con le ragazze e abbiamo mangiato un biscotto gelato,per me del tutto inutile nella mia testa(perchè avevo mangiato gelato anche dopo pranzo..),ma l’ho fatto senza pensare.. senza neanche ascoltarmi,poichè cmq ancora di fronte a certe scelte riconosco che c’è confusione e.. quindi? male che vada ho mangiato un gelato in +! e stop. Certo che importa se lo volevo o non lo volevo,ma in qsto momento non riesco sempre a capire.. quindi,si fa,ci si prova..
    Oggi sono stata dalla psicologa e sento che mi ha fatto bene.. ne abbiamo parlato.. e ora sono molto + tranquilla.. nonostante la mia sensazione di essere ingombrante in qsti giorni sia a livelli altissimi,semplicemente perchè sto mangiando di +,fuori da schemi,da alcuni schemi.. allontano il pensiero.. e continuo.. a volte con tristezza nel cuore a volte con la grinta di volerlo fare perchè mi sembra la cosa + giusta del mondo. si alternano le fasi..
    MariaLetizia.. non è questione di essere vigliacca.. io penso che a scuola ci saresti dovuta andare cmq,ma allo stesso tempo,penso che possiamo sempre scegliere e siamo noi che lo facciamo.. e le scelte portano conseguenze, in ogni caso, qualsiasi cosa si decida di fare..e come sempre non c’è giusto o sbagliato in assoluto,c’è quello che sembra giusto per noi e allora lo è e basta. credo che se tu avessi un po’ + di energia,una notte in bianco non ti porterebbe a non andare a scuola,credo che succeda anche alle altre maestre di non dormire magari,ma credo anche che nel tuo caso,sapendo di avere un problema,la situazione sia diversa..ma allora che il tuo problema sia messo al primo posto,ma davvero..prenderlo in mano in un qualche modo! Hai fatto bene a non andare se non te la sentivi,ma non dimenticarti il motivo per cui non sei andata.. non è solo stanchezza,ecco. Forse sono stata un po’ confusa.. magari poi provo a rileggere e a vedere di chiarire meglio la cosa.. Oggi cosa farai? ..
    Ilaria.. ma proprio non riesci a prendere il treno una volta la settimana ed andare a Cagliari? lì ci sono dei centri specializzati in dca.. si,il nutrizionista credo che ti potrebbe aiutare,ma deve essere uno competente in qsto campo,non credo che ti basti una dieta da seguire,credo che serva tenere in considerazione anche altro..

    Aleph,anche io credo che tu debba esporti un po’ di + con qsta ragazza.. cioè.. non è che tu debba darle un ultimatum,ma essere + esplicito e dirle che certe cose ti fanno soffrire,altre ti fanno stare bene e che il tempo che le dedichi è speciale,perchè per te lei è speciale e che le vorresti stare vicino in modo diverso,ma la vorresti anche sentire vicina tu. non a senso unico.. non sotterrati,non metterti da parte.. provaci!
    Chiara* complimenti per la tua SOLO una pizza.. eheheh.. sono davvero contenta per te!
    Miele.. come stai? che ci dici di te in qsti gg? ah,ragazze.. l’altro giorno avevo bisogno di un confronto e ho telefonato a Miele.. poverina, 30 min. di telefonata!!! ma è stata un angelo.. grazie ancora! e tieniti reperibileeee… ahaha.. scherzo ovviamente!
    Laura.. che meraviglia che tra poco andrai a vivere con il morosino.. anche a me in qsto periodo piacerebbe avere qualcuno da amare.. ne sento proprio la necessità,ma.. ruberò qualche pretendente a LunaBlu.. ahahah!

    Qui continua a piovere.. bruttissimo tempo.. grigissimo,ma almeno non fa freddo che è la cosa che + mi pesa.. dai dai! la primavera è dietro l’angoloooooo.. fiuuuuum.
    Baci.

  609. Azimut dice:

    Polla, ne ha per tutti i gusti Luna Blu…. fighi e sfigati… hi hi hi… ora mi uccide lei e risolvo il problema :-)

  610. miele dice:

    Polla eccoti finalmente!

    In questi giorni ci vado giù grintosa, più del solito. Diciamo che, per gli spuntini, sto spaziando a 360 gradi sul tema “cioccolato”…cioccolato e nocciole, pane e cioccolato, snack al cioccolato, torta al cioccolato…almeno non rischio di essere triste :)
    In questi giorni ho il ciclo, che arriva sempre quando vuole lui ma almeno arriva. Oggi sono uno straccetto, ho una faccia…e totale calo di energie…ma credo che già domani andrà meglio.

    Ragazze, qui piove e piove e piove…mi sta piovendo dentro casa, da sotto la porta…che roba!

  611. miele dice:

    Ah, e per la cronaca, non è che io stia mangiando e questo non abbia effetto alcuno su di me…il viso è obbiettivamente più pieno, anche il “lato B” si è ammorbidito…me lo dicono tutti, quindi lo assumo come dato di fatto. Ma al momento non mi disturba.

  612. Ilaria dice:

    Buongiorno ragazze, domani fatidica partenza per le terme, quindi fino a domenica non mi rivedrete (che sollievo per voi eheh).
    Mi sento un’emerita cretina e impedita ma… non so usare i Tampax!! Ahahahahahah! È la prima volta che mi si presenta questa necessità, a meno che non voglia passare 3 giorni nella palestra del centro benessere anziché nell’idromassaggio… però ho già fatto 4 tentativi a vuoto… ma posso essere più deficiente??!! Vi do l’autorizzazione a ridermi dietro
    Detto ciò, rispondo brevemente a Polla e poi mi accingo a cucinare il pranzo. Sai, solo l’idea di prendere un qualsiasi mezzo di trasporto mi mette lo stomaco sottosopra, se poi lo faccio veramente ho gli attacchi di panico! E ciò mi succede da sempre e con qualsiasi mezzo. Voglio dire che, quando andavo all’università ad esempio, e dovevo prendere l’autobus tutti i giorni, tutti i giorni avevo due attacchi di panico, uno all’andata e uno al ritorno. Per fare l’esame di guida ho dovuto farmi sedare (lo so, va contro qualsiasi regola, ma altrimenti nemmeno ci salivo in macchina…). In aereo mi addormentano come fanno per il trasporto animali… In nave vomito tutto il tempo. Quindi l’idea di andare a Cagliari è apprezzabile, ma non così e soprattutto non da sola… magari potessi teletrasportarmi :-(

  613. Ilaria dice:

    Ah, Maria Letizia… come già ti dissi tempo fa, per una volta mancare ai nostri obblighi/doveri può anche andare… far finta di stare male per non andare a scuola però è molto infantile, lasciamelo dire. Anche se ne hai disperato bisogno, non è questo il modo per prenderti cura di te, secondo me… fuggire è un falso rimedio, e comunque solo temporaneo.

  614. Luna Blu dice:

    Che giornatina..ihihihhhh…Azimut…ne ho per tutti i gusti…ce ne sarebbe un’altro..ma questo nn passa proprio inosservato…è molto bello…nn mi piace però caratterialmente…troppo ingegnere…non c’è feeling…siamo amici…è stato molto esplicito…credo che ci proverà appena sarò veramente sola…non è sfigato…ahahhahhhahhh…cmq sabato siam usiti a farci un giro in centro (Pina non leggere..)…si vede in una mia foto su facebook che ci siam fatti quando c’è stata la gara sul fiume e lui è venuto a far foto…ve l’ho detto…ve lo avevo raccontato…cmq via Po a Torino…e un ragazzo si è fermato a farmi i complimenti…che figura!!!! ahahhhahh…e nel mentre quasi mi ha tirato l’ombrello in testa…il mio amico mi prende in giro che non era mai uscito con una ragazza che le facessero i complimenti per strada.. :-)

    Il sogno di azimut…

    Avevo solo la testa. Una donna mi prendeva e mi posava un po’ qui un po’ là. Alla fine mi ha messo la protesi di un corpo. Chissà chi era quella donna…

    e se quella donna fossi tu stessa?
    Forse vuoi solo la testa…e vorresti cambiare tutto il tuo corpo con una protesi…quel corpo che non ami e continui a martoriare privandolo di cibo e nutrimento? Quel corpo che rappresenta la tua parte femminile…il tuo essere donna ….

  615. Luna Blu dice:

    Ahahhhhahhh…Ilaria…prova con gli ob…son più facili… ;-) …anche io all’inizio non riuscivo ad usare assorbenti interni…ma si parla di anni e anni fa…avevo circa 17-18 anni… :-)
    Per quanto riguarda la storia di a casa da scuola per Maria Letizia non lo trovo epr neitne infantile…anche star male psicologicamnte è cmq star male! …Non si dovrebbe mai banalizzare il proprio stato emotivo…
    Maria Letizia…se vuoi parlarmi su facebook…ci sono…leggo e rispondo…a meno della titolare…quindi non ti sentire di troppo ;-)

  616. Ilaria dice:

    Non era mia intenzione sminuire lo stato d’animo di Maria Letizia, solo che secondo me non si può e non si dovrebbe trovare la facile scappatoia ad ogni difficoltà… ripeto, per una volta si può anche fare, ma poi?

  617. Maria Letizia dice:

    Dopo la “chiaccherata” con la vicepreside che ho avuto ora…è stato meglio essere rimasta a casa: gli insulti per telefono li ignoro facilmente, ma di persona no…Polla, non è stata la notte in bianco a farmi capire che era meglio stare a casa, ma gli attacchi di panico (che da tempo erano scomparsi)Ero già per strada, un nodo alla gola, la tachicardia…be, non serve descrivervi com’è un attacco di panico..il mio problema è al primo posto 24 ore su 24, sto cercando altri aiuti per risolverlo C.que grazie per le tue parole, per nulla confuse, oggi andrò dal medico e sentirò cosa mi consiglia anche per i prossimi giorni.
    Ilaria, come tu scrivi, non è mia abitudine “mancare ai nostri obblighi/doveri”, anzi pensa che appena adesso la vicepreside si è lamentata che a scuola io faccio troppo, che vengo a scuola anche q.do sto male!Una serie di attacchi di panico però per me non sono una finzione (scusa la schiettezza…)

  618. Azimut dice:

    Maria Letizia oggi non eri in condizione di andare e hai preso la decisione che in quel momento ti è sembrata più giusta. STOP

    Luna Blu ma come mi fai sempre divertire…. io però con gli ob ho sempre fatto un macello, preferisco i tampax…
    Ma ma ma….. e l’ingegnere bonazzo da dove salta fuori?
    Per il sogno… fra poco vado dalla psicologa, vediamo cosa esce fuori

  619. Ilaria dice:

    Scusa Maria Letizia, avevo capito che avevi detto di avere l’influenza pur non avendola per rimanere a casa da scuola, evidentemente ho frainteso… no, lo so bene cosa sono gli attacchi di panico, sono una cosa serissima e debilitante :-(

  620. Luna Blu dice:

    Bonazzo…Pina dice che è un bel tipo…anche i miei amici del circolo…ma a me proprio nn dice nulla …
    Ecco al epnso come azimut per quanto riguarda Maria Letizia…
    Azimut allora tu sei da tampax..io da ob …chissà Ilaria se è della mia o della tua..ahahhhahhh….
    Un abbraccio grande Azimut! :-)

  621. Ilaria dice:

    Ho deciso che mi chiuderò 3 giorni in palestra…

  622. Luna Blu dice:

    Ilaria…nooooooooooooo….e poi chi sarebbe quella che scappa…Maria Letizia?
    …”non si dovrebbe trovare la facile scappatoia ad ogni difficoltà” …
    Il mio psicoanalista diceva che quando parliamo spesso parliamo di noi…
    Ma è la mia opinione Ilaria… ;-)

  623. Ilaria dice:

    Lo so lo so, predico bene e razzolo malissimo… è che mi vergogno troppo a farmi vedere in queste condizioni… e fra parentesi sto continuando ad abbuffarmi…

  624. Luna Blu dice:

    Ilaria!!!!!!!!!!!!!!!!! Vengo li e ti tiro le orecchie!!!! ci fosse Pina…lei non si limiterebbe a tirarti el orecchie… ;-) …adesso fallo per me…molla lì quel cibo e vatti a fare un giro…

  625. miele dice:

    …e fra parentesi io no ho neanche mai contemplato L’IDEA di mettere un assorbente interno…ecco, io sono da pannolone!
    Ho sempre un ciclo abbondante e doloroso, durante il quale faccio qualunque cosa arrancando per la fatica. Faccio le solite cose, ma mi sento piuttosto impedita nel farle.
    Il punto, però, è che ho un rapporto totalmente limitato con la mia sessualità, con le parti femminili del mio corpo. Fase del ciclo a parte, faccio come se non esistessero. Quanto mi dispiace di questo..
    Ilaria, infilati quell’assorbente e vai in acqua anche per meeeee!

  626. Ilaria dice:

    Mi viene da piangere… oggi non ho fatto altro che muovermi per stare il più possibile lontana dal cibo… sveglia alle 6 facendo finta di dover fare altri prelievi (e quindi digiuno da ieri sera), prima passeggiata, tornata in tempo utile per far capire di aver fatto proprio ciò che avevo detto di dover fare… poi oretta e un quarto di tapis… poi pranzo, poi mi siedo al pc… e comincio. Non è fuggire anche il fatto di dover uscire di casa per non abbuffarsi?
    No, alla fine credo niente acqua… ho buttato via mezza scatola!! E poi… non mi si può guardare!

  627. Luna Blu dice:

    Ahahhhahhhhaahhh….Ilaria io non me lo farei dire un’altra volta…Miele mi sembra molto determinata…ahahhhh…qui finisce che veniamo tutte noi alle terme con te e ti portiamo una confezione gigante di tampax…o di ob …a seconda dei gusti…

  628. Luna Blu dice:

    Ilaria!!!! Allora avevo ragioen sei tu che scappi!!!!
    Quello di sucire di casa per non abbuffarsi non la chiamerei fuga…la chiamerei valida soluzione per distrarsi…
    Raccontami qualcosa che adori fare…

  629. Ilaria dice:

    È questo il problema Luna, ormai non riesco a trovare più nulla che adori fare, al massimo c’è qualcosa che mi piaciucchia, come cantare ad esempio, ma non lo posso fare perché disturbo i vicini che vengono subito a bussare… adoro solo mangiare.

  630. pina dice:

    ragazze buon pomeriggio, aleph
    a dispetto di quello che dice luna blu (tanto pina non legge) io leggo eccome, magari non tutto, magari non sempre ma leggo tutto quel che posso, mi son resa conto che ultimamente il mio nome è citato spesso, questo sarà il segno che vi manco? a me, inutile dirlo, voi mancate tantissimo, avrei piacere di dedicarvi tutto il tempo che ho ma, vi assicuro, me ne rimane così poco per fare ciò che mi piace e una delle cose che mi piace di più siete proprio voi.

    scappo, come al solito ho gente in ufficio, vi bacio e vi tengo strette

  631. Azimut dice:

    Ilaria secondo me stai proiettando sull’assorbente e in questo modo potresti anche buttare 5 scatole. Non vuoi andare in acqua perché non vuoi spogliarti. Come facevo io quando dicevo di aver freddo e restavo in maglietta sulla spiaggia a 35° perché non volevo mostrare il seno in bikini, che poi era invece un seno normalissimo, certo non piatto ma come hanno milioni di donne. Prova a pensare che le terme potrebbero invece aiutarti a distogliere l’attenzione dal cibo, l’idromassaggio un modo per coccolarsi e prendersi cura di te… Ci proviamo?

    Silvia, Marianna dove siete? E le altre?

  632. Ilaria dice:

    Certo che non voglio spogliarmi, ma davvero non sono capace di usare quei maledetti cosi! Per adesso il mio unico pensiero è quello di vomitare, ma neanche quello so fare!

    Scusatemi per questi discorsi del cavolo, buon pomeriggio a tutte.

  633. miele dice:

    Ilaria:
    STOOOOOOOOP.
    Stai andando nel pallone tra cibo, assorbenti interni ed esterni, bikini & pensieri di vomito.
    Adesso stop.
    Non è vero che adori solo mangiare: adori ANCHE mangiare, ok, ma cos’altro? E comunque, cos’altro puoi fare oggi per te? Sono sicura che se ci pensi, una cosa la trovi.
    E se poi alle terme non ti vorrai spogliare, allora starai in palestra, o a farti fare un massaggio…è tutto ok Ilaria…
    Anche per me stare in costume è sempre un problema. E pensare che adoro il sole e l’estate…vivrei ai tropici se potessi. Ma allo stesso tempo so che l’estate non posso mai godermela fino in fondo, il mio copro non me lo permette…pazienza, ci ho convissuto finora e ci convivrò in futuro.

  634. miele dice:

    Ilariuzza…presa dal morbo del curioso sono andata su FB a guardarmi un po’ delle tue foto…ma cavolo…tu sei carina, e “te sì magra impirà”, come si dice qui da noi! hai detto che sei sproporzionata…io vedo piuttosto degli sbalzi di peso tra un periodo e l’altr, ma in generale una bella figura…anche in costume :)

    adesso ti lascio e vi lascio…faccio la doccia e poi…stasera bis settimanale di pizza!

    vi abbraccio, Ilaria cerca di stare bene alle terme.

  635. Ilaria dice:

    Ahahahahah magra impirà!! Da quanto non la sentivo questa :-D
    Ieri mia mamma mi ha detto: “ma per forza salti il ciclo, quando una è anoressica…”. Avrei voluto sputarle in faccia attraverso il telefono se avessi potuto. Non sa nemmeno cosa dice, poveretta.
    Poco fa ho formulato questo pensiero: spero di annegare alle terme, non devo nemmeno impegnarmi tanto, non so nuotare e riesco a bere acqua anche se tocco! Poi, dopo aver preso un respiro, ho pensato un’altra cosa: ho sfidato la sorte finora. Il mio peso è stato di 65 kg fissi per anni e anni, vorrà dire che è quello il mio destino, che ho assaporato per un attimo l’ebbrezza dei 48 e poi qualcuno lassù ha deciso che basta così, che devo tornare la Cenerentola di sempre…

  636. Chiara* dice:

    Buona sera angeli.
    Scusate se non rispondo ma non ho avuto il tempo di leggere nulla e considerando quanto avete scritto ora proprio non riesco a mettermi qui a farlo con calma perché devo scappare a prepararmi.
    C’ è il compleanno di mia sorella e usciamo a cena.
    Spero che questa giornata sia stata positiva per voi più di quanto lo sia stata per me.

    Vi stringo forte.
    A domani.

    PS: vi saluta la nostra Silvia. Mi ha detto di avvisarvi che per un paio di giorni non potrà passare di qui perché ha degli impegni che la terranno lontana dal pc.
    Vi pensa molto e vi abbraccia

  637. Ilaria dice:

    Chiara, non ti preoccupare, non ti sei persa molto, per quanto mi riguarda ho intasato il forum con il peggio delle mie paranoie :-(
    Piuttosto posso immaginare quanta agitazione ti possa mettere la cena di stasera… dai, metticela tutta! Ricordati dell’ultima pizza che hai mangiato: ce l’hai fatta allora, ce la puoi fare ancora!

  638. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!

    Grazie per chi mi ha commentato, mi ha fatto davvero molto piacere…

    Luna e Miele in particolare mi hanno colpito molto le vostre parole…in qualche modo sento che mi sono entrate dentro e che avevo bisogno di sentirmele dire. Grazie!
    Ora sono un pò stanco per commentarle meglio, scusate…

    Chiara, spero che tu sia riuscita a passare una serata tranquilla per il compleanno di tua sorella. Domani se riesci passa e raccontaci com’è andata!Io ti ho letto prima di cena e ti ho pensata tanto. E continuo a farlo. Ah, e grazie per le news su Silvia che ci hai dato.

    Ilaria, da bravo maschietto del gruppo evito di inserirmi nella discussione odierna e ti dico solo: goditi al massimo questi 3 giorni!STOP.

    Polla!!!!!!!!!!!!Bentornata!!!!

    Miele……ci tengo a ricordarti che abbiamo ancora una sfida aperta noi!!!!Ehehehehehe…

    Azimut……….sai, non so dirti bene il perchè, ma stamattina mentre ero in treno mi sei venuta in mente…avrei voluto scriverti in quel momento!

    Yris……..

    Vaniglia, ti penso sempre.

    Marianna, come stai????

    Claudina, come è andata oggi???

    Girasole, Uhmuhm………..

    Pina!!!!che belle sorprese quando passi a scriverci!

    Domani per vostra fortuna dovrei essere di casa, quindi potrò scrivervi alla grande…
    Stasera sono proprio stanco, mi prendo un bel libro (devo ancora scegliere quale tra la montagna che ho sul comodino) e mi metto a letto a leggere…

    Buonanotte a tutte, e sognate le cose più belle!!!!!

    Aleph

  639. Azimut dice:

    Aleph cosa avresti voluto scrivermi?

    Ragazze oggi non ci sarò, vado a visitare qualche paesino dell’interno. Speriamo di non prendere troppa pioggia. Vi abbraccio e vi tengo con me

  640. laura dice:

    aiuto sto impacchettando tutte le mie cose, tutti vestiti tuutte le scarpe i trucchi tutto, tutta la mia vita , che ansia sto realizzando che da domani sera non ci sono più qui. che ansia

  641. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Come state? Io così così.
    Non ho molta voglia di scrivere né di descrivere il mio stato d’ animo.
    Mi sento particolarmente instabile.
    Oggi è una di quelle giornate in cui vorrei starmene a casa e non vedere nessuno.
    Stamattina poi la mia Brioche (la cagnetta) si è fatta molto male. E’ caduta dalle scale e ha fatto un volo di 2 metri sbattendo a terra con la schiena.
    Ora si alza, cammina e non da segni di sofferenza ma ho paura che possa esserci un’ emorragia interna…

    Vi stringo forte.

    PS: Laura l’ ansia è normale!!! caspita stai facendo un passo importantissimo, la tua vita sta per cambiare radicalmente e finalmente diventerà la TUA vita! Sono contentissima per te!

  642. yris dice:

    ciao fanciulle!
    buona “unità”.. con voi/noi stesse
    con i nostri mille frammenti sparpagliati, con le mille facce della nostra identità.

    una volta mi lacerava il mio senso di scissione, e si materializzava nei miei r. jeckill e mr. hyde. una volta cercavo di nasconderlo, di dare forma omogenea al mio apparire, al mio stare nel mondo.
    una volta ero “la dottoressa Tizia” , la “professoressa Caia”, “il direttore Sempronio”.. :-)
    una volta stavo male…

    da quando invece ho cominciato ad accettare la scissione, a farne un punto di forza anzichè di debolezza, a gridare ai quattro venti il mio essere eclettico, meravigliosamente multiplo.. io sono un’altra!
    sono, semplicemente, “yris”.
    la yris professionale negli ambienti di lavoro, formale-ma-non-troppo con un tocco di creatività.
    la yris affettuosa, madre dell’universo ma anche rinnovata madre di me.
    infine la yris giocosa, che si perde per strada e trova ovunque fili invisibili a sorreggerla..

    vi auguro con tutto il cuore di fare pace con le tante meraviglie che avete dentro.. :-*

  643. yris dice:

    ah, dimenticavo: nel mio percorso di cambiamento una grande parte l’ha avuta anche il cambiare tante volte attività ruoli, funzioni, aziende, ambienti..
    destrutturando sempre più, abbandonando sempre più le “griglie” di una carriera fine a se stessa e andando invece verso la flessibilità, la libertà, la scelta..

    non spaventarti girasole, conosco bene il settore alberghiero, è una tappa dura, che forma, ma è solo una delle tante strade. muoviti, sperimenta, metti a valore l’esperienza, tenta e ritenta, sperimenta ancora..

    vi posto il link di un video bellissimo. è il discorso di Steve Jobs ai laureati dell’università di stanfrod, da ascoltare con attenzione fino alla fine, e riascoltare ancora..

    http://www.youtube.com/watch?v=oObxNDYyZPs&feature=email

    “Stay hungry, stay foolish!” (siate affamati, siate folli!)

  644. CANNELLA dice:

    buongiorno! YRIS bellissimo,ho visto il video,parole stupende che rigenerano! forse è così bisogna in qulache modo essere affamati della vita,per poterla vivere sin o in fondo senza divorarla avidamente!
    come state? io a fasi alterne,CHIARA capisco la tu ainquietudine,e vorrei che al di là di essa trovassi comunque in te oggi anche la scintilla positiva di un’altra emozione!
    Qualcuno per caso mi spiega perchè ci si tuffa sempre nelle storie sbagliate,con persone che nn fanno per te, che già sasi ti faranno soffrire!?!uff ho la capacità di scegliermi delle belle mele marce!!!anche ora mi ritrovo in una situazione assurda,perchè sono in bilico con una persona delle quale sono innamorata,ma che mi ha fatto solo male,lo conosco da un anno e dal primo momento è scoccata per lui una scintilla,percepivo in lui una persona sensibile e dolce,da ottobre ci siamo messi insieme, edopo due mesi di idillio,nei quali nn riuscivo acapacitarmi del fatto che potessi sentirmi felice,e quasi avevo paura ad esprimere questa sensazione di benessere,tutto siè accartocciato.perchè abbiamo iniziato a litigare per tutto,o meglio lui ha cominciato a controllare tutto di me facendomi sentire uno schifo perchè qualsisi cose dicessi o facessi a lui nn andava bene,perchè si aspettava altre cose che io dovevo fare e che nn facevo..io mi sono sentita sempre come se dovessi rincorrere lui in dimostrazioni sempre fallimentari:ero poco dolce,poco attenta,poco affettuosa,oppure troopo ansiosa,troppo sensibile,troppo emotiva…poco..troppo!come in un esame giornaliero!così pian èiano mi ha fatto sentire come se dovesi nascondermi,perchè nn andavo bene,ma io testarda mi sono incaponita sinora a cercare di dimostrargli che io sono una brava ragazza,affidabile,e sincera,mentre lui ha sempre avuto dubbi sul mio conto!nonostante io nnabbia mai dato adito alle sue convinzioni,mi ha fatto start male ,così male il fatto che lui mettesse sempre in dubbio tutto di me,non credesse minimamente ,nè avesse fiducianella mia persona.giorno dopo giorno ha demolito me,per plasmarmi come lui mi voleva..ed io in qualche m odo gliel’ho consentito,perchè dovevo dimostrrgli che io nn ero uno schifo!,,fino aquando mi sono resa conto che i miei sforzi sono stati tutti fallaci,perchè nn ero io il problema,era LUI!!da questo momento ho deciso che nn potevo e soprattutto io nn volevo essere come lui mi voleva,perchè io voglio essere solo me stessa.ma ciò mi fa soffrire perchè equivale a nn poter più stare con la persona che si ama!ma ho scelto me stessa forse per la prima volta in vita mia ho dato più importanza a me!

  645. yris dice:

    cannella, il comportamento del tuo amico ha un nome solo: PARANOICO, nel senso patologico del termine. hai detto bene: il problema non sei tu, ma lui.

    cose come questa servono per far chiarezza dentro di noi, e selezionare gli altri. purtroppo molto spesso ci si ricasca, ma almeno si ha una chance in più per riconoscere ciò che non va, ciò che non ci sta bene, ciò che non vogliamo.
    e scegliere invece ciò che vogliamo..

  646. CANNELLA dice:

    infatti paranoico forsE è il termine giusto,anche s elui l’ha adombrato invece cdome istinto di protezione nei miei confronti,perchè lui si ritenva impeccabile,al punto che poteva giudicare me,dato che sulla sua persona nn si poteva dir alcunchè a suo parere!ti dico solo che per scherzare lo definivo:il CORRETTORE,quasi come nelle santa inquisizione!mi sento sollevata dall’aver capito che io valgo più di qualsisai cosa e che nessuna persona al mondo può avere il potere di dirigere la mia vita,o di giudicarmi in tutto.però mi manca comunque perchè il cuore ne sente la mancanza,nonstante la testa m,i spinga a fuggirgli lontano!!!

  647. Maria Letizia dice:

    Oggi Sono daVvero giù…l’idea di dover passare ancora tre mesI in un ambiente di lavoro demoralizzante mi distrugge, ma ho trovato una “poesia” dI Madre TeresA che un po’ mi ha tirato su e per oggi voglio regalarvi questa:

    DONNA
    Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
    i capelli diventano bianchi…,
    i giorni si trasformano in anni….
    Però ciò che è importante non cambia;
    la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
    Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.
    Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza.
    Dietro ogni successo c`e` un’altra delusione.
    Fino a quando sei viva, sentiti viva.
    Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
    Non vivere di foto ingiallite…
    insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
    Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c`e` in te.
    Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
    Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
    Quando non potrai camminare veloce, cammina.
    Quando non potrai camminare, usa il bastone.
    Però non trattenerti mai!!!

    UN ABBRACCIO

  648. Polla dice:

    ..Buongiorno ragazze,
    come va in qsta giornata di festa? Grazie yris per il link.. :-) .
    Io mi sono svegliata tardissimo.. alle 11.30 ero ancora a letto.. niente sveglia,niente fretta.. non mi sembra vero..ho da poco fatto colazione e non nego che qsta cosa un po’ mi spiazza.. non è che io abbia degli orari stabiliti,ma mi sento sempre di tardare..come se qualcuno mi corresse dietro..ora voglio solo stare tranquilla e gestirmi al meglio qsta giornata di totale libertà.. mi piacerebbe mettermi a fare quelle cosine in casa che durante la settimana non ho mai tempo nè voglia di fare..ma spesso sono così assorbita dai miei stati d’animo e fissazioni che tutto il resto mi appare superfluo. ma credo che curarsi nel contorno sia importante,anche per imparare a fare cose diverse e a vivere in un contesto che ci piace,che trasformiamo a seconda delle nostre esigenze.. non so come dire.. in qsti giorni nonostante le mie fatiche per l’alimentazione,sono parecchio affaticata,ma è colpa del fumo.. lo sento che mi affanno facilmente e mi fa proprio schifo come cosa.. ma non perchè debba fare la maratoneta,ma perchè cmq è sempre un modo per farsi male e di esagerare.. cercherò di avere cura anche di quello.. alla fine credo siano tante cosa quelle che dobbiamo fare,ma tutte collegate.. tutte portano ad una ed unica conclusione.. NOI stesse.
    bene.. dopo qste riflessioni vi auguro una buona giornata.. spero stiate bene,spero sia una giornata positiva per tutte.
    A dopo. :-) .

  649. Cely dice:

    Grazie Maria Letizia…stupenda!!!
    Un abbraccio a tutte voi e in particolare a laura…anche se lo leggerai fra un mese ricorda che sei sempre nei miei pensieri. Un abbraccio anche ad Aleph.

  650. Chiara* dice:

    Mangiato e vomitato.
    Il pranzo è finito dritto dritto nel cesso.
    E intanto dall’ altra parte del mondo c’è gente che muore di fame.
    Mi faccio schifo. Provo una gran pena e un gran rammarico per me stessa.

    Cely che piacere rileggerti! come stai?

    Ciao angeli. Mi eclisso per un po’.

  651. laura dice:

    brava cannele, forse per la prima volta hai scelto te stessa, non so come commentare se non con brava, alle volte ci vuole coraggio lucidità e forza per tirarsi fuori da dei legami malati, proprio perchè quando ci si è dentro è difficile capire, si è invischiati e incominciamo a vedere con gli occhi dell’altro.

    cely ciao come stai? grazie del pensiero mi hai fatta felice

  652. Cely dice:

    Tesoro, abbastanza bene. Non mollare, non arrenderti…sei ancora all’inizio della battaglia e se oggi è andata male non è detto che domani debba andare di nuovo così. Ti penso…ti abbraccio Chiaretta!

  653. Cely dice:

    Di niente laura…sei speciale. In bocca al lupo per la tua nuova vita :)

  654. Maria Letizia dice:

    Chiara…siamo in due, è per questo che lo stress del lavoro mi fa paura, perchè mi è già successo, mi porta a non avere più la forza di combattere…ho paura e non so come fare. Tutti mi dicono “sii superiore”, ma intanto non sanno come mi trattano…scusate lo sfogo…

  655. Polla dice:

    ..MariaLetizia immagino che proprio non sia facile gestire qsta situazione di malessere al lavoro,credo che a volte possa essere demotivante e che ti faccia sentire non all’altezza della situazione,ma io non credo che sia così,anzi,io credo che tu abbia delle potenzialità da sfruttare nel tuo ambiente lavorativo,proprio perchè ci metti il tuo impegno e la tua passione.. ma a parte tutte le questioni di contorno.. cosa possiamo fare concretamente per cambiare la situazione? anche se fosse che le persone che lavorano con te sono dei rincoglioniti che non sanno vedere oltre il loro naso,tu che puoi fare per migliorare la cosa? in tuo favore intendo.. non credo che sia utile cercare di intervenire sugli altri,credo che tu,presa coscienza di certe dinamiche,puoi muoverti di conseguenza e cercare di viverti al meglio il tempo a venire.. è tuo diritto riscattarti,ma non per fare vedere agli altri qualcosa,ma sempre e cmq per te stessa, perchè credo che il lavoro possa essere uno stimolo in + per prendere in mano la tua situazione.. quindi.. che si può fare? che idee hai in testa?

  656. Polla dice:

    ..Chiara*,ma come mai oggi hai vomitato? che c’era che non andava? hai sentito quell’impulso che ti porta a farlo per sentirti meglio? o peggio? .. e riguardo alla cena di ieri? dici che c’è correlazione fra le due cose? ..

  657. Maria Letizia dice:

    Grazie Polla per le tue parole…oggi ho riflettuto e ne ho parlato con Ale: poche idee, ma decise per non farmi danneggiare ulteriormente:
    1)Sicurezza per la parte didattica per cui l’unica lamentela che mi ha mosso la vicepresde e che “faccio troppo per dei ragazzi che tanto non capiscono niente”(no comment)
    2)Ogni giorno o quasi le rompo le scatole per sapere da un punto di vista burocratico (ambito dove mi ha detto che sono poco presente) cosa c’è da fare…mi ha detto di chiedere e fare?Bene…e io le romperò le scatole fino allo svinimento.
    3)Niente compassione e sfiducia in me stessa, ma sicurezza: questo la spiazza
    Se q.no ha altri suggerimenti sono ben graditi!Grazie!!!

  658. Chiara* dice:

    Polla la correlazione con la cena di ieri è palese. Purtroppo.
    Ho vomitato pur avendo mangiato normalmente. Perché sentivo il bisogno fisico di farlo. Di punirmi. Di sentirmi “libera e pulita”.
    Oggi ci ho provato ancora a trascorrere una giornata normale.
    Passeggiata sul lago, 4 chiacchiere e qualche coccola.
    E poi stasera… gli amici che hanno voluto trovarsi per mangiare qualcosa. Si va in pizzeria. Dove fanno SOLO pizza.
    Costretta a prenderla anch’ io. E il solo pensiero mi manda in panico. Così inizio a bere e bere e bere… e al tavolo mi ritrovo l’ unica completamente ubriaca fradicia.
    Ora sono qui. Che non riesco a tenere nemmeno su la testa da quanto sono fuori. Che non ho né la forza nè la voglia di chiudermi in bagno a vomitare.
    E il non farlo so che domani mi farà stare così male che digiunerò trovando ogni scusa per poterlo fare.
    Non so perché deve andare così. Non lo so.
    Ora ho solo bisogno di buttarmi a letto.

  659. Chiara* dice:

    Mi correggo.
    Sono riuscita a vomitare.
    Uh che bello! Ora mi sento decisamente meglio!
    Ma cho voglio prendere in giro? Mi sento meglio davvero, altro che palle!
    Sì. Ho vomitato. Non tutto, purtroppo. Non ne avevo la forza. Non mi reggevo in piedi sopra al wc.
    Ma il solo gesto… ora mi fa sentire bene.
    Ci rendiamo conto??? Ma dove sto andando a finire? Come posso desiderare questo?
    Eppure… eppure è così. Inutile negarlo. L’ ho voluto. L’ ho cercato. L’ ho desiderato.
    Avevo bisogno di provare QUELLA sensazione del DOPO. Che anche se dura solo qualche minuto (perchè poi subentra in senso di colpa, di sconfitta, di delusione, di schifo) per quel qualche minuto (scusate il giro di parole) mi fa stare bene. Mi fa sentire libera e padrona di me stessa.
    Ma quanto è sbagliato tutto questo? Che senso ha?
    Ho bisogno di dormire ora. STOP.
    Domani non vado al lavoro. Mi prendo un giorno di malattia.
    Sì, voglio venire meno ai miei doveri ed impegni. Non mi interessa. E non mi sento né sentirò in colpa se per una stramaledetta volta non farò la “brava figliola che fa quello che deve”.
    Fanculo.
    Perdonatemi. Mi rendo conto che sto sparando cavolate. Ma non mi voglio nascondere dietro alla scusa dell’ alcool.
    Oggi va così.

    Vi abbraccio

  660. Maria Letizia dice:

    Ti capisco Chiara e ti sono vicina…la soddisfazione del DOPO, del liberarci di quello che per noi è ancora un nemico….non so se per me le cose cambieranno, a volte penso che la luce non la vedrò mai perchè sono la prima a chiudere gli occhi…UN ABBRACCIO…

  661. Chiara* dice:

    Non lo so nemmeno Maria Letizia.
    Mi sento ancora troppo, troppo legata questo modo di essere, a queste sensazioni. E’ come se facessero parte di me a prescindere da ciò che vorrei.
    E’ come se tutto ciò mi appartenesse e io vi appartenessi e non ci sia modo per scindere le 2 parti.
    La voglia, il desiderio, la necessità di essere diversa ci sono… ma forse sono ancora troppo deboli.
    E’ L’ ALTRA parte che prevarica sul resto.
    Ti abbraccio Maria Letizia. Non sei sola.

    Notte angeli

  662. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!

    In questo giorno di festa avete scritto poco…spero abbiate passato una bella giornata tranquilla!
    Io ho fatto un pò di lavoretti in casa che avevo accumulato nel tempo…sono bello a pezzi adesso, ma ci voleva un pò d’ordine…

    Chiara, hai fatto benissimo a scrivere quello che hai pensato, provato e sentito. E’ inutile nasconderlo, vomitare paradossalmente ti fa sentire meglio. E il fatto che tu abbia scritto “non tutto, purtroppo” ne è una prova…quasi come se fosse un rimpianto quello di non poter aver vomitato tutto, come se fosse una sconfitta…ne parlavo proprio qualche giorno fa con la mia amica, per quello capisco così bene le tue parole…e ripeto, hai fatto bene a scriverlo qui. E’ quello che sentivi davvero, e almeno qui devi essere sincera, onesta. Almeno in questo, mi sento di dirti brava, brava davvero per aprirti così, per scrivere i tuoi pensieri più intimi. Continua a lottare ogni giorno, sono sicuro ce la farai. Io sono con te.

    Vaniglia, ti penso tanto!Come stai?

    Silvia……….torna presto!

    Azimut!Com’è andata la giornata allora???Cmq non avevo già in mente cosa scriverti, solo mi era venuta voglia di dirti qualcosa, non so cosa avrei scritto se avessi potuto farlo ieri in treno!

    Yris………

    Maria Letizia, forza, sono con te!

    Cely!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Oddio, che bello che sei passata!!!!!Sono super felice e mi sento strastrastrastrastra in colpa perchè devo ancora risponderti a una mail vecchia di più di un mese ormai!!!Mi perdonerai mai???Come stai????Dai passa più spesso da qui!Ti pensoooooooooooo

    Marianna, come va?

    Un pensiero per tutte voi!

    Buonanotte

    Aleph

  663. miele dice:

    Buon inizio di giornata a tutto il blog,

    io ieri ho dato lezioni private tutto il pomeriggio: da un punto di vista ufficiale non sentivo nessun motivo per fare festa, l’unità del Paese è un avvenimento molto problematico sul piano storico, e non me ne sentivo assolutamente partecipe.
    A parte questo, ho passato una giornata a combattere un po’ coi miei pensieri restrittivi, che però stamattina sembrano già aver preso il largo.

    Ieri sera vi ho lette, ma non avevo le energie per commentare.
    Adesso sto scrivendo e cancellando da 10 minuti…evidentemente non trovo le parole giuste, magari riprovo più tardi.

    Vi penso

  664. Aleph dice:

    Buongiorno!

    Miele, non ti preoccupare, se non ti vengono le parole, scrivici in un altro momento!
    Buona giornata!

    Un pensiero per le altre…

    Aleph

  665. Azimut dice:

    Miele anche a me tutto questo tricolore ha messo un po’ di agitazione, non posso evitare di farmi risuonare dentro le parole di Virginia Woolf “…in quanto donna la mia patria è il mondo intero”. E poi quell’inno che esclude metà del genere umano…
    Oggi pensieri restrittivi sul cibo… il tarlo si è insinuato dentro…che logorio…

  666. Luna blu dice:

    Buongiorno ragazze!!! :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-)
    :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-)

  667. miele dice:

    Guarda Azimut…in troppi, ieri, si sono immaginati una nazione. Celebrandone i valori, esaltando eventi e personaggi. Ma poi si rifiutano di vedere cos’è davvero l’Italia oggi…fingono che sia un paese dal volto uniforme e sorridente, nessuno ha parlato – ad esempio – di tutte le persone straniere che la abitano e che la costituiscono tanto quanto noi…ma tant’è, l’idea di unità del molteplice che ieri ha descritto Yris per la sua anima, mi è piaciuta molto di più!

    Aleph non è che non mi vengano le parole…è che sto cercando di disciplinare quelle che mi verrebbero. Ho un carattere un po’ ruvido, a volte…e rischio di ferire con questa ruvidità. Vorrei scrivere in particolare a Chiara e a Maria Letizia, perchè mi sta colpendo molto il rapporto che hanno “instaurato” con la loro malattia. Magari scrivo più tardi.

    Azimut da dove è partito quel tarlaccio malefico?
    Io mi sto mangiando una fetta di torta…è lo spuntino o seconda colazione che dir si voglia…ho i sensi di colpa che mi salgono alla gola…però devo anche ammettere che ‘sta torta è buona…e che prima di mangiarla ne avevo voglia e bisogno (di mattina io ho dei cali energetici incredibili, anche dopo aver mangiato, e poi sta arrivando la primavera…la stagione degli svenimenti spontanei…!) quindi: STOP.

  668. Chiara* dice:

    Miele io ti ringrazio moltissimo per il modo in cui cerchi di controllare le tue parole, ma non devi.
    In questo momento ho il disperato bisogno di sentirmi dire ciò che va detto. Senza preamboli, senza tanti mezzi termini, senza farmi indorare la pillola.
    Ho bisogno di qualcuno che mi dia uno scossone, che mi aiuti a svegliarmi.
    Perché da sola non ce la faccio.

  669. Azimut dice:

    Miele da dove è partito… Mi sento idiota… mezzo kg in più…lo so ora mi direte tutte di buttare la bilancia
    Sì, l’unità del molteplice descritta da yris va oltre…

  670. miele dice:

    Azimut…io sento le guance come se le avessi gonfiate col compressore…e mi sento persino i fianchi che prudono, mi pare che i tessuti siano più tesi…e sono a disagio: ok. Ma ho deciso che mando a quel paese anche tutto questo disagio del cavolo. Io non posso più vivere così, mi fa sprecare troppo tempo e troppe energie.
    Scegli tu se buttare o meno la bilancia…e quindi se e quanta importanza dare a quel mezzo kg…
    io da un po’ di tempo sono passata ad una sorta di “analisi dei costi e dei benefici” della malattia: quanto mi da’? quanto mi toglie? al momento devo dire che mi toglie molto più di quanto mi dia (senza contare tutto quello che mi ha tolto finora), ergo….
    Ripenso all’inverno appena trascorso: a come attendevo felice la domenica sera per mangiare la pizza, a tutte le serate passate in compagnia davanti ad una pizza, o seduti sul pavimento io e il mio ragazzo, col fuoco della stufa e il profumo dei funghi che mi piacciono tanto…se penso che l’idea di tornare a casa, la sera, e mangiare, era una buona idea e solo qualche volta una fonte di paura…beh, mi rendo conto che ho passato un inverno molto migliore di quando dgiunavo, morivo di freddo dentro ai miei 3 strati di maglioni, stavo sola e arrabbiata, magra e inguardabile.
    E allora anche la primavera potrà essere così: più profumata, più piena, più ricca di colori, di dimensioni, di cibi colorati e di persone.

    Chiara

  671. miele dice:

    Chiara al momento posso dirti che le tue parole mi sembrano piuttosto retoriche, tranne quando ammetti che il vomito è l’unica cosa che vuoi per te, adesso. Tutto il resto…tutto il resto è frutto della tua mente che cerca di crearsi una rete di appoggio e comprensione, forse anche di giustificazione. Sei retorica anche quando mi chiedi di dirti tutto senza indorare la pillola: perchè tu non stai ascoltando, non sei in un atteggiamento ricettivo in questo periodo. Hai già programmato il tuo percorso, e chi può smuoverti? chi può davvero scuoterti? non certo le mie parole, le mie parole sono fuoco che si disperde nell’aria, niente di più.

  672. Maria Letizia dice:

    Buongiorno a tutti…questa mattina a casa, anche se con questo sole avrei voglia di uscire, di correre, di togliermi questo senso di oppressione che mi sento addosso. Ora do la colpa alla scuola (dove effettivamente mi opprimono), ma forse il problema ha radici più profonde ed è uno stato di depressione davvero forte. Da qui tutto ciò che ho già scritto: senso di inadeguatezza, paura di sbagliare, paura del giudizio degli altri, paura di vivere, ma s.tutto una totale assenza di autostima di cui sono quasi 10 anni che ne cerco la ragione, ma nex medico nè io per prima ne trovo la ragione e dunque la soluzione. Come ho già scritto, lunedì ritornerò a scuola con una paura indescrivibile, ma si deve fare, il discorso è un altro: la parte malata di me sta ormai prendendo il sopravvento, il desiderio di sparire…questo sta alla base del mio rifiuto del cibo e della vita. Ieri pomeriggio con Ale sono stata tanto bene, con lui sto sempre bene, ma nemmeno l’idea di dare una volta alla mia situazione di salute per dare a lui una donna più forte mi serve: per lui le cose tra noi stanno bene così, fidanzati, ma nex convivenza, dice che la causa è il problema economico, ma io capisco anche che l’idea di vivere accanto a una persona così debole come me lo spaventi…come dargli torto? E’ un serpente che si morde la coda, ma io in tutto questo non so più che fare. Ven mi rivolgo ad un altro centro (c’ero già stata, ma con risultati deludenti)…io ci provo, forse q.sa è cambiato, anche se so che il vero cambiamento deve avvenire in me…

  673. miele dice:

    Maria Letizia io credo che se decidi di star bene, tu debba farlo per te e per nessun altro.
    In modo da non dover più elemosinare amore, ma da riceverlo perchè lo attiri spontaneamente. Questo non è possibile, finchè resti nella malattia e dento ai confini (anche fisici) che lei ti garantisce.

  674. Luna Blu dice:

    Maria Letizia…vieni a correre stasera? Son io e un mio amico…che ne dici? Al valentino alle 19:00

  675. Chiara* dice:

    Miele ti ringrazio per quello che mi hai detto.
    Non posso che accettarlo e condividerlo, anche se mi fa male.
    La verità fa sempre male.
    Sinceramente? Non so cosa fare. Non so più niente.
    Ho bisogno di smuovermi da questa situazione, ho bisogno di essere aiutata davvero perché da sola, così, non ce la faccio.
    La volontà dentro di me la sento. C’è. Ed è grande.
    Ma più grande e più forte è il bisogno di restare attaccata a quello che sono diventata. Nonostante mi faccia star male.
    Non capisco perché.

  676. Maria Letizia dice:

    Luna nn posso…sono dal medico, per l’ennesima volta…
    Miele, hai centrato il problema:ho smesso di amare me stessa, per questo non vedo una soluzione…

  677. Luna Blu dice:

    Maria Letizia…facciamo un’altra volta ;-) ..ma vaia lc entro dove son andata io?
    Il dottore che mi ha seguita…lo psicoanalista si chiama Paglianelli … la psichiatra non mi piaceva

  678. Chiara* dice:

    Quello che più mi fa paura è l’ essere consapevole di quello che sto facendo, della “fine” alla quale andrò incontro, del male che mi sto procurando. E non essere capace di dire basta.
    Perché c’è sempre quella parte di me che, purtroppo, vuole tutto questo.

  679. miele dice:

    Allora, Chiara*, forse devi provare veramente a mettere in pratica quello che le persone ti consigliano, anche qui nel blog. Smettila di avvolgerti nelle parole vuote, nei pensieri ossessivi, nelle domande esistenziali. E invece di fare un passo in avanti, sempre nella solita e predeterminata direzione, fai un “passo di lato”…scarta i tuoi stessi comportamenti, come i giocatori di calcio con gli avversari.
    Ad esempio: stasera mangia normalmente, e NON vomitare. Oppure, oggi a metà pomeriggio fai uno spuntino con qualcosa che semplicemente ti stuzzica, ti fa voglia. Non deve essere abbondante o calorico: deve essere PIACEVOLE. Ancora: uno di questi giorni, fai qualcosa che non fai di solito…una passeggiata tranquilla, oppure siediti a leggere, oppure vai in profumeria e intontisciti coi tester…che ne so, qualcosa che sia un po’ spensierato. Non per “rilassarti”, che tanto forse non ci riusciresti, ma per rimescolare un po’ le carte, per metterti un po’ in confusione…è dal caos che nasce qualcosa di nuovo, non dalla staticità e dalla ripetizione.

  680. Luna Blu dice:

    Portiamo un po’ di leggerezza qui dentro…ihhiihiiihhiiihhh…
    Azimut…cerca di nn pensare al peso…

    Che vi racconto oggi…ieri a casa mia…a pulire…cmq non son uscita questo w.end…
    Ho fatto un sogno strano…ditemi che ne pensate se volete…ho sognato il mio dentista…(il fotografo)..il sogno era molto lungo…e toccava molte parti della mia vita…prima della guarigione..quando andavo a ballare tutta la notte (quello però è stato un periodo meraviglioso)…a casa dei miei…nell’adolescenza…oggi…non ricordo tutto..ricordo che era un arco temporale molto vasto della mia vita…e lui c’era..il dentista…poi ricordo che nel sogno ero a casa sua…probabilmente per posare e avevo sonno…non riuscivo ad essere lucida non so..avevo voglia di un caffè volevo un caffè…ma lui doveva andare al lavoro e allora siam usciti in strada…mi ha detto che il caffè potevo prenderlo fuori…
    C’era una strada larga e luminosa…c’era il sole…era pieno di luce…ma era in discesa… lui era indietro..non so con chi..forse con i miei genitori..o mia sorella…e io ero più avanti e percorrevo la strada in discesa e un po’ scivolavo quasi sulle scarpe…era un po’ come avere i pattini…era divertente quasi…pensavo che lui mi guardasse…e poi mi son svegliata…
    strano no?

    Cmq è piacevole…ogni anto mi scrive che cosa fa..o mi saluta…ieri mi ha chiesto se ero a casetta…mi ha scritto che ha lavorato…e che ora era a”casetta” anche lui….
    “casetta” ….”casetta” ….questo termine per dire casa mi fa sorridere…sembra un po’ tenero e infantile…

    Stavo pensando una cosa…io non so nulla di lui…potrebbe essere gay? Non so perchè mi viene questa idea…forse perchè mi dispiacerebbe tantissimo se lo fosse…

  681. Azimut dice:

    Miele io mi sento in una situazione molto simile a quella di Chiara*. Forse va un po’ meglio il fatto che non mi induco il vomito, spesso arriva da solo e mi lascia sfinita ma spero di non arrivare mai a procurarmelo. Solo che mi sento completamente bloccata. Razionalmente so bene cosa dovrei fare: mangiare qualcosa di invitante, uscire e distrarmi, entrare in una libreria e restarci anche tutto il pomeriggio. In questo momento ho una grande confusione in testa, non so più dove si trova il limite tra il mio volere e la possibilità di farlo. Mi trovo immersa in un vortice: la festa di ieri e il weekend davanti, il senso di abbandono che mi travolge in queste occasioni sta aumentando… tra sedute dalla psicologa anticipate con conseguente maggiore attesa; altre persone che hanno i loro ritmi, problemi, svaghi; assenza dal lavoro e dalla sua capacità di assorbimento in problemi pratici. Assenza la chiamo…un vuoto troppo pieno, stracolmo di oggetti scissi e divisi che mi si rivoltano contro… e cosa mi resta? Il controllo, un’assurda necessità di controllo sul cibo, paradossalmente il solo in grado a trasmettermi la forza di essere traghettata al dopo, al post-assenza… Che confusione ho in testa, che assurdo senso di abbandono…ma perché non si allentano…

  682. Luna Blu dice:

    Azimut..io ti vedo in una situazione molto diversa da quella di Chiara…proprio nel non indursi il vomito…quando ero bulimica…l’idea che tutto quel cibo nona vrebbe avuto conseguenze sul mio corpo…solo a livello di epsoe grasso mid ava una forte sicurezza…così potevo mangiare quanto volevo…tanto poi c’er ail modo per smaltire velocemente…
    Azimut..ma in questo periodo ti paice mangiare? Ti paice il sapore del cibo?

  683. Azimut dice:

    Luna Blu in questo senso hai ragione, intendevo il fatto che anch’io mi sento completamente bloccata. Quanto al vomito spero davvero di riuscire ad evitare di indurlo, anche se dovrei vedere cosa accade una volta che riuscissi a mangiare normalmente. Per rispondere alla tua domanda…no, non mi piace mangiare, il sapore del cibo in genere mi disgusta…spesso anche la vista e l’odore del cibo mi disgustano…

  684. pina dice:

    anni fa quando leggevo su splinder di ragazze bulimiche che stavano a casa, senza aver finito la scuola, senza amici, senza interessi, solo a casa davanti al pc a mangiare e vomitare, le compativo e non capivo, io ero bulimica ma avevo una vita!
    Ora sono così.
    Non ho nulla, nulla, e questo vuoto questo enorme vuoto e questo nulla mi fa impazzire.
    Non esco di casa, non voglio mai uscire a meno che non mi trascinino, e ora certe persone sono scomparse, è accaduto di nuovo, il mio voler stare sempre sola alla lunga stanca le persone.
    Litigo col mio fidanzato perchè mi odio, piango davanti allo specchio e non voglio uscire di casa, perchè gli sguardi delle persone mi fanno paura, perchè mi fa schifo il mio corpo.
    Non ho più una vita, interessi, sogni desideri aspirazioni.
    Rivoglio il mio corpo, ma non faccio altro che ingurgitare cibo e vomitare.
    Giovedì vado dalla dottoressa, cosa le dico?
    le dico che odio la mia vita, che da sola non ce la faccio, che non ce la faccio più.
    Sono al limite, e non so come aiutarmi.
    Se guardo al passato, nonostante la bulimia mi abbia sempre accompagnata, mi rendo conto che ero diversa, ero comunque allegra, comunque uscivo, comunque avevo dei sogni, comunque avevo dei desideri, comunque ridevo.

    QUalcuno mi salvi.
    Non pretendo la bacchetta magica, ma qualcuno mi dica come e cosa devo fare.
    Adesso accetterei anche un ricovero, adesso non ho paura del ricovero credendo di non trovare più nessuno all’uscita, perchè adesso non ho nessuno.
    Nessuno a cui possa realmente dire come mi sento.
    Nessuno che fisicamente stia con me quando sto così male.
    Oggi ho guardato il mio vomito, e ho pensato che sarebbe stato meglio morire, ma poi??
    No Vic, riprenditi!!
    Ma non so come si fa, mi sono persa.
    Mi sono realmente persa.
    Sono una drogata , ho mandato il mio fidanzato a comprarmi i dolci per vomitarli.
    E lo faccio apposta, per vedere quanto schifo io possa fargli.

    Io non ce la faccio più, non ce la faccio più.
    Non voglio più vivere così.
    Sto sprecando la mia vita, con la rabbia di sapere anno dopo anno che il tempo non torna.
    Perchè non ho il coraggio di ammazzarmi perchè???
    perchè????

    vorrei poter dire a mia madre che non va tutto bene, vorrei dirle: <mamma, è sempre peggio ogni anno che passa è peggio, io sto male male, e l'unica cosa che credo mi possa dare sollievo sarebbe il suicidio, mamma aiutami mamma dimmi cosa devo fare, dove devo andare, mamma ho paura, paura di come sto, paura di quanto sono depressa."
    Ma non riesco a dirglielo, mi vegogno, mi vergogno tanto, mi voergogno di come potrei deluderla ancora, mi vergono che possa togliermi tutto, anche se non ho nulla.

    Cosa devo fare?
    cosa devo fare?

    questa è una "confessione" che ho trovato saltando da uan parte all'altra di google, l'ho pubblicata perchè, non essendo mai stata bulimica non sapevo come esprimere certe cose, io credo che ognuna di voi si possa rispecchiare in questa lettera, vorrei che queste parole vi facessero riflettere, cosa veramente volete dalla vita? volete veramente buttare questi anni? guardate che non tornano più, mi rivolgo a te dolce chiara*, vuoi che qualcuno ti dica cosa fare senza addolcire la pillola…rileggi questa lettera, io ci trovo n grido d'aiuto forte, una paura enorme della morte anche se spesso si invoca, sei forte lo so, e anche tu lo sai…
    a tutte voglio dire una cosa, prendetevi del tempo da passare davanti allo specchio, ma non lo specchio che riflette la vostra immagine distorta, ma quello che avete dentro, quello ceh vi costringe a guardare in faccia la malattia, lo stesso che ignorate puntualmente tutte le volte che andate in bagno a vomitare… avete sogni da realizzare, gente nuova da conoscere…buttate nel secchio la vostra voglia di isolamento e costringetevi ad uscire, sarà tutto più semplice.
    ad una di voi in privato ho consigliato di appareccchiare la tavola con molti colori, il colore è terapeutico, fate in modo che il momento del pasto sia un modo per passare dei bei momenti con la famiglia, al di là dei problemi, spegnete la tv e cercate un'argomento che vi accomuni per tutto il resto ci sono i medici ma voi cercate di vivere in un ambiente armonico e a voi congeniale.
    non so se questa mia intromissione possa servire, spero di si.
    vi bacio tutte, aleph un bacio grande anceh a te

  685. Maria Letizia dice:

    Grazie Pina, mi sono ritrovata molto in quello che hai pubblicato e mi ha fatto capire perchè anche il mio neurologo ha smesso di seguirmi, perchè non mi si offrono altre soluzioni…
    Si Luna, vado al cento del prof Fassino, penso sia lo stesso, ma voglio un percorso diverso…quello che offrono solitamente non è servito a nulla!

  686. pina dice:

    no maria letizia, l’unica soluzione al problema è uan sola, ricominciare a sognare, i medici servono per farci accettare un passoto ceh non riusciamo a comprendere ma la voglia di farcela è in ognuna di voi, dovete solo cercarla, non vi stancate mai di andare a perlustrare tutte le vostre parti più nascoste, lì in un’angolino troverete lo spunto per reagire, tu tesoro hai tanto da dare e da ricevere, non mollare, sarebbe uno sbaglio troppo grnde. sei importante per tante persone ma sopratutto per te stessa, cerca e vedrai che prima o poi la forza per reagire la trovi. una sola cosa mi dispiace, ceh ti sei fermata a ciò ceh ha scritto la ragazza e non sei andata oltre, ho introdotto nel blog queta lettera solo per darvi uno spunto di riflessione, è dentro di voi ceh dovete guardare…

  687. Luna Blu dice:

    Ecco…io credo che Chiara* ami il cibo..il gusto del cibo..l’idea di quando scende nellos tomaco..anche se poi non ci resta…invece azimut non lo ama…questa cosa le rende molto..molto molto diverse…Azimut è disgustata dal cibo…ma il cibo spesso è sinonimo di cura di se e di vita…Azimut sei disgustata dalla vita che vivi ogni giorno…
    Chiara* invece secondo me la ama…ama il ccibo…la vita…ma nons a bene cosa scegliere e fare di questa vita…e allora prende tutto e poi ha paura e lascia andare tutto…non sa cosa fare…cosa scegliere…come agire…ha paura della troppa vita…

    Ovviamente è un mio pensiero…

    Pina…sul apcchetto delle sigarette c’è scritto di tutto…e mi cheido..perchè si continua a fumare?
    Stessa cosa sui DCA …nelc aso della bulimia secondo me è una dipendenza…

  688. pina dice:

    luna spiegami, dipendenza da cosa? secondo me non è dipendenza ma voglia di evadere da una vita che non ci piace perchè non la capiamo e, più cerchiamo di sfuggirgli epiù la nostra vita ci piace meno. io mi limito a scrivere i miei pensieri, sbaglio? non sò! puoi aiutarmi a capire?

  689. Luna Blu dice:

    Dipendenza dal cibo…dipendenza dalla sensazione di calma e appagamento derivante dal riempire..lo stomaco..il vuoto…chiamalo come vuoi…il cibo diventa una dipendenza…

  690. Luna Blu dice:

    è anche un’evasione ovviamente..come ogni dipendenza…chi si fa di eroina…non evade forse?

  691. Chiara* dice:

    Vi ringrazio dal profondo del cuore per le vostre parole.
    Vorrei riuscire a farle mie, a intravederci qualcosa che possa spingermi OLTRE, qualcosa che mi aiuti a smettere di farmi male.
    Il punto però è che io questo dolore lo cerco. E’ una sorta di droga. Qualcosa che mi aiuta paradossalmente a stare meglio. Perché va a scacciare altro dolore, altro male, altra sofferenza.
    Il cibo è solo un mezzo. Il corpo anche.
    Il vomito, i digiuni, le regole e gli schemi sono dei palliativi.
    Io ho sempre amato il cibo, ho sempre amato mangiare.
    Ora no. Ora mangio perché so che devo. Perché so che il mio corpo per funzionare come dico io ha bisogno di nutrimento. Il minimo indispensabile.
    Ma sedermi a tavola è un’ agonia indescrivibile. Mangio quel poco che mi metto nel piatto con una tale foga da sembrare una morta di fame che non tocca una briciola da giorni.
    Veloce, velocissima. Così da sfuggire il prima possibile a quel supplizio.
    Sono sincera, e non retorica quando dico che non so da che parte andare, che non trovo alcun senso a niente, che mi sento persa e vuota e sola.
    Cazzo, cosa darei per essere diversa! Eppure fatico come una pazza a lasciar andare tutto questo.

  692. Chiara* dice:

    A proposito.
    Vi porto i saluti della nostra piccola Silvia.
    Oggi pomeriggio ci siamo incontrate.
    Sì, è qui dalle mie parti. Si fermerà ancora qualche giorno.
    E’ venuta per degli impegni personali e così abbiamo colto l’ occasione per vederci e conoscerci.
    Ci siamo trovate in un bar, abbiamo bevuto un caffè e parlato. Parlato tanto.
    Mi è sembrato di conoscerla da sempre.
    Non c’è stato nessun imbarazzo come mi sarei aspettata.
    Nessuno sguardo indagatore.
    Ci siamo riconosciute a colpo d’ occhio, senza esserci nemmeno dette come eravamo vestite o senza esserci date un’ indicazione per poterci reciprocamente riconoscere.
    E’ stato un incontro molto molto bello. Che mi ha lasciato addosso tanta positività e tanta forza.
    Ho conosciuta una persona tanto diversa da quella che credevo fosse.
    Una donna forte, determinata, conscia e cosciente di sé stessa. Una donna che ha davvero voglia di cambiare, di rinascere.
    Ci siamo promesse che ci ritroveremo a metà strada la prossima volta, molto presto, nella famosa Firenze che qui in molte amiamo.
    Ovviamente l’ invito è esteso a tutte quante, Aleph compreso.

  693. miele dice:

    Pina, secondo alcune teorie il cervello sviluppa dipendenza dalle sostanze e dalle sensazioni che nascono tramite l’introduzione di cibo…e tramite la sua eliminazione massiva. Si tratta di un processo neurologico, non solamente mentale. E poi c’è il senso di onnipotenza-dipendenza che deriva dal digiuno, dal sentire una fame quasi primordiale, lo stordimento del quasi-svenire, le stelle davanti agli occhi per un calo glicemico, le gambe che quasi cedono ma poi ce la fanno a farti fare altri 10-100-1000 km a piedi (guai a prendere la macchina: peccato mortale di pigrizia!), lo stomaco vuoto…ma vuoto vuoto, il ventre non piatto ma incavato, l’assenza totale di nutrienti che a lungo andare quasi ti anestetizza…ecco, in questo senso sì, i dca sono una forma di dipendenza anche fisica.
    Grazie cmq della lettera che hai postato. Io non mi ci riconosco in tutto, ma di certo in qualcosa…probabilmente nello smarrimento totale che questa ragazza si porta dietro.

    Chiara*….

    Bello che tu e silvia vi siate incontrate. Speriamo che la prossima volta ci si possa trovare in più persone e fare una bella chiacchierata…approvo Firenze in pieno!

    Luna Blu, io la dimensione onirica la vivo in modo sempre molto intenso, ma non mi azzardo ad interpretare i sogni altrui, perchè i simboli e le trame non sono mai comprensibili a prescindere dalla persona, e di te so troppo poco.

    E tutte le altre, che fine hanno fatto?

    Stasera sono a casa da sola, yuppi-du…mi dedico un po’ a me stessa…

  694. uhmhm dice:

    Miele, cosa fai per dedicarti un po’ a te stessa?

  695. Chiara* dice:

    Ciao Uhmhm.
    Bentornata.
    Sei come una visione… ogni tanto riappari e poi sparisci.
    Fermati un po’. Raccontati. Non scappare via.

    Miele questa sera non ho vomitato. E per quanto ora il pensiero di avere quel cibo dentro al corpo mi stia facendo impazzire, cercherò di scacciarlo.
    Questa è realtà. Non retorica.

    Bene, finalmente posso mettere la parola FINE a questa giornata.
    Ho voglia di infilarmi sotto le coperte, di nascondermi, di rannicchiarmi con me stessa e chiudere gli occhi.
    Cercando di non pensare a domani. A come andrà, a quello che dovrò inventarmi per non crollare ancora.

    Vi mando un grosso abbraccio.
    Vi porto con me.
    Notte.

  696. miele dice:

    Ciao Uhmhm,
    beh, cose molto semplici e che però di solito non faccio con calma, ma di fretta perchè la vita a due prevede anche una divisione dell’attenzione verso l’altra persona: mi sono fatta una doccia lunga e calda, messa la cremina profumata, sistemata le sopracciglia e lavata i capelli con lo sciampoo al cocco&cioccolato che adoro, poi ho scritto un po’ sul mio diario che non aggiornavo da tempo, adesso mi sono seduta a scrivere e poi mi leggerò un libro che ho cominciato ieri e che mi sta coinvolgendo molto.
    E poi, un po’ per voglia e un po’ per dovere, mi sono preparata una coppa con lo yoghurt bianco intero, due palline di gelato e il cioccolato a scaglie sopra, e me la sto finendo pian pianino. Dico “per dovere” perchè con il dietista abbiamo concordato spuntini più sostanziosi e oggi pomeriggio il mio spuntino è stato soltanto un kit-kat, quindi so che devo bilanciare un po’…ma in questo senso, anche il mangiare mi appare come un modo per dedicarmi a me e al mio bene.

    Uhmhm tu come stai?

    Chiara* la questione della retorica era un appunto su alcuni tuoi post, non volevo intendere che tu sei retorica sempre. Ti va di dirci che cosa hai mangiato stasera? Sai che puoi tenerlo, sai che non succederà nulla. E domani, se puoi e se vuoi, cerca di non restringere…

  697. Maria Letizia dice:

    Ci provo Pina…come hai scritto forse è proprio dai miei sogni che devo ripartire e non da ciò che nella mia vita quotidiana mi abbatte e mi porta questo bisogno di sparire…eppure mi sento proprio come ha scritto Chiara: “Sono sincera, e non retorica quando dico che non so da che parte andare, che non trovo alcun senso a niente, che mi sento persa e vuota e sola.”Forse da troppo tempo mi sono rassegnata a pensare che la mia vita sarà sempre così…

  698. Chiara* dice:

    Miele ho mangiato della bresaola con un po’ di formaggio magro.
    Il mio menù-tipo.
    Ma nell’ ultimo periodo sta iniziando a darmi fastidio qualunque cibo e sento l’ impulso di liberarmene nonostante rientri nei miei schemi.
    Tranquilla Miele, so cosa volevi dire.
    Anzi, scusami se non ti ho ringraziato per le parole che hai avuto per me.
    Sei sempre molto dolce.

    Maria Letizia anch’ io a volte mi sento rassegnata. Spesso, molto spesso penso che la mia vita non può andare in nessun’ altra direzione. Che non posso aspettarmi nient’ altro.
    Ma sia io che tu, dentro di noi, sappiamo che non è così.
    Il punto è che dobbiamo cominciare a muoverci. Da qualche parte in qualche modo.

    Notte

  699. Maria Letizia dice:

    Io ricomincio dai miei sogni…quelli che tanti criticano, ma che ancora mi emozionano…ti abbraccio forte Chiara e un abbraccio anche a tutte voi…SOGNI D’ORO…

  700. Luna Blu dice:

    Buongiorno!!!!

  701. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Come avete trascorso la notte? Io mi ero ripromessa di restare a letto un po’ di più stamane ma alle 6 avevo già gli occhi sbarrati e dopo mezz’ ora mi sono alzata. Peccato. Avrei proprio avuto voglia di poltrire ma… nada!
    Stamattina andrò in palestra e nel pomeriggio devo andare ad allenarmi al poligono perché a metà aprile ho una gara del circuito regionale a Treviso e in teoria anche a Vittorio Veneto verso fine aprile.
    Voglia = zero ma il dovere chiama e bisogna rispondere.

    Maria Letizia mi è piaciuto molto ciò che hai scritto ieri sera.
    Sì, i sogni sono l’ unica cosa per cui valga la pena lottare sempre e comunque, a dispetto di tutto e di tutti. Concentrati su di essi!

    LunaBlu cosa farai di bello oggi? La casetta?
    Comunque secondo me il dentista non è gay… ma se il dubbio ti assilla… beh, cerca di “tastare il terreno”! ;-)

    Vi auguro un sereno sabato

  702. miele dice:

    Chiara*…so che i confronti a volte sono inutili ed insensati, ma forse in altri casi servono a dare un po’ di proporzione alle cose. Quello che tu hai mangiato ieri sera, per me è sì e no il secondo che mangio a pranzo (dopo un primo e con un’insalata e il pane). E non solo perchè devo mettere peso: ho capito che mangiare queste cose dopo un piatto di pasta, o di tortellini o di riso, semplicemente mi piace, e quindi continuerò a farlo finchè mi piacerà.
    Io mi conosco, come te ho imparato ad individuare i miei ragionamenti malati…già ieri sera, all’ora di andare a letto, avevo programmato che stamattina avrei ristretto in qualcosa…e vai a capire perchè, visto che lunedì ho pure il controllo dal nutrizionista…stanotte ho pianto in silenzio, avevo dentro un demone scatenato e tanta, tanta rabbia che faticavo a stare distesa…ho fatto un sogno orribile, la mia casa era piena di insetti e di uccelli, e io non avevo il coraggio di entrare in cucina, ma era ora di pranzo e dovevo mangiare…
    Anch’io come te alle 6 ero sveglia. Alle 7 mi sono alzata. SOlito pensiero: cosa e quanto mangerò? Per evitare di assecondare la mia testa ossessionata, ho fatto una lunga colazione, fino alle 8 praticamente. Facendo un calcolo sommario, direi sulle 700 calorie. Non per stare qui a contarle, ma solo per darti un’idea. Perchè nella mia testa, non so perchè, avevo deciso di saltare lo spuntino del mattino. Altre volte l’ho fatto, facendo la solita colazione. E rendendo inutili, così, le fatiche degli altri giorni. Stavolta ho pensato che almeno potevo arricchire la colazione, per essere sicura di non diminuire troppo. In un certo senso ragiono come se fossi una macchina, lo so…è troppo rigido questo modo di fare, ma ho un muro da sfondare e in qualche modo devo provarci.
    Spesso mi piace ancora rendermi conto che sono quella che mangia “meno di tutti”…eppure ultimamente non è più sempre così, nel senso che a volte mangio più di chi è con me, magari di un’amica, di mia madre ecc. E non mi dà più così tanto fastidio. Adesso Chiara* mi metto di fronte a te, ti ho descritto la mia situazione solo per rassicurarti, e dirti che se vuoi provarci, hai un certo margine su cui lavorare.

    Maria Letizia, quali sarebbero concretamente questi sogni?

  703. Aleph dice:

    Buongiorno a tutte!!!!!

    Come state???Cosa avete in programma per il weekend?
    Su su, voglio leggere programmi ricchi, intensi, allegri e spensierati!

    Miele, mi è piaciuto molto quello che hai scritto per Chiara!Buona giornata!

    Chiara, buon lavoro in palestra e poi buon allenamento!Ti penserò.

    Vaniglia….

    Maria Letizia, buon sabato a te!Cerca di passarlo con la maggiore tranquillità possibile.

    Silvia, che bello che tu e Chiara vi siete incontrate!!!Ti penso, lotta.

    Luna, ciaoooooooooo!!!

    Pina!!!!!

    Azimut, come stai?ci sei?

    Marianna, Girasole, dove siete?Come va?

    Uhmuhm, Polla , Cannella,Laura, Claudina, Ilaria…………..

    Buon sabato!

    Aleph

  704. miele dice:

    Ciao Aleph, non so come chiamare tutto questo se non “battaglia”.
    Lavoro al pc per le mie cose, lavo le tazze, faccio la lavatrice, scrivo qui…e intanto continuo a piangere. Stamattina sembro un rubinetto che perde.
    Avrei voglia di rompere qualcosa: non vedo l’ora di montare al muro il sacco da box che abbiamo comprato, e di scatenarmi.

    Ma claudina dov’è finita?

    Laura…oggi inizia la convivenza…in bocca al lupo! Parlaci un po’ del tuo compagno…sono curiosa come i gatti :)

    Aleph tu come stai? Che farai oggi e domani? Ora mi avvio verso il panificio, poi oggi volontariato e stasera spero cinema. Domani probabilmente giornata con amici e scampagnata in bicicletta.

  705. Aleph dice:

    Mah, oggi dovrei studiare, e in teoria, molto in teoria, dovrebbe venire qui anche la mia amica, dato che oggi e domani sono a casa da solo. Ma si sa, le idee se le fa cambiare ogni dieci minuti quindi finchè non la vedo non ci credo!Eheheheheh…io sto bene cmq, ieri sera sono uscito con dei miei amici, ed è stata una serata davvero bella, ci voleva proprio!
    Cavolo, anche io vorrei avere il sacco da box, credo sia utilissimo per sfogarsi.

    Già, me lo chiedo anche io dove sia finita Claudina….speriamo stia bene e sia impegnata in qualcosa di bello!

    Adesso torno a studiare un pò per la tesi…

  706. Azimut dice:

    Miele forza, chiudi quel rubinetto tesoro…oppure raccogli le tue lacrime e porgile al sole per riceverne luce

    Chiara* che emozione deve essere stata incontrarvi e riconoscervi. Io sono qui che inseguo fili di aquiloni fra le nuvole…

    Marianna come stai? E’ un po’ che non ti sento, mi manchi immensamente

    Aleph buono studio e soprattutto buona giornata

    Maria Letizia i sogni per me sono mondi che si sviluppano nell’altrove, ogni tanto appare un gancio che mi permette di legare qualcosa al reale…altre volte resto semplicemente lassù e mi lascio cullare e coccolare da braccia avvolgenti

  707. Maria Letizia dice:

    Buongiorno…oggi qui c’è un sole stupendo, ma è tutta la mattina che non faccio che piangere: notte piena di incubi, non li ricordo con chiarezza, ma ancora e sempre la vicepreside che mi tormenta per q.si cosa, ho aperto gli occhi e già piangevo, mia mamma mi sprona a reagire, mi dice che questa donna non è nex x ridurmi così, che a inizio giugno la saluterò per sempre, ma io ne ho il TERRORE! Così anche andare a scuola non mi regala nex entusiasmo, nex emozione e nn è giusto nè per me nè per i miei allievi. Ogni istante mi propongo di pensarla per come è: una povera frustrata che si sfoga sui più deboli, cioè sui più giovani, ma se la mente dice una cosa, il cuore è come incatenato…sono tanto stanca.
    Grazie Chiara per le tue parole…
    Miele i miei sogni sono due: essere un’insegnante a cui è permesso amare il suo lavoro e i suoi allievi e avere una mia famiglia…ma un groviglio di elementi mi imprigiona…lo so che dipende solo da me trovare il filo iniziare e cominciare a srotolare la matassa. Certo poi ho mille altri sogni: una vacanza con Ale, una giornata con la mia famiglia, un pomeriggio con gli amici, una serata serena…tutto senza la solita angoscia, il mio pensiero fisso: il cibo. Sono 10 anni che mi porto questo fardello dietro e mi chiedo quando me ne libererò davvero…

  708. Azimut dice:

    Dedicato a Pina e ai suoi indicibili sforzi per farmi mangiare: ho portato in garage la bilancia…chiusa in una scatola in alto sopra uno scaffale…

  709. Maria Letizia dice:

    Dopo un pianto di mezz’ora con accanto mio padre ora mi sento tanto sollevata…i fantasmi della scuola sono svaniti e non permetterò che ritornino: “Non devi permettere a nessuno di rovinarti la vita e l’amore per essa”…sono davvero fortunata ad avere una famiglia così. Oggi è la festa del papà, ma il più bel regalo l’ha fatto lui a me!

  710. Ilaria dice:

    Ciao a tutte, sono appena tornata… abbiamo anticipato un po’ il rientro perché è stato letteralmente un disastro…
    Primo trauma: il confronto con tutte le altre donne presenti. E vi parlo non di ragazzine, l’etàminima era di circa 25 anni. Non una che avesse un filo di cellulite, non una che avesse un rotolo sulla pancia… io ho passato tutto il tempo a scrutarle da ogni angolazione, e ho pianto talmente tanto da far innalzare il livello delle piscine… io, dall’alto dei miei 62 kg (visto con che rapidità sono ingrassata?) avrei voluto affogare sul serio.
    Secondo trauma: il ristorante funzionava a buffet. Io mi sono servita più e più volte di ogni ben di dio, e meno male che non dovevo pensare al cibo in questi giorni…
    Morale della favola: mi ritrovo più grassa, gonfia, flaccida e bucherellata che mai. E nonostante la consapevolezza di ciò, ad ogni pasto mi chiedevo “chissà quale sarà il prossimo menù”… non c’è altro da aggiungere direi.

  711. Chiara* dice:

    Miele sono sicura che le tue lacrime si saranno asciugate e ora ti starai godendo un po’ di meritata serenità insieme alle persone che ami.
    Anche i combattenti più forti e temerari ogni tanto si fanno prendere dalla paura e dallo sconforto.
    Quel “rubinetto aperto” non è stato altro che uno sfogo naturale dopo tutta la fatica che ti obblighi a compiere.
    Certo, la fai per te. Ma non è facile. E anche se puoi dare l’ impressione di una donna tutta d’ un pezzo, di una donna forte e determinata, con una corazza dura e impenetrabile, di una donna che sa quello che è e quello che vuole… anche tu hai le tue fragilità e i momento di sconforto sono lì dietro l’ angolo, come per chiunque.
    Quindi? C’ era bisogno di sottolinearlo? No. Il mio è voluto solo essere un incoraggiamento a fare ancora di più. Tu puoi.
    Grazie per le tue parole Miele. Cercherò di far tesoro dei consigli che mi hai dato anche se è difficile. Ma da qualche parte… si deve pur partire.

    Azimut quella bilancia chiusa là sotto è una grande, enorme passo avanti che hai deciso di fare. Sono orgogliosa di te.
    Gli aquiloni? Spero che continuino a volare alti nel cielo, vicini al sole. Tu non lasciare che sfuggano al tuo sguardo.

    Maria Letizia purtroppo nella vita incontreremo sempre persone che ci faranno soffrire. Persone che non ci accetteranno per quelle che siamo, che ci criticheranno, che non approveranno il nostro modo di essere e di fare.
    Ma questo non significa che siamo per forza noi ad essere sbagliate. Semplicemente non si può piacere a chiunque né avere l’ approvazione di chiunque.
    So quanto sia difficile per te reggere questa situazione, soprattutto considerando quanto tu sia fragile, altruista e gentile.
    A volte è necessario saper tirare fuori le palle, quelle vere. E farsi valere.
    Quella donna non può rovinarti la vita, è vero. Ma tu per prima non puoi fartela rovinare da lei. Quindi devi essere tu ad invertire la rotta.
    Coraggio cara. Tieni duro.

    Aleph come procede lo studio? Mi fa piacere che tu ti sia divertito ieri sera. E per questa sera invece che programmi hai? Mica vorrai stare sui libri perennemente vero???

    Un abbraccio a tutte

  712. Chiara* dice:

    Ilaria posso capire come tu ti sia potuta sentire in quel frangente e ancora di più ciò che stai provando ora.
    Ma fermati per un attimo a pensare: quando eri in quel posto e ti sedevi a tavola e mangiavi… cosa provavi? Sinceramente!
    Io non credo che tu ti sentissi in colpa o che stessi li a contare quante calorie c’ erano in quel piatto. No.
    Secondo me ti sei semplicemente lasciata andare e hai mangiato godendoti quello che avevi davanti.
    Il senso di colpa è arrivato perché ormai per noi mangiare è diventato un tabù.
    Qualunque cosa ingeriamo la consideriamo pericolosa e deleteria.
    Cerca, anche se è difficile, di non fissarti sul tuo corpo ora.
    Piuttosto riparti in quarta con tutti i buoni propositi del mondo.
    Non smettere di provarci. E soprattutto non lasciarti andare.

  713. miele dice:

    Chiara*, Azimut grazie delle vostre parole. Vi dirò, oggi a dominarmi non è lo sconforto, o la paura…il mio pianto è l’effetto della rabbia. Io la sento proprio che si accumula dentro, sale sale sale di fronte a tutta la fatica che faccio per mangiare…e ogni tanto, in qualche modo, la devo esprimere. Oggi a tavola ho pianto quasi tutto il tempo, mentre mangiavo, mentre lavavo i piatti. Lui mi ha lasciato fare, ero inavvicinabile. Ancora una volta gli ho descritto le mie difficoltà…ma sapete, il punto che mi faceva arrabbiare è che a casa abbiamo una torta (buonissima) da finire…e io mi sento come se fosse mio dovere finirla…mi ero riproposta una fetta come dessert a pranzo, ma dopo la mega colazione di stamattina sono arrivata al pranzo totalmente senza fame…e lui ha cucinato un sacco di pasta, dopo quella e dopo la bresaola mi sentivo in colpa col dolce…ma allo stesso tempo sentivo di doverlo mangiare…e cercavo di capire se ne avevo voglia, se ne avevo necessità fisica, ma non riuscivo a sentirmi, a capirmi…e pa-ta-track, ovviamente. Alla fine ho mangiato un bacio perugina come “dessert”.
    Ok, adesso stop. Il mio umore è ancora sottosopra, ma vedrò di raddrizzarlo ;)

    Chiara* tu come stai oggi?

    Azimut la bilancia scordati proprio di averla. Ciao-Ciao bilancia :)

  714. Chiara* dice:

    Miele io nelle tue parole ci trovo oltre alla rabbia anche la rassegnazione.
    E’ come se (è la mia impressione, correggimi se sbaglio!) in un certo senso il dover seguire questo “stile di vita alimentare” sia diventato l’ ennesimo schema, l’ ennesima imposizione, l’ ennesima prigione.
    Ok, il tuo è un percorso di guarigione. Sicuramente difficile. Lo sappiamo bene quanto possa esserlo.
    Ma non trovo giusto che una persona si debba “far violenza” in questo modo.
    Tu ti impegni tanto, ce la metti tutta. Ma la parte lucida e cosciente di te cosa ti dice? Non credo tu possa aver sempre voglia di mangiare tutto quello che devi.
    E non per colpa della malattia. Semplicemente perché come qualunque altra persona normale puoi non aver voglia, non avere fame.
    Dici che “sentivi di doverlo mangiare”. Questo senso del dovere ritorna sempre a farla da padrona in un modo o nell’ altro. E secondo me non ti fa bene.
    Forse è come dici tu: non riuscivi a SENTIRE quello che realmente volevi.
    Sono d’ accordo sul fatto che si debba seguire il protocollo di cura al meglio ma un minimo di libertà ci deve comunque essere.
    Forza, cerca di “raddrizzarti”!
    Anch’ io oggi mi sento “inversa”. Ho combattuto tutto il giorno con i miei demoni. Mi sono fatta prendere dall’ ansia e inevitabilmente i nervi sono saltati. Ma cerco di tener duro.
    Ora più che mai. Perché l’ impulso di chiudermi in bagno è tremendamente forte.
    Ma devo resistere.

  715. miele dice:

    Resisti Chiara*…sono qui e ti penso!

    Hai ragione su tutta la linea. E’ che sai di cosa ho paura: ho paura che la mia parte anoressica torni viva, torni a mordere…ho paura di impormi di nuovo il digiuno, un giorno…quella vita è stata terrificante e io non voglio più viverla…così cerco di tenere alto il livello dell’alimentazione, di spingere più che posso.

    Grazie della tua prospettiva. Il mio ragazzo mi ha detto una cosa simile, quindi mi sa che devo rifletterci seriamente.

    Vi abbraccio, vado a lavarmi il viso (ho pianto di nuovo…oggi riporto alto illivello dell’acqua a venezia :) ) e poi a rilassarmi un po’ con lui, se non mi manda a quel paese prima :)

  716. Vaniglia dice:

    Ciao a tutte…e a te Aleph. Spero per voi che sia un buon sabato e un buon w e.
    Io purtroppo continuo a non stare bene, il fuoco di sant’antonio è una cosa lunga e a me poi ha preso in un punto brutto, la testa! stanotte pure mi sono svegliata con dei dolori allucinanti, mi ha preso poi l’occhio sx che da una settimana tengo bendato per proteggerlo dalla luce…sono a pezi, fisicamente mi sento bene, ma sono questi forti dolori di testa che mi uccidono…senso di calore al viso poi, da morire! l’altro giorno poi, mi sentivo molto giù e sono svenuta…mi son messa paura, ho sbattuto latesta ed ero sola…
    …è passato, ma la paura è rimasta…i miei non sanno nulla, non voglio allarmarli…all’ospedale mi han fatto tutte le analisi, erano perfette ma, forse ero solo molto stanca, e i farmaci che sto prendendo sono molto forti. Oggi sono uscita un po’ e mi son sentita molto a disagio, occhio bendato, cappello in testa, bardata come non so’ che per non prender freddo…spero presto di tornare a stare meglio e godermi anche io la primavera.
    ‘ notte ‘notte a tutti…

  717. Azimut dice:

    Miele non tornerai a quella vita, semplicemente perché ora possiedi una consapevolezza che prima ti mancava. Ci potranno essere dubbi, momenti di crisi, ma laggiù non ci tornerai. Hai letto tante volte le parole di yris, non è che non abbia giornate più difficili, eppure sa affrontarle e uscirne. Se un giorno ti va di mangiare un po’ meno prova a fare come ti senti e vedi cosa succede, magari il giorno dopo hai una fame da lupi e mangi il doppio di gusto. Altrimenti il rischio è davvero quello di cadere in un nuovo schema e sono sicura che questo non lo vuoi. L’importante è avere ben chiaro in mente dove non tornerai più.

    Buonanotte ragazze, buonanotte Aleph. Sono stracotta…

  718. Luna Blu dice:

    Buonasera! ;-) …Azimut…son stra-contenta per la nuova posizione della tua bilancia!!! E brava Pina!!!

  719. yris dice:

    anch’io ti dico “allenta gli schemi”, miele. ho l’impressione che ogni tanto ti intrappoli in schemi al contrario, che ti impongono di mangiare, anzichè di non mangiare, con dinamiche così rigide da indurre l’ansia.
    come dice azimut (che cita yris.. :-) ) ormai hai una consapevolezza tale che non tornerai indietro. potrai vacillare, questo sì, ma troverai dentro di te la forza per andare avanti.
    questo è periodo di assestamento, è come un’altalena, ogni tanto si libra alta nel cielo di entusiasmo, altre volte dondola quieta in attesa di una spinta.
    ma è bello anche attendere..
    un bacio grande a te e tutte le animebelle di questo blog.
    sveglia ragazze!! è primavera!! :-)

  720. yris dice:

    azimut, quella della bilancia è una grande conquista!!
    ma lo sai che è lo stesso posto in cui ho messo la mia? :-)

  721. miele dice:

    Sì Yris, come Chiara* ed Azimut, hai ragione.
    Domani ho la visita di controllo, abbiamo stabilito un obiettivo di peso l’ultima volta, e questa cosa mi ha fatto accumulare tensione e paura e frustrazione.
    Io sono una tessitrice di schemi…la mia rete fasulla, la mia personale illusione di ordine.
    Sai, è vero…a volte è bello attendere, ma dopo 7-8 anni non è più così bello.

    Io la primavera la sento, la vedo…sono sveglissima!
    tra l’altro abito in mezzo alla campagna, in mezzo ai prati…andare in bicicletta in questo periodo è inebriante…e tra poco inizio a piantare fiori e a girovagare tra i campi, raccogliendo erbe aromatiche per cucinare…

    Torno al lavoro, ne ho accumulato un sacco questa settimana e ieri, causa rubinetto aperto, non ho combinato nulla.

  722. yris dice:

    attendere è bello sempre miele, purchè “nell’attesa” si apprezzino le piccole cose del presente: le tue conquiste di ogni giorno, il vedere la primavera con occhi diversi, il “sentirti” rivivere, rinascere piano.

    va bene avere degli obiettivi, ma come si insegna in tutti i corsi di management aziendale (PDCA=plan, do, check, action), gli obiettivi vanno “definiti, verificati, modulati” sulla base delle “strategie attuate”, delle “azioni realizzate”, dei “risultati ottenuti”.
    positivi o negativi che essi siano, si tratta sempre di risultati (non esistono fallimenti), sulla base dei quali ritarare obiettivi, strategie, azioni..)
    a volte poi gli obiettivi vanno “frazionati”, a volte “ridefiniti” e così via in un processo di “miglioramento continuo”
    il seguito alla prossima lezione.. :-)

  723. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Oggi c’è una SPLENDIDA GIORNATA DI SOLE!
    Io non amo il sole. Ho sempre preferito il grigiore dell’ inverno, la pioggia, il cielo cupo.
    Ma oggi ho voglia di luce. Mi sento il sole dentro e non lascerò in nessun modo che venga oscurato da alcuna nube.
    Dovrò combattere. Mi aspetta una dura prova per pranzo. Ma cercherò di farcela.
    E’ una promessa.

    Miele tu non tornerai a quella vita, e sai perché? Perché ora stai assaporando un’ altro modo di vivere. Ne stai gustando ogni piccola angolazione e non lascerai tutto questo per ritornare all’ inferno.
    E’ normale, credo, avere paura. Ma come dice la nostra saggia Yris, troverai dentro di te la forza per andare avanti. Passo dopo passo. Senza guardare indietro.

    Vi abbraccio angeli

  724. Azimut dice:

    yris…sono davvero tanti quei fili…

    prima mattina senza la bilancia…panico…sto rimandando il mio latte dalle 6.30 Ora vado…

  725. Chiara* dice:

    Azimut niente panico.
    Quella bilancia non è altro che uno strumento, un oggetto inanimato che non può farti alcun male né darti alcuna sicurezza.
    Tu SEI a prescindere dalla bilancia.

  726. yris dice:

    era lunablu o miele, che lo beveva a cucchiani? l’ho fatto anch’io, un cucchiaino per volta.. così finchè scende nello stomaco evapora.. :-)

    costruisco aquiloni per te..

  727. miele dice:

    non ero io…io sono intollerante al latte, ahimè.

    Azimut, e se invece del latte tu prendessi qualcos’altro questa mattina? In fondo è primavera, cambia la stagione, la luce…le sensazioni anche, no?
    Sto ascoltando Carmen Consoli mentre apro le finestre e distribuisco candele per casa…

    Yris, benissimo il discorso sulla ri-definizione in itinere degli obiettivi, ma se possibile lasciamo stare il management aziendale…io sono allergica all’idea stessa di “azienda” e di “formazione” intesa in quel senso (anche se sono certa che tu in questo campo sei grande ed innovativa)…magari attraversiamo metafore di altro tipo…:)

    Chiara* che succede oggi a pranzo?

    Visto che – con la primavera – anche le galline delle nostre famiglie si sono rimesse in attività ovo-produttrice, il prossimo fine settimana probabilmente qui ci ingegneremo per fare i tortelli ripieni e le tagliatelle home-made…qualcuno ne vuole?! :)

  728. Chiara* dice:

    Sono invitata insieme Francesco e ad altri amici ad un raduno motociclistico e a pranzo ci si fermerà nel locale di un altro amico.
    Il problema è che il menù prevede risotto e salsiccia o in alternativa pizza.
    Cose che io non riesco ad affrontare serenamente. Ho paura che se mangiassi poi mi ritroverei a vomitare subito dopo o nelle peggiore delle ipotesi potrei cadere nell’ abbuffata (intesa come la intendo io, ma nella mia testa pur sempre di abbuffata si tratta quando il cibo non rientra nei miei schemi).
    Quindi? O non toccherò niente o mi porterò qualcosa da casa.
    Ma in ogni caso è una sconfitta in partenza.
    Perché io vorrei riuscire a godermi una giornata tra amici, spensierata, felice, senza avere sempre e solo in testa il pensiero CIBO.

  729. Chiara* dice:

    Vado.
    Vi penserò.
    Un abbraccio

  730. Azimut dice:

    Chiara* e se tu provassi a mangiare mezza porzione o dell’uno o dell’altra? Pensi che la classificheresti comunque come abbuffata?

    Miele ho preso quel latte a cucchiaini come suggerito da yris e ci ho mangiato anche una fetta biscottata. La mattina il latte è il solo alimento che riesco a prendere, non saprei con cos’altro sostituirlo…oggi invece sono in tilt per via della bilancia…Nei momenti di maggior restrizione il latte mi ha salvata, lo considero un alimento “buono” in contrapposizione a quelli “cattivi”… con questo discorso ora ci vorrebbe la riesumata Melanie Klein, anche la mia psi andrebbe benissimo…

  731. yris dice:

    seno buono/seno cattivo? :-)

    esci azimut, va’ a respirare un po’ di primavera! ora mi muovo anch’io. con questo sole è un’eresia stare al pc. baci a tutti

  732. yris dice:

    ps. anch’io avevo una lista di alimenti “buoni”, in genere connotati dal colore bianco. accettato il verde e le sue sfumature, vietatissimi, perchè trasgressivi, quelli rossi.
    insomma, ho fatto la bandiera!

  733. Azimut dice:

    seno buono/seno cattivo…esattamente questo…

  734. Ilaria dice:

    Primavera? Qui c’è il temporale :-(
    Comunque, buona domenica a tutte e struccotto ad Aleph :-)
    Oggi mi sento un po’ meglio, sarà per la strigliata che mi ha dato Polla ieri sera? :-P
    Mi dispiace molto per Vaniglia, speravo che te la saresti cavata in molto meno tempo sinceramente, ma ora cosa ti hanno detto i medici? Manca poco alla guarigione? Tieni duro!
    Chiara, capisco perfettamente come ti possa sentire… spero non ti sia piegata alla malattia, non ti sia portata il cibo da casa e abbia almeno provato ad assaggiare quello che offriva il convento.
    Azimut, come mai non riesci a bere nient’altro che latte? Uno yoghurt magari? Fa anche bene all’intestino :-) E non pensare alla bilancia, ora è relegata laggiù, non esiste, fa parte delle cianfrusaglie sparse per casa e niente altro. La vita è altro.
    Miele, tutto bene ora? Tappato le perdite? Un momento di sconforto capita a chiunque, perché non dovrebbe capitare a te? L’importante è saperlo gestire nel migliore dei modi e secondo me l’hai fatto.

  735. Polla dice:

    Buongiorno ragasse e ragasso,
    come va? Qui c’è una splendida giornata di sole,ma tira un vento un po’ gelido.. però a me piace molto il vento! Leggo di voi e delle vostre fatiche/conquiste/sconfitte/dubbi.. come sempre vivo le vostre esperienze in prima persona e mi lascio coinvolgere e trascinare,cerco di immaginarmi scenari, atteggiamenti ed emozioni e rielaboro.. rielaboro dentro di me e ne traggo forza e coraggio. Grazie!
    Miele.. la mia psicologa del centro mi aveva avvisata riguardo alla “rabbia” dice che uscire dall’anoressia scatena una rabbia assurda,è come una specie di percorso a scale con emozioni diverse per ogni fase.. sofferenza iniziale,poi presa di coscienza,poi la voglia,poi la rassegnazione al fatto che le cose posso andare solo così per guarire,poi la rabbia.. la rabbia è come se fosse il penultimo gradino alla “fine” di qsta scala.. non della scala della vita in generale,ma di qsto percorso.. la rabbia poi passa,ma devi perseverare.. capisco il discorso che ti fanno le altre riguardo al fatto che segui la dieta come un altro schema,che è cmq uno schema molto rigido,ma tu sai bene che ora come ora il tuo obiettivo è l’aumento di peso e non credo che tu ti ingozzi,quindi penso che quello sforzo per mangiare la fetta di torta sia indispensabile per raggiungere il nuovo obiettivo.. benchè faccia parte di uno schema che ti faccia sentire obbligata.. il discorso sta nel fatto che cmq ancora non hai acquistato naturalezza nel mangiare e quindi ancora non riesci magari a capire se ne hai davvero voglia o no,ma io credo che la soluzione alternativa alla restrizione,sia mangiarlo cmq! Più avanti lavorerai anche sulle tue voglie,ma ora come ora l’obiettivo è aumentare di peso e credo che tu ci stia lavorando con tutta la tua energia,quindi non perderti per strada.. ad ogni modo,non temere,sia che tu decida di restringere ogni tanto oppure no,non tornerai indietro.. non si torna indietro.. si può solo andare avanti.. stai imparando un sacco di cose e ne stai pure apprezzando il risultato,sebbene con fatica! I dubbi sono + che normali e le paure lo sono ancora di +.. piangi se ti viene da piangere e non sentirti a disagio con nessuno che ti voglia bene ad esternare il tuo disagio.. parlane con il tuo moroso,non sentirti un peso o una che vuole continuamente complicare le cose.. è la tua fatica,è il tuo problema,fa parte di qsta fase della tua vita e ne hai tutto il diritto.. certo la rabbia sfogata su di lui non va bene,per qsto è meglio se ne parli,se fai un pianto in +,se mostri la tua vulnerabilità,non fai che far risultare tutto + chiaro e vedrai che poi ti fa sentire meglio!
    Chiara* io credo che oggi non dovresti portarti il pranzo da casa.. qsto porta a farti sentire diversa, strana e non aiuta di certo a spostare l’attenzione dal cibo.. credo che dovresti provare a fare come fanno tutti e a vedere come va.. non devi mangiare cose che non ti vanno,puoi scegliere,no? Non temere l’abbuffata se tu per prima sai che non ci arrivi realmente.. mangia e poi stop. Prova! Ad ogni modo.. qualsiasi cosa tu decida di fare,spero che tu riesca a viverti dei bei momenti.. indipendentemente da quello che mangerai o meno.. Ah,che spettacolo che ti sei incontrata con Silvia.. io penso che un giorno ce la faremo a fare un incontro comunitario.. spero almeno!
    Ilaria???? Stai meglio oggi??? che meravigliaaaaaa.. sono davvero contenta.. cmq sia chiaro che non ti volevo strigliare ieri,ma ci tengo a provare a cercare di farti capire certe cose.. TESTONAAAAAA! E poi ho visto le foto delle terme.. non mi pronuncio,ma ribadisco che non sei obiettiva.punto. Apri gli occhi!!!!
    Azimut.. che meraviglia sta cosa della bilancia.. io non mi peso da secoli.. cioè mi pesano al centro(anche se è un po’ che non ci vado),ma poi zero bilancia.. però sono quasi sicura che se l’avessi in casa,la userei in modo sbagliato.. quindi hai fatto benissimo a metterla in cantina,indipendentemente da quello che ti può scatenare dentro. Anche io come Miele ti consiglio di provare a fare qualcosa di diverso,prova a mangiare qualcosa di diverso,ma non necessariamente + calorico o nemico se non ti va,ma qualcosa di diverso.. spesso quando si prendono delle decisioni(come quella che hai preso tu riguardo alla bilancia) è + facile continuare su qsta onda.. non ti senti + libera? Non senti che ora puoi anche non pesarti +??? che belluuuu.. prova dai!
    Marianna?? ..
    Girasole???..
    Laura.. spero che la tua convivenza sia partita alla grande.. aspettiamo tue notizie!
    Vaniglia.. come sempre non è piacevole leggere che non stai bene. Forza!
    MariaLetizia.. dove sei oggi? Stai andando a zonzo con Ale? Come stai?
    ..Buona giornata polpastrelle mie.. fate le brave!
    LunaBluuuuuu.. ripreso a remare??? ma ti fermi un attimooooo??? sei una trottolaaaaa..

  736. Azimut dice:

    Sì Polla mi sento più libera, ma anche molto spaesata e confusa. Oggi poi fisicamente sono a pezzi. Ma tu hai rinunciato alla bilancia spontaneamente, la usavi prima?

    Ilaria lo yogurt lo mangio spesso come pranzo, non so perché ma la prima cosa della mattina (ammesso di prenderlo) deve essere un bicchiere di latte bollente (colato altrimenti ci viene la tela e vomito) con dentro un cucchiaino di zucchero e uno di caffè solubile

  737. Polla dice:

    ..Ma ciao Azimut! come mai oggi sei a pezzi? ti va di provare a spiegare?
    Cmq è normalissimo che tu ti senta spaesata..spesso la sensazione di libertà è seguito da qsto sentimento.. essere liberi o percepire di esserlo,spiazza,perchè è come andare verso l’ignoto,o cmq verso qualcosa di sconosciuto del quale non si possono calcolare e valutare i rischi.. è vivere insomma.. quello che infondo spaventa un po’ tutte! Doppiamente brava.. davvero! sono contenta anche che qsta decisione ti abbia smosso cmq qualcosa.. Per il tuo latte della mattina,io credo che vada benissimo.. nel senso che ci sta il latte la mattina(molto meno uno yogurt come prenzo,se mai come “dessert”!,ma qsto è un altro discorso..),potresti provare a magiare mezza fetta biscottata in + o al posto di quella,un biscotto,uno..o due,basta cambiare.. vedrai che paura.. fa paurissima,ma vale la pena di provare.. quando lo avrai fatto avrai un senso di rabbia perchè pensi che avresti preferito cmq la tua fetta biscottata,ma se ci provi e ci riprovi,poi rompi lo schema e anche la fetta biscottata perde di importanza,quell’importanza di cui tu l’hai caricata!
    Per quanto riguarda la mia situazione con la bilancia.. ebbene si.. l’ho eliminata io e ho deciso col centro che mi sarei pesata da loro per evitare di farlo io da sola e ricamarci intorno pensieri inutili..

  738. Lunablu dice:

    Buon pomeriggio…io son arrivata a casa da poco…stamattina ero a montare la camera a casa mia…ieris era son uscita…ho ballato fino alle 5:00 di notte…insomma ho dormito 1,5 ore…ma per ora mi sento da Dio!!

    Yris…son io che lo bevo con il cucchiaino…ma solo eprchè mi sembra che abbia un altro gusto…di gustarmelo di più…a dire il vero ultimamente nn ci vado più pazza come prima…

    Ilaria…il fuoco di sant’antonio ha un decorso abbastanza lungo…quando lo feci io me lo portai avanti per più di un mese…

    Cmq…domani è primavera!!!!!

  739. Polla dice:

    ..LunaBlu,quindi camera finita??? o no? cosa manca ancora??? cmq siiii.. domani è primavera!!! ma forse hai sbagliato nome per il fuoco si sant’antonio,no? non era Vaniglia??? ..

  740. Polla dice:

    ..ah no,ho capito ora.. sorry! commentavi il commento di Ilaria.. eheheh..

  741. Ilaria dice:

    Luna, ho avuto anch’io l’herpes zoster, mi aveva preso il fianco, ma per fortuna solo per un paio di settimane…
    Polla… ma che hai da dire sulle mie foto??? Non sono a figura intera né tantomeno in costume, lo so io quanto sono ciccia, perciò prrrrrrrrrrrrrrrrrr :-D
    Azimut, lo sai che anche a me la panna del latte fa vomitare? Anzi, in realtà sarei pure intollerante, ogni volta che lo bevo mi viene la dissenteria, ora l’ho sostituito con l’Accadì ma mi succede la stessa cosa, boh! Hai mai provato col latte di soia? Ha proteine più nobili, non è così schifoso sai. E una fetta di segale tanto per cambiare genere? Io uso le Wasa, sono ricchissime di fibre e hanno le stesse calorie di una fetta biscottata ma sono più grandi :-)

  742. Lunablu dice:

    Proteine più cosa???? Noooooooooooo…le proteine del latte sono le proteine a più alto valore biologico(più assimilabili dal corpo umano)…più nobili che vuol dire?

    Che rompina che sono….mi sta salendo il sonno…
    Qualcuno voleva che andassi a posare per lui…ahhhhahhhh…son troppo stanca…non ho un aspetto bellissimo..ihihhihhh..la nottatina di ballo da i suoi postumi….cmq manca solo il materasso di essenziale a casa mia…tavoli e sedie nel caso per il momento posso farne a meno…cmq tra 10 gg arriva anche il materasso…

    :-)

  743. miele dice:

    Bene Luna, ma allora hai già deciso quando ti trasferisci? Immagino tu sia entusiasta…sei soddisfatta di come la casa è venuta?

    Ilaria oggi ti senti un po’ meglio? Ieri ho letto che siete tornati prima: ma per un motivo specifico, per un tuo disagio? E il tuo ragazzo che dice?

    Chiara* il risotto con la salsiccia magari non è leggerissimo, ma se per esempio mangi solo un po’ di quello, rimane un pasto non abbondante e magari non ti senti di aver sgarrato troppo…comunque facci sapere com’è andata.

    Polla, come sempre cogli nel segno riguardo alla mia giornatina di ieri. Il fatto è che a volte il senso del dovere, applicato al cibo, comincia a starmi stretto. Spero davvero di sganciarmi anche da questo. D’altra parte devo dire che capisco il mio nutrizionista…non sa più cosa inventarsi e io gli prometto ogni volta che le cose cambieranno, che mangerò esattamente quello che lui mi indica…e puntualmente non ci riesco, nel senso che non ci riesco del tutto: si tratterebbe di farlo solo per un periodo, eppure è dura.

    Vi Leggo più tardi, che è arrivata la pizza :)

  744. Ilaria dice:

    Oh Luna!! Ho sempre letto e sentito dovunque che le proteine vegetali sono migliori di quelle animali, tant’è che si raccomanda di sostituire la carne ogni tanto con i legumi… non credo di aver detto un’eresia!
    Miele, è stato proprio il mio ragazzo a voler tornare prima, io non gliel’avevo chiesto ma era praticamente implicito, stavo troppo male nel vedere tutti quei culi sodi e quelle pance piatte, ma che dico piatte, con gli addominali scolpiti perfino. Anche le cinquantenni erano messe meglio di me… ecco il motivo.
    Comunque ora mi sento di nuovo peggio. È successo che il mio ragazzo poco fa ha vomitato due volte, non gli era mai successo, forse ha preso freddo o forse ha mangiato qualcosa di avariato (strano, abbiamo mangiato le stesse cose oggi…). Be’, la pizza tanto agognata – una volta ogni 3 settimane – è saltata per forza di cose. Primo pensiero mio: ok… pizza saltata=rifacciamoci con due pacchi di biscotti! Secondo pensiero: ma perché lui vomita e io non ne sono capace? Eppure mi farebbe tanto comodo ora come ora!!
    Ciao ciao guarigione!

  745. Lunablu dice:

    Ilaria…non puoi credere a tutto quello che dicono…occorre informarsi e capire il eprchè…le proteine vegetali nn hanno nulla di speciale rispetto a quelle animali…ma spesso sono consigliate a chi ha problemi di rpessione alta…o di colesterolo alto…perchè i vegetali non contengono colesterolo come la carne…che siano migliori…no…son semplicemnte diverse…e va bene assumerle dei due tipi…tutto qui…

    Ilaria dopo i tuoi discorsi sona ndata anche io a sbirciare le tue foto…ma cavolo sei magra!!!! hai delle braccine…secondo em tu devi solo tonificare…è vero nn ti vedo in costume..ma tutto sommato vestita hai un bel figurino…quindi senza vestiti nn è che puoi cambiare tanto…forse sei tu che ti vedi così!!!!

    Miele…ho già cominciato a portare le mie cose…chissà Laura come si trova!!!
    Io di certo mi troverò benissimo…e la mia casa poi…mi piace tanto…

    ;-)

  746. Chiara* dice:

    Ilaria credimi: non saper vomitare è una delle fortune più grandi che tu potessi mai avere.
    Una volta “imparato” il meccanismo non si riesce più a smettere.
    Si diventa talmente brave che spesso non c’è nemmeno bisogno di infilarsi le dita in gola. Lo stimolo arriva da solo.
    Il tutto diventa una specie di rito, da compiersi in totale isolamento.
    Non hai più il controllo di te e del tuo corpo.
    La mente è come annebbiata.
    Sei lì, che guardi dentro alla tazza del cesso tutto quello schifo che ti sporca le mani, la faccia… e ti sembra la cosa più normale del mondo.
    Lo fai senza rendertene conto.
    E poi quando il cervello ricomincia a far comunicare tra loro gli ormai pochi e bruciati rimasti neurini, cerchi di fermarti. Ti dici “dai, questo è l’ ultimo sforzo. Ancora una volta e poi mi fermo.” e invece non ti fermi. Non ce la fai.
    Fino a quando non vedi uscire più niente se non saliva. Oppure fino a quando le nocche delle mani ti fanno talmente male e la gola brucia talmente tanto e lo stomaco ti si contorce nelle viscere che per forza di cose o smetti o crolli a terra. Stremata.
    Sì, perché poi ti senti distrutta. Come se avessi corso per Km e Km.
    La testa pulsa, il cuore batte fortissimo.
    Ti senti addosso quell’ odore acre che non riesci a toglierti da sotto il naso nemmeno dopo esserti lavata 100 volte.
    E ti guardi allo specchio. Vedi gli occhi lucidi, gonfi e rossi. Il viso paonazzo.
    E ti fai schifo. Ti fai pena. Ti senti una merda.
    E ti chiedi perché devi arrivare a farti tutto questo.
    Diventa una droga. Una dipendenza.
    Io mi sono appena fatta la mia dose. E ti assicuro che se avessi potuto/saputo resistere… ora mi sentirei sicuramente meno idiota.

  747. miele dice:

    Ma Chiara*, hai vomitato la cena?
    E il pranzo e il giro in moto…lì com’è andata?

    Ilaria ho capito la situazione. E sai, il tuo pensiero sul vomito del tuo ragazzo, per quanto malato, non è affatto strano, considerato il tuo stato d’animo del momento.
    Raccontami un po’: domani che cosa fai? Questa settimana…qualche programma particolare? Se non ne hai, prova a creartelo dai, qualcosa di interessante per te.
    Speriamo che il tuo ragazzo stia meglio presto. E tu lascia stare i biscotti: voglio dire, se non è la pizza, puoi sempre cenare con qualcosa che di solito non ti concedi…ma i biscotti non c’entrano proprio nulla.
    Io ho mangiato la pizza e un po’ di cioccolato. La pizza è andata giù come l’acqua: in questo caso, vedo gli effetti positivi dell’aver insistito nel tempo e nell’aver continuato a mangiarla. Adesso, anche se sento che magari faccio fatica a finirla, mi piace e me la gusto così tanto che la finisco comunque, e assolutamente non per “dovere”. Era la terza, questa settimana, e stasera ci stava proprio perchè dopo un bel giro in bici per la campagna, entrambi eravamo mezzi morti di fame: sentire il senso sano della fame è una cosa che mi stupisce ancora, ogni volta.

    Luna Blu anch’io pensavo alla nostra Laura…e spero che per te questo passo importante sia carico di positività. Lo sarà di sicuro.

    Azimut oggi che hai fatto? C’è il sole da te? Qui c’era un cielo pulito pulito, e una luce che sembrava far transitare le energie dell’universo…

  748. Chiara* dice:

    Miele sì.
    Ho vomitato quella che si può considerare la cena.
    E oggi… oggi è andata nell’ unico modo in cui poteva andare. Purtroppo.
    Fino ad un certo punto tutto sotto controllo, mente quasi del tutto sgombra da pensieri scomodi, sorridente e di compagnia.
    Ho mangiato quello che mi sentivo senza concentrarmi troppo sul che cosa era. Ho cercato di gustarmi quello che mi andava e di godermi la situazione in cui mi trovavo.
    Ho cercato di sentirmi e di essere normale.
    Poi c’è stato il crollo.
    E stasera l’ epilogo è stato inevitabile.
    No certo, lo so che se avessi voluto avrei potuto scegliere di non farlo.
    Il problema è che non ne sono ancora capace. E a questo punto credo non lo sarò mai.

  749. Polla dice:

    ..Ilaria, anche io credo sia una gran fortuna non vomitare,non riuscire a farlo o quello che è..all’inizio del mio disturbo penso che avrei voluto tantissimo essere una di quelle che si cacciava due dita in gola e via.. via tutti i pensieri,via tutti i sensi di colpa.. MACCHè,non è assolutamente così. Come dice Chiara*(e lo spiega benissimo..)è un circolo vizioso che complica le cose,nel senso che smettere quando ti riesce bene,è molto difficile,perchè è un’apparente soluzione o almeno così viene visto da chi lo fa. e poi nel momento in cui hai finito.. altri pensieri,ma sono cmq diversi da quelli che si vivono con il cibo in corpo,sono sensi di colpa pesanti,ma + leggeri di un pezzo di pane che si pensa sia in +.. dicesi compensazione appunto,come l’attività fisica finalizzata a ciò. cerca di vedere qste cose come positive,non fare anche di una fortuna,una sfortuna.. cerca di ragionarci su. Poi stai qui a parlare di proteine che fanno + o meno male e poi vorresti provocarti il vomito??? ma sai che male fa? non ha senso.. NO.
    Ilaria,penso anche io che non sia il caso di rifarsi coi biscotti.. penso che sarebbe stato meglio mangiare cmq la pizza e intanto lui magari mangiava altro,visto che non sta bene..
    Ma Chiara* com’è andata oggi la tua giornata? hai cenato da sola stasera?
    Miele.. sono contenta che la tua giornata sia andata bene.. lo sento che sei + positiva e mi fa davvero piacere.. come vedi,basta portare pazienza,tutto passa.. ciò che resta sono le nostre priorità,di quelle non ci si dimentica e non vanno messe in secondo piano..ma ad ogni modo è normale avere dei momenti di sconforto,credo che anche quelli siano importanti per poter rielaborare la situazione e per capire che ancora abbiamo bisogno di aiuto magari. in ogni senso. Ma domani hai il controllo con il nutrizionista? come ti senti rispetto a ciò?………
    LunaBlu.. ma si,stai a casa stasera e riposati un po’.. la tua carica energetica ha bisogno di essere ricaricata.. ronf ronf.

  750. miele dice:

    Polla per domani mattina sono sul terrorizzato andante, direi. Pensa che il pomeriggio devo fare cose di lavoro che normalmente mi preoccuperebbero, e invece non ci ho ancora minimamente pensato. Vabbè, tiro un bel sospiro e vado a guardarmi un film, stasera provo una nuova tisana rilassante.
    Lo so bene che basta portare pazienza e i brutti momenti passano, il mio di ieri però non era un brutto momento, era un momento di accumulo-esplosione. E probabilmente ci stava. E aveva a che fare col controllo di domani, in qualche modo.
    Tu come stai, piccola? Che hai fatto oggi?
    In ogni caso, l’aria aperta è una delle terapie migliori, per la mente e per il corpo: continuo a credere che una bella passeggiata sotto il sole, o un libro letto sull’amaca in giardino, o magari (nel mio caso) un giro in bicicletta contro il vento, possano aiutare molto più delle nostre ri-ri-ri-elaborazioni su noi stesse e le nostre paranoie.
    E’ un semplice suggerimento per chi ne ha la possibilità.

    Chiara* ….

  751. Ilaria dice:

    Luna, probabilmente sarà come dici tu, ma io ragiono appunto da persona che ha avuto problemi di calcoli per colpa del colesterolo alto, e che ancora prende lecitina tutti i giorni per tenerlo a bada, perciò per me è stato normale anche introdurre più proteine vegetali, tutto qui. Ma come fai a dire che sono magra? Voglio dire, il nero smagrisce, si sa. Le foto sono ingannevoli, pure questo si sa. La pancia da quinto mese la vedo io, ci convivo io… Le mie braccia sono sempre state così, anche le mie mani sono scheletriche, è per questo che mia madre, fermandosi alla prima e unica cosa che vede (perché di certo non mi ha mai vista né in costume né in gonna corta né in vestiti aderenti), sostiene che sono anoressica…
    Dopo aver mangiato tutti quei biscotti (ed essermi pentita subito dopo, ovviamente) ho prolungato di mezz’ora la camminata sul tapis, non mi è venuto in mente altro. Avevo già pensato di digiunare, adducendo come scusa di avere lo stesso malessere del mio ragazzo, ma mia suocera ha preparato il salmone alla griglia e non ho saputo resistere, ne ho mangiato un trancio e mezzo, è uno dei miei alimenti preferiti.
    Miele, domani devo ritirare i risultati delle analisi, inutile dire quanto sia in ansia. Ma questo Xanax funziona?? A me sembra di no :-( . Poi in settimana pensavo di tagliarmi i capelli, siccome non tengono mai la piega che voglio io, cioè dritti, sono sempre costretta a raccoglierli e mi sento così poco femminile…

    Chiara, mi dispiace, soprattutto quando dici “oggi è andata nell’ unico modo in cui poteva andare”. Lo sappiamo benissimo tutte che non è così, vero? Però allo stesso tempo, pur essendone consapevoli, ed è già tanto comunque, non abbiamo ancora gli strumenti per far fronte a queste situazioni. Prego ogni giorno non so chi per riuscire a trovarli al più presto; prego anche per te, per voi tutte che soffrite. Ma, come dice sempre la mia psicologa, finché diciamo “devo” e non “voglio”, non c’è niente altro che possiamo fare.

    Ora faccio un po’ di addominali (avevo cominciato qualche mese fa ed erano già comparse le righette sulla pancia, ma poi ho mollato e ora faccio perfino fatica a piegarmi) e poi vado a letto. Buonanotte a tutte mie care.

  752. Maria Letizia dice:

    Buonasera tutti…dopo 4 giorni di pianti, riflessioni, chiaccherate, discussioni ed incubi, ieri e oggi anche gli atTacchi di panico…per fotuna ero con Ale.(DOMANI NE PARLO CN LA DOTT.SSA) Ora non c’è ma mi sento più tranquilla. Abbiamo finito mezz’oretta fa di vedere “il cino nero” (andatelo a vedre!) non vi racconto nulla, ma mi ha trasmesso un messaggio importante: la perfezione è la nostra schiavitù…a questo penserò domani, poi tutta la settimana e le settimane a venire, è giusto dare il meglio di noi stessi,ma ci sarà sempre q.sa che sbaglieremo per 100 motivi, basta corrggersi e ricominciare: questo devo ficcarmi nella mia testa che ancora insegue la perfezione, questo devo ripetermi domani q.ndo vedrò la vicepreside: ho la coscienza pulita e la voglia di imparare, ma no le pox più permettere di usarmi per scaricare i suoi nervosismi. Ale mi ha detto una cosa molto giusta: io, con il mio carattere gentile, educato e TROPPO remissivo, sono stata il suo capro espiatorio, tanto q.si cosa mi dicesse, o meglio, mi rinfacciasse, trovava uno zerbino che si faceva calpestare, il segreto è in questo:FARSI RISPETTARE e domani sarà il mio motto fino alla fine dell’anno!
    Come è andata la vostra domenica?
    miele, da super stratega quale sono, in tutto, devo dire che anche io mi sono sempre stupita della rigidità dei tui schemi alimentari, ma non voglio ASSOLUTAMENTE criticarti, io,ancora legata ai miei schemi , ma in negativo, sono molto più indietro rispetto a te. Solo una cosa vorrei chiederti: questa severità di rende serena?(come ti invidio per dove abiti, qui la primavera bisogna un po’ cercarla, ma s.tutto…averla nel cuore!)
    azimut, liberarsi della bilancia è davvero una conquista…per me ancora impensabile…
    Vaniglia…come stai?
    Ilaria, la tua domenica, il tuo ragazzo cosa ha avuto?
    Polla…bello e profondo quello che haiscritto: “mi lascio coinvolgere e trascinare,cerco di immaginarmi scenari, atteggiamenti ed emozioni e rielaboro.. rielaboro dentro di me e ne traggo forza e coraggio”…”Miele.. la mia psicologa del centro mi aveva avvisata riguardo alla “rabbia” dice che uscire dall’anoressia scatena una rabbia assurda,è come una specie di percorso a scale con emozioni diverse per ogni fase.. sofferenza iniziale,poi presa di coscienza,poi la voglia,poi la rassegnazione al fatto che le cose posso andare solo così per guarire,poi la rabbia.. la rabbia è come se fosse il penultimo gradino alla “fine” di qsta scala.. non della scala della vita in generale,ma di qsto percorso.. la rabbia poi passa,ma devi perseverare”.. “piangi se ti viene da piangere e non sentirti a disagio con nessuno che ti voglia bene ad esternare il tuo disagio.. parlane con il tuo moroso,non sentirti un peso o una che vuole continuamente complicare le cose.. è la tua fatica,è il tuo problema,fa parte di qsta fase della tua vita e ne hai tutto il diritto”
    Lunablu…SEI DAVVERO UN URAGANO DI EMOZIONI!!!!
    iO HO AVUTO FUOCO DI sANT’aNTONIO E VARICELLA INSIEME A14 ANNI…HO CREDUTO DAVVERO CHE SAREI MORTA DAL DOLORE…
    Chiara*, come è andata la cena… come ti capisco…io mi facco sempre portare cose diverse oppurre mangio e poi sputo tutto in un fazzoletto, vomitare nei bagni dei ristoranti non riesco…bella consolazione…
    Vado a nanna, domani passerò per salutarvi e perchè scrivere qui mi da sempre forza….GRAZE PER TUTTO QUELLO CHE FATE E SIETE PER ME!

  753. Maria Letizia dice:

    Chiara, solo ora ho letto…TI SONO VICINA…

  754. Chiara* dice:

    Ilaria ascoltami: lascia stare gli addomiali.
    Non ha senso. Ti faresti ancora più male.
    Preparati una tisana calda, mettiti comoda, siediti con Lui sul divano e cerca di rilassarti.
    STOP!
    I biscotti sono andati, il salmone pure.
    Ora resti tu. Concentrati su Ilaria e non sul cibo che ha mangiato Ilaria.
    Sì, è difficile. Ma gli strumenti per potercela fare li abbiamo.
    Dobbiamo solo imparare ad usarli e a sfruttarli al meglio.
    Mi piace quello che hai scritto sulla tua psicologa: VOGLIO. Sì, ma VOGLIO quello che SENTO davvero.
    Ci riusciremo prima o dopo. Non posso credere che questa condanna possa durare in eterno.
    Lo xanax da quando lo prendi? Ci vuole un po’ perché faccia effetto e comunque anche dopo un breve periodo di utilizzo crea una sorta di assuefazione e l’ effetto sedativo svanisce.
    Non usarlo tutti i giorni, mi raccomando. A me è stato dato per prenderlo al momento del bisogno, quando sento l’ attacco di panico o l’ ansia che arrivano.
    Per dormire non serve a un tubo.

    Miele…

  755. Chiara* dice:

    Maria Letizia grazie.
    Sei una persona dolcissima e mi trasmetti sempre sensazioni positive.
    Coraggio, domani inizia una nuova battaglia. Una di quelle dure. Tira fuori le palle, ok?????
    Ti abbraccio

  756. Girasole dice:

    Ragazze!!!!
    ciao a tutte…non mi sembra vero…sono 6 giorni che non leggo e non scrivo…ci ho provato a leggere qualcosa, ma avete scritto davvero tanto quindi mi tocca rinunciare!
    Inizio a scrivervi di me e poi chissà che non riesco a collegarmi a qualcosa che sono riuscita a leggere….
    che dire? sono ancora in crisi per il mio cambiamento di lavoro…ringrazio voi tutte perchè mi siete state tanto accanto in questi giorni…perché mi avete fatto pensare che forse non ho sbagliato, che forse c’è un motivo per il mio colpo di testa! L’altro giorno dalla psicologa ho pianto per tutta l’ora perché sono ormai convinta di aver sbagliato…di essere una debole che non ho saputo resitere, rinunciare a qualcosa per un lavoro con un contratto…sotto pagato sì, ma con un contratto e in un ambito che era il mio…
    per? Per un po’ più di libertà, per un lavoro magari più dinamico ma che non so davvero dove mi porterà…scusate se torno e ritorno su questa cosa, ma ho mal di stomaco ed è ormai un pensiero fisso…
    dormo male e penso penso penso ein continuazione! E la psicologa che mi dice…ora basta, va bene pensarci un po’, ma ora è il momento di cambiare pagina…
    già ha ragione, ma a me sembra che da una cosa seria sono passata a fare una cosa un po’ “volatile”… e penso a una casa, una macchina, una stabilità economica e vedo questo lasciare il vecchio lavoro come a un ritardare sempre di più la mia realizzazione… e dico “cavolo, tutti lavorano, tutti fanno sacrifici, tutti fanno ore e ore, io chi sono a dispetto di loro??? Una ragazzina con la paura di lavorare mascherata da ambizione?”
    e poi…poi c’è lui, il mio ex…lui che non so, che torna, e che devo spronare io ancora una volta, che mi fa tanto “casa” ma che poi non riesco più ad accettare, che credo di amare profondamente, ma di cui non sono più innamorata…c’è una sostanziale differenza per me…
    e non me la sento di spronare qualcun altro… ho dovuto scrivergli un sms per implorarlo di alzare il tel e chiamarmi per invitarmi a un caffè per due chiacchiere per conoscerci di nuovo (dopo 10 anni di tira e molla…chi credo siamo diventati?) e stasera mi chiama, parte per una trasferta di una settimana, e sono contenta perché ha alzato quel telefono, ma mi dico che se l’ha fatto è perché io gli ho scritto buon viaggio, perhcè io gli ho detto di alzare quel telefono!
    Non lo so…non ho risposte per me in questi giorni… vorrei solo svegliarmi domattina e tornare indietro di 2 mesi, perima di decidere di cambiare lavoro, prima di incontrare lui la sera della mia prima pizza…restare così com’ero con i miei ritmi da receptionist, e non da servizio civile, con la convinzione di non aver bisogno di lui, di non volerlo vedere mai più…e non con questa confusione che mi fa venire ogni giorni il mal di testa e quest groppone in gola!
    A due mesi fa…quando mi sentivo ancora coccolata nella mia anoressia, e non ora che mi sento enorme, anche se mia sorella mi dice che non è così…mi vedo gonfia e tonda, e non riesco a smetter di mangiare quello che devo, ma sono felice perché oggi ho preso senza pensarci troppo un gelato da grom pera e nocciola con il cono di biscotto e ho mangiato tutto…gelato e cono, non ho buttato nulla e per la seconda volta in 2 anni (la prima la scorsa estate) ho mangiato un gusto di crema!
    Scusate scusate…non so parlare altro che di me…ma giuro che vi ho lette e vorrei commentare anche voi, ma chiudo perché mi sono persa e c’è qui mia sorella…
    Vi abbraccio e vi penso sempre tanto a tutte e a Aleph!
    Ciao marianna, chiara, claudina,ilaria,yris,vaniglia,polla,marialetizia, luna blu, cannella,miele e tutte tutte tutte!
    Notte notte

  757. Vaniglia dice:

    Ciao a tutte…e ad Aleph…
    sto resistendo ma non ce la faccio più, questa malattia mi sta portando all’ esasperazione…tra l’altro poi, queste medicine mi tolgono l’appetito, mi danno nausea, senso di malessere. Spero passi presto e godermi anche io la primavera…non era vita quella di prima, figuriamoci quella di adesso. L’occhio bendato poi, non mi sembra stia migliorando, ma mi han dato circa 15-20 gg di creme, colliri ecc dunque immagino ci volglia ancora tempo. Le forti nevralgie ci sono sempre, non posso sfiorarmi la testa…sento parlare di nevralgie post erpetiche che permangono x mesi, spero non sia il mio caso: da suicidio! I miei capelli sono cresciuti tanto e fantasticavo su un probabile taglio, un colore….ma, chissà se resta un’illusione! Sono demoralizzata!

    Mi associo a Chiara* per il discorso del vomito, è una cosa tremenda, ci rende schiave e ipocrite, convinte di poter decidere quando farlo o no! e poi, ci toglie tutto…sali, non lascia nulla! I denti??? non ne parliamo….
    ed è vero, si impara a farlo senza usare le mani, si diventa professioniste, subdole, bugiarde…schifose!
    E’ brutto da dirsi ma è vero….io in primis mi faccio schifo! tanto che quando mi succede mi sento sporca…lavo ogni cosa che indossavo…un’ossessione!

    Spero di riposare alemno stanotte.
    Vi penso

  758. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!

    Scusate, non vi ho più scritto da ieri pomeriggio…ma è stata una giornatina intensa ieri e non sono più stato al pc…la mia amica è stata male più o meno tutto il giorno e aveva deciso di non venire da me come avrebbe dovuto…abbiamo più o meno litigato al pomeriggio poi alla sera sono andato a prenderla, che stava meglio…è stata una serata strana, non avevo voglia di vederla più di tanto, però abbiamo parlato molto ed è stato bello…io cmq avevo voglia di stare abbastanza staccato da lei, quindi non sono stato troppo affettuoso, anche perchè tra le varie cose si è messa a parlarmi dei due (sì, non uno, due)ragazzi con cui esce etc etc…poi la notte e il mattino appena svegli sono stato ancora abbastanza distaccato…probabilmente anche per questo, lei era molto più affettuosa, continuava ad abbracciarmi, a coccolarmi etc etc..beh, ve la faccio breve, a un certo punto mi abbraccia, senza che io la stringa più di tanto, e dopo un pò mi bacia…un bacio serio, più delle altre volte quantomeno…il resto della giornata è stato tranquillo…
    Beh, che dire?Sono contento, non posso negarlo. Ma mi fermo qui, non voglio dire altro, non voglio dimenticarmi del fatto che è stato oggi, e basta, non voglio dimenticarmi degli altri due ragazzi con cui esce…insomma, piedi per terra e stop con altri pensieri. Son contento, però.

    E ora non ditemi che non vi fornisco dei pettegolezzi succulenti!!!Ahahahahah…

    Vaniglia, mi spiace, ogni volta che leggo che stai male mi spiace da matti, e vorrei poter fare anche solo una piccola cosa per evitartelo…ti penso tantissimo, tienimi aggiornato.

    Chiara, Miele, Silvia, Azimut, Marianna e tutte le altre, vi penso moltissimo, scusate se non vi commento…cercherò di farlo il prima possibile, in questi giorni sono pienissimo di impegni!

    Ah, dimenticavo…Azimut!!!La bilancia!!!!Non ho parole….ti sono vicinissimo!

    Vado a farmi una doccia bollente…ora è il turno vostro di lanciarvi nei commenti/gossip su quanto vi ho scritto!

    Aleph

  759. Aleph dice:

    Vaniglia!!!!!!!!!!Abbiamo scritto insieme!!!!!!!!!!!!!Cerca di dormire tranquilla!!!!!!!!

  760. Maria Letizia dice:

    E’ l’alba, il cielo è tutto rosato…sarà di cero una giornata piena di sole.
    Il letto era caldo e accogliente, sicuro, ma ancora incubi e attacchi di panico, c’è solo un modo per porre fine a tutto questo:affrontare i miei fantasmi e da oggi sarà così. Ho paura, tanta, ma in fondo la più grande paura è verso me stessa, se riesco a mantenere la sicurezza in me stessa e la serenità…i fantasmi svaniranno….VI PORTERò NEL CUORE E AUGURO DI RIUSCIRE ANCHE VOI A SCONFIGGERE LE VOSTRE PAURE…

  761. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Fuori c’è un sole splendido. Vorrei poterlo sentire dentro di me ma invece percepisco solo buio e freddo.
    Come ogni giorno dopo esser stata male la testa si affolla di pensieri negativi, sento il macigno sul petto spingere sempre più forte e la voglia di rialzarmi e di combattere lasciare il posto all’ arresa e allo sfinimento.
    No, così non ce la faccio più. Non posso continuare in questo modo.
    Vorrei trovare un solo piccolo motivo per affrontare questa giornata con il sorriso e senza paura ma non lo trovo.

    Vi auguro un buon inizio settimana ma soprattutto vi auguro di essere forti. Più forti di qualunque demone che tenterà di impossessarvi della vostra vita.
    Un abbraccio

  762. miele dice:

    Ciao Maria Letizia,

    tranquilla, per ciò che mi hai scritto non mi sento giudicata! Però ti rispondo cercando di spiegarti una cosa. Da un lato, io sono una persona che vive di schemi in molti aspetti del quotidiano. Non perchè mi dia sicurezza, ma perchè finora è anche questo (la disciplina e la costanza che spesso fanno tutt’uno con tali schemi) che mi ha portato ad avere buoni risultati in tante cose. Poi c’è il lato meno bello: il bisogno di ordine e controllo. Quando anni fa iniziai la terapia di recupero, a me nessuno ha dato alternative: se vuoi star meglio, devi anche recuperare peso, e per recuperare peso è consigliabile seguire una dieta. Una dieta è comunque una forma di schema, non c’è dubbio. E io, allora, avendo rinunciato al controllo sul che cosa mangiare o sul quanto mangiare, ho iniziato a controllare altre cose, anche e proprio attraverso la dieta: ho cercato di applicare la mia disciplina non più alla restrizione ma al percorso di recupero. E in parte ha funzionato, perchè sono capace di “impormi” di non digiunare, o di mangiare certe cose ecc., dall’altra parte – come dite voi – si è creato un ennesimo schema da cui sto cercando di staccarmi.
    Certo che così non mi sento bene, non mi sento libera.
    Va detto anche, però, che se non mi seguisse un nutrizionista, se io perseverassi in un atteggiamento restrittivo auto-gestito, se a pranzo mangiassi uno yoghurt o della frutta e magari mi ponessi pure la domanda se cenare o meno….(prendo in prestito alcuni vostri esempi, ma solo per farmi capire)… beh, in questo caso non sentirei alcun bisogno di applicare alcuno schema…perchè starei già controllando tutto “dall’alto”….anzi, sarebbe facile per me ragionare in modo molto più “libero”….

    spero di essermi spiegata…

    A più tardi, buon risveglio a tutte/i

  763. Luna Blu dice:

    Buongiorno polpicine!!!!
    Un abbraccio grande…oggi son di buon umore tanto epr cambiare ;-)

  764. miele dice:

    Ciao Chiara*!

    Il sole stesso, il cambio di stagione…non potrebbero essere quel “piccolo motivo”?

  765. Chiara* dice:

    No Miele.
    Magari lo fossero…
    Io amo l’ inverno e il cielo grigio.
    Il sole e le giornate che si allungano mi creano ancora più angoscia perché il tempo sembra non trascorrere mai e arrivare alla fine del giorno diventa ancora più difficile perché la luce lo perpetua e mi fa sentire in dovere di continuare a fare, a compiere doveri.
    Sono miei stupidi pensieri, lo so.

  766. miele dice:

    Sono i tuoi pensierì, questo sì. Ma non sono stupidi affatto dolce Chiara*.
    Allora, metre faccio la strada verso il mio “adorato” centro dca, penserò a qualcosa su cui portare la tua attenzione, penserò ad un possibile piccolo motivo di senso per questa giornata.

    A più tardi cara, passa una mattina almeno un po’ serena.

  767. Azimut dice:

    Girasole ora non puoi vederlo, ma c’è qualcosa che ti aspetta dietro un angolo nascosto, qualcosa cui ti porteranno i tuoi passi. Hai seguito un richiamo, il resto ora sarebbe soltanto dispersione. Capirai…più tardi…quando sarà il tempo…

    Aleph ora parlo un po’ da “mamma”, sì certo sarei una mamma un po’ giovane ma comunque potrei esserlo. Mi piacerebbe saperti accanto a una donna che sappia ricevere il tuo amore e donartene altrettanto, una persona con cui dividere davvero vita ed esperienze, incontri, visioni, frammenti di esistere che si liberano e si compongono. Che sia la tua amica o un’altra donna tu meriti tutto questo…

    Chiara* vorrei poter trovare parole in grado di raggiungerti. I tuoi racconti mi sgretolano dentro. Ti sento

    Marianna Marianna Marianna!!!!!!!!! Ti aspetto…

    Silvia sei tornata?

    e Claudina? dove sei?

    Miele cerca di star tranquilla per oggi, hai superato prove ben più difficili…

    Luna Blu…ora vuoi anche il materasso…sacco a pelo e via… :-)

    e Laura? fatto il passo?

    Maria Letizia tendenzialmente sarei come te, remissiva e disponibile. Lo sono rimasta nella vita, ma nell’ambiente di lavoro ho dovuto imparare ad essere diversa. Mi avrebbero schiacciata, distrutta… Fai vedere alla vicepreside che non potrà farlo. Ti sono vicina

    Polla….vecchia polpaccia….come stai?

    Ilaria si riparte?

    yris… per te invece solo un immenso, gigantesco abbraccio…

  768. Luna Blu dice:

    Ahahhhahhh…hai ragione Azimut…saccoa pelo e via!!!!
    Ihhihhihhh…

  769. pina dice:

    Avvicinati, figlio,
    raccogli l’ultimo germoglio di grano
    ripiegato sotto il calcagno del gelo,
    estirpa ogni gramigna che lo ghermisce
    sostienilo col tutore dell’Amore.
    Così cura te stesso.
    Virgulto di uomo.
    Stirpe regale tu sei, figlio!
    Cambia vita, amala
    perché ti fu donata con amore,
    irrobustiscila di virtù.
    Irrorala, nutrila di luce .
    Figlio, non affidare all’inganno dello sballo
    il senso della tua vita,
    non spenderla d’azzardo, con voli di Icaro,
    in bilico tra le rupi, per provare l’ebbrezza
    di un volo difettoso, che ti faccia sentire
    eroe per un momento.
    Spendila in fatica di sorrisi.
    Spendila costruendo il tuo domani.
    Guarda ed ammira,
    con quanto amore intesse
    la sua tana, la volpe astuta,
    e come affastella briciole di sole,
    la cinciallegra,
    nell’affanno dell’incombente stagione.
    Ricercane il senso,
    cogli le sue forti fragranze,
    ammorbidisci angolature stridenti,
    appiana ogni dosso,
    adornala di bellezza, la tua vita.
    Alimenta i mattini con le molliche calde
    di un pane di speranza,
    che sola, dipinge
    i verdi sentieri del futuro…
    Amala, figlio! Vivila,
    colorala di senso,
    e non avrai vissuto invano, la tua vita.

    buongiorno e buon inizio settimana

  770. Chiara* dice:

    Miele in bocca al lupo per la tua visita.
    Spero che tu sia tranquilla e soprattutto serena. Sai che stai facendo tutto il possibile per te stessa. Ogni risultato sarà comunque una conquista.
    Aspetto il tuo picolo motivo allora…

    Azimut non preoccuparti. Io sento dentro quello che vorresti dirmi. Mi raggiungi comunque.
    Tu come stai? Non racconti niente di te? Come hai trascorso il week end?

    Aleph mi associo a quanto detto dalla nostra Azimut.
    Tu sei una persona che ha il diritto di avere accanto qualcuno che possa donarti tanto amore quanto tu saresti in grado di donarne a tua volta.
    Sei un ragazzo dotato di una sensibilità, di una dolcezza e di un’ intelligenza tali che meriti ogni bene.
    Non so come interpretare il comportamento della tua Amica. Sinceramente mi riesce difficile dare un consiglio in una situazione come questa.
    Da una parte di direi di mandarla a quel bel paesello senza pensarci su 2 volte ma dall’ altra… dall’ altra invece di direi di continuare a starle accanto e cercare di farla tua.
    Solo il tuo cuore può darti le risposte che cerchi.

    Pina…

  771. Ilaria dice:

    Buongiorno a tutte! Aleph, per te un saluto a parte e un piccolo rimprovero: mi convinco sempre di più che la tua amica voglia avere da te una reazione che non arriva… se ti parla di tutti questi altri ragazzi forse, e sottolineo forse, vorrà vedere se sei geloso, se “te ne importa qualcosa”. Insomma, va bene fare l’uomo misurato e impassibile, ma anche tu sei fatto di carne, no? :-P

    Oggi c’è il sole e a me, come a Chiara, non piace. Ho sempre preferito l’inverno ma per una ragione che più banale non si potrebbe: posso vestirmi, infagottarmi, non far vedere come sono fatta, non vedermi io per prima.
    Il laboratorio apre alle 11, perciò nella (ansiosissima) attesa mi faccio una camminata sul tapis. Lo Xanax non mi calma, vabbè che prendo la dose minima come mi ha detto il medico…
    Miele, tengo le dita incrociate per te!
    Azimut, oggi il tuo latte l’hai bevuto?
    Maria Letizia, coraggio, settimana nuova, vicepreside vecchia… ma chi sarà poi lei per ridurti a uno straccio? Non sarà mica onnipotente?? Fa’ il tuo e sentiti a posto con la coscienza!
    A tutte le altre, comprese le desaparecidas, un grosso bacio!

  772. Luna Blu dice:

    Aleph…un po’ ….. la tua amica…secondo me sta giocando con te … non ti far prendere in giro … non ti accontentare delle briciole…vuoi lei…secondo me ce la puoi fare ad averla e tutta per te …gli altri due…particolare irrisorio…le persone che soffrono di dca son molto insicure…e se serve usano anche relazioni o “finte” relazioni per far capire all’altro che son apprezzate e richieste…cosa che loro stesse non credono…come se cercassero conferma dall’esterno di quello che valgono…anche io ero così…
    Secondo me ci tiene tanto a te…ma secondo me ti vuole più deciso…più uomo!!
    Insomam non ti sta bene una cosa…due…tre…diglielo…magari sia rrabbierà…e capirà quanto tiene a te ;-)

  773. Azimut dice:

    pina… è bella, anche se un po’ troppo maschile per le mie scarsissime capacità di astrazione…
    grazie…. è strano scriverti qua sopra

  774. Azimut dice:

    Buffo… ho scritto che ho scarse capacità di astrazione…. magari!
    Volevo dire che rispetto alle questioni di genere non riesco ad adottare una visione maschile e tanto meno una visione neutra… Bè, mi sono annodata al solito…

  775. Luna Blu dice:

    Azimut…si vede che non sei astratta…forse sei tu che vuoi esserlo ;-)

  776. Maria Letizia dice:

    Io comincio davvero ad impazzire: questa mattina ho parlato con la classe di cui sono coordinatrice per spronarli un po’ a migliorare nel comportamento perchè la maggior parte dei professori si lamenta di questo. E’ venuto fuori che la loro agitazione è dovuta anche ad alcuni “trattamenti” che ricevono dal professore di educazione fisica: insulti pesanti e risposte maleducate, un po’ per paura un po’ perchè non creduti, pur avendolo raccontato ai genitori, questa cosa non era mai venuta fuori, io ho consigliato loro di parlarne o riparlarne con i propri genitori e poi, tramite i rappresentanti di classe, chiedere un confronto con il professore. Non l’avvessi mai fatto! I colleghi mi hanno detto di tutto: fomentatrice, credulona, incapace di gestire i rapporti fra colleghi. Il bello è che il diretto interessato è andato subito a parlare con la classe (forse q.sa di vero c’è) ed io ora vivo di nuovo nell’angoscia di un’ennesima lavata di capo della vicepreside…ma voi che dite, ho davvero sbagliato in un modo così grave?Io sto davvero scoppiando, questa situazione non mi fa dormire, non mi fa mangiare, ma perchè devo sempre cacciarmi nei guai!!!!

  777. Ilaria dice:

    Maria Letizia, sei una persona coscienziosa e hai fatto quello che avrebbe dovuto fare un qualsiasi altro professore al tuo posto, ossia ascoltare un disagio degli studenti. Prova per un momento a porti nella situazione contraria: come ti sentiresti se un prof non prendesse in considerazione un tuo problema? Sicuramente inascoltata, incompresa… Ecco, con tutto quello che si dice della scuola italiana, meno male che ci sono insegnanti come te, che non lavorano solo per prendere lo stipendio, ma che credono soprattutto nel ruolo educativo e non solo di “iniettore di nozioni”! E tanto lo so che anche l’ipotesi eventuale di farti gli affari tuoi e restare zitta di fronte a tali situazioni ti farebbe star male, che non ne saresti capace… ho ragione?

  778. Luna Blu dice:

    Maria Letizia..hai fatto quello che ti sembrava giusto…e a me sembra anche una cosa molto sensata quella che hai fatto…quindi più fiducia in te stessa…
    ;-)

  779. Chiara* dice:

    Maria Letizia hai fatto la cosa più giusta.
    E credo che gran poche persone si sarebbero comportate così. Hai avuto coraggio, hai dato a quei ragazzi la possibilità di esprimere il loro pensiero e il beneficio del dubbio è sempre lecito.
    Non devi aver paura dell’ azione che hai compiuto ma devi esserne orgogliosa.
    Chi ti si è rivoltato contro si deve solo vergognare.
    Sei un’ insegnate meravigliosa. E questo tuo gesto deve fartene rendere conto!

    Ilaria come sono andate le analisi???

  780. Ilaria dice:

    Ciao Chiara, non lo so… ossia, i valori rientrano tutti tranne uno che è asteriscato, ma sfora solo di 0,07. Ho spulciato qua e là in internet e pare che sia ipotiroidea. Ma ovviamente prima di pronunciarmi porto a vedere i risultati al mio medico, domani pomeriggio.

  781. Polla dice:

    .. Ciao a tuttisssssimi,
    eccomi qui..oggi giornata strana..sono andata al tirocinio,solita mattinata,ma mi si è smosso qualcosa dentro,non so come mai..è da un po’ che non andavo a fare le visite e allora oggi ho chiamato il centro! Purtroppo inizialmente mi hanno detto che avrei avuto appuntamento con la dottoressa solo fra due settimane(se non fissi gli appuntamenti va così..) e con la psicologa invece tra una settimana.. e da un lato ero contenta(solita voglia di rimandare) dall’altro invece dispiaciuta,perchè un po’ho paura di perseverare nei miei meccanismi che non mi fanno stare bene. Dopo un pochino cmq mi hanno richiamato e mi hanno proposto di andare a fare la visita dalla nutrizionista oggi pomeriggio.. olèèèèèè!!! sono felice.. felice perchè mi sto seriamente impegnando.. ieri sera prima di andare a letto mi è venuto uno schiribizzo e sono scesa sotto casa a pigliare una crepes alla nutella con due palline di gelato al fiordilatte.. sbavo ancora a pensarci!!! sono andata a letto che mi sentivo un ippopotamo arenato,ma dentro sentivo di aver fatto bene.. di aver fatto una cosa non contemplata nei miei schemi.. e temevo un po’ la giornata di oggi.. invece.. invece è stato pazzesco perchè sono tornata a casa per pranzo e mi sono messa ai fornelli.. non l’avevo minimamente deciso,nè stabilito.. avrei mangiato si,ma invece mi sono messa a cucinarmi un bel piatto di pasta,un bel secondo,niente verdure,una mela e un caffè con una pallina di gelato alla panna.. non mi sento io!!!! cosa succede???? adesso sono seduta sulla sedia e sento le mie chiappe allargarsi,ma non mi importa,che facciano quello che gli pare.. io vado,vado dritta.. ci provo ragazze,ci provo!!!! oggi pomeriggio ho delle cosine da fare.. ma ho delle cose da dirvi riguardo ai vostri post.. ora rifletto! eheheh.

  782. Chiara* dice:

    Brava Ilaria, aspetta e cerca di star serena.
    Io non sono un’ esperta ma lavorando in uno studio medico ho sempre sotto mano le analisi dei pazienti e se può servirti a tranquillizzarti un po’, ti posso dire che un valore alterato di così poco non comporta disturbi rilevanti.
    In ogni caso non fasciarti la testa e lascia perdere internet.
    Se dovesse esserci qualcosa che non va si inizierà una cura e ti terrai sotto controllo.
    Inanto oggi, ti prego, non farti del male.
    Metti in stend-by la testolina, cerca di distrarti, di fare qualcosa che ti piace davvero e non pensare al cibo. STOP!

    Angeli io tra poco devo tornare al lavoro.
    Questa sera però niente turno in palestra. Mi sono presa la serata libera perché era da tempo che avevo promesso ad un’ amica che la solo il lunedì libero che saremmo uscite insieme.
    Ho rimandato rimandato rimandato per non so quanto tempo. Ora basta.
    Ho bisogno di crearmi qualche cosa che vada al di fuori delle 4 mura di casa mia e del rapporto tra me e Francesco.
    Ne ho bisogno perché mi sono resa conto di essere una persona sola. Mi sono isolata da tutto e da tutti. Gli amici non mi cercano più. Sono diventata invisibile.
    Non era ciò che volevo, forse? Già. Ma ora ne sto soffrendo. E tanto.
    Così ho preso io l’ iniziativa e ho invitato quest’ amica ad uscire.
    Unica pecca? Che lei abbia insistito per uscire a cena. Ristorante etnico con cucina giapponese e mongola. Che diavolo mangerò???
    Non ne ho voglia. Proprio per niente. Ma devo sforzarmi. Per me stessa prima di tutto e anche per le persone che mi vogliono bene e che vorrebbero vedermi diversa da quella che sono diventata.

    Vi abbraccio

  783. Luna Blu dice:

    Sto sbavando anche io al pensiero della crepes con le palline di fiordilatte..ahahhahhh

  784. Chiara* dice:

    Polla sei un mito! ;-)

  785. Ilaria dice:

    Chiara, se ti può consolare, il cibo giapponese, se fatto bene e soprattutto secondo le ricette giapponesi (non rifatte dai cinesi, per intenderci), è molto sano e leggero. Io non ne posso mangiare perché, a parte salmone, merluzzo e tonno, sono allergica a qualsiasi cosa viva in acqua, perciò ti dico: goditelo anche da parte mia :-D
    Grande Polla e le sue chiappe espanse!!

  786. uhmhm dice:

    Ragazze care e Aleph,
    Non ho mai smesso di leggervi ma nonsono più riuscita a scrivervi, oggi rimedio, non ssarò solo una visione fugace..
    Allora come state? Vi ho letto tutti i giorni, ecco una parolina per voi..

    Marialetizia, secondo me non hai fatto affatto male a parlare con i ragazzi oggi. Davanti a loro hai acquisito credibilità. Li hai in qualche modo anche responsabilizzati, parlando a loro come si fa da adulti, senza nascondere la testa sotto la sabbia. E loro? Ti hanno risposto e si sono aperti, dunque, se quella preside avvoltoio si fionderà su di te, cerca di mantenere quel briciolo di razionalità senza farti prendere dagli attacchi di panico perchè hai fatto la cosa giusta.

    Ilaria, mi spiace non sia andato bene benissimo il tuo weekend alle terme, certo che anche il ciclo e la totale inesperienza con gli assorbenti interni… questa è sfiga. Mi spiace immaginarti davanti a quei buffet. Penso che se solo fossi stata più rilassata e felice e tranquilla e senza paragonarti alle altre ragazze, le pietanze strepitose non avrebero esercitato tutto quel fascino su di te. Il punto è qui, focalizzarsi su altro. Lo Xanax non farà miracoli, però abiti in un posto meraviglioso nella stagione estiva primaverile, non startene barricata in casa.. Cerca di inventarti qualcosa che ti faccia sentire più autonoma, più libera da schemi e ossessioni. Io, non prendo lo Xanax ma un antidepressivo, si chiama Cipralex, teoricamente dovrebbe distogliermi dalle ossessioni, ma credo non farà miracoli a meno che non sia io a volerlo. O meglio, a fare qualcosa di concreto in una nuova e diversa direzione.

    Azimut, come stai? Certo che il caffè solubile non si può proprio sentire sai? ;)
    Sono contenta tu sia riusita a nascondere la bilancia. Hai talmente tanto altro su cui concentrare la tua attenzione! Ma che lavoro fai? “Finalmente” è arrivata la primavera, ti rimetti a prenderti cura del vostro giardino? Lo vorrei fare anch’io, ho deciso che pianterò dei mirtilli, peccato che al supermercato erano finite le piante, devo pensare a qualcos’altro.

    Miele, preferisco immaginarti mentre ti gusti una buona coppa yogurt gelato e scagliettine di cioccolato piuttosto che vederti mentre ti imponi di mangiare per forza. Schei su schemi. All’inizio credo che seguire una dieta sia fondamentale comunque, hai bisogno che mangiare ti sia imposto rispetto a farlo perchè vuoi. Volere nella malattia, ha un significato così labile. Persevera ancora un po’ e riuscirai a farlo con più naturalezza. Proprio oggi parlando con la psicologa è uscita la questione schemi-controllo-perfezione. Fa paura abbandonarli, perchè hanno portato anche a risultati positivi, ma quelli negativi, sono stati disastrosi. Perdere il controllo non ci ucciderà. Credo in te, ce la farai. Com’è andata la visita?

    Girasole, fermati e rifletti. Due mesi fa quando ancora ti cullavi nelle braccia dell’anoressia. Risponditi da sola. I mesi sono passati, tu stai meglio. Scusami ma non riesco a vedere lati negativi nella tua scelta di cambiare lavoro. Un altro posto da receptionist lo puoi trovare sicuramente, nel frattempo provi altro. E se non lo fai ora quando lo potrai fare? Continuo a vederla come una grande opportunità, sono certa la saprai cogliere. La situazione con il tuo ex… eh eh eh.. Immagino non sia semplice da gestire, ma se tu sai di non riuscie a stare con lui e certi suoi comportamenti sono uguali a prima, boh. Forza comunque. Tu adori il caldo il sole per le ossa, dunque, fuori all’aria aperta e affronta tutto con la solita grinta che porti qui.

    Laura, sono felice tu sia andata a convivere, so che non ci starai leggendo ma qui nessno si scorda di te! Credo si positiva come scelta. La psicologa dice dello strano rapporto con la figura materna. Non so quale sia il tuo rapporto, ma andare fuori vuol dire crescere, diventare adulti. Faccio il tifo per te!

    Yris, sempre di corsa per via del lavoro? Ti abbraccio, chissà come sarà meravigliosa la tua terra in questo periodo.

    Lunablu, e tutti questi ometti?! E i tuoi sogni strani? e le foto??!! Hihihihi.
    voglio vedere anch’io le foto della tua nuova casetta!

    Silvia, sei torata? Come mai a Verona? Come stai? Come sono andati questi giorni fuori porta?

    Chiara, cara Chiara… Ti leggo sempre e ti porto con me, penso a qualche parola confortante per te.. Ti continuo a sentire così confusa e stanca. Ti penso, ogni giorno che prendo la mia pastiglia e al fatto che tu sia riuscita a dire no. Ti penso quando so di dover tornare a Verona. Ho letto della triste giornata di ieri, di come qualsiasi cosa tu mangi che esuli dai tuoi schemi faccia una brutta fine. Chiara basta, ti prego. Ricordo che appena ho iniziato a scrivere qui dicevi di essere una super corritrice, eri appena tornata da una gara e da pranzo con i tuoi (zio?) che ti aveva detto che avevate esagerato un po, ma eri più tranquilla… Ora, invece, ogni volta che mangi qualcosa di troppo poi ti imponi di stare male. Purtroppo, se guardo ai mesi passati, anch’io credo stessi meglio di ora. Continuo a vedere come necessario tutto il male, per uscirne, non lo so, non ci capisco più nulla.

    Polla, leggerti è una gioia! Prima o mpoi incontrerai una persona con cui condividere i tuoi pensieri. Sarà sicuramente fortunato. Mi trasmetti sempre tanta forza…

    Claudina, sono felice per l’incontro con la nutrizionista, spero che in questi giorni npn essendo passata da qui, tu tii sia concentrata su altro!

    Aleph… Che caos con questa ragazza. Comunque, io seguirei i consigli delle altre, cerca di fare chiarezza a lei dei tuoi sentimenti senza difenderti dietro al tuo parziale disinteresse. Se sarà un rifiuto amen, ma dai suoi comportamenti lo dubito! Forza forza!

    Vaniglia, mi spiace per il tuo stato di salute.

    Marianna, Amira, Cannella e tutte le altre, vi abbraccio forte.
    Parlare di me, avrei tante cose da dire, ma non saprei da dove iniziare…

  787. yris dice:

    lunablu, io ti vedo già avvinghiata a…. nel sacco a pelo sul pavimento della cucina!! :-) )

    polla, sei il peperoncino di questa cucina di matti.. :-)

    azimut, le nuvole, Escher e.. il filo

    chiara, con la scusa delle radiazioni puoi rifiutare il cibo giapponese, ma quello mongolo no!

    miele, dai che oggi sarà un altro step sulla via della vita!

    maria letizia, la tua etica cozza contro la mediocrità altrui, ma alla fine è vincente. persisti!

    pina grazie delle incursioni sporadiche, motivanti.

    girasole, ti avevo dedicati un post. non arrenderti: cambiare è vivere!

    aleph…. io mi sono un po’ stufata di questa donna che ti tratta male.. :-( reagisci!

    silvia, dove sei? guarda che ti vengo a prendere..

    cannella, dicci come stai, cosa fai

    ilariaaaaaaaaaaaaaaa!!!!! (e non dico di più..)

    a tutte le altre un abbraccio, forte, stretto, di più.. :-)

  788. Ilaria dice:

    Ma come non dici di più, Yris?? Non so se prenderlo come un urlaccio dritto dritto nel timpano (ahia) oppure come uno sprone o… ? Dimmelo tu :-)

    Uhmhm, che piacere rivederti! Novità sul fronte della tesi? Ora che me l’hai fatto ricordare, l’esperienza Tampax si è conclusa nel peggiore dei modi… dopo la fatica che ho fatto per indossarli, li ho dovuti smettere subito, non riuscivo a camminare dal dolore, sembravo Sampei :-(

  789. yris dice:

    ahahhhaa
    ilaria che cammina come Sampei (e chi è?).. polla con le chiappe espanse…
    noi con tutte le nostre fisse… :-) ))
    ve l’ho detto mai che vi adoro??!!
    dai, facciamo un fumetto, c’è qualcuna di voi che sa disegnare? io mi offro per i testi.. :-)

  790. yris dice:

    ECCOLA!!! ilaria-sampei!! :-) :-) :-)

    http://www.youtube.com/watch?v=zYIoot4AfZA

  791. Ilaria dice:

    Ma come chi è Sampei?? È il protagonista di un cartone animato giapponese (e infatti mi autocorreggo, si dovrebbe scrivere Sanpei, la m come consonante singola in giapponese non esiste), un ragazzino pescatore che cammina con la gambe ad angolo retto, ma verso l’esterno, ti puoi immaginare :-D

  792. pina dice:

    maria letizia, io credo ceh il comportamento dei tuoi colleghi sia dettato dalla paura di tutto quel ceh si sente in tv, bambini continuamente maltrattati da insegnant poco capaci di gestire determinate situazioni, forse temono di aver esagerato anche loro qualche volta ed ora, vedere una di loro ceh si schiera dalla prte degli alunni li destabilizza.
    tu, a parer mio, hai fatto l’unica cosa che si doveva fare, io credo che, se fosse vero il comportamento di quel professore, sia il caso di allontanarlo per un pò dalla docenza dei ragazzi, loro hanno bisogno di stabilità, comprensione, affetto e rispetto, se viene a mancare quest’ultimo cosa imparano questi ragazzi? voi, da docenti siete i tutori, non solo della loro cultura, ma anche del loro saper stare alle regole a saperi controllare in circostanze a loro poco congeniali. inutile dire che, non me ne vogliano le mamme che gironzolano quì sul blog, molto spesso i genitori son presi dalle loro cose, problemi sul lavoro, in famiglia, in casa e passano sempre meno tempo con i figli, l’unico punto di riferimento forte siete voi, da voi debbono imparare la vita, sono certa che sei un’ottima insegnante, sei presente nei problemi dei giovani e fai un’ottimo lavoro per loro, continua su questa strada, i meriti a lungo termine ti verranno dati.

    chiara* so contenta della decisione ceh hai preso, una cena con un’amica non può che farti bene.

    polla bravissima, continua così!

    baci

  793. Ilaria dice:

    Ecco, appunto… una cosa orribile! Comunque mi spiace, non so disegnare, qui ci vorrebbe mia cognata che è diplomata disegnatrice di manga in un istituto di grafica in Giappone, ma si dà il caso che mi odi da un paio di anni a questa parte…

  794. pina dice:

    Spesso identifichiamo la nostra vita con la serie di eventi che ci capitano e con i loro effetti; effetti che a volte chiamiamo fortuna e a volte sventura sulla base del significato razionale e/o emotivo che noi stessi gli attribuiamo.
    Ma la vita non è solo le cose che ci accadono, è soprattutto come reagiamo ad esse; è la possibilità di “trasformare” in ogni istante i momenti che si verificano, è utilizzare quel saggio sapere per usare la vita al suo massimo potenziale e darle il suo giusto senso…

  795. Luna Blu dice:

    UUUUUU….io adoro il giapponese!!!! Yris ma che dici…le radiazioni? Mica arriva dal giappone il cibo del giapponese qui in Italia :-)
    …Yris ma come si fa!!!! Non sanno chi è Sampei!!!! Ahahahhh
    La cucina mongola nn l’ho mai provata…
    Ilaria sei allergica al pesce? Come mai…spiegami…son curiosa…e perchè alcuni pesci puoi mangiarli?
    UhmUhm…se vuoi vedere le foto della mai casetta sono su facebook…tu ce l’hai? Hai commentato e chiesto di ognuan di noi…e tu? Tu come stai?

    A proposito di ometti…ho messo una nuova foto sul profilo…e il dentista ha notato solo il fondoschiena…fa un po’ troppi apprezzamenti al mio sedere…ieri voleva che posassi per lui…cmq solo gli uomini notano il fondoschiena sulla mia foto…questo vuol dire che nn è gay..ahahahhhh…

    Pina…io non avrei saputo esprimermi meglio di come hai fatto tu per quello che è successoa Maria Letizia…

  796. uhmhm dice:

    ahahah. Ilaria, sono riuscita a far cambiare idea sugli assorbenti interni a molte mia maiche, la prossima sei tu :)

    Yris, io ci sto per i fumetti… ahahah pensa che bello!
    Una mia amica me ne ha fatto uno con me e lei, lei è stra brava a disegnare!

    Pina, purtroppo o per fortuna, hai ragione!

  797. yris dice:

    certo che sarebbe bella una storia delle ragazze del blog.. a fumetti!!
    ognuna con la sue fisse trasformate in caricature.. :-)
    dalla sogliola di polla, alle righe di azimut, la barchetta di lunablu, le torte di miele, e chi più ne ha più ne metta..
    credo che sarebbe anche terapeutico.
    vogliamo pensarci seriamente??

  798. Maria Letizia dice:

    Graze di cuore ragazze…SIETE DAVVERO UNA GRANDE FAMIGLIA PER ME!

  799. uhmhm dice:

    altro che fototerapia :)
    Si dai, lo facciamo? Penasiamoci su, qualcuna sarà ben capace a disegnare no?!

  800. Luna Blu dice:

    Io son brava a disegnare ;-)

  801. miele dice:

    Polla sono fiera di te, e sai perchè.

    Maria Letizia credo che anche dentro alla scuola vi siano dei rapporti di potere delicati, che poco o nulla hanno a che fare con l’educazione dei ragazzi…tu hai agito bene e secondo coscienza, ma hai acceso una miccia e devi aspettarti una qualche esplosione…

    Ilaria ma com’è che hai così tante allergie ed intolleranze? Io non ho mai mangiato giapponese, semplicemente perchè dalle mie parti i pochi ristoranti che ci sono risultano economicamente improponibili!

    Uhmhm che piacere leggerti di nuovo.
    Il controllo è andato così così, ho ripreso un po’ di peso, non quanto avevamo stabilito ma almeno non sono calata. Rflettevo sul fatto che da un po’ di tempo non mi sembra di trarre alcun beneficio dalla psicoterapia, forse anche questo mi lascia un po’ aggrappata ai miei schemi rigidi: questa settimana tenterò, non so come, di farlo capire alla mia psicologa.

  802. Polla dice:

    ..MariaLetizia,io non penso che tu abbai sbagliato e parto dicendoti qsto,ma provo un attimo a guardare la situazione all’interno di un ambiente lavorativo educativo(io anche ci lavoro..)e credo che forse prima di dare “consigli” agli studenti,avresti prima dovuto parlarne coi colleghi,magari poi non sarebbe cambiato nulla,dunque poi avresti potuto intervenire sui tuoi alunni di tua iniziativa,ma solo dopo.. qsto lo dico non perchè conosco la la tua situazione(anzi.. non so nulla di come gira in quella scuola!),ma perchè lavaorando anche io un ambiente educativo spesso mi trovo nei tuoi stessi panni.. ovvero.. magari qualche utente viene da me e mi racconta che non va qsto che non va quello,che una ha fatto così,l’altra ha fatto cosò,che l’operatore di riferimento fa o non fa qsto e quello.. e d’istinto ti viene di dire la tua,di spronare la situazione o non so,cmq fare qualcosa.. invece ho imparato che in tal caso conviene ascoltare per bene e fare riferimento a chi di competenza o al diretto interessato,in modo tale che abbia la possibilità lui stesso di agire e di cambiare le carte in tavola senza che si senta giudicato nel proprio lavoro.. non so se mi sono spiegata! Certo tu lavori con minorenni,quindi la situazione è anche un po’ diversa,ma ti assicuro che i ragazzini come i tossicodipendenti,come tutte le persone insomma,sanno usare la propria furbizia e sfruttarla a proprio piacimento.. quindi sta a noi essere adulti e comportarci in maniera tale da non farci prendere in giro e aiutarli o intervenire se serve.. ad ogni modo tu hai dato un consiglio + che giusto,ovvero quello di fare riferimento ai genitori,che sicuro,agiranno per il bene dei figli,però che poco sanno del contesto scolastico all’interno! quindi.. io credo cmq che se tu cercherai di poratre avanti convinta la tua idea, la tua buona fede,nessuno potrà dirti nulla all’infuori di qsto e magari un giorno ti ringrazieranno pure perchè hai dato loro modo di aprire gli occhi!!!!

    Chiara*,stasera potresti provare a mangiare qualcosa di diverso.. io adoro il giapponeseeee e anche il mongolooooo.. ma proprio cose stra buone!!! ma se non te la senti di assaggiare,fanno anche pesce alla griglia che vale un po’ come la sogliola senza sogliola.. ma cmq hai già fatto una bella cosa a permetterti di uscire dal tuo guscio.. cerca di vivertela al meglio e di goderti la tua amica + di tutto!!!! e vacci piano con l’alcol che poi ti porta al cesso diretta.

    Ilaria..hai i valori nella norma??? olèèèè.. cmq anche io ho i valori della tiroide un po’ sballati,ovvero potrei risultare ipotiroidea,ma è dovuto al sottopeso infatti presto li devo rifare! non significa che sia realmente ipotiroidea..

    Miele.. sono contenta della tua visita.. e .. sono contenta di me,delle mie conquiste,della mia giornata che sta andando alla grande.. oggi pomeriggio sono riuscita a fare delle cosine che rimandavo da tempo e mi succede sempre quando rompo gli schemi.. mi si aprono nuove strade..

    Ora anche io vado a fare il controllo.. vedremo un po’ che salta fuori.. stasera vi saprò dire.
    uhmuhm..che piacere rileggerti!!! dai,raccontaci qualcosa di te.. prova!

    yris.. la cosa dei fumetti mi piglia stra bene.. peccato che io sia una pessima disegnatrice.. risultereste tutte degli extreterrestri.. o cose simili..

    LunaBlu.. non solo gli uomini hanno notato il tuo fondoschiena cara.. io anche mi ci sono imbattuta e.. COMPLIMENTI!!!! ahahah..

    A dopo ragassuole.

  803. Ilaria dice:

    Ah, saperlo perché ho delle allergie… le ho dal’età di 6 anni circa, non so dirvi perché certe cose sì e altre no… pensate che da poco ho scoperto che posso mangiare le fragole, e sì che nei test la reazione al fruttosio è ancora la più violenta! Misteri del corpo umano, non tutto va come dovrebbe andare… Le uniche cose che non sopporto di questa condizione sono che 1) nei banchetti nuziali si mangia al 99% pesce, vuoi perché costa di più, vuoi perché è considerato più pregiato… e io, fessa, una volta, quando non avevo il menù a portata di mano, ho mangiato risotto con gli scampi; ovvio, ho saputo solo dopo che si trattava di scampi, nemmeno sapevo della loro esistenza, non avrei saputo riconoscerli… e sono andata all’ospedale; 2) i miei genitori minimizzano, non ci vogliono credere anche con i test sotto mano!! Hanno il coraggio di dirmi “be’, ma se hai l’influenza fatti una spremuta!”. Proprio come se le mie parole svanissero nel vento…

  804. Azimut dice:

    uhmhm che piacere rileggerti. Mi hai fatto ridere col discorso del caffè solubile :-) Sì capisco per per le amanti del caffè vero sia un surrogato. Solo che il caffè da solo non mi piace, nel latte in teoria mi piacerebbe ma sentirne l’odore la mattina mi farebbe vomitare al volo, così ho scoperto che quello solubile è ciò che fa per me. Ovviamente quello del mercato equosolidale, su questo non si discute.

    yris… mi vedo già a fumetti… una riga in una mano, una linea a spirale nell’altra mentre sono inseguita da cadaveri putrefatti,,,

  805. Chiara* dice:

    Mi avete fatta morire dalle risate con la storia di Sampei e delle radiazioni!
    Giuro che mi sto ancora spanciando… grazie ragazze! Strapparmi un sorriso non è cosa facile ultimamente e voi ci siete riuscite! :-)
    Ma… non è che esco dal ristorante radioattiva???? @_@
    Oh mamma mia… adesso mi fate venire un po’ di paura però!
    Vabbè, non pensiamoci.
    Già sto in ansia così. Spero solo che non ci siano troppe cose cucinate con troppi condimenti perché allora finirei con il non toccare niente.
    E considerando che non mangio nemmeno il riso il sushi me lo scordo.
    Sono imparanoiata a palla. Non vi dico.
    Prima sono andata a comprarmi un paio di scarpe. Avevo voglia di farmi un regalo… super tacco e plateu, in pelle scamosciata beige con fiocchetto.
    Ma come da copione ora sono assalita dai sensi di colpa. Potevo farne a meno. Potevo tenere quei soldi per qualcosa di più importante e meno futile di un paio di scarpe.
    La mia psicologa mi bacchetterebbe la mani se sapesse che la sto prendendo in questo modo.
    Giovedì finalmente la vedo. Ho voglia di parlare con lei. Proprio tanta.

    Uhmhm non so che dire. Mi hai fatta emozionare con le tue parole. Grazie.
    Lo so, purtroppo nell’ ultimo periodo non faccio altro che andare indietro. Come i gamberi.
    Per un passo avanti ecco che ne seguono 10 nella direzione opposta.
    Non so nemmeno io cosa pensare. Sicuramente mi rendo conto che così non va. Che le cose peggiorano anziché migliorare. E non riesco a capacitarmene.
    E di te cosa ci dici? Con la tesi come procede?
    Dai, quando vieni a Verona fammelo sapere. Un caffè in zona universitaria me lo bevo volentieri con te!

    Ilaria secondo me tu ti senti davvero molto molto sola. Lo percepisco da quello che scrivi di te. E mi si stringe il cuore…
    Hai bisogno di qualcuno con cui parlare, con cui fare qualcosa di diverso, con cui poter essere te stessa. E questo qualcuno non può essere solo il tuo fidanzato.

    Miele mi fa piacere che il controllo sia andato bene. Perché E’ ANDATO BENE. Non pretendere troppo da te stessa e come ti ha detto la nostra saggia Yris datti tempo.
    Anch’ io inizio ad essere un po’ scettica riguardo la psicoterapia… ma voglio crederci. Perché al momento mi sembra l’ unica ancora di salvezza.

    Polla tranquilla! Niente alcool stasera! Ho deciso di prendere io la macchina proprio perché ho la scusa per bere solo acqua (o una coca light!).
    Già… speriamo di non tornare a casa delusa e amareggiata.
    E’ una grande prova per me quella di stasera. Sembrerà stupido ma… ho paura.

    Pina… grazie. Semplicemente grazie.

  806. silvia dice:

    Sn qui!
    ora mi ci metterò parekkio ma voglio legger tutto
    vi ho pensate

  807. Ilaria dice:

    Bentornata Silvia!

  808. Ilaria dice:

    Dimenticavo: vi prego, non disegnatemi con i Tampax, ok?? :-D
    Vai Chiara, saremo vicine a te stasera!

  809. Chiara* dice:

    Silvietta ciaoooooooooooo!!! Bentornata!!! ;-)

    Angeli io vado.
    Sono già inversa. Non mi vedo con niente addosso. Mi guardo allo specchio e mi faccio letteralmente schifo.
    Il viso è quello di un fantasma, con 2 occhiaie nere stile “sposa cadavere” e il resto… lasciamo perdere.
    Che pensieri idioti.

    Vi penso.
    Un abbraccio

  810. yris dice:

    ahahhahah :-) e se ognuno raccontasse come si immagina, trasformato in “fumetto???
    quali sono le cose che evidenziereste? quali quelle che trasformereste in caricatura scherzosa? in che modo vi dipingereste?
    che tratti dareste al vostri personaggio? che sembianze? che colori?
    quali comportamenti “ossessivi” trasformereste in tic oppure in vezzi?
    dai, proviamoci!!

  811. Marianna dice:

    Ma buonasera a tutte/i!!!

    Non mi sono dimenticata di voi, anzi, vi penso ogni giorno!Ho avuto tante cose da fare, la tesi mi porta a spostarmi nei paesi quì vicino e inevitabilmente perdo gran parte della giornata tra treno, studio e calcoli vari. Il tempo che mi rimane è poco, spesso arrivo a casa così sfinita che vorrei solo andare a dormire, anche adesso mi sento stanchissima.
    Sono in ansia, è inutile nasconderlo, questo percorso di guarigione mi fa paura. Ho letto il post di Miele dell’altro giorno e mi ci sono ritrovata in pieno. Spesso mi sveglio e piango, preparo il pranzo e piango, studio e piango, ceno e piango, insomma, sembro una fontana!
    La notte faccio sempre lo stesso sogno: devo raggiungere un’aula ma non riesco a trovare la strada e continuo a salire e scendere le scale affannosamente. Un mio amico mi telefona e mi dice di raggiungerlo, io gli dico che non riesco a trovare la strada, lui me la spiega ma ci sono sempre queste scale e non riesco a trovare la strada…

    Sto perdendo le mie certezze e poi mi sento il fiato sul collo di mia mamma. Lei non lo fa apposta, oramai questo l’ho capito, però mi controlla in ogni cosa e mi fa aumentare questo senso d’ansia. Non so che fare ,mi sento proprio spaesata.

    Azimut, Miele, Monica, Silvia, Yris, Chiara, Uhmhm, Laura, Luna Blu, Alpeh, Ilaria, Maria Letizia, Claudina, Polla e tutte le altre, vi voglio tanto bene, siete tanto importanti per me. Cercherò di essere più presente, promesso!

    Un bacio a tutte/i

    M.

  812. miele dice:

    Dai Marianna, ti assicuro che sentirsi spaesati è normalissimo. Tu mantieni la rotta, naviga verso l’obiettivo finale. Lungo la costa ci siamo tutte noi che ti facciamo i segnali di luce…

  813. silvia dice:

    Chiara…6 bellissima!!! e poi basterà esser serena, puoi farcela, io sn cn te!!!! cerca di nutrirti della compagnia di questa tua amica, hai avuto coraggio, hai fatto un passo verso l’altro…hai fatto bene, nn mollare…tieni duro!

    Miele, Azimut, Polla, LunaBlu, Yris…e tutte qnt ragazze mi siete mancate da morire! è vero! Chiara m’ha vista grintosa, il ritorno xrò è duro x me, ma voglio continuare a lottare.
    E’ stato emozionannte incontrarsi, xkè cm ha detto lei, nn c’è stato alcun bisogno di darci indicazioni, ci siamo riconosciute all’istante…
    siete persone speciali! siete importanti x me! cm ho detto anke a lei, siete state e continuate ad essere un punto di riferimento.
    Miele ho letto delle tue lotte e delle tue conquiste…delle lacrime cadute, ma fatte scivolare via…6 grande!
    E Luna…semplicemente STRAORDINARIA…
    Azimut la tua bilancia…bravissima!
    Ma davvero tutte ragazzze..e anke Aleph…
    C’ho messo 2 ore x leggervi ma mi si è riempito il cuore.

  814. Aleph dice:

    Buonasera a tutte!

    Oggi giornata in università, sono abbastanza stanco…

    Grazie per tutte le parole che mi avete dedicato, mi hanno fatto davvero molto piacere!
    Che dire…so che avete ragione, e con qualsiasi altra ragazza ovviamente avrei già fatto quello che dite voi…però lei sa benissimo quello che provo, in passato gliel’ho detto più volte. Lei sa benissimo che io sono geloso di ogni persona con cui anche solo parla. Ogni volta che in passato abbiamo affrontato il discorso di noi due, di uscire insieme, di stare insieme, lei si è sempre tirata indietro, abbiamo sempre o litigato o smesso di parlarci…ho un pò di paura quindi…voglio pensarci bene, se ci dovesse essere l’occasione cmq gliene parlerò…

    Silvia, bentornata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    E anche Marianna!!!!!!!!!!

    Azimut, grazie per le tue parole da “mamma”!Sei unica…

    Luna, grazie anche a te davvero…

    Claudina????

    Vaniglia, ti penso…

    Torno tra poco…

    Aleph

  815. Aleph dice:

    In effetti a quello che ho scritto prima ci sarebbe anche da aggiungere che in passato però non siamo mai stati così vicini come ora…

  816. Maria Letizia dice:

    BuonaserA a tutti…sono davvero stanca: incontro con la dott..ssa, stiamo lavorando sulla mia autostima pER affrontare le mie paure, dal monDo del lavoro al mio rappporo con il cibo, ma è dura tirare fuori pensieri e paure che nemmeno pensavo di provare e conviverci..
    Voi come state?
    miele…grazie per il tuo chiarimento, sei una persona molto forte e determinata…ti ammiro
    Azimut…grazie per il tuo insegnamento sul mondo del lavoro…
    Ilaria, ora come stai?Grazie per il tuo giudizio sulla mia vicepreside…sdrammatizziamo…è meglio!
    Polla…io adoro il gelato…
    Chiara, davvero nn ti piace il sole, è un ottimo antidepressivo, non scioglierebbe un po’ di quel ghiaccio che senti dentro di te. Ottima la scelta di allargare le amicizi per non avere solo Francesco, io nn l’ho mai fatto ed ora vorrei avere qualche amica con cui passare qualche pomeriggio…
    Laura in bocca al lupo per la tua convivenza!
    Polla in effetti penso che prima di sbilanciarmi con i ragazzi avrei dovuto parlare con alcuni colleghi, ma ho agito di impulso, so che ho innescato una bomba…vedremo se ci saranno conseuenze negative…io però ho agito per il bene dei ragazzi (ancora ne approfitto per ringraziare tutte voi che mi avete capita e sostenuta!)
    silvia…bentornata!
    Marianna…quanto tempo!Stai bene?coraggio, penso che il tuo star male sia dovuto anche molto dallo stress per la tesi.
    Vado a nanna…vi abbraccio di cuore…Grazie ancora per l’affetto che sempre mi dimostrate. domani vi farò sapere come vanno le mie avventure a scuole…ho deciso che, se riesco, prenderò tutto alla leggera e anche con un pizzico di ironia…VI ABBRACCIO!…

  817. Luna Blu dice:

    Polpine…polpettine…polpastrelle…anzi vi chiamerò pulcine…avete mai tenuto tra le mani un pulcino…quelli gialli che fan pio pio…io li adoro…

    Stasera son uscita in barca…ma l’uscita è stata troppo blanda per i miei gusti…
    Son stanca più di ieri…ma l’umore sempre altissimo…ihihihhiihihhh…
    Polla ti garantisco che il mio culo è grande e ha una forma che nn mi piace molto…però è più duro di quello di un uomo…cmq piace molto agli uomini…il dentista fa spesso apprezzamenti…ahahahhh…dice che ha una forma da sognarselo di notte…che incubo!!!..e io ricordo la prima volta a casa sua a far foto che mi tenevo le mani sul sedere perchè non lo vedesse..ahahhahhh…

    Silvia…come stai?
    Azimut…chi ti inseguirebbe? Ahahhhahhh…certo sei originale… ;-)

    Chiara torna a raccontarci della cena… :-)
    Marianna…che piacere rileggerti…
    Aleph…non ti far prendere in giro…lei si diverte e così nn si rende conto di quanto tu tenga a lei…insomma fai più l’uomo ;-)

  818. Luna Blu dice:

    Buonanotte pulcine!

  819. silvia dice:

    Luna sto bene, meglio, combatto…ora ad esempio, x tenere la mia cena ke ho fatto x fame e xkè volevo, sì…è così e dobbiamo ammettercelo. Accettare l’imperfezione,.
    Nn so xkè ma sn tornata qui xkè so ke potete tenermi un pò “la mano” stasera e aiutarmi a cercar di stare bene anke nella mia situazione di quotidianità…
    Miele…cm va a te?

    Laura nn ti ho dimenticata…spero ke la tua “avventura”, questa nuova esperienza col tuo fidanzato sia un nuovo inizio, un beuon punto di partenza e ke sia andato tutto x il meglio…

    Chiara cm è andata?

  820. Polla dice:

    ..Buonasera pulcine(adoro qsto soprannome,mia mamma spesso mi chiamava così da piccola e ho sempre adorato i pulcini.. ahahah),
    eccomi qui dopo una giornatina bella intensa e direi MOLTO positiva. Sono contenta di come sia andata e nonostante abbia fatto un bel po’ di cose,sono stanca,ma non distrutta.. ho quella bella stanchezza addosso,quella che ti fa venire voglia di infilarti sotto il piumone,ma non per non pensare o per nascondermi da chissà cosa.. semplicemente infilarmi sotto il piumone con la soddisfazione e con il pensiero che qsta giornata è finita e che vorrei che fosse ieri per riviverla.. qsto è stato il mio pensiero.. come se domani non potessi ripeterla e invece? invece sono liberissima di farlo.. e d continuare con positività.. è stato un periodo faticoso,ma sta fruttando.. olè.
    Oggi l’incontro con la dottoressa è andato benone.. era contenta per certe cose,per altre invece mi cazzia,ma in un modo non critico,sempre facendomi vedere il rovescio della medaglia e mi carica di brutto! Inoltre abbiamo parlato tantissimo della mia esperienza in comunità e mi ha detto che si offre da corelatrice per la mia tesi di laurea.. io sono iper mega contenta perchè è una donna davvero in gamba e ne sa a pacchi.. mi indirizza bene e so che mi sostiene in qsta cosa della tesi perchè crede in me e ha voglia che io ce la metta tutta! ha un sacco di fiducia.. oggi ho l’energia di una leonessa ragazze,altro che pulcino.. e vorrei passarvene un po’.. farvela assaporare e godermela allo stesso tempo!

    mariaLetizia.. vai tranquilla delle tue idee,cerca di farti vedere decisa,ma non cocciuta,semplicemente una persona che pensa di aver fatto una cosa buona e che è in grado di confrontarsi riguardo alle proprie idee senza sentirsi giudicata o sminuita!!! dai.. attendiamo tue notizie..

    Marianna.. che meraviglia.. leggo di te,dei tuoi pianti.. ti capisco perfettamente perchè mi succede spesso.. ma ricordati che è un pianto positivo,ben lontano da un pianto depresso.. abbandonare la malattia è pur sempre un abbandono e gli addii non si vivono mai troppo bene,solo che in qsto caso non può che portarti a qualcosa di meglio.. è come piangere lasciando un posto al quale si è “affezionati”,ma nel quela non si ha futuro e allora ci si lancia verso un altro luogo,magari ignoto,magari che fa paura,ma pur sempre un posto migliore e che impareremo a conoscere e a fare nostro.. e via,verso qsto nuovo viaggio.. :-) !

    Chiara*,tu NON mangi il riso.. ma che frase è??? ogni tanto dici delle cose come se fossero dati di fatto,immutabili.. non è così. cioè,puoi non mangiare il riso,ma “io non mangio il riso” non ha senso,cioè ha senso nel lato fobico della cosa,ma cerca di di smussarti un po’,magari dicendo “faccio fatica a mangiare il riso”.. non so se mi spiego.. anche le parole hanno un peso e sono frutto di pensieri,che possono sempre e cmq variare,sono in continuo mutamento! spero cmq che la tua serata stia andando per il meglio.. anzi,sono sicura.. ah,cmq il sashimi è senza riso.. eheheh!!!

    Yris, stanotte mi addormenterò pensando a come potrei rappresentarmi.. vediamo se mi viene qualche idea..

    Miele?? come va il post serata??? io ti mando un mega abbraccio,ma proprio mega. :-) . ci aggiorniamo domani??? siiiiiii. olè.

    Ora scheggio a darmi una bella lavata e centrifugata.. e poi con lo spuntino,mi infilo nel letto.. e pluf.. runf ronf..

    A domani pulcineeee.. ahahah.

  821. Polla dice:

    ..Silviaaa.. scusa,non ti ho salutata,ma sono super contenta che tu sia tornata..
    Cerca di tenerla qsta cena.. cerca di tenere la tua medicina.. è pur sempre un passo in +.. te lo assicuro che cambia una cena in + piuttosto che una cena in meno.. cambia nell’ordine dei pensieri ed è importantissimo,cerca di scegliere di essere forte. TU vuoi essere forte.. la tieni. ti stringo.

  822. silvia dice:

    Si, la tengo, sn qua a dirmi ke voi ce la fate, delle lacrime e gli sforzi di tutte voi…posso anke io…voglio…voglio una vita ke sia degna di questo nome e vivere la soddisfazione di una giornata intensa cm la tua Polla.
    Grazie, avevo proprio bisogno di una vostra parola.

    Chiara ti sn accanto!

  823. Aleph dice:

    Silvia!!!Lotta, sono lì accanto a te a lottare, a stringerti, a darti forza, so che puoi farcela!Ci credo, ci credo, ci credo…
    Tu ti meriti una vita degna di questo nome, e ho la certezza che potrai passare giornate e giornate intense come quelle di Polla!
    Ti penso!

    Domani altra giornata intera in università….spero di tornare presto e riuscire a scrivervi!Come faccio a non commentarvi tutto il giorno!?!?!?!?

    Buonanotte!

    Aleph

  824. miele dice:

    Oggi sono io a dare il buongiorno!

    Ieri sera, dato che ero a casa da sola, insieme ad un’amica sono andata a vedere “Il cigno nero”….lei (la Portman) è bravissima, rende proprio l’idea…nel complesso però il film non mi è sembrato andasse molto a fondo nelle questioni, anche se la scenografia e la fotografia sono molto suggestive.

    Silvia, ciao! Che bello che tu sia qui di nuovo! Ci sei mancata molto, a me sicuramente. Sei riuscita a tenere la cena? Ci proviamo anche oggi, magari mangiando qualcosa stamattina?

    Miele-chiama-Chiara*…tutto bene?

    Ilaria…Azimut….?

    Qualcuno sa qualcosa di Claudina?!?

    Aleph, io ho una domanda: ma di questa ragazza, che cosa ti piace? Che cosa ti fa sentire innamorato di lei? E non dico “malattia a parte”, perchè anche la malattia è parte di lei, e lascerà cmq un segno nel suo carattere.

    Polla bellissima la tua carica! Positivissime le tue parole…spero che tu riesca ad agire sulla stessa linea…forza!

    Qui fa freddo e l’erba al mattino è di cristallo. Ma il sole sta facendo il suo “lavoro”, e tra poco quei cristalli saranno luci d’acqua… Oggi ho parecchio da lavorare, ma comincio con positività.

  825. Polla dice:

    ..Buongiorno ragazzuncole,
    eccomi sveglia all’alba per andare a “lavorare”..ma prima vi faccio un salutino veloce mentre finisco di fare colazione..
    Io mi sono svegliata positiva e sono pronta verso l’ignoto.. ovvero.. non ho fatto programmi,niente di + di quello che è da fare di dovere come andare in comunità.. vedremo come va.. ho voglia di sentirmi un po’ svincolata da tutto,non dai miei doveri.. è da ieri che mi frullano in testa idee per la tesi e qsto pensiero mi assorbe abbastanza e allo stesso tempo mi stimola.. paura? molta.. nel senso che vorrei fare un buon lavoro e ho necessità di attivarmi e dunque di mettere in secondo piano una serie di dinamiche che mi portano a distrarmi.. non intendo dimenticarmene,ma semplicemente alleggerire il pensiero e agire,agire magari anche in modo + naturale.. ci provo almeno! chissà..

    Buongiorno Miele.. tante cose da fare oggi? dai.. stimoliamoci un po’.. eheheh.

    anche qui oggi fa freschino,ma il sole sta spuntando.. olè.

    A + tardi.

  826. miele dice:

    ah, ma io sono stimolatissima…il sole mi dà la carica :)
    sono già a pieno regime sul paper che sto scrivendo.
    buon tirocinio tesoro, ci sentiamo più avanti nella giornata.

  827. yris dice:

    ciao bimbe!! Q

  828. yris dice:

    Ciao bimbe.. qui piove, e c’è il sole!! ora mi affaccio dalla finestra e cerco l’arcobaleno.. :-) un sorriso a tutte voi e un bacio ad aleph

  829. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Sono da poco tornata a casa dalla mia corsa. C’ era molto freddo questa mattina ma mi sentivo carica e infatti le gambe andavano da sole. E’ una sensazione che non si può spiegare. Non c’è niente che ami di più della corsa.

    Vi ringrazio per avermi pensata ieri sera.
    E’ andata tutto sommato abbastanza bene. Il cibo era davvero buonissimo e ho avuto la possibilità di mangiare senza troppi problemi scegliendo quello che più si confaceva ai miei (assurdi) schemi ma lasciandomi anche andare a qualche cosa di diverso.
    Era tutto al buffet, e non vi nego che all’ inizio la cosa mi ha un po’ spaventata.
    Cercavo sempre di guardare prima cosa e quanto si metteva nel piatto la mia amica e poi io mi servivo di conseguenza. Che assurdo…

    Ora devo scappare in palestra. Ho un paio di persone nuove che vengono per la prova e devo stamparmi in faccia un bel sorriso.

    Vi auguro una buona giornata.
    Baci

  830. Azimut dice:

    Ieri giornata complicatissima, seduta dalla psi da brivido… stanotte mare, ora ovviamente sono a pezzi
    abbraccio collettivo

  831. Luna Blu dice:

    Buongiorno Pulcine…
    Prima di leggere i vostri post…devo dirvi un paio di cose…
    E’ rientrato il massaggiatore…aveva una gara di canoa in Sicilia…gli ho scritto per fargli i complimenti e lui mi ha chiesto se ero già nella mia casina…cavolo…non vorrei aspettasse veramente che io viva da sola…e sia libera in tutti i sensi…speriamo di no…perchè per me è un po finita…
    Cmq non gli ho risposto…

    Invece il dentista…ieri non capivo i suoi commenti…oggi rileggendoli a lucido ho capito che voleva che cambiassi la mia foto del profilo…a quanto pare troppo provocante…e dire che è provocante solo per i maschietti…non si vede nulla…lascia molto intuire però…ahahhahh…cmq anche oggi umore alto…

    Adesso leggo di voi…

  832. Luna Blu dice:

    Azimut se puo’ farti sentire meglio racconta della seduta! Stanotte mare…che vuol dire?
    Chiara* son contenta che sia ancdata bene ieri…
    Polla…pulcina più pulcina di tutte ;-) …mi paice elggerti così piena di vita :-)
    Yris mi emtte il buon umore..ancora di più di quello che già sento…
    Buona giornata a tutte…la mia è già meravigliosa..ihhiihiiihhhh

  833. Maria Letizia dice:

    Bungiorno a tutti…che incubi questa notte, quanta insicurezza ho dentro… per questo, dopo ieri, ho paura di essere attaccata e cazziata. Grazie per il vostro sostegno, per riordarmi che dentro di me sono sicura e anche mossa da buone intenzioni, ma purtroppo q.ndo ho davanti q,no che vuola travolgermi e umiliarmi io tremo e vorrei nasconermi. Vorrei stare a casa, nel calduccio sicuro del mio letto, ma so che il mio dovere è un altro, stringere i pugni e affrontare gli ostacoli…VI ABBRACCIO…Buona giornata

  834. Ilaria dice:

    Bonjour! Sento aria di primavera anche qui dentro… e intanto ho ancora i geloni alle dita, sniff sob!
    Ho appena finito di pulire la mia stanza e fra poco raggiungo il mio amato tapis. Nel primo pomeriggio vado dalla dottoressa, spero che mi dica che non ho assolutamente nulla e che mi lasci andare così, senza altri esami da fare.
    Sono orgogliosa di Chiara! Bravissima! E brava anche Silvia, ce la stai mettendo davvero tutta!
    Maria Letizia, mi raccomando, non tornare sui tuoi passi per paura della cazziata, senza ovviamente impuntarti troppo… si sa, le mezze misure non sono la nostra specialità ma esistono anche quelle e anzi, spesso sono l’unica vera salvezza in molte situazioni.
    Vi saluto, a più tardi!

  835. Azimut dice:

    Luna Blu…che sono uscita verso le 2.30 quando tutti dormivano sodo e sono tornata (è già qualcosa) poco dopo le 4 quando tutti ancora dormivano sodo…

  836. Luna Blu dice:

    Azimut..tu abiti vicino al mare?
    Che bello il mare di notte!!!

  837. miele dice:

    Azimut ma tu sei sempre stata così…come sul bordo di una scogliera…? Anch’io vorrei poter andare al mare di notte, credo debbe essere davvero stupendo….ma le tue uscite non mi suscitano sensazioni molto positive…è come se tu cercassi il profondo infinito, un non-spazio in cui disperdere i tuoi frammenti…senti che ti fa bene andarci?

  838. Azimut dice:

    Miele mi hai fatto venire i brividi, non avrei potuto descriverlo meglio… “sul bordo di una scogliera”… come riesci sempre a cogliere le immagini che meglio riescono ad esprimere l’essenza. Mi viene in mente la frase di Virginia Woolf “la vita è una sottile striscia di terra sospesa sopra l’abisso”. Il profondo infinito, il non-spazio dove disperdere i miei frammenti…mi hai fotografata nelle parti più interne e inaccessibili. Andarci mi fa bene e mi distrugge, è un tornare a quella notte per cercare di capire se ora sono più forte, se anche in preda al dolore dilaniante riesco ad aggrapparmi a una roccia. E’ qualcosa di non risolto che mi chiama laggiù e ogni volta non so se riuscirò a tornare indietro. Il terrore mi annienta ma so che devo andare…

  839. miele dice:

    ma allora è terrore di te stessa…della tua parte d’ombra? perchè quando poi sei lì, tra te ed il mare c’è lei…solo lei può trascinarti nella direzione sbagliata…e tu la sfidi continuamente…

  840. laura dice:

    caiao passo veloce, sono dalla mamma per pranzo, così sono passata salutarvi, il primo wek end nella casetta bello, veramente mi sto trovando bene.
    un saluto a tutte ed un abbraccio in particolare a silvia

  841. silvia dice:

    Buon giorno grazie x le vostre parole e x il sostegno di ieri sera, in effeti sì, ce l’ho fatta, ma oggi…oggi ke sn alla “normalità” no, nn ci sto cn la testa, nn ho sensazioni positive…xkè deve tutto tornare così in crisi? xkè deve svanire così presto quell’ebbrezza?

    Chiara nn sai qnt sia fiera di te! della tua cena, della tua uscita? della tua corsa e positività di questa mattina!
    Cm ti 6 trovata cn questa ragazza? 6 riuscita a trovar “quel punto di contatto” a stare bene in condivisione cn un altra persona?

    Azimut quella sera, quella volta…dovresti pensare al tuo futuro, nn al tuo passato…quello è sempre dilaniante!

    Laura ricambio il saluto e i miei pensieri sn cn te…sn felice ke sia andata bene, continua su quest’onda…

    Miele…

    LunaBlu “a volte ritornano…” ma tu 6 già molto + avanti…

  842. Chiara* dice:

    ciao angeli.
    sono passata per lasciarvi un saluto. tra poco vado al lavoro e stasera altro turno in palestra.
    credo non ci sentiremo prima di domani.

    Azimut quando leggo ciò che scrivi mi perdo sempre in miriadi di immagini, di sensazioni, di sentimenti.
    Hai una capacità comunicativa sorprendente. Mi fai venire i brividi… e se penso che le tue parole rispecchiano esattamente ciò che hai dentro mi convinco sempre di più che tu sia una persona talmente ricca e sensibile che non può che risplendere in tutta la sua bellezza e unicità.
    Grazie di esserci.

    Laura bentornata! E buon pranzo!
    Mi fa piacere che i primi giorni nel tuo nuovo nido siano andati bene. E’ passata un po’ di ansia? Immagino di sì!

    LunaBlu ma… questo dentista… cosa vuole??? Perché mai dovrebbe dargli fastidio una tua foto? Meditate gente… meditate…
    e quanto al massaggiatore no-comment.

    Silvia dove sei? Come è stato il rientro a casa? Sono orgogliosa di te. Coraggio, e non dimenticare la nostra promessa. Io ce l’ ho sempre stampata davanti agli occhi!

    Maria Letizia ti penso tanto.
    Siamo li con te. Qualunque cosa accada tu non lasciarti buttare a terra.

    Un abbraccio grande a tutte e ad Aleph

  843. Chiara* dice:

    Silvietta abbiamo scritto insieme! ;-)

  844. Chiara* dice:

    Silvia ti prego, cerca di resistere! Stringi i denti e non mollare.
    Non lasciarti travolgere dalla paura. Paura di cosa poi? No. STOP!
    La normalità è quella che tu ti imponi di vivere. La tua normalità. Fa qualcosa di concreto per cambiarla. Come hai fatto i giorni scorsi, come hai fatto ieri.
    Così dev’ essere oggi e domani e sempre.
    Quanto alla mia serata di ieri… diciamo che non mi trovavo proprio a mio agio. Primo perché mangiare davanti alle altre persone mi crea ansia e poi perché fatico molto ad aprirmi.
    Ho sempre paura che si possa percepire che qualcosa in me non va e cerco di nascondere le mie emozioni.
    Comunque sia tirando le somme non è stata una catastrofe.

    Scappo.
    Un bacio

  845. Azimut dice:

    Silvia la “normalità” ci sta stretta, ma noi possiamo far sì che ogni singolo giorno possa portarci una perla di straordinario. Che sia in uno dei nostri mondi onirici, nei rapporti con altre persone, in un incanto scoperto per caso mentre si osserva il cielo. Sto cercando di fare questo, di scovare quel piccolo segno che rende un momento intenso e irripetibile. Anche nel dolore, nello spaesamento, in quel perdersi che ci rende tanto fragili e insicure. Spesso non ci riesco, magari fossi in grado di percepire le vibrazioni più nascoste…Però quando un’amica lontana mi scrive che mi sta abbracciando io sento le sue braccia che mi stringono e mi danno calore… è solo un istante, ma quell’attimo è passato e mi ha accarezzato il viso per sempre

    Chiara* mi dispiacerà non leggerti più per oggi. Però in questa giornata sei stata per me uno di quegli attimi che si fermano ed entrano dentro. Grazie…

    yris…guarda che ti penso sai…

  846. Marianna dice:

    Ciao pulcine!
    Luna, che belli i pulcini!!I miei nonni, quando ero piccola, avevano una casetta in campagna e mi ricordo che passavo le ore a giocare con i pulcini e i coniglietti!Da lì è nato il mio amore immenso per gli animali, infatti ogni volta che un trovatello mi segue me lo porto a casa, lo curo e poi gli trovo una sistemazione :-)
    C’è il sole lì da te?

    Chiara, sono tanto fiera di te e di come hai trascorso la serata con la tua amica. Mi fa tanto piacere leggerti più positiva, davvero. A proposito, come sta la tua piccola Brioche?Avevo letto che era caduta…
    E la corsa?Hai in programma qualche gara?Io non vedo l’ora di riprendere a correre, ho ancora un mese di stop da rispettare, mi sembra che mi manchi l’aria!

    Silvia!!!Coraggio!Hai visto quanti passi in avanti sei riuscita a fare?Non perdere di vista il traguardo, persevera, sono certa che ce la farai. Sento tanta forza nelle tue parole… :-)

    Laura, ci manchi tanto!

    Maria Letizia, mi dispiace aver letto solo adesso tutto quello che ti sta accadendo. Secondo me sei un’ottima insegnante, si sente dalle tue parole che ami immensamente ciò che fai, i tuoi ragazzi, per cui, non farti calpestare da chi ha più forza di te, fatti rispettare perchè te lo meriti, perchè sei scrupolosa e fai bene il tuo lavoro. Ci sarà sempre nella strada chi cercherà di schiacciarci perchè ci vede più fragili ed insicuri, sta a noi dire di no e farci rispettare. Grazie per le parole gentili che mi rivolgi sempre. Ti abbraccio forte forte!

    Azimut, tesoro, non so perchè, ma ogni volta che leggo delle tue passeggiate notturne ho paura per te. Magari ti fa bene camminare in riva al mare, ma io credo che ti fermerei o ti accompagnerei…sarà perchè il mare di notte di ma paura, non lo so. Posso mandarti una bacione? :-)

    Miele, Yris, Uhmhm come va?Vi penso tanto!

    Polla, mi piacciono molto le tue riflessioni, mi aiutano a pensare in modo diverso e più costruttivo. E poi mi dai una carica pazzesca!!

    Monica?????????Mannaggia a te, che fine hai fatto???Dai, raccontaci meglio questa storia dell’ex e di quello che senti! Come va con il nuovo lavoro?Aspetto tue notizie!

    Ilaria, come sta trascorrendo la giornata?

    Aleph, un pensiero speciale per te!!!

    Io ho iniziato un corso di tedesco. Mi ha sempre affascinato lo studio delle lingue e poichè sono stata ” costretta” a scegliere il mio attuale percorso di studio ho deciso di coltivare il mio interesse nel tempo libero. Lo scorso anno ho fatto francese, adesso sono alla seconda lezione di tedesco e mi diverto un mondo!E’ anche un modo per circondarmi di gente ed evitare di isolarmi o di crogiolami nei miei pensieri.
    Avrei un affare di cuore da sottoporvi :-)
    Diciamo che avete un ragazzo da molto tempo, solo che riuscite a vedervi molto poco e a sentirvi ancora di meno. Vi siete sempre impegnate per mantenere vivo il rapporto, facendo sacrifici e rinunciando ad alcune cose pur di poter condividere un pò di tempo con lui. Però da un pò di tempo vi sentite insoddisfatte e questo vi porta a provare attrazione nei riguardi di altri ragazzi…cosa fareste?

    A più tardi!

  847. Luna Blu dice:

    C’è un sole stupendo Marianna…fuori e dentro di me!!!!
    Oggi poi grande notizione…ma ancora nn mi va di parlarne…
    Chiara si vede che la foto gli dava fastidio perchè non l’ha fatta lui ;-) ….ahahhh…è una mia interpretazione che gli desse fastidio cmq…però nn era molto adatta come foto pubblica…
    oggi mi ha scritto:
    “ogni tanto mi sembra di vederti girare seminuda in casa invece è solo un illusione”
    azz…che vergogna…

    Cmq stasera esco in barchetta con una mia amica…wow…ma che bella la mia vita!!!
    Domenica vado a casa dai miei e li si che ci son i pulcini… :-) …ma quelli veri…

  848. Azimut dice:

    Marianna sarei proprio una brutta egoista a farti venire con me al mare nel cuore della notte e col freddo. Risultato di oggi? Febbrone…
    Per l’affare di cuore…la risposta è dentro di te… Posso dirti per come sono io. Se amo veramente una persona non provo attrazione per altre, anche se ci troviamo lontani per la maggior parte del tempo. Provare interesse nei confronti di altri come dici anche tu mi farebbe concentrare sugli elementi di insoddisfazione nell’altro rapporto e mi porterebbe a pormi domande: si tratta di un momento particolare e passeggero? Che cosa mi crea disagio? Si può fare qualcosa per affrontarlo? Ne parlo con lui? Vorrei accanto a me un’altra persona o vorrei lui ad altre condizioni? Prova ad ascoltarti, a cercare in quelle parti un po’ nascoste che però già sanno. Un abbraccio forte…reciproco stritolìo d’ossa ;-)

  849. Luna Blu dice:

    Reciproco stritolio di ossa…Azimut sei unica e fantastica…che bell’espressione ;-) …più che altro azzeccata…
    ti abbraccio forte

  850. Polla dice:

    ..ragazze e anche oggi ci sono riuscita a cucinarmiiiii qualcosa che uscisse dagli schemi!!!! sto tenendo duro.. mi viene iper difficile decidere di farlo,perchè se sono da sola, nessuno mi controlla,ho troppa voglia di seguire i miei schemi.. e invece??? ho deciso che io voglio essere forte,che non voglio scegliere la strada che mi rende + debole,ma quella che anche se mi fa paura è quella che devo affrontare e mi sento una potenza.. cosa mi sarò mai cucinata??? niente di incredibile,ma 210 gr di gnocchi di patate e niente verdure per me sono un super traguardo.. poi non rinuncio alla frutta,(niente gelato oggi.. non ne ho!)ma ho rimediato con una panna cotta confezionata..troppo dolce,ma ci sta!!!! Ora mi faccio un bel caffè.. ce la si fa ragazze,ce la si fa.. e io vi giuro che sto facendo una fatica incredibile,ma la soddisfazione supera le paure.
    Ora vi leggo e se ho tempo mi dedico a voi.. ma ho intenzione di rendere produttiva qsta giornata,voglio che sia come ieri. Nel caso torno in serata.. olè olè olè.

  851. Azimut dice:

    Polla sei una grande! Del resto lo dice anche l’equazione:
    polla = pulcina grande

    Luna Blu mi è venuta in mente quell’espressione…in genere l’abbraccio rimanda ad una immagine di calore, di accoglimento avvolgente…se si abbracciano due steccolite mi sa che si può quasi percepire lo scricchiolio delle vertebre scoperte… ehi, ma il calore arriva lo stesso eh…calore d’anime…ancora più intenso…

  852. silvia dice:

    Azimut infatti il calore giunge lo stesso, ne ho bisogno anke io…anke se la maggior parte ke qlc tende a stringermi mi divincolo dall’abbraccio.
    questa cosa dello scrikkiolio d’ossa m’è stata detta stamattina sul serio…fa strano…
    a volte mi sento sradicata, senza radici, senza un posto o un ruolo mio, altre volte le mie radici sn così affondate nel terreno ke mi impediscono ogni minimo movimento…e il tutto in una confusione mentale ke mi spinge verso progetti ke inevitabilmente poi perdo x strada…
    xkè tutto questo?
    Miele dove 6?

    Chiara buon lavoro…
    Marianna forse stai solo cambiando cose di te e anke le tue prospettive cn lui, ma sn l’ultima a poter dare consigli utili oggi.

  853. Chiara* dice:

    Silvia non raccontare bugie… che quando ti ho abbracciata io l’ altro giorno tu ti sei fatta stringere forte forte e mi hai stretta a tua volta! ;-)

    Azimut sono felice di sapere che grazie a me hai provato un briciolo di calore. Mi riempie il cuore. A volte basta così poco per sentire calore… per sentirsi vive.

    Marianna intanto bentornata!
    E poi che dire? Complimenti per tutti i tuoi impegni. Fai bene a tenerti occupata in cose che ti danno soddisfazione e che ami davvero. Il tempo scorre così in fretta e la vita è così breve che non ha senso sprecarli in cose che non ci appagano e non ci rendono felici.
    E qui mi ricollego alla domanda che ci hai posto riguardo il tuo rapporto con Lui.
    E’ una questione delicata e credo che solo tu dentro di te possa trovare la risposta che cerchi.
    Non posso che concordare con quanto ti ha detto Azimut.
    Io cosa farei? Parlerei con lui e cercherei di spiegargli le mie perplessità. E poi… poi lascerei che le cose facciano il loro corso.
    So di non esserti stata molto utile ma in questi frangenti è difficile esprimere dei pareri.

    Luna Luna… tutti sti uomini che ti ronzano intorno… ma a te… sto dentista… piace?????

    Sì comunque… sono qui che vi scrivo dallo studio… voglia di lavorare saltami addosso!

  854. Luna Blu dice:

    Ho chiacchierato un po con Pina…miiiiiiiiiiiii…che rompipalle!!!!
    Adesso oltre a spaccarmi la testa vuol anche tirarmi il collo..ahahhhahhh..a paura che con il dentista mi faccio male! Non si fida di me….
    Chiara* credo che mi piaccia molto come persona…è solare…e sempre allegro…ma ora ho bisogno di stare un po’ con me…ho bisogno di star sola…e quindi anche se son molto tentata non farò nulla per invogliarlo a fare cose con em di cui poi potrei pentirmi…per ora sono la sua paziente e modella…punto

  855. Ilaria dice:

    Ehm… sono ipotiroidea. Mi aspetta un’ecografia che non so dove e come farmi perché senza tessera sanitaria non mi vogliono dare nemmeno le medicine in farmacia. Ansia a mille, sono a rischio di sapete cosa…

  856. Chiara* dice:

    Ilaria non sei a rischio di niente!
    Calmati e STOP!
    Ipotiroidea… ok, quindi? Non stai morendo di certo. Non sarà piacevole sapere che il proprio corpo non funziona come dovrebbe ma per lo meno ora potrai iniziare a trattarlo nel modo giusto e a dedicargli le cure che servono.
    Ora devi pensare a come risolvere il problema con la tessera sanitaria (come mai non ce l’ hai???) e poi a fare tutti gli esami del caso.
    Io sono li con te, ok? Non ti lascio da sola. Non ti lascio fare quello che stai pensando.
    Coraggio.

    Luna sono d’ accordo con te. Non è il momento questo per buttarti in una storia. Hai bisogno di concentrarti su di te e pensare a te stessa. Devi dedicare tutte le tue attenzioni e il tuo amore a Luna!

    Angeli vi saluto davvero ora. Tra poco stacco e vado in palestra.
    A domani.
    Un abbraccio

  857. Ilaria dice:

    Allora… da dove inizio?
    Sono arrivata qui nel giugno di 3 anni fa, a settembre ho chiesto la residenza e nel giro di una settimana era tutto a posto. A novembre sono andata all’ASL per richiedere il medico e la tessera, mi hanno chiesto di dare la mia vecchia tessera cartacea, quella col nome del medico di base, per spedirla alla mia ASL di provenienza e farla stracciare, poi mi hanno detto di aspettare il tesserino nuovo per posta e di andare nel frattempo all’agenzia delle entrate per farmi dare un codice fiscale provvisorio (che poi, bella invenzione, è quello solito, solo che è scritto su un foglio anziché sul tesserino… boh). Ok, fin qua ha funzionato. Poi il nulla. Nel frattempo sono scadute tutte le tessere, anche la mia vecchia della regione Veneto, e in questi giorni stanno arrivando quelle nuove della Sardegna, perciò aspetto almeno che mi arrivi quella nuova di zecca e speriamo bene.
    Ah, lo sapete cosa mi hanno detto i miei non appena hanno saputo? Che, come al solito, sono una fallita e una sfigata. Fallita perché non ho la tessera, sfigata perché “le ho tutte io” (vi faccio notare che le disfunzioni della tiroide sono genetiche e mia madre è ipertiroidea, solo che siccome lei l’ha scoperto in tarda età io sono la solita sfigata perché a quest’età sono già così un rottame e blablabla).

  858. Luna Blu dice:

    Che carini che sono i tuoi Ilaria!!!!!!

  859. Ilaria dice:

    Davvero…e io che ho sempre fatto la brava bambina, se non per avere affetto, che non c’era comunque per nessuno, almeno per non avere rimproveri.. ma vaffanculooooooooooo!!!!!!!!!!!!!

  860. Maria Letizia dice:

    Finalmente la giornata è finita e non ho avuto problemi; ho lasciato un biglietto in sala insegnanti per la vicepreside mostrandomi disponibile per un colloquio riguardo ieri, ma credo nn l’abbia nemmeno preso in considerazione…a questo punto…vada a quel paese. Poi oggi consiglio classe, e ogni volta che arrivo a scuola mi prendono delle fitte allo stomaco tremende…ho ancora male adesso…ma devo resistere e credre in me stessa!
    Come è andata la vostra giornata?
    Ilaria, grazie per le tue parole, ho parlato ancora con i ragazzi e cercato di fargli capire il valore del rispetto che loro devono a noi, ma ke dobbiamo anke dimostrare noi…mi sembravano soddisfatti…
    Azimut, perchè queste uscite nottrne?
    laura ti sento felice…sono contenta per te!
    silvia…come stai?
    Chiara* grazie, il tuo pensiero mi accompagna…
    Marianna mi hai scritto parole bellissime e mia hai strappato qualche lacrimuccia…ti abbraccio!Hai ragione: “Ci sarà sempre nella strada chi cercherà di schiacciarci perchè ci vede più fragili ed insicuri, sta a noi dire di no e farci rispettare”
    .Luna Blu…che entusiasmo riesci a trasmettermi…grazie!Ma qual è questo segreto?
    Polla…grandi traguardi!
    Ilaria mi associo a quello che ha scritto Chiara.
    Domani mi aspetta il lungo e stancante mercoledì, coi ragazzi dovrei fare un bel lavoro sull’unità d’Italia…speriamo collaborino e nn facciano casini. Comincio a prepararmi per andare a letto VI ABBRACCIO!

  861. miele dice:

    Ilaria, lascia perdere i tuoi, che evidentemente non riescono a comportarsi in modo abbastanza attento nei tuoi confronti. Mi dispiace molto di questo, ma tu ormai sei altrove, hai costruito una tua strada e una tua vita, sei innamorata e ricambiata (e non è poco!!), sei un po’ fuori dal mondo ma la sardegna deve anche essere una terra stupenda, sei ipotiroidea ma ti percepisco come una persona genuina e piena di vita, nonostante i tuoi disagi…insomma, hai parecchie risorse cui attingere per lavorare su di te e provare a stare meglio.

    Lauraaaaa….strano andare a pranzo “dai tuoi”…vero?!
    Io ci vado un paio di volte a settimana, adesso. ogni tanto metto il naso nella mia ex-camera…e mi vengono le lacrime agli occhi….lì dentro c’è davvero – percepibilissimo – il profumo delle mie notti d’infanzia, dei sacchettini produmati che mia madre metteva nei cassetti della biancheria, del sole filtrato dalle tende dorate, dei segni che ogni giornata lascia sui muri. E’ davvero una sensazione stranissima e un po’ malinconica, ma solo perchè io ho una certa sensibilità rispetto ai “luoghi”…

    Chiara*, buon lavoro in palestra.

    Silvia carissima, dolce silvia: sono qui! Ho letto delle tue difficoltà di oggi…anch’io ho sempre incontrato, prima o poi, lo zoccolo duro della quotidianità, quelle sensazioni un po’ paludose che mi fanno dubitare di poter cambiare…ma bisogna sforzarsi e tirare fuori i piedi dalla melma, per fare un altro piccolo passo. Stasera provi a mangiare? Se lo fai e lo tieni, sai bene che non accade nulla di tragico. Siamo qui con te, accanto a te, sedute e tavola con te.
    Chissà che una volta ci riusciamo davvero, a sederci a tavola tutte insieme…

    Polla, altrimenti detta “pulcina grande” by Azimut, bene-benissimo per gli gnocchi :) …domani tortellini?!? :)

    Oggi pomeriggio al lavoro e poi riunione verso sera, sono tornata da poco e ho un po’ di mal di testa, ma per il resto tutto bene. Oggi dopo pranzo ho mangiato una fetta di torta pere&cioccolato che era la fine del mondo…

  862. Ilaria dice:

    Sono una stupida. Nel momento stesso in cui stavo scrivendo, ho iniziato ad abbuffarmi. Ho preso una dose doppia di xanax. Ora ho un dolore al petto indicibile. Sono molto arrabbiata e delusa e provo a spiegarvi perché. La mia dottoressa è convinta che i miei disturbi alimentari siano dovuti alla tiroide e che la psicoterapia non possa funzionare perché il mio malessere è solamente fisico. Io sono sicura al 100% che si stia sbagliando. Ciò significa che ho sia un malessere mentale che si manifesta fisicamente, sia un nuovo malessere fisico che ora si è aggiunto al resto. Giusto quello che mi ci voleva per movimentare un po’ la mia piatta esistenza! Oh yeah!

    Vi auguro una splendida notte. Io non riuscirò a dormire, dopo le abbuffate mi capita sempre. E sapete una cosa? Vedo che molte di voi lottano, ci provano, mentre io no… ci sono giorni in cui non mi abbuffo, ma non perché lotto contro questo istinto, semplicemente non ne sento la necessità; in tutti gli altri giorni invece cedo e basta. Insomma, non lotto, è questo che intendo dire. Uff…

  863. yris dice:

    ilaria, per me è chiaro che tu soffra di dca. il che vuol dire malessere sia fisico, che psicologico. il disturbo alla tiroide è solo un corollario. il problema è nei pensieri che generano la mancata accettazione del sè, con tutte le sue conseguenze. cerca un medico specializzato in dca. non tutti lo sono..
    un bacio

  864. silvia dice:

    Miele sn qui, ho cenato vero…ma nn va bene x niente. grazie x la tua presenza, x la vostra presenza, xkè approdare qui è l’unico posto sicuro…forse davvero il solo “mio luogo”, capisci Miele forse io invece a differenza tua ho un pò un “conto in sospeso” cn i luoghi…ke nn sento mai cm se fossero miei.

    LunaBlu volevo kiederti una cosa, in uno dei post + indietro scrivevi ke Azimut rifiutava la sua vita attuale, invece Chiara ne aveva paura, in relazione al fatto ke il cibo all’una piaceva e all’altra disgustava …insomma cm la vedi x me, io faccio enorme fatica ad accettare i miei cambiamenti, ke ci potrebbero essere nel fisico, vorrei invece altri cambiamenti nella mia vita, ma nn ho forse il coraggio x raggiungerli…nn so…avvolte nn so proprio ke fare di me, cosa voglio…
    scusate ragazze, vi stringo.
    Ilaria nn 6 stupida…ti sn vicina.

  865. Girasole dice:

    Ciao A tutte!
    finalmente sono riuscita a leggere un po’ di più e a capire un o’ di quello che ho letto:-)

    dunque dunque…
    prima di tutto Ilaria….il tuo ma vaffanculooooo liberatorio…. eh…ogni tanto ci vuole un vaffanculo liberatorio!!!! io ti direi anche di dire un bel macchissenefrega!!!! non mi pare proprio che sia colpa tua, nè una nè l’altra cosa… quindi…pace! la tessera sanitaria? speriamo che questa penosa burocrazia italiana faccia il suo dovere e presto ti arrivi, altrimenti io inizierei a pensare di attivarmi per altre vie, chiedi cosa puoi fare, piuttosto anche per vie legali, non so!
    la tiroide? ok, può essere un problema, un problema di salute, come tanti, e come tanti si risolve…non è grave, si può tenere sotto controllo!
    quindi…forza, urla…macchissene!!!

    Marianna… ehehe…il tuo “mannaggia a te” mi è piaciuto un sacco! E grazie per quel Monica…è davvero piacevole sai? Che dire, brava con il tedesco, sei una grande! Ma tu cosa studi?scusa ma non ricordo! Cmq, fai benissimo e davvero super stima per questo! Per quanto riguarda il piccolo problema con quel fidanzato…ovviamente immaginario…concordo anche io con Azimut e Chiara…
    Ovviamente la lontananza fisica a lungo andare rischia di minare il rapporto e creare anche una lontananza “morale”, però come dice Azimut, se l’amore è reciproco e profondo (ma proprio profondo) non c’è lontanaza che tenga! Per esperienza personale posso però dirti che è normale vacillare, devi solo capire questo cosa significa… se è perché non sopporti più la lontananza, o se in realtà cerchi negli altri un aspetto del carattere o della vita che in lui non trovi… Marianna, solo, non aver paura di farti domande. Prendi questa lontananza come una fortuna in questo momento… puoi riflettere senza influenze, solo con il TUO cuore e con la TUA mente!
    Per quanto riguarda me…. Ehehe…da che pulpito la mia risposta..se ti dico che lui mi ha lasciata dopo 5 mesi che ero partita per l’erasmus…e che non mi è MAI venuto a trovare!!! Eheheh da allora ci siamo presi e lasciati non so più quante volte, e a lasciarmi, e a sparire (letteralmente) è sempre stato lui…
    Ora…ora non lo so! L’altro giorno gli ho scritto che vorrei alzasse il telefono per un caffè, per un gelato, per tutte quelle cose che mi ha proposto quando abbiamo cenato insieme, mentre lui si limita solo a “come stai?” x sms! Mi ha risposto che non lo fa per rispetto nei miei confronti, perché lui sa bene cosa prova per me, ha paura perché sa che io ora non voglio quelo che vuole lui…lui vuole vivermi, io conoscerlo! Insomma, un gran casino! Cosa voglio io veramente? Neanche stamattina con la psicologa sono riuscita a capirlo! Non vorrei tagliare questo cordone ombelicale, ma non credo neanche di voler ricominciare con lui, perché non sento le farfalle nella pancia, perché in 10 anni ho fatto l’amore solo con lui, con gli altri 2 (1 alla finedell’ erasmus, per un mese, uno per qualche mese più di due anni fa) di sicuro non era amore! Perché è sempre lui l’ultimo che ho baciato… perché sta minestra a forza di riscaldarla si è qun po’ ascugata, e ora è parecchio salata!
    Ok…insomma… non lo so… un amore profondo che mi strappa l’anima per davvero…ma un innamoramento consumato, che non mi fa arrossire…. Mi fa sentire coccolata, ma senza arrossire…. eppure con lui vorrei fare tante cose! Che confusione!
    Il lavoro… ok…ho deciso che è davvero arrivato il momento di smetterla! Che non posso più continuare a rimuginarci sopra che ho fatto la mia scelta e ora non posso far altro che approfittarne il più possibile, e come mi scrive azimut… ora forse non vedo il motivo di tutto ciò, vedo una strada tortuosa, ma non posso sapere dove mi porterà!
    A propostito, Grazie Azimut, grazie uhm uhm, grazie yris (sì, avevo letto il tuo post)!
    Penso a quello che mi avete scritto ogni volta che vado un po’ giu, ogni volta che non capisco questa mia scelta…penso a Uhmuhm che mi dice che un lavoro da receptionist posso trovarlo quando voglio, se è proprio quella la mia strada…ma per ora…le strade me le devo aprire tutte!
    Grazie!
    Vorrei dire a Azimut che mi riempie ogni volta che leggo i suoi post.. mi riempie di quel mare, anche se il tuo rapporto con l’immensa distesa d’acqua è così incredibilmente controverso… le tue parole hanno la capacità di farmi entrare in una dimensione a parte, di farmi quasi toccare con mano le immagini che descrivi… non conosco tutta la tua storia, anzi, non la conosco affatto, ma quando ti leggo sento un filo impercettibile che mi porta a qual caldo abbraccio di cui parli!
    Ilaria…concordo con yris, cerca uno specialista in dca… le abbuffate non hanno molto a che vedere con lo stato fisico…questo alla tua dottoressa dovrebbero farlo presente! Sai… scrivi che qui tante lottano e tu no…domanda: ma tu, perché scrivi qui? Non è forse il dispiegamento di forze armate in questa lotta? Prova a pensarci! Non ti abbuffi tutti i giorni perché non ne senti la necessità… io la vedrei invece in un altro senso, ti abbuffi perché è il tuo modo per sfogare il malessere di un momento, in quei giorni in cui non succede forse è perché la tua ilaria “positiva”, magari tu non te ne accorgi, lei lotta… a volte l’altra prende il sopravvento, ma fidati che la prima può essere molto più forte…ne sono sicura!
    Chiara, Silvia… posso? Vorrei farvi i miei complimenti, perché da quando sono entrata qui ho percepito un cambiamento enorme! Chiara, ti leggo e sento una positivià incredibile, anche quando in realtà quello che scrivi ha note negative… ti sento viva, vibrante e questo non può che essere positivo! E complimenti per il tuo pranzo della domenica, complimenti per la tua serata di ieri, davvero! E silvia, ci stai mettendo un impegno pazzesco… a volte mi sembra di vederti… come vedo me…a dire…basta non ne posso più, a dire non ce la faccio, ma poi capire che siamo sulla strada giusta!
    Miele…ho letto del tuo controllo al contrario…del tuo mangiare per forza… io faccio lo stesso! E anche se mi scoccia ammetterlo quei 5 centimentri in più su sedere e cosce che mi mamma ha misurato stamattina e quei 3 chili in più in un anno…sono anche e soprattutto grazie al mio “garantirmi” almeno l’indispensabile! Ho le mie fisse… il minimo di formaggio, il minimo di carne, il minimo di carboidrati…peso ancora tutto, per garantirmi almeno quello che ho prefissato…se poi è un po’ di più (non troppo…rimaniamo nei 10 gr per favore!!!) va bene lo stesso… perché non è che posso sforare di troppo!!! Però…ad esempio, se mangio un biscotto dopo pranzo e uno dopo cena…e so che a cena non lo mangerò, allora ne mangio 2 a pranzo! Il mio dolce post pranzo deve stare tra le 30 e le 45 cal, a pranzo sempre primo e secondo, a cena solo secondo…ma sempre così! Ieri ad esmpio piuttosto di mangiare un biscotto di un coffe break a meta mattina, l’ho messo in un tovagliolo e l’ho mangiato dopo pranzo, come sempre… mi sento ridicola ogni tanto, anzi sempre, ma se non avessi preso qual biscotto e messo in borsa, dopo pranzo non avrei mangiato nulla…e allora tanto meglio!:-)
    Ah, che invidia per la tua torta pere e cioccolato!!!! Che voglia mi hai fatto venire!

    Stelle…vi abbraccio e vi stringo forte, vado a nanna che oggi sono un po’ cotta!
    Grazie di esistere….lo dico sul serio!
    Monica

    ps. scusate, lo so…ho non scrivo per gionri o torno in attacco con la divina commedia! non ho vie di mezzo :P

  866. silvia dice:

    Girasole…o meglio Monica…certo ke puoi…puoi venire qui e riempirmi il cuore di tutta la tua esperienza, di tutta la tua vita, la tua grinta, la tua scleta…la tua vita ke si rinnesca…grazie, le tue parole mi sn di aiuto in un momento di sconforto, e capisco il tuo “grazie d’esistere”…è così anke x me.
    Ragazze questo angolino di mondo è il nostro rifugio, spesso il nostro punto di ripartenza, ma in ogni caso è il nostro spazio, lo spazio vitale ke nn concediamo alle dimensioni del nostro corspo, o all’estensione libera della nostra anima.

    Azimut stanotte cm va?
    Chiara spero tutt’ok…
    Luna, Yris, Polla, Mariann, Aleph…e tutte le altre…dolce notte

  867. Maria Letizia dice:

    Buongiorno…nottataccia piena di incubi e paure, riesco a dormire grazie ai sonniferi, ma poi nei sogni tutte le mie preoccupazioni prendono vita. Vorrei tanto un po’ di serenità intorno a me così sarei serena anche io…invece ora vedo un nemico sia in tutti i collehi sia nei ragazzi, lavorare è diventato davvero una fonte di stress e devo resistere per due mesi abbondanti. Oggi giornata interminabile, spero di nn combinare altri guai e di essere trattata bene…io nn voglio creare problemi, ripeto, vorrei tanto quel clima sereno che all’inizio miaveva accolto, ma ormai ho imparato che nulla è come sembra e spesso molte situazioni ti deludono. Tornerò qui ‘sta sera, pensatemi…VI ABBRACCIO…

  868. Chiara* dice:

    Buongiorno angeli.
    Come avete trascorso la notte?
    Io non ho molto da raccontarvi. Tutto tace. Tutto procede nella solita normalità.
    I miei venerdì partono e la cosa al momento mi sta creando un po’ di disagio.
    Significa stare con l’ acqua alla gola per fare la spesa, contare i centesimi per tutto e in parte sentirmi abbandonata per l’ ennesima volta.
    Nonostante la loro presenza mi pesi.
    Ho deciso poi che Francesco non verrà a stare qui da me se non il week end.
    La cosa mi fa male ovviamente, ma non trovo altra soluzione al momento per evitare contrasti e sofferenze reciproche.
    Voglio che si “disintossichi” un po’ da me. Anche se lui dice di nn averne bisogno.
    Ieri sera siamo stati insieme dopo tanto tempo… ed è stato emozionante come la prima volta.
    E’ in quei momenti, così intensi, così carichi di emozioni che mi rendo conto di quanto questa persona sia importante e mi completi.

    Bene, un’ altra giornata deve iniziare. I doveri chiamano e noi gli si risponde.
    Vi abbraccio forte angeli.

  869. miele dice:

    buon risveglio a tutto il blog.
    adoro il sole di mattina presto…stamattina qui c’era un silenzio quasi primordiale…di quelli che ti fanno venir voglia di inspirare a pieni polmoni e tenere il mondo dentro di te.
    Chiara* ma come mai i tuoi vanno e vengono così spesso?
    e di solito quando non ci sono, francesco vive con te?
    vivere con lui non potrebbe aiutarti a smollare un po’ gli schemi? a me in parte è successo, andando a convivere…anche se rimango rigida su troppe troppe cose.

    Maria Letizia tu fa’ il tuo lavoro, e stop. Non possiamo sempre pretendere che tutti ci adorino, garantirsi l’approvazione completa richiederebbe troppe energie…troppo lavorìo,e pure troppa finzione credo.

    Ilaria…ma tu vuoi provare a star meglio? a guarire dal binge? ieri ti sentivo un po’ rassegnata…

    vi abbraccio forte

  870. Chiara* dice:

    Miele buongiorno a te.
    I miei vanno e vengono (l’ hanno sempre fatto fin da quando ero piccola) perché abbiamo una casa in Puglia e mio padre ha sempre voluto trasferirsi là.
    Ora che è in pensione ci vanno molto + spesso e vi restano più a lungo (2-3 mesi per volta) e quando morirà mia nonna credo che il trasferimento sarà definitivo.
    Sì, quando loro partono ovviamente Francesco si trasferisce da me.
    Ma questa volta ho deciso di tentare questo distacco forzato. Forse non servirà a niente o forse ci aiuterà in qualche modo a ritrovarci. Non lo so.
    So solo che devo e voglio provare ogni strada per tenere in piedi la nostra storia anche se questo può voler dire fare dei sacrifici che mi costano molto.

  871. Luna Blu dice:

    Ragazze…ho fatto un po’ di pulizia…
    Stamattina ho parlato con il massaggiatore…rimaniamo amici…è stata solo una avventura emozionante…a cui io avevo dato troppa importanza…un mio periodo di confusione…cmq lui non è più interessato a me e io a lui…ottimo direi…anche se un po’ mi mette tristezza…son stati dei bei momenti…emozionanti…è stato bello viverli… :-)
    Però mi sento molto più serena…
    Oggi gran bella giornata di sole…
    barchetta in pausa pranzo ;-)

  872. miele dice:

    Luna ma in pausa pranzo riesci ad uscire dal lavoro, andare in barca, cambiarti e tornare in ufficio? Wonder woman …:)

  873. Luna Blu dice:

    Gli orari me li gestistìco io.. :-)

    Cmq ora siccome è primavera devo fare anche el altre pulizie…
    1) il mio sfidanzato
    2) il tipo che Pina dice che è carino…ieri gli aprlavo del dentista e mi ha detto che ci soffriva un po…meglio che io sia chiara anche con lui…
    3) il dentista resta…niente pulizie con lui…ma non voglio che per ora si trasformi in niente altro …
    Chiara..non posso ancora parlare della notiziona… :-) …appena sarò sicura lo farò…

    :-)

  874. Luna Blu dice:

    Miele…anche al circolo mi chiamano Wonder woman…ihihihiiihhh

  875. Ilaria dice:

    Luna, spero che fra tutte le mille cose ti ricordi anche di mangiare, visto che siamo in argomento… ;-)
    Vabbè ragazze, mi devo scusare. Rileggendomi mi rendo conto del tono infantile che ho assunto ieri sera. L’ipotiroidismo non è poi questa gran cosa, ho avuto di peggio… forse quello che proprio non sopporto è che dai miei genitori finora ho avuto in eredità solo cose negative: l’aspetto da mio padre, le malattie da mia madre. Li odio per questo e per tanto altro…
    Sono molto confusa. Il medico di base rimprovera la psicologa di “non aver capito subito che si tratta di una disfunzione”; la psicologa rimprovera me di “non aver spiegato al medico di base che cos’è il binge, visto che non lo sa”; i miei mi rimproverano di non aver subito fatto prescrivere dal medico di base gli ormoni, senza dover aspettare l’ecografia. AAAAAAAAAA sono stufa! I medici di base è già tanto se sono specializzati in qualcosa, in dca sarebbe pretendere troppo…
    Miele, sì, ero rassegnata, lo sono anche oggi. Sento di avere bisogno di più sostegno ma non so da dove attingerlo. Il mio ideale sarebbe rinchiudermi in un centro stile MondoSole e non uscirne più fino alla completa guarigione. Vorrei essere osservata 24 ore su 24.
    Ok, ora vado giù. Meglio se mi allontano dalla cucina. Oggi avrei voluto andare dal parrucchiere ma devo risparmiare i soldi per l’ecografia (mi sembra ovvio che la farò privatamente, chissà i tempi biblici dell’ASL…).
    Bacioni a tutte.

  876. miele dice:

    Ilaria, ma perchè non lo fai davvero? Perchè non cerchi un centro, da qualche parte in Italia, e ci resti per un po’, per farti aiutare seriamente? E’ un problema anche economico, suppongo…ma voglio sperare che in alcuni centri siano disposti ad andare incontro alle persone…

  877. Ilaria dice:

    Perché ho terrore di un altro sradicamento…

  878. miele dice:

    ma no, Ilaria…sarebbe solo per un periodo limitato…
    e poi potresti tornare con degli “strumenti” in più per affrontare la vita in sardegna, se scegliete di rimanere lì.
    ma devi fare qualcosa per te, Ilaria…davvero.

  879. Ilaria dice:

    Ho pensato di aumentare “distrattamente” la dose di xanax, così, per vedere cosa succede… è stato un pensiero fugace come una nube di passaggio, ma a volte il vento la riporta qui…

  880. miele dice:

    mmmm
    mia madre fa come te…aumenta, diminuisce, decide lei le dosi…inutile dire che mi sembra una cosa poco saggia…ma tanto il corpo fa presto a re-settarsi sul nuovo livello, e quindi non so quanti risultati si abbiano…
    in ogni caso, tu continui ad agire sul “sintomo”. e tutto il resto? tutto l’iceberg sotto la punta?

  881. Ilaria dice:

    Miele, io non volevo tranquillizzarmi di più, volevo andare all’ospedale, volevo suicidarmi…
    Quale iceberg? Il fatto che la mia famiglia fa schifo? Che ho visto fin da piccola scene di violenza domestica, e le ho anche subite io stessa? Che a 21 anni sono stata abusata dal mio ragazzo, e che da allora non ne voglio sapere del sesso? Che sono sempre stata presa in giro per il mio aspetto fin dalle elementari e io, secondo il principio che la maggioranza ha sempre ragione, ne ho preso atto come un dato di fatto? Che mi sono sposata senza nessun motivo plausibile, prendendo in giro un sacco di persone a cui mi ero affezionata? Che non mi sento a mio agio in nessun posto?
    Queste sono tutte cose che già so, che già ho sviscerato in terapia e per cui non posso farci niente perché sono passate. Che altro posso inventarmi?

  882. Viola dice:

    Ilaria stai urlando la tua disperazione, la rabbia, l’impotenza di fronte al passato e io lo vedo come l’evidente segno che in realtà non vorresti farti ulteriormente male, bensì liberarti di tutto questo e iniziare a vivere serenamente, come sarebbe giusto, altrimenti perchè saresti qui??!!
    Ho letto anche molto sopra e ho notato che nello sfogo c’è tanta carne al fuoco. Credo che dopo aver tirato fuori tutto, tu possa prendere una cosa alla volta e pensare soltanto a risolvere quella, poi passare alla seconda, altrimenti rimane tutto sullo sfogo e ti confondi ancora di più i pensieri.
    Non è facile quando si sono accumulati tanti problemi, ma prendendone uno per volta diventa più sopportabile e più gestibile.
    Concordo con Miele sul fatto che ti concentri molto sui sintomi ed è chiaro che lo fai (come chiunque ha un dca) per difenderti dall’icerbeg sotto la punta, come lo ha definito Miele, ma con calma, va rotto proprio da sotto, togliere la punta serve solo a non mostrarlo al mondo, ma non è quello che ci farà stare bene.

    Di medici purtroppo, ce ne sono di incompetenti sull’argomento, nonostante anche quello di base avrebbe il dovere di saperti indirizzare, ma al pari di questi, ce ne sono tanti altri che sanno come aiutarti, (io per un periodo sono stata seguita da un centro Aidap, con possibilità di ricovero presso una clinica e pagavo soltanto il ticket, guarda sul sito se nella tua zona c’è: http://www.positivepress.net/AIDAP ). Se ti interessa semmai ti spiego meglio, ma a me volevano ricoverarmi nonostante fossi uscita dall’anoressia e il mio peso non fosse neanche lontanamente vicino ad una soglia di pericolo , perchè è evidente che non si è malati soltanto se sottopeso. Questo per dimostrarti, che non c’entra nulla che il tuo disturbo non sia visibile fuori, col fatto che tu abbia bisogno di un aiuto valido.

  883. Ilaria dice:

    Grazie Viola, a Cagliari qualcuno c’è…

  884. Chiara* dice:

    Ilaria coraggio.
    Mi fai tanta tenerezza… ne hai dovute passare nella tua vita e pian piano, aprendoti come stai facendo, tirando fuori la tua rabbia, stai prendendo la consapevolezza che il tuo problema non è il cibo o il corpo che non funziona bene.
    Il problema è dentro di te.
    La tua insicurezza, l’ affetto e l’ appoggio negati dalla tua famiglia, il tuo cercare continuamente qualcosa per dare senso alla tua vita, il tuo sradicamento da tutto e da tutti… non è solo cibo Ilaria.
    Ha ragione Miele. Devi iniziare a VOLER fare qualche cosa di concreto e davvero utile per te stessa.
    Li dove sei non hai le possibilità e i mezzi per curarti come si conviene.
    Capisco che tu abbia paura di lasciare quelle che sono diventate le tue sicurezze, ma chiediti se il gioco vale la candela.
    Hai la fortuna (nella sfortuna) di non avere un impegno fisso come il lavoro e questo ti da la possibiltà di allontanarti per un po’ senza il pensiero dei doveri che incombono.
    Magari in Sardegna qualche centro specializzato c’è. Non è detto che tu debba per forza allontanarti molto.
    In caso contrario si tratterebbe di trascorrere un po’ di tempo lontana da casa ma sarebbe del tempo speso bene. Speso per te.
    Lo so che è facile parlare e che ognuno di noi reagisce alle situazioni in modo differente.
    Ma credo che se vuoi davvero riuscire a venire fuori da questo problema devi iniziare a muoverti nella direzione giusta.
    Sono sicura che chi ti ama non potrebbe far altro che appoggiarti e darti il suo sostegno.
    Pensaci Ilaria. Pensaci davvero.

    Ciao Viola.

    Un abbraccio angeli

  885. yris dice:

    i centri AIDAP sono valissimi Ilaria, e il fondatore, Riccardo Dalle Grave, è uno dei maggiori studiosi di Dca in Europa. è stato il primo, credo, a scrivere libri sull’argomento e a creare corsi di specializzazione per medici ed operatori sanitari.
    comincia da lì, subito.
    (grazie del suggerimento viola)

  886. Ilaria dice:

    Ho mandato subito una mail Yris. Ma il dubbio mi rimane… la mia psicologa alla prima seduta mi ha sconsigliato una terapia cognitivo-comportamentale, dice che non ho bisogno di aggiungere altre regole a quelle che già mi impongo e che non riesco più a seguire. Sto andando in paranoia totale.

  887. Viola dice:

    Ilaria, il grazie non me lo merito perchè non ho fatto altro che mettere un link…
    Non so cosa intende la tua psicologa per aggiungere regole, ma la cognitivo comportamentale dovrebbe essere la terapia per eccellenza per i dca, quella che ha portato più risultati. Non andare in paranoia, scrivi i tuoi dubbi…

    Ciao Chiara :)

    Yris, infatti… e i suoi testi sono anche molto pratici per un supporto d’auto aiuto. “Alle mie pazienti dico” lo consiglierei, almeno come testo informativo, a tutte, poi sul lavorarci è un passo oltre; lui stesso sottolinea che si deve essere certe di voler cominciare il percorso.

    Claudia non scrive più?

    Ah, Miele: sui tuoi “schemi alimentari”, io invece penso che siano opportuni adesso. Se prendiamo l’alimentazione meccanica come medicina per guarire, per me tu stai davvero facendo un gran bel lavoro, è appunto una riabilitazione alimentare.

  888. yris dice:

    la terapia cognitivo comportamentale è quella che al momento risulta la più efficace nella cura di questi problemi, ilaria.
    chiaro che da sola non basta, in genere l’approccio migliore è quello che la integra con un’analisi del profondo e un supporto medico-nutrizionale
    ma scusami, non mi è chiara una cosa: tu con la tua psicologa ti trovi bene?

  889. yris dice:

    il manuale di Dalle Grave è stato la prima “finestra” sulla mia malattia, quella che mi ha aperto orizzonti di consapevolezza.
    pur con alcune riserve, legate al fatto che siamo tutti diversi, lo consiglio vivamente a chi vuole capire certi “meccanismi comuni” e non sentirsi più un mostro”..

  890. Ilaria dice:

    Yris, io mi trovo bene nel senso che posso dire e fare (e non dire e non fare) esattamente quello che voglio con lei, ma a parte aver tirato fuori tutti i trascorsi che ho nominato più sopra, non riusciamo a fare passi avanti… perché lei insiste sul fatto che non mi devo sentire in colpa per tutto, che non devo prendermi responsabilità che non ho, che devo imparare a coccolarmi e ad accettarmi, ma anche se dico sì sì con la testa, col cuore è tutta un’altra storia. Non mi accetterò mai, soprattutto finché avrò questi chili di troppo. Punto.
    L’autoterapia l’avevo iniziata, avevo acquistato proprio quei testi che avete nominato, ma il mio risultato massimo sono stati 10 giorni senza abbuffate. Passato l’entusiasmo iniziale, più niente.

  891. yris dice:

    bè, dieci giorni sono già un gran risultato. comunque l’autoterapia in questo caso non basta, c’è bisogno di un sostegno, di qualcuno “a cui dare conto”

  892. Ilaria dice:

    È esattamente quello che sto cercando. Boh, speriamo in bene.

    Ma Claudina, Azimut… dove sono andate a finire?

  893. Maria Letizia dice:

    A casa, stanca, ma soddisfatta (merito anche del sole). Vado a riposare, vi leggo dopo

  894. Ilaria dice:

    Bentornata Maria Letizia, hai esorcizzato il mercoledì a quanto vedo. Brava! Buon riposo ;-)

  895. Viola dice:

    “Non mi accetterò mai, soprattutto finché avrò questi chili di troppo. Punto.”

    Ilaria ti scrivo questo, poi ti lascio in pace perchè divento pallosa =), ma sono cose che ribadisco anche a me stessa, nn sono giudizi:

    Il discorso è che i tuoi chili di troppo (tra l’altro sei oggettivamente normopeso e oltretutto a sentire le altre, dalle foto sei pure magra), sono solo l’illusione del tuo malessere. Tu credi di soffrire per il tuo peso, ma tu fossi anche venti chili meno, molto probabilmente non staresti bene lo stesso e continueresti a sentirti grassa anche quando non ti reggeresti più in piedi. Perchè? La risposta è perchè forse non ti vedi come sei realmente (la dismorfofobia spesso fa giocoforza in queste malattie) e perchè nella tua non-accettazione, il fisico è soltanto lo specchio di ciò che ti dilania dentro. Direi che dovresti provare intanto a metterti in questa ottica; che andare in terapia con il pensiero che la soluzione sta solo nel dimagrire (dal momento che non esiste un bisogno di salute), non serve…
    è abbastanza chiaro che prima di ogni terepia, conta moltissimo il piede col quale ci si muove.
    Sono cose che già sai, sicuramente… e che tutte ti avranno detto altre mille volte, ma è facile dimenticarsene, soprattutto quando ci si scoraggia.
    Sono stata abbastanza rompipalle?

    yris
    “…pur con alcune riserve, legate al fatto che siamo tutti diversi, lo consiglio vivamente a chi vuole capire certi “meccanismi comuni” e non sentirsi più un mostro”..
    d’accordissimo, vale anche per tanti altri consigli… credo fermamente all’individualità e al percorso personale. Sarebbe troppo facile e troppo bello se un metodo fosse efficace e infallibile con tutte.

  896. Ilaria dice:

    Viola, sottolineo solo un piccolo concetto e poi mi eclisso. L’ho già scritto altre volte ma voglio ribadirlo: con 10 kg di meno io mi trovavo bella e stavo benissimo, non volevo dimagrire ulteriormente. L’oggettivamente normopeso valeva forse un paio di settimane fa, ma sto aumentando di peso in maniera impressionante e visibile, e comunque fra tutte le foto che faccio scelgo attentamente quelle che mi fanno sembrare più magra.
    Ora vado, non mi sento molto bene, doppia abbuffata oggi.

  897. Chiara* dice:

    Buona sera angeli.
    Sono a casa finalmente.
    Oggi pomeriggio pulizie dello studio e poi baby sitting, con il solito triste epilogo: masticato e sputato masticato e sputato masticato e sputato.
    Mi sento così imbecille… come si può arrivare a compiere dei gesti tanto assurdi? E soprattutto PERCHE’?
    Non so più cosa pensare. Non capisco. Non mi capacito del come e perché sia potuta arrivare a diventare quella che sono.
    Non riesco a trovare una spiegazione logica, plausibile, sensata.
    Cos’ è che mi ha spinta e continua a spingermi verso tutto questo? Perché sento il bisogno di farmi del male così? Perché mi impongo regole e schemi e digiuni e compensazioni? Perché non riesco ad accettarmi così come sono? Cos’ ha la Chiara che non va? Cosa c’è che mi porta a volermi annullare? A voler diventare magra magra magra invisibile trasparente?
    La terapia non mi sta aiutando a capire quello che voglio. E sono scoraggiata. Molto scoraggiata.
    Perché mi sto convincendo sempre più che forse non c’è proprio un bel niente da capire.
    Forse sono semplicemente così. Fuori di testa. E basta.

    Scusate per questo sfogo, per questo groviglio di parole senza senso.
    Scusate.

    Ilaria hai fatto bene a inviare quella mail. Incrociamo le dita!

  898. Maria Letizia dice:

    Sono passata, ma devo già salutarvi…impegno imprevisto per le 19…recupero domani…BACI

  899. silvia dice:

    Chiara no, nn 6 fuori di testa! e se lo 6 tu allora ti seguo a ruota!!! Ricordi la nostra promessa?
    Sai tutte quelle domande e hai scritto? mi ci sn ripiombate addosso nn appena sn ritornata qui e mi sembra di nn avere + scopo, spinta, stimolo o meta…il senso di fallimento, sconforto e inutilità sta dilagando, ma io ti dico no. dico e volgio ke sia davvero STOP.
    Ricorda i nostri reciproci progetti…i timidi sogni ke spuntavano all’orizzonte e di cui parlavamo…fatti forza, coraggio, nn 6 sola!

  900. Chiara* dice:

    Silvia grazie per le tue parole.
    No, non dimentico quello che ci siamo dette e reciprocamente promesse. Quel momento me lo porto qui dentro, nel cuore.
    Ma ora sono davvero in crisi. Di colpo… così. BUM!
    Continuo a pensare e ripensare alla mia vita, ai miei progetti, ai miei sogni, a quello che ero e che avrei voluto essere. Ma non sono diventata.
    E non riesco a capacitarmi del perché sia finita qui. Così.
    Mi sti incazzando come una bestia!!! Non ha senso tutto questo!
    Possibile che non riesca a trovare altro a cui pensare che non sia il cibo??? A come poter mangiare meno o non mangiare affatto, a quando vomitare, a come gestire gli imprevisti…
    Possibile che programmi ogni singola cosa che devo fare in funzione del cibo?
    Possibile che la sera mi addormenti immaginandomi cosa mi sarebbe piaciuto gustarmi quel giorno dalla colazione alla cena? Cercando di sentire in bocca il sapore di quell’ alimento?
    Non è possibile. Non è proprio possibile.

  901. silvia dice:

    Chiara ti capisco! ricordi la mia grinta? tutta la mia carica?…bè io nn +…o meglio lo ricordo come se fosse qlc di così tanto lontano…eppure è passato così poco tempo!
    Anke io ripenso al passto e mi sento un profondo sconforto ke m’assale, xkè mi sembra d’esser nulla ora, di nn aver concluso nulla, ma capisco anke una cosa…ke nn è così, ke anke questo tempo serve x capire, x fare esperienza di noi…è una strada ke dobbiamo prenderci la responsabilità di percorrere, facendo sclete strane, difficili, ma facendole. Io e te credo ke abbiamo in comune proprio questo, il fatto di nn sapere + ki siamo, o peggio ki vogliamo essere…è la cosa ke ho ripetuto + e più volte alla mia dott. e lei sai cosa mi risponde? ke è ciò ke nn sa la maggior parte delle persone e ki ha il destino già scritto avvolte è inconsapevole…ora noi siamo + consapevoli di altri forse, e nn ci ritroviamo bene in alcune “modelli imposti o no ke siano” xrò il solo modo x sapere cosa siamo, cosa vogliamo, cosa ci piace è provare!
    Questo mi dice! Di fare esperienze, di procedere a tentativi xkè è solo nel percorso ke possiamo capire, comprendere, sapere vogliamo essere.
    La terapia spesso sembra inutile anke a me…ma nn è così, mi ci devo attaccare almeno a questa speranza.

  902. miele dice:

    ciao ragazze,

    viola che bello riaverti qui: finora continuavi a leggere ma non scrivevi? guarda che anche tu e le tue esperienze siete preziose…

    grazie cmq per il “sotegno” alla mia questione degli schemi alimentari. io continuo ad essere della tua stessa idea: devo consolidare certa abitudini alimentari, perchè è sulla presenza del cibo, e non sulla sua sporadica comparizione “quando me la sento”, che potrò innestare la spontaneità che vado cercando. in questi giorni ne ho discusso anche in privato con polla, che è sempre molto schietta e diretta e mi fa un gran bene, e tutte le vostre parole mi sono girate dentro fino ad oggi, così al colloquio con la psicologa le ho posto davanti questo mio disagio…e lei, sorprendendomi pure un po’, mi ha raccontato cosa si cucina lei quando non avrebbe molta fame e come cucina le cose per “stuzzicarsi il palato” rendendole più appetibili. E’ stata un po’ più simpatica del solito. Poi mi ha consigliato alcune piccole strategie per rompere gli schemi, cambiando uno dei pasti con qualcosa di nuovo o diverso: non sempre, altrimenti creerei un nuovo schema, ma ogni tanto, quando ne ho l’occasione. Ci provo, poi vi dico. Anche lei comunque rimane sulla linea “dura” a cui io sono abituata: mangio ancora troppo poco, per cui la tendenza generale deve essere quella di “aggiungere”, oltre al variare.
    Io vi ringrazio tantissimo, comunque, perchè siete uno specchio molto importante, un termine di confronto sano e costruttivo, anche quando parliamo di dolore.

    Ilaria non volevo insistere, nè farti innervosire ripensando alle tue esperienze difficili. Scusami se ho causato questo stato d’animo. Spero che la tua mail trovi una risposta positiva, ti ho sempre in mente.

    Silvia, oggi come sta andando?

    Chiara* nemmeno io so perchè un giorno sembra tutto facile e quello dopo tutto è un ostacolo immenso.
    Però posso dirti che continuerai ad avere il cibo in mente 24 ore su 24, te lo sognerai anche, fino a che ti vieti di mangiare certe cose, oppure le tocchi masticandole, ma poi te le neghi sputandole o vomitandole…si dice “togliersi la voglia” perchè, una volta appagato un certo desiderio, quel pensiero se ne va da solo…ti giuro che è così, e non serve mica arrivare ad ingozzarsi di quella cosa…
    Io ti assicuro che TUTTE LE SERE passavo anche delle ore a pensare a cosa avrei voluto cucinare, mangiare, abbinare, gustare…adesso non mi capita più, perchè non passa mai troppo tempo tra quando mi viene voglia di una cosa, e il momento in cui la mangio. Ad esempio di domenica, quando a cena mangiamo la pizza, inizio ad averne una voglia matta durante la giornata…ma ci sta, credo, non è un desiderio ossessivo ma una semplice voglia…e poi, quando l’ho mangiata, sparisce, e il giorno dopo chi ci pensa più alla pizza?

  903. Chiara* dice:

    Hai ragione Silvia quando dici che questo tempo deve servirci per capire, per fare esperienza, per metterci alla prova.
    E sono d’ accordo. Come lo sono anche su quanto di risponde la tua dottoressa, ovvero che la maggior parte delle persone non sa chi è e cosa realmente vuole.
    Credo questo sia un “male del nostro tempo”, per dirla a frasi fatte.
    Ma io quello di cui non riesco a capacitarmi è il resto. E’ la malattia. Sono i comportamenti assurdi che mi ritrovo a compiere.
    Non riesco a capire perché sono dovuta arrivare a questo.
    Probabilmente nemmeno c’è un motivo valido. Magari dentro la mia testa malata, dove continuo a scavare per trovare delle motivazioni, non c’è proprio niente.
    Niente se non il voler semplicemente essere magra. Stop.
    Forse ancora non riesco ad accettare veramente di avere questo tipo di problema. Non lo so.
    So solamente che sono davvero stanca di andare aventi così. Ma stanca stanca!
    Continuo a scavare, a cercare, ad andare sempre più a fondo. E non ne cavo un ragno dal buco.
    Ho appena finito di vomitare la cena. Ecco. Perché? Perché l’ ho fatto pur non avendo “sgarrato” dalle mie regole? Non lo so. Semplicemente sentivo di doverlo fare.
    Non mi sentivo a posto. Provavo una sensazione di sporco. E mi sono dovuta ripulire.
    Bella spiegazione.
    Boh Silvia. Davvero. non so cosa pensare.

  904. Chiara* dice:

    Miele è assolutamente sensato ciò che mi dici.
    Il problema è che io non sono ancora in grado di fare quel piccolo passo.
    Per me non esiste il concedermi qualcosa, il togliermi una voglia.
    Io non ho voglie. Io non cedo. Io non mi lascio andare al cibo perché è un piacere.
    Questo c’è nella mia testa. Il divieto assoluto.
    Il piacere non è contemplato.
    Se e quando provo ad avvicinarmi ad un cibo “proibito” (proibito da me stessa perché decido che QUEL cibo è deleterio o cattivo) e mi lascio andare mangiandolo nella mia mente si innesca subito dopo un meccanismo contorto che mi fa pentire immediatamente di averlo fatto.
    Sono rare le volte in cui riesco a non sputarlo o vomitarlo. Anche se magari nel momento in cui l’ ho messo in bocca mi sono sentita bene!
    Questo perché ho ancora tanta, troppa paura. Ci sono quei maledetti paletti attorno ai quali non riesco a fare uno slalom. Mi ci fermo davanti.
    Ho ancora molto da lavorare. Questo è il problema.
    Ma sto iniziando a stancarmi di non riuscire a trovare un modo per svincolarmi da tutto questo.

  905. miele dice:

    Sì lo so Chiara*…i paletti, i tabu totali, gli auto-divieti, la paura folle di sgarrare, il senso di colpa, il distinguersi dal resto del mondo perchè si è in grado di non cedere, anzi perchè il concetto stesso di “voglia” non è più parte di noi…estirpato, dimenticato…lo so…ma ad un certo punto, tutto questo “ripulirsi”, questo mantenersi pure e vuote, sempre uguali…boh, so che è banale dirlo, ma lascia davvero il tempo che trova. A ma ha tolto così tante cose…prometteva di essere la chiave, il tono, il registro della mia vita, invece era solo il portare ad esasperazione ciò che credevo di dover essere.
    Quindi io – come al solito – ho solo voluto portarti un’esperienza, una cosa provata…e lo ammetto…adesso, cazzo, lo ammetto: sto meglio con lo stomaco pieno, ma la testa sgombra da voglie o progetti malsani, che con lo stomaco vuoto e il cervello in pappa per un desiderio che a priori ho già deciso di non soddisfare. Adesso mi piace avvertire la fame, non in sè o perchè sono a digiuno, ma solo e soltanto perchè so che poi la calmerò mangiando.

    Chiara* io non credo che dietr il tuo comportamento ci sia il nulla. Senza dubbio ciò che cerchi, concretamente, è un corpo magro ed asciutto, “in forma perfetta”, ma credo ci siano delle ragioni precise per cui tu senti di “dover” essere così, di non poterti permettere alcun cambiamento.

  906. yris dice:

    chiara, non sei “semplicemente così. Fuori di testa. E basta.”
    sei ammalata di dca, questo sei.

    io ho masticato e sputato per decenni, a tavola mi presentavo con due coppe: in una il cibo da mettere in bocca, nell’altro quello da sputare..
    e questo quando andava bene..

    e ti chiedi pure perchè hai vomitato stasera?

  907. miele dice:

    yris tu che sei uscita da tutto questo…anche tu sei un po’ wonder woman eh! :)

  908. yris dice:

    scusa, il post è partito senza una conclusione: che è quella di sempre: consapevolezza, ma anche impegno.
    il che vuol dire venire a patti con la malattia.
    per esempio costringersi a non vomitare più.
    mettere in atto tutte le strategie possibili e anche quelle imposssibili.
    capire che il vantaggio non sta nel “liberarsi” ma nello “scegliere”
    il vomito è una comoda via d’uscita, terribilmente “sporca”.
    alla fine si finisce per vomitare per punirsi, oppure per pulirsi dell’essersi sporcate di cibo, di vomito, di vita, di sè..

    coraggio! metti le scarpette ai piedi e preparati ad una lunga corsa..
    non ti arrendere così!

  909. yris dice:

    silvia, tutto quello che ho scritto a chiara vale anche per te…

    ti abbraccio forte e…. guarda che sono gelosa!!!! :-)
    hai incontrato chiara ma non me.. :-)

  910. Chiara* dice:

    Io sto cercando disperatamente queste ragioni.
    Le