ProAna. Cinque chili di merda…

Photo©: Stray.on.free

…5 chili di merda. Non chiedo tanto, puttanaeva. È possibile che solo io non ci riesca?! Giuro, 5 chili. 5 chili mi separano dalla felicità…
(18 anni, 1.65 m, 41 kg)

L’emozione del digiuno totale, dello svenire di colpo, dell’effetto di bicchieri di aceto e succo di limone a stomaco vuoto, del correre fino allo svenimento fisico, degli effetti da eccesso di caffeina e chi lo sa, se siete fortunate, anche la morte.
(17 anni, 1.70 m, 39 kg)

…1 kg in 4gg! Avrei potuto fare di meglio, ma per ora prendiamolo per buono!? Ho preso il lassativo stasera. Domani mattina devo essere assolutamente 500 gr in meno! Vi voglio un mondo di bene! SCRIVETE!
(19 anni, 1.70 m, 42 chili)

40.3!!! (applausi!) Voglio diventare bellissima e vincente. Se ne pentirà, mi rimpiangerà, mi rivorrà e io sono forte e decisa nel no. V.V.T.T.T.B.
(17 anni, 1.63 m, 40 kg)

2268967030_3e5b64d31b_m1.jpgPhoto©: Critemnestra

Sono un maiale schifoso.
(17 anni, 1.65 m, 39 kg)

C’è un demone dentro di me, credo. Il demone della bruttezza che si è impossessato di me. Che mi fa star ben rintanata in casa e che quando esco mi fa apparire come una palla rotolante e insignificante.
(19 anni, 1.70 m, 42 kg)

Oggi, dopo due anni, mi sono tornate le mestruazioni. Non capisco perché. Eppure non sono ingrassata, peso sempre 37 chili. Però ho qualcosa di diverso in faccia. Sembro più felice.
(19 anni, 1.67 m, 37 kg)

Vorrei svegliarmi e trovarmi dentro un corpo piccolissimo. Tornare indietro e avere di nuovo 5 anni. Vorrei essere la cosa più piccola nelle braccia di qualcuno…
(18 anni, 1.73 m, 39 kg)

Dal Blog di: Devilgirl

1598 commenti
  1. mary gio
    mary gio dice:

    k tristezza !
    questi nn sono forse esempi di quanto la mente umana possa distorcere la realtà , di quanto la realtà sia soggettiva , ma quale perversione porta a vedersi belle se e solo se siamo pelle e ossa , dov’è la bellezza in uno scheletro k cammina , dov’è la bellezza nel nn riuscire neppure a reggersi in piedi , dov’è la bellezza nel cercare la morte nella vita ,
    da qualk parte lessi k l’anoressia, cm la bulimia sn delle malattia moderne , del mondo globalizzato , dove si soffre la fame, dove c’è la guerra le persone nn pensano a uccidersi con le loro mani ,
    ma quello k mi chiedo è come si fa a vivere ogni giorno sempre più vicini alla morte ,
    come può essere la morte l’unica via d’uscita ,ma da dove poi, da cosa?!?!
    da morta nn sarai utile a nessuno , meno k a te stessa .

    Rispondi
  2. Gabriele
    Gabriele dice:

    TRISTEZZA
    “L’emozione del digiuno totale, dello svenire di colpo, dell’effetto di bicchieri di aceto e succo di limone a stomaco vuoto, del correre fino allo svenimento fisico, degli effetti da eccesso di caffeina e chi lo sa, se siete fortunate, anche la morte.”
    (17 anni, 1.70 m, 39 kg)

    ma tanta comprensione…fino a poco tempo fa le mie parole,i miei pensieri erano esattamente gli stessi…
    Leggere queste parole mi fa ancora un certo effetto…sinceramente avrei paura a ritornare a questi livelli perchè lo stress fisico e psicologico era forte e insostenibile…non c’è dubbio,queste ragazze vanno aiutate…e non lasciate sole ma prima di tutto devono trovare la forza per farsi aiutare…..

    Mary gio quando sei disperato e non vedi altre via d’uscita…la morte è quella che ci appare più chiara e possibile…anzi l’unica!!!Sarebbe tragico se anche una sola persona riuscisse ad afferrarla e a farla sua….

    Rispondi
  3. Gabriele
    Gabriele dice:

    dimenticavo,la forza non si trova in questi siti pro-ana…così facendo si accellera la strada verso la fine…..sfiorare la morte..beh ti carica di adrenalina…ti fa sentire forte,unico e in grado di fare tutto ma è solo illusione..sono solo illusioni e niente più…non è in questo modo che si dimostra quanto vale una persona…conta dimostrarlo a noi stessi perchè nel momento del bisogno..ci saremo solo noi…e pochi altri ma quest’ultimi sono molto rari!!!

    Rispondi
  4. mary gio
    mary gio dice:

    lo so, ma vivere aspettando di morire nn è vivere , è stare in un limbo , perchè la forza x rialzarsi più i giorni passano più diventa solo un’utopia .
    la morte intesa cm tale , è liberarsi di un peso dove la vita rappresenta il peso x eccellenza .
    ho visto persone malate terminale lottare x la vita , lottare x viverla la vita , o cmq quel poco k gli rimaneva , MI FA RABBIA pensare e vedere k delle giovani ragazze sane debbano farsi così del male , pensa se avrebbero un’altra malattia ‘fisica’ se avessero ereditato da i propri genitori nn xk la volevano una malattia del sistema nervoso , come potrebbe essere nel mio caso , cosa farebbero preferirebbero lasciarsi morire piuttosto k vivere … forse …

    io la mia DCA me la ricordo bene , ma ora l’unica cosa k voglio è vivere , xk la morte è da codardi , la morte è un atto di egoismo , è x se stessi , xk nessuna persona k ci ama vorrebbe mai vederci morire …
    GRIDARE , GRIDARE AIUTO X NN SENTIRSI SOLI
    NN LASCIARE K LA MALATTIA VINCA ,
    xk nn importa la malattia k ci portiamo dentro ,
    conta solo la forza k ci mettiamo x combatterla .
    la forza NEL DIRE BASTA .

    -io la penso così ,poi ognuno ha il proprio pensiero –

    Rispondi
  5. Gabriele
    Gabriele dice:

    Quello che dici”Malattia terminale/Dca+morte” è la dismostrazione che c’è qualcosa che si inceppa nel nostro meccanismo…perchè non è possibile aggrapparsi alla vita quando non ce ne rimane molta e aggrapparsi alla morte quando abbiamo una vita da vivere….è un controsenso nel secondo caso ovviamente…eppure è così che succede!!!!ecco perchè c’è molto da lavorare…. non bisogna arrivare a questi livelli!!!

    Rispondi
  6. g
    g dice:

    non li vorrei più vedere
    non li vorrei più sentire
    non li vorrei più pensare
    non li vorrei più amare
    sono qui sola
    per oggi non servo più

    Rispondi
  7. Veggie
    Veggie dice:

    Io mi chiedo solo se le ragazze che scrivono queste cose ci credono veramente.
    Perchè, se così fosse, sarebbe un vero problema.
    Eppure, continuo a vederci più esibizionismo che malattia.
    Causa anoressia, anni fa sono arrivata ad un peso bassisiimo, più basso di tutti quelli delle ragazze elencate lì sopra.
    Eppure, mai e poi mai, ho pensato cose del genere.
    Ma, ammesso e non concesso che le avessi pensate, mai e poi mai sarei andata a scriverle in pubblico.
    L’anoressia è un qualcosa di estremamente profondo ed intimo, non la si può mettere in parole così, soprattutto quando se ne è nel bel mezzo.
    Sicuramente queste ragazze sono persone che soffrono, soffrono tantissmo, non lo metto in dubbio.
    Ma non sono anoressiche.

    Rispondi
  8. Gabriele
    Gabriele dice:

    Veggie credo che ognuno reagisca a modo suo,tu per esempio non hai mai pensato cose del genere,io come scritto poco sopra si…è anche vero che l’anoressia è qualcosa di intimo e profondo…talmente profondo che se non curata,si arriva alla dipendenza più totale…che può durare chissà quanto.
    Queste ragazze lo sono?Si,No,Forse…ma,però……ciò non toglie che stanno soffrendo,forse la causa sono proprio loro,convincersi di essere malate o ammalarsi,non perchè hanno problemi di peso ma perchè non sono contente della vita che fanno e non trovano l’attenzione che cercano,da nessuna parte…

    G……..la famiglia non è sinonimo di affetto e amore,non sempre almeno ma a volte siamo noi stessi a volerci allontanare perchè crediamo di stare bene solo con noi stessi…odiamo la solitudine ma in qualche modo la cerchiamo…oppure,come dici tu…sei veramente sola al mondo e la tua famiglia non ti aiuta in nessun modo per farsi sentire vicina…in ogni caso,come mai hai questa sensazione?

    Rispondi
  9. Veggie
    Veggie dice:

    Ciao Gabriele, sono d’accordo con te quando dici che non esiste l’anoressia come tale, ma tante anoressi quante sono le persone che la vivono… Forse mi sonoespressa male nel mio commento precedente, quel che intendevo dire era che a prescindere dal fatto che uno certe cose possa pensarle o meno – il che è puramente soggettivo – io non credo che anche chi le pensa vada così a sbandierarle pubblicamente e tranquillamente… Cioè, quando tu pensavi certe cose le andavi a pubblicare sul tuo blog o a dirle in giro? Io penso che l’anoressia sia una delle cose più “segrete”, a suo modo, che chi ne soffre possa avere… per questo mi fa strano che queste persone possano comportarsi così…

    Rispondi
  10. Gabriele
    Gabriele dice:

    Ciao Veggie,fanno strano queste persone…non solo a te!!Viene lecito chiedersi se sofforno di anoressia…indiscutibilmente soffrono….Personalmente non andavo in giro a sbandierare i fatti miei alle persone,nè scrivevo sul mio blog alcunchè…questo perchè appunto erano cose private..
    Un paio di anni fa trovai in un articolo di giornale i 10 comandamenti dei siti pro-ana….ritagliali il trafiletto e lo nascosi per bene nel portafogli,sotto una foto…questo per dirti che certi “segreti” si tengono ben nascosti,nascosti a chiunque…

    Rispondi
  11. sola
    sola dice:

    …ciao.. sono nuova… cmq.. VOLEVO DIRE UNA COSA SU QUANTO DETTO:nn pensate forse che queste persone visto che si sentono sole a volte hanno bisogno di parlare con qualcuno.. gridare al mondo come stanno male???? …se fanno ciò è perchè forse stanno talmente male che vorrebbero essere aiutate ..ANCHE SE NN HANNO LA VOLONTà e la VOGLIA DI CHIEDERE UNA MANO!!! scrivere ad altre persone nn mostrando la vera identità penso e credo sia un modo per sentirsi meno SOLI!!!! ciao a tutti!!!! P.S. scusate delle ripetizioni!!!

    Rispondi
  12. Gabriele
    Gabriele dice:

    Ciao Sola…infatti non si discute sul fatto se hanno bisogno d’aiuto o meno,credo sia più che evidente…Credo appunto che vadano aiutate….ma in che modo?soprattutto,qual’è il loro problema?….poche tra loro si lasceranno aiutare perchè la loro rabbia e il loro dolore è talmente forte che non si lasceranno avvicinare…

    Rispondi
  13. Veggie
    Veggie dice:

    Ciao Sola… sì, quoto in pieno quello che ha scritto Gabriele… Mi sembra proprio che sia io che lui non abbiamo mai messo in discussione che queste ragazze stiano male… Penso però anche che non sia chiara la ragione della loro sofferenza… e quante lo facciano veramente per sofferenza o per mania di protagonismo… Come ha scritto Gabriele, quella dell’anoressia è una sofferenza estremamente privata… se anche si chiede aiuto, lo si fa in modo piccolo, impercettibile, camuffato… e la solitudine è un qualcosa che si ricerca… proprio perchè ci si vuole “distinguere dalla massa”…

    P.S.= Ehi, Gabriele, a proposito dei 10 comandamenti dei siti pro-ana… Dai un’occhiata a questo video che ho fatto qualche mese fa… ^_-
    http://it.youtube.com/watch?v=Y9ITnyQOleM
    LOL!! ^_^

    Rispondi
  14. Gabriele
    Gabriele dice:

    L’ho visto….che dire??
    Complimenti per il messaggio…ho sorriso dall’inizio alla fine,mi è piaciuta molto la tua versione dei dieci comandamenti…belle le mani unite sulla pancia a formare un cuore…il 5° comandamento si commenta da solo..
    L’ottavo in versione Veggie lo dedico a me stesso…. 😉

    Il 10° è per tutti noi…con il cuore!!

    Sarebbe bello se fosse messo in evidenza nel blog perchè tra tanti msg negativi e sofferenza…ci vuole qualcosa di positivo come il tuo video….l’altra faccia della medaglia…quella giusta!!!

    Rispondi
  15. g
    g dice:

    ciao gabriele
    rispunto dopo due giorni
    due giorni di pena di bilanci negativi di rancore verso me stessa per aver buttato anni in un susseguirsi di scelte sbagliate, di dolori paralizzanti, di servizio totale e ottuso a chi prende senza nemmeno mai sognarsi di dare qualcosa in cerca di accettazione, approvazione, amore
    ieri ho preso me stessa e mi sono portata a fare un lungo giro sulle mura nei vicoli e per le vie della mia bellissima città e mentre camminavo ,guardavo le vetrine, bevevo un caffè ho ritrovato l’unica persona che mi può dare quello che mi manca, quella che meno ho amato, che dopo tanti annai non riesco ancora ad amare ed accettare, perchè non è come la vorrei, perchè non è perfetta. io
    oggi non mi tormento, non mi rodo l’anima, mi lascio in pace
    spero di lasciarmi in pace almeno per un po’
    di passare i giorni senza guardare indietro, senza farmi carico e colpa dei problemi altrui, senza aspettare quello che non possono o non voglono dare, vivere insomma
    in certi momenti poter raccontare i propri pensieri più bui è importante
    grazie per esserci stato

    Rispondi
  16. Gabriele
    Gabriele dice:

    Cara g…
    Perchè non concedersi un giorno dove vivere di noi stessi?Siamo la cosa più importante che abbiamo,lo siamo stati ieri,lo siamo oggi e lo saremo anche domani ma mi rendo conto che spesso è difficile crederci perchè non ci bastiamo mai…Ogni tanto è bello anche ricevere,magari senza aver dato…solo ricevere!!
    Abbandonarsi a quel dolce e sconosciuto piacere ma se ciò non accade, allora prendiamoci quel giorno per noi stessi….godiamo di quei momenti che sappiamo regalarci,assaporiamo un caffè,camminiamo in silenzio lungo le vie affollate di gente,incrociamo gli sguardi,facciamo un sorriso e prendiamoci il tempo necessario per sentire queste emozioni dentro di noi..abituiamoci…a questo unico giorno,con il tempo se aggiungerà un altro e un altro ancora….e quando arriveranno i momenti più bui…avremo sempre un modo e un posto per provare sensazioni che nessuno ci porterà via..

    Rispondi
  17. Kiara
    Kiara dice:

    Merda.
    Sapevo che sarebbe arrivata, ma non me l’aspettavo adesso.
    Una buca, una buca profonda, ci sono caduta e mi ci sto perdendo dentro.
    Non me ne frega all’improvviso più nulla di tutta la consapevolezza, di tutti i traguardi che ho raggiunto e la gioia che ho conquistato.
    Non me ne importa nulla.
    Voglio tornare nel mio cantuccio.
    Solo io e lei.
    Ora non c’è nemmeno più mio marito con cui fare i conti.
    Sono sola.
    Posso riabbracciarla, amarla e farmi amare da lei.
    Cazzo.
    Come faccio a non seguire la sua musica ammaliante?
    Forse ho ancora bisogno di lei.
    Come può crollare tutto in un giorno?
    Dove sono finita?

    Solo io e lei.

    Merda.

    Rispondi
  18. Gabriele
    Gabriele dice:

    ……Rendendoti conto che le cadute e gli scivoloni possono succedere ma non per questo dobbiamo buttare via i sacrifici e le conquiste fatte fino qui….non sei stata tu stessa a mettermi in guardia una sera in autogrill?…era forse una frase di circostanza?….le tue parole implicavano il fatto che avrei dovuto essere ancora più forte in quei momenti…..perchè non dovresti esserlo a tua volta,in questo momento?Non sei tu ad aver bisogno di lei ma lei di te…e spetta a te non farti prendere!!!

    Rispondi
  19. Kiara
    Kiara dice:

    Lei non ha bisogno di me. Lei non esiste senza di me.
    Sono io che ho bisogno di lei.
    Forse.
    O forse no.
    Non lo so.
    Sicuramente ho voglia di lei.

    Rispondi
  20. Gabriele
    Gabriele dice:

    Tu puoi vivere senza di lei….ma se ti convinci del contrario ti farai fregare e farai il suo gioco….
    Sicuramente hai voglia di lei!!!!!!e perchè mai??dammi,anzi datti una sola ragione per cui dovrebbe essere così!

    Rispondi
  21. Kiara
    Kiara dice:

    Lei mi fa respirare sott’acqua.
    Con lei non ho bisogno di lottare per restare a galla, posso chiudere gli occhi e lasciarmi andare.

    Non sto dicendo che sia giusto.
    Ma io sono stanca.
    Voglio il silenzio e la quiete dei fondali.

    Rispondi
  22. Gabriele
    Gabriele dice:

    Il silenzio e la quiete dei fondali puoi trovarli in superficie,dentro di te…
    Ogni scelta,ogni errore che facciamo,sopravvivernno ancora e ancora,per sempre..quindi questa volta fai le scelte giuste per te stessa….!!!perchè questa volta è tutto ciò che hai!!!
    Pensiero contorto il mio ma interpretalo come meglio credi!!♫

    Rispondi
  23. Veggie
    Veggie dice:

    Ciao Gabriele… sono davvero contenta che il mio video ti sia piaciuto… E l’ottavo comandamento… te lo auguro con tutto il cuore!! E come pure tutti gli altri, ovviamente… e li auguro a tutte le ragazze che stanno soffrendo e combattendo come me e che scrivono qui… o che sono da qualsiasi altra parte del mondo…

    Dr. PIccini – m’inchino. Grazie mille. Non ho altre parole, davvero… GRAZIE

    Rispondi
  24. Gabriele
    Gabriele dice:

    Si Veggie il video mi è piaciuto molto,sei stata molto brava!!Ho sorrido dall’inizio alla fine per la dolcezza espressa,dolcezza e forza in mezzo a dolore e tristezza…

    Rispondi
  25. sandra
    sandra dice:

    che strano leggo tutto questo e capisco quanto possa essere sbagliato vivere solo x il proprio corpo pero faccio la medesima cosa pure io tutte le mattine mi sveglio e dico di ricominciare ma non e cosi comincio a ingozzarmi e poi cercare un posticino dove vomitare gia e passato tanto tempo da quando la mia vita era normale adeso non faccio che parlare con quella maledetta bilancia non vuole scendere mai e io la fisso tutti giorni prima di salire e gli dico ti prego dammi na bella notizia si avvolte ci riesco ma poi vedo che non mi basta mai e tutte quelle stronze in tv come fanno a essere cosi magre con un culo e tette da paura gia me lo chiedo sempre a me e andato via tutto il culo le tette bhe……pero pure a pancia…..

    Rispondi
  26. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Buongiorno a tutti!

    Buon inizio settimana!
    Diciamo che questa settimna inizia meglio! E’ già martedì!

    Faby come stai?
    Gabriele?
    Kiara ho letto che sei stata male…ma vedrai che ce la fai anche questa volta a stare di nuovo bene!
    Lea tutto bene? Ma mi pare che tu stai sempre bene…oggi ci analizzi?
    Non te la prendere son un po’ burlona!

    😉 Una buona giornata a tutte…
    Kate quello che scrivi..forse un po’ immagino la tua situazione… 🙁 …coraggio!

    Rispondi
  27. fabi
    fabi dice:

    buongiorno luna blu….
    io continua la mia fase in cui lotto per ora sono a + 6
    numero piccolo….ma va bene è sempre un traguardo.
    ho passato il week end ha girare per le strade dellla mia città….
    spero di continuare a lottare….
    un bacio e buon lavoro
    un saluto a tutti

    Rispondi
  28. anna
    anna dice:

    ciao bimbolina, ancora tutto nero? eh è dura dura vero? anche per mè..è così faticosoooooo! ti pensavo mi chiedevo chissà come sta!
    un bacione anche a GABRIELE,LEA,LUNA,MARY GIO,GIO,TUTTI…VI VOGLIO BENE.

    Rispondi
  29. bimbolina
    bimbolina dice:

    io pesavo 53 kg per 1e77 ero gia un mostro … ora ripresi un po e piu karina….. 63 kg peso forma di meno faccio skifo veramente…

    Rispondi
  30. bimbolina
    bimbolina dice:

    va male in famiglia mamma molto in krisi per malattia papa … io pure e mi deprimo di piu e’ dura ma io sto vicino ai miei a tutti i kosi… baci anna kara per il cibo mi sforzo a mangiare nonostante inappetenza e depressione maggiore baci

    Rispondi
  31. Lea
    Lea dice:

    Allora ascoltatemi bene perchè non ho intenzione di ripetermi due volte quindi aprite bene le orecchie…
    CHE COSA SUCCEDE QuuuuIIII??
    Cos’è? mi allontano due giorni 2, e qua scoppia il carnevale di Rio..?
    Dov’è la tristezza?? FUORI LA TRISTEZZA PER PIACERE! non è che uno entra qui per disperarsi e poi voi del blog gli cambiate tutte le carte in tavola eh!
    E i visi depressi?? non SCHERZIAMO! colori CUORI felicità!! ma siete TUTTI IMPAZZITI!? basta me ne vado…………………………
    hi hi hi. Ora torno seria (si fa per dire)

    Gli argomenti che analizzerò oggi sono i seguenti:
    Luna Blu (non tremare)
    Super Veggie
    Gabriele (trema pure)
    Roberta detta Roby
    Kiara la senti questa voce..

    Luna Blu,
    l’altro giorno quando ti ho per così dire “aggredita” tu non avevi fatto davvero niente di male. aspettavo proprio di dirtelo. Mi hai spinto a riflettere su alcune cose. Purtroppo non mi sfuggo mai e appena capto un segnale non posso fare a meno di fermarmi e discutere con me stessa. In più credo di soffrire di una strana forma di dislessia a livello dialogico forse legato a quello che ho appena detto. CIOE’.. interpreto certe cose in modo completamente opposto a come dovrebbero essere interpretate. Vedo quello che non c’è e non vedo quello che c’è. CIOE’ (ritento..) a volte vedo le cose da un punto di vista differente rispetto a tutti gli altri e questo mi causa non pochi problemi..
    Comunque tu sei stata normale e io no. Qui lo dico e qui lo sottoscrivo.
    Ora mi fermo ma solo perchè ho tanti altri argomenti.. ti scrivo presto
    Un bacione (mi vuole beneeeeeee siiiiiiiiii!!)

    VEGGIE VEGGIEEEEEE!!! LA SENTI QUESTA VOOOOOooCE….?
    SPETTACOLO DI RAGAZZA!
    RAGAZZA SPETTACOLO!!!
    Voglio fare anch’io quel gioco del “Scegli il tuo comandamento del cuore”
    Il mio è decisamente il n° 7, si, è lui. Amore a prima vista. Il mio frutto proibito, la mia mela succosa..
    Veggie? ora dimmi che la ragazza abbracciata al cuscino nel comandamento n° 6 sei tu e scatta l’applauso. Sarebbe stata davvero una Super finezza, come gli artisti che nascondono se stessi all’interno di un’opera.. dimmi che non è vero! DIMMELO!!!
    spettacolo.

    Gabriele? Freddie, Gabri, Gabri,Gabry, -Gabri-, FredGab, Freddie (Gabriele), Gabriele (Freddie), SnSt, Onikiki…. è lunga ancora?
    Bello il tuo post dell’altra sera. Ho guardato anche la foto perchè di fronte a “Tramonto” nessuno può resistere..
    Bella anche la foto. Ti dico che sensazioni mi ha dato. Un sole che scotta come una fiamma, e allo stesso tempo i brividi di freddo. caldo e freddo. Come un cubetto di ghiaccio sulla pelle della schiena quando hai preso troppo sole. Come quando hai la febbre.
    Mi era venuta anche una fantasia su te che ti presenti all’Esselunga (dove hai appena conosciuto una tipa) con un buono sconto per un pacco di biscotti. poi lei la sera ti ha consegnato con la scusa dell’ “appena sfornati..” ..ma magari faccio in un altro post!

    Intanto invio questo

    ciao Anna, Bimbolina, Saretta, e sola.. aspettiamo di sentirti
    scusate gli errori

    Rispondi
  32. Lea
    Lea dice:

    Kiara,
    per te le parole più semplici di questo mondo.

    Che cosa succede?
    Io fossi in te ora adotterei proprio la filosofia di Luna Blu. Analizzare passo dopo passo e provare a capire.
    Ti sei aperta alla vita. Ti eri appena lanciata nella mischia. Con coraggio e consapevolezza. Uscivi, vedevi gli amici. Ma (inevitabile), come sempre quando stai nella vita, qualcosa ti colpisce, e ti ferisce. Che cosa è stato?
    Stavi bene (nel senso che sappiamo, motivata..), e poi.. ecco quella sensazione che ritorna…
    Sconforto?
    Sensazione di essere rifiutata? allontanata?
    senso di inadeguatezza?
    Che cosa ti ha ferito Kiara?
    La consapevolezza, quello che hai capito, gli strumenti che hai acquisito attraverso la riflessione e il lavoro su te stessa non se ne vanno. Sono lì. Prima o poi scatteranno tutti insieme nella tua testa ed inizieranno a collaborare in modo armonico. Come quando studi la grammatica di una lingua ma ancora non la parli, quella lingua, nel mondo reale. Poi un giorno, in mezzo ad alcuni stranieri, ti lanci in un “How are you?”.. ecco la magia. ma quanti tentennamenti prima. Eppure sui verbi e sul come si costruiva una frase ti eri allenata per un anno intero a scuola

    Scrivici uno di quei monologhi dove spieghi le tue sensazioni passo dopo passo, fallo Kiara se te la senti. potrebbero fare bene anche a noi

    Lea

    Rispondi
  33. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Certo Lea che ti voglio bene! A questo punto del pomeriggio…con poca voglia di uscire al freddo e al gelo per fare i miei più di 9 km in bici in mezzo al traffico….leggo quello che hai scritto e mi hai rubato un sorriso…l’analisi domani quindi? 😉 …tremerò…ma solo per il freddo…
    1 abbraccio…

    Devo dire che mi sembri un po’ strana Lea…ma unica..questo si!
    A domani…

    …è dura però…questa vita è dura…

    Ciao!

    Rispondi
  34. Eikichi Onizuka
    Eikichi Onizuka dice:

    Sono contento che ti sia piaciuto il mio post….quello era ieri!!
    Oggi sarebbe diverso,oggi scriverei che…sono arrivato ma è già ora di partire,
    stessi eventi,medesime situazioni,pochi spiccioli nel portafogli,una foto di un passato lontano e il mio corpo stretto a se stesso in cerca di calore….
    Sono le persone intorno a cambiare mentre io rimango lo stesso oppure sono io a cambiare mentre le persone che mi circondano sono sempre uguali?
    Dove sarà il mio prossimo viaggio,la mia prossima metà…ancora qui o sempre più lontano dal mondo?Vado ad acquistare il mio biglietto…un volo di sola andata,senza più un ritorno (beh costa meno 😉 )

    Fermati a guardare questa immagine….mentre io ti dico chi sono Eikichi Onizuka, 22 anni, celibe… Molto piacere

    Rispondi
  35. Lea
    Lea dice:

    Roby,
    con te so benissimo da dove cominciare, MA NON SO DA DOVE COMINCIARE!
    difficile parlare di un punto focale come la rottura. Parlare di se stessi. provo a scrivere qualcosa ora. Ma ogni volta che sentirò l’ispirazione tornerò per tentare di chiarire. Bah! vediamo cosa esce.
    Intanto la cosa speciale che hai fatto e che mi ha aiutata sta più nel gesto dello scrivere che nel post stesso. Solo tu che non soffri di disturbi alimentari come me potevi farmi sentire meno strana entrando e scrivendo a tua volta in questo blog. Riesci a capire cosa intendo?
    La rottura è un concetto importante e difficile da spiegare. perchè, a mio avviso, avviene quando capisci che sei tu responsabile di quello che ti succede.
    Non parlo di una persona che si è ritrovata suo malgrado a dover affrontare disagi economici o una famiglia poco presente. Per questo preciso sempre che la mia è Analisi di un percorso “regolare” (scusate non saprei con quale altro vocabolo definire questa idea). Non mi permetterei mai di giudicare le scelte di una persona che non ha avuto la mia stessa fortuna. Io da un punto di vista materiale ho avuto tutto. Moneta, incoraggiamento, opportunità. Mantenuta da una vita, nel senso (anch’io ho sempre lavorato) di spalle coperte, tetto, famiglia, calore, dialogo. Aiuto, sempre, incondizionato.
    Allora l’analisi si riversa all’interno. la mia personalità, le mie insicurezze, il mio modo di vivere le cose, dunque la vita. Le catene erano le mie. Le paure che trovavano (e troveranno ancora) sempre una giustificazione. Un giorno ti arrabbi perchè senti che il tempo passa e tu sei stufa di avere paura. Ti accorgi che non sei ancora niente di quello che pensavi di essere. Che il tempo ha una sola direzione, AVANTI, e che tu rischi di perdere anche l’ultimo treno.
    Rompi tutto perchè gli altri intorno ti danno fastidio. Ti da fastidio vedere come eri. Io avevo bisogno di isolarmi per capire chi ero e cosa volevo. Non dico che quelle rotture non avessero una motivazione plausibile. Ma guardandoci dentro più a fondo spesso ti ritrovi faccia a faccia con te stessa A quel punto se hai il coraggio di assumerti le tue responsabilità, inizi il percorso che ti porterà alla pace. Con te stessa e con gli altri.
    So che non si sarà capita una eva ma adesso meglio di così non riesco.
    Ribadisco che questa rappresenta la mia personale esperienza, il mio singolo caso.
    Per quanto riguarda la normalità, vorrei chiarire una cosa.
    Le persone speciali esistono, a prescindere dalla malattia. Ci sono tra i malati e tra i non malati. Io per normalità intendo seguire l’esempio dei più, di chi ti sta intorno e ti sembra stare meglio di altri. Scegliere la convenienza.
    Faccio un esempio. Quando sei adolescente fai delle cose che ti fanno stare bene al momento. Credi che farle ti aiuti, o al limite, che non abbiano conseguenze. E in effetti lì per lì non ne hanno. (Non tutti, ma alcuni fanno queste cose o simili..) Marini la scuola, fumi, dici le parolacce, frequenti le compagnie che vuoi, anche se ti portano a scassinare le case.. Non c’hai voglia di studiare. Chissenefrega. tanto poi torni a casa e trovi la tavola apparecchiata. Vivi, come dire, in uno stato di beata inconsapevolezza. Credi di fregare tutti perchè fai quello che vuoi.
    Purtroppo così facendo l’unica cosa che può attenderti, se nessuno se ne preoccupa prima, sarà un brusco risveglio. Perchè la società non tollera che tu scassini le case. Perchè non esistono lavori che puoi fare senza faticare e senza disciplina. Non puoi fare quello che vuoi perchè le regole della vita e del vivere in società non te lo consente. Ecco, io rivedo nello sconvolgere il proprio fisico, la sensazione dell’appetito (e di conseguenza la propria vita con gli altri) un pò in una chiave simile. Non perchè le persone malate siano immaturi ragazzini che non capiscono nel senso che ho descritto! era solo un esempio slegato dai motivi che causano l’insorgere della malattia. ma che porta ad effetti simili. Allontanarsi dalla società.
    Questo non è conveniente, perchè è meglio collaborare all’interno di un sistema che, seppur traballante, funziona, che crearne uno personale inesistente, dove stai da sola. senza sbocchi oltretutto. in attesa che il tempo passi.
    Rimanere nella malattia è un pò come vivere in uno stato di inconsapevolezza, è come ritardare l’ingresso nel mondo reale. purtroppo, che ci piaccia o no, è l’unico che c’è, e va affrontato.
    Poi lo so che questo passaggio (nel caso della malattia) richiede un lungo percorso, che si soffre e che non è una questione di pura volontà, di poca intelligenza, o di fase di maturazione come per gli adolescenti, mi raccomando! non volevo dire questo.
    Ma volevo dire una volta per tutte che normalità non è sinonimo di ANONIMATO, di banalità, di sapere di niente.. Anzi!
    Significa non nascondersi, vedere le cose per quelle che sono, fidarsi di come vivono le persone che stanno meglio e tentare di imitarle.
    Per persone che stanno meglio non intendo i ricconi cafoni, i politici ladri, o quella che ha sposato Flavio Briatore, cercate di seguirmi.. 🙁

    ho specificato questo Roby perchè nel post accenni un “Non sono normale e non voglio esserlo”, che cosa intendevi dire?
    Poi sai che io sono una “dislessica dialogica” e magari tutto il mio discorso si perderà nelle galassie, alla ricerca di una qualche attinenza con quello che si dice in giro..

    Non rileggo perchè vado a mangiare
    Ciao a tutti

    Rispondi
  36. Veggie
    Veggie dice:

    Ciao Lea… Grazie mille per le tue meravigliose parole… Sono contenta che ti senti particolarmente tuo il 7° comandamento!! ^_^
    Comunque no, non sono io la ragazza del 6° comandamento… Magari fossi così carina… Però in questi giorni sto effettivamente realizzando un altro video di lotta contro l’anoressia in cui ci sono anche le mie foto… Magari quando l’ho fatto lo posso linkare anche qui, se vi va…

    Rispondi
  37. Lea
    Lea dice:

    Si linka qui,
    così se ti vedo e alla fine sei carina ti dirò qualcosa che non saranno belle parole!!
    Devo trovare il tempo di tornare nel tuo blog a leggere, ma tu stai qua e lavora al nuovo video! hai visto quanto ha colpito? giuro che anch’io all’inizio non potevo credere ad un gesto così forte e creativo! non mi era ancora capitato di vederne uno. Qual’è il tuo comandamento? Lo so, lo sono tutti.. ma scegli quello che sintetizza meglio il lavoro che stai facendo ora su te stessa per stare meglio

    Notte se sei già a dormire

    Rispondi
  38. emina
    emina dice:

    aiutatemi rgazze mi vogliono fare ingrassare, stavo riuscendo a perdere peso nn mangiavo più ero così bella,e ora mi hanno fatto mettere su 3 kili, mi faccio schifo.

    Rispondi
  39. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    emina quanti anni hai? quanto sei alta e quanto pesi?
    Vorrei capire se vermante hai bisogno di dimagrire o è la tua testa che ha deciso che sei grassa…
    😉

    Rispondi
  40. Veggie
    Veggie dice:

    Ciao Lea… Certo che sto lavorando al nuovo video! Spero che possa essere un “regalo di Natale” per tutte le ragazze che stanno combattendo contro l’anoressia!!
    P.S.= Ho risposto alla tua seconda domanda sul post relativo al mio video… ^_^

    Rispondi
  41. Mara
    Mara dice:

    Sono capitata in questo sito per sbaglio e ho letto, letto, letto con stupore, con dolore. Vorrei dire a tutti quelli che sognano di sparire, di dissolversi, di essere puro spirito, come ho fatto anch’io, che veramente ,non è tutto qui. C’è bisogno di energia, di mangiare almeno tre volte al giorno per pensare, studiare, progettare, fare sport in modo sano. Mangiate cose fatte con amore da chi vi vuole bene, fidatevi di chi vi vuole bene. Il Signore ci ama, ci ama come siamo e il corpo che ci ha donato è il tempio del suo Spirito, dobbiamo rispettarlo e volerci bene noi per prime. A 17, 20 anni non sappiamo ancora,cos’è la vita, cosa ci attende. Fidatevi di chi vi ama.
    Vi abbraccio forte piena di speranza e fiducia in voi, siete nei miei pensieri e preghiere.

    Rispondi
  42. Angelide
    Angelide dice:

    Ciao a tutte.
    Siete delle carogne già morte . Delle vigliacche che non hanno il coraggio di affrontare se stesse . Non avete pietà di chi vi sta intorno . E smettetela di fare le vittime. Le persone sono tornate dai lager ed hanno continuato a vivere . Siete delle grandi viziate, alle quali sicuramente non manca niente. Se vi fosse mancato il pane , lo cerchereste. Speriamo che questa recessione vi dia una bella lezione . Mi fate schifo . Vorrei che questo blog fosse oscurato. Perchè se non siete pazze lo diventerete . E,peggio, fate del male ad altre ragazze . A chi risponde pensando di fare bene cercando di comprendere queste idiote, consiglio di dire pane al pane e vino al vino . Uscite, invece di fare le ammalate immaginarie. Circondatevi di amici. Tutti noi abbiamo difficoltà. Anche a trovare il pane da mettere in tavola . Vi auguro di crepare presto, se questo è il vostro desiderio.Angelide

    Rispondi
  43. Eikichi Onizuka
    Eikichi Onizuka dice:

    Wow posso farti un applauso?
    Certo che iniziare il tuo sproloquio con “non avete pietà di chi vi sta intorno” non ha molto senso,inutile quidi dirti che anche tu non hai rispetto per il dolore altrui perchè le tue parole lo dimostrano chiaramente,non hai idea quanto possano ferire.Avresti potuto esprimere il medesimo concetto in maniera più educata,non certo come hai fatto,sparando a zero e facendo della facile retorica “Le persone sono tornate dai lager”…Tutte le altre guerre dove le metti?
    Hai idea di quante persone,soprattutto bambini muoiono di fame ogni giorno?Se dovessimo seguire questo ragionamento nessuno avrebbe più il diritto di lamentarsi o di stare male ma le cose non funzionano così.
    Non augurare a nessuno di crepare perchè un giorno potresti ritrovarti nella medesima situazione e se per caso ti sei già trovata o hai vissuto questo disagio da vicino…beh forse non hai compreso a fondo quanto sia difficile affrontare i propri problemi.
    Se hai rabbia dentro di te questo non è il modo di esprimerla!!Lo capisci che queste ragazze hanno un problema e non è un capriccio?

    Rispondi
  44. Lea
    Lea dice:

    Gabriele,
    lascia stare. In questo momento non ho la testa per rispondere. Mi piacerebbe terminare con quello che volevo scrivere a Veggie e a Luna Blu. Forse questa Angelide può aspettare. Non saprei.
    Io sono nipote di un reduce di Russia, sopravvissuto ai lagher e alla deportazione. Ha marciato scalzo sulla neve spinto dai soldati, picchiato in testa e agli arti con il calio del fucile. Ore interminabili durante le quali ha visto i suoi compagni cadere e lasciarsi morire lungo la strada. Ha bevuto la sua urina, mangiato i suoi escrementi. Credendolo morto lo hanno caricato su di un carretto, ammucchiato assieme ad altri cadaveri pronti per la fossa comune. Ma qualcuno, scorgendo un movimento impercettibile della sua mano, lo ha caricato su una brandina riconsegnandolo alla vita.
    Ha scritto alcune memorie, è intervenutoparlando agli studenti durante le assemblee di Istituto.
    Io Signora Angelide, ho letto “Se questo è un uomo” di Primo Levi, ho letto “Il diario di Anna Frank”, ho letto le memorie di mio nonno, ho visto “Schindler’s list”, ho letto “I Miserabili”, “I Malavoglia”, Giovanni Verga e “la Roba”!
    Perchè ho capito presto che l’ignoranza è una brutta cosa. Non conoscere la propria storia è la cosa peggiore che possa capitare ad un uomo. Chiudere gli occhi di fronte all’evoluzione ed alle “Evoluzioni”, ancora di più.
    Se lei sente la tragicità degli eventi e dei momenti storici, le chiedo uno sforzo che so essere al limite del sovrumano, le chiedo di tentare di scorgere le crepe all’interno della nostra epoca.
    Osservi da lontano quest’uomo e lo accetti. Accetti ogni sfaccettatura della vita. La recessione e la pestilenza, la follia del soldato che si droga per trovare il coraggio di andare incontro alla morte, e quella di una ragazza che non trova il coraggio di vivere.
    Se queste ragazze fossero vissute nel 500 cerde si sarebbero ammalate di anoressia? o di bulimia? no. nemmeno io.
    Solo che purtroppo non siamo nel 500..
    Lo sa che nemmeno Virginia Wolf è vissuta nel 500..?
    Eppure si è uccisa gettandosi da una finestra.
    La guerra?
    Ok. Ma la guerra non è solo quella che si vede combattere con le armi.
    E la fame non è solo quella che si combatte nei campi con la disperazione delle unghie e delle braccia.
    Ampliamo i nostri orizzonti Signora Angelide
    Alcune di queste ragazze moriranno. Nonostante il suo post, nonostante le sue parole.
    Vuole darci una mano sul serio Signora Angelide?
    Lo so. Lo so anch’io che è più facile allungare un pezzo di pane ad un bambino africano
    La capisco Signora Angelide. Per questo non la odio, nè la disprezzo.
    La chiave di tutto è qui Signora. Provare a capire.
    Scriva ancora se vorrà. Questi ragazzi sono qui e tentano di spiegarsi

    Lea

    Rispondi
  45. Lea
    Lea dice:

    Scusate..
    La woolf si è uccisa gettandosi in un fiume, però se avete aggiornamenti io sottoscrivo volentieri..
    Tu e le tue finestre dove scorrono sempre gocce di pioggia Gabri!!
    guarda che figure mi fai fare!!! scusi Signora Angelide,a nche Woolf si scrive con due o ma qui è stato il computer
    Luna Blu??? comne si scrive “Schlinder”??? così? sicura???!
    Salieri si gettò da una finestra!! si dai!
    Comunque all’epoca della Woolf nella letteratura le finestre avevano un significato particolare. esse rappresentavano gli occhi attraverso i quali si osserva la vita, e la vita all’interno della casa può essere osservata. Anche lei utilizzò questa simbologia. Era una società in fermento e andava studiata, insieme ai suoi Nuovi Mostri.
    Ecco il perchè della finestra!
    mente geniale la mia non c’è che dire.. 🙁

    ANNA AIUTAMII!!

    Rispondi
  46. Eikichi Onizuka
    Eikichi Onizuka dice:

    Lea cosa devo lasciar stare?
    Il passato se pur tragico ci vieta di stare male o di lamentarci?
    Non possiamo portare come esempio i Lager Nazisti,i Gulag Russi e le condizioni estreme in cui versavano i prigionieri di guerra per fare della retorica sul cibo o per ostentare il proprio disprezzo verso chi lo spreca vomitandolo nel water…Anch’io ho letto e visto gran parte delle cose che hai elencato e se pur sconvolto da quell’orrore….tutte le volte che ho agito in modo sbagliato i pensieri erano ben concentrati sui miei problemi e non su quello che è accaduto in passato,un passato che è ancora dietro alla porta e che non si dimentica ma menzionarlo in questo contensto,come ha fatto Angelide,beh mi sembra fuori luogo….

    Ti voglio raccontare un aneddoto,10 anni fa mi ritrovai a parlare con un signore che veniva a curare le piante nel piazzale dell’officina dove lavoravo….cominciò a raccontarmi dei suoi anni di prigionia nei Gulag (il discorso partì dal fatto che dimostrava molti anni di meno di quelli che aveva e della sua tempra formidabile)non entrò nei particolari più intimi ma durante il racconto nei suoi occhi potevi scorgere tutto l’orrore che aveva vissuto…orrore che noi possiamo solo immaginare e studiare sui libri di scuola…anche lui fu costretto a bere urina e a fare cose che non voglio ripetere….alla fine disse “Ora sono qui,sono stato fortunato a tornare a casa ma non dimentico tutte le persone morte”.
    Questo per dire che certe cose o le vivi di persona o non potrai mai comprenderne a fondo il significato,le difficoltà le paure e gli orrori…ed è una condizione in cui ci troviamo tutti,sia chi ha sofferto e chi no…e serve a qualcosa venire qui ad urlare in faccia a chi sta male “Vi auguro di crepare” oppure “Non avete pietà di chi vi sta intorno . E smettetela di fare le vittime. Le persone sono tornate dai lager ed hanno continuato a vivere ”
    Non credo proprio…La rabbia di Angelide sarà pur nata da qualcosa,forse ha perso qualcuno a lei caro oppure ha sofferto a causa di qualcuno che a sua volta soffriva di dca…resta il fatto che non è l’atteggiamento giusto.

    Ti consiglio un libricino di 140 pag. circa,mi è stato consigliato da una cara amica (grazie Ari) ed ora lo consiglio a te.Si intitola “Non vi dimenticheremo mai,bambini miei di Auschwitz” di Denise Holstein,edito Il Melangelo…costa 10 euro!Leggilo,ne vale la pena.

    Rispondi
  47. Eikichi
    Eikichi dice:

    Si,si non voglio replicare a vita,quello che avevo da dire ad Angelide l’ho scritto chiaramente,non la voglio giudicare perchè potrebbe averne passate di brutte ma anche no…in ogni caso non è il modo di porsi nei confronti degli altri.

    Rispondi
  48. Angelide
    Angelide dice:

    Grazie per aver risposto. A tutti.
    Mentre dite di non giudicare lo fate. Pensate di essere al centro del mondo. Non lo siete. Come non lo sono io . Per me la morte fa parte della vita e l’augurio che mi capiti, non mi spaventa. Quando nostro signore mi chiamerà, sono pronta. Ho vissuto tutta la vita cercando di essere pronta sempre. Sicuramente non sono perfetta.Ma offendere un dono come la vita, coe fate voi, è la cosa peggiore che si possa fare . Sì, penso sempre che siete delle viziate e delle persone poco capaci di rapportarsi agli altri. Siete nessuno, proprio come. E non parlate di ignoranza e di altre stronzate. Non sapete chi sono, nè conoscete la mia vita.Smettetela di piangervi addosso. Reagite.Fatevi curare. Vi do un indirizzo. Cercate “mondosole ” ” famedamore” . Reagite, porco mondo. Non spingete anche altre ragazze a seguire la vs strada, con questi messaggi assurdi . Mi auguro che questo sito lo chiudano.

    Rispondi
  49. Angelide
    Angelide dice:

    A Lea.
    Il periodo che viviamo lo conosco bene. Anch’io ho letto tanto. Aiutare queste ragazze è dire la verità. Scrollarle dal torpore nel qule si sono volontariamente chiuse, non dare pietà . Questa ci fa sentire erroneamente “buoni” verso di loro, ma non aiuta affatto. Devono uscire e circondarsi di anici. Farsi aiutare. Quello che sto dicendo sicuramente doani sarà terapia. Facciamolo oggi. I mezzi ci sono. Certamente non questo sito, nè l’inneggiare alla “onnipotenza” del delirio. E’ responsabilità delle persone che ne sono uscite o che sono addetti ai lavori, “fare i comprensivi” ad ogni costo.Una ragazza anoressica non esiste come persona. Il suo cervello è fuso. Tutto queloo che percepisce è falsato. E’ già morta.

    Rispondi
  50. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Stò rivalutando un po’ Angelide…è brusca si ma non scrive proprio cose senza senso…è soltanto molto diretta nell’esprimerle…io ho trovato un aiuto pazzesco solo da una persona: me stessa!

    Cmq a molte qui sopra un augurio di morire…non è percepito come un male…ma come una liberazione…quindi quasi fai un piacere…

    Son curiosa angelide…quanti anni hai?
    Noi non ti conosciamo…ma neanche tu non ci conosci…ognuno di noi è un microcosmo unico…ma non credo si possa dire a qualcuno che non è nessuno…

    Forse le idee son buone…è un po’ il modo di esprimerle che è spietato e senza tatto…

    Rispondi
  51. Kiara
    Kiara dice:

    Ciao Luna blu, ciao Angelide, ciao a tutti!

    Angelide mi sa che hai fatto un po’ di confusione: questo sito non è a favore dei dca! L’articolo qua sopra riporta delle frasi tratte da un blog pro-ana e l’autore del “nostro” blog le ha pubblicate per poterci riflettere insieme.
    Anoressia e bulimia sono disturbi molto più coplessi di quanto tu pensi, non li si sceglie volontariamente.
    Non condannare Angelide, non serve a nulla aggredire chi sta male, te lo assicuro. Nessuno di noi è felice di vivere con questo orrore al fianco, se bastasse decidere di eliminare il problema l’avremmo già fatto tutti, ma non è così: la strada verso la guarigione è lunga e difficile.
    Mi spiace che la nostra malattia ti faccia venire così tanto il sangue amaro, immagino che ci sia un motivo che va oltre la tua ignoranza nei confronti della malattia (non te la prendere, si tratta di ignoranza ma non in senso dispregiativo, semplicemente ci sono cose di questo tipo di disturbo che non sai).
    Quando ci scagliamo con tanta rabbia e violenza contro qualcosa è perchè ne abbiamo paura, perchè in qualche modo tocca corde che ci fanno male.
    Prova a trovare un punto di vista nuovo, diverso e originale, se ti va. A noi non cambia nulla se tu la pensi in un modo o in un altro, ma credo che potrebbe essere un arricchimento per te provare a capire quel qualcosa che ti sfugge…
    Cmq stai tranquilla che in un modo o nell’altro troveremo la strada per stare bene, la cosa che più vogliamo è trovare amore (in noi stesse/i) ed essere felici.
    Fai un bel respiro e cerca di essere più tollerante, in primis verso te stessa!

    P.S. fantastico l’accostamento di “quando nostro Signore mi chiamerà” e “porco mondo”: ma ha fatto troppo sorridere sta cosa!!

    In bocca al lupo.
    Chiara

    Rispondi
  52. Angelide
    Angelide dice:

    A Kiara.
    Forse un pò di confusione l’ho fatta. Non cambia il mio pensiero sull’argomento.Dovunque si tratti di questi problemi, non si può continuare in una infinita “comprensione” . E’ vero . Le persone che soffrono di questa malattia stanno male. Ma vogliono piacere. A sè e agli altri . E’ più facile dire, soprattutto quando si è al limite del peso normale, “come stai bene” , piuttosto che gridare “fai schifo! Ma che stai facendo ? Non vedi che sei uno scheletro? ecc.ecc” Questo implicherebbe una presa di coscienza del nostro rapportarci in modo diretto , che ritengo sempre il migliore , e non falso, mentre chi ci sta di fronte, comincia da lì una strada senza ritorno. Quando, poi, la persona si chiude in casa, diventa scorbutica, aggressiva, evita gli amici , tutti si allontanano . Loro sì, hanno paura. E si sentono forti , nel gruppo che era anche dell’anoressica, di essere “normali” . Ma che mondo è! Che abbiamo dentro ! Il problema lo conosco bene . L’ ho vissuto . L’ ho superato quando è morta mia madre e mio padre mi ha cacciata di casa. Ho dovuto lottare per sopravvivere. Ho incontrato una ragazza , che viveva in camera con me , a Milano, e un bel giorno mi ha detto : ” senti, io non posso vivere con chi ha problemi come i tuoi. O accetti di farti curare o vado dal proprietario e te ne vai” . Ho pianto tutta la notte . Poi mi sono detta che non avrei trovato un’altra soluzione per la casa , non avendo soldi e così ho ricominciato a prendere il latte la mattina, alle 10 merenda, a pranzo la pasta e carne (anche se i primi tempi poco) , alle 4 merenda , a sera la cena. Sono alta 1,65 . Adesso peso 63 Kg . Sono fidanzata. Quando passo per strada si girano tutti a guardarmi . Sto bene. Mi sposerò . Non dico più bugie. Sono tornata da mio padre per ringraziarlo.E sarò riconoscente alla mia amica per tutta la vita. Il problema è trovare chi ci dice la veriotà. perchè noi mentiamo. Inventiamo scuse alla nostra situazione , motivazioni che non sono vere. E’ più facile fuggire anche le piccole cose, ma se abbiamo chi ci aiuta. Nessuno vuole morire.La verità è che abbiamo paura del mondo . Ma achi, come vanno le cose, piace questo mondo? Eppure esiste il senso della sopravvivenza , che supera ogni ostacolo . Si mette a tacere quando abbiamo il piatto servito . Perchè siamo viziati . Bene Zapateros, che ha tolto le taglie 42! Alle ragazze anoressiche. Smelletela . Siete le più sensibili . Non date la soddisfazione alle oche e alle stupide di vivere a pieno e voi di essere degli “zompi”. Perchè tali siete . Fantasmi.

    Rispondi
  53. Angelide
    Angelide dice:

    A proprosito di bugie , volevo non dire di me . Meglio farlo. Ci capiremo di più. Rimango della convinzione che siti come pro-ana vadano chiusi e che su questi si dica la verità.

    Rispondi
  54. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Lo sapevo Angelide che dietro alla tua crudezza si nascondeva un mondo..il tuo…pieno di sofferenza prima e di amore ora…

    Sono cotnenta per te 😉

    Rispondi
  55. mary gio
    mary gio dice:

    ho capito angelide il tuo modo di vedere le cose , ho capito da il significato delle tue parole , ho capito la tua ‘crudeltà’ nell’affermare i tuoi pensieri ,k alla fine nn è crudeltà è solo un’altro modo di vedere la realtà .
    io a questo sito mi sono affezionata , nn vorrei mai k chiudesse , però capisco bene k essendo aperto qualsiasi persona può leggere e prendere ‘spunto’ x rovinarsi la vita .
    un’altra cosa , rispetto la tua esperienza personale , ma nn sono sicura x nulla k l’aggressività , l’urlare contro a una persona possa essere utile x farla guarire , sarebbe facile ,banale andare da una persona depressa mettersi a urlarle contro , urlarle k deve reagire , ma nn servirebbe a niente .a te è servito, ma nn esiste una ricetta uguale x tutti x la guarire .
    nn immagini neank quante volte, da quanti anni ho urlato contro mio padre ,k soffre di depressione, gli urlavo k doveva reagire x noi , x la sua famiglia , ma cos’è servito a nulla …
    la mia famiglia quando stavo male , come i miei amici , mi dicevano k ero troppo magra , nessuno mi hai mai detto k ero bella , nessuno !!!! l’unica che pensava k fossi bella era io . poi naturalmente questa sono io , questa è la mia esperienza soggettiva e come tale va presa .
    penso k l’idea di morire sia venuta a molte persone, ank a chi nn soffre di DCA , penso che ci sia molta moltissima differenza nel pensare alla morte , e nel cercare di realizzarla .

    cmq buon giorno a tutti!!!!
    da oggi sono in vacanza , mi sento così leggera e serena !
    se poi penso k sono viva x miracolo , e k me la sono cavata con una piccola ammaccatura al ginocchio sn ancora più felice 🙂

    Rispondi
  56. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    ciao Mary giò…ma c’è un motivo epr il quale tuo padre è depresso?

    Ma perchè non lo denunci questo dell’incidente?
    sai quante ne capitano a me!

    Rispondi
  57. mary gio
    mary gio dice:

    nn era mia intezione denunciare nessuno , nn mi sono fatta niente x fortuna , all’inizio volevo chiedere il nome ,numero di targa , ma poi ero troppo stanca nn volevo creare casini ulteriori , però k spavento k mi sono presa ! ho pensato davvero di morire , o cmq di farmi schiacciare … ero così felice di essere viva k nn ho pensato a niente …

    mio padre soffre di depressione ogni autunno -inverno ,quando le giornate si accorciano e nn c’è il sole , estate sta bene ogni anno è così . . . dire k ormai ci siamo abituate è così ,sembra cattiva come cosa ,ma è così …

    Rispondi
  58. mary gio
    mary gio dice:

    oggi ho corso x 30 minuti sono fiera di me!!! nn ho mai corso x così tanto tempo … ora xro ho i muscoli delle gambe tutti doloranti …. vabbè ma almeno sono serena!

    Rispondi
  59. Lea
    Lea dice:

    Salve Angelide.
    oggi ho seri problemi di connessione, mi scuso in precedenza con tutti qualora non riuscissi ad inviare in tempi accettabili eventuali post di risposta.

    Il discorso che andiamo ad affrontare è piuttosto complesso. Le variabili chiamate in gioco sono moltissime: la malattia, la persona, la cura, la gente, le strutture, la società. Inizio a scrivere poi vediamo cosa verrà fuori..
    Potrei iniziare con il dire che non sono su questo sito per curare persone affette da disturbi del comportamento alimentare. Per questo, come giustamente anche lei ricorda, esistono già numerose strutture dislocate sul territorio. Non moltissime, ma con il tempo potrebbero aumentare.
    Questo sito, quello ideato dal Dottor Piccini e collaboratori, lo definirei più uno spazio. Un luogo che non è la clinica, che non sono gli amici e gli ambienti di tutti i giorni, e che si pone per così dire nel mezzo. Qui posso parlare “della” e “sulla” malattia, qui posso riflettere, posso sfogarmi, posso pensare, posso fare poesia, posso urlare. Questo è un luogo, uno spazio appunto, “alternativo”. Vengo qui perchè non trovo l’amico che mi dice “fai schifo!”, vengo qui perchè non c’è mia madre che mi dice “smettila!”, vengo qui perchè non c’è la psicoterapeuta della clinica con la quale si, mi trovo bene certo ma.. lei fa il suo mestiere, insieme facciamo un lavoro, attende dei risultati, io ho anche paura di non riuscire e vorrei scavare una buca per dire tutto o quasi quello che mi sta succedendo. Il sito è come la lettera che il detenuto invia all’esterno per raccontare quello che gli succede. Non è il carceriere, non è la psicologa che incontra una volta a settimana. è uno spazio diverso, tutto suo. Usarlo in maniera costruttiva dipende dalla fase in cui si trova all’interno del suo personale percorso.
    Ci sono ragazze che scrivono qui per urlare un momento di rabbia, per dire “Basta, voglio uccidermi, la vita mi fa schifo!”
    e poi spariscono nel nulla
    Qualcuno risponde, le incoraggia ad aprirsi, a parlare
    ma loro scompaiono comunque. Credo perchè non sono ancora pronte per questa fase. Quella del confronto e della riflessione nella condivisione. una fase che si colloca oltre la semplice imprecazione contro il mondo, oltre il nichilismo e la pratica mentale del pensiero autodistruttivo fine a se stesso.
    O almeno così dovrebbe essere. Io vedo che spesso gli urli incomprensibili vengono lasciati cadere nel vuoto da ragazzi che cercano qualcosa di più da questi contatti.
    Voglio dirle Angelide che il suo concetto dell’essere duri, categorici, dello spronare con aggressività in nome della guarigione, non è del tutto sbagliato. forse questo applicano già in alcune cliniche. Ma è del tutto fuoriluogo in questo spazio, inadatto ai modi della comunicazione che vi si vuole incoraggiare ed alle sue stesse finalità.
    Le faccio un esempio.
    Se esco di casa per rilassarmi e fare quattro chiacchiere, entro in un bar e mi siedo ad un tavolo. sto cercando un medico? qualcuno che risolva i miei problemi?
    o lo faccio per sentire che si dice, per capire come sta la gente, cosa fa per sollevarsi in generale, e poi magari prendo spunto? ma se incontro uno che mi aggredisce con “Coglione! fai quello che ti ho detto! ora mi alzo e me ne vado.” che fine farebbero i bar?..
    Vuole dirmi che lei ha iniziato a comprendere il “da Farsi” dopo un ceffone? la morte della madre e l’amica che non la voleva più in stanza?..
    Si ma ..io vorrei fondare la guarigione su qualcosa di più solido di un caso fortuito della vita che capita (con il suo nemmeno tanto trascurabile bagaglio di sofferenza al seguito).
    L’uomo ha sempre parlato, e un tempo nessuno si sarebbe mai sognato di studiare un fenomeno come il linguaggio, che tutti o quasi praticavano in maniera meccanica, “congenita”. proprio come il mangiare.
    Chi aveva problemi più seri (di natura biologica o psicologica) rimaneva muto. Ma poco importava, c’era altro a cui pensare.
    Oggi si è sviluppata una sensibilità diversa in questo senso, per le evoluzioni di cui le parlavo. Non mi accontento più di dare un ceffone e dire “Mangia!”.
    Voglio capire anche con altri mezzi perchè si smette di mangiare. Fra cui il sito. “Parlo con chi smette”, che implica una modalità d’interazione diversa dalle altre. Ora, non dico che qui si faranno “Scoperte scientifiche” di portata mondiale! il mio pensiero era una riflessione, anche piuttosto difficile da sviscerare, sul fatto che oggi si vuole capire indagando in più direzioni quello che un tempo veniva lasciato al caso. ecco
    Cioè, se capisco il meccanismo che scatta e magari concorre all’ insorgenza della malattia, invece di lasciare che ciascuno lavi i panni sporchi in casa sua con lacrime e dolore per tutti, vedo se posso introdurre a piccole dosi (attraverso la scuola, le istituzioni) nuove modalità, nuova istruzione per vivere meglio.
    Non trovo molto corretto nel suo discorso legare la guarigione al concetto del “Ora sono fidanzata. Presto mi sposerò. La gente per strada si gira e mi guarda ..”
    Capisco cosa voleva dire. Ma non dovrebbe in nessun modo passare l’idea di uno stare bene quando la gente mi accetta, quando un uomo mi vuole. Queste ragazze, dal buio della loro sofferenza, quasi certamente interpretano le sue parole come un “Io ho finalmente trovato il modo di essere sempre desiderabile agli occhi degli altri” (forse perfetta?..)
    La guarigione credo avvenga soprattutto attraverso l’acquisizione del concetto che il vivere e l’essere felici non si esauriscono nel riflesso di noi che gli altri rimandano. Per altri intendo non solo gli amici, ma la società più in generale
    Una persona non si ammala quando viene offesa da un commento. Si ammala perchè a quel commento attribuisce un’importanza esagerata. Questo succede perchè ha fatto proprio uno sbaglio nelle dinamiche del dare e del ricevere amore, del perchè si da e si riceve amore. CREDO.
    La notte che lei ha pianto per quella minaccia dell’amica, ha pianto perchè era pronta a piangere. Era giunto il momento.
    Questo meccanismo di snodo scatta quando la persona è pronta.
    La mia infinita comprensione non è falsità. Io dico pane al pane e vino al vino sempre nelle mie riflessioni. Quello che cerco infatti è il dialogo, non la guarigione forzata di qualcuno che scrive.
    Dire “Se non trovate subito la giusta motivazione nella mia testimonianza allora morite pure” lo trovo riduttivo. C’è chi, come me, nel suo “Crepate pure” vede qualcosa di diverso da un’offesa pesante. Perchè lei dovrebbe desiderare di vedere tutte le anoressiche e le bulimiche del mondo morte..?
    quale giovamento potrebbe trarne?
    Lo sterminio degli infetti che preserverà quelli sani? sani si. ma per quanto ancora? ogni altro anno organizziamo uno sterminio? è così che l’essere umano progredisce? guardandosi dentro, studiandosi.. o sterminando?
    Non può parlare seriamente.
    La rabbia che lei prova verso la sua stessa esperienza della malatta, denota una problematica molto simile. La paura, il mostro “anoressico” che deve essere individuato e farmato subito. Mentre sarebbe meglio concepirlo nella sua reale essenza. Una distorsione nella percezione, che nasce dalle infinite potenzialità della nostra mente, spesso mal indirizzate per cause biologiche e/o fattori psicologici scatenanti. Niente mostri Angelide, niente fantasmi
    NIENTE MORTE la prego
    Detto questo, se alcuni dei ragazzi che ho conosciuto qui mi avessero chiesto
    “Lea? passi il Natale con noi..?”
    Crede che lo avrei trascorso a bere acqua e a contare le calorie della cena?
    Ma io ora sono quella del sito. Non la compagna di stanza, la madre, l’infermiera del centro. Quelle ci sono già, in molti casi. Riesce a capire cosa intendo?

    Gente! non rileggo fate voi!
    scusate ripetizioni congiuntivi, copule e contorcimenti verbali ma spero soprattutto esista un rigore concettuale nelle mie parole che non possa essere confuso con “uscite e drogatevi bimbeee!!”

    Devo scrivere ancora dopo. LUNABBLUUUUU!!! IL FILM “PENELOPE” ERA TUTTO UN SIGNIFICATO!! Ti spiegherò in un successivo post..
    Brava Mary Gio, perchè anche tu hai cercato di vedere oltre l’aggressività di Angelide. Sei una ragazza molto umile, almeno questo è quello che percepisco. Devo raccontarti di come NON sono morta quel giorno che ho agito abbandonando tutti i dettami di una qualunque fonte di ragionevolezza e del buon senso..
    Veggie, mi sa che riuscirò a scriverti il giorno di Natale! quando finalmente uscirà la tua nuova creazione..
    FreddieMan? dobbiamo fare un discorso serio sulla tua alimentazione e sull’ irriducibile ottimismo che sembra impregnare ogni tua giornata..
    Kiara prosegui pacifica nella tua vita, sono qua, nessuno scappa

    Rispondi
  60. Lea
    Lea dice:

    Allora Luna Blu..
    inizio dalle osservazioni che mi trovano d’accordo in merito al film “Penelope”, Così vivrò più a lungo! convenienza.. hi hi hi
    Comincio Mia Signora!

    Volevo dire che l’ho guardato (si, per modo di dire..) con la figlia seienne di una coppia di Signori che capitano a casa nostra tutti i mercoledì sera. Ho passato più tempo avanti e indietro dalla cucina in cerca di lecca-lecca e a rispondere alle sue domande sul perchè c’erano già regali sotto il mio albero di Natale (“ma.. qua è già venuto??” “Si bambina. Vedi. I miei conoscono l’amico di un amico di un’amica di Babbo Natale, e considerando che eravamo oramai al 18 del mese…ecc. ecc.” ) che a fare qualsiasa altra cosa. A un certo punto mi sono allontanata dalla sala per un periodo più lungo
    (lo so perchè lei mi cronometrava), e al ritorno ho avuto la malaugurata idea di chiederle cos’era successo nel frattempo nel film…

    “PENEL…..PPENNEL….
    PETOPE…
    PETTOP…
    PELLOP!!!
    … PELO…PETTE!..
    PELLOPP… uff!!…
    PETTOP… PELLOPP.. PPENNEL..!! PETTELLO..
    PPENNELLOP.. PPENNELO’PPE!
    PENNELLOPPE PPENNELOPPE

    PENNELO.. PENE’LOPE..
    PENELOPE E’ FUGGITA DAL CASTELLO LEA!!…”

    “Grazie piccola. Ora riposa”
    Comunque Luna. hai ragione che come film nel suo insieme, non era niente di eccezionale. Per intenderci, non è uno di quelli che riguarderei in continuazione. La trama niente in tutto, l’intreccio poverissimo. Le scene e gli ambienti carini ma, tutto si è svolto molto in fretta. Però per quanto riguarda il significato, quello che voleva dire la pellicola, ti assicuro che non mancava nulla. Il problema sta proprio nel fatto che, non avendolo reso interessante in superficie, uno rischiava di distrarsi e di perdere anche il resto. Ad esempio, La Storia Infinita trasmette un bel messaggio. ma anche il film è fatto bene. è ricco, tanta fantasia, tanti personaggi. E’ lungo ma non annoia, anzi. Si segue benissimo dal principio alla fine. Mentre Penelope trasmette un messaggio importantissimo. ma troppo concentrato in poche scene, in poca trama, e condito con poca fantasia. Però c’è.
    Il naso da “maiale” di Penelope, non è cartilagine che si può esportare con un banale intervento chirurgico. E’ formato da un tessuto vitale (forse la carotide..) che non si può rimuovere pena la morte. Come a dire che il disagio sta nell’essenza della persona e non in una sua presunta imperfezione fisica.
    Il naso torna normale non grazie al matrimonio d’amore con uno degli spasimanti, al quale oltretutto la protagonista rinuncia. ma quando lei urla credendoci “Io mi piaccio così!! questa sono io, non voglio essere diversa!”
    Perchè non era un incantesimo da spezzare con un gesto banale. Era una ricerca più profonda. Alla fine la madre, che l’aveva tenuta rinchiusa per anni al fine di nascondere al mondo l’orrore del suo naso (Penelope raggiungerà la consapevolezza di piacersi fuggendo) non si accontenta nemmeno di quel nuovo naso perfetto e suggerisce un intervento per migliorarlo ancora. A quel punto padre e figlia le voltano le spalle stufe di questa sua ossessione. Ossessione della madre, non della figlia. La figlia guarisce appena se ne rende conto. Nella scena conclusiva Penelope e il suo fidanzato chiedono a un gruppo di bambini la morale di questa storia. Un certo Billy salta fuori dicendo più o meno queste parole “Non è importante la maledizione, ma la forza che le attribuisci..”
    Riportando quello che io ho capito di questa storia non sto dando tutta la colpa delle sofferenze dei figli a genitori o madri in particolare. Questa è solo una metafora del come il modo di essere amati può condizionare il resto

    Rispondi
  61. Angelide
    Angelide dice:

    A Lea.
    Troppa comprensione, senza rimedi, dilungando i tempi , non servono alle ragazze anoressiche. Creano solo danni fisici e psicologici , a volte irreversibili. Chi scrive su questi siti lo fa per avere “compagnia” , perchè non è capace fuori. Siete già in tanti ad occuparVi di questa malattia. Fate qualcosa di concreto, scendete nella realtà di queste ragazze. chiudete il computer. Fate seminari a scuola : media suoperiore, università . Fate in modo di renderal “visibile” . Trovate un rimedio . Se avete tempo e conoscenza. A propristo del piacere di “essere ammirata” è solo per dire che prima cercavo questo con il dimagrimento e sono rimasta sola. Il contrario ora. E’ morta una mia amica da pochi giorni. Di anoressia . Una famiglia distrutta. Grazie , papà , per avermi ridato la vita. Questa volta tu.

    Rispondi
  62. mary gio
    mary gio dice:

    nn penso sia solo x compagnia k si scrive qui , forse , ma nn pensi k la vita qualcuno la possa intendere in maniera diversa dalla tua ?!? nn basta uno scapaccione , uno schiaffio x svegliare le persone , NON BASTA !!!
    nn si possono chiudere tutte le porte alle persone k soffrono , perchè sarebbe come ammettere il fallimento del sistema , chi si ammala di DCA nn è forse il prodotto di questa società , nn siamo forse i figli di questa società , i figli malati forse , ma sempre figli .
    come fai a nn vedere i molteplici modi possibili x guarire , chi ti dice k il tuo ‘modo’ possa essere universale , nn pensi di essere un pò ottusa nel pensare k la tua visione sia quella corretta , k nn ci sono altre possibilità .
    la malattia bisogna accettarla , accettarla non nel senso di conviverci passivamente , accettarla dopo essere guariti è il primo passo x nn ricaderci .

    a me è servito x accettare la mia malattia dopo essere guarita scrivere in questo sito , scrivere nn di quanto sono stata forte xk sono riuscita a uscire , nn ho cercato di dare la mia cura , nn ho mai preteso k la mia cura fosse quella giusta ,infallibile . il mio desiderio è sempre stato quello di poter esprimere un’altra possibile via di guarigione , la mia .
    so benissimo k le mie parole sono state inutili , comprendo bene lo scudo k ti sei costruita angelide , una visione così tanto ferrea della malattia nasconde ank tanta sofferenza . devi avere un bel caratterino! sai mi farebbe x davvero felice se tu riuscissi a salvare il più numero possibile di ragazze dalla malattia con questo tipo di cura. condivido molto la tua idea di malattia , nn forse i mezzi di guarigione -quello si è capito – se in una ‘cura’ c’è la possibilità si salvare più vite rispetto a un’altra ben venga!!

    chiudo perchè devo iniziare a studiare .

    buon giorno a tutti!!!!!! 🙂

    Rispondi
  63. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Salve Angelide,
    condivido pienamente quello che Lei ha scritto.Oramai è diventata una moda avere problemi di DCA. Secondo LORO sono incomprese,vittime,sono autorizzate a fare tutto…è i medici?Chi può veramente fare qualcosa come persone competenti..niente…i medici sono stupidi,non capiscono niente.La cosa che mi fa più rabbia è che ci giocano su questo…lo sanno che sono MALATE…e scrivono cavolate….

    Rispondi
  64. Lea
    Lea dice:

    Credo di non essermi spiegata ma. non è un problema. E’ qualcosa che capita molto molto di frequente, un fenomeno che attraversa ogni fascia d’età e classe sociale senza lasciare superstiti.. per cui vado a ruota, ancora una volta. Seguitemi

    Io sono su questo sito per mille motivi, nessuno tuttavia riguarda la malattia in sè (anoressia-bulimia) e/o la volontà di intraprendere una personale crociata contro il morbo del secolo. Altrimenti sarei nelle scuole (elementari, medie e superiori) come specialista della nutrizione, nelle piazze, negli asili, studiosa all’interno di qualche clinica, psicologa psicoterapeuta o altro. Ecco perchè si capita e magari si permane nel sito. Perchè , nel caso specifico (io), questa è la mia collocazione. Una persona che nella vita fa altro, ma che se può e capita, trovando un giusto mezzo (il sito) offre volentieri la sua presenza a qualcuno (malati immaginari e non) cui forse potrebbe giovare. Ora in quali termini o in quale misura non me lo chiedere perchè non saprei risponderti. Certo è che di blog e siti ne esistono a migliaia sulle questioni più assurde, e dico che tutto sommato il qui presente non è dei peggiori.
    Difficile tuttavia mi riesce pensare che le mie parole e quelle di alcune persone con le quali mi è capitato di parlare e scambiare opinioni qui sopra, possano portare o aver arrecato danni fisici e psicologici irreversibili a qualcuno (forse forse uno c’è. Freddie..! ma qui dovremmo spalancare una finestra sull’infinito e oltre senza fine per esaurire il soggetto, e faremmo sicuramente Natale fra queste mie righe..quindi evito)
    Qui c’è valentina che chiede aiuto per un documentario sulla malattia, c’è mary Gio che testimonia “C’è l’ho fatta, non mollate!”, c’è Gabriele che dice “Sto male ma con la droga ho chiuso”, c’è Luna Blu che lo richiama dicendo “Non mangiare carne cruda scondita! ti servono grassi e carboidrati Gabry”, c’è il Dottor Piccini che pubblica un opuscolo che informa su come indirizzare i più piccoli verso uno stile alimentare adeguato.
    Dov’è il danno psicologico Angelide?
    Hai visto forse qualcuno di loro elargire consigli sulla perfetta abbuffata? o sul come vomitare e nascondere?
    Certo che qualcuno leggerà di Kiara e della sua canna, di Freddie e dei suoi buchi. Ma poi sono loro stessi a dire “Voglio uscirne”. Se fosse lasciato spazio in questo blog per un delirio simile o fuori controllo, sarei la prima ad avere enormi difficoltà nell’ instaurare una qualsiasi forma di contatto. Proverei ugualmente credo. tuttavia se nel tempo venissero a mancare totalmente i presupposti per un dialogo la faccenda si spegnerebbe.
    Se queste persone non mi dessero niente, me ne sarei già andata.
    Io non sono malata, non bevo, non mi buco. Loro potrebbero anche farlo e non dirlo, ma quello che c’è qui per ora è dialogo.
    Qui a lato esistono sezioni dedicate ai genitori, vengono indicate letture, approfondimenti sull’argomento. Esiste l’elenco delle cliniche specializzate. Numeri di telefono per un aiuto concreto, per un primo passo.

    Ma al di là della perdita di tempo che risulta l’ evidenziare un fatto visibile quale appunto la struttura del blog in questione. Quello che non capisco è la difficoltà a recepirlo come “spazio culturale” quando si presenta nelle forme che ho detto. In realtà Angelide, alla fine, senza rendersene conto, anche lei fa già parte del sistema. le sue parole avranno sicuramente colpito qualcuno. Cosa ne faranno e come le utilizzeranno non lo so. Se non fosse esistito il sito non le avrebbe sentite nessun’altro, tranne l’amica che ora purtroppo non c’è più. In ogni caso rispetto il suo dolore
    Concludo dicendo che, qualunque sia la mia professione, la stessa sensibilità non mancherò di utilizzarla nell’affrontare concretamente questo e qualunque altro problema vorrà pararmisi davanti in futuro.

    Ciao Giuseppe,
    forse tu sei quel Giuseppe che pratica autopsie ed è fidanzato con una ragazza bulimica. Quello che mi sento di dirti è che la rabbia non porta a nulla.
    Una sorta di “egoismo” credo sia caratteristico di chi vive abbracciato alla malattia.
    L’amore diventa difficile perchè rischiate di essere sempre in tre. Tu lei e la malattia. Lei non si affiderà mai totalmente a te perchè ci sarà sempre anche la malattia. Non è tenuta a guarire solo perchè tu lo vuoi.
    Perchè non le dai questo schiaffo di cui abbiamo parlato?
    Lasciala. Non puoi perchè la ami troppo? D’amore non si muore Giuseppe.
    Si soffre si. tanto. Ma non si muore
    Soprattutto non capisco dove si fondi a questo punto il vostro dialogo, la vostra complicità, se mentre lei vomita tu sei qui a scrivere che è una bambina capricciosa che finge di stare male. Se lo pensi davvero (e guarda che potrebbe essere io non la conosco) lasciala.
    Ma mi colpisce ancor di più la rabbia che provi nel constatare la poca fiducia che Loro mostrano nei riguardi di medici e specialisti. E’ come se tu fossi ancora in balìa di fatti che dalla mia ignoranza, lo ammetto, in materia di convivenza con un malato di Dca, definirei all’ordine del giorno

    Ciao Giuseppe. Se ho sparato nel buio e non sei quello fidanzato. non te la prendere. Le intenzioni buone c’erano tutte
    Come sempre non rileggo
    Un saluto

    Rispondi
  65. Eikichi
    Eikichi dice:

    Lea quanto scrivi…oggi ho trovato per miracolo la connessione wi-fi….non so quanto durerà…quindi passo subito al nocciolo…dal 26 non sarò più dei vostri,andrò via da qui il 25 per passare l’unico e l’ultimo Natale con i miei…è il mio regalo,non ha importanza se se lo meritano oppure no…è il mio regalo per loro,il giorno successivo me ne andrò,non so dove ma è la mia scelta…Come dicevo Lea,rinuncerò a qualcosa,a una parte di me sperando,perchè ora come ora l’unica cosa che posso fare è sperare…che possa andare bene…quindi già da ora vi auguro di passare un buon Natale con le vostra famiglie o con chi avete vicino..Forse passerò a fare un saluto il 25 visto che mia sorella ha internet…dopo sparirò!!!
    Con affetto -Gabriele-

    Rispondi
  66. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Gentilissima Mary Gio,
    non so come scusarmi con Lei per la mia ottusità,
    comprendo benissimo il suo stato mentale e fisico compromesso.
    Per riparare al danno arrecatoLe,Le consiglio il seguente esercizio:
    si sdrai sul letto
    si concentri
    conti fino a tre
    e inizi a sputarsi in faccia.

    In attesa di un Suo gradito riscontro,porgo distinti saluti.

    Rispondi
  67. Stefy
    Stefy dice:

    Mi scusi, ma lei come si permette di sparare sentenze e criticare così aspramente una persona?Chi la autorizza?Se ritiene che questo sito sia costituito da un insieme di cretine egoiste, perchè lo legge?Perchè commenta?Non sarebbe meglio utilizzare quella bella X in alto a destra e lasciar perdere chi soffre?
    Personalmente non ho problemi di tipo alimentare ma ho una persona molto vicina a me che ne soffre da tanto tempo. Leggo da molto tempo questo sito e finora sono stata una presenza passiva, ho cercato nelle parole di tutte queste ragazze un aiuto che potessi io stessa offrire a chi mi sta vicino. Forse servirà, forse no, forse dovrei stare al posto mio e non impicciarmi, ma quando sento certi insulti gratuiti non riesco a fermarmi.
    Credo che ognuno sia libero di esprimere i propri pensieri e se lei ritiene che chi soffre di DCA sia una persona stupida, immatura, masochista, può anche esprimerlo, ma ricordi che è facile nascondersi dietro la tastiera di un pc e che non sa che le sue parole possono far male molto più di quanto crede.
    Per parlare in questo modo sono convinta che abbia vissuto e stia vivendo una grande sofferenza legata a questi disturbi, ma la prego, si convinca che questo non è il modo giusto per scrollarsi un dolore dal cuore. Cerchi di essere comprensivo e di stare vicino a chi è meno fortunato di lei ed è caduto in questa trappola mortale.
    Scusatemi per l’intrusione, sono sicura che sappiate difendervi benissimo da sole, ma non sono riuscita a tacere.
    In bocca al lupo a tutte/i

    Rispondi
  68. mary gio
    mary gio dice:

    BUON GIORNO A TUTTI !!!!

    confermo quanto detto sopra !
    tanta cattiveria contro persone k nemmeno conosci deve essere ben radicata in te, sinceramente nn ho altro da dire , la nn ottusità sta nel accettare l’opinione altrui ,
    ‘perchè da sempre l’ignoranza fa paura e il silenzio è uguale a morte’ .

    ognuno ha il proprio dolore da portarsi dietro , ognuno soffre x ragioni diverse , ma il disprezzo x il dolore altrui , nn è forse uno scudo x il dolore stesso , io penso di si …

    Rispondi
  69. mary gio
    mary gio dice:

    belle parole stefy!
    ogni tipo di dolore richiede rispetto !
    come dire nn tutte le persone k scrivono qui sn malate , mi piace scrivere qui x tante ragioni , ank xk nessuno mi conosce e posso parlare liberamente …
    la malattia mi ha solo sfiorato , nn mi ha mai travolto , xrò ha aperto gli occhi tramite questo sito .ho visto persone cadere ,ma trovare la forza sempre e cmq di rialzarsi , ho visto persone irremovibili nel volersi distruggere la vita , ho visto tanta sofferenza , ma ank tanta comprensione .
    tramite questo sito ho visto una realtà diversa , una realtà k è solita stare nascosta , ma che c’è …

    BUONA GIORNATA A TUTTI 🙂

    Rispondi
  70. Stefy
    Stefy dice:

    Ma io non le ho detto mica di mettersi sul letto e sputarsi in faccia!E’ questo che vorrei farle intendere. Posso capire che abbia una visione diversa dalla mia e da quella di altre persone ed è accettabile, siamo in un paese libero e democratico, e lei è altrettanto libero di esprimere i suoi pensieri ovunque. Quello che, sempre secondo me, non è corretto, è che lei manca di tatto, insulta, ed è una cosa chenon è corretta, soprattutto nei riguardi di una persona che non conosce.
    Ora, mi scuso con mary gio, ma prendo lei come esempio…lei non sa chi possa essere questa ragazza, quanto è dentro ancora alla malattia, perchè ci è entrata, cosa prova , cosa pensa…è corretto insultarla in quel modo?Non sarebbe più semplice e forse più incisivo dirle che non è giusto non mangiare, non è giusto vomitare, perchè la vita è una sola ed è bello viverla con le proprie gioie e i propri dolori?
    L’insulto non serve a nulla, anzi, in persone così sensibili è come una lama tagliente che li trafigge.

    Rispondi
  71. mary gio
    mary gio dice:

    stefy nn me la sono presa…

    il micro mondo k siamo in grado di costruirci può in alcuni casi divenire l’unico mondo possibile, l’unico mondo vedibile è in quel caso soppraggiunge la malattia , la puoi chiamare depressione , DCA nn importa ..ognuna di queste implica uno sfasamento, un capovolgimento della realtà k ingigantisce gesti superficiali , cose credute banali , essenziali a un certo punto nn lo sono più …

    Rispondi
  72. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Signora Stefy,
    ancora non ha risposto alla mia domanda…
    Lei mi accusa di insultare,mancare di tatto…
    ripeto Lei e la mary gio cosa avete scritto nei miei confronti?
    SIETE VOI CHE MI INSULTATE…

    Rispondi
  73. Kiara
    Kiara dice:

    Ciao Giuseppe…
    Che succede? Qual’è il problema?
    Come mai leggi questo blog?
    In che modo sei stato colpito da LEI?

    Fa che il tempo che spendi in questo mondo virtuale ti sia utile, non sprecarlo facendoti prevaricare dalla tua rabbia!

    Mary gio
    sei grande,
    ti abbraccio.

    Io in questi giorni sono un disastro, ma mi sto sforzando di tornare a camminare.

    Un bacio e buona serata a tutti.

    Chiara

    Rispondi
  74. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Dedicato alla signora Stefy.

    Traduzione Perfect Day
    Artista: Lou Reed
    Titolo: Perfect Day
    Titolo Tradotto: Giorno Perfetto

    Solo un giorno perfetto
    Bevendo sangria nel parco
    E poi, più tardi
    Quando fa buio, andiamo a casa

    Solo un giorno perfetto
    dare da mangiare agli animali allo zoo
    E poi, più tardi
    un film, e poi casa

    Oh, è talmente un giorno perfetto
    Sono contento di averlo passato con te
    Oh, è talmente un giorno perfetto
    Tu mi fai resistere e andare avanti
    Tu mi fai resistere

    Solo un giorno perfetto
    I problemi sono lasciati soli
    Turisti per conto nostro
    E’ così divertente

    Solo un giorno perfetto
    Mi hai fatto dimenticare me stesso
    Pensavo di essere qualcun altro,
    qualcuno valido

    Oh, è talmente un giorno perfetto
    Sono contento di averlo passato con te
    Oh, è talmente un giorno perfetto
    Tu mi fai resistere e andare avanti
    Tu mi fai resistere
    http://www.youtube.com/watch?v=kXgbN81zNG8

    Rispondi
  75. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Lea…che dire…quando elggo quel che scrivi mi vengono i brividi er come la pensi come me..ma spesso io non riesco ad esprimermi bene come te…quando ho letto:

    “Capisco cosa voleva dire. Ma non dovrebbe in nessun modo passare l’idea di uno stare bene quando la gente mi accetta, quando un uomo mi vuole. Queste ragazze, dal buio della loro sofferenza, quasi certamente interpretano le sue parole come un “Io ho finalmente trovato il modo di essere sempre desiderabile agli occhi degli altri” (forse perfetta?..)
    La guarigione credo avvenga soprattutto attraverso l’acquisizione del concetto che il vivere e l’essere felici non si esauriscono nel riflesso di noi che gli altri rimandano. Per altri intendo non solo gli amici, ma la società più in generale”

    Sei una grande…

    A proposito di film…ne ho visto uno venerdi su sky…parlava di due ragazzi che si armavano e facevano una strage in una scuola superiore…si intitolava “Follia”…
    Pazzesco..all’inizio c0erano ragazze che mangiavano in mensa..così normalmente…poi son andate al bagno a vomitare tutto…come se fosse farsi un caffè dopo pranzo..una cosa che sembrava normale !!!

    Mah!

    Mi ha lasciata un po’ così…e il mio fidanzato poi che la faceva andare che secondo lui erano culone…e ciccie…a me sembravano normali…in quel momento ho pensato a te e a quando i tuoi colleghi giudicavano l’attrice del film che vedevate…che poi secondo me è bellissima!

    Poi ho visto uno speciale su due..uno enorme…220 kili e una donna molto magra 45 kili x 1.78…il gioco era scambairsi l’alimentazione per 2 settimane…era molto bello come i due capivano i reciproci errori nell’alimentarsi…dopo un po’ si son riconfrontati…lui era dimagrito e lei era in perfetta forma…

    🙂

    Rispondi
  76. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    salve mary gio,stefy,Lea,kiara
    volevo scusarmi con voi e chi ha letto i miei commenti…
    Non so cosa mi ha preso,e di questo mi dispiace.
    Lo so che è troppo comodo, ma vi chiedo di accettare le mie scuse.

    Rispondi
  77. mary gio
    mary gio dice:

    ciao giuseppe ,
    sembra strano ma nn ce l’ho mai avuto con te , ho identificato nel tuo modo di vedere le cose quello di molte persone , l’ottusità del mondo è un dato di fatto , nn ci può fare niente , come si dice è una battaglia persa .
    la rabbia spesso nn si riesce a controllare , è umano , come è umano -forse xk più facile – predersela con chi nn c’entra niente .

    tra una settimana parto , vado a passare il capodanno con la mia amica e mia sorella lontano da casa , nn potete neank immaginare k voglia k ciò di staccare la spina dalla quotidianeità giornaliera , m sono resa conto cn sconcertante terrore , k le mie giornate sono tutte uguali , k faccio sempre le stesse cose ogni ora del giorno è uguale a quella del giorno prima . ma la cose più sconcertante di tutte k io ho bisogno di questa routine , k questa routine sono io ! ank se forse è un pò riduttivo identificarmi cn una serie di gesti ed azioni , è proprio così! ho bisogno della mia routine , senza sono troppo spaesata , tipo quando vado all’università ci metto tantissimo ad ingranare …

    nn so cosa c’entrava questa digressione !
    sarà l’arrivo dell’anno nuovo k mi spaventa un pò ..
    si fanno tanti propositi , ma pochi vanno a buon fine , molto spesso xk i propositi nn riguardano solo te . nn si può decidere x gli altri.

    ho cambiato materia di studio , ma sto ancora studiando forse il cervello inizia a fondersi davvero 🙂

    Rispondi
  78. Kate
    Kate dice:

    Ciao Lunablù, ho visto anch’io quello “speciale”, solo all’inizio, poi sono arrivati i miei e ho cambiato canale….
    Se non dovessi scrivere…. Buon Natale, cerchiamo almeno per qualche giorno di non farci del male, sarà difficile, ma proviamoci

    Rispondi
  79. Lea
    Lea dice:

    Ciao Mary Gio e ciao a tutti gli altri.
    Sono qui per fare i miei personali auguri di buon Natale a voi che scrivete.
    Tra pochi minuti andrò a cenare ma vorrei tornare per dire un paio di cose.
    Luna blu interessante quella trasmissione dove i protagonisti invertono per una settimana il loro stile alimentare, davvero. Non ti accorgi ma io si di come sei cambiata da settembre nei miei confronti. Ecco perchè sono felice di aver imparato a mettere a tacere le primissime sensazioni che una persona suscita. La verità viene a galla sul lungo percorso, quasi sempre.
    Gabriele? cosa dirti?
    Che non credo ai miei occhi.. passerai il Natale con i tuoi..? tenterai di vivere la realtà che c’è fuori con meno paura e più convinzione.. lo so che non dipende da te, che non hai paura. Semplicemente aspetti un lavoro che tarda ad arrivare e ti muovi in base alle concrete possibilità del momento. Ma io ti dico Bravo Gabri. Il tuo sparire nel senso che ho sempre inteso, rappresenta un mezzo traguardo. Ora mi dirai “Ma Vaff****** Lea! se potessi mi connetterei, ma le cose van così”
    Non so, non ho capito se è cambiato qualcosa per cui anche in questi giorni non riuscivi mentre prima si. In ogni caso io la vivrei così come viene questa vita, o No Gabri?
    Però se non ti connetti più io come faccio a sapere come stai?
    Se domani sei da solo la notte dopo la cioccolata posso venire a farti compagnia, e anche durante la giornata fra una cosa e l’altra.
    Non ho capito come intendi muoverti dopo il 25, dormitori mensa dei poveri o altro.. ma quello che vorrei dirti è, se anche uno solo dei tuoi famigliari allungasse una mano con affetto sincero, prendila. Hai bisogno di fermarti e mettere radici, non farti prendere dalla foga del “devo andarmene! devo fuggire..” Ragiona con calma e fatti aiutare. Là fuori non ti regaleranno rose lo sai vero? la gente pensa a se stessa. di te, con tutto l’affetto possibile, non gliene frega una minchia, questo lo saprai. Non finire peggio, questo ti sto chiedendo di valutare
    Non rileggo torno dopo. Non so se o cosa leggerai ma ho voluto scrivere comunque

    Rispondi
  80. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    ciao mary gio,
    grazie ancora per dato dell’ darmi dell’ottuso..
    e ancora grazie per avermi risposto…non so sei hai accettato le mie scuse…
    le mie scuse erano per averti mancato di rispetto..
    per il resto confermo tutto

    Rispondi
  81. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    ciao mary gio,
    grazie ancora per avermi dato dell’ottuso..
    e ancora grazie per avermi risposto…non so sei hai accettato le mie scuse…
    le mie scuse erano per averti mancato di rispetto..
    per il resto confermo tutto

    Rispondi
  82. imma
    imma dice:

    RAGAZZE COME VI CAPISCO..ANCH IO SONO IN LOTTA PERENNE CON IL MIO PESO..SONO 42 KILI MA ASPIRO AI 38..MI DEFINISCO PRO ANA PERCHE HO SCELTO DI AMMALARMI DI ANORESSIA CON LA CONVINZIONE CHE QUANDO SAREI DIMAGRITA ABBASTANZA AVREI RIPRESO A MANGIARE..MA NON SAPEVO A COSA ANDAVO INCONTRO..LA MALATTIA SI E IMPOSSESSATA DI ME E LEI CHE CONTROLLA ME..E ORA E DIFFICILE TORNARE INDIETRO..SONO ENTRATA NELLA LOGICA DI UN MECCANISMO ASSURDO PERVERSO..NON RIESCO A LIBERARMENE..SONO PRIGIONIERA DI ME STESSA..OGNI GIORNO MI CONCEDO UNO YOGURT MAGRO E UN SUCCO DI FRUTTA ALL ANANAS..QUANDO ESCO AL DI FUORI DI QUESTO SCHEMA E MANGIO QUALCOS ALTRO CHE NON SIA QUELLO MI PROVOCO IL VOMITO..E ATROCE..MI SENTO UNA MALATA TERMINALE PERCHE LA SOFFERENZA E LA STESSA..NON SO USCIRNE O FORSE NON VOGLIO PERCHE SENZA LAMALATTIA NON RIESCO A IMMAGINARE LA MIA VITA,SAREBBE VUOTA..L ANORESSIA E LA MIA COMPAGNA DI VITA..

    Rispondi
  83. Lea
    Lea dice:

    Ciao Imma,
    scusate NON SO COSA SIA SUCCESSO, o forse si..
    qui si sono avvertite due scosse di terremoto piuttosto forti e da allora il mio pc non ha più il sonoro
    Tutto bene nelle vostre zone? perchè noi l’abbiamo sentita eccome! ma non credo il terreno abbia tremato solo sotto casa mia, nonostante la sensazione provata mi abbia spinto a supporlo…
    Volevo scrivere qualcosa ma ho parecchie difficoltà, soprattutto adesso. Avevo scelto una canzone per i miei auguri ma non sento. Tuttavia da come si agitano le tipe nel video deve essere proprio lei..
    IO LA POSTO COMUNQUE
    Ci sono affezionata perchè un’estate l’ho ballata all’interno di un’equipe d’animazione (ho lavorato come animatrice una stagione. solo una)
    Magari ora scopro che Mary Gio la ballava con me quell’anno!
    Comunque, in pieno agosto, vestite da Babbo Nataline con tanto di cappello (un caldo sovrumano..) ma a piedi scalzi
    700 ore di prove
    Risultato?? scadente
    soprattutto. i maschi. No dai, scherzo
    Luna Blu? domani dimmi cosa si è sentito.

    Imma, non so se i tuoi famigliari sappiano, e quanto.
    Ma se sei a casa comincia da Natale. Provaci. Siediti a tavola, cucina poca pasta in bianco, e decidi di mangiarla. E poi magari un pò di macedonia. Tu sei entrata e tu puoi anche uscirne. Tu puoi decidere e riacquistare il controllo su te stessa. Come dici dipenderà da te. Succederà quando finalmente capirai che 38 kg non servono a niente e a nessuno. 38 kg nella vita non ti portano da nessuna parte. ma questo se sarai fortunata, lo capirai con il tempo
    Per ora ti abbraccio forte e lascio la parola ad altri

    Auguri di buon Natale a tutti quanti!

    Un bacio

    Rispondi
  84. nene
    nene dice:

    capodanno.
    è capodanno e sono sola.
    e sono sola perchè l’ho scelto io.
    ho scelto di rifiutare inviti a feste, concerti in piazza, veglioni, ho rifiutato un raduno con vecchi amici in montagna, ho detto NO a festeggiare in famiglia, ho detto NO a chi mi ama.
    Per la vergogna di un corpo ingombrante, per non dover mangiare, perchè sto bene sola con la mia malattia.
    alla fine siamo sempre e solo io e lei.

    Rispondi
  85. anna
    anna dice:

    GIUSEPPE,ciao sono anna, sei arrabbiato anche tu con la malattia a quanto leggo! eh si..fa arrabbiare molto vero?
    VORRESTI FORSE KE QUALCUNO FACESSE QUALCOSA X LA PERSONA KE AMI?
    TI FA ARRABBIARE ANCOR DI PIÙ SCOPRIRE NEL BLOG KE TANTE PERSONE SOFFRONO DI DISTURBI ALIMENTARI? FORSE CREDEVI KE ESISTESSE UNA RICETTA,UNA MEDICINA,UN MODO PER RISOLVERE IN UN GESTO IL PROBLEMA? HAI SCOPERTO KE NON È COSÌ,
    È DURA LO SO..PER TE E PER CHI AMI, TI LEGGO MOLTO ARRABBIATO, FORSE E PERDONAMI SE SBAGLIO HAI ACCUMULATO TANTA RABBIA KE TROVATO UN POSTO COME QUESTO DOVE POTER DIRE QUANTO VORRESTI FARE..E QUANTO INVECE NON RIESCI, KE IN QUALCHE MODO PERDONAMI HAI VOMITATO QUÌ..
    TUTTO QUELLO KE HAI DETTO,FORSE VORRESTI DIRLO ALLA PERSONA KE AMI?O FORSE GIÀ GLIE LO HAI DETTO SENZA ESITO POSITIVO,NON LO SO..SONO SOLO MIE RIFLESSIONI..IN PUNTA DEI PIEDI TE LE PONGO QUESTE DOMANDE,PERCHÉ NON È MIA INTENZIONE OFFENDERTI IN NESSUN MODO CREDIMI,CAPISCO KE SOFFRI MOLTO E KE STAI CERCANDO DI FARE QUANTO POSSIBILE PER CHI AMI..ORA KE HAI VISTO LA REAZIONE DELLE PERSONE SOFFERENTI,AFFRONTANDO IL PROBLEMA CON LA RABBIA, ORA KE FORSE HAI CAPITO UN PÒ DI PIÙ COME TI SENTI? COMUNQUE GRAZIE PER AVERCI FATTO PRESENTE QUANTO SOFFRONO LE PERSONE CHE HANNO VICINO CHI HA LA MALATTIA. PERDONAMI SE MI PERMETTO ANCORA DI FARE DOMANDE VISTO KE TU HAI DATO TANTE RICETTE,E CONSIGLI..CHE HAI DECISO DI FARE? COMBATTI PER LA PERSONA KE AMI? GLI DARÀI GLI STESSI CONSIGLI POSTI A NOI? LA LASCI? CERCHI UN AIUTO TERAPEUTICO PER ENTRAMBI? OVVIO SOLO SE TE LA SENTI DI RISPONDERE! EVENTUALMENTE FACCI SAPERE,SE I TUOI CONSIGLI HANNO AVUTO EFFETTO SULLA PERSONA KE AMI..CHISSÀ SIAMO TANTI E DIVERSI, MAGARI IL TUO SISTEMA FUNZIONA..BUONA FORTUNA!!

    Rispondi
  86. anna
    anna dice:

    ciao nene, capodanno sola! ti dirò ke tanti di noi sono in mezzo alla gente eppure sono comunque soli anche a causa della malattia.
    sono stata in famiglia,niente di particolare ma avrei fatto volentieri a meno come tè..
    infatti mi sono collegata parecchie volte!
    ora sto crollando dal sonno.. ma volevo dirti ke non 6 sola quì mai..

    Rispondi
  87. Giada95
    Giada95 dice:

    Buon anno a tutti!!!
    è la prima volta che salgo su questo sito e alcune cose non mi sono chiare. sono piccola e non pensavo che le persone potessero arrivare a stare così male.
    ma che cos’è la DCA? e la pro ana?

    Rispondi
  88. nene
    nene dice:

    Ciao Giada,
    DCA sta per Disturbi del Comportamento Alimentare (tra i disturbi più noti anoressia e bulimia), mentre PRO ANA sta ad indicare una specie di filosofia di vita (estremamente distota) per la quale più si è magre più si è belle, un inno all’anoressia in poche parole.
    esistono blog Pro Ana, nei quali le ragazze si fanno forza a non mangiare, si scambiano consigli su come riuscire a diventare scheletri, vi si iscrivono le anoressiche, le bulimiche che aspirano a diventarlo, le persone sane che per perdere peso invece di rivolgersi ad un dietologo prendono questa strada pericolosissima.
    immagino tu sia del ’95…
    hai ragione sei piccola, dammi retta ti prego, non ti incamminare verso questi vicoli ciechi.
    non sò il motivo del tuo interessamento alla materia, ma fidati di me, stanne lontana.
    tutti all’inizio ci si crede abbastanza forti da poterne uscire, ma quando ci sei dentro è dura, e se hai sofferto di DCA, anche se guarisci, il tuo rapporto con il cibo non tornerà mai più “normale”.
    un abbraccio

    Rispondi
  89. Giada95
    Giada95 dice:

    grazie del consiglio. in effetti sono ancora piccola ma già non mi sento a mio agio con il mio corpo. adesso mi sono iscritta in palestra perchè mi hanno detto che l’esercizio fisico è molto importante.
    grazie ancora nene, un bacio.

    Rispondi
  90. nene
    nene dice:

    questa è una bella cosa…
    altrimenti una sana dieta consigliata da un dietologo, lui saprà dirti se ne hai davvero bisogno…
    un bacio e buona fortuna

    Rispondi
  91. Eli
    Eli dice:

    …da pochi giorni frequento questo sito, come spettatrice fin’ora,
    ma è difficile tacere
    quando si è fatto volontariamente capodanno da sola e primo dell’anno da sola (bugia…palestra e amiche della palestra)
    quando si conosce così bene l’anoressia (6 anni fà..atipica alla mia età dicevano) e la bulimia (ora, sempre…atipica come modalità dicono)
    quando lo psicoterapeuta è amato ed odiato, unica àncora e speranza di CAPIRE
    quando chi ci ama ha imparato a rispettarmi, non controlla, non invade
    quando si vorrebbe davvero un compagno da amare
    quando si evita qualsiasi legame vero e forte perchè amare vuol dire soffrire
    quando la sofferenza FEROCE del passato è ancora così forte da far sembrare nulla il dolore SORDO e CONTINUO di oggi,
    quando ci si chiede FINIRA’? FINIRA’ UN GIORNO?
    Sono passati i giorni in cui vivevo di una mela e uno yogurt magro e mi sfinivo di lavoro ( schifoso ) e sport; oggi sono magra ma apparentemente normale sto facendo carriera (quel lavoro è evoluto ) sono attiva e frequento amici e conoscenti ma in realtà sto così male…invidio i 40 kg di alcune di voi, controllo sistematicamente i miei 50kg, mi ammazzo di fatica in palestra anche se vorrei fare solo sport piacevoli, mangio ma non riesco a controllarmi, invidio chi di voi vomita…io non ci sono mai riuscita e rumino il cibo che è diventato un’ossessione, a volte bevo più del dovuto e se proprio non riesco a reggere i ritmi di lavoro/attività fisica/impegni mi sostengo con l’efedrina
    ma è vita questa? è umana questa continua menzogna?

    Rispondi
  92. anna
    anna dice:

    angelide ho letto i tuoi post. molto forti, sono contenta ke tu ce l’hai fatta con la durezza!con la fermezza!con la rabbia! anche questa è una testimonianza ,ke per te ha avuto buon esito!cmq anche tu piena di rabbia eh? anche tu come giuseppe l’hai vomitata quì..almeno questo spazio è servito pure a voi!! mi chiedo come mai il tuo metodo non ha salvato la tua amica e come mai vorresti applicarlo a tutti i costi quì…chiudendo il blog,o sotterrandoci tutti..NOI del blog SIAMO COLPITI DALLA MALATTIA, MA NON ANCORA AFFONDATI CHIARO?
    credi ke potresti curare un tumore con il tuo metodo? lasciò a tè la risposta.
    se vuoi partecipare a qualche iniziativa per aiutare persone con problemi di dca qui troverai tanti spunti,iniziative..VISTO KE TU SEI GUARITA PORTA LA TUA TESTIMONIANZA SARÀ UTILE.
    HO PURE IO TANTA RABBIA KE A VOLTE ESPRIMO QUÌ, E MI AUGURO KE IL DOTT. PICCINI NEI PROSSIMI GIORNI PORTI SPUNTI UTILI DA TRATTARE QUÌ INERENTI LA RABBIA..

    Rispondi
  93. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    ciao anna,
    la cosa che mi fa sorridere….
    è come riuscite a sezionare bene le frasi,i sentimenti,e altro.. nei commenti di altre persone.A VOSTRO FAVORE

    Rispondi
  94. anna
    anna dice:

    giuseppe, ho espresso le mie oppinioni, sono le mie a qualcuno utili a qualcun altro no! nessuna accusa,nessuna critica, qui se guardi bene trovi pure informazioni su come contattare associazioni di familiari che cercano di capire, e cercano il modo più utile per aiutare i propri cari..dovesse essere ke ti interessa! esiste un associazione “margherita” ke da informazioni in merito al tema! viene presentata proprio quì sul blog.
    chi vuole capire,chi cerca di far qualcosa pur sentendosi impotente difronte ad una sofferenza così grande è sempre ben accetto..

    Rispondi
  95. anna
    anna dice:

    se hai fatto un sorriso,non può farmi altro ke un gran piacere!
    almeno tu cerchi di capire,cerchi di far qualcosa, ed è molto..ci sono persone ke hanno affianco persone care,malate e ke sentendosi impotenti non riescono a vedere il problema. ammiro tutti coloro ke cercano,ke chiedono,ke vogliono capirne di più..ogni persona ha la sua storia il SUO perché,tutti diversi ,L’UNICO DISAGIO UGUALE PER TUTTI? IL DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE.. UNA MALATTIA.

    Rispondi
  96. anna
    anna dice:

    È COMUNQUE UN PASSO AVANTI,TROVARE PERSONE COME TÈ,KE ENTRANO QUÌ NEL BLOG E SI CONFRONTANO..PIÙ LA GENTE CONOSCE E NE PARLA, PIÙ RIESCE A RICONOSCERE INTERVENIRE INDIRIZZARE PREVENIRE..

    Rispondi
  97. anna
    anna dice:

    giuseppe..tante persone muoiono,troppe!! sempre più persone grazie all’informazione ai servizi ai medici guariscono,e vogliamo ke siano sempre di più..
    ecco perché è importate sapere,conoscere….
    vale per tutti malati e non..può colpire molti,tanti,di tutte le categorie e ceti sociali,quindi meglio almeno sapere quanto sia pericoloso sottovalutare il disturbo alimentare! fino a pochi anni fà,erano pochi i mezzi e le informazioni..oggi sono di più, di più di più, fino ad arrivare a tutti coloro KE CONOSCENDO I PERICOLI DECIDONO DI CURARSI.
    scusami per eventuali ripetizioni o errori..spero di essere comunque capita.

    Rispondi
  98. Lea
    Lea dice:

    Ciao ANNAAA!
    anche qui ha nevicato! ha iniziato la sera del 31 alle ore 20:30 ed ha smesso il giorno dopo, non ricordo a che ora, forse primo pomeriggio..
    che bello Anna.. l’inizio del nuovo anno sotto la neve, anzi! il passaggio dal vecchio al nuovo.. Subito una nevicata a fiocchi piccoli ma continui, come un polverone che scendeva costante, poi la mattina dopo, fiocchi grandi come scaglie di gelato, scendevano volteggiando come le foglie che si staccano dagli alberi in autunno prima di toccare il suolo.. Poi una nevicata a fiocchi “medi”, e subito dopo battente e pesante come pioggia!
    Insomma. UNA MERAVIGLIA!
    Da noi in città si vede poco la neve, ti lascio immaginare l’entusiasmo generale.. Unico inconveniente, l’anticipo della chiusura festeggiamenti per timore di trovare le strade ghiacciate e difficoltà nel rientro. Alle 03:00 ero a casa mia. Tutto buio e silenzio. i miei non sarebbero rientrati prima delle quattro. Camino acceso, in pigiama e vestaglia di pile, seduta davanti ad una grande finestra della sala a guardare la neve scendere alla luce di un lampione sulla strada. le illuminazioni delle case intorno. una calma surreale.. Bello
    Devi sapere che stiamo ospitando a casa gli zii. Una coppia sulla sessantina.
    Loro dormono alla sinistra della mia stanza, i miei alla destra. Considera che i muri sono simili a carta velina e che il solo rumore di apertura del del Pc riecheggia per ogni dove senza lasciare scampo… Se poi conoscessi mia zia ti renderesti conto che, isolarsi quando c’è lei è praticamente impossibile. In questo preciso istante sto sfruttando un’ora d’aria presa mentre loro fanno shopping in un centro qui vicino. Se questa comunicazione dovesse subire un brusco arresto.. saprai il perchè!
    Dicevo.. in questi giorni mi sono calata nel ruolo della badante. Voi non immaginate cosa significhi preparare due coppie di cinquantennie e sessantenni per una passeggiata in centro durante la stagione invernale.
    Dunque.. mia mamma e mia zia sono fuggite in camera due ore prima della partenza per mettersi addosso tutto quello che l’armadio offriva. Mia zia addirittura due paia di pantaloni uno sopra l’altro, cappello da esquimese, grasso di balena sul volto, sciarpa ,scarponi da trekking. mia mamma presa da entusiamo la segue a ruota. Sulla porta d’ingresso scatto una foto perchè nessuno mi crederebbe. Sembriamo in partenza per il polo. Destinazione: la città di babbo Natale
    Mia madre a un certo punto ci aspetta fuori in giardino perchè, dice, sta SUDANDO in casa fa troppo caldo.. non aggiungo altro. Secondo voi siamo partiti..? NO
    Dopo mezz’ora ancora tutti fermi all’ingresso a leggere sotto il lampione le mille istruzioni di tutte le confezioni di medicinali che intendono assumere per sopravvivere a questa avventura cittadina (spray orali e anticongelamento, antisettici, pillole per la pressione, antibiotitci, pastiglie per digerire, disinfettanti intestinali, antidolorifici)
    BOMBOLA DELL’OSSIGENO..??
    Ce l’ho io! tranquilli..
    In breve. Siamo rientrati alle 23:30. Usciti alle 20:45, un’ora sicura trascorsa al tavolo del bar. Stanchi stravolti come avessero scavato l’Everest.. Tutti a letto mi raccomando! che domani ci attende una lunga colazione..!
    Ieri con queste loro manie hanno fatto fare a me una figura, vabè. Sono tornati!! a presto!
    Anna, ultimamente avevo scritto nelle parole di Sabrina, sai qualcosa di Gabriele? Qualcuno lo ospita, non dorme per strada vero?
    Torno appena posso per raccontarti le mie avventure di questi giorni..

    Ciao! Un abbraccio a tutti

    Ah Anna, volevo anche dirti di lasciare stare tuo fratello per ora, non provocarlo se non hai modo di difenderti. In ogni caso sappi che un’accusa di questo genere può rovinare per sempre ed irrimediabilmente una persona, ecco perchè reagisce con tanta aggressività, è normale. Ma se fosse per lui metterebbe tutto a tacere da subito fidati. Con un’accusa così si perde la faccia, il lavoro, e spesso la famiglia a prescindere dal fatto che la colpevolezza sia dimostrata. Per questo, a meno che tu non insista, lui non avrebbe proprio alcun interesse a proseguire. Tieni presente poi il fatto che, ora che ha sentito uscire queste parole dalla tua bocca nessuno più gli assicura che tu non vada in giro a spargere la voce, questo lo spaventa e lo rende ancora più ansioso. Stai attenta qualunque cosa tu decida. Il nipote, finchè non avrà raggiunto la maggiore età, la vedo difficile da gestire. A meno che non venga tolto loro l’affidamento per qualche motivo (non conosco bene la situazione) non puoi fare molto. Non fartene una colpa. A volte avvicinarlo potrebbe rendere in casa sua la situazione ancora più invivibile. Valuta a fondo ogni cosa

    Rispondi
  99. Lea
    Lea dice:

    Ciao Luna
    Ma tu ferie MAI..!

    Zia : “LeeeeEEEEEAAAAAAAAaaaa piccolAAAAAAaaaMMIaaaaa..”

    Stringo la fascietta alla fronte come Rambo. mi giro
    Sono pronta!

    Rispondi
  100. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Ciao anna,
    io volevo solo fare una provocazione rispondendo all’ultimo messaggio di angelide…
    i risultati li hai letto….
    mi accusavano di tutto…e nello stesso momento facevano la stessa cosa….

    Rispondi
  101. anna
    anna dice:

    ciao lea, ti ringrazio,hai ragione, rifletterò,su mio fratello..
    bellissima la tua descrizione della neve, cadeva COME SCAGLIE DI GELATO..FORTISSIMA! ECCO VERAMENTE HO FATTO UN SORRISO GIOIOSO..
    IN EFFETTI LA NEVE È GELATO MA ERA UNA DESCRIZIONE COSÌ DOLCE! PIENA DI SERENITÀ..QUESTO ALMENO HO PERCEPITO IO..
    MI TROVATE SULL’ULTIMO ARGOMENTO PROGEX’….O ALMENO VI RISPONDO LÌ SE QUI NON RIESCO..OK?
    LEA SONO TANTO PREOCCUPATA PER “G”. KE SI FA?

    Rispondi
  102. anna
    anna dice:

    giuseppe, scusami chi ti accusa?
    comunque se non mi trovi quì ti rispondo sull’ultimo argomento di dicembre progerexia credo si scriva così..
    giuseppe, quì tutti noi portiamo le nostre EMOZIONI,E VOLEVO INFORMARTI KE SONO PREZIOSE,OSO DIRE “SACRE” tutti noi siamo il blog anche tu visto ke ci 6..mi piacerebbe ke tu fossi a conoscenza di ciò!
    io ho bisogno di un medico ke non posso permettermi e non è una scusa..tu? sempre ke ti vada di rispondere?

    Rispondi
  103. anna
    anna dice:

    giuseppe, la dca è come una dipendenza,fisica e psicologica..
    talvolta toccando il fondo,e con l’aiuto di un medico si guarisce,altre volte invece quando si tocca il fondo è troppo tardi..
    e ogni vita persa è una sconfitta non solo per noi ma per tutta la società! è una battaglia da fare in tutti i versanti,in tutti i campi,sociali medici e familiari. ogni persona malata e non… fà quello ke può! HO VISTO TESTIMONIANZE IN TV DI PERSONE GUARITE KE PARTECIPAVANO AL BLOG..PERSONE VERE NON FINZIONI..

    Rispondi
  104. Kate
    Kate dice:

    Ho visto migliaia di interviste, ho ascoltato non so quanti consigli, sono stata da una decina di psichiatri, sono stata anche in comunità, sono cresciuta, ma lei è sempre lì e non va via…..
    Alcuni pensano che sia un capriccio……..
    Ma lei è peggio del diavolo……
    Lei è l’inferno, non esiste più nessuno, domani è domenica, pranzo con la famiglia e la scelta….
    bere o mangiare e vomitare?
    speriamo bere……..
    Poi non cambia tanto, è sempre uno schifo.
    Non vedo il sole da tanti mesi, sto a letto e non dormo, mangio e vomito, aspetto solo quello……
    Ma come si può? mi sento un cesso, sono un cesso, ma quando finisce?
    Chiudo gli occhi e non ci penso più,buonanotte ragazzi, meno male che son finite le feste

    Rispondi
  105. Kate
    Kate dice:

    La notte della vigila il ragazzo di mia sorella mi è saltato addosso mentre lei dormiva….
    ubriaca, tanto per cambiare….
    mi ha messo le mani dappertutto…
    sono scappata via e adesso mi tormenta.
    Non so che fare. dirlo a mia sorella sarebbe un attacco al cuore, ma non dirlo…….
    è peggio
    che schifo, che schifoooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
  106. Kate
    Kate dice:

    ti odio mamma,
    perchè mi hai messa al mondo e adesso dici che devo crepare…..
    eppure ti ho salvato la vita…..
    ma ti rispetto, perchè sei ignorante

    Rispondi
  107. Lea
    Lea dice:

    Ciao Anna,
    in che senso sei molto preoccupata per “G.”?
    credevo tu lo avessi sentito per telefono quando ci hai portato i suoi saluti ricordi? e che tutto sommato stesse bene. Non è così?
    Il fatto che non scriva sul blog non mi preoccupa. credo abbia cose più importanti cui pensare in questo momento, ti pare? sta tentando di riprendere in mano la sua vita e questo gli fa solo onore. Quindi se la tua preoccupazione si limita al fatto di non leggerlo qui cerca di stare tranquilla, questo lo aiuta sicuramente più di mille ansie. Non mi da l’impressione di qualcuno che non avesse contatti o conoscenze, per questo forse non credo all’eventualità che stia dormendo veramente per strada. forse perchè in una sua ragionevolezza di fondo voglio continuare a credere, non so. magari sbaglio e tu sai qualcosa di poco rassicurante che io non so
    Se lo senti fammi sapere Anna

    Gabri, è certamente vero che tante mie domande non hanno avuto risposta..
    soprattutto una. E’ un argomento riguardo al quale in genere sei molto suscettibile, anche se ti abbiamo detto e ripetuto tante volte che per noi non sarebbe un problema, che ti vogliamo e ti vorremmo sempre bene.. ok?
    Questo video è per te

    Ti pensiamo
    Un bacio

    Rispondi
  108. anna
    anna dice:

    LEA, NON È OSPITE DA NESSUNO, TANTE PROMESSE MA NEL CONCRETO NIENTE. STA MALE E NON PUÒ COLLEGARSI PER MANCANZA DI SEGNALE. ALMENO SE RIMANEVA DOVE ERA PRIMA,UN TETTO CE L’AVEVA, DOVEVA VALUTARE BENE PRIMA DI MOLLAR TUTTO..SPERIAMO KE DOMANI TROVI UN POSTO PERCHÉ I SUOI FONDI SON ESAURITI. PERDONAMI GABRIELE,SE MI SON PERMESSA DI DIRE QUESTO MA NON SI TRATTA DI CHIACCHERE, SONO PREOCCUPATA!

    Rispondi
  109. Lea
    Lea dice:

    ma mi stai dicendo che fin’ora ha dormito in macchina? dov’è che sta cercando posto? ma perchè non torna a casa, perchè non ha detto ai suoi che gli serviva un pò di tempo per sistemarsi! ma come lo aiuti uno così se non si aiuta lui per primo. Sai se a milano potrebbe ancora andare? anche se chi aveva offerto avrebbe tutti i diritti di non preoccuparsene più, magari sbaglio ma la penso così. So che non puoi raccontare ma ti sei fatta un’idea di cosa ha in mente di fare ora? non si riesce a farlo ragionare? ho gli zii e amici di famiglia a cena ma nei momenti in cui posso liberarmi verrò a leggere e a risponderti, scusa se non chiedo nulla di come stai tu ora è che devo fare veloce

    Rispondi
  110. Eli
    Eli dice:

    Cara Kate come ti capisco…non tanto per dire…è qualcosa di viscerale che trascende le parole! RESISTI! ESISTI, anche se non vorresti Anch’io ho aggiunto abissi di dolore e abbruttimento anche senza vomitare, ma ci sono i lassativi , c’è il cibo sputato e nascosto in tasche borse…le menzogne, l’esercizio fisico esteme per BRUCIARE quelle maledette calorie…sembra non esserci limite
    Ieri anch’io ho avuto un bel pranzo di famiglia…bello davvero a parte il cibo amato, analizzato, pesato e solo in parte mangiato (N.B. era anche buonissimo)
    E’ bello avere vicino la mia famiglia così unita, intima, viva e che ha imparato a rispettarmi.
    Mi sento solo una balena con la cellulite, le rughe ma mangio continuo a mangiare e a bere Adoro il vino se buono…ma sono qui sola a scrivere Quando troveremo la ns strada, quando troveremo la ns dimensione Quando finirà questo dolore? forse questo blog, la possibilità di parlare con voi, di imparare a conoscervi, ascoltarvi, capirvi e condividere ci/vi aiuterà o farà solo lievitare il dolore?

    Rispondi
  111. Kate
    Kate dice:

    Eli, io scrivo qui, ma la mia situazione non è cambiata poi tanto… Anzi peggiora….
    Penso chese non troviamo noi la forza nessuno ci può aiutare…
    Ho appena finito di vomitare, mi fanno male i denti, mi sento malissimo.
    So che c’ solo una persona che poteva aiutarmi, ma mi hanno costretta a lasciarlo 2 anni fà…
    Non so se tu sei single o sposata, ma so che avere qualcuno su cui contare è tantissimo. fatti forza Eli, anch’io sono sola…

    Rispondi
  112. Eikichi
    Eikichi dice:

    Alle 5.15 mi sono lasciato alle spalle l’ennesima città…ho guidato per più di 200 km in mezzo alla neve,al buio e in perfetta solitudine…ritenta Gabriele,sarai più fortunato!!
    Questo fine 2008 mi ha provato tantissimo con esperienze negative che mi hanno segnato nello spirito..ma saprò trarne il giusto insegnamento.
    Ho imparato una cosa…in tutto questo tempo lei non mi ha mai abbandonato…nel bene e nel male è stata l’unica mia compagnia…le darò un nome…chiamarla semplicemente malattia non mi piace…Delilah le si addice di più,suona bene!
    Nei momenti più bui ha saputo darmi forza…sono consapevole che non è un bel messaggio il mio ma questa è la mia realtà e me la tengo.In un certo senso sono contento così.
    Ora non mi resta che prendere altre strade senza più fidarmi…ma agendo solo per me stesso…in totale sicurezza,ho 30 anni e non ho voglia di sprecare altro tempo…ho già rischiato tantissimo nell’ultima settimana.Ora basta…
    Detto questo saluto tutte le ragazze…Luna Blu stai lavorando anche oggi?Ciao Anna,grazie per la tua preziosissima compagnia e per i consigli…Lea scommetto che stai sveglia di notte in ricordo dei vecchi tempi 🙂

    Rispondi
  113. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ho letto un pò di commenti…Non voglio più tornare a parlare di certi argomenti,quello che è stato è stato.
    Lea se non ho dormito in macchina devo ringraziare solo me stesso,i dettagli non contano ma ti assicuro che ho dovuto compiere uno sforzo enorme…mi è costato!!Punto!!
    Ti spiego velocemente quello che è successo…dopo che me ne sono andato da Milano ho passato le feste dai miei genitori,un mezzo disastro per via di mio cognato e per l’atmosfera non proprio idilliaca.
    Mi sono state proposte soluzioni ben definite da parte di una mia amica che non lasciavano spazio ad errate interpretazioni…era ben conscia della mia situazione e ha fatto di tutto per avermi vicino (non per niente ero andato preventivamente nella sua città,spendendo gli ultimi 100 euro che avevo,appunto per avere la certezza che le sue idee fossero fattibili)quindi sono partito con i pochi soldi che ero riuscito a raccimolare (circa 400 euro) convinto che sarebbe filato tutto liscio….ERRORE….mi sono ritrovato da solo (lei potrebbe confermare ogni mia parola) ed ho dovuto arrangiarmi in qualche modo,cercando di sistemare la mia situazione…mi sono fidato,ci siamo visti abbiamo parlato ma niente…i suoi problemi non le permettevano di aiutarmi come voleva….tutti sbagliano,infatti non porto assolutamente rancore ma non si gioca in questo modo con la vita degli altri.. prima di promettere aiuto,bisogna capire se si è in grado di darlo,altrimenti si lascia perdere…la cosa peggiore sono i silenzi che spesso ci sono in queste situazioni….Non mi interessa dare colpe o altro…dico solo che in questo periodo mi sono fidato ed ho sbagliato,io per primo…buttando nel cesso quel poco che ero riuscito a guadagnare…parli di tornare dai miei…ok,oggi ci sono ma ancor prima di arrivare ci sono stati i soliti problemi,vivo questa situazione in prima persona e capisco che non riesco a siegarla bene ma la convivenza qui è IMPOSSIBILE..sia per problemi di spazio,sia perchè la mia famiglia pretende di plasmare la mia vita,il mio modo di essere come vogliono loro,come se avessi 15 anni…come se non bastasse c’è tutto il resto che evito di menzionare ma non sono stupido e sprovveduto,se potessi rimanere lo farei,risparmierei i soldi che sono riuscito ad avere e farei una vita tranquilla…invece non è così..ora ho a disposizione una discreta somma,devo solo trovare una soluzione….il prima possibile..e non mi frega se è a 100 o 1000 km da qui….quello che conta è iniziare a vivere la mia vita…altrimenti prima o poi ci rimango!!…Ieri dopo 10gg di digiuno ho mangiato…sono stato male,ho passato tutto il tempo ad avere sempre e solo freddo….dormivo con una tuta,riscaldamento acceso e due coperte di lana..ora Delilah mi tiene compagnia e non la mollo,non voglio mollarla,fin quando avrò sistemato i miei casini….è sbagliato ma ho solo lei e lei ha solo me…una mano lava l’altra,ci facciamo coraggio e ci diamo forza.

    Rispondi
  114. Lea
    Lea dice:

    Eikichi,
    mi spiace per i commenti che hai dovuto leggere ma neanche tanto, e sai perchè? perchè della gente devi imparare a non fidarti prima. questa è vera maturità. Se invece di trascorrere l’estate chiuso in casa con la tua Troia (dalilah o come cazzo l’hai chiamata) a ciucciar ghiaccioli e a scambiarti paroloni via blog con persone che poi si e no avresti rivisto una volta nella vita, fossi uscito di casa, magari avresti incontrato persone diverse, più reali, più concrete. E se poi anche queste alla fine ti avessero deluso almeno avresti perscorso un isolato, attraversato un paesello. Ma dico io, ma cosa fai? affidi la tua vita ad una persona conosciuta sul blog? non lo trovi un atteggiamento che ha del patologico il tuo, o quantomeno sconsiderato? Non lo dovevi fare punto e basta Eikichi! anche ti avesse detto “al 99% non ci saranno problemi vedrai..” NON si va! se c’è anche l’1% di possibilità di ritrovarti in mezzo alla strada non si parte! qualunque cosa abbia detto o fatto questa persona eri tu che dovevi rifiutare!
    Alla fine Gabri non riesco ad avercela con te quanto vorrei perchè ho capito che forse come me, ti riesce difficile credere che qualcuno possa farti quello che tu non faresti mai. Magari tu avresti buttato un materasso in corridoio e avresti evitato ad un tuo amico di spendere i soldi che non aveva per un hotel? te lo saresti portato al ricovero in sala d’aspetto se il problema era che dovevi seguire la nonna malata? tutto pur di rimediare ad una situazione spiacevole alla quale anche tu in qualche modo, vuoi con promesse o altro, avevi contribuito?
    Non lo so Gabri, qui c’è gente che mi dice di considerare tutti i fatti di una realtà che non conosco. Devo credere che tu hai insistito per andare fino a Genova nonostante ti fosse stato sconsigliato? nonostante ti fosse stato detto “Guarda che però io non voglio responsabilità eh! so che sei senza denaro, se alla fine per un qualsiasi motivo io non potessi più ospitarti tu finiresti in mezzo ad una strada perchè non avrei altre soluzioni.. hai considerato tutto? capito bene?”
    Devo credere questo?
    Comunque Eikichi, se alla fine sei tu il coglione lo scoprirei presto sai
    Al primo doppione (nuova emergenza suicidio, nuovo viaggio verso il nulla assoluto deciso in 12 ore..) non basterebbero tutte le parole del mondo a convincermi che sei una vittima incompresa e gli altri i carnefici

    Rispondi
  115. Eikichi
    Eikichi dice:

    Lea cosa vuoi che ti dica?Mi sono fidato….quindi?
    Se non l’avessi fatto,ora verrei rimproverato di troppa diffidenza,cmq quella persona non la conoscevo da un giorno o da un mese ma da abbastanza tempo per credere alle sue parole,alle sue rassicurazioni..ti è difficile comprendere che sto cogliendo le opportunità che mi si presentano,la mia situazione fa così schifo che non posso fare altrimenti….scusa ma il tuo discorso iniziale ” se questa estate ecc…” non ha molto senso perchè non posso recriminare sugli errori fatti…se fossi nato ricco,ora non sarei in questa situazione!!
    Non ho capito cosa vuoi dire con la faccenda del suicidio…se pensi che sia incline a fare una cosa del genere stai facendo un buco nell’acqua…a proposito di buchi…guarda che quando mi facevo di droga,non mi bucavo..

    Rispondi
  116. Eikichi
    Eikichi dice:

    Dopo questa settimana,le persone possono pensare di me ciò che vogliono,mi farò scivolare di dosso i commenti negativi perchè solo io so quello che ho fatto,quello che ho rischiato e quanto ho lottato per uscire,risalire e andare avanti..il resto lascia il tempo che trova…volete dipingermi come piagnone..e sia…volete infastidirvi per il mio comportamento…ok..non c’è problema,vuol dire che ho fatto vedere solo questo lato di me ma a conti fatti mi ritrovo faccia a faccia con me stesso…tanto mi basta per sapere quello che sono o non sono in grado di fare.Devo rendere conto a me stesso,a voi non cambia la vita se dormo in macchina,in motel o lo prendo in culo perchè sono un coglione…

    Rispondi
  117. Eli
    Eli dice:

    Delilah è molto carezzevole, affascinante…forse ci si può innamorare.
    Innamorarsi della propria malattia, della propria dipendenza, della propria schiavitù quando invece dovremmo trovare la forza per combatterla e riversare il nosto amore sulle persone quelle reali, quelle di cui fidarsi e restare fregati, quelle che possono accompgnarci un pochino su questa lunga, tortuosa strada, quelle amiche vicine o lontane ma sempre presenti
    …ma non ci riesco.Stare sola, scegliere una “non vita” è diventato il mio scudo, la nicchia dentro cui nascondermi
    Posso controllare la malattia, starle a braccetto…forse ormai non riesco neppure ad odiarla…come mi è stato pronosticato anni fà sono cronica e non ci si può ribellare,solo coabitare con questo dolore sordo che rode dentro
    Per fortuna la cara Befana oltre ad avermi dispensato una calza mostruosamente ricca (cibo!!!) si porta via queste feste che mettono ancor più a dura prova
    Cara Kate sento il tuo dolore lo posso quasi toccare, vorrei poterlo lenìre, vorrei poter colmare tante solitudini.
    Sono single per caso, per scelta, per forza ???? ma chi può sopportare di vivere accanto a una come me?

    Rispondi
  118. Eikichi
    Eikichi dice:

    Vorrei farti una domanda..
    Focalizzati in questa situazione…
    Ti sei appena lasciata alle spalle una situazione che di certo non ha giovato alla tua vita,approdi in una casa (con tutte le difficoltà del caso) come ospite e il tuo modo di essere ti fa sentire in debito perchè non puoi contribuire a nessuna spesa…dopo un mese inizi a percepire che le cose non vanno bene,fino a sentirti inevitabilmente di troppo (non importa se a ragione o torto)…proprio mentre decidi di andartene ti viene offerta la rassicurante possibilità di poter cambiare in meglio le cose…parti una prima volta per assicurarti che effettivamente sia così e te ne convinci in virtù dei discorsi fatti e dell’amicizia con questa persona…quindi decidi di prendere la palla al balzo e cambiare aria pensando che a piedi da una parte o dall’altra,in ogni caso non cambia…salvo scoprire,una volta giunto a destinazione,che per vari motivi era tutto o quasi fumo negli occhi….tu cosa avresti fatto?non avresti accettato questa seconda chance per provare a cambiare in meglio le cose,dato che dal mio punto di vista non avevo alternative????????Non mi sembra di avere agito male…se le cose fossero andate nel verso giusto,ora non avrei avuto tutti questi problemi…
    Se domani finisci in mezzo alla strada e decido di aiutarti,rassicurandoti al 100%,credo venga naturale fidarsi almeno un poco delle mie parole…. considerando l’ipotetica situazione disperata…quindi se una volta giunta a casa mia ti chiudo la porta in faccia perchè ho rivalutato la cosa…rimanendo in silenzio senza essere chiaro,non credo potrei darti della cogliona per esserti fidata di me…anzi!!Forse avresti agito anche tu come me….cosa avevo sulla bilancia,da una parte le notti passate in auto,dall’altra una buona opportunità…quale scegliere dunque?

    Rispondi
  119. Eikichi
    Eikichi dice:

    Si Eli,ci si può innamorare…per me ora ha un nome..domani le darò un volto per renderla reale più di quanto non lo sia adesso…mi deve sostenere,accompagnare,dare forza e fanculo se è un pensiero sbagliato…non ne ho altri,questo me lo tengo stretto e nessuno me lo porterà via!

    Rispondi
  120. Lea
    Lea dice:

    Hai o non hai lasciato l’appartamento di Kiara pensando già a questa nuova opportunità? ecco. Io non lo avrei fatto! da una parte c’era un tetto sulla testa che bene o male C’ERA! l’avevi visto, era REALE
    E poi hai iniziato a cambiare idea dopo appena una settimana. Ho capito che non tolleravi la situazione, che non riuscibi ad ingoiare e a farti andare bene un tot di cose, ma forse dovevi. Uscendo di casa la mattina e concentrandoti sulla ricerca di un lavoro, e quando avevi battuto negozio per negozio aggrapparti all’idea che prima o poi sarebbe arrivato e al limite fantasticare sul giorno in cui ti saresti lasciato alle spalle tutto quello che non sopportavi.
    Ora sei o non sei a casa tua? ecco. forse dovevi rimanerci fin dall’inizio, oppure, fino al giorno in cui questa persona che ci teneva tanto fosse venuta a prenderti fino a casa a spese sue per convincerti delle buone intenzioni. Sapeva o non sapeva che era il tuo secondo trasloco in meno di un mese? la tua sfiducia l’avrebbe capita e giustificata. Ti concentri solo sui punti che ti interessa evidenziare, intanto, seppur scomodo, il mio pronostico è ancora l’unico ad essersi avverato, e cioè ad aprirti la porta sono di nuovo i tuoi e non gli amici sparsi per il mondo. Con questo non voglio dire che è senza dubbio la soluzione ideale, che non ci siano i problemi che dici. Ma ce l’hai o non ce l’hai anche tu un pò di colpa in tutto quello che ti succede costringendoti ogni volta a ripiegare sul male minore?
    Forse io sarei rimasta a casa mia da subito uscendomene dalla mattina alla sera e rientrando solo per dormire. Nel frattempo avrei tenuto contatti per un trasferimento ma avrei temporaggiato. E’ vero però che bisognerebbe ritrovarsi nella situazione. Alla fine l’unica cosa che veramente ti imputo è quel temperamento che ti spinge a reagire e a scattare come quando eri a Milano senza valutare, anche se non te lo puoi permettere. La faccenda dell’estate che ho ricordato è per dirti quanto trovo assurdo e patetico questo inno alla malattia come unica e insostituibile quando proprio la tua vita da recluso ti ha arrecato i danni maggiori in tutta la situazione

    Scrivo male, ho mal di testa, però i concetti arrivano son sicura

    Rispondi
  121. Eikichi
    Eikichi dice:

    Beh cosa devo aggiungere….vedo che siete più bravi di me a gestire e vivere la mia vita…se volete facciamo cambio.Facciamo come se non fosse successo nulla perchè ne ho le palle piene di sentirmi dare contro (kiara sarai felice di vederlo scritto così potrai dire la tua con soddisfazione)….

    Mi ripresento….e iniziamo da qui.
    Gabriele,30 anni,molto piacere…non ho un passato quindi non fate domande.

    Rispondi
  122. Lea
    Lea dice:

    Parla con qualcun altro
    Io non ho intenzione di ricominciare con uno che ha appena dato un nome alla sua malattia grazie a Dio ho ancora tutte le rotelle a posto

    Rispondi
  123. Lea
    Lea dice:

    Le rotelle a posto è riferito al mio perdere altro tempo con chi da un nome alla sua malattia e si compiace di scriverlo su un blog dove potranno leggerlo mille altre persone malate, cosa che da te sinceramente non mi aspettavo

    Rispondi
  124. Lea
    Lea dice:

    Non penso che chi si ammala non abbia le rotelle a posto.
    Chi vuole potrà tornare indietro e leggere i miei post, capirà che non l’ho mai pensato

    Rispondi
  125. Kate
    Kate dice:

    Siete tutti arrabbiati, si sente dalle vostre parole…..
    Eikichi non ti ho mai sentito parlare così, mi fai pensare alla mia rabbia, anche se forse non è la stessa…..
    stasera ho trovato un barattolo di tranquillanti da mia sorella, avrei voluto scolarmelo tutto, ma non ci sono riuscita.
    Per l’ennesima volta non volevo deludere nessuno, ma qualcosa lho fregata…..
    Mi sento rilassata, sono riuscita a stare trnquilla senza vomitare, anche dopo una mega abbuffata, domani dieta, ma adesso non ho voglia di vomitare.
    Penso a mia sorella, stasera era dolcissima, per la prima volta la vedo guarita.
    Io vomito 3-4 volte al giorno, lei non lo fa da qualche settimana,
    che bello, forse ce la sta facendo, forse .
    Ho scoperto che mio fratello continua a drogarsi, sta lontano a torino e senza lavoro, ma mia madre continu a mandargli 1000 euro al mese per drogarsi,
    che ne sa che fà
    tanto per lei è il suo unico figlio e non esiste nient’altro, per lui non fa la spesa in casa per mandargli i soldi, per lui noi possiamo crepare perchè lui è il suo amore e noi siamo i guai perchè lesbattiamo in faccia una realtà che non vuole vedere. Ah! ignoranza! Un giorno farò come te Eikichi, meglio sotto un ponte che tra questa gente ignorante!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
  126. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ciao Kate…..sotto un ponte mai….soprattutto adesso che fa freddo.
    Sai cosa ho capito?
    Che si fottano tutti quanti,sono solo bravi a sparare giudizi dalla loro posizione di comodo e di accusarmi come se fossi qui a giocare….me ne sbatto,non devo rendere conto a nessuno delle mie azioni,la mia vita la sto prendendo sul serio,se gli altri non lo capiscono,affar loro.
    La prossima volta che passo una settimana in albergo ti avverto così stacchi per un pò dalla gente che vuole vedere solo quello che gli fa comodo…ciaoooo!!

    Rispondi
  127. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Buongiorno a tutti…
    Kate che brutta situazione la tua in casa…cerca di guarire…tu e tua sorella…lo so ci vuole tanta forza!…così potrate andarvene da lì…trovo veramente ingiusta la tua famiglia…anche come si comporta con tuo fratello…ma tua mamma sa che si droga?

    Rispondi
  128. A.
    A. dice:

    Sono io. Intendo dire, Gabri è venuto da me.
    Ho letto un pò i vostri post, anche se molti li ho tralasciati. Posso dirvi sinceramente che per molte cose mi avete un pochino sconcertata.
    Un conto è esprimere un parere su una persona un altro è sparare sentenze senza sapere alla fine nulla.
    Posso dire che la colpa è principalmente mia, G. rientra poco nella questione.
    Non so dirvi se lui sia o meno come l’avete accuratamente dipinto ma so che prima di esprimere certe qualità forse è meglio riflettere bene su chi si ha di fronte e decidere di tacere.
    Su una cosa mi trovo d’accordo… non è una grande idea impersonificare la malattia a tal punto, anche se potrebbe esserci un doppio risvolto… dandole un nome potresti vederla come una cosa completamente separata da te e non come parte di te…. Ma non credo questa sia la tua intenzione. Stai attento.
    Ciao a tutti.

    Rispondi
  129. Eikichi
    Eikichi dice:

    Grazie A.
    Lo sai che non si tratta di avere colpe,non te ne attribuisco,non l’ho fatto quest’estate e non lo farò di certo adesso…
    Lo so benissimo che l’intento di aiutarmi era forte ma le situazioni e le varie problematiche hanno reso tutto più difficile.
    Ho sempre cercato di mettermi nei tuoi panni e di capire il perchè delle tue azioni,di sicuro l’intento non era quello di farmi del male..e l’ho capito,ecco perchè l’affetto e l’amicizia non sono cambiati…questa volta ci sono rimasto male perchè ci credevo,più di prima ma ormai è inutile parlarne..è andata così,pace all’anima…un abbraccio!!

    Rispondi
  130. A.
    A. dice:

    un abbraccio anche a te…. e se ti manca il mare chiudi gli occhi e immaginalo, credo sia una delle meraviglie che non si possono dimenticare…

    Rispondi
  131. Eikichi
    Eikichi dice:

    Cercherò di tenerli chiusi il più possibile…oggi mi sono svegliato in mezzo alla neve,avrei voluto passeggiare in spiaggia,non dimenticherò quei momenti…
    mi trovavo davvero bene.

    Rispondi
  132. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Gabry…la vita non è un gioco…eppure tu scrivi:
    …ritenta Gabriele,sarai più fortunato!!

    10 gg di digiuno?
    Cioè è dal 29 dicembre che nn mangi?
    Ma non avevi detto che hai mangiato il 31 a casa di tua sorella?
    La persona a me molto cara ricama molto sulle cose…e tu me la ricordi tanto! e poi le piace molto far la vittima…anche in questo me la ricordi…ma non so se tu sei così o no…ma da quello che leggo me la ricordi…non te la prendere…è una mia interpretazione…sicuramnte sbagliata!

    Rispondi
  133. Lea
    Lea dice:

    Ciao A.,
    un confronto non si nega a nessuno. Chiedi di tacere e ti assicuro che lo avrei fatto volentieri nei secoli. Se attacco a parlare e mi riesce di buttare fuori tutta me stessa arrivo a fare molto molto male. Ma parlerò perchè fondamentalmente mi trovi d’accordo su tutto.
    Nonostante il mio disappunto si sia espresso nei confronti di Gabriele e dei suoi atteggiamenti, risulta molto chiaro dai post che le colpe o presunte tali ricadono su qualcun’altro. Anch’io come te sono molto dispiaciuta che lui abbia perso soldi e giorni.
    Quindi vedi che..
    Limitatamente alla questione, non critico la volontà le buone intenzioni o il troppo entusiasmo nel voler dare aiuto. Quello che non tollero è la leggerezza di chi dimentica che si tratta di una persona malata, una persona che va in ogni modo salvaguardata da situazioni di bisogno estreme, come quella di un letto una casa o un pasto al caldo. Io me ne frego se gli volete bene, lo volete vicino e fate di tutto! Se non sei sicuro lo lasci dov’è, e me ne sbatto i maroni se poi lui ti dice che capisce, che apprezza, che bla bla bla..
    Dolce, bisognoso educato al punto giusto il Gabri, vero?
    Intanto lui digiuna altri 10 giorni
    e ci guida pure la macchina in questo stato!
    per 200 km sotto la neve
    sveglia? ore 5.30 del mattino

    Lasciatemi dire un altra cosa
    Di tramonti, spiagge, orizzonti lontani e minchiate varie il Gabri ne ha già la testa piena.. Invece di lasciare che chiuda gli occhi e immagini il mare consigliamo di tenerli bene aperti e di leggere con attenzione le parole di una Luna Blu qualunque che sentenzia “Gabri? datti una svegliata!”
    Perchè sai.. l’immagine poetica del mare ti aiuta poco quando tremi al freddo in hotel
    Prima di insegnare a Gabriele ad immaginare alla perfezione una spiaggia che non c’è, preferirei imparasse a salvaguardarsi dalle colpe (o presunte tali) del mondo prima che queste abbiano il tempo di materializzarsi sotto i suoi occhi

    Buon pomeriggio

    Rispondi
  134. Lea
    Lea dice:

    Mi spiace Dottor Piccini,
    così mi hanno insegnato, così io insegno
    In caso corregga lei. Sempre pronta ad imparare

    Ciao Luna a presto

    Rispondi
  135. Eikichi
    Eikichi dice:

    Un pomeriggio d’iverno mi trovai in compagnia di due ragazze,intavolammo un discorso riguardante il sottoscritto,le sue azioni e i suoi pensieri…la ragazza seduta alla mia destra disse “Gabri è un ragazzo troppo buono”…la ragazza alla mia sinistra aggiunse “o forse troppo coglione?”…..beh io credo che la verità stia nel mezzo……e chi c’era nel mezzo in quel momento? IO..

    Rispondi
  136. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Lea a me ha insegnato tante cose da quando scrive su questo blog…grazie a lei stò imparando ad ascoltare di più che cosa ho dentro…grazie Lea

    Rispondi
  137. Lea
    Lea dice:

    Ciao Giuseppe, in questi ultimi due giorni ho sputato troppo veleno. così non mi piaccio non provocarmi in maniera tanto diretta. Se devi dirmi che sono una st**** che non ho niente da insegnare che esagero fallo pure, scrivimi un post dettagliato e affonda la lama. chissà che questo non aiuti il mio ego a ridimensionarsi
    Stasera esco a vedere un film a casa di amiche. probabilmente un film dell’orrore, me lo auguro, così potrò lanciare qualche urlo fuori programma.
    Spero il gelo delle notte ghiacci il sangue nelle mie vene

    Luna non ti insegno niente. Piuttosto tu mi hai ricordato che tante persone sono state trascurate nel caos generale. Ha scritto Enzo nelle parole di Sabrina, Chiara nell’autolesionismo, Moonshine un bellissimo post sulla sua guarigione, una certa Dyana un pezzo molto suggestivo, credo una richiesta d’aiuto, nelle lettere alla malattia. Eli e Kate sono intervenute mentre discutevo con Gabriele e voglio ringraziarle anche se in quel momento le ho completamente ignorate.

    E per ultima BIMBOLINA! alla quale voglio dire che l’ultima Valentina delle parole di Vivì in realtà è sempre la stessa…
    “Cercasi Susan Disperatamente”

    Ti cerco un uomo BIMBOLINA! ogni tanto vai a controllare !
    Mary Giò partiva per la Campania dove avrebbe trascorso le feste con la sorella ed un’amica.. Tornerà?
    Ciao a tutti

    Rispondi
  138. A.
    A. dice:

    Per Lea.
    Ho letto ora il tuo post e me ne dispiaccio perchè davvero, avrei voluto risponderti subito per poter leggere una tua possibile risposta.
    In primis ti garantisco che i tuoi commenti sono stati a dir poco fuori luogo e per nulla curanti della persona che tu hai “di fronte”. ora dimmi, visto che tu pretendi di insegnare, in questo caso a me, sai un motivo dico uno cavolo (o dovrei usare qualche frase più scurrile tipo “me ne sbatto i maroni” come hai scritto tu?) del perchè con G. sia andata a finire così? me lo hai chiesto? no sarebbe stato troppo difficile ascoltare ed eventiualmente valutare e poi anche darmi addosso. per quanto ne possa sapere tu io potevo essere in una situazione non prevista che mi ha impedito di fare ciò che avrei voluto fare.
    E se scrivo a G. di pensare al mare non è certo perchè credo che lui debba stare tutto il giorno con gli occhi chiusi come un babbo sperando che le cose piovano dal cielo.Ognuno ha il suo modo di comunicare che non è universale o arbitrario. il mio con G. è sempre stato questo se a te non va bene non hai comunque nessun diritto di sparare i tuoi giudizi.
    In secondo luogo non sai nulla di me, del perchè sono qui su questo blog. Non sai quali siano i miei problemi. Vedo che difficilmente li tieni in considerazione nel rivolgerti.
    Non è certo un vanto per me non aver potuto aiutare G. però in questo caso limitati nei giudizi di valore. Sì alla libertà di espressione ma senza esagerare.
    chiudo dicendoti che cmq non volevo essere pesante, cattiva o cose simili solo che mi da molto fastidio che mi vengano attribuiti pensieri o azioni senza tenere in considerazione nulla.
    A.
    Ps. non leggo spero di non aver commesso troppi errori e di esser stata chiara

    Rispondi
  139. niki
    niki dice:

    …notte a tutti!il mio prolema è invers0 colmo i miei vuoti mangiando talmente tanto da non riuscire più a vomitare…lievito sempre di più. il cibo è la mia droga e la mia ossessione per non pensare ed appagarmi.mi trovo dentro un vortice dal quale non riesco a risalire….dieci chili in più in meno di un anno

    Rispondi
  140. Eli
    Eli dice:

    …SONO UBRIACA!
    sempre del dolore di questa esistenza…
    forse ta poco di vino che adoro…
    sicuramente delle vostre parole….
    tra qualche ora dello schifo di masticare il cibo e sputarlo in un sacchetto…
    domani dell’ansia di quei kili di “GRASSO” che si depositano sulle mie cosce…
    sempre del dolore che tutto questo sottintende …
    cercherò di sfinirmi, quando crollo di stanchezza non penso, non mastico, spengo la sofferenza almeno per un po’

    Rispondi
  141. Eikichi
    Eikichi dice:

    Sono nauseato dal cibo,non provo gusto…eppure dovrebbe essere un piacere,pari al sesso….invece me ne rimango qui,seduto a questo tavolo,circondato dal buio assoluto con il sapore del caffè ancora in bocca….sono stanco,mentalmente…mi tocca mentire,fingere e distogliere lo sguardo….lei,Delilah se ne sta alle mie spalle…mi osserva in silenzio e anche se non la vedo,sento la sua presenza.

    Rispondi
  142. bibi
    bibi dice:

    ma che gusto c’è? che gusto c’è a sentire le costole sporgere, ad avere le ossa dell’anca in fuori, a pesare 38 chili? perchè tutto questo? perche rovinarsi la vita in questo modo quando si può essere felici?

    Rispondi
  143. Eikichi (il grasso)
    Eikichi (il grasso) dice:

    Gusto??
    Posso dirti che non è una questione di gusto ma di condizione mentale che ti porta a stare bene in quello stato…almeno per quanto mi riguarda…è un problema,non di poco conto ma appunto perchè è un problema che non si può parlare di gusto,o di qualcosa che è giusto o sbagliato….ma qualcosa che deve essere curato..purtroppo bibi,chi non prova,non si rende conto e mi metto nei panni di chi non capisce….mi rendo conto che spiegare certe cose ha parole non porta a nessun risultato.

    Rispondi
  144. Primavera
    Primavera dice:

    Ho notato leggendo i vari post presenti in qsto sito che quasi tutti, anzi tutti, sono scritti molto precisamente, intendo dire senza errori, a differenza di tanti altri blog dove la gente scrive, ma distrattamente, non badando ai dettagli, con errori di ortografia o comunque con errori vari…Da quest’osservazione deduco che chi ha problemi alimentari è quasi nel 100% dei casi un/a PERFEZIONISTA. Potrebbe essere reale questa deduzione? Aggiungerei anche “più intelligente della media”, ma di quell’intelligenza che non crea DEI PRO, ma piuttosto dei CONTRO…quell’intelligenza talmente profonda(parlo di intelligenza emotiva) che si rivela + insidiosa che utile, quando si mette al servizio dell’autocritica. ottenendo Queste due caratteristiche mi sembrano centrali, le unirei ad un altro ingrediente. Quello di aver ricevuto pochissimi complimenti riguardanti il proprio aspetto o la propria persona nel complesso durante la fase della crescita. Esempio: io non ricordo di aver ricevuto complimenti quand’ero piccola, i primi sono arrivati molto molto tardi. Eppure ad esempio a scuola ero bravissima e ho fatto fin dalla prima elementare i compiti sempre da sola ottenendo Ottimi su Ottimi. Altri genitori avrebbero appeso i manifesti, i miei non mi hanno mai fatto complimenti per questo. Altra cosa, ero e sono tutt’ora molto portata per il disegno e per il ballo, ma siccome in famiglia c’era un fratello maggiore “prodigio”, nessuno ha mai sottolineato la mia bravura più che tanto. Capita che in famiglia tutti siano assorbiti dal talento o dal fascino di un altro figlio/a….Risultato: una grande intelligenza emotiva senza nessuna attenzione da parte di chi ci vuole bene “espressa a parole”, conduce secondo me al sentirsi non considerati e desiderosi di esserlo per sempre, per tutta la vita! una fame di attenzione, di vanità. Un bisogno di sentirsi valutati. A me succede proprio questo…
    Una volta questi problemi come ha detto qualcuno non esistevano perché ce n’erano di molto più urgenti, è vero. Ma la mente della gente era strutturata più semplicemente e tante piccole sofferenze non esistevano perché non venivano neanche recepite. Un po’ come dire, se mi mettono un testo scritto in russo sotto gli occhi, non mi fa né caldo né freddo perché non lo so “leggere”. Se però il testo è in italiano e ci sono scritte parole offensive nei miei confronti, io che l’italiano lo so leggere, ci rimango male. E qui inizia una sofferenza che nulla ha a che vedere con la fame vera o con le guerre, ma è sempre una sofferenza.

    Rispondi
  145. nik72
    nik72 dice:

    aiuto ieri sera ho preso 3 lassativi ma nulla avete un consiglio da darmi vi prego non so piu’ come andare avanti sono alto 181 peso 140kg a febbraio 2008 ho cominciato una dieta ho perso 20 kg in 4 mesi ora gli ho messi su tutti

    Rispondi
  146. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ciao nik72….in questi casi credo che un consiglio di un dietista o di un medico sia la migliore soluzione….mio zio pesava come te solo che non era così alto,si è fatto curare,seguire da un dietista ed è dimagrito notevolmente….
    A cosa sono dovuto i 140kg?hai fatto qualche cura particolare oppure soffri di DCA?
    Se stai male ti sarà difficile ma l’unica cosa che puoi fare è avere tanta pazienza e forza di volontà….se vorrai scrivere qualcosa di più,in modo da capire meglio,ti leggerò volentieri.

    Rispondi
  147. nik72
    nik72 dice:

    ciao sono stato da dietisti dietologi psicologi psichiatri ho preso di tutto dalle pastiglie oristal sibutramina prozac perfino pillole per le crisi epilettiche che associate ai psicofarmaci riducevano il senso di fame ma niente nel 93 pesavo 80 kg sono andato militare li sono ingrassato di 25 kg una volta tornato a casa ho perso 30 kg in un anno mangiando un pacchetto di creaker a pranzo ed una minestra in busta la sera per un anno poi se capitava di uscire e mangiare una pizza o altro prendevo subito dei lassativi (non ho mai vomitato perche’ non mi piace ) dal 94 al 98 pesavo 80 kg giu di li stavo da dio poi un giorno ho cominciato a mangiare a mangiare senza fermarmi mangiavo di tutto anche i dadi da brodo ora sono 140 kg

    Rispondi
  148. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ti posso capire perchè la mia storia in fatto di peso non è dissimile….anch’io cominciai ad ingrassare durante il servizio militare e tra alti e bassi,4 anni fa circa arrivai a pesare 107 kg….e sempre come te,mangiando come una formichina persi 46kg in un anno….ma i dadi da brodo come pasto 😉 non l’avevo mai sentita…
    Come vedo hai fatto e provato di tutto ed ora ti ritrovi al punto di partenza,se non peggio…sei riuscito a capire cosa ti ha portato a mangiare senza sosta??
    A quali mancanze sopperivi con il cibo?

    Rispondi
  149. nik72
    nik72 dice:

    nessuna mancanza questo e’ il brutto nel senso tanti mangiano perche’ magari lasciati dal compagno/a problemi a casa ecc. io non ho nessun problema sono stato da psicologi psichiatri ma non hanno trovato nulla almeno se non erano incompetenti 🙂 non so se stare un anno senza cibo mi ha fatto scattare una molla in testa per cui ho cominciato a mangiare di tutto maa non so cosa dire per fortuna faccio sport nessuno mi da 140 kg ma purtroppo ci sono

    Rispondi
  150. Eikichi
    Eikichi dice:

    …un giorno ho cominciato a mangiare…
    Questa mattina stavo leggendo alcune pagine del libro che ho acquistato una settimana fa “Magra da morire”…
    Eccone un passaggio “Il non avere l’amore fa passare anche la fame,si martirizza,ci si fa svenevoli,s’impallidisce,si muore.Il mal d’amore chiude lo stomaco penso possa rileggersi applicando tale concetto in modo inverso….dici che potrebbe essere una potenziale causa?Riempire il vuoto che abbiamo nel cuore,nella vita…con il cibo…fino a non sentirne più il sapore,fino ad esserne sazi….e non sentire più le emozioni che ci destabilizzano….azzardo questo pensiero,pur non conoscendoti.

    Rispondi
  151. Eikichi
    Eikichi dice:

    Beh se non hai avuto nessuna mancanza….beh non saprei che dire,forse il Dott. Piccini potrebbe dare una spiegazione a tutto ciò….una spiegazione ma non per forza una soluzione…
    Attualmente con il cibo che rapporto hai?Mangi ancora tanto?Volevo capire se sei obeso o solo molto robusto….non so se ho spiegato bene il senso della mia domanda…

    Rispondi
  152. nik72
    nik72 dice:

    ho gambe e braccia muscolose (faccio palestra e volley amatoriale)ho sempre fatto sport ma ho tutto sulla pancia viso ,ho cominciato a mangiare quando mi sono fidanzato poi quando sono tornato single ho continuato a mangiare sempre di piu’ ma non credo sia perche’ mi manca qualcuna perche’ sono sempre stato un tipo solitario

    Rispondi
  153. nik72
    nik72 dice:

    ieri mi sono preso dal supermercato 20 gransoleir al limone in mezzora li ho mangiati tutti mezzi liquidi mezzi quasi congelati ne avevo cosi voglia che non aspettavo nianche che si congellasero pensa te,dal supermercato a casa mi sono fatto fuori una scattola di wafer

    Rispondi
  154. Eikichi
    Eikichi dice:

    Provo a fare qualche ipotesi per capire meglio….
    Forse la fine del rapporto ha inciso più del dovuto e inconsciamente non te ne sei reso conto……portandoti a mangiare senza sosta!!!
    A volte le cause che ci portano ad assumere certi atteggiamenti sono proprio quelle più improbabili o che non si prendono in considerazione fin dal principio…Cibo a parte…c’è qualcosa nella tua vita che non gira per il verso giusto e che potrebbe essere la causa di questo problema??

    Rispondi
  155. Eikichi
    Eikichi dice:

    Sfondi una porta aperta perchè a me è capitato di prendere le alette di pollo messicane e mangiarle mentre guidavo,sporcando i vestiti e la macchina…ti dico questo perchè le cose che mi hai descritto sono molto simili alle mie e il mio comportamento era dovuto a molte mancanze e molti problemi….quindi qualcosa ci deve essere nella tua vita che non funziona…altrimenti non mi spiego tutto ciò (con i limiti del caso)..forse hai bisogno di approfondire il tuo passato per trovare la causa…

    Rispondi
  156. nik72
    nik72 dice:

    no perche’ ora come ora sto bene da solo anzi da una parte e’ stata una liberazione , la mia vita va bene almeno credo 🙂 non ho problemi questo e’ il problema sto bene ma mangio tantissimo.

    Rispondi
  157. Eikichi
    Eikichi dice:

    vorrei dirti di provare a limitarti con il cibo ma è difficilissimo….forse risolverai il tuo problema in modo naturale…arriverà il giorno in cui dirai basta….perchè se non hai nessun tipo di problema,non saprei da che parte guardare per capire più a fondo quale potrebbe essere la causa….

    Rispondi
  158. nik72
    nik72 dice:

    grazie sei stato gentilissimo, lo spero anchio ma ormai la cosa va avanti da troppo tempo volevo operarmi ma non sono mai stato all’ospedale in vita mia poi ho sentito tante persone che si sono lamentate degli interventi subiti.

    Rispondi
  159. Eikichi
    Eikichi dice:

    Parli dell’operazione per stringere la bocca dello stomaco?
    Forse quel mio zio di cui ti parlavo l’ha fatta ma non ricordo bene…certo è che ognuno con le operazioni è un caso a sè!!!
    Il mio consiglio spassionato è quello di cercare la fonte del tuo disagio…magari è talmente evidente da passare inosservata….oltre a questo..valuta ogni cosa sentendo più pareri,soprattutto quelli di persone esperte…

    Rispondi
  160. Lea
    Lea dice:

    Ciao Nik72,
    credo Eikichi abbia detto tutto o quasi quello che si poteva dire. Parlando di abitudini e comportamenti alimentari, mi avete fatto riflettere sul fatto che pur non abbuffandomi e via dicendo, anch’io a volte ho l’esigenza di sentire
    immediatamente in bocca il gusto di qualcosa che ho pensato. Allora magari rientro a casa e prima ancora di togliermi la giacca, vuoi perchè ho fame, vuoi perchè non lo so, cerco subito quella cosa. In particolare vi capita mai quella ruota del dolce-salato-dolce-salato e via così?.. prima la cioccolata, poi a seguire le patatine, e poi magari la focaccia.. Diciamo che a volte sentire
    il gusto gratifica e distoglie la mia mente da altri pensieri. Però poi voi dite che ingoiate, che non assaporate, e qui mi tocca fermarmi perchè non saprei. La fretta di mangiare a volte la provo, ma il gusto c’è sempre
    Invece vorrei fare uno sport e muovermi, di questo si avrei bisogno.
    Ciao e a presto

    Rispondi
  161. Lea
    Lea dice:

    Ciao Primavera,
    grazie dell’attenzione che hai riservato ai nostri post. Nella tua storia ritrovo molti dati in comune con la situazione di un’amica che si era ammalata. Ora non saprei dirti se guarita. Ho scritto alcune situazioni e cose che ho provato negli articoli più recenti se vorrai rispondere. Lei è sempre stata una ragazza molto trattenuta, molto poco spontanea. Poco dolce, più probabilmente poco abituata ad esprimere la sua dolcezza. Non saprei dirti dove si fermi il condizionamento, l’educazione, l’ambiente circostante, e dove inizi invece il “tratto” personale. Perchè la sorella ad esempio era molto diversa. eppure subiva le stesse pressioni, se così vogliamo chiamarle. La madre voleva le figlie riuscite. Da sempre questi erano i discorsi. Giusti per carità, ma forse nel trasmettreli, o nel viverli, si è sbagliato qualcosa. “Carriera, indipendenza economica..”. Per forza di cose, se una madre inizia a pesare le figlie in base ai risultati.. Forse non era così, e la secondogenita, magari più fragile (non sono una psicologa per poterlo stabilire) questo ha recepito e vissuto, male. Competizione con la sorella. La sorella era pure minuta di costituzione. ma la differenza stava nel fatto che sapeva valorizzarsi, era una persona positiva, ottimista, entusiasta. Forse questo concentrare le sue attenzioni sul cibo: quale, quanto, come, quando. su quello che doveva o non doveva introdurre, la teneva occupata, le impediva di ragionare ancora a vuoto sul come ottenere quello che realmente le mancava. E nello stesso tempo era qualcosa di diverso. Rimaneva impegnata nell’essere qualcosa di diverso attraverso il suo corpo. Digiunare, vedere i risultati, ti da soddisfazione. Prova tu a ottenere lo stesso effetto da un’altra prospettiva. Capire che sei qualcosa al di là di quello che ottieni o che mostri, capire che quell’uomo o la gente più in generale non ti amerà solo perchè sei una super-donna. Perchè di fatto questo ti è successo fin’ora. Che l’amicizia vale più di un risultato. Bisogna fare un lavoro su se se stessi non indifferente. Per questo si parla di percorso, e di esperti

    Se vuoi raccontare qualcos’altro Primavera, se vuoi correggere certe mie interpretazioni mi faresti un grande favore. Io ti riporto le mie sensazioni dall’esterno e tu le tue

    Non rileggo..

    Rispondi
  162. Lea
    Lea dice:

    Volevo specificare una cosa Primavera. Quando dicevo che “c’era altro a cui pensare”, intendevo quello che hai scritto tu. Cioè la sofferenza c’era ma ignorata. così come ignorata ne era la causa. Essa non aveva rilevanza sociale. ignorata perchè non esisteva un codice che permettesse di decifrare e comprendere la realtà a livelli che non fossero quelli nei quali si esprimeva l’ emergenza dell’epoca. Cioè La fame, le pestilenze, la guerra

    Volevo inoltre dire che la storia di questa amica è solo una delle tante che contempla l’insorgere di un disturbo (anoressia nella mia testimonianza. bulimia magari in altre). L’amore verso se stessi o l’amore degli altri per noi può mancare in mille modi, in circostanze completamente diverse.
    Il concetto forse rimane nell’idea di modificare quello che si è pensando di cambiare qualcosa intorno, o difendersi da qualcosa intorno. Inoltre una ragazzina di 15 anni potrebbe ammalarsi per motivazioni e sofferenze (o insofferenze) legate anche ad una fase della crescita che non riguarderebbero nello specifico una ragazza più grande, magari nell’età adulta.
    Poi volevo anche dire che potrebbe trattarsi di persone molto intelligenti, o anche molto determinate. Concordo invece sul fatto di una sensibilità molto sviluppata di chi si ammala. forse io la intendo nel senso di più coscienza di quello che si potrebbe ricevere, avere, essere o fare a questo mondo. Però la questione è talmente vasta che smetto qui altrimenti rischio di sbagliare direzione

    Rispondi
  163. Eli
    Eli dice:

    direi che sono la somma disastrosa di quanto avete scritto… media intelligenza ma grande costanza e caparbietà che mi hanno regalato ottimi voti ed un brillante percorso scolastico…ma tutto era dovuto! complimenti pochi anche se forse i miei erano orgogliosi..parecchi ragazzi ma pochi Amori
    emotiva sempre e troppo, a volte sopra le righe, ma mi hanno sempre “cassato”…ero eccessiva esagerata e cosa ho ottenuto? altalene di gioie e dolori intensissimi fino a decidere più o meno inconsciamente di ritirarmi e smettere di vivere
    Ormai mi resta il cibo che mi ossessiona( avete mai sentito, assaporato con tutte le papille gustative il sapore del latte fresco che ti scende in gola, del cioccolato che lentamente si scioglie e pervade tutta la bocca, la fragranza del pane ancora caldo con sopra l’olio buono o la consistenza della pasta fatta in casa cosparsa di salsa?)cibo amato ma rifiutato, anch’io non vomito, non l’ho mai fatto è l’unica cosa che mi fa davvero schifo ma ho provato un’infinità di lassativi e sono abbastanza brava a fingere di mangiare soprattutto in pubblico ( la solitudine dei numeri primi…tanto per capirci)
    mi sono uccisa emotivamente e, visto che ultimamente mangio abbastanza(sono arrivata a 52kg) mi ammazzo fisicamente di attività sportiva
    La mia vita? un lavoro da giovane dirigente che mi impegna molte ore, un po’ di volontariato, palestra sempre, rapporti sociali minimi, la lettura, la casa con i miei animali dove mi chiudo a ruminare (mastico, gusto e sputo il piu accuratamente possibile) i cibi più buoni che compro…
    tralascio quanto denaro ho versato a medici, psicologi e farmaci
    davvero penso che questa sarà un eterna agonia fino a quando un giorno mollerò
    Negli ultimi tempi sono tornata a desiderare di andarmene in alcuni momenti perchè sono infinitamente stanca
    Cerco solo di non pensare Se solo potessimo aiutarci

    Rispondi
  164. Eikichi
    Eikichi dice:

    Mi piacerebbe fare una cosa,prendere ognuna delle nostre storie,suddividerle in periodi,partendo dall’infanzia fino ai giorni nostri e confrontarle per vedere quanti punti hanno in comune,quando e in che modo la nostra vita è iniziata a cambiare e quali sono stati i fattori determinanti…..Sarebbe un lavoro lungo e difficile ma forse si potrebbe capire qualcosa di più…di noi stessi,della malattia e di chi ci sta intorno…penso ne varrebbe la pena.

    Domenica pomeriggio da dimenticare!!

    Rispondi
  165. Eikichi
    Eikichi dice:

    Brutta cosa….stavo bevendo l’ennesima tazza di brodo…dopo qualche cucchiaita sono andato in bagno e l’ho versato nel lavandino….ora sto meglio!
    Non so che è successo ma dentro di me ho sentito che se l’avessi bevuto tutto mi sarei sentito da schifo….(era anche buono tra le altre cose…).

    Auguro a Simona una bellissima serata….divertiti e se ti chiede di andare a vedere la collezione di fossili in macchina..beh vedi un pò tu…non dimenticarti la garza…baciiiiiiiii!!

    Rispondi
  166. simo
    simo dice:

    ciao tesori , sono appena tornata da casa di mio fratello sono andata con mia madre a trovarlo , tra un po’ mi preparo per uscire ,sono un po’ tesa , ma comunque contenta, GABRI grazie per i consigli , la garza la porto con me’, volevo dire a eli che la sua storia mi ha commosso,

    Rispondi
  167. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ciao Simo…adesso vado a vedere nella posta…….se sei tesa lancia un urlo liberatorio…mi raccomando,quando torni….aggiornami sulla serata…a tua discrezione!! 😉

    Rispondi
  168. Eikichi
    Eikichi dice:

    E’ arrivata e confermo quanto detto,sei una bella ragazza… 🙂

    Non avevo dubbi che fossi tu quella con la maglietta gialla….le due signore accanto sono troppo mature per essere nell’età dei 20 e la bambina è troppo piccola..Una foto in primo piano esiste?

    Rispondi
  169. Eikichi
    Eikichi dice:

    Domenica tra alti e bassi…oggi pomeriggio dopo le risate qui nel blog sono uscito per fare un giro e mentre guidavo mi è scesa una tristezza paurosa..
    Non sto molto bene moralmente anche se tendo a non pensarci…ora sono sdraiato per terracon una coperta sotto il sedere e due cuscini dietro alla schiena…sono vicino al calorifero,cerco un pò di calore…dovrei andare sul letto ma è stretto e con mio fratello che si muove in continuazione,proprio non mi va…non che sia un problema dormire per terra…certo,non è da me ma riesco ad adattarmi a tante piccole situazioni che non ci faccio più caso….
    Per la casa sono a buon punto,dovrei averne trovata una in condivisione con 7 ragazzi,fortuna vuole che c’è una stanza per ogni occupante…e i bagni?cmq con me si diventerebbe 8,sei ragazzi e due ragazze….la cosa mi piace perchè ritrovarmi in mezzo a così tante persone non può che farmi bene…pensavo solo a questo,come dovrò pormi con la questione cibo??beh sicuramente per non stare male sarò chiaro fin da subito…Domani dovrò contattare la persona e vedere di trovare un accordo…Speriamo di riuscire a trasferirmi a breve…

    Rispondi
  170. erika
    erika dice:

    ho bisogno di confidarmi e credo che questo sia il posto giusto..
    in questo periodo mi sento strana, più del solito. non mi sono mai piaciuta totalmente, ho sempre avuto fianchi e sedere grossi che mi hanno impedito di vestire e di fare tutto quello che dovrebbe fare una ragazza di 17 anni. da sempre controllo la mia alimentazione, niente pasta, dolci, latte. solo verdura, frutta, carne e legumi, poi vado a periodi (non ditemi che ho un’alimentazione sbagliata perchè me lo ricordano abbastanza i miei familiari tutti i giorni)
    qualche mese fa ho iniziato a vomitare, succedeva raramente, solo quando ero in crisi o giù di morale e mi vedevo ancora più orrenda del solito.
    da un paio di settimane però il senso di disagio si è intensificato, tanto da farmi sentire in colpa e schifosamente grassa ogni volta che ingoio qualcosa che non sia privo di calorie o che ne contenga in minima quantità (mi capita anche di vomitare frutta). mi capita di vomitare ogni giorno, ogni volta che metto piede in casa dopo la scuola sento il bisogno di liberarmi da quello che ho ingerito nelle ore precendenti e di vomitare.
    il problema è che nonostante questo non dimagisco…sono sempre i miei 54 kg che non vogliono calare. credo di non vomitare veramente tutto quello che ingoio, e questo pensiero mi fa star male.
    non so neanche spiegare come mi sento dopo aver vomitato…mi scendono le lacrime ma non così felice di aver espulso tutto quel veleno che può solo farmi vivere peggio e distruggermi ancora di più. faccio moto, vado in palestra quando posso, anche se adesso ho un po’ abbandonato per via dello studio. non so che altro fare e non posso parlarne con nessuno perchè mi controllerebbero sicuramente di più di quanto fanno ora.
    il fatto è che non voglio smettere, voglio un aiuto a dimagrire. voglio non sentirmi più a disagio, voglio riuscire ad indossare una gonna o il costume d’estate. sono stufa di nascondermi in casa mentre gli altr vanno in piscina o al mare.
    grazie.. scrivere mi ha aiutato a sfogarmi..
    un bacio a tutti.!

    Rispondi
  171. Eli
    Eli dice:

    nascondersi non serve…soprattutto nascondersi a se stessi; se vuoi puoi dimagrire, magari facendoti aiutare da un dietologo o da un medico e associando tanta attività sportiva mirata…NON INIZIARE A VOMITARE, TI PREGO!!!
    sevirà solo a distruggerti dentro e fuori.
    se vuoi posso, possiamo ascoltarci, confrontarci, molti di noi tra vomito, lassativi, bilance che salgono e sopattutto scendono abbiamo annientato le nostre vite, quelle di chi ci vuole bene, ma non le nostre emozioni profonde che magari riusciamo a confinare in un angolino…ma sono lì, forti, forte come questo dolore che strazia le nostre quasi vite!

    Rispondi
  172. erika
    erika dice:

    oggi ho mangiato un arancia e 4 grissini per colazione e sto pranzando con una spremuta, e stasera lavoro quindi salterò la cena…. se non dimagrisco così non so più che fare…
    mio papà non mi manderebbe mai da un dietologo…per lui vado bene così!!
    devo farcela da sola con i mezzi che ho…

    Rispondi
  173. annina
    annina dice:

    ciao erika sono anna… anche io ho 17 anni e peso 54 chili, come te mi sento orribilmente grassa ma per i miei vado bene così.. io non so che consigli darti… la settimana scorsa ero riuscita a perdere un pò praticamente non mangiando, ma mi sono arrivate e sto mangiando come un maiale in questi ultimi giorni… posso chiederti quanto sei alta? cmq buona fortuna

    Rispondi
  174. nik72
    nik72 dice:

    ERIKA anchio ho provato digiuni lassativi purtroppo il mio problema e’ grave nel senso non ho autocontrollo,ho perso 20 kg in 5 mesi con 5 pasti al giorno mattino yogurt bianco due vasetti piu’ 60 grammi di cereali al cioccolato (importante che non superano le 80 kalorie per 100G) metta mattina solito frutto a prando 200g di carne di qualsiasi tipo piu’ la solita insalata o 300 g di pesce bianco il pom solito frutto e la cena uguale al pranzo te lo giuro ho pesavo 146 ero arrivato a 126 da febbraio a giugno poi avendo problemi di bulimia ho ripreso tutto ma se tu hai costanza puoi farcela, praticamente non ho visto un piatto di pasto riso o pane per 5 mesi poi me li ha messi piano piano nella dieta (ti parlo di un dietologo)

    Rispondi
  175. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ciao nik72,io credo che a Erika e Anna non interessi perdere quel peso sulla distanza ma dimagrire il più possibile nel minor tempo possibile….cosa purtroppo fattibile ma che porta a gravi conseguenze…fermo restando che quello che hai scritto è più che giusto…ma in quanti tra di noi hanno la convinzione per seguire un’alimentazione corretta???meglio spaccarsi il fisico che cercare di stare bene??NO masembra questo l’iter che un pò tutti seguono..

    Rispondi
  176. annina
    annina dice:

    eikichi oiù che altro io mi accetterei ma voglio piacere a qualche ragazzo e tutti i tipi che conosco guardano solo le ragazze stile barbie

    Rispondi
  177. erika
    erika dice:

    su quello non sono d’accordo annina, i ragazzi non guardano solo quelle magre (anche perchè a quanto si dice meglio toccare un po’ di ciccia che solo ossa). io infatti nonostante il mio corpo piaccio, ma a me non importa piacere agli altri. io voglio piacere a me stessa e non sentirmi a disagio in continuazione.
    sono alta 1.64 e porto la 28..e ogni volta che mi guardo allo specchio mi faccio schifo.
    come hai fatto a perdere peso in pochi giorni, anna?

    Rispondi
  178. nik72
    nik72 dice:

    allora consiglio provato su me stesso 15 kg in 3 mesi , un pacchetto di cracker a pranzo a cena due piatti di minestra knorr quelle in busta poi tanta acqua gassata cosi ti gonfia

    Rispondi
  179. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Annina ma che ti frega di piacere ad un ragazzo che guarda solo le tipe versione barbie…a me uno così mi fa scapapre per quanto superficiale è!

    Rispondi
  180. annina
    annina dice:

    comunque bevendo tantissimo, dai 3 ai 5 litri d’acqua naturale e mangiando solo cose liquide tipo brodino o centrifughe molto diluite però l’effetto è provvisorio appena mangi qualcosa ingrassi di nuovo (pesavo 55 sono scesa in meno di una settimana a 52 e ora sono di nuovo 54)

    Rispondi
  181. Eikichi
    Eikichi dice:

    Annina ti hanno già risposto….i ragazzi che guardano solo l’aspetto fisico,meglio perderli che trovarli,non hanno niente da darti se non il loro ego maschile.
    Devi piacere prima cosa a te stessa.Anch’io voglio piacere a me stesso pur non avendo bisogno di dimagrire.Ti assicuro che se un domani trovo una ragazza che vuole stare con me solo per l’aspetto fisico…beh la lascio dov’è…penso di aver ben altro da dare,oltre a un pò di muscoli pompati e la magrezza…e così tu..

    Rispondi
  182. annina
    annina dice:

    nick72 se funziona vengo pure io 🙂

    luna blu ho 17 anni e non ho mai avuto un ragazzo, vivo in un paese di tamarri griffati dalla testa ai piedi tutti palestrati e perfetti perchè se sei così non vieni accettato, io sono totalmente diversa da loro sono ricoperta da uno strato di grasso molliccio e per questo mi hanno sempre preso in giro ed emarginato

    Rispondi
  183. nik72
    nik72 dice:

    annina le centrifughe hanno zuccheri che alzano la glicemia ,io ho perso 15 kg poi altri 10 in altri 3 mesi ero passato da 110 a 80 kg ti parlo di 10 anni fa,sicuramente ha giocato la mia giovane eta’ 🙂 ma ho mantenuto 80 kg per 4 o 5 anni non ricordo,comunque qualsiasi digiuno o alimentazione ridotta porta se cedi ad ingrassare subito

    Rispondi
  184. annina
    annina dice:

    si eikichi hai ragione ma è difficile piacere a se stessi quando non piaci anessun’altro… io sono un’insicura cronica e proprio non ci riesco anche perchè le critiche non sono solo nella mia testa ma me le dicono apertamente in faccia frasi del tipo ‘fai schifo’ o ‘ma cosa aspetti a metterti a dieta’ o ancora ‘a te non starebbero mai bene dei jeans così stretti hai le cosce troppo grosse’

    Rispondi
  185. Eikichi
    Eikichi dice:

    Fai schifo dovrebbeo dirlo a se stessi.Conosco donne con kg in eccesso eppure sono affascinanti…Non puoi pensare di prendere in considerazione i commenti di quei ragazzi che usano il culo al posto del cervello per ragionare…

    Rispondi
  186. nik72
    nik72 dice:

    annina forse quelli che non ti guardano sono quelli che piacciono a te magari super fighi, hai ragione sei giovane ma guardati intorno sicuramente c’e’ un ragazzo normale che non ti piace ma che ti trova bellissima non dico un cesso ma uno carino 🙂

    Rispondi
  187. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Ragazze io ho 31 anni…a 17 anni non ci pensavo proprio ai ragazzi…son una tardona!
    Cmq è più facile perdere peso se si han molti chili da perdere…che nn pochi

    Rispondi
  188. simo
    simo dice:

    catania , forse tra qualche mese ritorno giu’, e finalmente sole mare, roma e fantastica ma io amo la mia citta’ , con la meravigliosa taormina e l’etna, sai il vulcano

    Rispondi
  189. Eikichi
    Eikichi dice:

    Concordo con quello che dice Luna BLu,Fabi non scaricare il nervosismo sul cibo.è la peggior cosa,l’unico risultato che ottieni è di stare peggio…tira un urlo piuttosto…

    Simona io ci sono stato in Sicilia,3 mesi a Palermo..mi è piaciuta!!

    Nik72 non ci crederai ma anch’io rivoglio i miei 20 anni….però con la testa di oggi.

    Rispondi
  190. Eikichi
    Eikichi dice:

    Io esco per un pò…..vado a fare la spesa a mia madre,a prendere la ricarica del cell ma soprattutto prendo un pò di aria fresca…
    Ciao Luna Blu…gli altri li ritroverò al mio ritorno!!Buona serata 😉

    Rispondi
  191. Erin
    Erin dice:

    Un caro saluto a voi che nel pomeriggio mi avete tenuto compagnia.
    Sinceramente vi ringrazio per la gentilezza con cui avete interagito e con cui mi avete accolta.

    a presto, Erin

    Rispondi
  192. fabi
    fabi dice:

    gab, non lo so. mi capita spesso….rabbia e ansia. non preoccuparti non scarico sul cibo….anzi oggi ho mangiato solo 2 mele….lo so è poco ma ho l’ansia e mi prende allo stomaco. ho litigato con la mia metà…proprio perchè sono aggressiva….se continuo così mi molla

    Rispondi
  193. Eikichi
    Eikichi dice:

    Non sarò certo io quello a farti la paternale sul cibo,tutti quanti sappiamo cosa è bene ma non facciamo molto per metterlo in pratica…Spero che questa ansia e aggressività sia passeggera…l

    Rispondi
  194. Primavera
    Primavera dice:

    Ciao LEA,
    (e ciao anche a Eli e Eichiki che hanno arricchito con i loro discorsi quello principale che si stava facendo …). Lea, mi ha colpito una tua frase, riguardo alla sviluppata “coscienza di quello che si potrebbe ricevere, avere, essere o fare a questo mondo” riscontrabile nelle persone che hanno problemi con l’alimentazione. Bene, devo dirti che io mi sento molto addosso questa “coscienza”. Penso sempre a come essere me stessa al massimo delle mie potenzialità…e alle migliori cose che potrei realizzare se solo fossi così e così…..e anche questo aspetto rientra forse nel perfezionismo di cui parlavo. Lo so benissimo che la vita non è perfezione e seguendo ambizioni di troppo perfezionismo si rischia di essere sempre frustrati e nervosi, però soprattutto riguardo l’aspetto fisico ho sempre atteso il momento in cui mi sarei trasformata in una “veramente bella ragazza” (definitivamente e costantemente, senza alti e bassi). Sarà che la bellezza mi affascina come nient’altro…Io ho fatto un lungo e approfondito percorso(parlando del percorso a cui ti riferivi), perché ho più di 30 anni e problemi con il cibo da quando ne avevo 17. Migliaia di giorni in lacrime. Mi hanno aiutato tantissimo dei libri(ne ho letti decine e decine)grazie ai quali sono cambiata in meglio assolutamente. Però ad oggi non sono ancora riuscita ad aver pace col cibo, penso di essere vicinissima alla soluzione, ma non ci sono ancora. Della storia che mi hai raccontato della tua conoscente ritrovo in me la caratteristica di essere stata sempre molto controllata. E devo dirti la verità, so anche il perché; succede sempre quando non ci si sente apprezzati e considerati e allora si cerca di non sforare in nulla e si ha paura della propria spontaneità, paura che non risulti normale. Ecco, ho sempre avuto il pensiero di comportarmi in modo normale. E ho sempre avuto il forte timore di apparire anormale. Per sintetizzare un po’ e arrivare al dunque, ecco la mia situazione: Una volta avevo il problema e non sapevo nulla di me e del problema. Ora dopo mille analisi, letture e confronti con alcune preziose persone penso di sapere tutto(o diciamo , quasi tutto, per nn peccare d’immodestia) sul perché SBAGLIO RIPETUTAMENTE DA ANNI, ma nn sono ancora riuscita ad agire, ossia a dimagrire qualche chilo ed evitare di sfogare tutte le mie brutte sensazioni su cibo pessimo che mi rovina dentro e fuori. Non riesco a trovare l’energia per rialzarmi e dire basta a questi problemi assurdi! Tu puoi darmi qualche consiglio? Non ricordo di aver letto in altri post qual era la tua situazione, se anche tu hai problemi o se sei riuscita a risolverli o se nn li hai mai avuti. Ultima cosa, i chili in meno per me sono di capitale importanza non soltanto per mio capriccio estetico, ma anche perché faccio un lavoro nel quale mi serve essere proprio in forma. Hai una soluzione per me?

    Rispondi
  195. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Buongiorno a tutti

    Ciao Primavera…che lavoro fai?
    Ma sei sicura di dover veramnte dimagrire o è al tua testa che ti vede sovrappeso?

    Rispondi
  196. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    Sono nuova, ciao Luna Blu e ciao Primavera.
    Primavera voglio dirti una cosa, la prima che mi viene in mente. Non sono i 2 o 3 chili di troppo o di meno che tormentano, ma il cibo, il cibo… e quando li hai persi lui continuerà ad inseguirti, a me succede così. Succedeva a 93, 85 e 70 chili e anche a 62…
    o essere obiettivi e capire quanto davvero due o tre chili siano rilevanti…
    è difficile, dico ogni giorno le stesse cose al mio maledetto cervello…

    Rispondi
  197. Erin
    Erin dice:

    E’ giusto….infatti di là ho compilato la “schedina”….non sia mai che si dica che voglio fare la vaga e che tento di sorvolare… 😀

    (SCHERZO, ovvio !!)

    Rispondi
  198. nik72
    nik72 dice:

    lo so come si fa a dimagrire 🙂 ma secondo te facevo quella domanda??? 🙂 sono alto 181 peso 140 kg 🙁 non riesco a dimagrire nianche digiunando sono a pezzi 🙁

    Rispondi
  199. Erin
    Erin dice:

    Ciao nik…..se posso una domanda…che vuol dire che non scendi nemmeno digiunando, che poi il massimo che si ottiene con il digiuno è bloccare definitivamente il metabolismo….
    Per quanto tempo hai provato?
    L’ipnosi secondo me può aiutare come coadiuvante, nel caso si riesca a smuovere qualche energia da tempo sopita, ma non può essere la cura.

    Rispondi
  200. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    Ciao Nick capisco come ti senti….
    Forse il bendaggio gastrico ti potrebbe aiutare, ma non sono medico, quindi forse sto sparando cavolate, in ogni caso se davvero non scendi digiunando, devi consultare un medico perché ci deve essere qualcosa che non va a livello endocrino, metabolico o non so cos’altro. Forza…!! 🙂

    Per quel che i riguarda non penso di essere grassa, peso 65 kg per 1.66 di altezza, ma nessuno lo direbbe. Pratico molto sport e molto del peso lo fanno i muscoli. Detto ció tutto sempra normale e razionale.
    Mi peso ogni giorno, se scopro di avere qualche etto in meno mi esalto, se ne vedo 1 in piu mi deprimo. Io e il cibo siamo due amanti in lotta continua. Lo penso tutto il giorno, e lui mi chiama a tutte le ore. A volte gli chiedo di lascarmi in pace almeno fino all’ora di pranzo, ma lui non la smette, mi bisbiglia nell’orecchio mentre studio (e studio male) a volte gli resisto fino alle 11.45… piu o meno è arrivata l’ora di pranzo grazie a dio! E li tiro giù solo verdure… e cosi proseuono le mie giornate… e la sera, la sera non vedo l’ora che arivi, perché dormo e non ci penso (a volte) e poi arriva la mattina, non vedo l’ora che arrivi perché solo li mi merito qualcosa di buono, latte e biscotti!!!! A volte proprio non ce la faccio… e sono cosi triste che lo cerco io come una disperata e ne prendo piu che posso fino ad odiare lui e me, il mio caro e odiato cibo, e cosi alla fine dopo avermi soddisfatta fino alla nausea piu nauseabonda io lo sbatto nel water…

    Rispondi
  201. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Bella descrizione susanna…spesso anche io vedo il cibo come premio…

    A volte nn vedo l’ora di alzarmi solo perchè così faccio colazione 🙂

    Rispondi
  202. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    La descrizione troppo impulsiva e animata non mi ha fatto spiegare bene.
    L’unica cosa che non vomiterei mai è la colazione, è l’unico pasto che vivo serenamente, per questo lo aspetto con ansia. Poi 2 ore dopo la colazione inizio ad impazzire…

    Quando ero piccola ero una bambina bellissima, assolutamente non obesa, rotondetta ma normale. I miei genitori mi dicevano che non dovevo mangiare, io mi pensavo abnorme e credevo che nessuno mi accettasse, tutti mi giudicassero per il mio aspetto. A 8 anni ero giá dal dietologo, a 11 sono entrata in classe, in prima media, la prima cosa che ho fatto: contare le persone grasse. A 11 di nuovo dal dietologo. Ero costretta da mio padre e sua moglie a fare la dieta. Loro cenavano normalemente e avevano pensato che io a cena dovessi magiare solo una brioche, a tavola con loro…quando potevo mi ci buttavo a tuffo. a 15 anni iniziai a lievitare e a sentirmi sempre piu a disagio. 93 kg appiccicata al suolo, intrappolata senza poter comunicare con nessuno, snza poter superare tonnellate di grasso che mi separavano dagli altri. MA MI VERGOGNAVO DI DIMOSTRARE AL MONDO CHE NON MI PIACEVO. era una vergogna il mio corpo e le sensazioni che avevo nei suoi confronti. Una vergogna anche desiderare di essere piu magra.
    È STATO UN INCUBO. è stato non vivere. Io non vivevo. io vedevo gli altri vivere da spettatore. Io non ero protagonista della mia vita, mi lasciavo scorrere addosso con dolore il mondo che girava.
    E poi un giorno a 20 anni mi sono beccata una malattia al colon. Sono stata cosi male, ma cosi male, ed ero scesa cosi in basso, ridotta ad una larva umana che si trascinava senza senso che ho sviluppato odio per il cibo. La mia dieta rigida e selettiva era giustificata dalla mia malattia e cosi sono arrivata a circa 70 kg, da 85-90…
    ma ora vivo con l’incubo di quei giorni, un etto in più rappresenta la strada per tornare ad essere insignificante, a non poter sorridere al mondo, agli altri, al non potermi presentare come oggi m presento: una bella ragazza, una persona allegra, solare, che sorride a tutti, propositiva, che organizza feste e momenti d’incontro… qualcuno desiderabile.
    Scusate se scrivo troppo…

    Rispondi
  203. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    RETTIFICO chiedo perdono, d’ora in poi rileggerò…

    “a tavola con loro. quando potevo SUL CIBO mi ci buttavo a tuffo DI NASCOSTO”

    Rispondi
  204. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    Non era una matrigna ma la moglie di mio padre, io ho una madre, ma in quel periodo ero con loro.
    Mia madre mi toglieva i cioccolatini… e lei mangia solo cioccolata dalla mattina alla sera…
    Ho la retto colite ulcerosa.
    Ero a dieta, per questo non mi facevano mangiare. Loro cenavano ed io una brioche seduta a tavola con loro. Se ci penso mi fa una rabbia.

    Vi giuro è un incubo, e ho il terrore di fare qualcosa di altrettanto terribile ai miei figli se potrò averne un giorno…

    Rispondi
  205. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    a aprte che mangiare una brioches quando si è a dieta al posto di un pasto è una cosa sbagliatissima…antisalutistica…e cmq le brioches sono molto caloriche..poco sazienti e contengono un sacco di porcherie!
    Ma come si fa!

    Rispondi
  206. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    Non me lo chiedere, ora che le calorie le conto, ho un po’ di sale in zucca… e solo 2 funghi nello stomaco, mezzo finocchio ed un pomodoro… HO UNA RABBIA COSI FORTE VERSO I MIEI GENITORI CHE LE MIE ASPIRAZIONI DI MAGREZZA HANNO COME UNICO SCOPO QUELLO DI SPAVENTARLI A MORTE.
    Anche se io non voglio essere magra da far venire i brividi…
    sono cosi triste che mi mangerei anche la penna.
    Chiudo, vado in palestra e non ci penso, anche se giá so che quando torno lui sará qui ad aspettarmi… IL CIBO!

    Nelle ultime due settimane ho vomitato troppo, ho pianto troppo, ho perso il controllo di tutto.
    Dopodomani vado da una dottoressa, sto cosí male che ho cercato uno specialista.
    Ho il terrore che mi dica che non ho niente, che mi invento tutto, perché non sono ne anoressica e ne bulimica, ho paura che mi lascino affogare da sola… HO PAURA perché ho 25 anni e voglio vivere in pace, voglio fare tante cose, voglio essere una persona normale…
    Spero che sta tipa mi aiuti, e lo dico ora, con le lacrime agli occhi ed un peso enorme nel cuore…
    vado in palestra a bruciare i due funghi e scappare, scappare dal frigorifero (VUOTO O QUASI)

    Rispondi
  207. nik72
    nik72 dice:

    scusate ho scritto male non riesco piu’ a digiunare se anni fa sono riuscito a perdere 15 kg in tre mesi ora come ora sto a digiuno massimo due giorni poi basta il giorno dopo mangio anche le unghie 🙂 faccio sport vado in palestra tutte le sere anche la domenica pom. bendaggio me l’ha sconsigliato visto quello che mangio mandrei tutto a p….e 🙁 la dieta non riesco a farla digiunare non piu’ nianche quello mi resta solo una pistola e via risolto i miei problemi 🙁

    Rispondi
  208. nik72
    nik72 dice:

    si luna mangio tanto fino a scoppiare se ho qualcosa in mano la devo finire in un secondo ,che si tratti di una piccola quantita’ o di quantita’ maggiori come questa mattina dopo due briosche e capuccino mi sono mangiato una confezione da mezzo kg di wafer

    Rispondi
  209. Lea
    Lea dice:

    Luna? ma cos’è invece questa storia che da piccola ti picchiavano e ti sputavano..? ma stiamo scherzando! nessuno che capiva o che intervenisse?
    mi ha scioccato questa cosa, non perchè da giovani o giovanissimi non capiti di trovarsi di fronte a bulli e bulletti che le tentano tutte ma, in quello che racconti c’è troppo
    Per quanto riguarda lo specialista invece, capisco la differenza, ma tu effettivamente ancora non conosci la natura del tuo disturbo. Forse fissare subito con uno psicologo potrebbe spingerti ad accorciare i tempi.. poi all’occorrenza sarà lui a consigliarti un percorso più approfondito con altri specialisti (psicoterapeuta ecc.)
    Ora rispondo a Primavera

    Ciao a SUSANNA, Fabi, Erin, Simo e Nik72 +Eikichi

    Anzi, facciamo un’equazione..
    (Luna blu+Lea+Fabi+Erin) : x= (Enzo+Giuseppe+Nik72): Y [Eikichi]

    no, mi sa che ho sbagliato..
    MA CHE COS’ERA UN’ EQUAZIONE??

    Rispondi
  210. annina
    annina dice:

    ho un peoblem molto simile al tuo anche io se ho del cibo davanti non riesco proprio a trattenermi mi sono appena fatta fuori un vaso di nutella… avevo detto solo un cucchiaino ma poi nn ho resistito.. la dieta naturalmente è andata a puttane perchè non riesco a starci sono depressa

    Rispondi
  211. simo
    simo dice:

    ciao a tutti ragazzi come state oggi , ciao luna blu , nik, e ciao susanna, MI SONO COMMOSSA PER IL RACCONTO DI SUSANNA, MA COME SI FA’ A TRATTARE UNA BIMBA COSI’,

    Rispondi
  212. Lea
    Lea dice:

    Primavera, con l’espressione “ho sempre atteso il momento in cui mi sarei trasformata in una veramente bella ragazza” mi apri un file sull’adoloscenza di quelli fenomenali! se dovessi stare qui a raccontarti tutto quello che ho in mente non basterebbero 500 rotoli di post…
    So cosa vuoi dire………eccome! Lo sai che io sul diario a 13 anni avevo una foto di Claudia Schiffer e ogni tanto l’aprivo sognando il giorno in cui sarei diventata come lei?.. Poi invece è arrivata Cindy Crafford.. (e a colpi la protagonosta di Grease..)
    Quelle foto luminose, quel trucco perfetto, quelle donne che volevo essere io, ma che purtroppo..
    A quell’età (ma credo un pò tutte) avevo una femminilità piuttosto accentuata. I primi ragazzini che ti mettono gli occhi addosso, e improvvisamente abbandoni le barbie sul pavimento della camera. Il primo bacio (fuori dal catechismo… ciao Luna 😉 )
    Uscivo di casa truccatissima, sempre al massimo delle mie possibilità (poche. in confronto alla Cindy..). Mi truccavo sotto il lampione alla fermata dell’autobus, perchè mio padre si arrabbiava da matti (dei buchi alle orecchie ne ha fatta una malattia). Ad una festa ho pure nascosto la “mini” nella borsa.. e mi sono cambiata nella toilette da un’amica. Se sbagliavo la riga dell’eyeliner ero capace di struccarmi tutta e ricominciare daccapo. Del mio viso restava poco niente. Troppa insicurezza.
    (mamma quanti ricordi gente!) Poi a 23 la prima grande cotta per un coetaneo. In realtà sono fragile e romantica, tiro troppo la corda, lui si stufa e si mette con una che gli muore dietro da anni. Da quel giorno realizzo che niente ti salverà dalla sofferenza. Nascondersi sotto il trucco e gli orecchini vistosi, cercare e nascondersi sotto l’illusione della “felicità da copertina” è inutile, perchè gli altri sono destinati a ferirti comunque. Meglio affrontare le sofferenze a viso scoperto, come ha scritto Erin da qualche parte senza lo schermo della bulimia, tanto dannoso quanto inutile. Perchè tutto dipende da come vivi, non da come sei.
    Ho raccontato questi aneddoti Primavera, comuni credo a molti adolescenti, perchè io non soffro della vostra malattia, e non saprei come aiutarti. Però intuisco alcuni meccanismi che forse si presentano simili sotto altre forme. Il mio viso non aveva reali deformità da nascondere, era un viso normale. Ma non sembrava in grado di darmi la felicità della copertina, la femminilità ammiccante e perfetta della Schiffer.. andava quindi coperto. Dovevo essere un’altra
    Salvo poi crescere e capire molte altre cose.
    Mi è capitato ultimamente di riflettere in modo diverso sull’anoressia. ho tentato di capire cosa potrei sentire io proiettata mentalmente in un progetto di dimagrimento. semmai dopo provo a scrivere un paio di cose che mi è capitato di pensare

    Rispondi
  213. Lea
    Lea dice:

    Scrivo alcune riflessioni così, sciolte, altrimenti rischio di non trovare le parole per spiegarle e di non spiegarle più.

    Potrei provare soddisfazione nel vedere il mio corpo che si assottiglia, perchè eliminerei l’eccesso del mio corpo. cioè un accumulo di qualcosa, che non ha un volume più o meno stabilito, come il cuore, un altro muscolo o il cranio. ma un’accumulo che volendo posso controllare. e forse potrei anche toglierlo tutto fino a permettere che la mia pelle aderisca per così dire all’osso. Ma perchè potrei volerlo?
    Così mi riduco ai minimi termini. forse raggiungo le radici del mio corpo. voglio fare come una specie di percorso al contrario. torno indietro. voglio vedermi cosa sono senza il di più. Forse voglio sparire e liberarmi di una fisicità ingombrante che non combacia con il mio essere. piccolo e vulnerabile. quindi voglio sparire, diventare così piccolo, occupare meno spazio. Mi controllo perchè questo mi fa sentire più forte degli altri. Loro mangiano mentre, io posso, voglio farne a meno. mangiare mi fa diventare ingombrante, come tutti gli altri. Mangiare è un piacere futile, il risultato è sostanza che io non voglio essere
    Scusate, non è un incoraggiamento Pro-ana o Pro-Mia, vorrei solo scambiare alcuni pensieri
    Faccio merenda, a dopo

    Ciao Eikichi.. belli quei video, davvero! ho copiato il link che avevi postato tempo fa con tutti i cartoni, così quando potrò me li andrò a vedere con calma

    Rispondi
  214. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ciao Simo…oggi vi osservo da fuori…mi prendo il giusto tempo per riflettere.Tu come sta?

    Lea leggere quello che hai scritto è…”affascinante”!

    Rispondi
  215. simo
    simo dice:

    FINALMENTE GABRY , STAVO COMINCIANDO A PENSARE CHE ERI ARABBIATO, E CHE TI ERI STUFATO DI PARLARE CON NOI,COME MAI QUESTE RIFLESSIONI , ANCHE IO TANTE VOLTE LEGGO E BASTA ,CMQ IO NON STO’ TANTO BENE OGGI HO VOMITATO 3 VOLTE ,COSA DEVO FARE .A LEA , SEI FANTASTICA , QUANDO LAGGO I TUOI SCRITTI E COME SE PARLASSERO DI ME.

    Rispondi
  216. Eikichi
    Eikichi dice:

    Simo ora devo uscire ma torno più tardi…non c’è molto da fare se hai vomitato già 3 volte….se può esserti di conforto pensa che ti siamo vicini,che ti vogliamo bene e che non ti lasceremo da sola nei momenti difficili. (Mi prendo la libertà di parlare in generale perchè non voglio esprimere un concetto egoistico).
    Ora vado,a più tardi!!

    Ciao dolcezze!!! (nessuna esclusa) 🙂

    Rispondi
  217. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Lea la mia infanzia è stata bella e brutta…il lavoro duro in campagna dai miei e se non finivi il lavoro non si tornava a casa…e i sensi di colpa se non ce la facevi…avevo 4-5 anni e sai quanta paura perchè poi veniva buio e avevo paura a tornare a casa sulla stradina in mezzo ai campi…buia…piena di rumori minacciosi e di animali…da sola…sognavo semrpe qualcuno che mi seguiva…e l’ultimo pezzo lo facevo di corsa cercando di fuggire da chissachè…

    Poi la scuola..tutti i miei compagni si conoscevano già…erano stati all’asilo..io mi sentivo un’estranea e così mia sorella gemella…e come tali eravamo trattate…ci picchiavano di nascosto…ci sputavano…ricordo una volta che mi strapparono i capelli sulla nuca mentre eravamo in fila…mi usciva il sangue ma ho nascosto tutto con la sciarpa perchè se lo dicevo poi il giorno dopo erano di nuovo botte…tutti quegli insulti…ero solo un insetto senza anima…una merda come dicevano loro…questo anche mia sorella gemella…poi quella volta mia mamma se n’è accorta e a scuola con la maestra ha fatto un casino…ma almeno i miei compagni non mi han più fatto male…ma ora ero ancora più sola…eravamo sole io e mia sorella…e poi volevo proteggere anche lei…e non ci riuscivo e mis entivo in colpa….percè mi è venuto in mente questo non so…ma mi fa una rabbia…stì stronzi…e oggi che piaccio molto qualcuno di quelli ci ha pure provato…non hai idea della soddisfazione nel mandarli a cagare…

    Rispondi
  218. nik72
    nik72 dice:

    scusate se cambio discorso ma la storia delle modelle che per non aver fame ingoiano cotone l’avete mai sentita???io l’ho sentita tempo fa su sky che parlavano delle modelle attrici di hollywood che per dimagrire facevano di tutto.
    ps: un saluto a tutti

    Rispondi
  219. Lea
    Lea dice:

    Si però raccontate anche voi qualcosa della vostra adolescenza, o solo io devo “Svergognarmi” così! Luna?.. tu non fingere di non avere tempo, che secondo me ne hai fatte più del diavolo…
    Ah! rettifica.. la cotta per il coetaneo è stat ai 21 pardon.. conclusa la faccenda ai 23 compiuti dove lui si strusciava a una mora stangona. Come dimenticare!
    Dopi il primo bacio ho detto al lui di turno “Sei un maiale!”. sconvolta che si utilizzasse la linguina
    Altri tempi i nostri vero?..
    Si Eikichi, stai lì per carità non sta scrivere! AAAAAA pace dei sensi!

    Pizzette pronte, torno dopo

    Rispondi
  220. Lea
    Lea dice:

    Si però raccontate anche voi qualcosa della vostra adolescenza, o solo io devo “Svergognarmi” così! Luna?.. tu non fingere di non avere tempo, che secondo me ne hai fatte più del diavolo…
    Ah! rettifica.. la cotta per il coetaneo è stat ai 21 pardon.. conclusa la faccenda ai 23 compiuti dove lui si strusciava a una mora stangona. Come dimenticare!
    Dopo il primo bacio ho detto al lui di turno “Sei un maiale!”. sconvolta che si utilizzasse la linguina..
    Altri tempi i nostri vero..?
    Si Eikichi, stai lì per carità non sta scrivere! AAAAAA pace dei sensi!

    Pizzette pronte, torno dopo

    Rispondi
  221. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    Primo bacio…a 19…uno che mi paiceva da 7 anni…poi rivelatosi un vero stronzo…
    Prima volta 23 anni…azz..tardi lo so…ma non avevo fretta 😉 …contenta Lea!

    Rispondi
  222. Lea
    Lea dice:

    Si ma, mi ero limitata al primo bacio, non volevo testimonianze tanto personali.. NINFOMANE!
    Ragazze, non dovete dirmi cose così, ma aneddoti in generale, mi raccomando non era quella l’intenzione!

    Rispondi
  223. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    Salve Ragazze… 🙂
    Lea scusa… ma con che hai fatto merenda?!!??! Cosa hai mangiato?! Se dici che non mangi!! 🙂

    La mia adolescenza… mi sentivo un rifiuto umano.
    Il primo ragazzo che ho guardato avevo 13 anni. Mi chiamava cane e i sputava addosso.
    Dai 14 ai 16 anni ero innamorata pazza del mo migliore amico che mi diceva che ero grassa e che quindi brutta, dovevo dimagrire, mentre lui si faceva tutte le mie amiche…
    Ma io e lui eravamo sempre insieme… mi accontentavo di essere la sua migliore amica, la sua confidente.
    Io ero in love con il cibo… nel tragitto tra scuola e il pranzo mi mangiavo un panino saporitissimo galbanino e prociutto cotto e un dolce confezionato intero…
    e per merenda il big mac menu del mac donald’s ovviamente.
    E non mi sentivo in colpa. Almeno quello.
    Poi ho cancellato lui e ho capito che il cibo mi stava trasformando sempre di piu in un mostro orripilante. E di li in poi la mia guerra al cibo e al corpo…

    Rispondi
  224. SUSANNA
    SUSANNA dice:

    Vi leggo da tre giorni e ho capito che non sono sola, la unica a soffrire tanto. anzi! Sapete cosa ho sperimentato?!
    L’altro giorno ero disperata, ho chiamato una mia amica che vive in america, dall’altra parte del mondo. COn lei ho condiviso momenti bellissimi e profondi.
    L’ho chiamata, non ho saputo mentirle e rispondere il canonico “bene grazie”
    Allora le ho spiegato cosa mi succede, cosa sto realizzando.
    Quando ho finito di parlare lei mi ha detto che anche lei soffre di un problema analogo.
    A volte non ci rendiamo conto ma anche le persone piu vicine, quelle che reputiamo serene, quelle che sembrano del tutto normali, nascondono dentro una voragine senza fine….

    Rispondi
  225. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    lascia stare l’efedrina…il tuo è un problema psicologico non fisiologico…sei bulimico senza attività compensatorie…dovresti farti aiutare… 🙁

    Rispondi
  226. Erin
    Erin dice:

    Toc toc, è permesso? alle 18:00 che si dice? già buonasera?…….accidenti le buone maniere a volte le dimentico del tutto…

    Leggendo la storia di luna, mi viene da fare un commento….a volte i ragazzini sono di una cattiveria, ma di una cattiveria che testimonia solo di che pasta è fatto l’animo umano….non c’è nulla da fare…compensano la propria inadeguatezza proiettando sterili cattiverie su gli altri.

    E…non vendetemi la storia che sono solo bambini…..e che ci vuoi fare….
    I commenti me li ricordo bene…….io che in prima media già ero alta come ora e pesavo come dumbo.

    Rispondi
  227. Erin
    Erin dice:

    Ma l’efedrina cos’è ? un anoressizzante? io presi il prozac FD (che nemmeno so se vendono più) per 6 mesi con risultati zero, tranne quello di avvelenarmi perchè non sopporto le sostanze psicoattive.

    Rispondi
  228. Luna Blu
    Luna Blu dice:

    La maggior parte dei farmaci del gruppo dell’adrenalina/ efedrina causa effetti collaterali che neutralizzano gli effetti rivolti a innalzare la prestazione. Malgrado ciò, l’efedrina ad alte dosi è talvolta ancora utilizzata come sostanza dopante, a dimostrazione del fatto che l’assunzione delle sostanze dopanti è spesso conseguente a fattori di ordine emotivo ed è dovuta ad ignoranza dei sui effetti reali.

    Rispondi
  229. Erin
    Erin dice:

    Grazie luna….ora è più chiaro…quindi, ho paura che davvero servirebbe a poco onestamente, anche se capisco che il tipo di malessere possa spingere a rifugiarsi in qualunque direzione, basta che ci sia una l’ illusione del disagio alleviato.

    Rispondi
  230. Erin
    Erin dice:

    Ben rientrato quindi….!!!! Io non ho il coraggio di uscire , fuori fa un freddo boia….:-(….anche se tra poco mi tocca per via del cane….

    Rispondi
  231. Erin
    Erin dice:

    Certo che si può! sono di Roma.
    Hai un micetto??? beh….non si può dire che non siano autosufficienti :-s
    Ne ho avuti tre, non so come fanno a non lamentarsi in continuazione perchè vogliono uscire…

    Rispondi
  232. Lea
    Lea dice:

    Ciao! appena connessa.. ma sai che questo viaggio nei ricordi è bellissimo nella sua TRAGICITA’ e mi prende così alla sprovvista che quasi ne sono divertita?
    Stasera posto a Luna Blu qualcosa preso da “Il tempo delle mele”.. hi hi hi
    vedrai he faccia fa domani!
    Ragazze? domani sera danno “Il diavolo veste Prada”, guardarlo TUTTE mi raccomando! anche tu Anna.. che non mi ascolti mai! scherzo.. 🙂

    Eikichi, allora sei semplicemente rilassato? vero che è bello ogni tanto spegnersi..

    Rispondi
  233. Eikichi
    Eikichi dice:

    NO Lea non sono semplicemente rilassato,ho un blocco delle emozioni e dei pensieri.
    Oggi ho preso un libro di psicologia,ho iniziato a leggerlo seduto in un bar mentre mi gustavo una tazza di thè.

    Erin il mio gatto da quando è nato è abituato a stare in casa….è un micione…se riesco posto una foto.

    Rispondi
  234. Erin
    Erin dice:

    Forse sarò banale…..ma che meraviglia che sono!!! …mi piacerbbe molto vedere il tuo miciotto 🙂 Inoltre, i gatti si dice che portino in loro moltissime energie positive….

    Rispondi
  235. Eikichi
    Eikichi dice:

    Lea puoi cliccare tranquillamente sul mio nome,mi sono oscurato la faccia….e non si vede nulla a parte un pezzettino si braccio….naturalmente se vuoi vedere il mio gatto…ora è più grosso!!

    Rispondi
  236. Eikichi
    Eikichi dice:

    Il libro parla della nascita della psicologia,ti riporto quello che c’è scritto sul retro.
    Quando e come nasce la psicologia,Davvero può essere considerata una scienza? Veramente il comportamento umano è sottoposto a leggi certe e infallibili?Il pensiero,le emozioni,la memoria,il linguaggio…..tanti temi affascinanti in un unico agile testo.

    Rispondi
  237. Erin
    Erin dice:

    Ma quanto è bello Eikichi!….è bianco e rosso??

    P.s. mi sono resa conto di non aver salutato Lea quando è entrata…(sono la solita).
    Il film lo vedrò sicuramente grazie!….non l’ho mai visto.

    Rispondi
  238. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ho cancellato la facci,il resto del corpo non si vede perchè la foto è stata ridotta.vedi solo il gatto.

    Per chi non lo sapesse,Lea è vittima di un incantesimo maligno “si innamorerà del primo ragazzo che vedrà in foto…ecco la sua fobia per la mia povera faccina…. 🙂

    Rispondi
  239. Lea
    Lea dice:

    Tranquilla Erin.. il film è molto simpatico! vale la pena
    scusa tu, stavo tentando di capire il blocco di Eikichi..

    Eikichi, il testo è agile come te oggi?..

    Rispondi
  240. Eikichi
    Eikichi dice:

    Si Erin….hai capito perchè di questa fobia….se fossi Brad Pitt non avrebbe paura!!!

    Cmq il gatto è bianco con dei punti rossastri…ha un pelo morbidissimo…sembra cotone!!!

    Rispondi
  241. Lea
    Lea dice:

    Ma vuoi dirmi che oscuri le foto per me? non te l’ho chiesto Eikichi.. hai il diritto di postare ciò che vuoi, per me decido io, perchè fai queste sciocchezze

    Rispondi
  242. Eikichi
    Eikichi dice:

    In certi punti il testo è di difficile lettura….ma tanto lo rileggerò due volte come tutti i libri che ho..purtroppo per immagazzinare le informazioni ho bisogno di fare una doppia lettura…

    Rispondi
  243. Eikichi
    Eikichi dice:

    Non voglio farti apparire idiota ci mancherebbe altro,lungi da me questa idea….effettivamente non tutti capiscono che scherziamo perchè non ci conoscono…..tu sei tutt’altro che idiota!!!

    Rispondi
  244. Erin
    Erin dice:

    Lea, Eikichi vi auguro una buona serata, provo ad uscire un secondo con la piccola qui che mi guarda implorante (e ha ragione).

    Vi ringrazio per la compagnia e a presto!

    P.s.se si può, una carezzina virtuale al micetto dagli occhi magnetici!

    Rispondi
  245. Lea
    Lea dice:

    Lungi da te questa idea………….
    vabene Eikichi, prendiamola per buona.

    Ieri ho fatto compere. Mi son fatta prendere un pò la mano e ci è scappato due paia di stivaletti e un cappottino.. stamattina invece parrucchiera!

    Rispondi
  246. Lea
    Lea dice:

    No, questi dettagli sono cose intime.. La parrucchiera dice che per assomigliare alla Schiffer siamo ancora lontani.. ci vorranno un altro paio d’anni.. forse tre..

    Rispondi
  247. Eikichi
    Eikichi dice:

    Ma ormai noi ci conosciamo da anniiiiii e siamo come due amiche intime…hai presente quelle che fanno le oche per le vie del centro,tenendosi per mano e ridendo stile gallina???Ecco!!

    Rispondi
  248. Lea
    Lea dice:

    Io non mi sono mai tenuta per mano con le amiche! e non sono di quelle che si fanno le coccole sul divano mentre guardano un film! perchè ci sono anche quelle, fidati.. vabè che non ci sarebbe niente di male, però io non sono così, ecco

    Non credevo a Luna blu fossero successe cose simili da piccola. per forza poi una persona ne fa un’occupazione imprescindibile quella della cura del corpo.
    Io alle scuole medie ero sottopeso. mi chiamavano “denutrita” o “filo d’erba”. faceva male, almeno quanto grassona credo

    Rispondi